Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum

JohnnyColt

Allevatore
  • Contatore Interventi Texiani

    356
  • Iscritto

  • Ultima attività

  • Giorni con riconoscenze

    4

Tutto il contenuto pubblicato da JohnnyColt

  1. JohnnyColt

    I coloristi che lavorano su Tex

    Con le nuove pubblicazioni a colori volute dalla Sergio Bonelli Editore abbiamo potuto vedere sempre più il Nostro in quadricromia. Devo ammettere però che non conosco affatto i nomi dei coloristi ufficiali al lavoro sulle storie speciali della mensile, sui Color e sui cartonati. Tralasciando i lavaori colorati a mano da Galep e Ticci, chi ha realizzato tutte le tavole a colori di Tex fino ad oggi? Ogni colorista da una propria impronta evidente al lavoro o lavora sotto rigidi standard Bonelli? Vorrei capire meglio questo ambito oggi in crescente sviluppo. Conosco di nome Oscar Celestini ma non credo che lavori soltanto lui a Tex...
  2. JohnnyColt

    [Romanzi A Fumetti 08] Cinnamon Wells

    Anche a me sembra una luna piena che si stava sopra al deserto... Comunque sia dalle poche righe di sinossi e da quelle anteprime mozzafiato si preaannuncia l'ennesimo cartonato coi fiocchi. Questa collana è ad oggi la collana esterna meglio riuscuta dal tempo dei Texoni. Ottimi disegnatori e ottime colorazioni! Bravo Vattani. Lo penso anche io, forse questo tratto c'è solo nelle tavole in anteprima ma devo dire che non mi dispiace affatto tale modifica al suo stile.
  3. JohnnyColt

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    Queste schede le possiamo trovare un po' d'appertutto... Io ricerco la fonte primaria, non supposizioni o riscritture del dato
  4. Vorreste voi la 37esima serie della Collana del Tex in formato striscia? La SBE ha recentemente pubblicato una storia in 6 strisce, per le sole fumetterie, di Zagor. Questi albi sono caratterizzati dal limitato numero di pagine, dalla costante azione e da Cliffhangers. Vi piacerebbe ritrovare questa formula tra le pubblicazioni inedite di Tex?
  5. JohnnyColt

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    Chiamami stupido ma continuo a non capire. I dati nella rivista avranno pure una fonte... Gli ultimi direttori editoriali della Bonelli non c'entrano nulla con la genesi del personaggio di conseguenza lo Stato del Kansas deve essere per forza di cose uscito o dai due Bonelli, o da Nizzi o da Boselli. Nizzi e Boselli è improbabile che abbiano tirato fuori questo particolare, che io ricordi nelle storie dei Bonelli non c'è nulla. Rimane il problema di dove abbiano tirato fuori quel Kansas. E' possibile che abbiano parlato con GLB e che lui abbia detto loro l'origine del buon Carson ma allora, perchè non abbiamo altre testimonianze? Mi sembra troppo strano... Per me questo dato è stato tirato fuori di sana pianta dai collaboratori di una delle due case editrici che hanno redatto le schede. Mio lapsus, mi scuso. Si potrebbe dire che il Tex giovane, sbarbatello e con la camicia gialla senza tasche, sia basato su Gary Cooper mentre il Tex adulto con famiglia e con Carson al seguito sia basato su Gemma. Cooper era 190 cm, Gemma 181 cm... Tex da giovane era 190 cm ma con l'età si è ingobbito fino ai 181 cm
  6. JohnnyColt

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    Anche io ho sentito Kansas come pseudonimo più volte ma c'è una storia in cui viene detto palesemente che è del Kansas o sono vostre supposizioni? Non mi ricordo se nel passato di Carson si parli di questo particolare...
  7. JohnnyColt

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    Dove scopriamo che Carson è del Kansas? Mi sono perso questo particolare... Nella seconda parte del film Giuliano "Tex" Gemma indossa una camicia rosa, ricordo... L'altezza di Gemma credo sia stato l'ultimo dei problemi per il grande vecchio...
  8. JohnnyColt

    [Color Tex N. 13] Piombo e oro

    Non mi sento di essere così cattivo. Non vado oltre il 7 però i disegni e i colori sono molto belli. Ruju poi come già evidenziato ha fatto una godibile storia con i tempi giusti e non troncata per assurde paturnie boselliane/bonelliane.
  9. JohnnyColt

    [693-694] Il ritorno di Proteus

    La fase finale è decisamente forzata... E' il punto debole di tutti i personaggi a fumetti che si mascherano, vedi Diabolik. Diabolik ormai è Diabolik ed è immutabile. Proteus è vecchio e stantio.
  10. JohnnyColt

    [Color Tex N. 13] Piombo e oro

    Ottima storia sotto tutti i punti di vista. Albo lineare e senza enormi colpi di scena ma è una storia che da un po' di tempo Ruju non ci dava, una storia senza ellissi o salti temporali, una storia bella, godibile, a volte divertente e abbastanza innovativa. Ho apprezzato l'incipit con i soldati e la rapina, di certo non mi aspettavo il cecchino tedesco (in realtà me lo aspettavo benissimo perchè me lo hanno spoilerato in casa editrice al momento della presentazione dell'albo ma se non fossi andato a leggere la trama o vedere l'anteprima sarei stato piuttosto incuriosito e stupito dell'elemento). Bella trovata Ruju! La presenza del crucco, che però poteva anche essere maggiormente approfondita, dona un tono differente alla vicenda rendendola dinamica e coinvolgente fino dalle prime pagine. Belle le sparatorie, sempre in grande stile, belli i personaggi molto caraterizzati e bella anche la rivolta finale dei peones che non leggevo da diverso tempo. Qui Ruju è tornato un ottimo sceneggiatore che si basa su una storia ben articolata e chiaramente rappresentata. Sul lato disegni noto dei commenti negativi che non comprendo molto. Se da un lato una leggera differenza tra i vari volti di Tex c'è, cosa che comunque a me non ha dato più di tanto fastidio, dall'altro troviamo vignette spettacolari e cinematografiche. Abbiamo masse di persone particolareggiate e ben definite, abbiamo l'inquadratura del mirino che si ripete più volte ma mai uguale alla precedente, abbiamo sia ambienti interni (vedi la stamberga della "bella" Adelita) sia paesaggi eccezionali (la parte ambienta negli Stati Uniti ne è l'esempio), realizzati con grandissima cura e attenzione ai particolari. Bellissima la caratterizzazione grafica di Carson e belli gli elementi che escono dalla gabbia bonelliana nelle scene frenetiche. I grandiosi disegni di Scasciatelli, che deve approdare al più presto al mensile, sono ancora più valorizzati dalla colorazione di Celestini qui ancora più curata e dinamica. I cieli eccezionali e le scene notturne sono le cose più rappresentative di questa colorazione. Pagina 38, il flashback e le pagine da 131 a 162 sono tra le cose più riuscite graficamente (sia a livelli di disegni sia di colorazione) di tutto l'albo. Ho apprezzato infine moltissimo un tocco di classe che penso sia di Celestini: pagina 160, quinta e penultima vignetta, il mirino è puntato su due figure in primo piano nitide e definite ma in secondo piano c'è un altro soggetto più lontano e su cui è stato attuato un ottimo lavoro (presumo in post-produzione al computer al momento della colorazione) di diminuzione della nitidezza per renderlo più sfumato e accentuare la capacità della lente del mirino da cecchino. La copertina di Villa è molto ben fatta ed è più corente con la colorazione interna rispetto alle passate pubblicazioni. Il titolo non ha abbastanza impatto anche se semplice e pulito. Ammetto di non essermene accorto affatto, dove si riscontrano tali errori? Ho notato anche io la somiglianza e l'ho molto apprezzata. A parer mio è tutto fuorchè una sola questa storia. Non è esageratamente complicata, fattore che troppo spesso Ruju gestisce in malo modo, ma è molto incisiva e godibile.
  11. JohnnyColt

    [693-694] Il ritorno di Proteus

    Beh però il dubbio può effettivamente esserci per uno sveglio come Tex, conosce molto bene di cosa è capace Mister P e di come sia vanesio. C'è Proteus in città, ed è già un elemento che obbliga a drizzare le orecchie anche per ogni boiata. Il matrimonio è un grande evento particolare con tanti invitati e che non capita di certo quotidianamente. Se aggiungi che poi lo sposino potrebbe pure essere ricco credo sia il posto ideale per un rapinatore da quattro soldi come è Proteus. Grossomodo credo sia il ragionamento che ha fatto Tex. Ha chiesto poi chi fosse lo sposo e si è scoperto che tanto per non cambiare ci azzeccato in pieno. Per un predone come è il nostro Perry eventi simili, grandi con tanta gente sono una goduria... Di certo qualcosa da ciulare lo si trova, sia esso il collier della sposa o altro. La reazione di Carson è la reazione di uno che conosce il pard come le proprie tasche.
  12. JohnnyColt

    Grandi cambiamenti nella trama: a chi spettano?

    Beh, è indubbio che non possa essere la coppia stantia di Mefisto. Più forte di Tex? Abbiamo già avuto nemici più forti di Tex ma sempre sono stati battuti grazie alla regola Forte e Grosso = Lento Pistolero migliore? E' impossibile, è dal '48 che viene ribadito che Tex sia il miglior pistolero di tutto il west, l'arrivo dal nulla di questo nemico renderebbe il tutto un po' strano. Personalmente mi chiederei: Ma sto tizio dove è stato fino ad ora? Senza contare che l'unica volta che Tex perse in duello è stato con quel cialtrone con la fondina Swivel. Non è fattibile. Più furbo? E' la via migliore. Tutti i più grandi nemici di Tex sono furbi almeno quanto lui ed è proprio su questo aspetto che bisognerebbe partire per il nuovo arcinemico. Ricordiamoci che in fin dei conti Tex non ha ricevuto istruzione, vive di vita vissuta, potrebbe effettivamente essere la carta vincente puntare su un nemico molto più istruito di lui! Potrebbe essere un buon rinnovamento ma forse anche troppo radicale. Sembra una cavolata ma da quando Tex è Tex, il Tex adulto, tutti noi lo abbiamo sempre visto come Ranger, Capo Indiano e Agente Indiano. Penso anche io sia giusto passare il ruolo al figlio ma sono convinto che sia una scelta che non andrà giù a tanta gente.
  13. JohnnyColt

    [693-694] Il ritorno di Proteus

    Devo dire che non riesco ad avere una vera opinione su questo albo. L'ho letto in due volte a distanza da un mese con l'altro ma dopo aver fatto correre qualche giorno dall'ultima lettura sono ancora molto incerto sul giudizio. Di certo è una storia molto godibile e carina, ben articolata e in cui il nostro Mister P. è ben caratterizzato. Il fattore degli occhi è un ottima trovata che si sviluppa e viene affinato nel corso della storia fino ad arrivare al suo apice: Kit contro Kit. Tex riconosce Proteus travestito da Kit solo dagli occhi, un elemento che, parlando con il giudice Drayton (aka Proteus), aveva bellamente ignorato salvo poi accorgersi del tranello dopo qualche pagina. Se ci dovessimo basare solo sulla storia pre-Kit direi che scorre bene, senza pause riempitive ma senza neppure brusche accelerazioni narrative a cui tanto Ruju ci ha abituati nell'ultimo anno. Il flashback sulla fuga dal carcere è poco funzionale alla storia ma è inserito in una cornice in cui il lettore sente la necessità di sapere come è andata tutta la vicenda. E' oggettivo che a fuga da Yuma sia molto azzardata ma come molti di voi hanno evidenziato è una fuga alla Proteus, un personaggio vecchio e datato a cui bisogna perdonare alcune disattenzioni (vedi la barba). La trovata del matrimonio è anch'essa un'ottima chiave di volta, non banale. Sul fatto che in quell'occasione Tex sia onniveggente ritengo che sia un fattore superabile siccome più volte lo abbiamo visto sentire puzza di bruciato in situazioni apparentemente pacifiche. Carson inoltre conosce a memoria Tex, conosce le sue espressioni e conosce i suoi sguardi, solo un allocco non avrebbe capito all'istante che cosa frullasse per la testa a quel tizzone d'inferno di Tex. La storia, come detto, procede bene fino a che, praticamente dal nulla salta fuori Kit Willer, a pagina 100 del secondo albo. Ora, perchè? Il padre gli ha detto di trovarsi in stazione e fare ballare l'occhio, ci sta. Mi chiedo però perchè presentarcelo così, decontestualizzato, non c'entra nulla con la vicenda di Proteus ma riesce ugualemente a riconoscerlo travestito da vecchina. Inoltre la scenetta comica della vecchina/Proteus che urla "Aiutatemi, questo giovane mi sta minacciando!" è tanto ridicola quanto insulsa ma da la scusa alla storia per far sparire DI NUOVO E SENZA NECESSITA' alcuna il nostro P. Nel giro di poche pagine i due Willer si trovano di fronte il nemico vestito da Kit, una veloce sparatoria e rapidamente ci troviamo i due Kit menarsi pesantemente sui binari della rotaia mentre una locomotiva sta palesemente correndo (Ma non erano in stazione?). Tex salva il proprio figlio, Proteus riceve una bella pallottola tra il cuore e la spalla ed infine pare essere triturato dalla locomotiva in corsa. Devo ammettere che quest'ultima scena mi è piaciuta. Nulla da dire se non che Kit ha fatto solo la parte della marmotta in questa storia. La questione è un'altra, perchè spoilerare in questo modo lo scontro tra Proteus e Kit se poi nella realtà dura pochissime pagine a fine storia? Perchè aggiungere Kit e questa scena finale solo e soltanto per mostrare lo scontro tra i due Kit? Che poi, mostrare... E' palesemente un finale carino ma slegato dalla vicenda e nato solo e soltanto per far vedere lo scontro e l'orribile probabile morte del nemico. Siamo sicuri che non si sarebbe potuto fare attraverso altri metodi? Ramella mi è piaciuto molto perchè ha un tratto pulito ma sporcato nelle giuste situazioni. Spero di rivederlo presto perchè mi ha molto soddisfatto. Tra una settimana cercherò di leggere tutta la storia insieme e vedrò se il mio giudizio rimarrà incerto o prenderà una piega diversa.
  14. JohnnyColt

    Grandi cambiamenti nella trama: a chi spettano?

    Devo dirti che sarei davvero curioso di vedere Tex in tali situazioni ma mi auguro non salti mai in mente a qualche autore perchè andrebbe a snaturare irrimediabilemente l'opera di Bonelli Padre. Sono contrario a What If perciò ancora una volta io sarei contrario ad una scelta tanto assurda. Fatto è che, per fortuna, sotto la gestione Boselli non vedremo questi soggetti perchè come dici tu è già oggi accusato quotidianamente, a mio modo di vedere ingiustamente, di aver rovinato il personaggio e di essersi infilato troppo nel suo per certi versi oscuro passato (oscuro perchè GLB fu il primo ad averlo lasciato frammentario). Carson è il primo a non dover morire perchè Tex senza Carson è nulla come è nulla Carson senza Tex. Io li ho sempre considerati una cosa sola, uniti da un legame fraterno sono un'unica faccia della ormai inflazionata medaglia. Le storie con Tex in solitaria sono molto belle, rudi e veloci, ma se c'è pure il buon "Vecchio Cammello" prendono un altro ritmo e un altro spessore. Sono dell'idea che con GLB funzionasse MEGLIO che con gli altri autori ma che già agli esordi si presentasse troppo troppo troppo oscurato dal padre. GLB stesso gli ha dato una caratterizzazione valida ma per tanti aspetti parziale. Questa parzialità del personaggio è peggiorata nel tempo, sia nell'ultimo periodo di Bonelli sia con gli autori che lo hanno seguito. Ho apprezzato molto il suo ruolo nell'ultimo texone perchè finalmente si è visto un Kit diverso. Alla fine ritornerà sempre sotto la gonnella del padre ma già potrebbero esserci le basi per l'evoluzione che forse si sta aspettando da 70 anni! Per Kit sono dell'idea di dargli una caratterizzazione più marcata, ad oggi è una sorta di Tex più giovane, con un'istruzione migliore e con qualche nozione Navajo in più. Vorrei vederlo di più come quello che è: un ragazzo. Cosa fa un ragazzo con un nome pesante nel West? Non ditemi che spara ai banditi e basta. Carson lo abbiamo visto molte volte scherzare con ballerine o parlare di cibo e alcool, ecco mancano secondo me siparietti simili di vita vissuta, non solo da eroe del west, come è giusto che rimanga suo padre, ma anche da ragazzo mezzosangue con Willer come cognome. Intrattenersi con ballerine o una birra in più del solito sarebbero cose che magari vi farebbero storcere il naso ma che secondo me darebbero aria nuova ad un personaggio che è sempre stato l'ombra del padre e di conseguenza piuttosto passivo. Boselli ha già fatto intendere che se ne frega dell'opinione del GLBonelliani incalliti, lui vuole dare il suo al personaggio senza snaturarlo, lo vuole arricchire e portare nel futuro ma senza uccidere le basi gettate dai predecessori. E' un compito gravoso che lentamente sta compiendo, penso proprio che ad oggi sia l'unico che possa rendere Kit un vero personaggio... Tiger è l'elemento che chiude il quartetto, tanto silenzioso e sottotono quanto essenziale. Lui è l'animo selvaggio, animalesco, senza di lui spesso i tre pard annasperebbero e invece di agire nell'ombra andrebbero a capofitto in trappole ben congegnate, ovviamente uscendone illesi a suon di sviolinate e di clarino. Il quartetto è ben equilibrato proprio perchè ognuno fa la sua parte, parte che non va ad influenzare il ruolo degli altri: Tex è l'eroe tutto d'un pezzo come è giusto che sia il protagonista; Carson è la simpatia, la "tonteria" goliardica, l'uomo agé con fascino e carisma ma che nei momenti difficili è tanto micidiale quanto il protagonista; Kit è il classico comprimario che non avrebbe una reale funzione ma che al momento dello scontro si trasforma in un formidabile alleato, istruito e di certo più colto di tutti gli altri tre "vecchi". Kit è inoltre la giovinezza, la spensieratezza, l'irruenza che gli altri tre hanno perso da molto tempo, Kit è l'azzardo e il bluff; Tiger è il Navajo. Punto, basta solo questo per identificarlo. Scrupoloso, silenzioso, animalesco, rude ma micidiale e furbo. Non mancano mai momenti gioviali che lui sfrutta per rendersi nel contempo diverso e uguale agli altri tre. Se Carson è l'angelo custode di Tex, Tiger lo è di Kit... Un vero arcinemico seriale che possa andare a sostituire il buon vecchio Steve "Mefisto" Dickard penso sia una mossa furba. Per quanto possa essere ancora la nemesi di Tex, a me personalmente la saga di Mefisto/Yama ha stancato. Ben venga che si eliminino Mefisto e quel cialtrone di suo figlio dalla serie con un uscita di scena degna dei più grandi, poi che arrivi qualcuno di altrettanto temibile. Una mossa simile e azzardata è stata fatta con Dylan Dog da Recchioni è sta avendo un discreto successo di conseguenza, non essendo più un'idea isolata, penso sia importante dare questa spinta verso il futuro.
  15. JohnnyColt

    [695] L'ultima vendetta

    Questa copertina è l'ennesimo capolavoro targato CVILLA. Lettering del titolo favoloso che adoro veramente. Il lettering dello strillone mi ha stufato, non mi è mai piaciuto ma ora è diventato abbastanza noioso secondo me. Per la questione Dinamite io l'ho sempre reputato marrone...
  16. JohnnyColt

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    Sicuro NK? Grazie mille
  17. JohnnyColt

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    A dire la verità non la prendo neppure io ma comunque sono fatte molto bene.
  18. JohnnyColt

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    E' probabile che mi sia espresso male io. Spiego: Questo mio amico me le ha date ma non si ricordava da quali albi le avesse strappate, stamane mi chiama per dire che le quattro cartoline appartengono ai numeri 161 - 202 - 269 - 287 del Tex Nuova Ristampa. Siccome io le raccolgo tutte in un raccoglitore A5 in ordine numerico mi piacerebbe sapere da quale albo tra i quattro da me citati sono state strappate queste illustrazioni del buon Villa.
  19. JohnnyColt

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    CORREZIONE: ho saputo nel frattempo che i 4 albi di provenienza sono i numeri 161 - 202 - 296 - 287 però rimango al problema precedente... Dovrei associare cartolina ad albo, mi potreste dare una mano? Le cartoline son queste:
  20. JohnnyColt

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    Oggi ho potuto avere 4 diverse cartoline del Tex NR ma purtroppo non ne conosco gli albi di provenienza. Avete qualche idea? Questa info mi servirebbe per la catalogazione delle stesse
  21. JohnnyColt

    Il logo TEX, evoluzione e interpretazione di un marchio entrato nel cuore

    @natural killer Oggi mi sono preso bene a cercare tutti i loghi di Tex perchè mi sono sempre piaciute le variazioni di questo. Ho avuto l'occasione per rigustarmi quei dipindi capolavori delle prime due serie delle Raccoltine
  22. Noto con stupore che su questo forum non vi è un'analisi del logo di Tex, della sua evoluzione e delle sue tantissime versioni. L'evoluzione del logo TEX è questa sotto rappresentata e ci mostra diverse fasi iniziali e il risultato finale utilizzato inizialmente su Tex Gigante e successivamente anche sulle collane parallele: il logo definitivo, oggi, è presente, con variazioni di colore e di dimensioni, su Tex Gigante, su Tex Speciale, sul Maxi Tex, sul Color Tex, sui romanzi cartonati, sul Tex Magazine e su tutte le innumerevoli ristampe o riedizioni pubblicate dalle varie case editrici mondiali. I versione: utilizzata soltanto nelle prime due serie a striscia della Collana del Tex (1948-1951), presenta i tre letteroni in maiuscolo leggermente inclinati verso destra, separati tra loro, gialli con contorno nero. Debutta nel settembre del '48 con "Il totem misterioso"; II versione: utilizzata dalla terza serie all'ottava "Azzurra" (1951-1954), troviamo le tre lettere gialle contornate di nero che ora si fondono formando un abbozzo della particolare forma arrivata fino a noi. La scritta è meno tozza rispetto alla precedente e riceve un'rotazione tale da renderla ancora più dinamica. Debutta nel maggio del '51 con "L'orma della paura"; III versione: utilizzata dalla nona serie "Gialla" fino alla chiusura della collana, con l'ultimo numero della trentaseiesima serie "Rodeo", (1954-1967), riprende l'idea precedente e la rende maggiormente gradevole, più proporzionata e di certo più moderna. I cambiamenti radicali rispetto alla passata versione sono riscontrabili nella sbarra superiore della T, meno piatta e meno allungata, e nella E leggermente più piccola. Debutta nel gennaio del '55 con "La croce tragica"; IIII versione: il logo che da decenni vediamo sui nostri albi è presente su entrambe le serie di Tex Gigante e nella terza serie di Raccoltine ("Serie Rossa"). Si noti che nella versione definitiva del logo la gamba destra della X ritorni dritta, esattamente come la versione utilizzata tra il '51 e il '54. Troviamo inoltre diverse altre versioni "intermedie" pubblicate sulle copertine delle Raccoltine a striscia, degli Albi d'oro e della prima serie della Collana Gigante. Albi d'oro (1951-1959), dalla prima alla sesta serie; 3 numeri apocrifi realizzati negli anni '70 dall'editore Piacentini insieme alla ristampa anastatica della 1/29 ( ); Tex Gigante (1954), prima serie - numeri 1-7, 28; Albi d'oro (1959-1960), settima e ottava serie; Tex Gigante (1958), seconda serie - numero 100 ( ). I loghi presenti sui numeri 9 e 10 della prima serie de Tex Gigante (1954) e sul primo numero della terza serie delle Raccoltine a striscia (1956) mostrano chiaramente come il logo poi si modificava a seconda della mano che lo disegnava e soprattutto che non vi era ancora un logo standard da imprimere su ogni copertina: Non è raro trovare, nelle Raccoltine e nella prima serie di Tex Gigante, scritte a mano con nome e cognome del personaggio: In alcune pubblicità degli anni '70 e nel gioco in scatola realizzato da Clementoni potevamo trovare sia il nome sia il cognome scritto con lo stesso font del marchio della testata: Il logo utilizzato in occasione dell'uscita nelle sale di "Tex e il signore degli abissi", film del 1985 diretto da Duccio Tessari, rappresenta quasi una fusione tra la versione utilizzata con la terza serie a striscia e quella finale che oramai troviamo su ogni pubblicazione: Curioso infine il fatto che, con l'uscita della riedizione in DVD del 2006, viene ripescato anche il primissimo logo, opportunemente modernizzato e di colore rosso: Nelle poche parodie dedicate a Tex possiamo vedere delle reinterpretazioni dello stile... ...come possiamo trovarla anche nelle versioni straniere del Nostro.
  23. JohnnyColt

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    Do a Cesare quello che è di Cesare, se bisogna criticarlo lo si critica ma se vedo che posso chiedergli cose che sa e che io non so gli parlo molto tranquillamente. Non mi è mai piaciuto attaccare la persona qui sul forum, preferisco criticare uscite inutili e polemiche; qui non ho visto nessun commento al vetriolo...
  24. JohnnyColt

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    Grazie mille per le informazioni, Kershaw...
  25. JohnnyColt

    Curiosità e aneddoti vari su Tex e i suoi autori

    Non sono un grande conoscitore del Ticci colorista. So che gli ultimi lavori ad acquerello sono semplicemente fantastici. Non ho affatto presenti storie realizzate dal senese prima di apprendere tali tecniche. Su che albi possiamo trovare sue colorazioni? Che cosa intendi con "non si evidenziano particolari virtù"?
×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.