Jump to content
TWF MAGAZINE N°19 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum

paco ordonez

Ranchero
  • Content Count

    4,819
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    8

paco ordonez last won the day on May 6

paco ordonez had the most liked content!

Community Reputation

94 Excellent

2 Followers

About paco ordonez

  • Rank
    Utente emerito del TWF
  • Birthday 11/02/1987

Profile Information

  • Gender
    Maschile

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    700
  • Favorite Pard
    Tex
  • Favorite character
    tiger

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. paco ordonez

    [701/702] La regina dei vampiri

    Dopo mesi sono riuscito a leggere una storia completa degli ultimi inediti, e - forse anche per la lunga astinenza - sono rimasto soddisfatto di questa "Regina dei vampiri". Certo, non siamo di fronte a un capolavoro, e probabilmente nel secondo albo la strega resta troppo in secondo piano. Tuttavia non ho sentito affatto il bisogno di spiegazioni sulla figura di Etzli: è una strega che comanda pipistrelli-vampiri, mi basta sapere questo; e d'altronde l'aver mantenuto il mistero su questa figura, appartenente al mondo del soprannaturale, non solo le da un fascino maggiore, ma evita anche spiegazioni troppo spinte verso il magico che magari sarebbero parse improbabili. Il “non detto” mi è parso cosa buona, insomma. L’elemento in cui la storia di Manfredi è davvero bella, a mio avviso, è l’utilizzo dei quattro pards. Dopo aver letto questi due albi trovo ancor più bislacchi i motivi per cui questo sceneggiatore preferiva scrivere solo storie con Tex e Carson, o la sua idiosincrasia nei confronti di Kit Willer, dato che è riuscito a mettere in risalto ogni membro del quartetto, esaltandone le personalità e le doti individuali. Tiger, ad esempio, l’elemento più freddo e in un certo senso letale del quartetto, è stato tratteggiato da Manfredi alla perfezione. Certo, non so se Manfredi si sia ripreso dalle sue due ultime storie sulla regolare, per me tra le cose più mediocri del Tex degli ultimi anni (non ho letto il Maxi con la sua storia), ma questa storia mi ha un po’ riconciliato con lo sceneggiatore: e onestamente, anche la sventagliata di piombo ignorantissima con cui i pards mettono fine all’esistenza della potentissima strega, mi ha divertito molto. Il capitolo disegni, insieme alla gestione manfrediana dei pards, rappresenta il punto certamente più alto di questi albi: Bocci è davvero un grande disegnatore, un cesellatore di forme che allo stesso tempo sa rendere benissimo il dinamismo di cui una storia di Tex si compone – basta rivedere le scene spettacolari con gli attacchi dei pipistrelli. Ammetto che nei confronti di Bocci, dopo aver letto la sua prova sul color, era un tantino freddo, ma questa prova mi ha del tutto convinto (magari col tempo migliorerà nella resa dei cappelli, che non sempre mi convincono): in particolare la sua rappresentazione di Tiger mi sembra davvero azzeccata.
  2. paco ordonez

    [703/704] La seconda vita di Bowen

    La copertina è bellissima! Inoltre Bowen è forse l'unico dei personaggi creati da Faraci a essere interessante, quindi sono molto curioso di questo suo ritorno - a maggior ragione perché un personaggio tanto tormentato nelle mani di Ruju ci sta a pennello. Mi spiace molto, invece, che questa sia l'ultima storia texiana di Acciarino.
  3. paco ordonez

    [Romanzi A Fumetti 09] L'uomo dalle pistole d'oro

    La cosiddetta "aberrazione cromatica" (che io comunque non considero tale) è dovuta, probabilmente, al fatto che la scena si svolge nel passato, come si evince facilmente dalla didascalia.
  4. paco ordonez

    [Romanzi A Fumetti 09] L'uomo dalle pistole d'oro

    Tavole superbe, e interpretazione di Tex e Carson giustamente personale, dato che parliamo dei cartonati (e comunque Tex non mi sembra affatto così strano). Promosso in pieno. (anche se non lo comprerò, avendo chiuso con quasi tutti gli speciali ).
  5. paco ordonez

    ④ La storia più bella della fascia 600 - 699

    Jethro Cuore Apache L'ombra del Maestro
  6. paco ordonez

    [Magazine 2019] Raccolto insanguinato - Yukon Race

    Ciao Alessandro, notavo la somiglianza stilistica per deformazione professionale, non per un giudizio in qualche modo svalutativo Aspetto di vederti sulla regolare per leggere le tue tavole (non compro i magazine, di solito).
  7. paco ordonez

    [Magazine 2019] Raccolto insanguinato - Yukon Race

    Domanda: Poli è allievo di Andrea Venturi? Lo stile è evidentemente è evidentemente modellato su quello di Venturi.
  8. paco ordonez

    Il Mercato Di Tex

    A scanso di equivoci, ripeto che anche per me la critica è una pippa mentale senza senso. Se, leggendo un fumetto (ma anche un saggio, o un romanzo), perdi il tuo tempo ad attaccarti a idiozie del genere, vuol dire che hai dei problemi. Peraltro, mi pare che negli ultimi anni critiche del tutto pretestuoso alle storie, o all'impostazione del personaggio, siano abbondate: niente di sorprendente, insomma.
  9. paco ordonez

    Il Mercato Di Tex

    Premesso che le pippe mentali di quel tizio valgono quel che valgono, ma, se non sbaglio, le vignette sono tratte da "La miniera del terrore", di Nizzi
  10. paco ordonez

    [Magazine 70 anni] Il segreto di Lilith - Dinamite

    Sono riuscito a leggere solo la storia di Dinamite, e che dire... bellissima! Senza dubbio una delle più emozionanti degli ultimi anni, e anche tra le più sorprendenti: non mi sarei mai aspettato di assistere alla morte di Dinamite! Credo sia la prima volta che un comprimario storico della saga - anche se Dinamite appartiene comunque al passato del personaggio - viene fatto morire. Il tutto, poi, al termine di una scena spettacolare, dove davvero mi è sembrato di vedere una coppia di autori affiatati e in uno stato di grazia evidente, con cui mi complimento. Senza dubbio, tra le storie brevi degli ultimi anni che ho letto, questa è l'unica può aspirare al rango di capolavoro, o comunque di pietra miliare della saga.
  11. paco ordonez

    [695] L'ultima vendetta

    Senza dubbio uno dei migliori albi celebrativi della storia di Tex, con un Ticci in ottima forma aiutato da una colorazione leggermente migliore (tuttavia niente affatto memorabile) degli altri albi celebrativi, e un Boselli che realizza una storia di amicizia molto bella in cui riesce a delineare la personalità complessa di un nuovo comprimario (e in questo, si sa, è maestro) senza togliere centralità al Ranger. Credo peraltro che Boselli sia stato molto bravo a muoversi sui due fronti del Tex giovane, più avventato e sanguigno, e il Tex della maturità che conosciamo - e, detto per inciso, il modo in cui Tex tratta l'agente indiano e il ranchero è puro, autentico Tex: peraltro vederlo scazzottare prepotenti, corrotti e delinquenti dovrebbe essere uno dei motivi del successo settantennale del personaggio (tanto che in passato ci si lamentava spesso che scazzottasse sempre meno). Mi è anche piaciuto il modo in cui è stato valorizzato Kit, specie dopo la non proprio bella figura rimediata nelle poche pagine in cui è apparso nella - bellissima - storia del ritorno di Proteus. Insomma, un ottimo albo celebrativo, complimenti agli autori.
  12. paco ordonez

    [Color Tex N. 13] Piombo e oro

    Dopo diversi mesi sono riuscito finalmente a leggere una storia di Tex, e devo dire che sono stato davvero contento di aver ripreso con questa: certo, non è un capolavoro, non è una storia epocale, ma chi se ne frega? Qui ho ritrovato Tex: il castigamatti, lo scazzottatore, quello che riporta la giustizia a suon di piombo e sganassoni. Mi sembra che Ruju sia sempre più a suo agio col personaggio, anche dal punto di vista dei dialoghi, e che ormai sappia andare oltre le sue storie più tipiche con personaggi complessi e tormentati. Insomma, mi pare che lo sceneggiatore sappia proporre anche storie più semplici, o "classiche" che dir si voglia. Per quanto riguarda i disegni: ammetto che Scascitelli lo ricordavo più consono ai miei gusti, e sicuramente un tratto raffinato come il suo viene ammazzato dalla colorazione. A questo si aggiunge che il suo stile non è certo tra i più dinamici: anzi, alcune volte la staticità dei suoi personaggi disturba, specie nelle scene d'azione. Aggiungo poi che in diverse pagine la qualità della stampa non era ottimale, tanto che i disegni (e un paio di volte anche il lettering) apparivano spesso sfocati. Esco comunque dalla lettura soddisfatto, avendo ritrovato un vecchio amico.
  13. paco ordonez

    [696/699] L'ombra del Maestro

    Copertina bellissima, storia che si prospetta esaltante, disegni ottimi di uno dei migliori disegnatori attuali. Sulle figurine non commento nemmeno, tanto è ormai chiaro da tempo che la Bonelli attuale, così dedita alle paccottiglie, non è più quella di Sergio Bonelli.
  14. paco ordonez

    [Romanzi A Fumetti 08] Cinnamon Wells

    Solo a me Alberti sembra un po' più sintetico e "schizzato" rispetto alla sua prima prova? La cosa mi sembra evidente - almeno in queste poche pagine - soprattutto nella resa di Tex.
  15. paco ordonez

    Che cosa può offrire Tex ai giovani?

    A me questi signori Nessuno che devono insegnare le strategie di marketing o di vendita alla Bonelli, e nella fattispecie a Boselli, fanno ridere. Pensiamo a parlare di quello che ci compete: i nostri pareri di lettori sulle storie e sui disegni, e lasciamo questioni lavorative a chi ne ha le competenze. Ah, il digitale esiste già per Tex - come mi sembra stia cercando di dire Bonelli - ed è quello pirata, gratis (ripeto: GRATIS), ovviamente infruttifero per la Bonelli. E non serve essere geni di internet per capirlo (io non lo sono): basta andare su you tube.
×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.