Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Carlo Monni

Collaboratori
  • Content Count

    4,636
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    43

Carlo Monni last won the day on July 1

Carlo Monni had the most liked content!

Community Reputation

207 Incredible

7 Followers

About Carlo Monni

  • Rank
    Utente emerito del TWF
  • Birthday 05/28/1958

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    Fumetti, storia

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    26
  • Favorite Pard
    Kit Willer
  • Favorite character
    Pat Max Ryan

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Chi l'avrebbe mai detto che mi sarei trovato a difendere una storia di Nizzi e per giunta da Valerio? Eppure è così , ma andiamo con ordine: Sbagliato, quello che è fondamentale è l'intreccio, ciò che l'autore vuole narrare. Questa non è la storia di Tex contro gli Yaqui che sono solo il pretesto per radunare tutti i personaggi nel trading post e narrare il loro comportamento davanti ad una crisi che rivela il meglio ed il peggio di tutti loro con Tex a dire l'ultima parola. Se posso trovare un difetto alla storia è che i personaggi rispecchiano forse troppo i classici stereotipi di questo tipo di narrazione ed è abbastanza facile per il lettore smaliziato prevedere i vari snodi della vicenda... a parte l'ultimo colpo di scena almeno per me assolutamente inaspettato. Dissento. La sola similitudine con "I diavoli rossi " è che è una storia di assedio . Per il resto, i personaggi sono diversi, le loro azioni sono diverse, l'intreccio è diverso. Quanto all'originalità, mi basta vedere come finisce. Non secondo il mio, invece. Era un remake non dichiarato di "Ombre rosse" con alcuni elementi di originalità e scritto dannatamente molto bene. Noioso è l'ultimo termine che potrebbe venirmi in mente, anzi: direi l'opposto.
  2. E sbaglieresti. Sergio Bonelli aveva una vera e propria idiosincrasia nei confronti delle sceneggiature, non riusciva/non voleva leggerle. Approvava i soggetti ma la storia la leggeva integralmente solo quando era stata ormai disegnata integralmente. Questa non è un''ipotesi ma un fatto confermatomi dallo stesso Sergio.
  3. Ancora non confondere le date di pubblicazione con i tempi di realizzazione. Prima di dovers fermare per l'operazione agli occhi , Fusco realizzava in media 25/30 tavole all'anno In seguito scese a 15. Mi ricordo che se ne lamentava e che Civitelli gli rispose che quelli che facevano 15 pagine al mese erano consideri veloci adesso.. A conti fatti,, con quella media per realizzare quell'albo ci mise circa sette mesi e ci staremo coitempi. Tieni presente che sono passati 14 anni e forse non ricordo bene le date. L'unica cosa di cui sono certo è che nel luglio 2006 c'era questa storia la cui sceneggiatura era completata , che era stata pensata per Fusco e che lui aveva respinto per i noti motivi. In effetti, rivedendo un po' i tempi , appare logico ritenere che "Moctezuma" fosse stata scritta prima. Magari Fusco l'aveva igià iniziata e la famosa sceneggiatura poteva semplicemente essere ferma in attesa che Ortiz si liberasse.
  4. Ne sei sicuro ? Abbastanza. All'inizio dell'estate Nizzi 2006 mollò improvvisamente tutto lasciandosi alle spalle un paio di soggetti di cui uno mai più rpreso, almeno una sceneggiatura completa, due da completare tra cui quella de "Lo squadrone infernale" (l'altra, sinceramente non la ricordo ) nonché lasciando a piedi, diciamo così, due disegnatori, Civitelli e Gomez, per i quali fu chiamato in soccorso Manfredi. A ottobre Nizzi ci ripensò ma ormai il rapporto anche personale con Bonelli si era e rotto ed alla mollò definitivamente un paio d'anni dopo . La sceneggiatura completa era, appunto, "Oltre il fiume " e Nizzi l'aveva scritta proprio per Fusco e fu tenuta ferma per oltre un anno in attesa che lui tornasse in attività dopo la sua operazione agli occhi. Quando ciò avvenhe, però, Fusco, lo ripeto, non la volle chiedendo una storia più breve . A quel punto Nizzi, che era tornato scrisse "Moctezuma", il resto lo sai. Tutto questo l'ho ricostruito parlando all'epoca e successivamente con i diretti interessati. Per la cronaca, forse c'era anche una seconda scenefgiatura già completa ovvero "Attacco alla diligenza" che avrebbe dovuto essere disegnata da Mario Milano ma lui se la tenne ferma per più di un anno senza disegnare una sola tavola ed allea fine Sergio Bonelli, spazientito,si fece restituire la sceneggiatura e l'affidò a Rossano Rossi. E ti ho già spiegato perché. Nizzi non ha mai avuto voce in capitolo. Lui voleva darla a Fusco e poiché quest'ultimo non poteva disegnarla fu tenuta ferma proprio in attesa del suo ritorno che avvenne poco dopo l'estate ma lui, come ho, detto la rifiutò. Disegnò "Moctezuma", più o meno in sei mesi terminando tra febbraio e marzo 2007. Fosse stata la prima volta .E non coonfondere i tempi di realizzazione con il quelli di pubblicazione. Rifletti su una cosa: dal 1998 in avanti Ortiz si è visto pubblicare almeno un albo od equivalente ogni anno. Guarda caso è assente dalla serie regolare per due anni di fila, 2008 e 2009., un'assenza di ben 25 mesi. In quel periodo di suo è uscito solo il Maxi 2009. Faccio fatica a credere che uno come Ortiz ci abbia messo 30 mesi a disegnarlo. Non hanno aspettato due anni pet affidare la storia a Ortiz ad Ortiz,, forse hanno aspettato un anno a pubblicarla.
  5. Ed è meglio per loro se continuano così .
  6. Devo deluderti. Quando la storia fu assegnata a Ortiz era già praticamente completata. Fusco si prese un periodo di congedo dopo aver terminato "Athabaska Lake" per sottoporsi ad una operazione agli occhi e relativa convalescenza. Al suo ritorno al lavoro respinse al mittente la sceneggiatura annunciando all'editore che da li in avanti avrebbe accettato solo storie di un albo al massimo. Se l'avesse disegnata Fusco sarebbe stata più gradevole sul piano grafico ma solo in quello..
  7. Basta semplicemente leggere "Oltre il fiume".
  8. Aspetta,certe storie di Faraci hanno magari il difetto di soggetti deboli ma con sceneggiature solide. Le storie di Nizzi del periodo post 500 avevano il difetto opposto: partivano spesso da soggetti potenzialmente interessanti che venivano puntualmente rovinati da una sceneggiatura che definire pessima è farle un complimento. Il punto più basso è stato "Oltre il fiume". Quantoa "I fratelli Donegan", diciamo che se fosse stata volutamente scritta comu una storia umoristica poteva essere una discreta storia di Lucky Luke.
  9. Possono essere stati diversi (ma fino ad un certo punto) fisicamente ma il tipo di personaggi interpretati da Wayne ha molto in comune con Tex, mi sembra evidente.Si parla sempre del fatto che Galep si è ispirato a Gary Cooper per le fattezze di Tex, ma del fatto che Ringo Kid ja sicuramente ispirato G.L. Bonelli vogliamo parlare? Non qui perché sarebbe OT.
  10. Per chi non lo sapesse o non se lo ricordasse, Manfredi ha dichiarato che per i battibecchi tra Tex ed Emma si è basato su quelli tra John Wayne e Maureen O'Hara nei film in cui hanno recitato insieme.
  11. Si tratta di un errore che fanno in molti, tranquillo... il che non lo fa cessare di essere un errore ovviamente. Che sia colpa delle barbe? Va detto anche che mormoni e quaccheri non potrebbero essere più diversi tra loro per teologia, organizzazione ecclesiaatica e stile di vita. I quaccheri rofiutano la violenza fino all'estremo; i mormoni vi hanno fatto ricorso spesso e volentieri. I quaccheri sono tolleranti e di mentalità tendenzialmente liberale/progressista; i mormoni sono rigidi, intransigenti e tendenzialmente conservatori. Mi fermo qui.
  12. Quaccheri non Mormono. Sono due cose molto ma molto differenti-
  13. Per la maggior parte non vuol dire tutti. Quindi resto speranzoso che da almeno uno si possa ricavare qualcosa.
  14. Questo termine è corretto fino ad oggi ma dal prossimo futuro non lo sarà più.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.