Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

zagor70

Membri
  • Content Count

    28
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

zagor70 last won the day on November 14 2019

zagor70 had the most liked content!

Community Reputation

4 Neutra

About zagor70

  • Rank
    Visitatore
  • Birthday 10/29/1970

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    tennis

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    39
  • Favorite Pard
    Kit Carson
  • Favorite character
    Morisco

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Letta anche la seconda parte e complessivamente non si va oltre la risicata sufficienza.Il soggetto non è certo originale e tutto gira intorno all'assedio degli indiani: si cerca di compensare con qualche colpo di scena dato dal volta faccia di alcuni personaggi.Però il padre che impazzisce e uccide per rubare l'oro ed assicurare un futuro alla figlia (al tempo stesso la abbandona subito dopo che ha perso madre e fratello) secondo me è inverosimile.Anche i disegni non sono brutti ma su Tex c'è molto di meglio.Voto 6
  2. A mio parere personale, di tutti i cross-over bonelliani, non ce n'è uno che mi sia parso una buona storia. Li ho sempre visti come un'operazione fatta con la sola speranza di spingere i lettori a comprare anche un'altra testata... quindi solo un discorso di SOLDI. Il 399 di Dylan Dog con il matrimonio/non matrimonio con Groucho cos'è? Una baracconata messa in piedi solo per creare attenzione e curiosità: spingere magari un po' di gente in più a comprare pubblicizzando un "evento" che in realtà non esiste. Il lettore sarà deluso? Chi se ne frega, intanto ha cacciato i SOLDI.
  3. Confermo anch'io. La storia è godibilissima anche se hai letto poco o nulla di Tex
  4. E' vero, inoltre gli altri sceneggiatori a dargli una mano su Tex sono anche pochi numericamente. Forse le nuove leve trovano difficoltà a cimentarsi con il genere western. Comunque per me ci sono anche troppe pubblicazioni che escono in edicola, e questo porta inevitabilmente ad una dispersione di energie, che dovrebbero essere concentrate prima di tutto sulla serie regolare.
  5. Parto dai disegni e dico subito che Font è uno tra i disegnatori che meno gradisco su Tex. Riconosco che è bravo nelle ambientazioni (specialmente nelle storie ambientate al nord), ma con i volti proprio non ci siamo: è forse l'unico tra i disegnatori della testata a rendere Tex irriconoscibile. Poi anche la fisionomia degli altri personaggi è molto ripetitiva: per esempio, non so se qualcuno ci ha fatto caso, ma l'indiano che fa lo spione (tale Felipe) è praticamente uguale a Makua, e anche il ragazzo più giovane che lo accompagna è quasi uguale. Quindi sono molto perplesso. La storia mi è piaciuta abbastanza anche se inferiore alla precedente "Mezzosangue". Probabilmente con i "ritorni" Ruju non dà il meglio di sè: anche su Dylan Dog ricordo la saga dei vampiri con Manila, di cui la prima storia era ottima, e gli episodi successivi sono andati via via in calando. S P O I L E R Di positivo c'è che la storia è semplice e scorre piacevolmente. Il fatto che gli avversari non abbiano un grande spessore non è necessariamente un male: se ci fossero sempre nemici che per poco non riescano a fare la pelle ai nostri si eccederebbe in senso contrario, quindi per me va bene così. Anzi, quando nel finale Mateo rimasto da solo, scappa a gambe levate per evitare il duello con Tex, la soluzione mi ha divertito perchè è abbastanza inconsueta. Quello che mi è piaciuto meno è il fatto che Makua è disperato e deve vendicare l'uccisione della sua donna..... ma alla fine l'ha conosciuta da pochissimo tempo: non c'è pathos e non monta l'indignazione per il fatto che la ragazza sia stata uccisa. Poi alcune volte i mescaleros parlano come un libro stampato; tipo quando si accorgano di essere stati traditi dopo essere cascati in un trappola, e Mateo dice: "ai traditori penseremo al momento opportuno" (che scuola ha fatto?). Comunque la storia per me è abbastanza buona e meriterebbe anche un 7; poi facendo la media con i disegni da 5, il mio voto complessivo è 6 (sufficienza)
  6. Ho letto l'albo che mi ha prestato un amico. Non sono contrario ai matrimoni gay... ognuno è ilbero di fare quello che vuole, ci mancherebbe altro. Solo che Dylan Dog è stato da sempre un personaggio che va con una ragazza diversa quasi ogni mese, e farlo sposare con Groucho (anche se in un modo particolare che non dico per non spoilerare) è per me in netto contrasto con quello che si è sempre visto. Non mi piace proprio il modo cui scrive Recchioni: continue citazioni di libri/film che sembrano messe a caso nell'albo senza alcun senso, frasi messe in bocca a Dylan Dog che il personaggio creato da Sclavi non avrebbe mai detto ecc.... Sicuramente ci sarà chi apprezza questo nuovo corso del "rilancio", ma a me personalmente non è piaciuto per niente e mi ha portato ad abbandonare la serie; leggendo vari commenti e considerando il netto calo delle vendite credo di essere in ampia compagnia.
  7. Molto probabilmente faranno incontrare un Tex molto giovane con uno Zagor "attempato", senza inventarsi stranezze. Con Boselli si dovrebbe andare sul sicuro visto che conosce molto bene anche Zagor, avendolo scritto per anni Sono pienamente daccordo. Questo alzare continuamente l'asticella e scrivere cose sempre più assurde e sensazionalistiche (come questo strampalato matrimonio tra Dylan Dog e Groucho), solo per mantenere l'attenzione sul personaggio quando non si hanno più idee, alla fine porta al punto di rottura.
  8. Su Dylan Dog sta succedendo assai di peggio. Con la nuova gestione hanno completamente snaturato il personaggio, e anch'io che un tempo ero un fedele lettore, non acquisto più nulla da diversi anni. Su Tex e Zagor sono fiducioso che una certa qualità verrà sempre mantenuta, e che operazioni puramente speculative siano ridotte al minimo... poi la palla di vetro non c'è l'ha nessuno e quindi speriamo bene
  9. Anch'io non credo proprio che la cosa si possa ripetere: non c'è un'altra storia attesa dai lettori per quasi 20 anni. Per quanto mi riguarda l'edizione "limited" è una cosa assurda e metà copie saranno finite in mano a gente che non ha neanche mai letto Tex, ma che l'ha presa solo per poi rivenderla a prezzo triplicato o più. Sul cartonato rosso invece, anche se non mi piace farmi spremere, alla fine ho ceduto. Primo perchè 34,90 euro, anche se è tanto, è una cosa un po' più abbordabile. Poi mi ha attirato il formato particolare: un albo con le tavole a grandezza naturale non l'avevo mai avuto. Ultimo ma non per ultimo, tutti ora parlano del texone "di Villa", però non ci sono solo i disegni: c'è anche una bella storia dietro
  10. L'ho visto adesso che la battuta nella pagina da me citata era già stata inserita sull'anteprima all'albo nel sito della SBE. Meglio così.... mi è andata bene
  11. Ok, scusate. Inizialmente ero rimasto sul vago, poi ho citato una situazione per farmi capire meglio. Conviene non dire nulla tranne che merita, fino a che non uscirà a febbraio
  12. COMMENTO CHE CONTIENE (PICCOLO) SPOILER E' di stampo classico ma in alcune situazioni mi ricorda Leone. Per esempio la banda di fuorilegge doveva essere composta da 12 elementi e poi ne appare un tredicesimo; Kit (figlio) dice a Carson: avevi contato male zio, e Carson lo stende dicendo che sono sempre 12. Questo mi ha ricordato "Per qualche dollaro in più" quando Clint Eastwood alla fine del film dice a Lee Van Cleef: "avevo fatto male i conti vecchio, me ne mancava uno!"
  13. Io ho preso il cartonato rosso da 34,90. Visto che io di Tex prendo solo la serie regolare e solo raramente un'uscita extra, non ho il problema di creare un buco nella collezione se salto il normale speciale a Febbraio. Capisco le polemiche sul fatto di farsi pagare profumatamente l'anteprima da parte della SBE, però in questa particolare circostanza consiglierei di cedere e prendere il texone di Villa in formato di pregio. Al di là dei disegni favolosi, anche la storia è decisamente buona. E' un western puro molto classico che in certe situazioni mi ha ricordato i film di Sergio Leone, però con un ritmo più incalzante e moderno, con molte scene d' azione. Non dico altro per non spoilerare
  14. Finita di leggere oggi e per me è un'altra ottima storia di Ruju, inferiore forse solo a "Un ranger per nemico" dello stesso autore.Del resto a me Ruju piaceva anche su Dylan Dog dove a volte veniva un po' bistrattato quando scriveva degli episodi "gialli" senza elementi soprannaturali.C'è molta azione che scorre via rapida con l'evolversi delle situazioni e non viene mai meno la curiosità e la voglia di vedere cosa succede dopo, a dimostrazione dalla bontà dell'albo.Wolfman è un'avversario di spessore che mette in difficoltà Tex, e ci sono molti personaggi di contorno ben caratterizzati come il giocatore, la prostituta ed il fratellino protettivo.Chi si aspettava un finale telefonato con l'identità dell'assassino addirittura spoilerata si dovrà ricredere ....SP O I LERche sia stato War Cry a uccidere Justin è stato almeno per me completamente inaspettato. Penso che l'indiano abbia deciso di sparare al fratello del suo amico, appena si è presentata l'occasione giusta, perchè da troppo tempo Justin con il suo comportamento creava problemi a Wolfman e di conseguenza a lui. Un semplice atto di rabbia perchè Justin lo offende dicendogli che con il suo aspetto le ragazze lo avrebbero sempre evitato, sarebbe una motivazione troppo futile per giustificare l'omicidio.Nota negativa per me sono i disegni.Font è bravo nelle ambientazioni, anche nel disegnare le donnine se vogliamo, ma la fisionomia dei pards (e Tex in particolare) io la digerisco male.Voto complessivo 7
  15. Ottima storia che alterna vicende del passato in flashback con l'azione in tempo reale.Questa volta l'incontro è con la bella messicana Lupe, il cui rapporto con Tex è sempre stato al limite tra l'amicizia e qualcosa in più. Proprio questa attrazione tra Tex e Lupe, come quella tra la figlia Luz e Kit Willer, è l'elemento particolare di questa storia. Il fatto che Lupe per tanti anni non ha fatto sapere a Tex di essere ancora viva è secondo me spiegato dal fatto che la messicana aveva ad un certo punto perso la memoria (quando viene raccolta da Ricardo de la Serna non sa più neppure come si chiama) e quando la recupera deve occuparsi innanzitutto di ritrovare i figli. A mio parere è una bella storia, anche nella seconda parte nonostante molti commenti un po' delusi che ho letto per colpa di un finale un po' affrettato, e di un certo raffreddamento tra Tex e Lupe: giusto però secondo me non andare oltre rispetto a quanto è stato fatto in questi albi, per non trasformare la storia in un puntata da telenovela.Unica nota stonata per me è data dai troppi cambiamenti di Ricardo: prima eremita che rifiuta le violenze dal padre, poi quando riceve l'eredità cambia e diventa come lui forse accecato dalla ricchezza e dal potere, poi alla fine cambia di nuovo e si redime (le cose peggiori venivano fatte a sua insaputa).Per i disegni di Piccinelli che dire? FavolosoMolto belli i volti di Lupe e della figlia Luz, e sopratutto sono ottimali le fisionomie dei pards: ha preso in mano i personaggi come se li avesse sempre disegnati lui.Da notare lo sforzo per "ringiovanire" il volto di Tex nelle parti in flashback.Tra 20 anni il Tex di Piccinelli sarà quello classico dal punto di vista grafico, come ora lo può essere quello di Ticci.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.