Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Carlo Monni

Collaboratori
  • Content Count

    4,718
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    47

Carlo Monni last won the day on September 10

Carlo Monni had the most liked content!

Community Reputation

225 Incredible

About Carlo Monni

  • Rank
    Utente emerito del TWF
  • Birthday 05/28/1958

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    Fumetti, storia

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    26
  • Favorite Pard
    Kit Willer
  • Favorite character
    Pat Max Ryan

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. No: la leggeremo sulla storia in uscita dal prossimo mese con disegni di Brindisi, quindi presumo che la fine vera e propria la vedremo a febbraio 2021. 755
  2. Una volta, credo quando ancora Mister No non aveva chiuso, qualcuno della SBE mi disse che ogni volta usciva una storia di Diso per la seruw guà in perdita era un vero bagno di sangue un rosso estremamente profondo. Sergio non era il tipoda lasciare un disegnatore senza lavoro e così lo mise a lavorare su Tex dove le sue tariffe erano assorbite senza problemi. Per quanto riguarda la serie regolare, all'inizio era previsto dovesse fare anche quella. Una volta, mi pare su Fumetti d'(Italia, vidi un paio di tavole che si dicevano appartenere ad una storia in tre albi in cui l'antagonista doveva essere il Colonnello Drake (non l'inventore del moderno metodo di estrazione del petrolio ma il militare ottuso de "Le colline dei Sioux" ) a capo di un reparto speciale simil Legione Straniera. Quella storia non uscì ma due o tre anni dopo, sul Maxi uscì "Fort Sahara" che aveva un concetto di base simile ma il cattivo non era Drake. Un giorno o l'altro dovrò chiedere a Nizzi cosa sia realmente successo. Sospetto che l'idea di modificareil cattivo sia essenzialmente sua e quella di spostare la storia sul Maxi di Sergio.
  3. Pare che ti sia sfuggito che è morto, divorato da un coccodrillo.
  4. Li fa ma ultimamente ospitano solo Ricciardi. Non mi risulta.
  5. Credo più alla prima. Tieni presente che la storia successiva sarà o di 153, se si conclude ad ottobre o 263 se si concluderà a novembre e queste cose sono state programmate insieme.
  6. Gli errori di battitura capitano anche ai migliori... figuriamoci a me.
  7. Onestamente mi ero posto problema se utilizzare anche lui ma era davvero troppo stupido per essere il cattivo principale e per altri ruoliimportanti e così non l'ho nominato nel soggetto. Nemmeno io ao se Boselli gli ritagliato una parte nella sceneggiatura.
  8. Che era basato su un film del 1935 "Tutta la città ne parla" diretto da John Ford con <Edward H. Robinson nel doppio ruolo del timido impiegato di banca e del feroce gangster.
  9. Quindi dovrebbe terminare nell' albo di novembre senza occuparlo tutto... Quel che pensavo e penso anche io... Non ci siamo capiti: io penso proprio che terminerà con la fine dell'albo di ottobre: 153 pagine in tutto. Forse intendevi Ruju&Ramella..? No, intendevo proprio Ruju e Zuccheri. La storia di Biglia è di 390 pagine, quella della Zuccheri è di 160 e messe insieme fanno 550 pagine, ovvero 5 albi tondi. Tu sai qualcosa sulla storia di Ramella che io non so?
  10. Credo anch'io e per due motivi. Il primo è che per come è strutturata la vicenda mi sembra improbabile che possa occupare un altro albo ma non si sa mai. Il secondo è che mi è stato detto che la storia di Manuela Montoya dovrebbe cominciare ad aprile o giugno e a novembre cominciasse la storia di Ruju &Biglia seguita da quella di Ruju &Zuccheri arriveremmo precisi a marzo. Se ci saranno quelle storie... se...
  11. Se restano a sud del confine ma se non lo facessero?
  12. Possibile SPOILER Forse l'aggancio con il Maxi di ottobre a cui accennava Boselli a Lucca è dato proprio dalla fuga del piccolo gruppo di Nehtade. Che siano proprio loro gli avversari dei nostri nel suddetto Maxi?
  13. D quello si colloca prima... dovrebbe leggere dal n. 6 Dal n. 4 e precisamente dalla storia "La banda del Rosso" Nella cronologia elaborata da Boselli quella in cui si trova invischiato Tex nei n. 3 e 4 della serie classica è la cosiddetta Guerra della Riforma, che fu un conflitto civile che vide contrapposti i riformisti di Benito Juarezai conservatori che avevano fatto un colpo di stato per estrometterlo dalla Presidenza. La guerra finì nel gennaio 1861 con la vittoria di Juarez. Tex torna negli Stati Uniti con ogni accusa a suo carico per l'affare Mefisto ormai chiarita. In Texas, in storie ancora da narrare che vedremo probabilmente tra quattro o cinque anni su Tex Willer, rivede gli amici Damned Dick e Rod Vergil e decide di unirsi a loro. Il resto dovrebbe essere noto. Alla fine della guerra Tex si separa da Damned Dick si ritrova coinvolto con il Rosso, il Giudice Bess ed il Sindacato dell'oppio. Reincontra Marshall e Carson e rientra nei Rangers. Kit, quindi, non nasce in piena guerra civile ma almeno un anno dopo la su fine.
  14. Sono in via d'estinzione ma non ancora completamente estinte.Io ne conosco personalmente un paio. Confermo tutto. Testimonianza diretta di prima mano. Tra l'altro in quel periodo che arriva sino agli anni 80 l'offerta di fumetti era veramente tanta e molto variegata sia per tematiche che per formati. C'era k'imbarazzo della scelta. Fino agli Settanta La Bonelli con le sue varie denominazioni era sostanzialmente un editore minore per quanto in crescita costante. Senza considerare la Mondadori con Topolino, il vero gigante era la Dardo che con Miki, Blek e le varie collane di fumetti guerra importati dal Regno Unito (e paradossalmente disegnati perlopiù da italiani) vendeva almeno il triplo di Tex per tutti gli anni 50 e 60. Io ho sentito spesso parlare di guerra delle edicole vinta dalla SBE. Nulla di più sbagliato. Bonelli non è stato un vincitore ma casomai un sopravvissuto. Oggi la soglia fisiologica di calo di vendite annue è del 2% circa che è un nulla se si pensa che in altri settori dell'editoria il calo supera abbondantemente il 10% se non il 30 addirittura tra i quotidiani Se è vero che la serie classica viaggia intorno alle 180.000 copie e le altre sulle 60/70.000, direi che la tua analisi è corretta.
  15. Nessuno lo è, se è per quello. Comosco personalmente qualcuno che legge Tex ininterrottamente dal 30 settembre 1948 (ti dice niente questa data?) ed è letteralmente entusiasta di questa serie che ricostruisce atmosfere e ritmi del passato, quindi ho almeno una smentita al tuo assunto. Se ci fossero
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.