Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum

gilas2

Allevatore
  • Contatore Interventi Texiani

    310
  • Iscritto

  • Ultima attività

Tutto il contenuto pubblicato da gilas2

  1. gilas2

    [151/154] Una Campana Per Lucero

    E' chiaro che avrebbero mentito (fosse anche solo per salvargli la pellaccia dal sicuro capestro, insomma, dal loro punto di vista 'a fin di bene')
  2. gilas2

    [151/154] Una Campana Per Lucero

    Faccio solo notare che, tecnicamente, la morte di Lucero non l'abbiamo mai vista. E' stato ipotizzato più volte che 'potrebbe' anche non essere morto
  3. gilas2

    [Tex Willer N.0]

    Infatti, finchè non esce il primo numero stiamo discutendo del nulla Adios.
  4. gilas2

    [Tex Willer N.0]

    Ehm... in nessuno dei tuoi post l'hai scritta correttamente. Nemmeno in questo qua sopra. Al posto tuo cambierei cellulare
  5. gilas2

    [Tex Willer N.0]

    E non li conosco no, perchè il termine "recton" non esiste (salvo ricordare vagamente termini come 'rectoscopy', e non credo sia il caso...) Il termine esatto - come in effetti ricordavo qualcuno aveva già precisato tempo fa - è RET-CON (RETrospective CONtinuity). E per sapere se si tratta di ciò non rimane che aspettare e leggere
  6. gilas2

    [Tex Willer N.0]

    "Siamo ancora a questo? Sei davvero indietro di decenni nelle discussioni texiane se ancora ti attacchi all'automobile, incongruenza storica rimossa ufficialmente da decenni" Se è ancora ufficialmente nella serie, non la puoi 'rimuovere ufficialmente'. Verba volant, scripta (e 'disegnata' manent). Il punto è che, per quanto la cronologia texiana sia stata inserita in un determinato contesto storico, rimane un'opera di fantasia e non un fumetto storico nè tantomeno una serie di Superquark con pretese didattiche. Gli autori - GLB, Nizzi, Sergio Bonelli, e Boselli stesso, possono benissimo concedersi licenze poetiche, narrative, storiche, temporali, e a volte anche 'cantonate' come Pat che guida l'auto, od inverosimili trovate come personaggi che volano in mare da mura di carceri o da scogliere a picco senza farsi un graffio, decine di proiettili che scalfiscono fronti facendoli svenire o perdere la memoria invece di far saltare la zucca, "uno contro venti". Sappiamo tutti benissimo che quando GLB ha cominciato a scrivere Tex non aveva alcune idea che il personaggio sarebbe 'sopravvissuto' in edicola oltre le prime strisce (il personaggio sul quale puntava era Occhio Cupo), quindi erano strisce senza un progetto e senza tantomeno una cronologia ufficiale definita, e quindi chissenefrega se le date erano messe a caso, se spesso i nomi dei luoghi erano scritte in maniera errata, se i Navajos avevano le penne e le piume in testa, se lasciava degli enormi buchi di anni tra un episodio e l'altro. La narrativa si base per definizione sulla "suspension of disbelief", fin dai tempi di Omero e Virgilio. Se uno pretende di spiegare razionalmente opere di fantasia e di immaginazione, rischia di andarne della propria sanità mentale come un personaggio di Lovecraft. Di fatto, non sarà nè un 'reboot' nè un 'remake' nè tantomeno un 'recton' come lo intendi tu, e non ci saranno universi paralleli alla Nathan Never. Pensa ai pezzi mancanti di un puzzle od un mosaico. Se non ti sta bene, non possiamo farci niente. Questo è.
  7. gilas2

    [Tex Willer N.0]

    E dove hai letto che questa miniseria sarebbe un 'reboot' od un 'recton' (se ghè??)? Sono storie inedite che completano l'affresco iniziale e NON raccontano punti nodali della cronologia texiana in modo diverso da quello già letto e già noto. Ah senti, ma di Pat Mac Ryan che guida l'automobile che ne pensi? dove lo collochi nella cronologia ufficiale?
  8. gilas2

    [Tex Willer N.0]

    Ma sono storie 'non viste' (o mai viste prima) essendo inedite, quindi per definizione non sono un 'remake'. Le 'cose già narrate' saranno al massimo 'incidentali', incroci, ma non costituiranno il fulcro od il tema centrale di questi - appunto - inediti e non conterranno niente di nuovo, se non per il disegnatore chiamato a narrarle, per ovvi motivi. Salvo pretendere che i nuovi disegnatori scopiazzino per filo e per segno le vignette del primo Galep o, addirittura, alternare vignette 'inedite' con un copia ed incolla di quelle delle prime strisce
  9. gilas2

    [Tex Willer N.0]

    Dissento da questo concetto di 'remake',.. il remake, ovvero il rifacimento, significa presentare in veste 'moderna' qualcosa che è già stato visto in passato, come nei tanti remake di film o telefilm, dove la storia di fondo rimane la stessa, ma alcuni aspetti (ad esempio l'abbigliamento, o le armi, o la tecnologia) vengono 'ammodernati'. E certo non è un 'reboot', ovvero ricominciare da capo un filone narrativo del passato con alcuni elementi distintivi riconoscibili (a partire dal protagonista, Spiderman o Batman che sia per esempio) ma con storie e snodi narrativi che si sviluppano in maniera completamente diversa. Questo perchè laddove questa "mini" (ma mini mica tanto) serie inedita incrocerà gli eventi già narrati nella serie regolare, questi ultimi non cambieranno di una virgola. Diciamo che assomiglia più al completamento di un enorme puzzle di cui in passato abbiamo visto tutti o quasi i pezzi più importanti ma quelli che mancano non solo lo completano ma possono riservare ancora delle sorprese interessanti
  10. gilas2

    [696/699] L'ombra del Maestro

    Certo che ce ne vuole per fare ipotesi su GL Bonelli e le sue intenzioni, e che la stragrande maggioranza di noi ha mai visto o tantomeno conosciuto di persona, e contraddire chi ci ha lavorato gomito a gomito per anni se non per decenni.
  11. gilas2

    [Tex Willer N.0]

    ora si, l'avevo già vista qualche giorno fa sulla pagina FB della bonelli
  12. gilas2

    [Tex Willer N.0]

    l'immagine non si vede
  13. gilas2

    [Tex Willer N.0]

    Magari i Rangers non erano solo in Texas, ma ce n'erano anche altrove nei vari stati del West. Magari c'erano anche i Rangers in prova od in addestramento, che ancora non potevano fregiarsi della stella Magari c'erano i 'gradi' anche tra i rangers e quelli con la stella erano l'equivalente degli 'special agents' dell'odierno FBI, quindi un gradino sopra i rangers/agenti normali Marshall già negli anni '50 non dava l'idea di uno che sotto di sè avesse 'solo' tre rangers Vado a memoria ma già in 'Assalto al posto n.6' di rangers si suppone ce ne fossero già diversi oltre a Tex e Carson nel dare gli allarmi ai vari forti ed ai ranch che sarebbero stati assaliti dagli indiani da lì a poco Di spiegazioni ce ne possono essere molte
  14. gilas2

    [Maxi Tex N. 23] Deserto Mohave

    Se dovessimo metterci a sindacare su tutte le 'improbabilità' che sono apparse nel corso di settant'anni...
  15. gilas2

    [696/699] L'ombra del Maestro

    Mesi, non penso. L'isola è inospitale e fuori dalle rotte frequentate, dopo aver sconfitto il Supremo l'esercito messicano non aveva nessun interesse a rimanere. Secondo me son passate al massimo due o tre settimane dopo la conclusione della storia del Il Supremo (forse anche meno). Magari si tira un po' la cinghia ma si sopravvive Quanto alle grotte, niente di più facile che andando e venendo in continuazione per conto del Supremo, le zone costiere le conoscessero già (Castle dà questa impressione mentre arrivano verso la costa) ed anche molto bene.
  16. gilas2

    [Maxi Tex N. 23] Deserto Mohave

    Oklahoma tra l'altro mi fa sempre pensare all'incipit di "Supergiovane" con la voce di Mangoni "Argento vivo... sbiancate... figu... Oklahoma!"
  17. gilas2

    [696/699] L'ombra del Maestro

    Gl Uomini Giaguaro credo, ma posso sbagliarmi
  18. gilas2

    Nuovo Utente . Ho bisogno di consigli :)

    Su UBCfumetti dovresti trovare le storie 'raccolte' per albi.
  19. gilas2

    Tex - 70 anni di un Mito

    E poi se abiti o lavori a Milano è festa anche il 7, essendo Sant'Ambroeus il santo patrono. Augh ho detto.
  20. gilas2

    [139/141] Adios, Amigo!

    Non è in "Arizona" che Kit tira a tradimento due candelotti ai messicani e poi dopo il botto sogghignando esclama "Bel colpo!" ?
  21. gilas2

    Nuovo Utente . Ho bisogno di consigli :)

    Ognuno ha le sue preferenze, quindi aspettati non dieci ma almeno cinquanta titoli diversi La cosa più logica sarebbe leggerli cronologicamente... ma capisco anche che 700 albi più le decine di speciali è un compito improbo. Sicuramente i primi 30-40, poi in ordine sparso Il Giuramento El Muerto Vendetta Indiana Il massacro di Goldena Tra due bandiere In nome della legge I Cospiratori Tutti quelli dove compaiono Mefisto e poi Yama La tigre nera Il solitario del west Tra gli speciali Oklahoma Patagonia Il magnifico fuorilegge Nueces Valley ma la lista ne comprende molti altri...
  22. gilas2

    [Maxi Tex N. 23] Deserto Mohave

    No di certo, ma alla fine è il curatore che ha l'ultima parola su dove e quando pubblicarle (credo). Certo di Manfredi meglio questa di, per dire, Oro Nero. Comunque il discorso 'degna della serie regolare' vuol dire solo che, vendendo ovviamente più copie, sarebbe stata più letta sulla serie 'ammiraglia' e non su uno speciale che volente o nolente vende molto meno.
  23. gilas2

    [696/699] L'ombra del Maestro

    Ho letto il primo albo e come antipasto non è niente male Ancora non ho capito come mai Dotti (e solo Dotti) disegna il cappello di Carson con la fascia a 'monete', ma non importa, sarà una specie di sua 'firma' Piuttosto, il fatto che per 'fare da esca' Buffalo Bill abbia fatto venire i pards a New York è solo una coincidenza o c'è qualche indizio della presenza del Maestro dei suoi complici nella metropoli? ps. per vedere pestare un po' di limoncini bisogna aspettare un altro mese. Peste!
  24. gilas2

    [696/699] L'ombra del Maestro

    L'ultimo ritorno di Mefisto disegnato da Villa si è aperto con il lungo prologo a Parigi e poi negli Stati Uniti di Lily ed il marito insieme al maestro Narbas, prima di vedere comparire Tex
  25. gilas2

    [Maxi Tex N. 23] Deserto Mohave

    Nell'introduzione, quel "benchè colpito da pallottole, lame e frecce, sortilegi soprannaturali, pugni, esplosivi, terremoti, incendi, tornados ed alluvioni" mi ha ricordato l'ormai classico "mi puoi sparare, pugnalare, ammazzare di botte, tirare le bombe, ma..." dell'ispettore Coliandro Appena finita la prima storia, quella di Manfredi/Nespolino. Per me è eccellente (forse anche degna della serie regolare!) La seconda storia, di Faraci/Ginosatis, rimane invece una buona spanna al di sotto. Poco meno di ordinaria amministrazione.
×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.