Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum

Dix Leroy

Allevatore
  • Contatore Interventi Texiani

    394
  • Iscritto

  • Ultima attività

  • Giorni con riconoscenze

    10

Dix Leroy ha ottenuto l'ultima riconoscenza il 22 Settembre

Dix Leroy ha pubblicato il contenuto maggiormente apprezzato!

Reputazione nella comunità

25 Buona

2 seguaci

Info su Dix Leroy

  • Rango
    Scrittore
  • Compleanno 25 Ottobre

Informazioni sul profilo

  • Sesso
    Male

Visitatori recenti sul profilo

1417 visualizzazioni del profilo
  1. Dix Leroy

    [Magazine 70 anni] Il segreto di Lilith - Dinamite

    Guardare il crepitìo di un fuoco è così bello che non me ne stanco mai. Il Tex di Manara l'avrò visto ormai dieci volte e ancora non me ne sono fatto una ragione! Per le storie. Poi non dirmi che non ti avevo avvertito per tempo.
  2. Dix Leroy

    [Magazine 70 anni] Il segreto di Lilith - Dinamite

    Prima di metterti a leggere preparati un paio di fazzoletti. Per le "interpretazioni" dei grandi del fumetto io spero sia l'ultima volta che ce le propinano (fosse per me ci avrei acceso il fuoco del bivacco da tempo). Poi ho notato un sacco di illustrazioni rovesce (come viste in uno specchio), a chi le conosce stonano. In copertina possibile non si sia trovato il posto per qualche altra scritta?
  3. Dix Leroy

    Gli ottanta ruggenti.Auguri a Claudio Nizzi

    A rigor di logica Nizzi non avrà letto manco una storia di Tex da quando ha smesso di scriverlo. Prima si propone un soggetto e se questo non è troppo simile a una storia già pubblicata si procede. Tex è immutato e immutabile e ogni storia da almeno cinquant'anni a questa parte finisce senza intaccare nulla di quanto potrà succedere in seguito. Purtroppo o per fortuna.
  4. Dix Leroy

    [304/307] I Cospiratori

    Rimpiango il tempo in cui i miei Tex erano tutti belli allineati sulle tre mensole di un mobiletto in cameretta. Riuscivo a prendere qualsiasi albo per sfogliarlo, rileggerlo o trovare una vignetta o un dialogo che cercavo. Ora ho un baule con i primi duecento con sopra di tutto, la collezione storica in doppia fila sul lato della libreria e tutto il resto dentro agli scatoloni. Cercassi anche un albo in particolare non saprei neanche dove sia... Di solito quando i pard erano in trasferta a S. Francisco le scene comiche non mancavano mai, oppure a Washington, quando a Tex e a Carson prima di entrare da qualche pezzo grosso toccherebbe fare anticamera. In genere quando non sono nel loro ambiente il loro aspetto da "vaccari" li rende sempre riconoscibili, ma la loro reazione non è mai quella che gli altri si aspettano.
  5. Dix Leroy

    [695] L'ultima vendetta

    Sapete che una bottiglia in testa (piena o vuota ha ben poca importanza) può arrecare danni irreversibili oppure la morte? Sapete quanta strada può effettivamente percorrere al galoppo un cavallo montato prima di stramazzare al suolo? E che una ferita di striscio o un coltello scagliato anche in parti non vitali provoca uno shock per cui si perde conoscenza? Che dopo lo stile di vita di Tex e Carson, arrivati alla loro veneranda età non potrebbero assolutamente più fare quel che fanno? Sono solo fumetti (come lo erano anche i telefilm di "Walker Texas Ranger", di cui non perdevo un episodio).
  6. Dix Leroy

    Nizzi sta lavorando su 6 nuove storie lunghe...

    Non si dimentica, ma si può perdonare. Poi se le nuove storie non saranno granché sarò contento lo stesso. Mi sarebbe dispiaciuto molto di più che Nizzi non sopportasse più Tex e lo considerasse solo un periodo della sua vita da dimenticare! E poi più si da respiro a Boselli più possiamo attenderci dal curatore nuovi suoi capolavori. Qui lo scorno spesso e volentieri, ma ciò non toglie il rispetto e l'ammirazione per il suo lavoro.
  7. Dix Leroy

    [Maxi Tex N. 23] Deserto Mohave

    Però ero disegnato da D'Amy e non da Galleppini, anche se l'icona che ho messo è opera di Monti.
  8. Dix Leroy

    [Maxi Tex N. 23] Deserto Mohave

    Dics Leroi è sicuramente il nome in cui i ragazzetti anni cinquanta conoscevano il capo della Buffalo Patrol (Pattuglia dei Bufali? Bisonti? ora capite perché questo argomento mi intriga). La polemica con il mio amico riguardava le navi "Valiant", "Voyager", Defiant" che sono termini francesi oppure inglesi: lui pretende che li pronunci alla francese, invece io per definizione sono anglofilo (tanto più se si tratta di navi della Marina inglese). Quindi per me Liroi è la pronuncia corretta, anche se il suo progenitore fosse partito dal porto di Le Havre piuttosto che da Southampton.
  9. Dix Leroy

    [Maxi Tex N. 23] Deserto Mohave

    poi ci sono i malintesi. Io per anni mi sono accapigliato con un mio grande amico sui nomi delle navi o su come si pronunciano. Io per esempio, mi chiamo "Dics Liroi" o "Leruà"?
  10. Dix Leroy

    [695] L'ultima vendetta

    Io invece spesso sono finito sotto il tavolo dalle risate (specie durante i primi anni di lettura). Poi ognuno si diverte come può e tanti film spacciati come comici a me non divertivano affatto.
  11. Dix Leroy

    [Maxi Tex N. 23] Deserto Mohave

    Una cosa è chiamare con un nome straniero (di solito inglese) cose per cui esiste già e calza a pennello un corrispettivo italiano (customer care = servizio clienti) e qui sono d'accordo che si assiste alla morte della lingua italiana e all'intelligenza dei suoi abitanti, altro è voler a tutti i costi coniare termini per non utilizzare i nomi in cui sono riconosciuti in gran parte del mondo ("elaboratore elettronico" sarà sicuramente più accurato di un orrendo "ordinateur", ma che senso avrebbe!) "Fumetto" è sicuramente più corretto rispetto al "Comic Book", che giustamente qui indica i prodotti statunitensi (come Manga, BD o in misura minore historietas). Io trovo interessante che certe città, stati o territori abbiano un termine italiano e altri no ma ci "suona bene" così. Perché non abbiamo tradotto Canberra (capitale dell'Australia) e anche Sidney, Hanoy (Vietnam) o Hong Kong, Shangai, (eppure in Cina), Tokyo (in Giappone) e mille altri esempi.
  12. Dix Leroy

    [Maxi Tex N. 23] Deserto Mohave

    Questa polemica sui nomi di località è vecchia, interessante, ma senza uscita. Non ho mai sentito nessuno andare in visita a London o a Paris piuttosto che in ferie in Ελλάδα, mentre era comico (almeno per me) sentire Rruggero Orrlando in collegamento da "Nuova Iorch". Anche il più sfegatato oriundo nato a Brooklyn dirà di aver visitato Venice o Florence o altri bei posti in Italy. Ci sono dei nomi che devono restare intatti e altri a cui siamo troppo abituati alla loro versione "localizzata". Per quelli meno noti se non esiste traduzione è buona prassi usare il nome originale. "Mojave Desert" però è un po' più ostico da leggere rispetto al "Deserto del Mohave".
  13. Dix Leroy

    Il Mercato Di Tex

    Nei reparti a camere stagne e negli uffici senza un vero responsabile è matematico che regni la confusione. E se far notare una mancanza significa poi vedersi sobbarcare anche di quel compito è matematico che poi ognuno badi solo a quello che deve fare (che sicuramente è già tanto). Conosco bene la situazione.
  14. Dix Leroy

    Il Mercato Di Tex

    Il curatore di Tex potrà non avere la responsabilità delle iniziative collaterali, però, come abbiamo fatto noi, penso abbia il diritto di lamentarsi con chi di dovere. Altrimenti il suo lavoro viene mortificato pur per esigenze editoriali. Quando ho finito di imballare le cose che costruisco e poi mi accorgo che i trasportatori non le caricano sul camion con le dovute maniere, corro in magazzino, pronto alla rissa.
  15. Dix Leroy

    Il Mercato Di Tex

    Allora tutti al banco, pago io!
×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.