• Avvisi

    • TexFanatico

      BUON NATALE   24/12/2017

      BUON NATALE e felici Festività a voi!

Letizia

Cittadina
  • Contatore Interventi Texiani

    186
  • Iscritto

  • Ultima attività

  • Giorni con riconoscenze

    4

Letizia ha ottenuto l'ultima riconoscenza il 17 Ottobre 2017

Letizia ha pubblicato il contenuto maggiormente apprezzato!

1 seguace

Info su Letizia

  • Rango
    Quasi scrittore
  • Compleanno 08/08/1988

Modalità di contatto

  • URL sito personale
    http://pecosbill.altervista.org/pecosbill.php

Informazioni sul profilo

  • Sesso
    Femminile
  • Nome reale
    Letizia

Visitatori recenti sul profilo

644 visualizzazioni del profilo
  1. [Romanzi A Fumetti 07] Giustizia a Corpus Christi

    Se succederà, comprerò tutti gli albi (di Repubblica/Espresso non ne ho neanche uno). L'ho detto e lo ripeto, Tex merita di meglio. Preferisco mille volte un albo BN piuttosto che uno colorato male.
  2. [Romanzi A Fumetti 07] Giustizia a Corpus Christi

    La ristampa anastatica a colori della Mercury, che a dire il vero costava una cifra, è di qualità molto migliore di quella di Repubblica/Espresso. In più era anche la prima versione non censurata.
  3. [Romanzi A Fumetti 07] Giustizia a Corpus Christi

    Ho colorato il relax di Lupe e Tex in un'ora ed era un'immagine molto grande. Nello stesso tempo ho colorato diverse volte una pagina intera. In una settimana una persona può colorare 40 pagine. Dieci coloristi bastano e avanzano per fare il capolavoro che Tex meritava. Sul prezzo dell'albo non discuto.
  4. [Romanzi A Fumetti 07] Giustizia a Corpus Christi

    Concordo in pieno. Magari avessero colorato così gli albi Repubblica/Espresso!
  5. [686/687] La città nascosta

    D'accordissimo. Anche a me piace molto Ginosatis. Il suo unico albo triplo sul Profeta, su testi di Boselli, è favoloso. Cossu invece non mi entusiasma molto.
  6. Dopo Il 700

    Senza via di scampo è un bellissimo film con Costner, ma l'uomo nella copertina de "Il treno per Santa Fe" è il Costner preso dalla locandina de "Gli intoccabili" dove il protagonista è un agente F.B.I., mentre nell'altro film il protagonista è un ufficiale della Marina Americana. Una curiosità: poiché "Gli intoccabili" si svolge nel 1930, gli agenti federali facevano parte del B.O.I., Bureau of Investigation, istituito nel 1908, che cambierà nome in F.B.I. solo nel 1935.
  7. Dopo Il 700

    No, Kevin Costner è un agente del B.O.I. ed è figlio di tanto padre. Ma, prima di leggere quello, devi leggere "I due fratelli", perché ne "Il treno per Santa Fe" c'è un po' di sploiler.
  8. Dopo Il 700

    Volete un giallo? Leggetevi "Il treno per Santa Fe". Beh, non sarà di Tex, ma... Intanto i personaggi sono così pochi che, se li scrivete tutti su foglietti di carta e poi estraete a sorte, avrete ottime possibilità di indovinare il colpevole. Ma se provate a trovarlo con il cervello, non ci riuscirete mai. P.S. E poi non dite che rompo con i miei romanzi perché lo so già.
  9. [686/687] La città nascosta

    Volevo dire solo una cosa e sarò breve. La storia di Faraci mi è piaciuta molto poco, ma non ci vedo per niente un Tex cecchino. Carson, alle spalle di un bandito, lo avvisa e spara dopo di lui. Tex è lontano e non si può permettere di fare il "gentiluomo": ci sono suo figlio e la ragazza legati, i banditi non sono pochi e a qualcuno poteva saltare il ghiribizzo di sparare su di loro.
  10. Dopo Il 700

    Vuoi un Tex nel futuro? Vuoi vedere i due figli di Kit Willer? Vuoi vedere Tiger Jack con le rughe? Facile. Dai un'occhiata qui sotto.
  11. [494/496] La Maschera Dell' Orrore

    E chi impedisce di dargli un voto più alto, che so, trentatre?
  12. Nuova collana con il Corriere della Sera

    No, se ha lo scivolo, va bene anche un Boeing.
  13. Nuova collana con il Corriere della Sera

    Se Garibaldi da Nizza è andato nel Rio Grande do Sul, perché Tex non potrebbe andare dal Rio Grande del Nord a Latti Dozzi? Devi dirlo a Boden però, non a me. A me le doppie zeta tolgono l'ispiraZZione.
  14. Nuova collana con il Corriere della Sera

    Dei miei racconti si può dire di tutto. Che non è Tex (ma su questo avrei qualcosa da dire; un Tex cecchino sicuramente non è Tex e il mio Tex non è e non sarà mai un cecchino). Che a Tex e pard non potrebbe mai accadere mai quello che descrivo nelle mie pagine (ma chi ha stabilito che quelle sono cose impossibili nelle avventure dei pard? Di sicuro non sono possibili nelle storie SBE). Che sono troppo surreali e magici (forse). Ma sicuramente non che sono noiosi, che mancano sorprese e colpi di scena, che sono banali. Si potrà solo dire che mancano i BANG BANG stile Faraci, ma non che mancano le scene di azione "rumorose" (ci sono esplosioni, howitzer, stragi e scalpi strappati). Insomma, credo proprio che il lettore si possa divertire e, se riesco a farlo divertire di più di quanto riesca Faraci, dalla gioia mi butto da un aereo senza paracadute. A condizione, naturalmente, che l'aereo sia fermo in pista.
  15. Nuova collana con il Corriere della Sera

    Li scrivo solo 100 volte perchè temo un ban. SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA SCIENZA COSCIENZA. Ma tieni presente che in meno di due decimi di secondo potrei scrivere gli altri 900. Mai girata una frittata in vita mia, in nessun senso. Ma, avendo appena scritto striscia, nel plurale la I[ncriminata] è venuta in automatico. Ma tu non eri professore in matematica? Io avrei rinunciato a 134 pagine di storia e avrei preferito solo un centinaio (senza scomodare i sedicenti sedicesimi) di pagine di editoriali. E il motivo è semplice: ho letto solo quelli. Non mi dite che chi ha acquistato il cartonato l'ha fatto per rileggere la storia. Io l'avrei sicuramente letta (e non riletta perché ho letto solo l'edizione censurata a colori e in BN) se fosse stata l'edizione non censurata e con i colori leggermente più decenti da quelli dell'edizione Repubblica/Espresso.