Jump to content
TWF MAGAZINE N°19 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum

All Activity

This stream auto-updates     

  1. Today
  2. JohnnyColt

    [Speciale Tex Willer N. 1] Fantasmi di Natale

    Solo io ho trovato inverosimile questa storia? Accantonando le storie horror e il fantasma del vecchietto barbuto, ma non vi pare una storia sempliciotta e tirata per i capelli? Per far spazio ai tre racconti ci sono evidenti buchi di trama (Tex, l'indiano e il Pinkerton sono prima in una grotta e poi si teletrasportano davanti alla baracca mentre imperversa una bufera di neve), personaggi senza ne capo ne coda (vengono dedicate abbastanza pagine per "descrivere" il gruppo di Pinkerton a fondo valle per poi non mensionarli minimamente), il banchiere padre della ragazza insipido e le cui reali intenzioni non sono molto comprensibili. E poi, non dovrebbe essere una storia di Tex? L'importanza di Tex nelle vicende di questo albo è fin dall'inizio relativa e va scemando sempre di più verso la fine. Anche se i tre raccontini li ho trovati un riempitivo bello e buono, si presentano come sconclusionati ma tutto sommato gradevoli. Questa storia nel suo insieme l'ho trovata brutta, inverosimile, non trasmette alcuna emozione e, di conseguenza, decisamente sotto lo standard Boselli. I disegni invece li ho graditi: bello lo stile e il dettaglio della neve, orso fatto molto bene, volto di Tex che a volte non fa riconoscere il protagonista Gradita la bicromia, molto ben realizzata e da utilizzare più spesso. Ultima nota, già evidenziata: prezzo alto per l'albo che viene offerto. Comprendo che sia una nuova serie ma un prezzo da speciale per un albo sostanzialmente in b/n (apparte 1/3 di pagine), di poco più alto del mensile storico mi sembra eccessivo.
  3. Yesterday
  4. Condor senza meta

    [Speciale Tex Willer N. 1] Fantasmi di Natale

    La piacevolissima oretta dedicata alla lettura di questo suggestivo speciale dalle spiccate tinte gotiche, con annessi pathos ed emozioni, vale alla grande il "prezzo del biglietto". La serie Tex Willer è ormai una certezza e Boselli libero di osare di più, essendo meno vincolato dai rigidi schemi della regolare, son certo che ci farà divertire.
  5. Loriano Lorenzutti

    Nuova collana con il Corriere della Sera

    Certo che al p.....merchandising non c'è mai fine
  6. Diablero

    Nuova collana con il Corriere della Sera

    Certo che associare Tex al Monopoli, con tutti gli speculatori che Tex ha mandato a spalare carbone nelle miniere di Messer Satanasso, mi pare indelicato...
  7. natural killer

    Nuova collana con il Corriere della Sera

    Il Monopoly a 10 euro in meno con Silver Bell al posto di vendetta indiana
  8. Letizia

    Nuova collana con il Corriere della Sera

    https://www.sergiobonelli.it/notizie-flash/2019/12/11/news/il-monopoly-di-tex-con-la-gazzetta-dello-sport-1007496/
  9. F80T

    [710/711] L'assedio di Mezcali

    Alla conclusione del primo albo, la trama imbastita da Nizzi mi è apparsa solida e godibile. L'umanità varia radunata in un trading post dalla sorte, a resistere all'assalto degli indiani, è un topos western, ma è messo in scena con abilità. Carson, è vero, ha la peggio nello scontro col bandito, ma la sconfitta non mi è sembrata disonorevole. A differenza di altri utenti del forum, i disegni mi sono piaciuti. Bella, in particolare, la scena del picchetto d'onore al momento della sepoltura del soldato morto, che rompe la gabbia bonelliana. Speriamo che la seconda parte sia all'altezza.
  10. Last week
  11. Condor senza meta

    [488/489] Matador!

    Uno dei più grandi rimpianti per noi lettori rimarrà la prematura morte di Aldo Capitanio: un triste destino che si è portato via troppo presto un talento innato e privato gli appassionati della saga di assicurate perle grafiche. Purtroppo “Matador” rimarrà l’unica storia illustrata dal maestro vicentino per la regolare e, ogni volta che mi appresto a rileggere i due albi, non posso che rimanere estasiato dinanzi lo stile elegante e raffinato che contraddistingue ogni singola vignetta. Una dovizia di particolari che non influisce minimamente con il dinamismo della narrazione, un’espressività dei personaggi notevole e un campionario di tratteggi così pulito e ricco che arricchisce ogni singola scena. Con un simile fuoriclasse, la sceneggiatura non può che fare un salto carpiato di qualità e credo che ogni soggettista vorrebbe poter disporre di un collega con tanto talento. Basti vedere la resa grafica magistrale della scena della vestizione di Rafael Guerrero o il piccolo capolavoro dello svolgimento della corrida nel primo albo, con scorci di arene e borghi affollati che sono una delizia per gli occhi. Ogni singolo tratto è messo al suo posto, molto ben resi gli abiti e non dispiace nemmeno la rappresentazione grafica di Tex e Carson, sebbene reputo che il risultato migliore lo si ottenga con Montales, reso davvero molto bene dal pennello dell’artista. Dopo la doverosa premessa relativa al comparto grafico, che, in maniera del tutto eccezionale, anticipa nel mio commento le considerazioni sulla trama, mi accingo a esprimere il giudizio sulla prova di Boselli. L’attuale curatore della serie, appena reduce da una trama tipicamente gbonelliana, virò il timone della sua fantasia verso la rotta opposta, sfornando un soggetto originale e fresco che indubbiamente affascina il lettore. La trama sviluppata ha il sapore di una novella mista alla Soap, con un amore contrastato dalla prepotente tirannia di una ricca famiglia di allevatori, che vagamente ricorda la celebre ostruzione di manzoniana memoria. Le sorti dei giovani Rafael ed Elvira s’intrecciano con il passato dei genitori, coinvolti in un tragico triangolo amoroso, le cui ferite non hanno mai smesso di sanguinare. In un brulicare di soprusi, violenze e agguati, spuntano i nostri rangers, che, sebbene un po’ defilati dalla centralità della trama, non lesinano il loro onesto contributo. Ottimamente resi, come consolidata tradizione del nostro Borden, protagonisti e comprimari e l’accurata caratterizzazione contribuisce a valorizzare la prova. Bello l’epilogo con la “corrida privata” all’ultimo sangue e il colpo di scena (un po’ telefonato a dire il vero) dell’identità di Santiago che confida di essere il padre di Rafael. Il lieto fine risulta inevitabile dopo tanta violenza e sangue e con il pentimento del giovane Rico, cala il sipario su una bella storia, che sebbene non eguagli il capolavoro che da lì a poco Boselli sfornerà a fine centinaio, mi colpì fin dalla prima lettura. Proprio in quel periodo Borden scavalcò Nizzi nella graduatoria delle mie preferenze; non ho mai nascosto il fatto di essere un grande estimatore dell’autore di Fiumalbo, che contribuì con le sue creazioni nei tardi anni 80 a farmi innamorare del personaggio, ma, al netto di qualche piacevole eccezione, con l’inizio del nuovo millennio il suo estro creativo ebbe un’involuzione palese e ben presto la forbice con l’ispirazione di Boselli si divaricò notevolmente. P.s. Fortunatamente la vignetta con Rafael che sostiene: “fumare mi distende i nervi” non ebbe la coda polemica e processuale della simile battuta recitata da Laredo qualche anno prima! Ovviamente ho sempre trovato quella querelle paradossale ed esagerata, tanto è vero che il tutto si schiuse, come ovvio, in una bolla di sapone. Mi chiedo, a tal proposito, se Mauro optò per un tale testo, con l'intento sarcastico di scimmiottare tutta quell’orda di “buon pensanti”, che davvero credettero che un fumetto western potesse nel XX secolo istigare i giovani al vizio del fumo. Beh, stendiamo un velo pietoso su simili tentativi assurdi di censura. Il mio voto finale è 8
  12. natural killer

    I Nuovi Libri Sbe

    Soggetto: Gianluigi Bonelli, Claudio Nizzi Sceneggiatura: Gianluigi Bonelli, Claudio Nizzi Disegni: Guglielmo Letteri Copertina: Aurelio Galleppini Nella prima delle tre avventure qui raccolte, Tex e i suoi pards danno la caccia al farabutto che lascia, come firma, una "Pi" greca vergata su un irridente messaggio... È Proteus, rapinatore trasformista in grado di assumere qualsiasi tipo di aspetto. In seguito, ritroviamo il machiavellico fuorilegge mentre rapina una banca travestito proprio da... Tex Willer! Infine, Kit Carson rischia di essere condannato a morte per un omicidio che non ha commesso, con Proteus nel ruolo di giudice... In una serie di sfide combattute sul filo dell'astuzia, Aquila della Notte riuscirà a smascherare, in un crescendo di drammaticità, uno dei suoi più pericolosi e inafferrabili nemici.
  13. Havasu

    [Speciale Tex Willer N. 1] Fantasmi di Natale

    Molto,molto,molto bello !!!! Sceneggiatura impeccabile e parecchio avvincente,disegni gradevoli,bicromia che s'attaglia alla perfezione alle storie raccontate. Il prezzo ?! In effetti un pelino alto,ed ecco il motivo per cui durante l'anno "dimentico" in edicola qualche uscita che mi convince poco o nulla.
  14. Incuriosito da tutti i post recenti su questa storia (che però vedo trattano di tutt'altro...) me la sono andata a rileggere (a rileggere vado molto piu veloce che a leggere...). Onestamente dopo vent'anni non me la ricordavo più, e mi ha anzi stupito vedere un borden così "G.L. Bonelliano" Per questo quoto il post di Virgin, perchè è quello che mi trova più d'accordo (non sono tanto benevolo come lui con Letteri, il confronto con il mitico Letteri degli anni 70 è impietoso) La devastante differenza fra Tex e gli avversari è GLBonelliana (sono stati poi Nizzi e Nolitta a farlo sudare spesso contro quattro scannagatti). Il Tex di GLB piaceva (almeno a me) anche perchè era un "prepotente per i prepotenti", vittimizzava i prepotenti come loro erano abituati a fare alle loro vittime. Ovviamente perchè la cosa funzioni, devi "odiare" tanto i villain della storia da godere fino in fondo delle loro disgrazie, e questo è un aspetto su cui GLB è ancora insuperato: nessuno degli autori che l'ha seguito è mai riuscito a darci, con regolarità, storia dopo storia, tanta gente che non vedevi l'ora di vedere prendere a calci sui denti. Boselli, in particolare, è più noto per i villain borderline, con cui magari provi simpatia, e anche quando Tex affronta qualche villain per cui non si prova alcuna empatia, nelle sue storie di solito vengono fatti fuori in 1-2 vignette, troppo poco per dare soddisfazione al lettore. Ecco, dopo tutta questa spiegazione della differenza fra GLB e borden su questo aspetto, leggi questa storia... e davvero, se non leggi i nomi degli autori e ti chiedono chi l''ha scritta, è difficile rispondere. un Tex così invincibile e una trama simile non può essere di Nizzi nè di Nolitta, e una trama in cui Tex sadicamente gioca con le sue "vittime" come il gatto con il topo pensi non possa essere di Boselli. Se non sapessi che aveva smesso di sceneggiate Tex molti anni prima, avrei pensato subito a GLB... Le battute sardoniche fra Tex e Carson (c'è un unica vignetta in cui scendono un po' troppo sul sentimentale, come hanno fatto notare alcuni, ma avete letto i loro dialoghi nelle ALTRE vignette?), l'implacabilità di Tex, e persino la presenza di tanti "topoi" tipici di GBL, non solo il ritorno dopo tanto tempo del cerino acceso fra i piedi, ma pure i lunghi pestaggi, i pesci piccoli lasciati andare, le bevute offerte al bar, la "prepotenza fatta al prepotente" (è con Nolitta e poi Nizzi che Tex gira come uno sbirro ligio ai regolamenti usando la fascia di wampum come un badge da detective, il Tex di GLB se ne fregava di leggi e regolamenti e pure di avere le prove, se gli stavi sulle scatole ti bruciava il ranch! Come qui!), la scena tipicamente GLBonelliana della stella strappata dalla camicia dello sceriffo a terra... persino il fatto che i cattivi siano così ODIOSI ma caratterizzati uno per uno, la morte che aleggia su di loro, la fine che fanno... No, non può essere un caso: o una notte di Natale border è stato "posseduto" dallo spirito di GLB, oppure questa storia è un vero e proprio "omaggio" (con tanto di citazioni, come quelle elencate nel paragrafo precedente) di Boselli a GLB. E anche se ovviamente borden non poteva saperlo quando l'ha scritta, trovo molto bello che il Tex che si trovava in edicola il giorno della morte di GLB (il 483) e quello in cui ne compare l'annuncio (il 484) presentassero di nuovo il "suo" Tex... o almeno, una versione di Tex molto fedele alla sua.
  15. Le tre precedenti storie (sulla regolare) che vedono protagonista TEX in solitaria sono tutte di Faraci, ottobre 2012, marzo 2012, aprile 2009....... silurato
  16. F80T

    [Speciale Tex Willer N. 1] Fantasmi di Natale

    Parto dai disegni, che mi sono piaciuti molto. In particolare, mi pare che Ghion renda molto bene il gelo che connota tutta la storia; i suoi paesaggi innevati, peraltro, mi hanno molto ricordato quelli di Calegari ne La ballata di Zeke Colter. Anche la particolare colorazione mi è sembrata molto ben calibrata rispetto alla struttura della storia e alle atmosfere che si volevano creare. La sceneggiatura, del tutto peculiare in una serie in cui pure non sono mancati fantasmi (da ultimo, nella splendida Colorado Belle) , mi è parsa impeccabile. P O S S I B I L E S P O I L E R Devo concordare con Leo quando afferma che il primo e l'ultimo dei racconti del vecchio presentano una qualità maggiore di quello centrale, che pure presenta il buono spunto della storia nella storia, e mantengono un ritmo narrativo più idoneo a rendere il senso di angoscia che le vicende narrate hanno inculcato ai tre banditi. Cruda, ma non per questo inadatta a un fumetto del Tex, la scena in cui uno dei malviventi prefigura di voler abusare sessualmente della giovane donna presa in ostaggio. Senza un attimo di respiro, come ci ha abituato la serie che si occupa del giovane Tex, è l'azione del nostro fuorilegge. Criticabile, invece, è il fatto che i fatti illustrati nello speciale di natale seguano quelli ancora inediti, oggetto di Tex Willer nn. 14 e 15. Ad una valutazione complessiva, ritengo che, a prescindere dalla discussione sulla correttezza del prezzo di copertina, si tratti di soldi ben spesi.
  17. Carlo Monni

    Tex Willer n°16

    Ci arriveremo al n. 100? Mancano solo 7 anni e 2 mesi, quindi io dico di sì.
  18. Diablero

    Tex Willer n°16

    Magari è un po' presto per preoccuparsi, ma tremo un po' all'arrivo di Lilyth... G.L.Bonelli aveva l'idea delle mogli degli eroi come delle "ammazza-avventure", e quindi ha dato a Tex una moglie "perfetta" anche nel...ammazzare qualunque avventura! Nulla di irreparabile in teoria, basta delineare meglio il suo carattere e darle quindi una caratterizzazione meno da Santa Maria Goretti... solo che se lo fai poi hai le orde di texiani tradizionalisti inferociti davanti alla redazione con torce e forconi!
  19. Loriano Lorenzutti

    Tex Willer n°16

    Dotti Villa De Angelis Prendiamola come un gioco
  20. natural killer

    Tex Willer n°16

    borden chi disegnerà il n.100 a colori?
  21. Può darsi ....dammi un pò di tempo e avrai una statistica precisa! E due ! Leggo Tex Willer ok? Ma quello delle storie in solitaria era un esempio! Veramente sei stato tu a fare domande e chiedere le risposte.. e non è giusto prendere in giro una povera donna indifesa, non è da gentiluomo!! Hai capito benissimo cosa intendevo dire
  22. Mi riferivo adì altri dettagli del tuoi post. Il fatto che c'è solo Carson. Ma quando mai? Se è vero che hai sempre letto Tex, hai poca memoria, allora. E se vuoi Tex da solo , leggi Tex Willer. Comunque io ho scritto storie con Tex da solo, con Tiger, con Kit, con tutti e quattro...Se in questi anni sono uscite quelle con Carson è solo un caso. (per es, Seijas e Bruzzo hanno tardato a finire, ma finiranno l'anno prossimo, e le loro storie hanno tutti e quattro . Idem i Texoni di Villa e Carnevale ecc...Ma che vuoi da me?)
  23. borden

    Tex Willer n°16

    Ti sbagli, la serie è in progress. Tex incontrerà Lilyth tra cinque o sei anni, ma lei da sola comparirà prima nella serie.
  24. natural killer

    [Tex Willer N. 10 / 11 / 12 / 13] Pinkerton Lady

    Modificare il post iniziale è prerogativa dello staff di moderazione. Posso accontentarti così
  25. lety

    Tex Willer n°16

    Scusa Grande Tex ...ma quale contesto? Da 70anni i nostri eroi sfidano la morte 24 ore al giorno, si buttano in imprese impossibili, rischiano un momento sì e l'altro pure di essere torturati, fatti a pezzi ed ammazzati e Carson si ubriaca perchè...non ha notizie di Tex da una settimana??? Una settimana, in quell'epoca, era un tempo...minimale, tenuto conto del tipo di comunicazioni (cavallo).
  26. OLD JOHN

    Tex Willer n°16

    ....aggiungerei , alla bellissima considerazione della nostra cawgirl che secondo il mio parere , questo "giovane " Tex , non incontrerà mai la "bella Lilith" .... Sarà un'avventuriero di frontiera per sempre (anche se mi sembra d'aver visto foto con i suoi attuali pards).....
  27. Loriano Lorenzutti

    [Tex Willer N. 10 / 11 / 12 / 13] Pinkerton Lady

    Se qualche anima "Buona" mettesse le copertine mancanti di questa storia mi (ci) farebbe cosa gradita, vista la bellezza delle stesse.
  1. Load more activity
×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.