Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Barbanera

Ranchero
  • Content Count

    1,201
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    20

Barbanera last won the day on July 17

Barbanera had the most liked content!

Community Reputation

88 Excellent

2 Followers

About Barbanera

  • Rank
    aye aye Tex
  • Birthday 07/29/1980

Profile Information

  • Gender
    Maschile

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    354
  • Favorite Pard
    Tex
  • Favorite character
    Cochise

Recent Profile Visitors

4,839 profile views
  1. si vedono solo al buio...ci sta pure, serve a dare quel tocco in più da "Dark Lady" ben poco casta e pudica:tra l altro,sembra davvero innamorata del Tenente...semmai di può obiettare sul fatto che Sejas abbia il vizio di disegnare le donne un tantinello prosperose... l'avevo già notato nel suo Texone. Comunque la storia nel complesso è buona.comprimari interessanti.tante sottotrame che si intersecano bene.finale ancora aperto...
  2. Aggiungi anche l oste messicano che è una copia sputata di José Martinez de Oyos,Hilario de i "Magnifici sette"(uno dei tre Messicani ad arruolare la posse dell oriundo Russo Yul Brinner)e il sergente dei Rurales,una via di mezzo tra il Sergente Garcia e Fernando Sancho (attore che si vede in "Una pistola per Ringo"e in un altra mezza dozzina di Spaghetti Western di serie "b")
  3. Storia eccellente.molti personaggi e comprimari interessanti.tanta carne al fuoco come da tradizione boselliana ma tutto torna.vendetta e un intero villaggio avvolto da un aura di morte... A Boselli piace molto l horror e l innesto del circo e dei "fenomeni da circo"stile Barnum.devo dire che la storia mi è piaciuta talmente tanto che mi sono lasciato da leggere le ultime 30 pagine a distanza di dieci giorni, proprio per assaporare meglio il finale... francamente una prova migliore ancora di Tex l Inesorabile...9
  4. Storia discreta in cui tutto (o quasi) torna ma che francamente ho trovato un po' noiosetta. Storia d amore (?)tra cowboy e bella da saloon che rimane (giustamente,e non poteva essere altrimenti) sullo sfondo...lo stesso desiderio della bella texana di tornare alla sua antica fiamma è un po' pretestuoso,forse, ma necessario ad innescare la trama. Personalmente avrei cercato di rendere più interessante la figura del Don Messicano... dicevo che "quasi"tutto torna, perché all'inizio sembra che i desperados che attaccano la remuda siano in qualche modo legati al Don.invece sono solo "l innesco"dell'intervento di Tex... Frasario tipicamente Texiano e miglioramento dei dialoghi.ci siamo,direi...prova estiva "leggera".
  5. Deve proteggere il padre di sua figlia 😆😅😜
  6. Storia gioiello... rileggendola si apprezza sempre e si colgono nuovi spinti Nizzi imbastisce una trama da "complotto internazionale" e riesuma Montales,(non era facile dopo una lunga assenza), creando tutta una serie di comprimari che però non rubano mai neanche per una vignetta la scena a Tex. Montales viene relegato ad un ruolo di secondo piano (ci sta) diventando solo la causa effetto della puntata dei pard in Messico. Nizzi imbastisce dunque una trama lineare ma per nulla noiosa in cui abbondano i personaggi, tanti cattivi (tra cui il capitano Barranco e il capitano Maycroff,che pur all'oscuro del complotto reale danno quel quid in più alla storia). Il Tenente Cordoba e il Capitano Marquez fanno da contraltare ai corrotti ufficiali superiori vere anime nere del complotto.da incorniciareil finale col sicario tedesco che si fa saltare in aria con i tre alti papaveri. Nizzi mette in luce e in antitesi,non so se volutamente o meno,due pilastri della politica Messicana del 1800: Chiesa cattolica da un lato (o meglio,gli ordini religiosi), esercito federale dall'altro...in questa storia si nota proprio come queste due "forze", una presenza costante nella storia del Paese Latino Americano, si muovano in antitesi e in autonomia rispetto allo Stato Federale... Piccolo appunto geografico: Non vengono MAI menzionati (spero di non ricordare male) gli Stati Messicani in cui take avventura avviene.Matamoros è il principale porto del nord del Messico dopo Veracruz e si trova nello Stato del Tamaulipas del vecchio amico di Tex Nepomuceno Cortina... Monterrey invece è la capitale del Nuevo Leon, città famosa per la conciatura delle pelli e della lavorazione del cuoio (conosco bene,ho un amica originaria della città e ho un sacco di stivali e cinture simil "texane" di manifattura locale). entrambi gli Stati confinano con il Texas.
  7. .Fairfax è il classico "Tacchino gallonato"a caccia di Gloria.Per giunta è incapace militarmente e non sembra neanche troppo coraggioso.sembra il classico ufficialetto che in caso di mala parata abbandona il reparto al suo destino. Potrebbe anche sopravvivere,chi lo sa?oppure finire ucciso da i Seminoles.Ma sono certo che non si redimerà. Esatto,un punto di forza della trama per me. Fairfax potrebbe però "crescere" come cattivo principale.
  8. Non penso proprio... Fairfax è il classico ufficialetto originario della aristocratica Virginia (da cui provenivano gran parte dei cadetti di West Point,tra l altro) intriso di spocchia e razzismo, fanatico e Wasp...non sembra per altro molto capace strategicamente, anche se non è stupido. Magari lo ritroveremo in futuro in giubba grigia...😜🤠 😅
  9. Sarà così....oppure verrà "perdonato" se si riconsegnerà spontaneamente al comando?? normalmente i disertori se si riconsegnavano spontaneamente ad un forte dell'esercito venivano perdonati...😉😜 Ma sono il primo a non credere a tale finale anche perché vorrebbe dire che Tex continuerebbe ad indossare una giubba blu... Si vedrà appunto
  10. la percentuale di diserzione nell'esercito Usa durante la Guerra del 1848 fu altissima...a titolo di paragone, basta ricordare che i Messicani di Stan'Anna arruolarono un intero battaglione di disertori (di origine Irlandes, ma non solo), i celeberrimi "San Patricios"... i disertori spesso si riarruolavano sotto falso nome per percepire una seconda volta il premio di arruolamento. i disertori, se catturati o presi prigionieri, erano spesso arruolati a forza in altri eserciti...l'Esercito Prussiano di Federico il Grande era formato per 2/3 da prigionieri o disertori di altri eserciti alla fine della Guerra dei Sette Anni. Durante la Guerra Civile Americana, per il primo anno di Guerra furono arruolati PER UN SOLO ANNO DI FERMA gran parte dei combattenti dell'Esercito yankee (dal momento che si riteneva la Guerra col Sud "lampo"). A fronte di reggimenti formati per intero da coscritti e poi da volontari, vi erano i reggimenti REGOLARI che avevano ferma di almeno cinque anni. gli ufficiali nell'Esercito USA erano per lo più di complemento nei reggimenti di volontari, mentre nei reggimenti di regolari erano tutti di carriera. in più la "commision" o "brevet", vale a dire un incarico superiore al grado effettivo per la durata di una missione/campagna, era pratica comune nell'Esercito USA...nel caso specifico, invece, Tex è " field sergeant" vale a dire sergente promosso sul campo da un superiore. Custer arrivò ad ottenere il brevet di maggior generale di cavalleria per la campagna di Appomatox del 1865 pur avendo SOLO il grado di tenente colonnello dei Regolari, che gli venne riassegnato dopo la fine della Guerra. Grant era maggiore Generale (Generale di divisione) con incarico di capo di Stato Maggiore generale, e fu nominato Tenente Generale (generale di armata) solo nel 1864 per meriti di guerra insieme al vecchio Scott, vincitore della Guerra del 1848 contro i Messicani. Ah, nessun generale americano poteva fino alla guerra Civile andare oltrei grado di Maggior Generale (generale di divisione) beh infatti i rangers erano una milizia di irregolari, inquadrati militarmente (cioè con gradi, unità, etc...) Più volte in Tex si assiste ad una giusta e sacrosanta spiegazione del fatto che le qualità principale per un ranger è la capacità di seguire in modo autonomo una pista e di interpretare in modo non asettico un ordine i rangers erano sostanzialmente una cavalleria irregolare con compiti di gendarmeria
  11. Stessa mia idea. Storia a tinte gialle tra le più riuscite della serie. Il senso di inquietudine e di paura che avvolge la locanda è davvero ben reso.
  12. Una classica storia di Tex.riletta un sacco di volte,non stanca mai. Nizzi imbastisce una trama buona,in cui c è spazio per il colpo di scena finale dei diamanti. c è un però.se Olivera fosse fuggito negli States PRIMA si sarebbe banalizzata TROPPO la storia.avremmo assistito all ennesimo tentativo di fare fuori Tex da parte di un avversario che assolda killers per lo scopo... Invece Nizzi crea volutamente un infame ricatto dell ex colonnello,che minaccia i due pard con il figlio di Conchita.Tex sta al gioco,e pesta pesantemente Olivera una volta oltre confine quando ormai l ex colonnello di sente al sicuro Giusto solo in parte.Tex rivede Oliveira solo all'inizio del viaggio,e se avesse sbatacchiato prima il colonnello obbligandolo a spedire il telegramma troppo presto i sicari avrebbero ucciso il ragazzo...Nizzi chiude in modo veloce ma tutto sommato benino la storia, lasciando "porte aperte*all'eventuale ritorno di Zamora,di Cardoso e di Emiliano Ruiz. Forzata si ma a me giuro prudevano le mani dalla rabbia nell'immaginare Tex obbligato a esaudire il ricatto del Verme... Ci sta invece.chi ti dice che nel n avessero riconosciuto Emiliano Ruiz, famoso Bandolero? Nizzi risparmia l ennesima sparatoria.ci sta in questo caso l arrivo dei "sombreros verde" Per concludere Media Texiana ben riuscita.
  13. I Navajos Furono in pessimi rapporti sempre coi Mescaleros...
  14. uscito oggi la storia continua bene, mi è piaciuto molro l'attacco del coccodrillo nel fiume... Il coccodrillo in questione è naturalmente un COCCODRILLO AMERICANO, specie endemica della Florida e che predilige le acque salmastre, capace quindi di spingersi in mare aperto. Già, perchè il Bos non inserisce un alligatore del Missisipi, specie pur diffusissima in Florida?probabilmente perchè il coccodrillo americano è considerato una specie molto più aggressiva (nonchè mediamente piu grande, circa 4 mt rispetto all'alligatore che normalmente arriva a 3,5 mt) rispetto al suo "cugino": inoltre sopravvive nelle acque salmastre meglio dell'alligatore. Vale la pena ricordare che il morso di coccodrillo è più potente di quello di un alligatore, per cui non c'è da stupirsi se il Cocco ha tranciato di netto la mano dello scout...il cocco americano ha come unico punto debole la pancia, come del resto tutti i loricati... per tornare alla storia...Fairfax manda di proposito Tex a capo degli scout a caccia dei Seminoles? probabilmente vuole togliersi dai piedi un sottoufficiale intraprendente già idolo dei soldati, con la speranza che i Seminoles lo uccidano in un'imboscata...Fairfax disprezza Tex e lo considera una minaccia per il suo reparto.
  15. Storiella forse un po' soporifera ma, tutto sommato,senza infamia senza lode. Letta due volte credo, tutto quanto torna. Tipica Storia western,con il Bounty killer assassino e stupratore punito dagli Apaches nel finale. Al solito Monti svolge in modo più che dignitoso la parte grafica, dando un ottima caratterizzazione sia degli Apaches sia dei soldati sia della figlia della vedova Desmond...😉 Per concludere,la classica "media"Texiana che Nizzi svolge con consueto mestiere. Si vede che Nizzi non vuole esagerare con il "rosa" e con una caratterizzazione troppo forte dei comprimari...Tex granitico "Sole"cui tutti girano attorno...in storia semplici come questa funziona a meraviglia... Si intravede un involuzione,in effetti... Beh,si tratta di Apaches... abituati a muoversi nel silenzio più totale.... esagerato farlo addormentare,su questo sono d accordo
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.