Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum

valerio

Membri
  • Contatore Interventi Texiani

    42
  • Iscritto

  • Ultima attività

Reputazione nella comunità

4 Neutra

Info su valerio

  • Rango
    Visitatore

Visitatori recenti sul profilo

L'opzione per mostrare i visitatori recenti del profilo attualmente è disabilitata.

  1. valerio

    Qual ? La Vostra Storia Preferita?

    Io sono affezionato al centinaio 100-200, denso di capolavori Bonelliani e a quello 300-400, altrettanto denso di capolavori Nizziani. Il 100-200 è il centinaio della mia fanciullezza ed è indimenticabile. Quello del 300-400 è quello della rinascita con un Tex ironico, irresistibile nei dialoghi e ricco di storie memorabili.
  2. valerio

    [Maxi Tex N.22] La grande corsa

    La storia è bella. Ricorda, in qualche modo, Oklahoma. Decisamente un grossissimo passo avanti rispetto alla brutta storia sui cinesi della regolare. Tuttavia non è un capolavoro, come nessuna storia di Ruju finora. Si legge molto bene ma manca quel quid (nei dialoghi, nell'epica o in qualcos'altro di indefinibile) che possa trasformare una bella storia in una storia epocale. In ogni caso è da comprare e da gustare. I disegni, beh....bella la "regia" di molte tavole ma il disegno, ahimè, è al di là dell'accettabile su Tex. Spero davvero che in futuro si dia spazio a disegnatori più giovani e più texiani. Tex e Carson davvero non si riconoscono, e in queste condizioni si fatica persino a gustare la storia.
  3. valerio

    Antagonisti che potevano essere meglio valorizzati

    Mah...un po' mi spiace per questo puzecchiamento continuo verso Borden da parte di wasted years, perché Boselli non merita questo, anche se in gran parte la penso come wasted sulla scrittura di Borden. Tuttavia Borden è, in linea generale, un ottimo sceneggiatore e sta facendo un gran lavoro. In questi giorni ha anche una pazienza che in altre situazioni non ha mostrato Io credo che Borden meriti tutto il nostro appoggio per due buoni motivi. 1) Non ci sono all'orizzonte sceneggiatori validi di Tex, in attesa che Ruju metta la quinta marcia, e secondo me ha anche le doti per farlo. Dipende da lui. (resta il mitico Nizzi, ovviamente, a cui auguro una vita lunghissima e di darci ancora qualche grande storia). 2) Ha un compito gravosissimo e lo porta avanti con dignità e con poco aiuto. Poi chiaro, se devo essere sincero anche io trovo indigeste molte storie di Borden, altre invece, pur non essendo il mio ideale sono da considerarsi comunque dei capolavori, anche se forse capolavori sui generis rispetto alle storie classiche di Tex, ma è logico che qualcosa vada anche rinnovato (non troppo per favore). A Borden sceneggiatore rimprovero la troppa dispersività (a me la minestrina, purchè buona, starebbe più che bene, magari non sempre...ma la maggior parte delle volte una bella semplicità la preferirei), i tanti personaggi, il poco spazio che a volte da a Tex, ma SOPRATTUTTO, e questo per il mio personale gusto è il vizio capitale, non mi piacciono i dialoghi. Sono duri, giusti eccetera...ma mancano totalmente di brio. L'ironia, così importante in Tex e Carson soprattutto, è posticcia e del tutto innaturale. E' quello che faceva grande GLB e che ha fatto grande il miglior Nizzi, in questo insuperabile. Ruju nei dialoghi è più giusto ma resta ancora lontano da quello che per me è l'ideale. Quindi, devo purtroppo dire che la maggior parte delle volte trovo difficile leggere con leggerezza le storie di Borden. Però va rispettato e sostenuto per i motivi che ho detto prima. E poi devo ringraziarlo per avermi fatto reinnamorare di Tex dopo la storia di Yama. Ormai compravo Tex mensile leggendolo stancamente da alcuni anni (dopo che lo avevo mollato per 10 anni abbondanti). La storia di Yama mi ha riacceso la passione e mi sono letto tutto quello che non avevo letto prima, diciamo il periodo 400-500, e ho riletto tutto dal numero 1 al numero 400 circa. Ora però, spero che Borden dopo avermi fatto reinnamorare di Tex non me ne faccia disamorare. Un po' di semplicità ogni tanto...qualche storia classica sarebbe benvenuta...dialoghi un po' più ironici, ma questo non so se sia nelle sue corde, temo di no. Chiaro che se poi tira fuori cose come Patagonia o gli invincibili c'è poco da dire, anche se sono capolavori molto sui generis trattandosi di Tex, restano pur sempre capolavori.
  4. valerio

    La serie regolare è alla canna del gas?

    No, dicevo che Faraci, NON ha mai scritto cose di questo genere.
  5. valerio

    La serie regolare è alla canna del gas?

    Bravo, tutto maiuscolo. Un grande, unico.
  6. valerio

    La serie regolare è alla canna del gas?

    Ma Faraci non ha mai scritto mica solo Furia rossa, ma anche la congiura, i cospiratori, la tigre nera, l'uomo senza passato, sioux, le colline del vento, il presagio, la leggenda della vecchia missione, l'uomo con la frusta, fuga da anderville, la valle del terrore, la grande rapina, fiamme sull'arizona, l'ultima frontiera, il ragazzo selvaggio, la ballata di Zoeke Colter eccetera eccetera eccetera. Ma nemmeno le ha mai immaginate nel migliore dei suoi sogni, guarda.
  7. valerio

    La serie regolare è alla canna del gas?

    Allora c'è da aspettare parecchio..speravo in qualcosa prima. So che non ami Nizzi, ma io credo che un Nizzi in forma sia l'acquisto migliore della SBE, per tutte le storie stupende che ci ha dato nella sua storia texiana, e perché è indubbiamente il più grande conoscitore e scrittore vivente di Tex assieme a Boselli. Né Ruju, né Manfredi né tantomeno Faraci hanno queste credenziali e questi risultati su Tex. Certo, ha 80 anni e necessariamente va cercato anche qualche nuovo talento. Ma intanto io punterei molto su Nizzi, molto di più, sempre ammesso che si tratti di un Nizzi di buon livello, almeno per i prossimi 4-5 anni. Oltre a questo, sulla carta le uscite dei prossimi 2 anni sono molto ghiotte. Bisogna vedere se i risultati saranno all'altezza delle aspettative, soprattutto è interessante capire se Ruju riesca finalmente a trovare una svolta per il suo talento. In caso contrario sarebbe un gran peccato.
  8. valerio

    La serie regolare è alla canna del gas?

    Si ma quando sono previste le prossime uscite di Nizzi?
  9. valerio

    La serie regolare è alla canna del gas?

    X Borden: Nizzi in che condizioni di forma è? Tu hai letto le sue nuove sceneggiature. No, perché a saper scrivere Tex secondo me ci sono solo 2 persone. Boselli e Nizzi. Capisco che ci vorrebbero dei giovani a mandare avanti il tutto, ma in mancanza bisogna rivologersi a chi Tex lo sa scrivere. Se Nizzi ne ha voglia ed è in buona forma, visto il panorama, credo andrebbe coinvolto di più. Sul resto, Faraci e Manfredi grandi delusioni. Ruju sa trattare il personaggio, tuttavia non ha mai scodellato racconti indimenticabili, e ultimamente pare in preoccupante calo. Comunque ha diverse uscite tra poco e valuteremo meglio la situazione. Altri non ce ne sono (a parte il decano Nizzi ovviamente). Borden, secondo me stai un po' esagerando con le storie sul passato. Sono interessanti e alcune veramente ben riuscite, ma stanno diventando troppe. Troppo passato dà l'impressione che non ci sia un futuro e nuove vicende.
  10. valerio

    [384/387] Furia Rossa

    Vabbè, questa per me è una delle 5-6 storie migliori dell'intera saga. C'è tutto. Epica, commozione, maestria totale sia nella sceneggiatura che nei disegni, passione.
  11. valerio

    [Color Tex N. 12] Sparate sul pianista e altre storie

    Giudizio sul color: - Le storie brevissime possono avere un senso se sono scritte da grandi autori, qui ne avevamo 3, ma a parte Nizzi le cose non hanno funzionato granchè. Le altre sono assoltamente non texiane e immediatamente dimenticabili e credo che questo, Borden lo sappia benissimo. Restano dunque solo le 3 storie di Ruju, Borden e Nizzi. Sufficiente la prima, ma qui mi fermo. Sufficiente anche quella di Borden, ancora una volta legata al passato, cosa che comincia personalmente un pò ad annoiarmi, certamente condotta con maestria ma non troppo interessante, alla fin fine mi ha annoiato. Buona solo quella di Nizzi a mio avviso, Nizzi che dimostra di saper maneggiare anche le storie brevissime (già nelle brevi diede ottime prove, per esempio la Ballata di Zeke Colter fu una storia breve straordinaria), seppur con tutte le limitazioni di una durata davvero troppo limitata per portare storie indimenticabili. Sono molto dubbioso su questi Color, secondo me non portano qualità alla storia di Tex, è molto difficile con storie così brevi riuscire a dire qualcosa di nuovo o comunque di buono e interessante. Nizzi non vedo l'ora di rivederlo su storie lunghe, secondo me potrebbe ancora sorprenderci molto positivamente.
  12. valerio

    [Texone N. 32] Il magnifico fuorilegge

    Bellissimo Texone, poco da dire. C'è l'avventura, c'è l'amicizia, ci sono i nemici, c'è il pericolo,ci sono le sorprese, c'è anche se sfumato, l'amore. Uno dei texoni migliori di Boselli, tornato decisamente al suo meglio. Ottima caratterizzazione del Tex giovane, anche nel linguaggio. Finalmente sono tornati i cazzotti (il Tex che prende sanguinosamente a pugni i cattivi è uno dei motivi per cui ho sempre amato il personaggio), e il Tex spavaldo degli esordi. Belli anche i disegni. Molto contento di questo texone in definitiva. Questi excursus nel passato sono belli, credo però non se ne debba abusare, già Jethro non mi ha coinvolto molto. Questo invece si, come mi aveva coinvolto il passato di Carson. Credo che una tantum sia un'ottima scelta tornare al passato, ma dovrebbe restare una cosa saltuaria secondo me, altrimenti poi stucca. Sono certo che Borden saprà avere il senso della misura.
  13. valerio

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    Riguardo all'intervista di GLB, tema Carson, ora mi sto rileggendo tutti i Tex di GLB, ma sono ancora abbastanza all'inizio, Carson è ancora piuttosto serioso, ma ricordo che nel prosieguo era diventato pessimista, fanfarone, mangiatore indefesso e sostanzialmente si affermava come personaggio anche divertente. Detto questo, siccome Nizzi seguiva paro paro le tracce di GLB direi che non si è certo inventato nulla su Carson, semmai ha un pò accentuato ulteriormente, ma secondo me ha reso anche i dialoghi tra i due pards irresistibili. I duetti comici (non mi viente un altro termine) tra Tex e Carson di Nizzi sono superiori anche a quelli di GLB, propriò perchè Nizzi aveva forse meno epica di GLB ma certamente più senso del buffo e dell'umorismo. Aggiungo che anche sugli origlioni si è rifatto evidentemente a GLB, infatti nelle ultime 4 storie di GLB che ho letto ci sono origlioni a tutto spiano, in quella che ho letto oggi ce ne sono addirittura 5 ad origliare. In sostanza, quindi, molte critiche a Nizzi mi sembrano francamente immeritate. Altro discorso, chiaramente, se si parla di storie che non funzionano, ma se si critica facendo riferimento a origlioni e a buffonerie di Carson siamo fuori strada. Riguardo a Nolitta, io ricordo una gran bella storia. Poi certo, il Tex di Nolitta è moooolto particolare, e probabilmente non piaceva troppo al padre. Anche io amo poco il Nolitta Texiano, beninteso, ma i ribelli del Canada fu una storia azzeccata secondo me.
  14. valerio

    [678/679] Jethro!

    Io credo che Boselli, alla fine, percorra una strada in linea col suo stile di scrittura, chiaramente, e con i numerosi decenni di storia di Tex, che probabilmente rendono difficile trovare nuove strade sul personaggio, e quindi ha deciso di scavare nel passato e (questo da sempre) lavora molto sui personaggi di contorno, visto che su Tex c'è poco da lavorare ormai. Una scelta legittima. La forza di Boselli è che scrive molto bene, il limite, forse, è che Tex gli sta stretto e rischia di complicare fin troppo vicende e situazioni. Personalmente non sono ne pro nè contro a Boselli. Ne rispetto e stimo il lavoro, e capisco le sue scelte, capisco anche che non si può annullare il proprio stile per Tex.Il bravissimo Nizzi lo fece per anni con risultati eccelsi, ma poi ne restò un pò schiacciato. Borden fin da subito ha messo il suo stile, per certi versi innovativo, e direi che è inevitabile, ogni autore può apportare il suo stile e il suo "sentire". Dico che quasi sempre Boselli mi piace ma quasi mai mi soddisfa al 100 per 100. Gli devo dare atto di avermi riacceso clamorosamente però la passione per Tex, dopo la lettura del suo Yama, che un pò perchè il personaggio è intrigante e tale da accendere attese e aspettative, e un pò perchè la storia è effettivamente molto ben riuscita, è stata riattizzata alla grande, tanto che ho ripreso gli albi dei 300 e 400 che non avevo, in gran parte, mai letto e praticamente me li sono letti tutti in due mesi (trovando in Nizzi più che in Boselli le mie soddisfazioni, ma questo è marginale)
  15. valerio

    [678/679] Jethro!

    Contiene Spoiler: Storia molto bella, una di quelle che contano nel complesso,bello il tema del razzismo, molta azione, un Tex in forma. Uniche perplessità: Il finale, un pò affrettato. Vedersi spuntare così i pard al completo mi pare un pò esagerato. Bello però il finalissimo quando gli amici si separano per non vedersi più. E poi certo...Tex è forte e invincibile, per anni hanno rotto le scatole a Nizzi perchè a volte si faceva abbassare i cinturoni eccetera eccetera..ma qui per due volte vorrebbero farglieli abbassare, in situazioni molto difficili (quasi disperate nel secondo caso, quello durante la cena), e lui non solo non li abbassa ma spara a tutti, persino in presenza di ostaggi. Insomma un pò troppo forse... Comunque bella storia.
×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.