JohnnyColt

Membri
  • Contatore Interventi Texiani

    28
  • Iscritto

  • Ultima attività

Info su JohnnyColt

  • Rango
    Visitatore
  • Compleanno 23/01/1998

Informazioni sul profilo

  • Sesso
    Maschile
  • Interessi
    Sono un grande appassionato di Tex Willer che, da quando lo ha scoperto e ha iniziato ad acquistarlo, nel 2011, non è più riuscito a fermarsi.<br />
    Adoro inoltre la storia italiana del '900, la politica, il cantautorato italiano, la letteratura di '800/'900, la fotoarcheologia industriale e da qualche anno ho scoperto di essere un incallito ed irriducibile Alfista...
  • Nome reale
    Lorenzo
  1. Storia Meno Gradita Di Tex - Primo Girone Di Semifinale

    Voto per "Avventura a Cedar Mines"
  2. Claudio Nizzi necessita di una rivalutazione?

    Phil Turner, per esempio, è un personaggio che mi piace parecchio, viscido, indecifrabile per gran parte della storia. La sua morte poco eroica è molto nolittiana e poco bonelliana ma l'apprezzo ugualmente... Anche Timothy O'Sullivan l'ho apprezzato molto, è un personaggio davvero ben fatto. La carriera di Nolitta con Tex ha avuto alti, rappresentati secondo me da "El Muerto" e da "Giungla Crudele", e bassi che non vogliono dire per forza brutte storie ma che con Tex c'entrano relativamente, nel complesso credo che abbia sempre capito poco il personaggio.
  3. Galleria Di Massimiliano Leonardo (Leomacs)

    Bello questo Tex di Leomacs! Fax era caratterizzato direi abbastanza bene! Adoro lo stile di Leomacs, i volti truci credo che ben si abbinino al personaggio, Carson poi è spettacolare!
  4. Claudio Nizzi necessita di una rivalutazione?

    COncordo con molti di voi, Nolitta non è mai riuscito veramente ad entrare nelle corde di Tex, l'ha sempre etichettato, macchiettato, ha quasi sempre creato il divario bene/male troppo marcato... E' inutile negare che lui fosse da storie nella giungla, tra le paludi, in Africa ecc. Carson di Nolitta a me non dispiaceva, anche se logicamente molto "macchietta"... Boh, sarà il personaggio ma a me Carson piace a prescindere in tutte le salse!
  5. Qual'? Il Vostro Pard Preferito?

    Voto logicamente Tex ma il vero Pard fondamentale è Capelli d'argento
  6. Color Tex "lungo" Quale Colorazione Preferite?

    Beh, ma qui non c'è lotta... Colorazione a sfumature tutta la vita! Vedo che in Bonello finalmente lo hanno capito che i lettori la preferiscono alle colorazioni piatte!
  7. Miglior Storia Di Guido Nolitta - Finale

    Anche io voto per "El muerto", preferenza per "Giungla crudele"...
  8. Miglior Storia Con Protagonista Jim Brandon

    Ho votato per "La freccia nera", preferenza per "La croce tragica"...
  9. Uno sguardo verso il futuro: la fascia 700 di Tex

    Concordo con te, per me sarebbe impensabile prendere una copia in digitale... Tutte le sensazioni che da il cartaceo non sono trasferibili su un ereader, io sono per questo sono vecchia scuola ma oggettivamente non tutti sono come me è sicuramente ci sono persone che, vuoi per spazio, vuoi per comodità, vuoi perche adorano il formato digitale (esistono ma sono una brutta razza) si troverebbero comodi a vedersi il proprio fumetto in digitale. E' anacronistico fossilizzarsi sul mero cartaceo, bisogna affiancare a tutti i costi il digitale... E ripeto affiancare, non sotituire con il digitale... Esattamente quello che dico io, le due cose non perforza si devono escludere a vicenda, sono due mercati paralleli che saltuariamente si incontrano... Il problema è che tanta gente è troppo attaccata al cartaceo e reputa il digitale inutile quando però potrebbe essere utile per tantissimi. Se vuoi il digitale vai sul digitale, se vuoi il cartaceo vai sul cartaceo. E' coe scegliere tra una berlina o una Station Wagon: ognuno va sulla versione che lo aggrada maggiormente ma sostanzialmente il prodotto è quello. Ripeto, io sono al 100% per il formato fisico, sia per fumetti sia per libri sia per album, però oggettivamente le versioni digitali offrono vantaggi non da poco: non hai bisogno di spazio fisico, puoi accumulare giga e giga su un supporto piu piccolo di una moneta; se sei all'estero, ma anche se sei in Italia, il trasferimento è immediato e puoi leggere il fumetto 10 min dopo il suo caricamento online; solitamente il prezzo è nettamente inferiore; puoi portarti con te decine di fumetti nel telefono; puoi avere magari una libreria più lineare ed organizzata rispetto al cartaceo. Sono due visioni. Punto. Non bisogna girarci attorno. Realizzando versioni digitali si accontenterebbero sia i "vecchi", tra cui rientrerei pure io ma vabbè , legati alla carta e i "nuovi" tutti digitali e connessi col mondo. Urge una versione digitale perchè non tutti i lettori sono così attaccati alla carta come noi. Come sempre, sotto questo punto di vista, la SBE è distante anni luce.
  10. Uno sguardo verso il futuro: la fascia 700 di Tex

    Sul digitale io sono al 100% concorde con Dix, credo sia doveroso affiancare alle cartacee delle versioni digitali perchè mi spiace dirlo ma i tempi lo richiedono, la carta per fortuna credo che non sparirà mai ma sarebbe stupido non riconoscere il potere del digitale (ufficiale). Riguardo la questione "copie pirata" mi spiace ma devo oppormi al pensiero di Boselli, è vero che ci sono ma sono copie, spesso illegali, fatte da appassionati. Non si dovrebbero giustificare proprie mancanze (perche oggettivamente, apparte qualche albo di MM, il digitale è una carenza madornale della Bonelli) dicendo che vi sono già su internet copie digitali dei fumetti perchè quelle fanno parte di un mondo leggermente distaccato dalla case editrici, sono pubblicazioni meticce e a livello amatoriale, probabilmente di qualità poco elevata. Non dico di dover pubblicare digitalmente tutti gli episodi dal '48 ad oggi (sarebbe oggettivamente una sfida madornale che potrebbe risultare inutile) ma si dovrebbe almeno iniziare ad affiancare gli inediti cartacei con gli inediti digitali e, perchè no, inserire ogni tanto episodi passati e significativi random, logicamente a pagamento... Il ragionamento di Boselli non regge perchè ragionando in quel modo sia le versioni da Kindle dei libri e le versioni mp3 degli album musicali risulterebbero inutili, e lo dico da amante del supporto fisico che non mollerà mai, si tratta di guardare oggettivamente le cose come stanno. Per quanto riguarda la carta piu sottile sono totalmente contrario... Non per fedeltà alla tradizione ma semplicemente perche l'albo sarebbe, come mi ha preceduto Borden, di qualità pessima, decisamente poco porosa e adatta all'inchiostro di qualità... E poi boh, gli albi che ogni tanto si trovano all'estero, che sono ristampe nelle rispettive lingue delle nostre pubblicazioni, sono di una qualità imparagonabile alla nostra, oltre ad avere pagine simili a cartavelina ho notato più volte che l'inchiostro scivola sulle dita e si scolla la costa. Dix, involontariamente, ci ha dato l'esempio lampante per cui gli albi è giusto che rimangano così come sono: Tanto per cominciare la qualità degli albi turchi a fumetti è famosa per non essere elevata, la patina legerissima (divertente il fatto che venga chiamata "patina") non è certo un segno di qualità come anche lo spessore ridotto. Il probema essenzialmente è questo: più si risparmia sui materiali più l'enorme lavoro svolto da professionisti e artisti viene sminuito perchè viene messo su supporti totalmente inadatti il cui prezzo non è detto che scenda, anzi è probabile che rimanga costante... Nel giro di poco tempo il personaggio andrebbe a morire, purtroppo....
  11. Uno sguardo verso il futuro: la fascia 700 di Tex

    Devo seguire al grande Borden, personalemnte non ho capito? Vorresti comperare versioni digitali degli albi di Tex che però non esistono? Beh che dire... Di storie avvincenti in cantiere che promettono di fare fuochi e fiamme ve ne sono anche in abbondanza, cavoli. E' diverso tempo che sento la gente dire che Tex sta ammuffendo, sta dormendo sugli allori e non produce più albi al livello di quelli anni '60. Non so, sarà perchè io gli anni '60 e '70 purtroppo non li ho vissuti ma non mi pare proprio che la SBE stia gestendo male il personaggio. Queste critiche mi sembrano decisamente campate in aria da qualche nostalgico che è fermo a "Nel west dicevano così". Personalemente io sono totalmente soddisfatto, per esempio, da questo anno che è quasi finito perchè ho letto, devo dirlo, capolavori come il Texone e varie storie ottime, se non eccellenti, sparse qua e là. Il livello dell'attuale Tex è alto, e si sta alzando sempre di più vedo. Non ho assolutamente nulla da recriminare alla gestione Boselli che per ora se ne è uscito con idee molto valide e particolari per avvicinare nuovi lettori, e quindi clienti. Aspetiamo il prossimo anno e vediamo cosa ha in serbo per noi il buon Borden... Speriamo ci sia qualcosa anche in croato
  12. Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    Volevo proporvi alcune storie di Tex pubblicate nell'esteuropa nelle rispettive lingue... I disegni sono pressochè identici alle versioni originali, tralasciando la saturazione dei colori, ma fanno specie titoli cosi particolari Tex Gigante n° 541: "Blago iz rudnka" ("Il tesoro della miniera") - SERBIA Tex Gigante n° 548: "Dokazivanje optuzbe" ("Documento d'accusa") - SERBIA Maxi Tex n°19: "Texova pravda" ("La giustizia di Tex") - CROAZIA
  13. Galleria Di Tex Di Disegnatori In Generale

    Divertenti paginette... Da dove le hai prese se posso chiedertelo? Presumo da Sbam Comics ma non ne sono sicuro Questo è un simpatico omaggio ai due Rangers da parte del grande Leo Ortolani fattomi alla Fiera di Lugano qualche anno fa... Questo è un simpatico omaggio ai due Rangers da parte del grande Leo Ortolani fattomi alla Fiera di Lugano qualche anno fa...
  14. Galleria Di Tex Di Disegnatori In Generale

    Un bel disegno di Luigi Sinis
  15. Galleria di Enrique Breccia

    Magari alcuni di voi non conoscono questa immagine molto particolare dedicata a Repubblica...