Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum

Tutta l'attività

Questo flusso d'aggiorna automaticamente     

  1. Ultima ora
  2. Leo

    La biografia di Tex

    Io credo che la collana colmerà tanti buchi, soprattutto se durerà. Quindi ci sarà il Tex ventenne fuorilegge, ma anche il Tex venticinquenne della guerra, il Tex trentenne marito di Lylith, il Tex in coppia col giovane Carson, ecc. ecc. ecc. In ogni caso, spero sia un bel vedere...
  3. james

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Secondo me Carson è morto nel 1898, dopo aver sgominato da solo un banda di fuorilegge che aveva rapito Donna Parker e il figlio, ucciso a tradimento dall'unico sopravvissuto dei suoi avversari. Da solo, perché in quel periodo Tex era a Cuba. Kit Willer, infatti, si era arruolato, al seguito di Teddy Roosevelt e dei suoi Rough Riders, in qualità di capitano. Il gen. Nelson Miles, vecchio amico di Tex, cede alle insistenze di quest'ultimo (contrario alla partecipazione del figlio ad un guerra di cui non comprende la ragione) e fa in modo che questi possa raggiungere il figlio. Tiger resta nella riserva, insieme a Carson. Sembra che ai due tocchi l'incarico meno rischioso, e invece il vecchio ma inossidabile Kit Carson deve sfoderare nuovamente le colt e correre verso la sua ultima avventura,
  4. ggaaco

    La biografia di Tex

    Complimenti anche da parte mia per l'ottimo lavoro. Anche a me ha sempre interessato la cronologia di TEX, soprattutto da quando Borden ha cominciato a mettere ordine. Capisco la tua titubanza a pubblicare il resto, figurati che io non ho mai voluto leggere il libro di Borden per non confondermi ulteriormente le idee, mi basta quello che ho appreso dal forum finora. Recentemente Leo, in un'altra discussione, ha puntualizzato due cose interessanti: 1) L’incontro con Kit Carson: avviene per la prima volta nella cella in cui Tex attende l’esecuzione, e non al comando dei Rangers; incontro peraltro avallato da Marshall, che nella serie regolare è invece una figura deludente per il modo in cui abbandona Tex; 2) Tex fuorilegge solo per un certo periodo (e non per due periodi diversi, come nella serie), e Tex che rifiuta il ruolo di ranger, preferendo tornare a fare il ranchero, cosa che il Tex Glbonelliano non avrebbe mai fatto; peraltro per me Boselli fa bene ad eliminare lo schema di Tex fuorilegge-ranger-ancora fuorilegge, sostituendolo con lo schema più lineare fuorilegge-ranger , anche perché, così facendo, elimina l’idiozia – poco credibile e per me sempre indigesta – di Marshall, che abbocca alla cospirazione di Mefisto e Lily contro il suo miglior elemento Tex. Mi trovo completamente d'accordo con questi due punti. Borden ha più volte ribadito recentemente che il TEX della nuova serie ha 20 anni, quindi in linea di massima dovrebbe rientrare nella tua cronologia e spingersi al massimo fino alla "Mano rossa". Però poi vedo Mefisto in giro e quindi sono portato a credere ad un TEX ventenne, quello che a noi interessa credo sia capire come Mefisto sia diventato uno che padroneggia le scienze occulte da semplice ciarlatano illusionista, perciò allacciandosi al secondo punto ci si può spingere fino a Satania, dove scondo GLB ridiventa ranger. Chiaramente queste sono solo delle mie supposizioni, do un contributo ad aumentare la confusione
  5. Today
  6. Leo

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    La vedo diversamente. Magari Granger non sarà mai più capitato dalle parti dell'Arizona... Non lo so. Sarebbe qualcosa di epico, di estremamente commovente. Sarebbe in fin dei conti un'emozione troppo forte. Tu pensa che io mi sono emozionato anche quando Tex pensa, davanti al plotone d'esecuzione: "e così sei arrivato alla fine della pista, vecchio Tex"...(vedasi firma di Barbanera) eppure sapevo che non sarebbe morto Certo non sarebbe la banalissima e antiepica morte di Ken Parker, peraltro perfetta per lui, del tutto in linea con la poetica "verista" di Berardi.
  7. JohnnyColt

    [Color Tex N. 14] L'apache bianco e altre storie

    Ah! Beh dalla tavola non mi piace affatto! Troppo paciarotto...
  8. Ken51

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Avevo premesso in un precedente post che "trattasi di finale aperto ... ma non troppo ...", e credo invece che Boselli intendesse proprio quello per Tex e Tiger ... tutto lascia supporre cio' ... magari un finale non banale come quello di Berardi per Ken Parker (che pure aveva 61 anni ... anche se Milazzo in un'intervista di poco successiva aveva lasciato una finestra aperta... ed a ben riflettere Ken non era ancora morto quando l'abbiamo lasciato e se fosse passato per caso un medico con attrezzi si sarebbe potuto probabilmente salvare ...), presumibilmente Boselli avra' pensato invece per Tex e Tiger Jack ad un finale epico, in stile "Mucchio Selvaggio", ma le parole conclusive del giornalista Jack Granger, "E quella fu l'ultima volta che li vidi.", non lascia spazio ad equivoci ... Cribbio, come la vorrei leggere quest'ultima storia di Tex ...
  9. Leo

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Beh, Carlo, la questione è: Tex era (o era già stato) ranger quando scoppiò il conflitto? Se non lo era, o non lo era mai stato, non ha potuto conoscere Carson nel famoso incontro della stella n.3. Ricordi benissimo.
  10. Barbanera

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    La Rivoluzione messicana di Juarez il liberale contro occupazione straniera è iniziata nel 1861.in un primo tempo,Juarez se la vede brutta perché Max può contare su truppe francesi e Legione straniera, oltre all' appoggio dei conservatori Messicani e del vecchio Sant' Anna: soprattutto,gli Usa sono divisi nel conflitto civile e non mandano aiuti a Juarez (ben visto da Lincoln). Dopo il 1865, Usa aiutano economicamente (dottrina Monroe, più comune appartenenza alla massoneria) Juarez,gli Inglesi negano aiuto a Max e Francesi si ritirano (Napoleone ha guai con Prussia e non spreca altre truppe). In questa rivoluzione,Tex non prende parte, a parte episodio cui ho fatto cenno prima... Grazie Carlo, non mi ricordavo assolutamente questo episodio
  11. Carlo Monni

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Non sono d'accordo ma solo Mauro potrebbe dire chi ha ragione. Grazie. Ma di rivoluzioni juariste, per usare la tua terminologia, ce ne sono due: la prima è la cosiddetta Guerra della Riforma del 1858-1860 in cui Juarez in qualità di Presidente della Corte Suprema assume l'incarico di Presidente ad interim del Messico dopo le dimissioni di Ignacio Comonfort. Le forze conservatrici tentarono un colpodi stato e costrinsero Juarez a rifugiarsi a Vera Cruz. Dopo due anni di lotta i conservatori furono sconfitti. Se ricordo bene, nel romanzo è questa la rivoluzione a cui partecipa Tex ne "L'eroe del Messico" per poi trovarsi invischiato nella Guerra Civile mentre è durante quella di Massimiliano del 1862/1867 che aiuta Montales ad evadere, eventi che nella serie sono narrati nei n. 6 e 7. Ci sono un pò di contraddizioni ma non ne sono sorpreso
  12. Texan

    La biografia di Tex

    Hai ragione. Nel passaggio da un file all'altro deve essere saltato via qualcosa ed è risultato un paragrafo "strano".
  13. Texan

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Rapportarsi al Tex di Glb non significa seguirlo anche negli errori. Ma poi, ripeto, la cronologia del Tex di Boselli ormai è un FATTO. Puoi considerarla o meno, ma non puoi sbianchettarla. Tex è nato nel 1838 e sappiamo pure il mese: maggio. C'è un'attenzione al dato storico che si abbina alla maggiore veridicità dei disegni. Ma non da ieri, da vent'anni.
  14. Leo

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Peraltro, ricordo un articolo di Ymalpas sulla cronologia, o sbaglio? Devo andare a rileggerlo. Si quale TWM era? io a quello mi riferivo. L'episodio de L'eroe del Messico, nel romanzo, si colloca nella rivoluzione che porta al potere Benito Juarez
  15. Barbanera

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Il romanzo non l ho letto
  16. Leo

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    E idem per l'incontro con Kit Carson? In questo caso no. Boselli ha voluto rompere, come ho già scritto, lo schema fuorilegge-ranger-fuorilegge, lasciando il solo fuorilegge-ranger. Soprattutto, aveva bisogno che il Tex della Guerra Civile non fosse ancora ranger, e poiché, come dici tu, il nocciolo della questione è la Guerra Civile, ecco che anche l'episodio della conoscenza di Carson diventa importante: Tex conosce Carson da fuorilegge, non in occasione della sua assunzione tra i rangers. Il Tex della Guerra non è un ranger, né un ex ranger. Sul discorso dell'adattamento, nulla da dire, d'accordo con te. Ma nel romanzo la rivoluzione in cui lui diventa l'eroe del Messico è quella juarista.
  17. Barbanera

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Esattamente,infatti se ricordi Tex ne vive solo un episodio di striscio quando sconfina in Messico nel 1866(mese più,mese meno) a Ciudad Juarez, capitale della Repubblica messicana di Benito Juarez durante l' occupazione francese,e incontra la Banda degli Irlandesi.Bos dice a chiare lettere che lui era fuorilegge all' epoca...
  18. Leo

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Ti invidio. Fai la professione che avrei voluto fare io...
  19. Carlo Monni

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Aldilà delle battute, sembra che vi sfugga una cosa: quando Boselli dice che la sua cronologia è quella del libro, non intende dire che gli avvenimenti si sono svolti davvero come nel libro ma che per lui certe avventure del giovane Tex si sono svolte prima della Guerra Civile e le altre dopo. Non ha cambiato nulla o quasi delle storie apparse nei fumetti che sono sempre quelle che abbiamo letto (con la parziale eccezione di quelle dal n. 17 al n. 23 ma non per decisione di Mauro ma di GLB 48 anni fa. Rispetto al fumetto il romanzo richiedeva necessariamente un adattamento, una revisione e, visto il numero di pagine a disposizione, anche una semplificazione. Accade lo stesso nel passaggio da romanzo a film o da fumetto a film: certi passaggi vengono eliminati o modificati, alcuni personaggi fusi con altri. Se nel romanzo Tex incontra Tiger in un altro modo, nella saga a fumetti "Furia rossa" è e resta la versione canonica, idem per il modo in cui muore Sam Brennan
  20. Leo

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Ma in tal caso la rivoluzione del 1861 si incastona quasi perfettamente tra il periodo di fuorilegge e la guerra di secessione. Borden nel romanzo non l'ha fatto, e secondo me ha fatto bene. Poi, ripeto, la cronologia di Tex è talmente ballerina che ognuno la immagina come vuole. Oppure non la immagina affatto e se ne infischia, come d'altronde ho sempre fatto io. Ora che ho letto il Romanzo però sposo questa versione. Non dico che non potrebbe essere. Ma è un finale aperto, troppo aperto per trarre conclusioni. Certo, si può anche accettare la tua ipotesi. Ma non credo che Boselli intendesse far morire Tex così giovane...
  21. Leo

    La biografia di Tex

    Bel lavoro, Texan! Complimenti. Un solo appunto: Lena non fugge con Clemmons, resta a Bannock...
  22. Barbanera

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Ma bisogna SEMPRE rapportarsi al Tex di Glb...e se non tutto torna cronologicamente, pazienza... Beh, anche a me fa piacere (da studioso di storia) quando Tex vive una realtà storica o incontra un personaggio storico... Detto ciò,la rivoluzione Juarista è contemporanea alla Guerra Civile,anzi,finisce esattamente due anni dopo
  23. Ken51

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Leo, Dix, rileggete con attenzione il finale: c'e' ancora tanto da raccontare ma Tex e Tiger devono partire in soccorso di Kit... ma Tex promette al giornalista che si rivedranno e gli raccontera' il resto ... ma invece questa e' l'ultima volta che il giornalista li vide ... piu' chiaro di cosi'
  24. Leo

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    In definitiva anche a me fa piacere. Come mi ha fatto piacere che la rivoluzione in Messico - che con GLB non si riusciva a datare - sia quella di Juarez del 1861. Detto ciò, io non pretendo che si debba "ingabbiare" Tex (in questo senso ero d'accordo con Pecos, che scriveva che la realtà di Tex era sì quella dell'Ovest americano dell'Ottocento, ma con eventi che potevano anche essere un po' sfalsati, cronologicamente parlando), ma di renderne più coerente la sua biografia. Questo finale lo preferisco
  25. Dix Leroy

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    C'è sempre la possibilità che Tex non abbia raccontato del tutto la verità al giornalista. Che poi sia partito per la sua ultima avventura anche a me non è sembrato. Me ne invento anche io una: Carson si spaccia per morto per via di alcune faccende tornate a galla negli ultimi tempi (pare risulti sposato sette volte!)
  26. Leo

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    Nella discussione "Tex Willer N.0" Boselli dice queste testuali parole: "No, anzi una cronologia ufficiale c'è, quella, del romanzo. Ed è la mia. Quindi dovresti accettarne l'ufficialità, no? Anche perché NON contraddice nulla di quanto già scritto." Solo ed esclusivamente per tale ragione, nel mio post, ho parlato di cronologia ufficiale. Ho citato Boselli, non era una mia espressione. Ma infatti si parla tanto per parlare. Siamo in un forum di Tex, no? Peraltro, anche a me della cronologia non frega una mazza. Ma devo ammettere che l'idea che il maturo Tex di Fuga da Anderville fosse antecedente al ragazzo che esclamava "per tutti i diavoli! che mi siano ancora alle costole?" sul Rainbow Canyon mi aveva sempre lasciato perplesso. Ho trovato la soluzione di Borden ottimale: sono soddisfattissimo della sua cronologia (a parte Tiger Jack! ), Ma, ripeto, non è che ci perdessi il sonno eh... Io sono il carsoniano più sfegatato di tutti. Non sono per nulla contento che Borden abbia fatto morire il Vecchio Cammello nel romanzo. Se almeno avesse collocato l'intervista nel 1909, sarei stato ben più contento. Per quanto 71 anni nel West fossero un'età veneranda, io ero rimasto alla profezia della vecchia strega papago cui Carson credeva ciecamente... Perché credi questo? A me questa idea non è venuta affatto, leggendo l'ultima pagina del libro... Ma da dove ti vengono?
  27. Texan

    Un po’ di luce sulla biografia di Tex secondo Mauro Boselli

    No, non è stato sempre così. GL Bonelli aveva un suo stile delle sue intenzioni che non possono valere per sempre e per chiunque. Io ho amato moltissimo il Tex di Bonelli & Galep, ma trovo sbagliato e ingiusto per chi vi lavora rapportarsi sempre a quello. Per me la cronologia di Bonelli non esiste, in quanto non c'era alcun intento biografico nel Tex di Bonelli. Le date erano in quel caso solo appigli per narrare delle storie e se si contraddicevano pazienza! Adesso (cioè da vent'anni...) Tex è diverso, nel senso che è più attento all'aderenza storica e alla continuity. E non farci caso o pensare il contrario non serve a nulla. Ripeto, a me fa piacere trovare date COERENTI e una biografia SOLIDA. Ma anche se non mi piacesse per nulla me ne farei una ragione. A meno che non si voglia ormai sbianchettare personalmente pagine e pagine della serie... Quello sì che sarebbe un esercizio futile!
  1. Carica altre attività
×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.