Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum

Gianfalco

Cowboy
  • Contatore Interventi Texiani

    60
  • Iscritto

  • Ultima attività

Reputazione nella comunità

1 Neutra

Info su Gianfalco

  • Rango
    Timido pubblicatore

Visitatori recenti sul profilo

1173 visualizzazioni del profilo
  1. Gianfalco

    Una Nuova Raccolta Di Figurine Dedicata A Tex?

    Ciao a tutti, avete letto che tra gli eventi di Lucca c'è questo? Sabato 31 ottobre Ore 17:30, presso lo Stand Panini, il disegnatore di Tex Alessandro Piccinelli presenterà l'album di figurine di Tex. Non ho trovato altre notizie in rete ma certo questo vecchio sondaggio torna d'attualità!
  2. Gianfalco

    Acquisti Fumetti Online

    Riedizioni DeLuxe contro la pirateria? chi cerca edizioni pirata non vuole pagare nemmeno un euro.
  3. Gianfalco

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    Luigi Corteggi, nato a Milano e diplomatosi all'Accademia di Brera, è pittore, illustratore, grafico pubblicitario. Esordisce nel campo dei fumetti all'inizio degli anni Sessanta. Per l'Editrice Universo disegna il fumetto umoristico Banana e Penny e nel 1965 viene assunto dall'Editoriale Corno, dove cura la grafica di tutte le pubblicazioni creando marchi e testate. Disegna dapprima alcune storie di Maschera Nera per poi iniziare l'avventura di Kriminal e Satanik, due mitici personaggi del genere nero all'italiana creati da Magnus e Bunker, che lo proiettano definitivamente nell'olimpo dei grandi illustratori. Collabora in seguito come disegnatore e inchiostratore anche ad altri personaggi come Gesebel e Alan Ford, del quale realizzer? anche le prime dodici copertine. Realizza il personaggio Thomas, da un proprio soggetto western del 1969. In seguito, all'arrivo dei supereroi della Marvel dall'America ne cura tutte le testate italiane. Nel 1975 lascia la Corno ed entra alla Bonelli Editore come Direttore Artistico. Cura inoltre la nascita della Collana America e di Un uomo Un'avventura. Sua l'ideazione dei logo di tutte le pubblicazioni della Bonelli a cui dona un'eleganza grafica mai raggiunta prima nel fumetto. Dopo aver fatto esperienza nel campo informatico realizza disegni e ambientazioni per moltissimi videogiochi. Viene considerato dalla critica specializzata il più famoso Art Director del mondo del fumetto italiano.http://www.comicon.it/ospite. php?id=122Domani 15 marzo lo trovi a Cartoomics all'incontro per i 50 anni dei personaggi di Max Bunker, Kriminal e Satanik: i neri che sconvolsero l'Italia
  4. Gianfalco

    Milo Manara

    Intanto che Manara e Bonelli si mettono d'accordo per un intero albo, potrebbero chiedere a Manara la copertina per il prossimo color Tex, visto che l'ultimo non l'ha fatto Villa e nemmeno chi ha disegnato le storie all'interno, la copertina affidata a Manara non sarebbe una cosa strana. Per me 12.000 euro non sono una cifra assurda, e non si possono paragonare i prezzi di una litografia con un'opera originale.
  5. Gianfalco

    Milo Manara

    Questo disegno di Tex di Milo Manara è andato in asta il 19 ottobre scorso da Little Nemo, è stato aggiudicato a 12.000 euro: Dopo aver conosciuto Aurelio Galleppini, non ho potuto più pensare a Tex senza che alla sua immagine si sovrapponesse quella del grande disegnatore. Tex mi si presenta alla mente col cappellone, le pistole e tutto il resto, ma col volto di un signore gentilissimo, con gli occhi infossati e cerchiati e con un sorriso dolce e malinconico. Naturalmente, concentrandomi un po', Tex riacquista i connotati che tutti conosciamo, ma quel sorriso tra il dolce e il malinconico non sono mai riuscito a cancellarlo del tutto. Milo Manara (dal Corriere della Sera del 17/11/2013 nell'inserto La lettura)
  6. Gianfalco

    [color Tex N.4] L'uomo Sbagliato E Altre Storie

    Oggi sull'inserto del Corriere della Sera "La lettura" ci sono due pagine dedicate a Tex con la notizia dell'uscita del Color Tex e cinque schizzi preparatori della copertina di Laura Zuccheri presentata come "La prima donna a disegnare il personaggio di Tex. Vive in Germania ed è pittrice: sue opere saranno in mostra a Milano nella collettiva "Alle radici" presso la galleria Salomon dal 21 novembre". Nell'articolo dal titolo "La donna di Tex" troviamo interventi di Michele Masiero, Mauro Boselli e della stessa Zuccheri che dice "Mi piacerebbe disegnare una storia che lo mettesse di fronte al dramma di un emarginato". Chiude Boselli che alla domanda "Un Tex dalle emozioni profonde, magari in lacrime, si potrebbe fare?" risponde "Non si può fare perchè non sarebbe capito dai lettori"Tra i vari disegni che corredano l'articolo troviamo anche un disegno a colori di Tex di Milo Manara.
  7. Gianfalco

    Cartonati Di Tex

    Il libro è uscito, la copertina è leggermente diversa rispetto a quella in anteprima, soprattutto nei colori, il marrone è diventato azzurro.
  8. Gianfalco

    [Texone N. 18] Ombre Nella Notte

    Ho preso il Tex stella d'oro e a pagina 76 è tornato Tiger al posto di Carson ::evvai:: Invece a pagina 201 ci sono sempre tre fori di proiettile.
  9. Gianfalco

    I Supermiti

    Un estratto dell'introduzione di Franco Busatta al primo dei quattro volumi (preso dal sito www.librimondadori. it): Missione impossibile? Se non è una missione impossibile questa: rimettere ordine nella continuity delle vicende che hanno portato Tex a diventare l'inconfondibile eroe che conosciamo oggi, un Ranger senza macchia e senza paura che si muove, insieme ai suoi pards, per portare la giustizia in un territorio di Frontiera troppo spesso segnato dalla violenza, dal sopruso e dall'iniquit?! Un'impresa più facile a dirsi che a farsi, la nostra. I quattro volumi di questa serie intendono raggruppare e ripresentare in ordine cronologico le storie che hanno fatto la Storia di Tex, quegli episodi che hanno rappresentato le tappe evolutive fondamentali del più celebre character bonelliano, siano essi raccontati in tempo reale o in flashback. Ed è proprio una vicenda in flashback, Il passato di Tex, ad aprire questo volume, raccontata in prima persona dall'eroe stesso ai suoi pards, seduti davanti al fuoco di un bivacco, mentre tutt?intorno a loro, nelle sterminate e desertiche lande che li circondano, immersi nel vuoto della notte, sembrano riprendere vita i fantasmi del tempo che fu. Pubblicato per la prima volta a striscia nel 1967, dopo quasi vent?anni dall'esordio della serie in edicola, Il passato di Tex colpisce innanzitutto per la riproposta del personaggio nelle vesti originarie. Il cambiamento del costume è fino ad allora non c'eravamo nemmeno accorti che si trattasse di un costume vero e proprio è era avvenuto in modo molto lento, graduale, senza che se ne fosse reso conto, con tutta probabilità, nemmeno lo stesso Aurelio Galleppini. Ma se Il passato di Tex è inequivocabilmente da porre come pietra iniziale nell'edificazione della saga texiana, la missione davvero impossibile è dove collocare cronologicamente Tra due bandiere, il secondo episodio di questo volume, dato alle stampe in origine nel 1970. Abbiamo a che fare con una storia, sempre narrata in flashback, ambientata sul fronte della Guerra di Secessione, che presenta Tex, inizialmente, nel ruolo dell'allevatore. Ma quando mai lui avrebbe mostrato, in altri albi della serie, un qualche interesse per questa attività? Anche alla luce del fatto che ne Il passato di Tex se ne va dal ranch paterno affermando: ?Sia detto fra noi, di polvere ne ho mangiata anche troppa stando dietro le mandrie!?. Dato che gli avvenimenti narrati in Tra due bandiere non possono essere considerati precedenti a quelli de Il passato di Tex, e che poi, in seguito, il personaggio alterner? il ruolo di fuorilegge a quello di Ranger (fino a diventare, per di più, Capo Navajo e Agente indiano), risulta veramente problematico inserire ciò che accade qui in un momento preciso della vita di Tex. Insomma, si ha la tentazione di interpretare l'episodio più come una sorta di ?What if?, una vicenda ipotetica del tipo ?Cosa sarebbe successo a Capitan America se il nazismo non fosse stato sconfitto??. O forse è da considerare alla stregua delle storie di Carl Barks, come Paperino nel tempo che fu. Di certo, Gianluigi Bonelli condivideva col cartoonist disneyano la medesima libertà creativa, la stessa necessit? di raccontare soprattutto in base all'estro e all'ispirazione del momento, senza preoccuparsi di quella continuity che nei decenni successivi sarebbe diventata pressoch? di rigore, in molti campi fumettistici. Comunque sia, Tra due bandiere rappresenta uno dei picchi dell'arte di Bonelli & Galep. è una delle vicende più emozionanti e meglio disegnate dell'intera collana. Sullo sfondo di un conflitto fratricida, Tex scende in campo a favore dei Nordisti, pur essendo un texano, senza però arruolarsi. La classica monoliticit? di Tex si misura qui con una tragica realtà, fino a un memorabile finale nel quale il Nostro è costretto a guardare in faccia l'intrinseco orrore di una guerra che aveva portato soltanto violenza, distruzione e morte spaccando a metà gli Stati Uniti. ?All'inferno le guerre! All'inferno tutti gli sporchi e pazzi politicanti che con le loro dannate chiacchiere seminano incomprensione e odio fra la povera gente!?: con queste parole, Tex chiude una delle pagine più dolenti del proprio passato, inscritta in uno dei frangenti più drammatici e controversi della storia nordamericana. Franco Busatta
  10. Gianfalco

    Il Mercato Di Tex

    Vedo che molti si sono cimentati nell'ipotizzare le vendite del futuro ma nessuno ha pensato di aggiungere le copie digitali: non pensate che il modo per reagire al calo delle copie cartacee sia quello di cominciare a vendere le copie digitali?Se "quest'anno TUTTO è andato male tranne i costosissimi I-pad e I-phone" diamo a questi acquirenti la possibilità di acquistare la loro copia di Tex!
  11. Gianfalco

    L'arte Di Galep

    E' uscito L'arte di Galep pubblicato dalla Panini Comics. Sul sito della casa editrice c'è questa presentazione: Il ricordo di un grande autore: Aurelio ?Galep? Galleppini, creatore grafico di Tex e disegnatore di centinaia di tavole e copertine dedicate al cowboy più celebre del fumetto italiano. Lo scrittore e cantautore Graziano Romani (My Name Is Tex, Gallieno Ferri: una vita con Zagor, Giovanni Ticci: un americano per Tex, Guido Nolitta: Sergio Bonelli sono io) ci racconta la vita di Galep, la sua storia personale e la sua evoluzione artistica, attraverso una serie di immagini a colori e in bianco e nero, molte delle quali mai pubblicate prima d'ora. Un volume celebrativo per uno dei più grandi esponenti dell'arte a fumetti. 21x29, B., 128 pp., b/n e col. prezzo di copertina: è 22.00 Questa è la copertina: http://static. blogo.it/comicsblog/c/c99/larte-di-galep.jpg Da aggiungere alla lista dei regali di Natale da farsi fare?
  12. Gianfalco

    Posizione Geografica Del Villaggio Centrale Della Riserva Navajo

    Esiste un libro di Aurelio Sangiorgio (che purtroppo non ho) intitolato "In viaggio con Tex. La geografia del Far West in cinquant'anni di avventure del più famoso personaggio del fumetto italiano" che ci potrebbe essere utilissimo, purtroppo non è facile reperirlo.
  13. Gianfalco

    Posizione Geografica Del Villaggio Centrale Della Riserva Navajo

    I riferimenti che hai indicato si trovano in Tex Willer. il romanzo della mia vita di Boselli. Il percorso che compie il giornalista che vuole intervistare Tex per arrivare al villaggio centrale della riserva ha come punto di partenza il Trading Post di Kayenta; da l' prosegue a dorso di mulo verso i Monti Navajos: "Il villaggio centrale della riserva sorge su un'ampia e ventilata terrazza naturale, circondata da una foresta di pini ponderosa".
  14. Gianfalco

    Il Giornale Di Sergio Bonelli Editore

    Anch'io non leggo le anticipazioni sul numero successivo perchè non voglio avere anticipazioni sulla storia ma la copertina mi dispiacerebbe non trovarla. Per le pubblicit? accetto ben volentieri quelle di altre pubblicazioni Bonelli, non sopporterei quelle di altri prodotti.
  15. Gianfalco

    Tex vive o sopravvive?

    Io non direi che la tecnologia remi contro, o meglio secondo me si può subirla ma si può anche utilizzarla a favore. Ci sono già fumetti che si possono leggere sia in versione cartacea che su tablet: lo so che adesso ci saranno tanti messaggi di chi non riesce a concepire di non avere tra le mani l'albo per sfogliarlo ma secondo me ci può essere, e magari ci sarà sempre più in futuro, una fetta di pubblico che un albo a fumetti non l'hai mai sfogliato ma invece andr? su internet a scaricarsi l'ultimo numero uscito. Cosè come tanti hanno scaricato il Magazine e non hanno sentito l'esigenza di stamparlo per leggerlo. Un salutoGianfalco
×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.