Jump to content
TWF MAGAZINE N°19 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum

lety

Cowgirl
  • Content Count

    80
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    5

lety last won the day on September 18

lety had the most liked content!

Community Reputation

13 Decent

1 Follower

About lety

  • Rank
    Timido pubblicatore
  • Birthday August 6

Profile Information

  • Gender
    Femminile
  • Interests
    lettrice e sognatrice
  • Real Name
    letizia

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    1
  • Favorite Pard
    Kit Willer
  • Favorite character
    Eusebio

Recent Profile Visitors

337 profile views
  1. lety

    Il Mio Primo Tex

    Il Tranello ....edizione del 1960!!!
  2. lety

    [Texone N. 35] Tex l'inesorabile

    Aspetto...febbraio, visto che fino allora, niente commenti per non fare spoiler. Certo che non sono tutti uguali i dialoghi...ma ogni autore ha un suo stile, anche se con uno come te che tiene dietro a 15 e più storie, molto diverse tra loro, contemporaneamente ...non è poi cosa così facile.
  3. lety

    [Texone N. 35] Tex l'inesorabile

    Ok, visto che non è possibile...farla franca, confesso! Ho seguito la conferenza stampa che hai fatto in occasione del Lucca Comics con Villa, Civitelli ecc. si è parlato della difficoltà di portare avanti un lavoro..per 17 anni. Villa si chiedeva se per caso non si vedesse "una mano diversa" (sempre la sua ovviamente) tenuto conto del tempo. Stessa cosa per quanto riguardava lo svolgimento della storia. E' stato, comprensibile, faticoso ogni volta dopo ogni stop riprendere ...il filo. Considerato che soggetto, sceneggiatura e i personaggi sono inequivocabilmente di Mauro Boselli...e tenuto anche conto che, almeno così ricordo, la storia doveva aver protagonisti all'inizio solo Tex e Carson, poi tutti e 4, poi di nuovo 2, e alla fine di nuovo 4....mi domandavo se, visto la mole di lavoro che hai, per caso....qualcuno in modo sporadico era venuto in aiuto ....perchè alcuni dialoghi non li ho riconosciuti come tuoi. Ecco, l'ho detto. Probabilmente ho preso una cantonata colossale...ma questa è stata la mia impressione. Comunque sono pronta...al plotone di esecuzione (con benda...non sono così coraggiosa).
  4. lety

    [Texone N. 35] Tex l'inesorabile

    Chiedo scusa a Mauro Boselli, ho sbagliato post ...e storia! Ho chiesto subito allo staff di cancellarlo...ma vedo che è sempre lì! Forse non sono riuscita ad inviare ...neanche la richiesta!!!! Sono un disastro!
  5. lety

    [Romanzi A Fumetti 10] A Sud di Nogales

    Preso già da qualche giorno....sapevo che era una ristampa, ma non ho resistito. Pur essendo una storia con una trama abbastanza semplice, per me è una delle più belle di GLB con tutti e 4 i pards. Tex e i suoi sono fantastici pieni di azione e divertenti. I due satanassi da una parte a far di tutto, Kit che fa la sua alla grande e Tiger pure. Una intesa perfetta e un'alchimia incredibile tra loro. Si legge tutta d'un fiato.
  6. lety

    [Color Tex N. 15] Un capestro per Kit Willer

    E quando dormi...sogni il vecchio cammello!!!
  7. lety

    [Maxi Tex N. 25] Il boss di Chicago

    Grazie. Questa volta...passo!
  8. lety

    [Maxi Tex N. 25] Il boss di Chicago

    Domandina semplice ..semplice: in tutte e due le storie ci sono solo Tex e Carson? Grazie
  9. lety

    [Color Tex N. 15] Un capestro per Kit Willer

    Sono perfettamente conscia che sigere, dopo 70anni, qualcosa di nuovo o originale è oggettivamente difficile, direi quasi impossibile. Stessa ambientazione, medesimi co-protagonisti ( banditi, sceriffi, cattivo di turno ecc.ecc). È lo svolgimento della trama, la sequenza delle azioni,lo spessore dei personaggi, i dettagli, i disegni che fanno la differenza tra una bella storia e una che non lo è. Ho amato, ovviamente, gli albi di Bonelli e di Nolitta, quindi parliamo di un Tex classico, con una qualche differenza tra i due. E amo le storie più complesse e piene di protagonisti di Mauro Boselli. Nizzi non lo riesco ad apprezzare, difetto mio per carità, non riesco ad entrare in sintonia con le sue storie. Non posso farci niente, sarà che con l'età si diventa più esigenti, non ci si accontenta con facilità. Sarà quello che volete..per me è così. Con tutto il rispetto di chi la pensa diversamente.
  10. lety

    [Color Tex N. 15] Un capestro per Kit Willer

    Per me conta la mia di opinione e sinceramente dai siti di recensione mi tengo ...alla larga! È come per i film. Critica ...negativa ma successone di pubblico. E comunque ai lettori dei siti ai quali mi riferivo interessa più la trama che l'autore. Sono quelli, come me, che vanno alla ricerca di un edicola, cosa sempre più difficile, per comprare Tex. Un pò d'attenzione io l'avrei. Per quanto riguarda...le sciocchezze che avrei detto...beh sapessi quante ne leggo anche io, ma non lo dico. Non mi garba offendere...sarà anche per questo che non mi piace Nizzi? Chissà...
  11. lety

    [Color Tex N. 15] Un capestro per Kit Willer

    Su altri "lidi" si critica e si esprimono opinioni esattamente come in questo forum . E la platea è molto più ampia e composta soprattutto da semplici lettori appassionati di Tex. Il curriculum di Nizzi è molto interessante ma questo non mi obbliga a dire che mi piace come "interpreta" i personaggi della saga texiana. Il mio è il punto di vista di una semplice lettrice, da decenni, non sono una esperta di fumetti (leggo soloTex), non sono un aspirante scrittrice, sceneggiatrice, disegnatrice ecc. ecc., pertanto se una storia mi piace, aldilà dei cv, dell'età, delle simpatie personali o conoscenze...bene altrimenti come ho già detto. No grazie.
  12. lety

    [Color Tex N. 15] Un capestro per Kit Willer

    Kit Willer è come l'autore...vuole che sia. Non se le scrive mica lui le sceneggiature e i dialoghi! Se non ha peso in una storia è perchè chi l'ha scritta non voluto che ne avesse. Se risulta poco incisivo o addirittura maldestro, per non dire altro, è per volontà dell'autore. Nizzi non ha mai amato il giovane Willer e non ne ha mai fatto mistero. Anzi ha un vero astio verso questo personaggio, chissà perchè! ( un idea l'avrei ma preferisco non dirla). Certo che è più complicato mettere in piedi una trama interessante con quattro protagonisti che con due! Ma che scoperta! Bonelli, Nolitta e Boselli ci sono riusciti, eccome, e ci hanno regalato storie stupende con tutti e 4 i pards. Comunque, per quanto mi riguarda, non ho alcuna intenzione di leggere ancora di...bistecche e patatine, e altre battutine trite e ritrite. Di rivedere solo e soltanto la coppia Tex e Carson come per anni mi sono dovuta sorbire. Ma ancora? Ma neanche per sogno! Sono tra quei lettori che amano le storie articolate e con tanti personaggi, con trame che vanno oltre le solite, viste centinaia di volte, come appunto Un Capestro per Kit Willer! E con tutti e 4 i pards. Anche alternati purchè ci siano e con dignità. Kit Willer è un gran bel personaggio e non è vero che rischia di essere troppo simile al padre; lui può permettere di essere spensierato, allegro, indisciplinato, sentimentale ed anche, perchè no, innamorato. Tex no, tutte queste cose non se le può permettere se non in minima parte. Però è necessario avere la volontà di far questo, oltre, ovviamente la capacità. Sulla prima già sappiamo che Nizzi non ne ha, sulla seconda non saprei, perchè ..di storie veramente belle (come quelle scritte da GLB, Nolitta e Boselli) con tutte e 4 i pards e con Kit Willer con un ruolo importante e di peso...io non me ne ricordo. Quindi....
  13. lety

    [Color Tex N. 15] Un capestro per Kit Willer

    In diverse occasioni e interviste, Nizzi ha avuto parole poco gentili nei confronti Boselli (in alcune lo cita espressamente) e per questo in uno dei miei ultimi post ho definito il Bos "persona generosa" , in quanto è stato lui a chiedere a Nizzi di riscrivere su Tex. Io non lo avrei fatto. Forse dovrebbe andare a leggere i commenti su Un Capestro per Kit Willer, non quelli di questo forum, ma nei vari gruppi dedicati a Tex. Io tutto questo entusiasmo non l'ho trovato, tutt'altro. E mi spiace contraddirlo , ma le storie più belle per i lettori, sono quasi tutte ad appannaggio di Mauro Boselli, in primis Il Passato di Carson.
  14. lety

    La migliore (impossibile) donna per Kit Willer

    Ci sono anche io!
  15. lety

    [Color Tex N. 15] Un capestro per Kit Willer

    Un Capestro per Kit Willer. Un solitario mercante di whisky passeggia con il suo carretto pieno di barilotti dentro il territorio della riserva Navajo e l’incauto va a sbattere contro Aquila della Notte. Ma pensa te! L’ingenuo spacciatore viene sbatacchiato ben ben da Tex, ma inutilmente perché non apre bocca. Tanto se lo meritava. Tutto esercizio fisico . Contemporaneamente, non molto lontano, Kit E Tiger stanno tenendo d’occhio una baracca che si rivela, dopo la classica spiata dalla finestra, essere la distilleria e il deposito di whisky dei trafficanti. In questa azione si può notare che il giovane Willer (lo stesso che si arrampicava come l’uomo ragno sulle incredibili pareti del fortino del El Supremo, saltare dai vagoni di treni in corsa, affrontare rapide e buttarsi da rocce altissime ecc.) chiedere aiuto a Tiger per scendere …dalle sue spalle! Un’ altezza inferiore ad un metro e mezzo. Ci sarei riuscita anche io, alla mia età e con la mia artrosi. I due, per festeggiare l’incendio della distilleria, si recano nella vicina cittadina di Holbrook per bere una birra. (paesello che dista un tiro di schioppo dalla riserva Navajo, e, dove presumibilmente tutti conoscono Tex Willer/Aquila della Notte, a qualcuno viene in mente di linciare e impiccare Kit Willer). Nel saloon si trovano ad essere testimoni dell’aggressione verbale e fisica da parte di un giovinastro nei confronti di un mite messicano, culminata con l’insulto alla madre indiana. Reazione, con tanto di faccia sconvolta e occhi strabuzzanti, del giovane Willer che dopo aver tentato di far smettere l’aggressione al messicano si vede costretto a sparare, dopo essere stato ferito ad un braccio, e colpire a morte il suo avversario. Il dubbio si insinua: questo ragazzo non sarà troppo impulsivo? Non sarà poco equilibrato? L’arrivo del buon sceriffo Baxter (una vera garanzia) evita il linciaggio immediato a Kit da parte degli amici del morto, e, per tutelarlo meglio lo sbatte..in gattabuia, in quanto il defunto non è nientepopodimenochè il figlio del padrone della città, Dan Korrigan! Fuga indisturbata di Tiger per andare a chiamare in soccorso Aquila della Notte. Ovviamente nessuno pensa a lui e quindi può inviare dettagliati segnali di fumo. Pensieri cupi per Tex…come mai Tiger non mi dice che mio figlio è innocente? Dubbi…anche per lui. Nel frattempo il padre del giovinastro è messo al corrente della morte del figlio. Reazione emotiva…zero. Unico commento…mio figlio era un idiota, ma siccome io sono al di sopra della legge chi lo ha ucciso dovrà pagare. Verso il figlio morto neanche una parola d'affetto, un minimo segno di dolore, una lacrima…niente. Irruzione di Korrigan e dei suoi uomini nella prigione per prendere Kit Willer. Viene messo ko il buon sceriffo (ma buono a cosa?) e così in nostro Piccolo Falco si ritrova in batter d’occhio con la corda al collo pronto per essere impiccato. Espressione da brivido, per quanto è spregevole, di Korrigan che dice al figlio di Tex di salutargli il suo di figlio quando lo incontrerà all’inferno! Arrivo provvidenziale di Tex che con un colpo di fucile spezza la corda che stringe il collo di Kit e dopo aver convinto Korrigan (con inusuale magnanimità…visto che il tizio gli stava per impiccare il figlio, in altre occasioni e per molto meno gli avrebbe cambiato i connotati) a lasciar perdere, lo informa che se lo porterà via per sicurezza, ma che torneranno il giorno dopo per il processo. Comparsa dell’inutile quanto incapace sceriffo che si limita a requisire i fucili e non sbatte in galera Korrigan, come avrebbe dovuto, per …non agitare ulteriormente gli animi! Se erano venuti dubbi sul comportamento del giovane Willer il colloquio padre/figlio li toglie subito per far posto …alla certezza quando lo stesso Kit dice che… continuavo a rivedere il momento in cui ho sparato a Billy, chiedendomi se non mi fossi lasciato accecare dall’odio per quello che aveva detto della madre indiana di quel ragazzo. Un Tex …consolatorio e comprensivo lo rassicura…anche lui al suo posto si sarebbe comportato allo stesso modo. E no! Tex non avrebbe agito in quel modo e neppure Kit Willer. Perchè quello descritto in questa storia non il vero figlio di Tex. E non è neppure il Kit che conosco io. Tex che dubita dell’innocenza di suo figlio? A memoria non mi ricordo nulla di simile. Uno dei capisaldi tutta la saga texiana è l’incrollabile certezza del corretto agire che ognuno dei 4 pards ha dell’altro. Una fiducia sconfinata che non viene meno neanche davanti a fatti che sembrerebbero mostrare il contrario. Minare questo concetto è far venire giù tutto l’impianto che regge l’intenso legame esistente tra Tex , Kit, Carson e Tiger! E conseguentemente le loro azioni. La storia si conclude con l’ovvia resa dei conti con finale più che scontato. Alcune considerazioni. Il titolo di questo Color mi ha ricordato, in un primo momento, Morte nella nebbia e Uccidete Kit Willer. Ma dopo poche pagine mi salta in mente la cupa e tetra Sangue sul Colorado, stesso autore. L’azione clou di tutte e due le storie è il casuale coinvolgimento di Kit e Tiger in una rissa in un saloon. A scatenare la reazione del giovane Willer, in ambedue i casi, sono gli insulti nei confronti di coloro che hanno la pelle rossa. Sia nell’una che nell’altra Kit viene messo in prigione accusato ingiustamente di omicidio, dopo aver sparato per difendersi, e sempre in tutte e due Tiger si dà alla fuga per andare a chiedere aiuto a Tex . Ma ci sono altre similitudini in queste due storie. Padri che non mostrano alcun sentimento verso i figli. Alla notizia della morte del figlio Koregan padre non ha la benchè minima emozione, dispiacere. Le uniche parole verso suo figlio sono di disprezzo. Mclaren il suo di figlio lo uccide personalmente. Fatto che poteva benissimo essere evitato in quanto erano presenti vari personaggi, tra i quali Tex, che potevano intervenire e provvedere in tal senso. Di fronte al cadavere di suo figlio non mostra sofferenza, rimorso o angoscia, tenuto conto quel che aveva fatto. Tutt’altro! Poche pagine più avanti lo vediamo felice e contento, con la nuova donna e nuova figlia completamente ristabilito, un uomo rinato! E’ nota e arcinota la idiosincrasia che l’autore prova nei confronti del giovane Willer (e anche nei confronti di Tiger) e in questa storia ce la ribadisce, ancora una volta e senza alcun ombra di dubbio. Se questo è il futuro di Tex per quanto mi riguarda…anche no, grazie.
×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.