Vai al contenuto
TWF MAGAZINE N°18 è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum

Condor senza meta

Cowboy
  • Contatore Interventi Texiani

    133
  • Iscritto

  • Ultima attività

  • Giorni con riconoscenze

    5

Condor senza meta ha ottenuto l'ultima riconoscenza il 24 Febbraio

Condor senza meta ha pubblicato il contenuto maggiormente apprezzato!

Reputazione nella comunità

11 Discreta

1 seguace

Info su Condor senza meta

  • Rango
    Quasi scrittore
  • Compleanno 06/09/1979

Informazioni sul profilo

  • Sesso
    Maschile
  • Nome reale
    Antonio

Io e Tex

  • N° 1° Tex che ho letto
    311
  • Pard preferito
    Kit Carson
  • Personaggio favorito
    Jim Brandon

Visitatori recenti sul profilo

1859 visualizzazioni del profilo
  1. Condor senza meta

    [393/395] Intrigo A Santa Fe

    Così come la mucca che, dopo aver prodotto una quantità record di latte, compromette tutto gettandolo a terra dopo aver scalciato con gli zoccoli il secchio ricolmo, il grave errore con lo spoiler in copertina dell'albo "Una pallottola per il presidente" vanifica ogni tentativo di Nizzi di celare l'identità dell'ignoto cecchino nel primo numero. Una imperdonabile leggerezza redazionale, resa ancor più evidente dall'assenza di eventuali indizi certi che potessero indirizzare il lettore verso la figura dell'impostore in divisa. Tralasciando questo notevole pecca, la storia imbastita dall'autore si fa leggere volentieri, snodandosi fra agguati e intrighi. Una sorta di partita a scacchi fra i congiurati e i due pards, resa avvincente da una sceneggiatura scoppiettante e trovate ad effetto, come il piano di depistaggio di Wallace e Kennan, o il rocambolesco salvataggio di Tex, abile e sempre baciato in fronte dalla dea bendata. Nizzi, sebbene lontano dal comporre un capolavoro, se la cava egregiamente con esperienza e validi dialoghi. Peccato solo per qualche passaggio forzato e qualche origliata di troppo. Un po' affrettato il finale, tuttavia la scena esilarante con Tex che declina l'invito del presidente, scaricando la colpa al Vecchio Cammello, fa sorridere e dimenticare la facile opera di smantellamento della congiura. Brillanti i disegni di Civitelli, perfettamente a suo agio nelle storie di ambientazione cittadine. Il suo tratto pulito e pieno di dettagli, è un valore aggiunto alla trama. Ricordo col sorriso sulle labbra, le tante ore trascorse a ricopiare con molta passione le tante vignette del disegnatore aretino. Se non ricordo male, arrivai a disegnare una trentina buona di pagine, rielaborando parzialmente la trama, tanto mi appassionavano quelle tavole molto ben realizzate. Forse anche questo aneddoto di gioventù mi lega particolarmente a questo episodio e mi rende meno imparziale nel giudizio. Il mio voto finale è 8
  2. Condor senza meta

    [387/392] Il Segreto Del Morisco

    Guido Nolitta, al secolo Sergio Bonelli, dopo aver risolto il problema spinoso della continuity della saga affidando il pesante testimone nelle mani di Claudio Nizzi, ritornò tra i crediti delle sceneggiature del ranger, anni dopo la sua ultima prova. Un lettore sentimentale potrebbe pensare che ciò fosse dettato dal desiderio di tornare a cimentarsi sulla cara serie dopo anni di silenzio, ma, come ormai ben noto, uno dei maggior motivi che spinsero il Sergione nazionale a rimettersi d'urgenza alla macchina da scrivere, fu l'improvvisa (e seria) crisi creativa che colpì Nizzi in quel periodo. Facendo di necessità virtù, l'editore sfruttò in pieno l'occasione per coprire al massimo la programmazione, componendo una storia lunghissima come sua attitudine: una vera e propria maratona narrativa da guinness dei primati, tanto è vero che tutt'oggi, risulta ancora l'episodio più esteso mai apparso tra le pagine di Tex. Il sottoscritto, sebbene ragazzino, ebbe modo di leggerla in diretta, visto che già nel 1993 la passione per il mitico ranger era sbocciata, tuttavia ricordo che appena lessi l'ultima vignetta, tirai un sospiro di sollievo . Ma procediamo per gradi e analizziamo separatamente i diversi fattori, come conviene fare ogni volta che si cerca di recensire un episodio di Nolitta su Tex. Lo spunto di soggetto non è male, magari non originalissimo, ma discretamente congegnato. La presenza dei mitologici uomini giaguaro capitanati da Tezcalipoca, il mistero celato dietro il Codex Muller, le uccisioni politiche, il rapimento di Kit, la presenza di personaggi come il padre custode dei segreti della cripta di San Diego, sono tutte situazioni che contribuiscono a stuzzicare la curiosità. Magari si può avere un po' da ridire sulla forzatura del tempio sotterraneo, scoperto casualmente dal villain con tanto di pozza "genera mostri", ma trattandosi di un'opera di fantasia, il peccato è veniale. Capitolo antagonisti e co-protagonisti: i fratelli Herrera convincono a metà, così come sembra un po' eccessiva la venerazione a loro dedicata dai compaesani. Passi la povertà che ti induce a essere ossequiante verso il riccone del paese, ma qui un po' si esagera. Buona la presenza del Morisco, più al centro dell'azione rispetto alla consuetudine, ma molto efficace. A tal proposito, reputo interessante la scena dell'ipnosi, inedita dote del dotto egiziano che verrà recuperata in seguito da Nizzi nella storia "Yukatan". Montales a mio avviso è colui che brilla più di tutti; deciso, ironico e coraggioso come non mai, molto differente dall'influente scaldasedie divenuto negli anni. Buona la caratterizzazione di Matewa, ma concordo con chi preferiva Tiger al suo posto. Non mi esprimo sull'assenza di Carson per non essere scortese , ma non è un mistero che Nolitta non amasse inserire il vecchio cammello nelle sue sceneggiature. Capitolo dialoghi e sceneggiatura: eccoci al punto dolente! Dialoghi stucchevoli, pesanti, ridondanti e molto verbosi; una sceneggiatura a tratti dalla lentezza esasperante e lungaggini messe a posta per incrementare il numero di pagine. E pensare che ben trenta tavole sono state sforbiciate . I fans di Nolitta potranno protestare dicendo che ciò fa parte del suo stile compositivo, tuttavia questi difettucci continui su Tex, a mio avviso, hanno portato l'autore a sciupare spesso e volentieri delle buoni intuizioni e discreti soggetti. De gustibus ovviamente. Capitolo personalizzazione Tex: solito sosia, abile ma lontanissimo dalla caratterizzazione tipica. Un pistolero molto loquace e controverso, dubbioso oltre media, nervoso all'inverosimile, istintivo e poco attento a leggere le situazioni e riconoscere il marcio negli avversari (vedi la trappola a casa degli Herrera nell'albo finale). A tratti poi, risulta poco decisivo nell'azione: ho sempre trovato stonata la scena clou nella grotta, dove lui si limita a tenere sotto tiro Victor Herrera, mentre Montales e Matewa s'incaricano di liberare Kit, sfidando da eroi una marea di avversari. Potete dirmi ciò che volete, ma simili scelte con Tex hanno poco a che vedere. Molto forzata la ribellione dello sgherro degli Herrera che permette la vittoria dei nostri, come non mi convince l'epilogo, con un Kit irriconoscibile che non si sente a proprio agio nel controllare un disarmato Antonio Herrera e proprio il villain che viene ancora venerato dai popolani, facendolo apparire al lettore quasi come un eroe ingiustamente catturato. Il suo monologo finale, osannato dai suoi compaesani lo avrei evitato. Piccola divagazione: mesi fa un mio spunto di soggetto per il giochino del forum fu criticato per via della mancata coerenza col personaggio di Eusebio, ma leggendo questa storia, apprendiamo dal Morisco, che prima di mettersi al suo servizio, il cupo messicano scassinava serrature, di conseguenza non è poi così incongruente l'idea che in un lontano passato potesse aver fatto parte di una banda, comunque poco importa e chiudo la breve partentesi. Capitoli disegni: un encomio a Letteri per l'impresa di aver realizzato un simile malloppone; risulta palese un calo sul finire, dovuto alla comprensibile stanchezza dopo l'estenuante impegno. Cominciano comunque ad affiorare i primi segni di decadimento dell'artista romano, ancora lievi ma destinati a crescere nelle prove successive. Riepilogo: storia all'agro-dolce che comunque merita la sufficienza. Il mio voto finale è 6
  3. Condor senza meta

    [382/384] La Tigre Nera

    Richiamo il mio vecchio commento in merito a questa strepitosa storia, per dare la valutazione che allora mi sfuggì. Il mio voto finale è 10
  4. Condor senza meta

    [378/381] Guerriero Apache

    Il ritorno di "Cobra" Galindez, a meno di un anno dalla sua prima apparizione sulla saga, dà vita a un episodio spumeggiante e ben sceneggiato. La trappola ordita dal testafina messicano è diabolica e la sua astuzia, coadiuvata da un grande cinismo e ottimi complici, metterà seriamente nei guai Tex e Carson. Il tradimento di Baker, oltre a mettere nel sacco i due pards, diviene un evento fondamentale per fomentare l'odio del colonello Maynard contro la gente di Cochise. Si arriva a un punto nella trama in cui sembra diventi impossibile uscire dal vicolo cieco e poter contrastare la sinistra macchinazione di Galindez, ma "quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare" e stavolta toccherà a Cochise recitare la parte del leone. Il fiero capo Apache, guida con grande decisione e coraggio la spedizione per liberare i suoi "fratelli di sangue bianchi" e proprio l'intrepida impresa del celebre guerriero, sarà il preludio della rivalsa di Tex. Nizzi, tuttavia, opta per una scelta narrativa ad effetto per strutturare l'epilogo della bellissima storia: sarà proprio il presunto rimorso del velenoso villain intrappolato nella cripta dai nostri, a sconfiggerlo definitivamente e farlo morire di crepacuore (anch'io come altri forumisti avrei preferito che rimanesse in vita per ulteriori comparse, ma evidentemente l'autore ne aveva le tasche piene di dover fargli escogitare altre trame contorte ma pericolose ). La scena, forse un po' inattesa e atipica trovandosi al cospetto di un tale avversario, risulta indubbiamente affascinante, e mi colpì tantissimo da ragazzo. Ottima la sceneggiatura, la consueta ironia e la caratterizzazione dei personaggi. Il ritmo è notevole e la storia fila via che è un piacere, scandita sempre da dialoghi impeccabili. Non mancano tuttavia alcuni snodi poco convincenti. Come fatto notare in alcuni precedenti commenti, suona strano che con un tal bottino, i complici di Galindez lo lascino indisturbato a sostituire i lingotti con le pietre, come è un'ingenuità colossale che nessuno alla miniera sospetti della partenza del capo e non dia un'occhiata al contenuto delle casse. A tal proposito anche il piano del Cobra di indirizzare i rurales alla miniera è un tantino forzato. Come è possibile che guerriglieri esperti come Venustiano, non abbiano pensato di cancellare le tracce, dopo un trasferimento forzato dovuto al fatto che il vecchio rifugio non fosse più al sicuro? Va bene che Galindez è un genio del male, ma i suoi uomini fanno proprio la fine dei polli . Anche l'eccessiva fiducia mostrata da Baker nei confronti dell'infido complice, non si addice alla sua personalizzazione. Come non prendere precauzioni contro un simile giuda? Passi collaborare per la realizzazione del piano, ma nella fase della spartizione, come non sospettare che il messicano voglia liberarsi anche di lui per non dover dividere con nessuno? Tralasciando queste mie piccole perplessità, tutto sommato la storia è notevole e ci mostra ancora uno sceneggiatore in ottima forma. Molto funzionali e caldi i disegni di Fusco, stile adattissimo con simili ambientazioni. Ogni sua prova in quegli anni era una garanzia! Il mio voto finale è 9
  5. Condor senza meta

    [377/378 ] Soldati A Cavallo

    Avete presente quei piacevoli antipasti che precedono i banchetti delle grandi occasioni, che, sebbene delizino le papille gustative, servono solo a stuzzicare l'appetito? Ecco, l'episodio in questione a me ricorda i suddetti manicaretti. La trama è piacevole, il soggetto carino, la sceneggiatura pur accettabile, tuttavia appena conclusa la lettura, rimane l'impressione di una storiellina riempitiva, che ha solo l'onore e l'onere di precedere un trittico di classici nizziani di altissimo livello. La vicenda scivola via piacevolmente senza grandi pecche, ma l'intrigo dei loschi Wallace e Rossiter, che porteranno all'assassinio del capitano Curtis, crimine su cui fa fulcro tutta la trama, viene scoperto troppo rapidamente dai nostri e tirando le somme, gli antagonisti non si rivelano nemici di grande livello. Pure non eccessivamente esaudiente la caratterizzazione dei personaggi, vuoi per la brevità della prova, vuoi per la scelta dell'autore di non entrare troppo nei dettagli, in una storia riempitiva senza eccessive pretese. Il mestiere e la buona condizione di Nizzi in quei periodi, garantisce un esito sufficiente, ma visto i tre gioielli narrativi che la seguiranno, non mi viene di aggiungere altro. Purtroppo non contribuisce a migliorare la valutazione, un Galep stanco e afflitto dalla malattia, ormai giunto sul mesto viale del tramonto. Una prova grafica non più all'altezza, caratterizzata da troppe imprecisioni anatomiche e prospettiche e un'interpretazione di Carson degna di un vecchio Matusalemme. Il tracollo qualitativo dell'artista si era già palesato sul texone e troverà conferma in questa breve prova, che mette quasi tristezza. A tal proposito, rimane valida l'annosa questione se fosse stato il caso congedarlo prima e risparmiargli questo modesto epilogo di una gloriosa carriera, o se la scelta sentimentale di Sergio Bonelli di lasciarlo nello staff dei disegnatori fino agli ultimi giorni di vita, essendone il padre grafico, fosse in fondo giusta. Di certo ogni lettore avrà la sua opinione in merito e il sottoscritto si guarderà bene di esprimere la propria; posso solo dire che il talento artistico di Galep manca tanto sulla saga e al panorama del fumetto italiano. Il mio voto finale è 6
  6. Condor senza meta

    Esplorando il "nuovo mondo" di Tex

    Una saga di così lunga durata, non può non evolversi e adattarsi agli usi e costumi dei lettori. Il Tex Bonelliano pionieristico e vulcanico degli esordi, sebbene occupi un posto privilegiato nel cuore degli affezionati lettori, alla fine del primo ventennio del XXI secolo rischierebbe dei apparire anacronistico e oggettivamente troppo vintage per tenere il mercato. A mio avviso il segreto dell'immenso successo della serie, sta proprio nella capacità degli autori di apportare quei dovuti ammodernamenti narrativi senza snaturare gli stilemi classici del personaggio. In questa chiave di lettura, bisogna prendere atto che Boselli stia oggettivamente lavorando bene; un compito non semplice, svolto finora con personalità stilistica e notevole coraggio in alcune scelte.
  7. Condor senza meta

    [375/376 ] Oltre La Frontiera

    Tipica storia funzionale con cui Nizzi riusciva brillantemente a coprire la programmazione editoriale. Partendo da uno spunto originale di soggetto, l'autore imbastisce una sceneggiatura piacevole, corredata da ottimi dialoghi, consueti colpi di scena e ritmi narrativi accettabili. La missione di recuperare in Messico le matrici trafugate dal Dipartimento del Tesoro americano, darà vita a una girandola di eventi, con i nostri pards tenuti d'occhio, a loro insaputa, dal gruppo di ribelli confederati ai comandi dell'ambizioso maggiore Costigan. A essere pignoli, potrebbe far storcere il muso che Tex e Carson si ritrovino pedine inconsapevoli del piano della banda di sedicenti patrioti. Come non si può non notare che verranno ben due volte salvati da aiuti esterni: gli Apache imbeccati da Costigan prima, e la cavalleria dopo. Tuttavia la trama corre via bene e non annoia. Il piano di fingersi fuorilegge per entrare nelle grazie di Moncada, appare un tantino forzato ma porterà i suoi frutti, sebbene l'inconveniente del ritorno di Aguero metterà pepe e azione nell'incursione a Rancho Dorado. Proprio Costigan libererà i pards dall'inseguimento degli imbufaliti messicani, per ricevere in cambio delle matrici sfregiate e inutilizzabili. Trovata di Tex azzeccata e molto a effetto. Per una volta i due pards rivestiranno i panni della lepre e la loro disperata fuga, per sottrarsi alla rivalsa dei confederati, verrà salvata dal provvidenziale (e un po' scontato) arrivo della cavalleria. Epilogo così e così, con i villain che in fondo la faranno pur franca, ma considerando l'episodio nel complesso, lo si può perdonare. Ultima prova sulla serie regolare di Della Monica, un disegnatore accettabile che però non riscontrerà i favori degli addetti ai lavori. Rispetto alla prima prova, noto meno influenze ticciane e molti più riferimenti a Villa. Prova grafica non malvagia ma troppo spesso i volti di Tex differiscono fra loro e questo aspetto, disturba un po'. Il cartoonist salernitano omaggiò l'allora pluripremiato film "Balla coi lupi" conferendo a Costigan delle caratteristiche facciali vagamente simili a Kostner. A tal proposito la quarta vignetta di pagina 108 dell'albo "Rancho Dorado" rimarca fedelmente il taglio di una scena della pellicola, o così mi par di ricordare. Il mio voto finale è 7
  8. Condor senza meta

    [373/374] La Pistola Nascosta

    La spina dorsale del breve episodio, è la buona idea di far agire separatamente i pards, durante la caccia ai banditi di Lancey. La felice intuizione di Nizzi rende avvincente l'esile trama e ci consegna un Tiger Jack protagonista e in grande spolvero. Seppur ferito, l'eroico navajo riesce a eludere la caccia della posse, scatenatagli contro dai banditi, che hanno tutto l'interesse di tappargli la bocca prima dell'arrivo degli altri pards. Il tutto si complica quando Carson, a causa di un contrattempo, finisce un po' banalmente nelle mani di Lancey. L'epilogo è un concentrato di tensione e colpi di scena. I banditi gettano la maschera, assassinando crudelmente i poveri cittadini della posse e ricattando Tex, costretto a gettare le armi (a parte la provvidenziale precauzione che dà il titolo all'albo). L'arrivo di Tiger, permetterà di sbrogliare l'intricata matassa e nella sparatoria decisiva, l'autore ritaglia un ruolo importante anche al dottore della posse, che libera Carson facendo fuoco sull'ultimo bandito. Che dire, il rapporto durata-qualità in questa avventura è altissimo, il tutto reso eccezionale dai grandiosi disegni puramente western del magistrale Giolitti. Il viso di Tex sarà pure atipico, ma in compenso i paesaggi, il dinamismo delle vignette e il panneggio degli abiti intrisi di polvere, è da urlo. Un piccolo esempio per descrivere l'innata classe del disegnatore romano: il realismo quasi fotografico con cui riesce a rappresentare, con pochi tocchi di pennello, le tracce impresse sul terreno sabbioso in una vignetta delle prime tavole in cui è presente Tiger. Di esempi simili potrei farne a bizzeffe, ma non mi va di allungare troppo la zuppa e mi limiterò solo a far notare la non consueta scelta grafica, di proporre in parecchie tavole la vignetta doppia in verticale: una variazione della tradizionale gabbia bonelliana che ho molto apprezzato e che, a mio avviso, in parecchie circostanze arricchisce di dinamismo le vignette. Il mio voto finale è 8
  9. Condor senza meta

    [371/373 ] Thonga Il Tiranno

    Prova incolore di Nizzi, che, per l'occorrenza, rispolvera il rodato e ricorrente spunto di soggetto (molto caro pure a G.L. Bonelli), dell'incontro del nostro eroe con popolazioni atipiche, nascoste in valli segrete del suolo americano. Stavolta toccherà a una colonia di ex schiavi africani, sfuggiti alla nave negriera dopo un naufragio ed insediatasi in un meandro remoto del Texas. Il soggetto, già non originale di suo, non viene valorizzato più di tanto da una sceneggiatura lineare e priva di eccessivi sussulti. Eppure il prologo, con la forte scena del ritrovamento dello scheletro del minatore, con tanto di serpenti annidati fra le costole colpisce l'attenzione, così come l'enigma dell'ombra che indica l'accesso alla valle dei "Diavoli neri" stuzzica la curiosità del lettore, peccato che però col procedere della trama, ci si ritrova in un canovaccio già visto altre volte e la sceneggiatura perde di mordente. Nizzi porta a casa il compitino con molto mestiere ma poca ispirazione, e, a differenza di altre occasioni, rischia di far sbadigliare il lettore. Molte le analogie narrative con precedenti avventure che inducono a pensare, che l'idea di base sia composta a tavolino. Gli africani che si alleano ai bandidos messicani per assaltare le carovane, richiamano i Thugs apparsi parecchi numeri prima, così come l'alleanza con Kende per liberare Carson finito fra le grinfie dei nemici, ricorda l'espediente di "Desperados" con Santiago che, magari risulta meno saggio e più simpatico dell'anziano africano, ma ai fini narrativi il succo è simile. Non basta la trovata del falso allarme a scuotere l'inerzia di un'avventura, non da buttare ma troppo prevedibile e monocorde, con degli avversari non all'altezza: Tonga è proprio un vigliacco di prima categoria e pure i messicani non brillano di pericolosità a fin dei conti. Lessi su uno dei Magazine che l'episodio era stato commissionato a Marcello per un texone, ma la trama non convinse la redazione e venne relegata nel mensile. L'esordio del compianto disegnatore ligure fu molto positivo; il suo tratto dinamico si sposò immediatamente col genere e convinse Sergio Bonelli ad arruolarlo in pianta stabile nella saga. Ben presto, i suoi disegni divennero una presenza frequente fra le tavole degli albi del ranger, e diedero vita a storie celebri. La sua qualità, unita a un'alta velocità d'esecuzione, sarà oro colato per la redazione e negli anni a seguire porterà al sodalizio con Boselli, che arricchirà la saga di preziose gemme narrative. Ma questa è un'altra storia! Il mio voto finale è 6
  10. Condor senza meta

    [369/ 371] Ladri Di Bestiame

    Esatto pard! La penso perfettamente come te. La scena della spia risulta uno snodo narrativo troppo forzato. Uno dei primi segnali dell'appannamento creativo dell'autore. P.s. Evidentemente parlando di alcool e bottiglie, anche il sottoscritto ha preso la sbornia, visto che mi accorgo di essere incappato in uno svarione grammaticale nel mio commento; un apostrofo galeotto nell'articolo indeterminativo che sembra essere uscito da una strampalata missiva di Pat Mc Ryan...
  11. Condor senza meta

    [369/ 371] Ladri Di Bestiame

    "Chi non beve in compagnia, o è un ladro o una spia!": il noto detto si attaglia perfettamente alla scena clou dell'episodio in questione, visto che lo spione al soldo di Patton, viene individuato da Tex e company proprio per la leggerezza di fingere una sbronza, lasciando quasi intatta la bottiglia. Un' astemio svezzato all'alcool o un giuda rincitrullito? I nostri non avranno ovviamente dubbi in proposito e da qui, monteranno la trappola destinata a far crollare, come un castello di carte sotto il soffio di un bambino dispettoso, i loschi piani del prepotente villain di turno. Saltando la premessa, è palese che il lettore si trovi al cospetto di una storia minore e non è un caso che la sceneggiatura sia stata assegnata a Blasco, (non era un mistero che Nizzi avesse verso l'artista spagnolo una considerazione inferiore rispetto ad altri disegnatori della saga). Ciò non toglie che l'episodio si fa ben apprezzare lo stesso, vuoi per il marcato sapore tradizionalmente western della trama, vuoi per il giusto mix di azione, ottimi dialoghi e ritmo narrativo. Da un soggetto molto basilare e scontato, l'autore ricava un'ottima storia, facendo leva sull'indiscussa capacità di gestire i due pards e la presenza di comprimari e antagonisti, vedi lo sceriffo Walker, il ranchero Mckenzie, il bieco Patton e Nolan, magari poco sfaccettati caratterialmente (d'altronde il grigio era un colore indigesto pure al vecchio Bonelli per le anime delle sue creature!) ma molto funzionali nello svolgersi della vicenda. Tex si mostra nel suo consueto ruolo di duro raddrizzatorti, implacabile con i prepotenti e molto disponibile ad aiutare gli amici in difficoltà, coadiuvato da un Carson spigliato ed efficiente. Episodi simili, non fanno gridare al capolavoro ovviamente, ma alla fine della lettura lasciano soddisfatti e fanno notare che Nizzi in quel periodo, aveva così tanto assimilato il personaggio, da non far rimpiangere eccessivamente il grande creatore della serie. Prova grafica di Blasco senza infamia e senza lode. Alcune incertezze anatomiche dei corpi si evidenziano molto chiaramente, come non si fa fatica a distinguere molti "ritocchi redazionali". Tuttavia il suo stile latino, si prestava bene a questa tipologia di storie ed evidentemente anche in redazione la pensavano così, visto che in seguito gli venne assegnata la storia "Topeka" molto simile per struttura e ambientazione. P.s. Forse la fretta non ha permesso ai redattori di correggere lo sgraziato primo piano di Tex contenuto nella vignetta n°3 di pag 39 dell'albo "La spia". "Gran putifarre" esclamerebbe Carson: cosa costava ritoccare almeno con una pecetta o del bianchetto, l'occhio sinistro del ranger, totalmente fuori simmetria e inguardabile? Il mio voto finale è 7
  12. Condor senza meta

    [365/369] L' Uomo Con La Frusta

    Ennesimo episodio cult firmato Claudio Nizzi. Una vicenda fiume spalmata su cinque albi e divisa in due parti, che ha lasciato il segno nei ricordi dei lettori, grazie soprattutto a una sceneggiatura molto carica di pathos e intrecci molto interessanti. Ma procediamo per gradi, analizzando separatamente le due parti. La prima, affidata ai pennelli di Fusco, risulta decisamente migliore e ci fa immergere nella diabolica trappola ordita dal nuovo ring di Tucson, coadiuvato dal prezioso contributo del colonnello Olivera e il governatore Zamora, atta a eliminare Tex e aprire la speculazione dei terreni della riserva ed eliminare Montales, pedina di disturbo per il progettato golpe delle autorità di Chihuahua. Il soggetto è poco originale, ma l'autore riesce a tessere una tela narrativa raffinata e variopinta, arricchita dalla presenza di ottimi personaggi e scene memorabili. Molto interessanti le figure di Olivera e Cobra Galindez, due villain di spessore che innalzano il valore dell'intreccio. Come tacere poi della splendida sequenza di Tex al paredon dinanzi i fucili puntati del plotone d'esecuzione: una delle vette più alte raggiunte da Nizzi sulla serie. Nell'episodio, con Tex in gattabuia, giganteggiano Montales e i restanti pards, con un Carson sugli scudi. Che maestria dell'autore nel mostrarci l'infinità amicizia che intercorre fra i due pards! Carson che corre sul tetto del treno attanagliato dall'ansia di arrivar tardi in Messico o che reagisce "vivacemente" ai commenti degli avventori del saloon, trasudano una forte umanità e un intenso affetto per l'amico, che mi hanno sempre molto colpito. Con la fuga di Tex, finisce la prima parte e inizia la rivincita. L'iter narrativo ricorda vagamente "In nome della legge", tuttavia Nizzi riesce a brillar di luce propria senza emulare troppo l'illustre predecessore. La seconda parte inizia con l'inatteso colpo di scena del tradimento di Galindez, comunque dopo un promettente inizio, si affievolisce un po' col proseguo. Il ritmo rimane accettabile e le scene piacevoli, tuttavia la sceneggiatura non riesce a mantenere l'alto livello di liricità e tensione del primo atto. La presa di Escalante, è una sequenza che appassiona, ma risulta un po' forzata e facilona. Anche la trappola in cui cadono Olivera e Galindez, sebbene apparentemente ben congegnata, ci mostra una dose di ingenuità inattesa degli antagonisti, che fino a quel momento si erano mostrati due autentici furboni smaliziati. Poco incisiva la figura di Zoro, mentre brillano padre Elias e Conchita, che si guadagnerà una seconda apparizione sulla serie, alcuni anni dopo. Anche l'odio di Velasco è ben descritto e plausibile, mentre Zamora incarna il perfetto maneggione politico, ambizioso e lussurioso, disposto a tutto spinto dalla sete di potere. Riassumendo, non posso non affermare che ho sempre apprezzato questa splendida storia e proprio rileggendo le numerose pagine, rimpiango i tempi in cui Nizzi riusciva a sfornare, con tale abilità, queste perle compositive. Per ciò che riguarda il comparto grafico, sebbene Civitelli sia uno dei miei disegnatori preferiti, devo ammettere che il tratto più "sporco" di Fusco, si sposa meglio con la tematica in questione. Non è la prima volta che confesso che ho rivalutato con gli anni il personalissimo stile del compianto Fernando. Civitelli ai tempi, seppur avendo raggiunto buoni livelli di qualità, stava ancora cercando di evolvere il suo tratto, opera che gli riuscirà brillantemente nel decennio successivo, tanto è vero che l'aretino si è conquistato un posto privilegiato nell'olimpo dei disegnatori texiani. Il voto finale deriva dalla media aritmetica: 10 prima parte, 8 secondo atto. Il mio voto finale è 9
  13. Condor senza meta

    [364] Il Medaglione Spagnolo

    La natura ha le sue leggi insindacabili a cui nessuno si può sottrarre. Anche il titanico G.L. Bonelli si dovette piegare al peso del fardello degli anni e il suo congedo con la celebre saga da lui creata, fu alquanto mesto e malinconico. Ben lungi dal voler muovere alcuna critica all'autore, entrato prepotentemente nel cuore di noi fans che abbiamo sognato a occhi aperti, trascinati come piume nel vento sospinti dalla sua vulcanica fantasia, mi limito solo a constatare che l'ultima sua prova su Tex, non rende giustizia alla lunga e luminosa carriera. Mi chiedo ancora oggi se fu una buona scelta quella di pubblicarla. Il cuore ovviamente appoggia la decisione editoriale del figlio Sergio, la ragione molto meno, considerata l'arida trama e il ritmo compassato ed estenuante, pieno di tempi morti e dialoghi spenti e ripetitivi. Lo stesso editore mise le mani avanti, scrivendo un pensiero in appendice alla storia proprio per giustificare le motivazioni sentimentali che lo inducevano a dare alle stampe l'ultima modesta fatica dell'illustre padre. Certo che, se si leggessero in rapida sequenza capolavori del tipo "Odio senza fine" e questo albo, si faticherebbe a credere che siano opera dello stesso autore. Per doveroso rispetto al grande Bonelli, non mi soffermerò sulle numerose carenze e incongruenze che abbondano nell'episodio, posso solo pensare che al giorno d'oggi un simile "tributo alla carriera" avrebbe facilmente trovato posto su un Magazine, o molto plausibilmente, snellito di almeno una cinquantina di pagine, in un episodio breve del Color Tex, ma allora il figlio Sergio non disponeva di queste valide alternative. Aldilà di tutto finora detto, un nodo stringe la gola al pensiero che "Il medaglione spagnolo" fu l'ultima sceneggiatura del patriarca del fumetto italiano, tuttavia artisti della sua risma vincono la morte e vivranno sempre nei ricordi di chi ha amato la loro arte. I disegni di Letteri palesano una certa fretta, forse dovuta ai gravosi impegni che incombevano sullo stakanovista disegnatore romano. Diciamo un buon riscaldamento prima (o verosimilmente durante!) della realizzazione di due episodi lunghissimi del calibro di "Oklaoma" e "Gli uomini giaguaro" che insieme raggiunsero il ragguardevole totale delle mille tavole (o giù di lì). Voto suggeritomi dal cuore: 10, ma per onestà esprimo quello obiettivo che la razionalità mi impone. Il mio voto finale è 4
  14. Condor senza meta

    Migliore copertina del 2018

    Le mie preferenze: - Paura a San Diego (Villa) - Color Tex (Cestaro Bros); - Serie regolare.
  15. Condor senza meta

    [362/363] Desperados

    Dopo l'avventura fiume ambientata sulle "Colline del Vento", Nizzi si concesse una storia minore, per rompere un po' il ritmo e preparare il terreno alla successiva (e corposa) sceneggiatura messicana. Il riempitivo proposto, è molto gradevole e carico d'azione. A dire il vero, col senno di poi, il soggetto, alquanto interessante, meritava una sceneggiatura più adeguata. Senza limiti di foliazione, la storia avrebbe potuto avere uno sviluppo più consono ed elevarsi a un grado di valutazione maggiore, ma la scelta dell'autore fu chiara in proposito e tutto risulta più ridimensionato. Si può benissimo scindere l'episodio in due parti: la prima in cui si sviluppa la rapida (anche troppo!) indagine dei due pards per rintracciare i rapitori dell'ingegner Lacroix e la seconda, ambientata nell'esotico scenario dell'isola di San Fernando, a largo della foce del Rio Bravo in acque messicane, che risulta molto più riuscita e avvincente. La brevità della storia non permette all’autore di delineare meglio gli antagonisti e questo alla lunga penalizza l’esito finale. Macedo, El Caribe e la sua banda, finiscono col divenire avversari non eccessivamente ostici. Si mostra molto sbrigativa anche la sessione che porta i due ranger a sconfiggere il desperado Macedo e farsi guidare sull’isola, ove viene tenuto prigioniero lo scienziato. Come appare uno snodo narrativo un po’ forzato (che diverrà un negativo marchio di fabbrica nizziano) l’origliata dello spione di turno che metterà i banditi sulle tracce dei ranger in apparente missione top secret. Giunti sull’isola, la faccenda si complica un po’. Dapprima col naufragio, poi con la cattura di Carson a opera degli sgherri del Caribe. Proprio sull’isola Tex incontra Santiago, una sorta di simpaticissimo “Crusoe”, che si rivelerà un ottimo alleato e un prezioso aiutante per l’azione risolutiva finale. Santiago, a differenza delle altre comparse, appare molto più caratterizzato; un piccolo delinquentello da strapazzo, dato per disperso dalle autorità, molto abile e pratico che non fatica minimamente a vivere da eremita sull’isola. La perfetta conoscenza dei luoghi, uniti alla sua agilità e furbizia, saranno oro colato per Tex. L’esilarante “svitato” messicano, potrebbe benissimo riapparire in qualche episodio futuro della saga a mio avviso. Molto movimentato, ma un po’ affrettato l’epilogo, che vedrà i nostri liberare Lacroix e sfuggire sotto le grinfie della banda, a bordo di una goletta, col Caribe ai ferri. Nizzi ci mostra un Tex più incerto e approssimativo in alcuni frangenti sull’isola e alcuni errori sembrano degni del miglior Nolitta. Prima stranezza: appena risvegliatosi, nota le orme sulla sabbia di un uomo a piedi scalzi che si dirige verso la foresta, ma invece di chiedersi chi sia il misterioso individuo, ipotizza siano di Carson e non si capisce per quale motivo il fraterno amico, oltre a non cercarlo, si fosse sfilato gli stivali. Altro strano errore quello di non nascondere il corpo senza vita di Macedo, era ovvio che potesse prima o poi essere compromettente per la sua missione. Completano il campionario di errori grossolani, la mancata cancellazione delle tracce che porteranno gli uomini del Caribe a scoprire il rifugio segreto di Santiago e serviranno su un piatto d’argento Carson privo di sensi, e la disattenzione che lo porta a essere colpito da una gomitata dal Caribe, rimanendo completamente allo scoperto dinanzi i fucili spianati dei nemici. Ovviamente alla fine se la cava riacchiappando a nuoto il nemico, ma nella realtà credo che almeno una dozzina di proiettili se li beccava di certo. Piccola curiosità personale: suppongo che l’isola di San Fernando sia un’invenzione geografica dell’autore, visto che non mi pare appaia su nessuna carta geografica, a differenza di Anuta, teatro di una celebre storia narrata dal grande Bonelli, che effettivamente esiste tra la miriade di atolli presenti nel Pacifico. Molto valida la prova grafica di Monti, abilissimo nel tratteggiare i desperados messicani e gli incantevoli scenari tropicali degni del miglior albo di Mister No (d’altronde anche su quella serie prestò la sua opera prima di approdare su Tex, se ricordo bene). Da notare pure la particolare cura e l’esito molto bello a vedersi, di molte onomatopee degli spari, che diventano un valore aggiunto alla grafica della vignetta. Il mio voto finale è 7
×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.