Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum

Classifica


Contenuto popolare

Mostrando i contenuti con la più alta reputazione dal 14/10/2018 in tutte le sezioni

  1. 2 points
    Il mio ripensamento sul Tex di Boselli Ciao Mauro. Mi rifaccio vivo, dopo circa un anno di assenza sui forum, per quanto non abbia mai smesso di seguire le vostre discussioni. Nonostante la nostra bella litigata, ho continuato a comprare il Tex e a leggerlo nelle sue varie pubblicazioni. L’ho fatto per amore verso il personaggio, ma anche perché non sono una persona particolarmente orgogliosa e non amo le ripicche. Piuttosto che indignarmi, ho cercato di avvicinarmi al tuo lavoro con l’intento di capire piuttosto che di giudicare il fumetto che avevo tra le mani. Quando ho ripreso la lettura di Tex, nel gennaio 2017, grazie all’albo “Nel segno di Yama”, mi ero dato due anni di prova per capire se avessi avuto ancora voglia di condividere un tratto della mia vita col nostro caro e vecchio ranger. Ora siamo ad un paio di mesi dal traguardo e mi sento di dare un giudizio compiuto sostanzialmente positivo. Trovo che tu abbia ragione nel sostenere che spesso ci si costruisce un “proprio” Tex, involontariamente distante dal prototipo originario. Nel mio caso è certamente così. Il “mio” Tex, quello in base al quale ti ho un po’ presuntuosamente mosso degli appunti, non è il Tex di GL Bonelli, ma un “feticcio” innalzato sulla base di emozioni e ricordi, in cui l’operato di Bonelli, Nizzi e Galep si è fuso con il periodo storico e le vicende da me vissuti. Uno pensa che avendo letto più di quattrocento Tex possa avere le idee chiare sul personaggio e le storie, ma separare il fumetto dalla propria biografia non è affatto facile. Devo riconoscerti il merito di avermi spinto a riconsiderare il personaggio e le storie in un’ottica meno soggettiva e di questo te ne sono grato, per quanto sia stato doloroso farlo. Alla fine mi è sembrato di conoscere un nuovo Tex e con questo ho deciso di fare i miei conti. Per ri-conoscere Tex, mi sono messo ad osservarlo e a studiarlo quasi in terza persona, sforzandomi di calarlo nella realtà attuale, della quale è partecipe così come i vari Tex del passato avevano fortemente risentito del loro tempo. Ho cercato di collocare il tuo Tex nel contesto culturale contemporaneo, che necessariamente è andato oltre i vari Zane Grey e John Ford, per citare qualche icona del West glbonelliano. E ho riflettuto su quel senso comune italiano che incontrandosi felicemente con la personalità texiana è sempre stata la cifra della popolarità e della trasversalità del personaggio. Ragionandoci su, mi è parso chiaro che ciò che si ritiene “giusto” per un “eroe giusto” non è immutabile, ma risente necessariamente dei cambiamenti sociali e della diversa consapevolezza che essi comportano. Nei suoi settant’anni di vita editoriale il mondo è mutato radicalmente e con esso le fortune del fumetto, l’opinione comune sul West e sull’eroe in quanto tale. Queste considerazioni possono apparire banali, ma forse non lo sono del tutto, se è vero che il lettore di fumetti, e nello specifico il lettore di Tex, è istintivamente portato a vivere l’avventura in una sorta di “tempo zero” totalmente scollegato dal presente. Ti avevo definito un “rivoluzionario”, fumettisticamente parlando, ma adesso con occhi diversi vedo il tuo lavoro in termini assai più “conservativi”, come chi ha cercato di attenersi strettamente al dato originario, concedendosi davvero poche “libertà creative” riguardo aspetti spesso nemmeno essenziali. Ne ho avuto la conferma in “Nueces Valley”, che considero la tua storia più importante e teoricamente rischiosa, destinata ad essere ricordata tra i momenti fondamentali di Tex. L’albo è assai riuscito e mi ha dato un gran piacere leggerlo. Hai operato con l’abilità certosina del filologo, cosicché Ken Willer è un Tex più anziano, in Mae si rivedono i tratti del figlio Sam e del nipote Kit, sulla giovinezza del quale è stata ricostruita poi quella del giovane Tex. Nulla è stato affidato al caso, tutto è stato ricondotto ad una fonte. Come i quattro amici dell’adolescenza, che anticipano i quattro pards della maturità nelle rispettive coppie Dick-Carson (la spalla), Hutch-Tiger (l’alter-ego) e Rod-Kit (il giovane-fallibile). A dimostrazione di come si cerchi di cambiare rimanendo ancorati fondamentalmente allo stesso canovaccio. Noto che non pochi lettori ti continuano a contestare questo ruolo di “sistematizzatore” della saga texiana che hai assunto già dai tempi del “Passato di Carson”. Sbuffano su qualche aggiustamento della cronologia non tenendo in alcun conto del caos temporale creato con simpatica noncuranza da papà Bonelli. Personalmente non ho mai considerato “eretico” il tuo operare sulla biografia del personaggio. Devo anzi ammettere che questa intenzione è sempre stata un motivo serio e in alcuni casi decisivo perché il sottoscritto ritornasse a seguire una testata che aveva abbandonato da tempo per calo di interesse. Almeno nel mio caso, il rilancio di momenti e personaggi storici ha avuto un effetto positivo. Parlare di biografia significa anche parlare di Storia e la Storia, quella con la “S” maiuscola, rimanda alla realtà. Il Tex che hai ereditato era un personaggio che poco in definitiva aveva a che fare con la “realtà”. Quando Galep salutò i suoi lettori, con Boselli e Villa il nuovo Tex iniziò ad acquistare una dimensione più accurata sotto il profilo storico e “il Passato di Carson”, ambientato circa “venticinque anni prima” rappresentò il primo puntello di una risistemazione della saga di Tex e dell’apertura di questa ad un ventaglio di personaggi non più divisi, secondo l’uso manicheo, prima di allora in voga, tra “buoni” e “cattivi” a tutto tondo. Iniziano a comparire figure femminili sottratte al classico ruolo di “supercattive”, ci sono gli schiavi neri del Sud, ma soprattutto è diventato d’abitudine un personaggio “terzo”, a metà strada tra l’eroe (Tex) e il cattivo di turno. Tu hai introdotto questa figura inedita del “cattivo minore”, un personaggio chiaroscurale che Tex spesso decide di salvare o di farselo alleato per combattere l’avversario principale. Confesso di aver avuto difficoltà nell’accettare questo elemento narrativo, che è forse l’unica tua vera presa di distanza dall’impianto glbonelliano. Tuttavia riconosco che l’introduzione di questa figura di “antieroe”, non troppo buono/non troppo cattivo, oltre ad essere anch’essa un “segno dei tempi”, rappresenta anche un modo, forse, per accorciare la distanza tra una “leggenda” e i “comuni mortali”: essendo impossibile “umanizzare” Tex senza con ciò sminuirlo, l’aver inserito una “figura di mezzo” ha reso più credibili le vicende e reso al tempo stesso “un po’ meno incredibile” Tex. Questo è quel che ho pensato io in merito ad una scelta autoriale in grado di spiazzare chi non ha avuto la possibilità di assorbire nei giusti tempi il nuovo corso di Tex. Sempre a proposito di biografia, forse ricorderai che mi ero occupato con grande interesse del tuo libro e del nuovo impianto cronologico che con questo iniziava a porsi. Su questo forum c’era chi non era pronto o non accettava di buon grado la tua scelta di considerare “il passato di Tex” quale storia fondante che anticipava le vicende della Guerra di Secessione narrate da GL Bonelli nella celebre “Tra due bandiere”. Questo è invece un punto in cui il sottoscritto, diversamente da altri “tradizionalisti”, ti ha sempre seguito con convinzione. L’idea che Tex, con un volto già maturo, prima andasse in guerra e poi diventasse fuorilegge, in storie che lo vedevano – graficamente e non solo – poco più di uno sbarbatello, non mi ha mai convinto, e già quand’ero ragazzo e “fanzinaro” m’immaginavo una soluzione sul tipo di quella che hai dato effettivamente tu. A proposito di “Tra due bandiere”, il tuo Tex più volte si è incontrato con la Guerra Civile e le questioni del razzismo e dell’antischiavismo hanno avuto una maggiore rilevanza nella saga. Negli anni cinquanta GL Bonelli aveva tenuto il nostro ranger fuori dal conflitto, presentato sullo sfondo, e la questione della libertà dei neri era passata via sotto silenzio (“Gli sciacalli del Kansas”, 1953). Nel 1970, però, dopo che il Movimento per i diritti civili dei neri e le marce anti-Vietnam avevano mutarono radicalmente il contesto politico e culturale dell’Occidente, Bonelli sentì l’esigenza di narrare il coinvolgimento diretto di Tex nella vicenda bellica, azzerando di fatto le avventure scritte diciassette anni prima, quando la consapevolezza sul tema era ben diversa. In questa storia Tex ha combattuto al seguito dell’Unione ed assunto una posizione antischiavista che verrà ad affiancarsi a quella, già nota, di difensore degli indiani. Alla fine, però, la denuncia di ogni guerra e la tragica fine di un vecchio amico di Tex, morto a Shiloh dopo aver combattuto tra i confederati, riportò il pallino nell’alveo di un pacifismo alieno da ogni partigianeria. Mi sono ricordato che un regista come Tonino Valerii, appena un anno prima, nello spaghetti-western “Il prezzo del potere”, con protagonista Giuliano Gemma, aveva realizzato una pellicola dal forte sapore ideologico in cui si narrava dell’uccisione di un Presidente “progressista” e la violenza del razzismo bianco mostrata senza infingimenti di sorta. Ovviamente una lettura “per ragazzi” come Tex non poteva permettersi la crudezza e il realismo, nonché l’intento marcatamente politico di un film. Tuttavia lo stacco ideologico rispetto agli anni cinquanta risultò enorme e il nostro eroe, mostrato per l’occorrenza nelle vesti di semplice cowboy texano, si mostrò consapevole delle tematiche correnti, nonché di quale fosse la “parte giusta”, ovvero quella del Nord abolizionista. Per uno step successivo si dovettero aspettare altri quindici anni, quando uscì “Fuga da Anderville”, scritta da Claudio Nizzi, che chiarì ancor meglio la posizione di Tex riguardo unionisti e confederati. Tuttavia c’è voluta la saga di Jethro, svoltasi a cavallo di due storie entrambe significative – “La grande invasione” (2002) e appunto “Jethro” (2017) - perchè il rapporto di Tex con la Storia americana e la relazione di questa con il West texiano raggiungesse una chiarificazione definitiva. Adesso tu ricorderai bene che proprio la storia di Jethro è stata la causa della nostra litigata. Apro una parentesi: mi è dispiaciuto molto per quanto è successo e in questi mesi ci ho pensato spesso. Credimi se ti dico che non avevo intenzioni polemiche nei tuoi confronti e che si è accesa una miccia del tutto imprevista. Purtroppo sui social cose del genere succedono spesso. Ho avuto difficoltà col tuo Tex, lo ammetto. Non ero ancora pronto per leggere una storia come “Jethro” su Tex e, malgrado tutto ciò che ho scritto ora, ero ancora troppo legato al mio Tex del passato per valutare quella storia con animo sereno. Anche se il razzismo, permettimi di sottolineare questo punto, nei miei pensieri non c’è mai stato. Sono cresciuto con i telefilm liberal e il vento libertario degli anni settanta e atteggiamenti reazionari non ne ho mai realmente avuti, anche se talvolta – per il mio spirito di bastiancontrario – ho potuto dare questa impressione. Ma torniamo a Tex. Oggi la pubblicazione da parte dell’Audace di una pubblicazione come Deadwood Dick, piuttosto in linea con l’approccio narrativo e cinematografico contemporaneo riguardo la Storia del West, dà non solo ragione alla presenza e al ruolo assunto da uno schiavo nero nella saga di Tex, ma ne ridimensiona la portata, dando torto a chi, come me, ne facevano – sbagliando – una questione ideologica. Ma qui si ritorna alla questione del “tempo zero” del vecchio fumetto d’avventura che le esigenze del “realismo” dovevano riporre nella soffitta dei ricordi. Già a partire dai primi anni novanta nel fumetto aveva preso piede una maturazione del gusto con la richiesta esplicita di una maggiore aderenza al dato storico e alla plausibilità di personaggi e situazioni. Tu ti sei preso l’onere e l’onore di adattare Tex al gusto contemporaneo e l’hai fatto cercando di non smuovere Tex dal suo piedistallo e di discostarti il meno possibile dall’ortodossia bonelliana. Mi accorgo mi aver parlato e sparlato di politica, ma una rivoluzione nasce in un contesto e poi coinvolge tutto e tutti superando distinzioni e generando un nuovo status quo. Oggi i diritti umani, il femminismo e l’antischiavismo sono considerati valori universali e fondamentalmente trasversali. Il fatto che Tex abbia col tempo strizzato l’occhio a queste sensibilità non è un fatto politico, ma sociologico. E il tuo Tex ha semplicemente seguito il corso del tempo, com’è sempre successo ai tempi di Bonelli padre, di Bonelli figlio e di Nizzi. C’è Kit Willer, figlio di un’indiana, che doveva necessariamente appropriarsi di un’identità “meticcia” su cui si era sorvolato per troppo tempo e che oggi non poteva continuare ad essere celata. E il west era pieno di gente che non sopportava gli indiani e i meticci, oltre che i neri. Tu hai fatto vedere tutto ciò, e hai mostrato anche figure femminili né angeli né demoni, ma determinate e grintose come la vita dura della Frontiera necessariamente richiedeva. In ultimo, ma è questione non meno rilevante, c’è la questione della trama, che nelle tue storie spesso e volentieri non è una ma due. Si è alzato il prezzo dell’albo, ma si è offerta anche una lettura più articolata, più ricca. Come in “Nueces Valley”, ad esempio, dove ci sono le origini di Tex, ma anche un sentito omaggio all’epopea di Jim Bridger. La scelta di sovrapporre due storie diverse è nel tuo stile ma forse anche un’esigenza editoriale, visto che l’età, l’attenzione e i tempi di lettura del pubblico sono cambiati e storie troppo veloci e lineari rischiano oggi di apparire banali e semplicistiche. Perché il lettore abituale di Tex non è più un ragazzino alle prime armi con West, ma un adulto che magari ha letto anche Ken Parker e si cimenta pure in letture impegnate. Cosicché, alla fine, questo tuo West più realistico, più sfaccettato, maggiormente ricco di figure caratterizzate mi ha alla fine convinto. Passate al setaccio della sensibilità corrente, tutte le teoriche “innovazioni” di Mauro Boselli sono risultate man mano ai miei occhi nient’affatto “eversive”, ma addirittura “inevitabili” e persino “necessarie”. Credo che l’intento tuo e degli altri tuoi colleghi sia stato quello di trasportare Tex da una dimensione “mitica” ad un West che cerca almeno in parte di aderire alla Storia, parlando al tempo stesso una “lingua” che non suoni “datata” o peggio “retrograda” agli orecchi contemporanei. Per cui, a dire che Tex sia cambiato troppo o che non sia cambiato affatto, gli si fa egualmente un torto. Il mio pensiero attuale è che Tex è cambiato nella misura in cui poteva e doveva cambiare nel corso di un tempo oltretutto per nulla breve (il “passato di Carson” è datato 1994, ovvero ventiquattro anni prima questo “nuovo passato” di Tex). Resta in fondo la questione, del tutto personale, se questo tuo Tex “inevitabile” e “necessario” debba piacere per forza ad un vecchio lettore di Tex (che possa piacere è ovviamente acclarato). A me questo tuo Tex, a furia di scontrarmici, è finito col “piaciucchiare”. Più ci prendo confidenza e più mi rendo conto che certi aspetti che un anno fa trovavo ostici adesso non mi colpiscono più di tanto. Mi sono fatto una ragione pure di Corbett, causa principe delle nostre polemiche. Confesso che mi hai completamente catturato regalandomi un ottimo Tex bambino ed ora stuzzicandomi con questa nuova testata sul Tex adolescente per la quale sono in trepidante attesa. Ti auguro dunque buon lavoro e ti consiglio di non dar eccessivo peso a quello che si scrive, nel bene e nel male, su forum e social vari. Sono opinioni di persone qualificate ma che rappresentano un gruppo piuttosto esiguo. Per fortuna il pubblico di Tex continua ad essere molto, ma molto più vasto. Antonio
  2. 2 points
    Ma vedi, sono ANNI che sul forum si dibatte sulle varie cronologie a confronto, ed è stranoto e arcinoto e ipernoto che, nello scrivere le storie della giovinezza di Tex, Borden si attiene alla sua cronologia - ovvero a quella del romanzo - e non a quelle di altri appassionati lettori. E a ragione, perché 1) è una cronologia perfettamente plausibile e altrettanto ragionevole delle altre, 2) perchè è lui con la casa editrice a gestire tutto quello che di UFFICIALE riguarda il personaggio Tex. Come consiglio, quindi, prima di intervenire sul forum da solo contro tutti, arroccato sulla tua posizione e sostenendola senza sentire le ragioni degli altri, dovresti anche documentarti un po' e leggere qualche discussione passata. Se non sbaglio ci sono anche articoli sul magazine del forum a proposito. Come moderatore, invece, invito di nuovo TUTTI a smetterla con le punzecchiature e con le offese. Perché si può discutere e difendere le proprie posizioni anche in maniera pacata.
  3. 1 point
    Nueces Valley, un anno dopo Queste righe avrei dovuto scriverle esattamente un anno fa, quando “Nueces Valley” uscì in edicola, un po’ di soppiatto, nella collana “Maxi”. Cercherò, per quanto possibile, dopo tutto questo tempo, di restituire alle mie parole l’entusiasmo e perfino la commozione che questo albo mi ha dato. Inizio col dire che aspettavo questa storia con enorme interesse. Era la nascita di Tex, qualcosa a cui non avrei mai pensato di assistere. Ho seguito sui forum dedicati ogni notizia e piccola anticipazione riguardo l’albo. Non conoscevo bene Pasquale Del Vecchio e mi chiedevo se i suoi disegni sarebbero stati all’altezza di un’uscita così prestigiosa. Le preview facevano ben sperare, però, e io contavo i giorni come quando ero un ragazzino e attendevo con ansia l’ultimo album del mio gruppo rock preferito. La mattina del 6 ottobre 2017 mi recai in edicola più presto del solito e provai subito una grandissima emozione nel tenere quel “librotto” storico tra le mani. Penso di non esagerare se dico che in tutta la mia vita di lettore di Tex nessun albo è stato così lungamente atteso e pregustato. In seguito, solo “The Love Bunglers”, di Jaime Hernandez,, mi farà provare dei sentimenti fortissimi, pur per ragioni completamente diverse. Le origini di Tex sembravano scritte una volta e per sempre nel “Passato di Tex”, una storia a cui ero legato da quand’ero ragazzino e che conoscevo a memoria per averla letta e riletta un’infinità di volte. Ma adesso c’era un “prima” che contava di andare molto indietro agli eventi del Tex ventenne. Non stavo davvero nella pelle e di ritorno a casa – approfittando di una mattinata libera – mi apprestai alla lettura intimidito e ancora incredulo per ciò che avevo tra le mani. Le prime pagine, con un’introduzione apposita di Mauro Boselli e gli schizzi preparatori di Del Vecchio furono già un ottimo biglietto da visita. Avevo troppa voglia di leggere la storia, ma mi costrinsi ad aspettare ancora un po’ e non saltai alcuna pagina. Il Tex giovane di Del Vecchio, ritratto a pag. 11, era straordinario. Tutte le illustrazioni erano belle, ma principalmente quel primo piano di Tex, sul quale mi soffermai più e più volte gongolando: “Ci siamo! E’ fatta! E’ lui! Sììì... grande!!”. E seguivano le pose di Ken Willer, ritratto in apertura a pag. 5, gli studi su Mae e gli altri personaggi. L’introduzione di Boselli era puntuale ed esaustiva. Le note storiche sullo scenario geografico che doveva fare da sfondo all’infanzia di Tex erano estremamente coinvolgenti. Non più un anonimo nome sperduto nel territorio del Texas, ma una storia nella storia tratteggiata con pennellate vivide che lasciavano presagire una lettura assolutamente speciale, indimenticabile. Ero lì, seduto nel salotto della mia casa, con una mattinata a disposizione ed un albo epocale tra le mani. “Non ci posso credere, ma sta avvenendo…”, dicevo tra me e me. “Sto leggendo l’inizio di tutto…”. Repubblica del Texas, 1838. Si apre come un grande classico d’avventura western. Gli esploratori e i pionieri da cui partì la nostra Grande Epopea. Sapevo di Jim Bridges e del suo ruolo nella storia. Mi piacque tantissimo trovare in Tex un periodo storico della Frontiera antecedente a quello abitualmente trattato. Mi vennero in mente alcune belle pagine del capolavoro di Gino D’Antonio. Fino a pag. 59, dove Tex appare per la prima volta nel pancione della mamma, l’albo scorre via e avvince in maniera davvero sorprendente, grazie ad una sceneggiatura perfetta, classica com’era giusto che fosse un western atemporale, in grado di collocarsi nei quasi settecento numeri di Tex senza smuovere né stravolge nulla ma al tempo stesso dare ragione di tutto. Capolavoro. Sto leggendo un vero gioiellino, va tutto bene, tutto bene… I disegni di Del Vecchio sono davvero spettacolari. Tratto pulito e altamente descrittivo, rappresentano un punto di congiunzione tra Civitelli e Villa, forse i due artisti a cui sono maggiormente legato. Claudio Villa, in verità mi aveva un po’ deluso per una copertina che finora rappresentava l’unica pecca, non essendo a mio parere particolarmente curata né evocativa (molto migliore, a confronto, quella che l’Autore realizzerà per la riedizione in volume successivamente data alle stampe). Ken e Mae Willer funzionano alla perfezione. Fino ad allora mi ero sempre immaginato Ken Willer come un uomo anziano con i baffi bianchi, perché in genere le figure maschili di Galep quando raggiungevano una certa età portavano i baffi (più di rado la barba). Questo Ken giovane assomigliava molto a Tex, come in effetti avrebbe dovuto essere, un Tex coraggioso ma anche saggio e di un’alta caratura morale. Grazie anche alla matita di Del Vecchio ho ritrovato nella fisionomia di Ken Willer quella fermezza di posizioni e quell’idealismo che caratterizzerà il Tex adulto. Ken è più pacato di Tex, e in questo Sam gli è più vicino, ma sul piano dei valori e dei convincimenti, tutto ciò che sappiamo di Tex appartiene a Ken e da lui gli è tramandato. La dolcezza di Mae la ritrovo invece in qualche tratto un po’ “femmineo” del giovane Kit, i cui tratti somatici rimandano a lei ancor più che alla madre navajo Lilyth. Ci sono delle pagine di quest’albo che sono davvero meravigliose. La tavola n. 65, che ci presenta Tex e Sam bimbetti al funerale della madre. Caratterizzazione assolutamente azzeccata. E poi la n. 93 con un giovanissimo Tex addormentatosi nel suo primo turno di notte con un piatto (di fagioli?) sul petto. Sembra davvero di assistere ad uno di quei vecchi e indimenticati film con James Stewart o John Wayne. E’ tutto perfetto, sceneggiatura e disegni si accompagnano alle perfezione e io mi fermo ogni tanto sprizzando felicità per quest’opera così convincente. L’albo si divide narrativamente in tre parti. La prima, che occupa la metà dell’albo, riguarda Tex bambino ed è a mio pare la più riuscita, per la quale mi sentirei di dare un “dieci più” tanto è perfetta in ogni sua angolazione. La seconda parte, che occupa due terzi del restante albo vede invece Tex adolescente, un Tex alle prime armi e per questo ancora capace di errori, come poi il figlio Kit. Questa parte è molto interessante per gli sviluppi che potrebbe avere in futuro, in quanto vi appaiono dei personaggi che rappresentano una prima versione dei “quattro pards” a cui siamo abituati tutt’ora. E’ una parte più abbozzata in cui solo Damned Dick appare caratterizzato compiutamente. Hutch e Rod sono invece meno delineati e servono al momento solo per arricchire lo scenario dell’adolescenza di Tex. La terza e ultima parte vede salire in cattedra Jim Bridges quando l’azione si sposta al tempo corrente. Ad una prima lettura ho ritenuto questa la parte più debole e ha un po’ smorzato l’entusiasmo provato in precedenza. Tuttavia ad un esame più approfondito quelle pagine finali, talvolta un po’ inverosimili per l’età avanzata del personaggio, danno insieme compiutezza ad un’opera che vede nella “Nueces Valley” appunto, ovvero in uno scenario storico-geografico e nella schiatta di pionieri che lo popola, il suo reale ed autentico protagonista. Jim Bridges a cui Tex concede l’onore di chiudere la storia e di rappresentare l’epopea del West dà a mio avviso la cifra di un eroe che è leggenda sì, eppure “suo malgrado”. Il Tex che fa un passo indietro nei confronti del più anziano eroe e mito d’infanzia, è in fondo ciò che realmente vuol essere: un uomo caratterizzato da un alto senso del dovere e della giustizia, ma anche una figura schiva che non ama mettersi in mostra e parlare di sé. Ecco perché la storia della sua infanzia viene narrata a corollario di un’impresa più nobile e seria. C’è Jim Bridges a cui bisogna dare una mano e a lui, al Vero Eroe del West, è dedicata la ballata di Johnny Horton. In questo non prendersi tutta la scena, nel fare un passo indietro quando occorre, nell’essere (forse) un eroe con “e” minuscola, ovvero senza la consapevolezza di esserlo e la tracotanza che ciò spesso comporta, c’è il Tex che io sento più vicino. Che stimo e che vorrei avere come amico. A Boselli e Del Vecchio il voto più alto per una delle storie più belle. Sicuramente la più importante e difficile e quella che, personalmente, porto oggi nel cuore. (Voto 10)
  4. 1 point
    Non solo un Carson giovane, ma anche un Kit decenne! E con l' arco mantiene le premesse viste ne "Il tranello".
  5. 1 point
    Che bello rivedere un Carson con capelli, baffi e pizzetto scuri!
  6. 1 point
    Mi associo ai complimenti per Barbanera. E complimenti anche a Ymalpas che ha ideato un topic così brillante!
  7. 1 point
  8. 1 point
    Mi autocito per evidenziare un'errata corrige e correggerla... Jim Brandon ha già svolto una missione in borghese al fianco di Tex in un classico come I ribelli del Canada, davvero mi stupisco che possa essermi sfuggito di mente... Se si deve tener conto di eventuali letture politiche nelle storie di Tex, che dire di un caposaldo quale La strage di Red Hill, dove erano in ballo interessi di politica internazionale tutt'altro che indifferenti? Per tacere dello stesso I ribelli del Canada, oppure Patagonia, ma da un certo punto di vista potremmo citare in quest'ottica anche Gli Invincibili, piuttosto che I cospiratori... In Tex storie del genere, che potevano prestarsi a letture politiche (con la conseguente apertura del dibattito relativo alla eventuale e presunta collocazione politica di Tex inteso come personaggio portatore di valori), non sono mai mancate, ma a mio avviso non dovrebbe mai essere persa di vista la questione primordiale, e sin troppo banale, che Tex è un personaggio che è a prescindere contrario a qualsivoglia tipo di ingiustizia, non importa chi ne sia la vittima e chi il carnefice... Di conseguenza, io dico: teniamoci la storia, bella o brutta che possa risultare, senza ingigantirne le implicazioni di risvolto politico . Riguardo la guerra civile messicana, in effetti non sarebbe male una storia in flashback in quel contesto, magari anche pubblicata nella nuova serie... P. S. Sia pure in ritardo, mi unisco alle felicitazioni per l'ispirazione che hai fornito per una storia la cui stesura è stata da poco intrapresa... Complimentissimi, pard !!!!
  9. 1 point
    Primo congratulazioni a Barbanera Secondo grazie a Carlo, sempre aggiornatissimo Terzo strane coincidenze, la storia sceneggiata da Ruju (in sardo Rosso) è disegnata da Rossi (Rossano, non un Rossi qualunque) e si intitola Ritorno a Redrock (non c'è bisogno che traduca vero?)
  10. 1 point
    No Bob, la lettura tra le righe va ben oltre le intenzioni. "chi se ne importa di quello che pensi tu" è un concetto che non mi appartiene e non mi sognerei di esprimerlo neanche tra le righe, anzi il mio lavoro mi porta ad ascoltare e cercare di capire le ragioni degli altri, che si tratti di pazienti, familiari, colleghi o collaboratori Per cui continua tranquillamente a esprimere il tuo punto di vista senza pensare che io possa non averne rispetto. Il mio "basta che ci sia Tex" altro non era che un auspicio che quello che leggeremo sia il Tex che tutti conosciamo e riconosciamo. E non ho dubbi che con Boselli questo sia garantito.
  11. 1 point
    La serie regolare, che proprio questo mese compie 60 anni di presenza in edicola (il primo numero uscì infatti nell'ottobre del 1958) e che si appresta a raggiungere i 700 numeri, è la colonna portante di tutta la produzione texiana e per motivi affettivi resta la mia preferita e quella che seguo con più attenzione e nella quale ritengo sia maggiormente necessario il rispetto dei canoni. Le serie vintage, dalle strisce agli Albi d'Oro e relative raccolte, ma anche la Raccoltina rossa, hanno un indubbio fascino oltre al notevole valore collezionistico. Penso che poterle avere sia un desiderio che accomuna molti texofili. I Texoni che propongono interpretazioni grafiche del mondo di Tex da parte di veri maestri del disegno, sia interni che esterni alla serie, sono, dopo la regolare, quelli che apprezzo maggiormente per l'elevata qualità media che li contraddistingue. I Maxi che si caratterizzano per l'elevata foliazione, salvo non rare eccezioni che hanno presentato ottime storie, hanno finito per essere accostati a una sorta di collana di scarto, sulla quale concentrare storie che per vari motivi sono state ritenute qualitativamente inferiori allo standard della serie regolare. Per il momento non è stato sufficiente il tentativo di nobilitare la collana con storie come Nueces Valley, se poi si è costretti a veder pubblicate storie ancora una volta, ahimè, sotto standard. I cartonati alla francese, la vera grande innovazione rispetto alla tradizione, finora hanno presentato storie di grande qualità con un'ottima cura di confezionamento, dalla scelta dei materiali alla struttura dei racconti fino alla realizzazione grafica e le colorazioni proposte. Infine le storie plasmate su color brevi e lunghi e Magazine con quest'ultima collana, che ad eccezione dell'ultimo celebrativo dei 70 anni, continua ad essere gravata dal retaggio della vecchia struttura da Almanacco. Le storie a colori lunghe non hanno, ad oggi, presentato storie memorabili e personalmente non appartengo, per ragioni anagrafiche, alla categoria degli amanti del colore (salvo la succitata eccezione dei cartonati). Apprezzo invece molto le storie brevi che consentono di valutare le interpretazioni di nuovi autori alle prese col ranger e che possono fornire nuove forze da aggiungere al ristretto numero di autori attualmente impegnato a portare avanti la testata. Se fosse in mio potere penserei di sostituire le attuali tre uscite di Magazine, color lungo e brevi,con un unico format quadrimestrale con le caratteristiche di un vero Magazine che accolga, con maggior flessibilità, articoli di approfondimento e più storie di lunghezza variabile tra le 32 e le 160 pagine, indipendentemente dal fatto che siano colorate. Potrebbe essere un contenitore dove eventualmente ospitare anche storie finora dirottate sul Maxi riservando a quest'ultima collana una maggiore attenzione qualitativa.
  12. 1 point
    Le offese mi pare hai cominciato tu a farle. Ti faccio cadere le braccia e non conosco Pratt? E poi ti lamenti se qualcuno ti fa notare che dici un sacco di amenità. A me pare solo che di argomentazioni ne ho portate a sufficienza e tutte con la massima cortesia, argomentazioni cui non ho avuto risposta se non quella del 1948/49. Ritieni che Pecos Bill sia tutto quello che hai detto e poi mi vieni a dire che hai letto solo qualche passo? Io li ho letti tutti decine di volte, li ho studiati, ho esaminato le differenze tra le due edizioni Mondadori. Sono un'esperta (almeno credo). E tu cosa sei? Un catalogatore? E poi cosa vuoi dimostrare con tutte quelle citazioni? Che solo tu sei capace di letture "impegnate"? Gli altri cosa leggono? Fanciullerie? Sii un pochino più modesto e tratta gli altri con più rispetto, se vuoi essere rispettato.
  13. 1 point
    Tex è un'opera di FANTASIA, ambientata in un west fantastico che esiste solo nel cervello di chi scrive le storie. Possono essere belle storie, storie così così o brutte. Aderenti ai fatti storici solo quanto e quando serve.
  14. 1 point
    Come al solito non capisci o non vuoi capire. Tex deve essere rigidamente coerente con la Storia e tutti gli altri possono fare quello che vogliono? Bellissimo, mi piace. E poi non è vero che a quell'epoca non c'era possibilità di documentazione. Conosci Pecos Bill? No? Non ti interessa? Se ti va di fare uno sforzo, cerca di leggere qualche albo. Nella seconda di copertina dei primi 65 numeri c'è l'elenco di tutti i testi che l'autore Guido Martina ha consultato per documentarsi. Poi ha fatto un Davy Crockett pancione che risulta vivo 12 anni la "propria morte" e una Jane Calamity che nasceva solo 4 anni dopo la "fidanzatina" di Pecos Bill. E allora? Martina ha fatto finta di leggere la documentazione elencata? No, perché ci sono numerosissimi richiami a eventi poco noti ai più. Diciamo allora che se ne è fregato e ha fatto quello che gli pareva. Ha creato un'opera d'arte che non va per nulla d'accordo con la Storia. Tra parentesi (non me ne vogliano gli estimatori di Tex) il Pecos Bill di Martina è, naturalmente secondo il mio modesto parere, il miglior fumetto che abbia mai visto la luce, di gran lunga più bello del nostro Tex Willer.
  15. 1 point
    Ma abbiamo più volte detto e ribadito che la cronologia di Tex non rispetta pedissequamente quella della storia. Cochise è già morto nell'epoca di Tex, Ely Parker non è più ministro per gli affari indiani e altre incongruenze ce ne saranno. Segno che questi nomi e questi personaggi sono utilizzati nella saga texiana per la loro valenza simbolica, per quello che hanno rappresentato nella storia americana e del West in particolare, ma di fatto nella storia di Tex sono altra cosa rispetto ai loro omologhi reali: sono personaggi di fantasia. Idem per Buffalo Bill e Annie Oakley. Impuntarsi sugli anacronismi su una collana come Tex è un esercizio sterile, non può portare mai a risultati condivisi o condivisibili, la collana non si presta. È un fumetto, non la realtà. Facciamocene una ragione Sulla base di questa premessa, si potrebbe dire che allora Borden non può trincerarsi dietro l'anacronismo per non pensare a una storia con Joe Petrosino. Ma, al di là del fatto che uno usa i personaggi che gli pare, Joe Petrosino è più un personaggio del novecento che dell'ottocento. Mentre Cochise, Buffalo Bill, Ely Parker sono nomi legati al West, e quindi pertinenti all'epoca di Tex, di cui anzi sono dei simboli, Joe è un personaggio dei primi del novecento, un'icona che nell'immaginario collettivo non è mai associato all'epopea della Frontiera, dentro la quale si colloca Tex. In questo senso Petrosino è anacronistico, gli altri personaggi no, indipendentemente da quando sono vissuti o dalla data della loro morte. Importa l'epoca che hanno caratterizzato (il West ottocentesco), non i confini temporali delle loro esistenze terrene.
  16. 1 point
    Io non ho letto nessun intervento "ad cazzum" di ElyParker o che ti contraddicesse (anzi nel secondo ti dà pure ragione), ma solo pacate considerazioni su un tema generale (il legame tra Tex e la Storia). Le cose che non accettiamo in un forum sono questi interventi in cui si alza la voce (o meglio si sbraita) contro gli altri utenti.
  17. 0 points
    Nuovamente complimenti Barbanera, tifiamo tutti per te
  18. 0 points
    Peste! Refusi già da allora... ma allora quelli attuali sono solo commemorativi!
  19. -1 points
    Purtroppo, anche la presenza di Ned Buntline in questa storia e' alquanto anacronistica e forse sarebbe stato opportuno non inserirlo, mi spiego: la storia dei numeri 435/437 (Wild West Show) era da ritenere ambientata alla fine degli anni 80 (1988 circa) ed e' da ritenersi passati almeno un paio di anni con questa storia, che dovrebbe essere ambientata al 1990 circa... Ma la presenza di Buntline, morto nel luglio 1986, fa retrodatare di alcuni anni la storia "Il ritorno del Maestro" 1986) riducendo inoltre a pochi mesi il tempo trascorso con le vicende della storia precedente invece che ad un lasso di tempo piu' lungo, come davano ad intendere le trasformazioni del Maestro durante la prigionia ... questo per la presenza in "Wild West Show" di Annie Oakley che si aggreghera' allo spettacolo di Cody solo nel 1885 (la prima volta) ... Quindi tra la prima storia dei numeri 435/437 passano pochi mesi, si e no un anno, e la presenza di Buntline costringe a retrodatarla alla prima meta' del 1886, quando Tex aveva 48 anni e Cody 40 ...
  20. -1 points
    Comunque, in questa storia tutto si risolve anticipando gli eventi dei numeri 435/437 al 1885 e l'attuale storia al primo semestre del 1886. Diciamo che il Maestro si è fatto un annetto di galera, non di più Poi, non sarei così certo che il buon G.L.B. non fosse attento alla cronologia delle vicende texiane ... infatti, dopo gli anacronismi dei primi tempi pionieristici, alcuni dei quali ormai non rimediabili (Kit Carson), in linea di massima è sempre stato attento a dare una certa coerenza cronologica. Faccio proprio l'esempio del primo incontro tra Tex e Buffalo Bill nei numeri 82 ed 83 del Tex Gigante (non contando "La banda del campesino", che risale ai primi anni pionieristici, appunto ...): la storia è ambientata ai tempi in cui Cody lavorava per la Ferrovia (1868/72) e si cita l'episodio della sfida tra Cody e William Comstock, dicendo che era avvenuta un anno prima (e precisando nelle note che si trattava di un "episodio storico"). Ora, tale episodio avvenne sempre nel periodo in cui Cody lavorava per le ferrovie, ed era già passato un anno dall'incontro con Tex; quindi, il primo incontro tra Tex e Buffalo Bill avvenne tra il 1869 ed il 1872 (ed a questo punto "La banda del campesino", successiva, che non ha comunque alcun riferimento storico, si potrebbe datare comunque intorno al 1973, anche se materialmente realizzata all'epoca della terza serie a striscia, essendo comunque una storia fuori continuity ....). Il fatto che, secondo me, G.L.B. fosse invece attento a certi dettagli cronologici, è avvalorata, oltre che dai riferimenti storici, anche dalla presenza in quella storia dei soli Kit Carson e Tiger Jack, non anche da quella di Kit ... e come avrebbe potuto fare altrimenti G.L.B., atteso che nel periodo 1969/72 Kit era un bambino di 3/6 anni, essendo nato nel 1966?
  21. -1 points
    Mi spiego meglio: liberissimo di fare tutte le "recton" ed i "reboot" che vuoi ma, tra gli eventi de "Il Re del Rodeo" e quelli de " Il Magnifico Fuorilegge" sinora erano convenzionalmente passati diversi anni, la morte di Ken e di Sam non erano per niente avvenute a distanza ravvicinata ..., Tex è nato nel 1838, ed è un dato di fatto, ha sì 20-21 anni all'epoca dell'uccisione del padre Ken ("Il re del Rodeo"), e lo vendica, ma poi lascia il ranch al fratello Sam ed inizia una serie di avventure in solitaria, ed è qui che, convenzionalmente, erano state temporalmente collocate le sue avventure durante la Guerra Civile Americana, tra i primi anni 60 ... . Tex diventa infatti un fuorilegge solo dopo avere vendicato la morte del fratello Sam e non prima: dopo la vendetta del padre Ken Tex era ancora un libero cittadino texano ... Sam muore successivamente alla Guerra Civile, Tex lo vendica e diventa un magnifico fuorilegge", solo che non ha più 20 anni, ma 27, perchè siamo al 1865, e l'anno dopo nascerà Kit... E' inutile voler negare quella che era la cronologia ufficiale sinora nota... Poi, ripeto, sei liberissimo di fare tutti i "reboot" e le "recton" che vuoi, puoi cambiare il passato come e quando vuoi, e ci mancherebbe ... non sei certo il primo nella storia del fumetto, anzi, direi che è questa la regola, ma questo è un altro discorso
  22. -1 points
    Mah ... sono giorni e giorni che si affronta questo argomento e solo ieri sera Borden tira fuori questa storia del romanzo, che se fosse cosi' l'avrebbe detto prima invece che reagire stizzito alle legittime osservazioni, sbeffeggiando gli interlocutori con esoressioni quali "seghe mentali" et similia, spalleggiato dal branco smanioso di cerca compiacerlo ... A me questa del "romanzo" sa tanto di ancora di "ancora di salvezza", di "asso nella manica" da tirare fuori come extrema ratio quando non si sa piu' dove parare, perche' per giorni Borden dava ben altre spiegazioni e non aveva Mai nominato sto' romanzo ... Ma se poi pretendi di giustificare le incongruenze dicendo che Tex, nel "Magnifico fuorilegge: ha 20 anni, beh, quella non e' prova di niente, perche' e' una storia scritta da lui stesso, cosi' come il romanzo, d'altronde ... insomma, Lui se la suona e Lui se la canta ... Liberissimo, e' Lui l'autore ed oggi ha carta bianca, e platea consenziente per dire che le cronologie di studiosi ed appassionati "non contano una verza"..? Ma gli autori passano, il personaggio resta, e probabilmente un domani ci sara' chi fara' un nuovo reboot anche delle sue storie ...
  23. -1 points
    fumetti di altissima qualita' ce ne sono tanti anche nell'Anteguerra e Dopoguerra ed io ne leggo sempre con entusiasmo: il primo Mandrake, il Tarzan di Al Foster, il Kit Carson di Albertarelli, Topolino di Goffredson, Saturno contro la Terra, Zorro della metropoli e Marco Za di Cesare Zavattini, Faust, Will Sparrow di Kurt Caesar, le storie degli Albi Salgari, le storie di mare di Franco Caprioli; Un uomo contro il mondo ed in generale tutte le storie di Zavattini, Pedrocchi e Scolari; Il fiore inaccessibile di Bagnoli; Asso di Picche di Hugo Pratt; Mani in alto di Roy D'Amy; Terry e i pirati, Steve Canyon e tutte le storie del grande Milton Caniff e, naturalmente, Tex Willer ... Ritengo i 103 Albi d'Oro Avventurosi una delle piu' belle collane del fumetto, e li ho letti tutti con piacere, cosi' come i Topolino anni 30, i primi Flash Gordon di Alex Raymond, gli Albi Salgari e tanta altra bella roba ... Agli appassionati del fumetto il materiale non manca di sicuro
  24. -2 points
    Non sono d'accordo, se intervieni su un discorso riguardante una storia inedita, è condizione sine qua non che tu l'abbia letta, altrimenti è solo cazzeggio ... altrimenti è come parlare di aria fritta e questo vale per tutti... comprate l'albo, leggetelo e poi intervenite ... la libertà di espressione non c'entra un tubo ... nessuno la nega ... ma qua stiamo parlando di un altro concetto, che si chiama "onestà intellettuale" Perchè qui nessuno viene a perdere il proprio tempo per parlare del nulla ...
  25. -2 points
    Senza rancore, ho già detto tempo fa che gli autori non dovrebbero partecipare ai forum ... troppo coinvolti emotivamente per essere lucidi ...
×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.