Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

San Antonio Spurs

Allevatore
  • Content Count

    378
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

San Antonio Spurs last won the day on October 30 2020

San Antonio Spurs had the most liked content!

Community Reputation

25 Good

About San Antonio Spurs

  • Rank
    Scrittore
  • Birthday 05/12/1960

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    Leggere e scrivere
  • Real Name
    Franco Montorro

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    43
  • Favorite Pard
    Kit Carson
  • Favorite character
    Mefisto

Recent Profile Visitors

2,186 profile views
  1. Il livello rimane alto e mi fa piacere notare come ruotino bene i comprimari, o chiamiamoli attori non protagonisti, ognuno dei quali - amici o rivali - dà un contributo importante alla storia. Tex cresce grazie ai loro aiuti o ai loro agguati e a parte l'istruzione fondamentale degli inizi da parte di Gunny Bill la sua esperienza aumenta. Cresce, si affina proprio grazie a loro. Che si chiamino Soledad o Jimmy, Rebo o Coffin, l'istruzione è esemplare. Vale anche oggi: puoi avere delle grandissime doti, ma per migliorarle devi (in)(scon) (confronta)rti con qualcuno. Ed è quello che succede nella serie Tex Willer
  2. So che andremo avanti un bel po' a forza di illazioni. Il che conferma le positività del progetto: creare attesa e discussione (moderata) Fra Tex e Zagor ci sono 28 anni di differenza, quindi - ad esempio - nel 1858 Tex incontrerebbe uno Zagor più o meno della sua età nella serie mensile. Lima un annetto di qua, un annetto di là, ci sta. Se l'incontro avvenisse sulla serie dello Spirito con la Scure, ci sarebbe anche una macchina del tempo; a parti invertite penso proprio di no. E adesso mi ritiro, aspettando senza fretta: quando saranno svelati gli arcani avrò pur sempre un anno di più e non ne ho 21. Mi godo con calma tutto quello che arriverà prima.
  3. In effetti, storia che zoppica sia nel primo che nel terzo albo e che, ripeto, temo si concluda troppo in fretta nel quarto. Viene dichiarato fin da subito che i pard e Montales sono riconosciuti e identificati, poi la storia si dirama fra i pollastri di Sebastian e i complottisti nelle città; con sviluppi assai prevedibili in entrambi i casi. Aspetto la fine, immagino verso pagina 80 del numero di febbraio, per dare un voto, ma il racconto complessivo mi sta progressivamente deludendo.
  4. Storia purtroppo in raoidocelino, con molti sprechi: vedi la sparatoria da pagina 14 e l'ennesima riproposizione di una Dark Lady per Kit Willer.Temo un altro finale affrettato, perché poi i pard devono comunque ricongiungersi.
  5. Scrivo a Claudio Villa: "Una curiosità. Sulla copertina di "La negra muerte" i tre avversari di Tex hanno armi diverse: coltello, fucile e lancia. Scelta casuale o no?". Risposta: "Niente è casuale sulle copertine". E faccina sorridente. "
  6. Non ho ancora avuto tempo di leggere il terzo numero della storia, laconiche spero di colmare questa sera, però rilevo una curiosità: in copertina i tre "avversari" di Tex hanno ciascuno un'arma diversa: coltello, fucile, lancia. Chiederò a Claudio Villa su Facebook se è un caso o no.
  7. Devo essere l'unico uomo al mondo a cui non piace la cioccolata (e i dolci in genere) e "Patagonia", ma da tempo me ne sono già fatto una ragione. Non infierite, ché siamo sotto le Feste ;-)
  8. Ho trovato in rete questo articolo di Luigi Bernardi, per anni editore di Magnus, in un articolo apparso sul volume celebrativo "Al servizio dell'eroe", della Punto Zero (articolo che confesso di non ricordare, anche se ho quel volume. Forse è che all'epoca non mi fece provare la perplessità di oggi, per giudizi di fatto tendenti a ridurre il capolavoro nel semplice manufatto di un grande artista). La nobile sconfitta di Magnus Amava il fumetto, Magnus. Lo si capiva da come pronunciava i nomi dei grandi eroi del passato. Gordon, per esempio, con una bellissima “o” aperta, apertissima, quasi un oblò spalancato su altri mondi che lui soltanto poteva vedere. O Gim Toro, o il Principe Valiant. Amava il fumetto, ma solo quello nel quale era impresso il sudore della fronte degli autori. Una volta litigammo perché era sconcertato dal fatto che sulla rivista Nova Express avessi pubblicato le tavole di Give me Liberty: non gli piacevano i disegni sbrigativi e un po’ volgarotti di Dave Gibbons. Io difesi il disegnatore inglese e lui mi tolse il saluto per almeno tre mesi. Ripensandoci, aveva ragione lui. Il fumetto ha bisogno di un impegno totale, fisico, dell’autore, e non soltanto di una svagata partecipazione. Anni fa, quando si cominciò a parlare di una riedizione in grande formato de La Compagnia della Forca, insistette a lungo perché il rimontaggio prevedesse come dimensione finale quella degli albi pubblicati negli anni Sessanta dai fratelli Spada, il formato di Flash Gordon e del Principe Valiant. Fu difficile convincerlo che quel tipo di pubblicazione, quasi quadrata con l’altezza di poco superiore alla base, non aveva alcun riscontro a livello europeo e che, se riedizione doveva essere, si sarebbero dovuti tenere presenti certi standard. Si convinse, ma credo ne sia restato amareggiato. Forse si era innamorato dell’idea di vedere la sua Compagnia nello stesso scaffale delle opere di Alex Raymond e di Harold Foster. E Saturnino Farandola… quante volte nel bel mezzo di un discorso tornava a quelle tavole, disegnate forse maldestramente ma proprio per questo intrise di stupefacente naiveté, da Pier Luigi De Vita, o ancora le saghe del Vittorioso, le pillole di ingenuità degli albi a striscia. Perché in Magnus l’amore per il fumetto si estendeva all’immagine, tattile, sensuale della loro pubblicazione. A un certo punto, aveva persino pensato di realizzare una sorta di Avventuroso Anni Novanta, con la ristampa dei grandi classici del passato e alcune sue storie, disegnate per l’occasione. Solo questo aspetto, questo amore storico di Magnus per il fumetto, per la classicità del fumetto, può spiegare il suo contatto con il mondo di Tex. A prescindere da questa profonda passione per i capisaldi della propria arte, non c’era infatti alcun motivo perché i due si incontrassero. Magnus è il cantore della Vita. Tex il protagonista dell’Avventura. Magnus guarda la storia (e le sue storie) dalla parte dei perdenti. Tex non può neppure concepire l’idea della sconfitta. Magnus vive e suda. Tex è solo un freddo simbolo. Ci torneremo sopra. Un aspetto poco analizzato dell’amore di Magnus per i fumetti è il profondo rispetto che ha sempre nutrito per i suoi personaggi. Quando lo contattai per convincerlo a riprendere le storie de Lo Sconosciuto per la rivista Orient Express, riuscii a vincere ogni sua perplessità accettando di pagargli un breve racconto di dieci pagine (La fata dell’improvviso risveglio, che avrebbe disegnato più tardi), nel quale descriveva l’operazione chirurgica subita dal personaggio per giustificarne la rimessa in sesto, dopo che tutti lo avevano dato per morto in seguito agli avvenimenti dell’ultimo episodio della serie tascabile. Amava gli eroi, Magnus, ma non poteva tollerare che non venissero trattati come persone comuni. Sempre a proposito de Lo Sconosciuto – una sorta di simbolo del proprio vagabondaggio spirituale – poco prima di morire aveva accettato di dare una terza vita al proprio personaggio. E non è un caso se il primo (e unico) di questi siparietti – apparso sulla rivista Comix – lo ha impiegato per regalargli un'intera collezione di denti nuovi, i vecchi andati distrutti durante l’epilogo della sua seconda esistenza, nel romanzo per immagini L’uomo che uccise Ernesto “Che” Guevara. Detto questo, si capisce che se fosse stato per lui Tex lo avrebbe disegnato con il volto e il corpo deturpati di cicatrici, ognuna a testimoniare una battaglia, una vittoria. E infatti ci aveva pensato. Ma non era soddisfatto e alla fine aveva concluso che mai avrebbe potuto scalfire il personaggio di Giovanni Luigi Bonelli e Aurelio Galleppini. Tex aveva regole proprie, che bisognava accettare a priori. Molti hanno detto che a un certo punto della sua carriera, il contatto di Magnus con Tex era inevitabile: non è forse vero che prima o poi tutti i Grandi si incontrano? È probabile, e comunque così è stato. Il libro che avete fra le mani documenta questo lungo rapporto, sofferto ai limiti della consunzione. C’è però qualcosa di incomprensibile nella scelta di Magnus di realizzare un’avventura di Tex Willer: nel suo viaggio attraverso le religioni e le filosofie orientali, l’autore bolognese era giunto ad abbracciare l’idea di quanto nobile potesse essere la sconfitta, e di quanto altrettanto nobile potesse essere il raccontarla. Le femmine incantate, le Storie da Calendario, Le avventure di Giuseppe Pignata, Il Conte Notte, lo stesso Sconosciuto: tutti sconfitti, tutti dignitosi e nobili davanti al fallimento della propria esistenza, tutti animati da una umanità che solo chi perde può orgogliosamente detenere. D’altra parte, anche tutta la carriera di Magnus è all’ombra della sconfitta: è stato uno dei quattro/cinque grandi autori del secolo, ma a parte l’affetto dei lettori non gli è rimasto quasi nulla, neppure i diritti d’autore di gran parte del proprio lavoro. Personalmente, ho sempre nutrito il sospetto, qua e là avvalorato da alcune conversazioni avute nel corso del tempo, che Magnus si sia posto di fronte a Tex come i minuscoli kamikaze giapponesi di fronte al potente esercito statunitense. Come quei piloti che davano la vita per arrecare una perdita anche minima al nemico, così Magnus ha messo tutta la propria arte, la propria straordinaria capacità di disegno, per restituire una parvenza di umanità all’eroe Tex Willer (che, sia chiaro, non ha mai considerato un nemico), storicizzandolo e ambientandolo in contesti estremamente credibili. Che altro senso poteva avere tutta la fatica documentata in questo libro, se non quella di smitizzare l’eroe, farlo divenire partecipe delle cose del mondo? Poteva il piccolo Magnus infliggere ferite nel corpo di Tex? Poteva restituirgli la fiamma della vita? Poteva farlo diventare uno dei suoi personaggi scalcinati, offesi, umiliati, deperiti? No, non poteva. L’Eroe è troppo forte, troppo forte anche per il più grande. Così, il suo Tex è – appunto – una delle tante storie di Tex, e non un’opera di Magnus. Qui sta tutta la dignità di Roberto Raviola, ancora prima che del Maestro Magnus. Accettare, a un certo punto, di perdere. Non è un capolavoro, La valle del terrore, come hanno raccontato i soliti gazzettieri del fumetto. Non lo è a partire dal titolo, che riporta alla mente popolaresche narrazioni anni Cinquanta. Non lo è perché la trama è scontata. Non lo è perché alla soglia del terzo millennio l’intrattenimento non può generare capolavori. Sono già stati scritti tutti. La valle del terrore non è un’opera di Magnus. È una storia di Tex, magistralmente interpretata da Magnus. Magnus ha dato tutto se stesso a Tex. È stato sconfitto e il fato ha voluto che questa sconfitta fosse l’ultima. La più nobile.
  9. I conti fra 1857 e 1860 tornerebbero comunque, è tutto in base al mese di nascita, perché se sei nato a dicembre per quasi dodici mesi all'anagrafe risulta l'anno inferiore e noi sappiamo solo di un Tex nato nel mese di maggio 1838, senza indicazione di un giorno preciso come qualcuno, qui, ha preteso di fare in maniera arbitraria.
  10. Rivalutazione meritata de "Il dittatore dello stato libero di Bananas" :-)
  11. Non me la prendo, semmai ripeto i complimenti e i dubbi, ma fa parte di un rapporto che come ti ho detto conosco bene da tempo, quello fra chi propone e chi usufruisce di un prodotto. E ribadisco un apprezzamento forse già espresso, quello per la tua disponibilità nei confronti di noi semplici (ma a volte complicati) lettori. Che se poi siamo critici è per eccesso di amore nei confronti del mondo di Tex. Nel quale, va bene, per una volta è entrato anche la storia dedicata al fratello.
  12. Io sono solo un giornalista abituato da trent'anni, vecchia scuola, ad esercitare il diritto di critica. Ti stimo e ti difendo molto più di altri, ma non fare l'offeso per nulla. Sei il curatore della serie, lo stai facendo benissimo, io sono solo un lettore e siccome sono stato anche direttore responsabile di testate a livello nazionale ho imparato sulla mia pelle alcune cose. Una: non essere permaloso. Due: non fingere di essere accondiscendente I
  13. Il tema di fondo, poi sarebbe: se Arthur Conan Doyle avesse scritto un racconto senza Holmes e Watson, ma solo con l'ispettore Lestrade a chi sarebbe piaciuto? Qui si è fatto un prodotto costoso usando e sprecando il nome di Tex.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.