Jump to content
TWF MAGAZINE N°18 è online! Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum

Don Fabio Esqueda

Collaboratori
  • Content Count

    1,854
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Don Fabio Esqueda last won the day on September 24 2018

Don Fabio Esqueda had the most liked content!

Community Reputation

18 Decent

About Don Fabio Esqueda

  • Rank
    Utente emerito del TWF
  • Birthday 05/20/1983

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    Western, cinema, calcio.
  • Real Name
    Giacomo

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    321
  • Favorite Pard
    Kit Carson
  • Favorite character
    El Morisco

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Don Fabio Esqueda

    Migliore copertina del 2018

    I miei: Johnny il Selvaggio (copertina evocativa per una storia a mio parere instabile) per la regolare, Giustizia a Corpus Christi per gli speciali. Tra le due, voto la regolare.
  2. Don Fabio Esqueda

    [FINALE] La storia più bella della fascia 600 - 699

    Sono anch'io molto combattuto, ma scelgo: Luna Insanguinata, Jethro! e I rangers di Lost Valley (qui voglio premiare Biglia: il suo West respira!).
  3. Don Fabio Esqueda

    ④ La storia più bella della fascia 600 - 699

    Jethro! è una storia magnifica e si prende facilmente il mio voto. Tra le altre, pur coi suoi difetti, premio L'Ultima Vendetta.
  4. Don Fabio Esqueda

    ③ La storia più bella della fascia 600 - 699

    La mia scelta cade su due storie bellissime come Luna Insanguinata e I Rangers di Lost Valley.
  5. Don Fabio Esqueda

    ② La storia più bella della fascia 600 - 699

    I miei voti a El Supremo, Giovani Assassini e Il Segreto del Giudice Bean (che mi è piaciuta molto).
  6. Don Fabio Esqueda

    ① La storia più bella della fascia 600 - 699

    I miei voti a I Giustizieri di Vegas - IMHO in assoluto tra le più belle di Boselli - e I Sabotatori. Tra le altre, alcune discrete, alcune fragili, alcune piene di stranezze (come, tanto per fare un esempio, Manfredi confermerà nelle sue storie successive), alcune veramente pessime (Caccia Infernale specialmente).
  7. Don Fabio Esqueda

    [Texone N. 15] Il Cavaliere Solitario

    La storia dovrei rileggerla anch'io, ma qui stavo parlando della rappresentazione grafica e della recitazione di Tex. A cui, pur in una storia molto cupa, Kubert riesce a infondere lo spirito del personaggio. Un Tex particolare, personale, ma IMHO assai centrato. Si potrebbe aprire una bella discussione sugli autori stranieri del nostro ranger... la resa che ne dà Kubert è forse in assoluto tra le mie preferite, insieme a quella di Blasco - che ero convinto si trovasse in grande sintonia con Nizzi, cosa clamorosamente smentita dallo stesso autore emiliano nel suo libro-intervista con Guarino - e a quella scanzonata di Bernet.
  8. Don Fabio Esqueda

    [Texone N. 15] Il Cavaliere Solitario

    Sai Leo che invece a me questo Tex di Kubert è sempre apparso estremamente convincente? E' duro, ma umano. E soprattutto è ironico. Ha quel sorriso di fondo che il nostro dovrebbe sempre avere.
  9. Don Fabio Esqueda

    [696/699] L'ombra del Maestro

    Ho letto anch'io questa prima parte e vado un po' controcorrente: non mi ha convinto in pieno. Ci sono a mio parere dei passaggi piuttosto macchinosi e tortuosi, a partire da una alquanto improbabile chiamata dei due pards (ahimè, anch'io ero convinto di trovare il quartetto al completo) in Louisiana, con sostituzione del condannato tramite trovata altrettanto tortuosa e un'alleanza al momento poco plausibile tra Castle e il Maestro. Anche i dialoghi, specialmente sul finire dell'albo, mi han convinto poco: densi, ma non di quel denso pastoso di GLB, bensì del denso chiacchieroso (che ho scoperto non essere un neologismo ) di Nolitta quando non sapeva dove andare a parare. Ho invece molto apprezzato, oltre ai disegni di Dotti, le scene che vedono protagonista il redivivo Pat, in cui ho trovato il Boselli che mi piace: sono scene vivaci e ironiche, e capaci di restituire un'atmosfera. E' solo un incipit, la carne al fuoco (tanti personaggi, tra alleati e antagonisti, una nuova ambientazione) è tanta, ma è proprio in queste situazioni in cui il difficile è dar sapore a ogni ingrediente che, solitamente, a mio parere s'intende, Boselli dà il suo meglio: insomma, son comunque molto fiducioso per il prosieguo.
  10. Don Fabio Esqueda

    [695] L'ultima vendetta

    Mah, non mi è mai stato chiaro cosa si intenda per "il lettore". Ognuno è fatto a modo suo, ognuno ha le sue esperienze di vita, ognuno ha il suo modo di vivere il personaggio. Io, che a livello caratteriale penso di essere uno strano mix tra il Tex di GLB e il Tex di Nolitta (quello migliore, però: dubbioso e magari anche torturato, ma non scemo da non riconoscere le persone di cui non fidarsi), non ho per nulla visto un Tex odioso, anzi: ho visto un Tex simpatico e leale. Se poi chi perde non sa perdere, sono cazzi sua.
  11. Don Fabio Esqueda

    [Texone N.33] I Rangers Di Finnegan

    Anche a me è venuto in mente il Carson di Magnus. E non è un pregio, a mio modo di vedere, perché hanno in comune una recitazione assolutamente sopra le righe, con espressioni tra lo spiritato e il collerico che nulla hanno a che fare col personaggio. E' vero che stiamo parlando di poche tavole, certo insufficienti a dare un giudizio sostanziale, ma come biglietto di presentazione non mi convincono.
  12. Don Fabio Esqueda

    Tex e il razzismo

    Mi dispiace, James, ho usato un termine duro scrivendo con la bile. E tuttavia, in tempi in cui il prossimo Presidente della Lombardia parla di "razza bianca", con la stessa nonchalance di cui io parlo di panettone vs pandoro, in cui è normale parlare di "Opti Poba che mangiava le banane e adesso gioca titolare nella Lazio", di ogni singolo pezzetto di merda che esce dalla bocca di Trump o dei suoi simili, francamente sentir dire che l'uso del termine "etnia" sia roba da falsi moralisti, magari radical chic, ecco questo penso sia ignobile e pericolosissimo.
  13. Don Fabio Esqueda

    Tex e il razzismo

    Bellissime parole queste di Pecos, pregne di significato e insieme eleganti. Degna risposta ai tanti ignoranti - io non sono elegante come Pecos - secondo i quali usare il termine "etnia" sia da moralisti e non designi invece un concetto completamente diverso da quello di "razza". E quanto è pericolosa l'ignoranza.
  14. Don Fabio Esqueda

    Uno sguardo verso il futuro: la fascia 700 di Tex

    In effetti, il nostro Davis ha svolto quasi sempre il ruolo di deus ex machina (del resto, di dei ex machina è zeppa la storia di Tex: cosa ne sarebbe stato dei pards senza l'ausilio di qualche candelotto? ), o di semplice procacciatore di missioni. Ma c'è appunto un'eccezione: in Nuvola Bianca ne emergono sfaccettature, fino a diventare pienamente personaggio nel finale (bellissimo, seppur ripreso da Alla conquista del West). Da qui, a parer mio, ci sarebbero tutte le carte per un ulteriore sviluppo psicologico.
  15. Don Fabio Esqueda

    [676-677] Il ragazzo rapito

    Povero Villa.
×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.