Jump to content
TWF MAGAZINE N°18 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum

ymalpas

Collaboratori
  • Content Count

    9,122
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    29

Everything posted by ymalpas

  1. ymalpas

    [Texone N. 34] Doc!

    Non assomiglia e non frega, per inciso, un accidente. E' il Doc di Laura Zuccheri, è il Doc e basta. Spero in una buona storia di Borden, perché sto' texone mi attizza veramente poco, a cominciare proprio dai disegni che non mi paiono questa grande cosa. Il maestro Font, odiatissimo (su Tex), lascia di più il segno. Zuccheri può andare bene per gli speciali ma lontana dalla serie regolare.
  2. ymalpas

    Miguel Angel Repetto

    Miguel Angel Repetto, uno dei decani del fumetto sudamericano, è nato il 17 febbraio 1929 a Lujan, una cittadina non lontana da Buenos Aires, in Argentina. La madre, disegnatrice amatoriale, gli trasmette la passione per il disegno sin dalla più giovane età. Ramon Columba, uno dei più famosi caricaturisti argentini, nonchè editore di fumetti del paese, indice un concorso e Repetto risulta uno dei vincitori. Dopo un tirocinio di cinque anni, svolto da autodidatta, inizia una lunga collaborazione con la Editorial Columba e la sua firma appare nelle pagine di prestigiose riviste come "Intervalo", "D'Artagnan", "El Tony y Fantasia", accanto a nomi come Alex Raymond, Hugo Pratt e i connazionali Josè Luiz Salinas e Arturo del Castillo solo per citarne alcuni. In questo periodo crea alcune serie western come Diego su testi di Julio Alvarez Cao, Mapache su proprie sceneggiature, Conrack e Dan Flynn. La sua lunga carriera avrà come scenario privileggiato la selvaggia, violenta epopea della Frontiera, incentrata su figure di cowboy malinconici e romantici, cavalieri solitari feriti dalla vita, apparentemente duri e scontrosi, ma sempre pronti a rischiare la pelle per difendere gli innocenti. Repetto collabora in seguito con la Editorial Frontera, illustrando le sceneggiature di H?ctor German Oesterheld sulla rivista Hora Cero, ma l'autore è sequestrato e fatto scomparire dai militari argentini durante la dittatura. Repetto studia alla Escuela Panamericana e ha come maestro Alberto Breccia, quindi collabora con la Editorial Record, realizzando la serie western El Cobra, su testi di Ray Collins, iniziata da Arturo del Castillo e Jet Power. Miguel Angel Repetto ha realizzato un'intensa attività con importanti case editrici americane e inglesi: per esempio per la King Features Syndicate ha disegnato le avventure del celeberrimo Agent Corrigan, nuova versione del 'Secret Agent X-9' su testi di Dashiell Hammet ( personaggio creato graficamente da Alex Raymond ). Dal 1993 Repetto collabora con l'italiana Sergio Bonelli Editore, illustrando le avventure di Tex. ym
  3. ymalpas

    [Texone N. 04] Piombo Rovente

    Soggetto e sceneggiatura: Claudio Nizzi Disegni: Sergio Zaniboni Periodicità annuale: Giugno 1991 L'onesto sceriffo di Serenity è troppo vecchio per opporsi a Morgan Slattery e ai suoi scagnozzi che spadroneggiano dovunque e organizzano impiccagioni con la complicità degli inamidati maggiorenti del paese. Rompendo il clima di paura e omertà, alcuni bravi e coraggiosi cittadini (un commerciante, un reverendo, un maestro e una maitresse) chiedono a Tex e a Carson di ripristinare la legalità e i due rangers, insieme a Kit Willer e a Tiger Jack, non si fanno pregare! © Sergio Bonelli Editore _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ ​_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ ​_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ ​_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ ​_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Sergio Bonelli dixit... Non avrebbe potuto essere più spontaneo e sincero l'editoriale con cui, quindici anni or sono, presentavo ai fedeli lettori l'autore grafico del Texone numero quattro: in realtà, la presenza di Sergio Zaniboni nella ristretta squadra degli illustratori delle avventure del più famoso Ranger del Texas rappresentava una mia antica e ostinata ambizione. Intendiamoci bene, nessuna volontà di sabotaggio nei confronti della gloriosa serie di Diabolik, che aveva e ha tuttora proprio nel disegnatore torinese il più elegante interprete. Al contrario, il rapporto tra il sottoscritto e le indimenticabili Sorelle Giussani, alle quali si deve la creazione del celeberrimo Re del Terrore, era talmente amichevole e sereno, lontanissimo da ogni ombra di rivalità, che Angela e Luciana non ebbero alcuna difficoltà nel concedere al loro collaboratore la lunga vacanza ( un anno e mezzo ), normalmente necessaria per realizzare le duecentoventiquattro pagine del Texone. Da grandi appassionate del fumetto quali erano, a loro volta, si sentivano incuriosite dalla sfida da me proposta al loro disegnatore che non aveva mai affrontato le tematiche di un racconto western. Insomma, l'unico problema era rappresentato da Sergio Zaniboni che, come ho avuto occasione di scrivere altre volte, era letteralmente terrorizzato dall'idea di dover disegnare un quadrupede: No! I cavalli no!, aveva implorato, suscitando la mia divertita sorpresa e inducendomi ad alzare bandiera bianca. Con il passare del tempo, non trascurai, di tanto in tanto, di ripetere, sia pure senza troppa convinzione, la mia proposta, ma senza ottenere alcun risultato. La svolta storica avvenne quando, una dozzina di anni dopo il primo approccio, Zaniboni, dovendo traslocare, trovò casa nei pressi di un maneggio e cominciò a buttare qualche occhiata a quegli animali che avevano suscitato in lui tanta preoccupazione e perplessità e che, invece, poco a poco, non gli sembravano poi così difficili da disegnare. A vincere le ultime perplessità ci pensò il nostro Claudio Nizzi, sceneggiatore poliedrico che mise in piedi, apposta per Zaniboni, una trama in cui i protagonisti si muovevano quasi sempre a piedi invece che in sella a un destriero. E, per di più, in un contesto cittadino fatto di edifici in legno che ben si addicevano al segno grafico del nostro futuro collaboratore. Il risultato: una storia urbana che ricorda tanti classici western hollywoodiani con un Aquila della Notte un po' insolito, ma pur sempre dinamico e affascinante, immerso in un segno grafico dall'esaltante, moderno bianco e nero. La prima tavola del Texone.
  4. ymalpas

    [703/704] La seconda vita di Bowen

    Ottima prima parte, bravissimo Ruju.
  5. Soggetto e Sceneggiatura: Mauro Boselli Disegni: Roberto De Angelis Copertina: Maurizio Dotti Periodicità: Mensile 16 novembre 2018 Le avventure di Tex quand’era ancora uno scatenato fuorilegge! A settant’anni di distanza dalla sua prima apparizione, ritroviamo Tex inseguito dagli sceriffi e dai cacciatori di taglie nel primo numero di una nuova serie, rapida e secca come un colpo di fucile, che narrerà gli episodi sconosciuti della giovinezza del nostro eroe! In questo episodio iniziale, di Boselli e De Angelis, scopriamo l’antefatto mai raccontato del primo, storico albo di Tex, “Il Totem Misterioso”, con la nascita dell’odio tra Tex e il losco Coffin e la tragica storia della bella indiana Tesah, tra sparatorie, agguati e galoppate a rompicollo sul giovane destriero Dinamite! © Sergio Bonelli Editore
  6. ymalpas

    Cartonati Di Tex

    Discussione ufficiale dedicata ai CARTONATI DI TEX. 1 ) IL MIO NOME E TEX Editore e data di pubblicazione: Mondadori, settembre 1975 Contiene: La valle della paura ( n° 45, 46 ) e Il segno del serpente ( n° 47 e 48 ) Note: ristampato dalla Mondadori nel 1992. Quotazione: 100 è ( originale ) 2 ) TEX CONTRO MEFISTO Editore e data di pubblicazione: Cepim, 1978 Contiene: La Mesa degli Scheletri ( n° 39, 40 ) Note: ristampato dalla Mondadori nel 1994. L'edizione Cepim ha la costola gialla. Quotazione: 50 è ( originale ) 3 ) TEX E GLI INDIANI Editore e data di pubblicazione: Cepim, dicembre 1980 Contiene: Sinistri presagi ( n° 70, 71, 72 ) Note: Non esistono ristampe. L'edizione Cepim ha la costola blu. Il titolo "Sinistri presagi" è stato sostituito con "La rivolta dei Navajos" Quotazione: 150 ? 4 ) TEX E I FUORILEGGE Editore e data di pubblicazione: Mondadori, settembre 1982 Contiene: Una audace rapina ( n° 44 ) e Il coyote nero ( n° 28, 29 ) Note: Non esistono ristampe. Quotazione: 200 ? [no / img ] 5 ) UN'AVVENTURA NEL NORD Editore e data di pubblicazione: Mondadori, settembre 1983 Contiene: Il messaggio dei Dakotas ( n° 166, 167, 168 ) Note: Non esistono ristampe. Il titolo "Il messagio dei Dakotas" è stato sostituito con "Un'avventura nel Nord". Sulla costola la scritta Tex è in giallo mentre il tirolo è in bianco. Quotazione: 350 ? 6 ) TEX E LA PIRAMIDE MISTERIOSA Editore e data di pubblicazione: Mondadori, settembre 1985 Contiene: La piramide misteriosa ( n° 228, 229 ) Note: Non esistono ristampe. Quotazione: 250 ? 7 ) TEX E LA CONQUISTA DEL WEST Editore e data di pubblicazione: Mondadori, aprile 1986 Contiene: Gli sterminatori ( n° 134 ) e Allarme a Fort Summer ( n° 56, 57, 58 ) Note: Non esistono ristampe. Sulla costola la scritta Tex è in giallo mentre il tirolo è in bianco. Quotazione: 400 ? 8 ) TEX E I SOLDATI Editore e data di pubblicazione: Mondadori, ottobre 1994 Contiene: Vendetta indiana ( n° 91 ) e Inferno a Robber City ( n° 108, 109 ) Note: Quotazione: 100 ? 9 ) TEX TRA DUE BANDIERE Editore e data di pubblicazione: Mondadori, settembre 1996 Contiene: Tra due bandiere ( n° 113, 114, 115 ) Note: Quotazione: 100 ? [no / img ] 10 ) LA LEGGE DI TEX Editore e data di pubblicazione: Mondadori, ottobre 1997 Contiene: Caccia all'uomo ( n° 183, 184, 185 ) Note: Quotazione: 50 ? 11 ) TEX E IL SEGNO DI CRUZADO Editore e data di pubblicazione: Mondadori, ottobre 1998 Contiene: I guerrieri venuti dal Nord ( n° 242, 243, 244, 245 ) Note: Quotazione: 20 ? 12 ) TEX E LA NAVE PERDUTA Editore e data di pubblicazione: Mondadori, ottobre 1999 Contiene: La nave perduta ( n° 328, 329, 330 ) Note: L'edizione originale presenta due pagine invertite, all'interno del volume un foglio aggiuntivo che indica le pagine con l'errore Quotazione: 20 ? http://img504.imageshack.us/img504/5741/linfernoverdenl8.gif 13 ) TEX NELL'INFERNO VERDE Editore e data di pubblicazione: Mondadori, febbraio 2000 Contiene: Il solitario del West ( n° 250, 251, 252 ) Note: Quotazione: 25 ? http://img54.imageshack.us/img54/1182/gridodiguerramf0.gif 14 ) GRIDO DI GUERRA Editore e data di pubblicazione: Mondadori, ottobre 2001 Contiene: Il killer senza volto ( n° 287, 288, 289 ) Note: Quotazione: 20 ? http://img50.imageshack.us/img50/7227/lapattugliaperdutayc4.gif 15 ) LA PATTUGLIA SPERDUTA Editore e data di pubblicazione: Mondadori, ottobre 2002 Contiene: La pattuglia sperduta ( n° 271, 272, 273 ) Note: Quotazione: 20 ? http://img409.imageshack.us/img409/5093/apachekidbr3.gif 16 ) APACHE KID Editore e data di pubblicazione: Mondadori, ottobre 2003 Contiene: Apache Kid ( n° 164, 165, 166 ) Note: La copertina è difettosa e tende sia davanti sia dietro a scollarsi. Quotazione: 20 ? http://img511.imageshack.us/img511/931/fioredellamortete7.gif 17 ) IL FIORE DELLA MORTE Editore e data di pubblicazione: Mondadori, ottobre 2004 Contiene: La morte viene dal cielo ( n° 160, 161, 162 ) Note: Quotazione: 20 ? http://img152.imageshack.us/img152/5084/dominvs3.gif 18 ) TEX E I DOMINATORI DELLA VALLE Editore e data di pubblicazione: Mondadori, ottobre 2005 Contiene: Cheyenne Club ( n° 389, 390, 391, 392 ) Note: Quotazione: 22 ? http://img403.imageshack.us/img403/1690/fiammediguerrach5.gif 19 ) FIAMME DI GUERRA Editore e data di pubblicazione: Mondadori, ottobre 2006 Contiene: Fiamme di guerra ( n° 397, 398, 399 ) Note: Quotazione: 22 ? http://img440.imageshack.us/img440/6375/sasquatchsp1.gif 20 ) SASQUATCH Editore e data di pubblicazione: Mondadori, ottobre 2007 Contiene: Virginia City ( n° 220, 221, 222, 223 ) Note: Quotazione: 22 ?
  7. Il texone "Eagle Pass" di Claudio Villa Si è parlato tanto di altri texoni. Se guardo ai dati nella mia cartella di documenti "texiani", l'ultima storia di Villa è datata estate 2002, è quella di Mefisto, apriva il sesto centinaio (nn. 501-504). Proprio nel mese di Luglio 2002 Mauro Boselli inizia la sceneggiatura di questa "Eagle pass". E' più o meno contemporanea della sceneggiatura de "L'ultima diligenza", la storia illustrata da Sommer, pubblicata tra l'aprile e il maggio 2006. Cosa è successo nel frattempo? Nell'ottobre 2005, Boselli ha abbandonato la sceneggiatura pagina 110 (un albo). Villa arriva però solo alla tavola numero 94, quando smette di disegnarla (probabilmente è il 2007) per dedicarsi interamente alle copertine, come quelle realizzate per la lunghissima serie dell'Edizione Storica a colori, collana pubblicata settimanalmente dal gruppo editoriale La Repubblica / L'Espresso. Bisogna aspettare diversi anni perché riprenda la lavorazione delle tavole. Accade nel 2011 quando dà seguito alla storia da, come si diceva, pagina 94. Due anni dopo i dati sono però assai scoraggianti, solo una ventina di tavole, nel marzo 2013 se ne contano esattamente 114. Ad oggi, tredici anni dopo, siamo arrivati a 129 tavole. Qualcuno vocifera che siano 138, ma nessuno può testimoniare di aver visto quelle mancanti. Neppure Mauro Boselli che ha scritto fino a pagina 144 e ne ha visto appena 128 disegnate. La media attuale riporterebbe la desolante cifra di una decina di tavole annuali, neanche una al mese, per nostra somma tristezza. Quali le cause di un disastro del genere ? Chiaramente la storia è speciale, se non lo è la storia, lo è l'autore. Affidata a qualsiasi altra mano sarebbe stata riassegnata dopo qualche mese. Le tesi che ho sentito negli anni sono essenzialmente due, una lodevole, l'altra meno. Villa sarebbe un perfezionista. Per chi lo segue da tanti anni, sono da lode anche i suoi schizzi, che superano anche le tavole di celebrati artisti internazionali. Ma lui non si accontenta. In anteprima abbiamo visto sei o sette di queste tavole e siamo tutti d'accordo che sono meritevoli dell' estrema pazienza che lo sceneggiatore e la casa editrice ripongono in lui. Pare che Villa ridisegni più volte le tavole che non lo soddisfano pienamente. Personalmente sono portato a crederci vista anche la prestigiosa collana su cui le sue tavole finiranno per essere pubblicate. E visto anche il suo precedente capolavoro, la già citata storia di "Mefisto", anche lei seppure di minore gestazione, disegnata nell'arco di diversi anni, difficile chiedere di più insomma, l'autore ci sta provando e la sfida potrebbe valere la pluriennale attesa. L'altra tesi vedrebbe invece un autore demotivato, detta in una parola, stufo di disegnare Tex e il western, distratto quanto basta dalle copertine, ma fulmineo nel realizzare storie - extra Tex - che rientrano invece nei suoi interessi. Sarebbe la tesi più deludente per il lettore texiano, ma neanche si potrebbe condannare il buon Villa se non sentisse più il Tex nelle sue corde. Solo l'autore potrebbe fare chiarezza su questa situazione equivoca, ma da anni ormai preferisce la via del silenzio alimentando le supposizioni più diverse. Ma oggi di parla di assegnare le pagine mancanti a qualche altro disegnatore come Piccinelli, in qualche modo suo allievo, segno che ormai si è persa la speranza di vedere questa storia ultimata dall'autore che l'ha iniziata. Con l'andamento attuale di dieci tavole annuali, il texone non sarebbe disponibile prima di circa dieci anni, cioè programmabile per l'estate del 2025. Dal 2002 al 2025, vi lascio fare i conti. Dobbiamo aspettarci un'opera mitica e leggendaria che apparirà solo in un'ipotetico futuro ? "Eagle pass" è l'ultima storia texiana di Claudio Villa ? La storia deve essere finita da un disegnatore diverso, come già è accaduto in passato, per esempio con la prima di Giolitti a fine anni settanta? La storia potrebbe essere pubblicata nella serie regolare, cosa che ridurrebbe di molto le pretese che il disegnatore riverserebbe su se stesso nel realizzarla ? Il disegnatore dovrebbe essere dirottato su una nuova storia per lui forse più intrigante, magari un cartonato breve e a colori ? Insomma, qualche domanda dopo tutti questi anni mi sembra lecito porla all'attenzione di un pubblico sempre affezionato lettore del RANGER, è lui che deve essere, sempre e comunque, il vero protagonista di questa straordinaria vita editoriale che dal 1948 accompagna le nostre vite.
  8. ymalpas

    Per Una Donna

    La storia, risalente al 1996, è stata pubblicata solo nei mesi scorsi su Baci & Spari ( clicca qui per leggerla ) e stranamente in questo forum non se ne è mai parlato! Posto qui solo la prima tavola ( in cui ho inserito anche il lettering con dei testi che ho leggermente modificato ) in modo tale, spero, da avviare la discussione!
  9. Soggetto e sceneggiatura : Claudio Nizzi Disegni: Giovanni Ticci Periodicità mensile: Luglio 1985 è Settembre 1985 Inizia nel numero 297 a pag. 73 e finisce nel numero 299 Durante un viaggio in treno, Tex racconta a Carson di quando salvò il nero Tom da un linciaggio durante la Guerra di Secessione, e conobbe il ricco Howard Walcott con i suoi nipoti John e Leslie, uno nordista e l'altro sudista? Durante la Guerra Civile, l'ufficiale nordista John Walcott aveva sottratto un baule d'oro ai confederati, salvando la vita al cugino Leslie, gallonato sudista. Ma poi John era stato catturato dal nemico, e siccome la cassa recuperata dalle giacche grigie conteneva soltanto pietre, era stato spedito nel campo di prigionia di Anderville per sciogliergli la lingua. Gli unionisti, sicuri che John avesse nascosto i lingotti, incaricarono Tex di liberarlo. Sotto mentite spoglie, accompagnato dal nero Tom, Willer dovette superare mille insidie, rischiando di finire fucilato come spia! Penetrato nel terribile campo di Anderville, dove i sudisti concentrano i prigionieri nordisti, Tex fa evadere l'ufficiale John Walcott nascondendolo sul carro che porta via i cadaveri. John avrebbe dovuto rivelare dov'era nascosto l'oro che credeva di aver trafugato ai confederati, ma dice di non saperne niente. E il mistero resta tale: il cugino sudista Leslie muore ucciso da ignoti e John, sospettato da Tex dell'omicidio, salta in aria su una granata! Anni dopo, quando il politicante Howard Walcott convoca Tex a Richmond, l'incredibile verità sulla fine dei suoi nipoti John e Leslie salta finalmente fuori. © Sergio Bonelli Editore
  10. ymalpas

    Galleria Di Tex Di Disegnatori In Generale

    Eh si, la Lilyth di Ticci. Ma goditi il disegno senza pensare alle veraci native amerindie
  11. ymalpas

    Galleria Di Tex Di Disegnatori In Generale

    Meglio della Lilith di Villa e Civitelli.
  12. ymalpas

    [297/299] Fuga Da Anderville

    Dal mio commento che scrissi più di dieci anni fa. Questa storia l'ho vissuta in diretta quando uscì in edicola a metà anni ottanta, mi ricordo i pensieri di allora — ma quant'è bella — mentre la leggevo e la lettura si protrasse per tre mesi. Solo più tardi ho maturato che si trattava di un capolavoro autentico.
  13. Dopo 700 numeri scrivere nuove e originali storie di Tex diventa sempre più difficile. Vi propongo dunque questa discussione a mo' di gioco. Suggerite la vostra storia, ma attenti! 1 ) Deve essere rispettosa dei canoni della serie. 2 ) Deve al massimo contenere un'idea iniziale di partenzao suggerire un tema, ma non sviluppare la trama per intero. 3 ) Deve essere sviluppata in poche righe, fino a un massimo di cinque ! Ecco il mio primo contributo, un po truculento. E' texiano o zagoriano ? ALBA DI SANGUE Nei dintorni della riserva navajo e all'interno della stessa riserva Tex e Carson sono chiamati a indagare su una serie di strani omicidi che riguardano giovani donne indiane, suppliziate in maniera barbara. Poco alla volta riusciranno a scoprire il movente e le misteriosi relazioni che coinvolgono le ragazze uccise e quindi a dare un'identità al colpevole, togliendo dai guai alcuni indiziati del tutto innocenti, tra cui figura un amico di Kit Willer già apparso in altre storie. (4 righe)
  14. Soggetto e sceneggiatura: Giovanni Luigi Bonelli Disegni: Giovanni Ticci Periodicità mensile: Settembre 1978 - Novembre 1978 Inizia nel numero 215 a pagina 41 e finisce nel numero 217 a pagina 45 Tex e Carson raggiungono la missione di Santa Cruz in cerca dello scomparso Padre Mat?as, recatosi l' un anno prima con i fratelli Cardenas per scovare un favoloso tesoro con cui risollevare il misero pueblito di San Domingo. Ma gli avidi Cardenas l'avevano ucciso! Apparendo in sogno a Tex, l'anima del religioso rievoca la sua tragedia! © Sergio Bonelli Editore
  15. ymalpas

    Miglior copertina del 2006

    Il villaggio assediato
  16. ymalpas

    Galleria Di Tex Di Disegnatori In Generale

    Un gran bel Tex. Ma vorrei vedere altre prove del disegnatore, prima di un giudizio definitivo.
  17. ymalpas

    [701/702] La regina dei vampiri

    Io l'ho riletta da poco ed è una storia da leccarsi i baffi, complici anche i disegni di Ticci. Se Manfredi nelle sue prossime storie mantenesse lo standard di quest'ultima storia!
  18. ymalpas

    [701/702] La regina dei vampiri

    E qui siamo d'accordo. Non ha molto senso che in quel contesto Eztli ed i suoi fanatici dopo averla spogliata per il rito sacrificale mettano a Patricia qualcosa che le copra le cosiddette parti intime. Capisco che Boselli in veste di curatore e magari lo stesso Manfredi in sceneggiatura abbiano avuto paura a far vedere un nudo femminile su Tex ma quella specie di reggiseno e perizoma sembrano davvero incongrui. Esistono trucchi grafici che avrebbero permesso di non mostrare comunque nulla, perché non usarlo? A volte il timore di certi bacchettoni, che pure, ahimè, esistono, è davvero eccessivo Nel numero 15 "La montagna misteriosa" alle vittime sacrificali (Kit Willer e Nahua) vengono fatti indossare sorta di abiti talari. Bastava ricordarsi di quella storia anche se ci sono autori che hanno la pretesa di scrivere Tex e di non conoscerne tutte le storie, così almeno mi è sembrato di aver sentito dire. Mi si corregga se ricordo male.
  19. ymalpas

    [701/702] La regina dei vampiri

    Certo che c'è una differenza, ci mancherebbe e mi fa piacere che mi si corregga: la storia non fa gioire, la si reputa come me apprezzabile, ottimo primo albo e magari meno bene il secondo con tutti i suoi punti irrisolti, ma bene, benissimo. Andiamo sempre più d'accordo e non vedo perché anche da parte mia la simpatia debba essere messa in discussione .
  20. ymalpas

    [701/702] La regina dei vampiri

    Sono tutte domande che vertono su argomenti che poggiano la loro storia nelle credenze e superstizioni documentate da centinaia di studi. L'alieno non può venire se non dallo spazio, da dove vuoi che venga un alieno ? I dinosauri sono una specie realmente esisitita ed estinta, con la sospensione dell'incredulità possiamo ammettere che in una valle remota qualche esemplare si sia conservato; I fiori della morte è sempre un qualcosa che giunge chiaramente dallo spazio con un meteorite; I poteri delle pietre sono bene esemplificati nella storia scritta da Bonelli; L'astronave del Mondo perduto è chiaramente un oggetto volante che proviene dallo spazio; I poteri del diablero sono altrettanto esemplificati dalla storia e da cosa derivano è chiaramente scritto nella storia, basta rileggerla; ecc ecc Io non contesto i poteri di Eztli, anzi ne do una spiegazione sostenendo che lei potrebbe essere quella giovane ribelle squartata nell'ultimo sacrificio. Invece contesto che questo tipo di spiegazione che l'autore avrebbe potuto dare liberamente nelle pagine che abbiamo letto, alla fine non l' abbia proprio data, costringendomi a trovare IO LETTORE una spiegazione più o meno logica, anche se comporta la sospensione dell'incredulità. Io non contesto quanto c'è di magico nelle storie di Tex, contesto un autore che non dà spiegazioni a quesiti ESSENZIALI perché tanto esistono lettori come voi che si accontentano. Questa è la sua fortuna.
  21. ymalpas

    [701/702] La regina dei vampiri

    Cara Letizia, non ho detto che la storia sia malvagia, ho - argomentato - che è parecchio lacunosa e non dà risposte a dei perché che ritengo essenziali. Su questo nessuno cerca di farmi il contraddittorio, mentre mi si accusa, questo si, di non amare Manfredi soltanto perché mi permetto osservazioni sulla sua sceneggiatura piena di buchi come nemmeno il gruviera.L' ho riscontrato anche in Faraci e non è un complimento, mentre gli autori del passato, e specialmente Nizzi , sono stati accusati spesso di "spiegazionismo" che concettualmente si situa all'esatto opposto. Manfredi, complessivamente, non è un autore adatto a Tex e non è certo questa sua ultima storia che mi porterà a pensarla diversamente. Meglio per te che hai poco apprezzato Nizzi e che ti ritrovi a gioire di queste 240 pagine. Questa è opinione tutta tua. Per non parlare poi della portata culturale, politica, perbenistica che caratterizza questa storia e (quasi) tutte le altre storie scritte da questo autore, questa volta con i "cattivi" aglosassoni e europei che depredano i siti archeologici che si attirano anche i rimproveri dei cultori di storia locale come El Morisco, contro cui si staglia indistintamente una vecchia strega che sembra direttamente estrapolata dalla trilogia horror di Dario Argento ?
  22. ymalpas

    [701/702] La regina dei vampiri

    Il che è falso. La storia breve per il color è una delle migliori finora lette. La storia del cartonato è ottima e addirittura Boselli ne terrà conto nella serie Tex Willer tanto è vero che rivedremo sia Birdy sia Lily nella storia in lavorazione di Del Vecchio che sarà ambientata tra le montagne con i trapper. La storia in edicola è buona e non ho mai detto che è schifosa, però è mooolto lacunosa. C'è chi si accontenta e va bene, ma chi è cresciuto con GlBonelli, Nolitta e C. Nizzi non si accontenta. Boselli, da questo punto di vista, come qualcuno ha detto prima di me, è una garanzia. Anzi con Borden i particolari ci sono e devi andare a scoprirli se sei bravo. Manfredi non racconta, tutto qui!
  23. ymalpas

    [701/702] La regina dei vampiri

    Il soggetto: Chi è Eztli ? Da dove derivano i suoi poteri ? E' Patricia destinata a succederle dopo il sacrificio e diventare lei stessa la strega cui i pippistrelli ubbidiscono ? Eztli è forse quella ragazza ribelle (come lo è la giovane Patricia) che fu immolata secoli prima in una notte di luna piena ? La sua faccia così visibilmente trasfigurata dal peso degli anni e il suo ridursi in polvere una volta colpita dal fuoco nemico, non indicano infatti che lei vive ormai da secoli ? E potrebbe vivere così a lungo una strega, capace delle più ardite magie, se Eztli non fosse lei stessa una emanazione di Coyolxauhqui giunta al termine del suo mandato ? Costretta a farsi viva dopo aver fatto perdere le sue tracce per secoli solo perché è venuto il momento di trovare un successore per limiti d'età sopraggiunti ? Perché queste cose non sono spiegate chiaramente ? Giunti a pagina 114 tanti interrogativi restano in piedi e un autore capace deve essere in grado di dare tutte le risposte che possono sorgere nella mente dei lettori. Messa così, non mi resta che dire quanto dicevo delle sceneggiature di Faraci, lasciate alla libera interpretazione dei lettori (e peccato per loro se non fossero dotati di una buona dose di fantasia e perspicacia). E non mi parlate di capolavoro!
  24. ymalpas

    [Maxi Tex N. 24] Il cavallo di ferro

    L'ho comprato qualche giorno fa ma credo che non lo leggerò. E' un periodo in cui le letture non mi mancano e sinceramente l'idea di sorbirmi una doppia di Cossu mi stanca in partenza. Da un autore che era relegato agli speciali di Dylan Dog e che poi finisce relegato sugli speciali di Tex (perché Tex vende comunque a prescindere da chi lo disegna) non si può pretendere di più. Già l'averlo fatto esordire sulla serie regolare accanto ai Ticci, ai Civitelli, ai Dotti è stato in my humble opinion osare più di quanto si potesse. Vedere che qui sono in molti ad accontentarsi di questo disegnatore mi dà da pensare.
  25. Ottimo per una storiella da 32 tavole ? Il riferimento al texone, soprattutto per quanto riguarda l'epilogo, pesa come un macigno. Serve un'altra idea per il finale. E il soggetto resterebbe - ahimé - lo stesso modesto. Il gioco è questo e facciamo che resti un gioco. Il soggetto è comunque ispirato dalla storia romana degli Orazi e dei Curiazi. Eppure l'indizio pesante l'avevo lasciato. Nessuno di voi c'è arrivato I won.
×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.