• Avvisi

    • TexFanatico

      Servizio anti-spam rigido   22/06/2016

      Buongiorno a tutti.
      Siete nuovi, volete iscrivervi ma non vi arriva il mail?
      Contattatemi direttamente mediante il modulo.
      Gmail ultimamente vien sempre più filtrato come indirizzo spam.
      Resto a disposizione
    • TexFanatico

      Auguri forum!   18/01/2017

      Il forum è con voi, e grazie a voi, dal 2006.   Abbiamo dunque superato, un po' in sordina per scaramanzia, il 10° anno e ci addentriamo nell'11°.   È un traguardo inimmaginabile nel mondo del web, e per questo diciamo grazie a voi e tanti auguri forum!
    • TexFanatico

      Il 16° numero del TWF MAGAZINE è online!   20/07/2017

      Al seguente link potrete trovare e scaricare il documento: http://texwiller.ch/index.php?/files/file/19-tex-willer-magazine-n°16/   Auguriamo una buona lettura e, se poi vorrete commentarlo, potrete farlo qui: http://texwiller.ch/index.php?/topic/4622-tex-willer-magazine-n°16/       Rammentiamo che gli "arretrati" sono scaricabili dalla sezione download: http://texwiller.ch/index.php?/files/  

Classifica


Contenuto popolare

Mostrando i contenuti con la più alta reputazione dal 23/06/2017 in tutte le sezioni

  1. 2 points
    Garet

    Passato o no?

    Il mio parere è lo stesso che hanno espresso molti altri: le storie riguardanti il passato di Tex secondo me devono esserci perchè aggiungono quel tocco di rude poesia al personaggio, tuttavia storie del genere devono essere centellinate come un buon vino perchè sono qualcosa di speciale... e se si cominciasse a proporle troppo spesso smetterebbero di essere speciali. Insomma... anche un buon vino finisce con il perdere il suo speciale sapore (al tuo palato) se poi cominci a scolartene una bottiglia al giorno. Ciò che rende speciali le storie del passato di Tex è anche il fatto di essere una rarità, ecco perchè quando viene annunciata una storia del genere noi lettori esclamiamo "Fantastico! Una storia sul passato di Tex!" e non "Ah, un'altra storia del passato di Tex..." Se si comincia a inflazionarle perderanno la loro specialità, quindi io dico: Attenzione!
  2. 2 points
    natural killer

    [680/681] La pista dei Forrester

  3. 1 point
    West10

    Anteprima Copertine

    Molto belle entrambe caro Zeca, anche se io continuo a preferire quella che Massimo ha fatto per il nostro magazine. Magari sarò un po' di parte
  4. 1 point
    Carlo Monni

    [680/681] La pista dei Forrester

    Vincolo che esiste in tutto il mondo e per ogni forma di narrativa. Non esiste nazione in cui siano prodotti fumetti in cui non ci sia il vincolo di un numero predeterminato di pagine. Dirò di più: in Italia solo Bonelli usava questo formato. Negli Stati Uniti hanno prodotto capolavori con episodi di sole venti pagine mensili o, nel caso delle strisce per i quotidiani addirittura quattro vignette orizzontali al giorno. In Francia ci sono sempre riusciti in 46 pagine. Restando alla Bonelli, che dire del Comandante Mark che sin dall'inizio è andato avanti con episodi di 64 pagine. Fuori dai fumetti, Isaac Asimov ha scritto storie immortali stretto in un vincolo che gli imponeva una lunghezza non inferiore ad un certo numero di parole r non superiore ad un altro. I serial televisivi hanno una durata media di 40 minuti. La verità è che se un autore è bravo, il numero di pagine non è un problema. Quanto ai finali affrettati, ma io direi piuttosto; frenetici, almeno per Boselli e Manfredi, non dipende dal numero di pagine ma dal loro stile di scrittura.
  5. 1 point
    Carlo Monni

    Passato o no?

    Tutto dipende da cosa si intende per inflazione:in questa seconda metà di quest'anno, avremo il ritorno di Lupe parzialmente ambientato nel passato, il Cartonato, sempre di Andreucci, ambientato all'epoca de "Il passato di Tex", il Maxi che parlerà addirittura dell'infanzia e dell'adolescenza di Tex.. L'anno prossimo il cartonato di Mastantuono e, forse quello di Breccia e la storia del settantennale disegnata da Ticci., quattro mesi dopo il n. 700. Tre storie all'anno su una media di 17 sono inflazione? Tempo fa qualcuno, non ricordo più chi, propose addirittura il varo di una collana parallela dedicata appositamente alla giovinezza di Tex sulla falsariga della Giovinezza di Blueberry. Se la facessero davvero, parleresti ancora di inflazione? Temo di sì. Una premessa: io non sono contrario per principio all'incontro con altri eroi dei fumetti. Detto questo, qui non si tratta di semplici personaggi dei fumetti ma di personaggi western creati da G.L. Bonelli che ebbero una breve vita editoriale negli anni 50 e mai più visti da allora salvo qualche ristampa nei primi anni settanta ed ancora a metà anni ottanta.e nemmeno tutti. Insomma si tratta di gente che nrl migliore dei casi, è apparsa l'ultima volta nelle edicole trent'anni fa e nel peggiore sessanta. Io lo considero un bell'omaggio al creatore di Tex.
  6. 1 point
    San Antonio Spurs

    [680/681] La pista dei Forrester

    D'accordissimo. io non capisco e poi spesso non apprezzo quest'obbligo di stare per forza compressi in due numeri, con il risultato di storie che si concludono allo sprint, nemmeno fosse una tappa in pianura del Giro d'Italia. Come se un impresario avesse detto a Beethoven: ok, componi la Nona ma falla solo di due movimenti anziché quattro. Da quando su Tex è iniziata questa "strategia" non conto più le storie magari dilatate all'inizio e poi con l'acceleratore a manetta nelle ultime dieci pagine. Non mi piace.
  7. 1 point
    Carlo Monni

    Commenti Alle Anteprime

    Se le leggerai con la mente libera da preconcetti, senza pretendere il capolavoro ma solo buone storie, io credo che le apprezzerai.
  8. 1 point
    Ulzana

    [Texone N. 32] Il magnifico fuorilegge

    Non esagerare, vuoi far chiudere la Bonelli? Tex è TRADIZIONE. Lo sa anche Mauro. Non si prescinde da essa, guai a farlo! Per il resto io guardo questo Texone come un punto di partenza per un glorioso futuro che si regga su un altrettanto glorioso passato. La linea innovatrice per Tex è un falso problema che per quanto mi riguarda non si pone; Il Magnifico Fuorilegge è un tripudio del primo Tex, quello sanguigno di GLB... guarda il linguaggio che, a mio parere, resta il punto più alto di questa storia e che è molto bonelliano. Questo significa che si possono scrivere ottime e stupende storie dal taglio fresco, attuale e moderno, ma legate comunque alla tradizione.
  9. 1 point
    virgin

    Commenti Alle Anteprime

    La saggezza degli antichi ci ammonisce che ricercare volontariamente il martirio costituisce un grave peccato di superbia. Saggio, borden!
  10. 1 point
    Mav82

    [Texone N. 32] Il magnifico fuorilegge

    Che spettacolo!!!! questo Texone mi è piaciuto tanto, forse il più bello degl'ultimi anni.I disegni di Andreucci sono bellissimi il suo Tex in versione giovanile è indovinata alla grande.La storia scritta da Boselli ti lascia senza fiato e quello che a tratti sembra scontato invece non lo è.Mi piace parecchio anche l'operazione intrapresa per altro da tempo vedi alcuni cartonati di andare a mettere dei tasselli mancanti nella gioventù di Tex.In alcuni punti della storia si vede una certa acerbità del Tex giovanile rispetto a quello attuale, e proprio questo fa aprezzare questo Texone 32 ancora di più. Ho già voglia di rileggerlo. Bravi
  11. 1 point
    Leo

    [Texone N. 32] Il magnifico fuorilegge

    Riprendendo il commento, non si possono non sottolineare altre caratteristiche del giovane Tex svelate o confermate dalla lettura del Texone: una certa malinconia per il suo destino ("lui mi ha sparato ed io mi sono difeso. Sembra la storia della mia vita"), il fascino suscitato nelle giovani ragazze (dalle prostitute di Robbers' nest all'indianina zuni che "non somiglia alla madre di Kit"), la consapevolezza di sé (molto azzeccata la frase "essere miei amici è una conquista, hombre"). La scrittura, che si mantiene ispirata per tutte le 240 pagine di questa corposa storia, rende questo Texone uno dei più belli di tutti i tempi. Credo che Boselli non si sia mai divertito tanto: libero dai "legacci" del personaggio attuale, l'autore ha potuto sbizzarrirsi con questo Tex più giovane e scanzonato, raggiungendo un risultato eccelso che fa ben sperare sulla produzione di nuove avventure del giovane fuorilegge, un filone per certi versi inesplorato e potenzialmente molto redditizio. E' evidente che ai lettori piacciano questi salti nel passato, che d'altronde hanno avuto successo anche per tanti altri personaggi seriali. In questa operazione di recupero degli albori, spero non ci si dimentichi di Carson (vogliamo una Maria Pilar formato Texone, per intenderci...;) ) Capitolo Andreucci: mai connubio sceneggiatura - disegni fu più perfetto. Queste pagine non potevano trovare interprete migliore. Era scritto che Boselli affidasse questa storia a cotanta mano: Dio, o il destino, volevano il capolavoro assoluto.
  12. 0 points
    TexFanatico

    Tex Willer Magazine n°16

    Version 1.0.0

    535 downloads

    Il 16esimo numero del TWF Magazine è online! Ecco alcune cose che potrete scoprire al suo interno. I tesori di via Buonarroti Gli autori: Padri e Figli Un'intervista a Luca Raffaelli ... ed altro ancora. Curiosi? Scaricate e lasciatevi catturare dal lavoro dello staff del Magazine!
  13. -1 points
    paco ordonez

    [680/681] La pista dei Forrester

    Io lo capisco benissimo. E capisco che sono problemi editoriali della casa editrice, non problemi miei, che sono un semplice lettore. E a me, semplice lettore, questi problemi non competono e non interessano: interessa invece avere storie che non risultino affrettate. Appunto: Ruju, uno che coi drammoni ci sguazza. O "Un ranger per nemico", "Le catene della colpa" e l'almanacco con Scascitelli le ho lette solo io?