Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum

Barbanera

Ranchero
  • Contatore Interventi Texiani

    808
  • Iscritto

  • Ultima attività

  • Giorni con riconoscenze

    9

Barbanera ha ottenuto l'ultima riconoscenza il 16 Gennaio

Barbanera ha pubblicato il contenuto maggiormente apprezzato!

Reputazione nella comunità

41 Buona

1 seguace

Info su Barbanera

Informazioni sul profilo

  • Sesso
    Maschile

Io e Tex

  • N° 1° Tex che ho letto
    354
  • Pard preferito
    Tex
  • Personaggio favorito
    Cochise

Visitatori recenti sul profilo

L'opzione per mostrare i visitatori recenti del profilo attualmente è disabilitata.

  1. Barbanera

    [Texone N. 14] L'ultimo Ribelle

    Storia che lascia un po' di amaro in bocca nel finale,ma che comunque risulta abbastanza avvincente e originale. Trama ambientata nel glorioso Stato della Virginia,e non poteva che essere così dal momento che la Virginia fu lo Stato più rappresentativo della Confederazione. Nizzi cuce una trama a sfondo "complottista" in cui i Rednecks desiderano rifondare una confederazione e un esercito,partendo da una base segreta situata nella Valle Shenandoah,tra le montagne della Virginia (posizione strategica, come dice lo stesso Davis a Tex) La puntata nel penitenziario di Tex è a mio modesto parere molto riuscita e vivace,forse la parte migliore della storia.la successiva fuga del gruppetto e l' arrivo al campo militare è "veloce",forse troppo.cosi come è veloce la permanenza dei pard al campo.il tradimento di Freemont con successiva morte tragica per salvare il Generale Jackson è l' unico modo che ha Nizzi per salvare capra e cavoli ed evitare un bagno di sangue tra neo confederati e pance blu.cosi come è funzionale alla trama l intervento del maggiore corrotto e successiva fuga con la cassa del reggimento... L' esercito ribelle,privato dei suoi capi,del denaro e delle armi deve arrendersi all'evidenza e sciogliersi. Il Vecchio Volpone di Fiumalbo sa perfettamente che Tex non può spargere sangue sudista "innocente"e allora crea tutta una catena di eventi "fortuiti"in cui vengono eliminati tutti i capi e tutte le poteziali fonti (economiche e militari) per la prosecuzione della Guerra:la cosa è tirata per i capelli e il risultato è una storia discreta con una sceneggiatura robusta ma risolta in modo "semplicistico" e fin troppo manierista. La stessa figura di Freemont, potenzialmente interessante, viene sciupata in modo funzionale alla trama ma arido.un personaggio grigio, tormentato dal suo tradimento, che tutti considerano un bieco traditore,tranne Tex,che in fondo prova per lui pena e comprensione. Ecco,il tipico esempio si storia potenzialmente capolavoro ma che per limiti di soggetto e di trama non riesce a decollare come avrebbe meritato...
  2. Barbanera

    [609/610] Sei Divise Nella Polvere

    Storia che si impastrocchia un po' nel secondo albo e che, oltre allo smalto perde, ahimè,un po' di lucidità...e soprattutto perde un potenziale bel personaggio "cattivo"(?)per strada. Soggetto di Manfredi buono,e abbastanza originale. Abbastanza originale,sia chiaro, perché in realtà l assioma "paghe basse=militari scontenti che rubano la cassa del reggimento" è di antica data e,a memoria,in almeno altre due storie di Tex si ripresentano situazioni simili. Ma tant è, Manfredi varia comunque un po' il tema e studia una trama abbastanza avvincente,con parecchie sparatorie, lasciando la scena nel secondo albo allo scontro tra Tex e un cattivissimo bandolero con cui mischia le carte, creando un po' di confusione.Ma cosa secondo me nuoce di più alla storia è un personaggio "grigio" come il tenente Bigelow... Attenzione però,in questo caso per me l'accezione "grigio"non ha alcuna valenza psicologica: io ritengo il personaggio di Bigelow "grigio" nel senso di amorfo,privo di una chiara personalità,ben poco costruito psicologicamente:potenzialmente interessante,ma ben poco sfruttato da Manfredi che lo relega nel secondo albo ad un ruolo secondario,togliendogli la scena (forse per evitargli uno scontro diretto con Tex).Alla fine Bigelow da cosa è mosso?da rancore,da rabbia,da opportunismo,da avidità?!boh?! La sua tragica fine è funzionale alla trama,d accordo,ma abbastanza anonima e priva del pathos necessario. Ecco, un primo albo decisamente ben scritto ma letteralmente guastato col secondo,con una storia che va avanti senza più una trama ben definita,quasi per inerzia.... Occasione ghiotta ma sprecata, peccato: avrebbe potuto venire fuori una storia maiuscola...
  3. Barbanera

    [maxi 1991] Oklahoma!

    Anche io Franco penso che il nostro Berardi non sarebbe riuscito a "calarsi"pienamente in Tex a tempo pieno...posso però dire che in questa storia il suo Tex mi è piaciuto
  4. Barbanera

    [223/226] Missione Suicida

    Nolitta qui ha commesso un' ingenuità iniziale:Tex sta con i militari tre giorni e si fa beffare dai trafficanti...ma ci può stare,ai fini della trama.cosa non ci sta è l'intazzatura da isterico di Tex nei confronti del tenentino al comando del plotone.il vero Tex vecchia maniera gli avrebbe massaggiato il cranio,senza tanti complimenti e senza tante parole Per il resto,la storia è senza infamia senza lode...
  5. Barbanera

    [maxi 1991] Oklahoma!

    Storia che trae origine dalla celeberrima "corsa alla terra"in cui circa 20000 coloni bianchi si accaparrarono i lotti di terreno messi in palio dal Governo Usa. Per tornare alla trama, Berardi confeziona un prodotto di alto livello in cui riesce nell'impresa non facile di "preservare"Tex,senza cedere alla tentazione di copiare Ken Parker:o meglio,Berardi mette intorno a Tex diversi comprimari, abbastanza interessanti e variegati, cercando però di non appannare mai il carisma e la perfezione del Nostro.Se vogliamo,pur nelle differenze di stile,anche Boselli utilizzerà questo schema in diverse delle sue storie texiane,con successo maggiore. Tutti i principali "prodotti"western sono gestiti in modo perfetto da un autore che conosce il mestiere come pochi. Ad ogni modo,una trama avvincente e fluida,con colpi di scena nel finale e dialoghi spumeggianti,anche se talvolta un po' "macchiettistici". Se la corsa è resa in modo stupendo, così come la costruzione della città, dall' altra posso affermare che i cattivi che Berardi ci presenta non sono poi così memorabili.I due pistoleri sono ridicoli,per esempio,e ben poco pericolosi.il cattivo principale è invece ben caratterizzato,idem i gambler. Il "growing up" di uno neo Stato come il "Territorio indiano dell'Oklahoma", contornato però dalle tragedie familiari che contornano tale evento storico, è dunque il canovaccio in cui agisce un Tex vendicatore disinteressato,ma sempre sul pezzo e mai in difficoltà. Molto bella e veritiera la massima che il colonnello che deve vigilare sulla regolarità della "corsa" sciorina a Tex:"in un territorio vergine come questo ci vogliono gli uomini d'affari spregiudicati e speculatori,ma anche i difensori degli umili" (Tex, appunto) Una storia innovativa,un esperimento riuscito che,non so quanto casualmente,coincide con l'inizio dell'appannamento del Tex nizziano. Berardi mi è sempre piaciuto,lo ammiro:non so dire, però,se sarebbe stato in grado di diventare un grande autore texiano...
  6. Barbanera

    [561/562] Soldi Sporchi

    La storia è la classica "Media texiana",senza infamia senza lode,con un pizzico di Giallo nel finale con l'identità nascosta del secondo complice...ma soggetto già visto. Imboscata nel deserto alle pance blu abbastanza originale,alcune reminescenze "nolittiane"con il capitano deluso dalla routine e dal mancato avanzamento di carriera,che frega la "cassa" dello squadrone.a differenza della storia di Nolitta "La Freccia spezzata"però,il capitano ha un complice da subito identificato,il tenente sudaticcio Per il resto,nessun guizzo ma anche nessuno strafalcione. Storia da 6+...
  7. Barbanera

    [FINALE] La storia più bella della fascia 600 - 699

    Azz...ho votatp una sola storia per sbaglio,perdinci!!! si può annullare il mio voto???ho votato comunque l' ombra del maestro
  8. Barbanera

    [696/699] L'ombra del Maestro

    Sono d' accordo... Byrnes è troppo sbirro per Tex...in più un personaggio troppo ambiguo nella realtà
  9. Barbanera

    [317/319 ] Il Ragazzo Selvaggio

    Una storia meravigliosa,in cui si intrecciano un sacco di soggetti (e oggetti) western:i pionieri,il ranch,i trapper,gli Indiani,il marmocchio rapito,la foresta misteriosa... Nizzi,da grande narratore,riesce a condensare in due albi appena una straordinaria trama a lieto fine,ben calibrata e a tratti commovente... Commovente, perché in diverse sue pagine trasuda malinconia,la malinconia di un'epoca epica benché selvaggia e violenta (il selvaggio West)che oramai si avvia sul viale del tramonto.i due trapper,per esempio,che si dolgono del fatto che i castori sono quasi estinti,che i lupi e i bisonti sono sempre di meno.Randall,il colono che ha perso moglie e smarrito il figlio ma che ha costruito un impero,diventando un Cattle Baron onesto e premuroso nei confronti di Willy,l avido e disonesto soprastante che Tex da subito "beve"sospettandolo di avidità... Gli Indiani Arapaho,che vivono in pace ma che custodiscono il segreto del ragazzo selvaggio,un Mowgli che nea sua bestialità conserva ancora il cuore di un cucciolo... Finale splendido,certo un po' inverosimile,se vogliamo trovare una pecca ad un capolavoro...ma le fiabe (e questa lo è,lo dico con profondo rispetto) devono avere un lieto fine... Due parole su Tex: è ancora molto Glbonelliano prima maniera,intesa con Carson eccellente.Fiuta quasi subito il marcio,e il finale in fondo lo "commuove"(anche Tex è padre,come Randall...) Ottima storia
  10. Barbanera

    [Tex Willer N. 1 / 2 / 3 / 4] Vivo o morto!

    Ho letto...io spero di sbagliarmi,infatti
  11. Barbanera

    [Tex Willer N. 1 / 2 / 3 / 4] Vivo o morto!

    Storia che va avanti niente male,scritta divinamente...unico problema,non fai tempo ad appassionarti con la lettura,che l' albo finisce Il Tex di questa serie è davvero molto Glbonelliano prima maniera, molto impulsivo, guascone e un po' acerbo,ma sempre un magnifico tizzone. Tesah è bellissima,De Angelis è un maestro Io comunque ho sempre un dubbio: penso che sia più una serie da collezionisti e fanzinari,da drogati di Tex (come il sottoscritto) più che da novizi... tutti i tizzoni d inferno del forum si saranno commossi nel vedere una certa scena a metà albo...
  12. Barbanera

    [600] I Demoni Del Nord

    Una storia che è (vediamo se Bos mi contesterâ questa interpretazione) una glorificazione della società canadese,in cui le Giubbe Rosse,i nativi e i cittadini canadesi combattono insieme uniti nel fortino, simbolo non solo della civiltà,della legge ma anche ultimo baluardo contro un gruppo di antropofaghi mostruosi,insidia per tutti, bianchi e indiani. Il fortino,un muro di legno in un mare di alberi,che sembra uscito da un romanzo di Kenneth Roberts,o da uno di quei film anglosassoni degli anni '50/60,in cui le Giubbe Rosse, durante la Guerra Franco Indiana, resistevano stoicamente agli attacchi degli Uroni e dei Francesi... soggetto fantastico e avvincente nella sua semplicità,by Jove Il numero centenario in assoluto che mi è piaciuto di più.d altra parte,ho un debole per le Giubbe Rosse ...E da un momento all' altro, mentre leggevo avidamente le pagine, mi aspettavo di vedere sorgere dal bosco le rosse giubbe del Generale Wolf o i kilt della Black Watch,che un secolo prima avevano combattuto contro i Franco indiani in quelle terre lontane e misteriose...
  13. Barbanera

    [maxi 2006] Il Veleno Del Cobra

    Una delle ultime storie coi Cinesi a risultare memorabile e ben fatta,uno dei Maxi migliori della serie Una trama molto Glbonelliana,con una setta cinese dominante (Il loto Verde) e con innesti tipicamente nizziani,tra cui la bella maliarda tripligiochista,un cattivissimo nell'ombra e una trama a tinte gialle in diverse parti intrigante e mai soporifera, nonostante la lunghezza dell' albo Non ci sono a parer mio errori di sceneggiatura, Nizzi rimane padrone della storia dalla prima all'ultima pagina, riuscendo a cucinare una trama interessante e abbastanza originale.Certo, è innegabile cogliere alcune ispirazioni provenienti da "Il laccio nero" ma la cosa è inevitabile,dal momento che quella storia è la "Regina"del filone cinese. Interessante mostrare alcuni minatori cinesi che vogliono autogestire una propria attività senza pagare il pizzo al "Loto Verde",segno che anche la comunità cinese non è un monolite e non accetta sempre i diktat delle Thong.Inoltre, Nizzi dimostra di conoscere bene diverse caratteristiche tipiche del popolo del "Celeste Impero" tra cui la diffidenza verso le leggi dei Diavoli Bianchi,il rispetto (in questo caso mal riposto) nei confronti del "saggio"della comunità,il rispetto per la gerarchia,la dottrina del lavoro, l'ambiguità nei rapporti sociali: tutte tematiche ben presenti nelle storie di Tex coi Cinesi e questa storia non fa eccezione. Ben sfruttata anche la puntata di Carson alla roulette, e molto "evocativa"la ripresentazione della locanda che in Tex ,in particolare in quello nizziano, è da sempre un luogo pericoloso e negativo. Finale ben fatto,con il colpo di scena della maliarda che uccide il Cobra e scappa con i diamanti ma che poi viene punita dal fato... Il mio voto è 8
  14. Barbanera

    [maxi 2008] Lo Squadrone Infernale

    Storia discreta/buona di un Nizzi "redivivo"... Trama abbastanza originale,con lo spunto intrigante dello squadrone di "pance blu" che ha disertato in massa, diventando un esercito di banditi e assassini.Nizzi riesce anche ad inventarsi un piccolo colpo di scena finale,con il capitano che fugge con i dollari gabbando in primis i marmittoni che lo accompagnavano... L' attacco al ranch iniziale è drammaticamente efferato,serve ad alimentare nel lettore l odio per lo squadrone di bastardi in divisa.Nizzi qui si sbizzarrisce con la sua nota avversione nei confronti dei militari di professione,in maniera particolare quando sono malvagi e si approfittano dei più deboli.la morte del colonnello per mano della squaw è la fine giusta per uno sporco assassino ubriaco e violento,ed è funzionale alla trama per far emergere meglio la figura ben più interessante e potenzialmente pericolosa del capitano. Tex e Carson sul pezzo, azzeccata l.idea di far utilizzare gli Indiani in funzione anti militare Un maxi che mi è piaciuto
  15. Barbanera

    [177/179] Fantasmi Nel Deserto

    A dire la verità, a fare la figura degli estremisti sono soprattutto il profeta e il nobile Yusuf, principali avversari nei primi due albi.Glb volutamente lascia avvolto in un alone di mistero fin dall' inizio la figura del Principe,che gli serve per "cucinare"un finale buonista che secondo me è l' unico possibile... Infatti,come successo altre volte,Glb dimentica nelle ultime pagine volutamente un personaggio principale (il nobile Yusuf, capoccia dell'armata del principe e avversario di Tex fin dall'inizio,scompare infatti nel finale) e lascia parlamentare con Tex e Cochise solo il Principe con un guerriero anonimo.
×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.