Vai al contenuto
TWF MAGAZINE N°18 è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum

Classifica


Contenuto popolare

Mostrando i contenuti con la più alta reputazione dal 16/02/2019 in tutte le sezioni

  1. 1 point
    Non si tratta di avere buoni o cattivi ricordi. E' la capacità di ricordare e di provare a dare un senso al nostro vissuto che ci rende diversi dalle macchine. Io trovo l'attuale "presentismo" non solo un'ideologia tremenda che ci preclude ciò che è stato e ciò che potrebbe essere, ma anche l'anticamera di una possibile futura automazione.
  2. 1 point
    Con Andrea parlavamo di Supertex, disegnata splendidamente. Ma tu ti riferisci a Tex 400 e qui il tuo giudizio è tanto ingeneroso che non mi va di replicare. Quell'albo ha un valore a prescindere da tutte le considerazioni tecniche che si possono fare. Non so se ti rendi conto di quello che hai scritto, Carlo... A prescindere dalla riconoscenza etc etc, qui abbiamo un uomo che ha dato tutta la propria vita a Tex fino a quando, in età avanzata, aveva evidenti problemi fisici che gli impedivano di garantire quella qualità a cui ci aveva abituati e grazie alla quale oggi Tex è quello che è. Nonostante ciò, l'apporto di Galep anche in ultima fase non è stato insignificante né deleterio per Tex. In quanto il suo segno grafico rappresentava COMUNQUE una garanzia per molti lettori e la casa editrice lo sapeva benissimo. Adesso a posteriori, sembra facile dire: morto un Galep si fa un Villa, ma allora ciò non era per nulla scontato. Per quanto mi riguarda sono pronto a tenere i miei occhi non dico aperti, ma spalancati, su un disegnatore quando questi non ha impedimenti fisici che gli impediscono di operare al meglio delle proprie potenzialità. L'ultimo Galep a mio avviso non va commentato, ma soltanto ringraziato.
  3. 1 point
    E nel caso specifico disegnata male. L'affetto, la riconoscenza etc. non possono renderci ciechi nei confronti del calovistoso di qualità che aveva avuto negli ultimi anni di attività.
  4. 1 point
    Sì chiama valore affettivo. La copertina del 400 è appunto questo.
  5. 1 point
    Quando riguardo la cover di Tex 400 ancora oggi mi viene quasi da piangere... Leggo sempre del "Tex di Bonelli", ma il mio Tex è sempre stato il "Tex di Galep". Quello è il Tex che mi ha fatto volare la fantasia quando non sapevo ancora leggere i balloons, quello il Tex che ricopiavo da bambino consumando i miei pennarelli Carioca, quello il Tex che avevo nella testa e al quale raffrontavo tutti gli altri. Quello e nessun altro. Il Tex di Aurelio Galleppini che col 400 saluta e se ne va. Per questo motivo Tex 400 ha un valore sentimentale e storico che mi permette di classificarlo al secondo posto in questa speciale classifica.
  6. 1 point
    Ciao Andrea, il tuo post mi ha un po' stupito... Infatti, a me i centenari, chi più chi meno, sono piaciuti tutti, forse perché non mi sono mai aspettato nulla di diverso da quello che un albo del genere al fondo rappresenta, ovvero una piccola celebrazione di Tex. Sottolineato che il 700 mi è piaciuto parecchio per il gustoso flashback e l'ottimo Civitelli, spiegami come si fa a non considerare SuperTex una spanna su tutti gli altri! E' il primo albo a colori, in assoluto, di Tex. Oggi ci siamo abituati al colore e c'è persino chi chiede a gran voce i volumi in bianco e nero (!), ma per la nostra generazione (1967 anch'io) vedere Tex a colori era qualcosa di eccezionale. Non solo, il n.100 presenta, cosa piuttosto inusuale, tre dei maggiori amici di Tex: Brandon, Gros-Jean e Pat. E anche qui c'era da leccarsi i baffi... Ma i pezzi grossi li ho riservati alla fine: è l'albo decisamente meglio disegnato, con un Galep nel momento forse migliore della sua carriera. E per finire ha una copertina che è più di una copertina... è un quadro, è una fotografia... è Tex dal vivo come non l'hai visto mai (e mai lo rivedrai)! Insomma, a prescindere dalla semplicità della trama (che comunque non è necessariamente uno svantaggio), SuperTex è il Tex più classicamente Tex che c'è. Per me non solo è il miglior centenario, ma va di diritto nelle 10 superstorie di Tex da portarsi nella famosa isola deserta!
  7. 1 point
    OT per OT, forse sarà che l'ho letto da adolescente e più toccato, ma del 200 ho ottimi ricordi.
  8. 1 point
    Va bene, se dobbiamo fare obbligatoriamente spirito di contraddizione, lo so fare anch'io. Forse non sarà un granché per te, ma non è così per la maggioranza dei forumisti.
  9. 1 point
    E' una tecnica comune oggi come nel west o nella preistoria. Ai bei ragazzi permette di avere storie soltanto con le migliori. A quelli brutti o solo impacciati permette almeno di star lontano dalle figuracce e non sembrare un allupato (atteggiamento che al massimo porta a farsi prendere per i fondelli). Questo è il mio caso. Da quello che si è letto in questi settant'anni Tex è un bell'uomo ma che è impacciato con le gonnelle così preferisce fare quello che gli riesce meglio, sistemare a suon di pugni o revolverate le ingiustizie. E finché sarà così le sue storie saranno godibilissime.
  10. 1 point
    Ma come no? A parte che buona norma sarebbe “tastare il polso” a chiunque prima di servirsene come alleato, fosse anche per una guardia notturna, ma poi qualche segnale di allerta c’era stato, come ho segnalato nel mio primo messaggio. Segnali sufficienti magari per Tex, e non anche per il lettore meno attento ai dettagli o particolarmente veloce nella lettura. Ma ci può stare! Semmai, quel che è un po’ forzato (e che è servito, alla fine, solo a suggerire e sceneggiare un minimo di infatuazione anche da parte di Tesah per il “coraggioso” Jimmy) è che il giuda abbia timidamente estratto la pistola sulla diligenza, laddove avrebbe potuto benissimo aiutare i suoi complici semplicemente disarmando Tesah o, al limite, sparando ai postiglioni dall’interno del veicolo (se proprio voleva far qualcosa).
  11. 1 point
    Se mai l'hanno saputo, se lo sono scordato, mi sa.
  12. 0 points
    Quasi unanimemente non direi. Lo salvano i disegni di Ticci, ma altrimenti non è davvero un granchè.
×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.