Jump to content
TWF MAGAZINE N°19 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum

paco ordonez

Ranchero
  • Content Count

    4,826
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    10

paco ordonez last won the day on September 24

paco ordonez had the most liked content!

Community Reputation

98 Excellent

2 Followers

About paco ordonez

  • Rank
    Utente emerito del TWF
  • Birthday 11/02/1987

Profile Information

  • Gender
    Maschile

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    700
  • Favorite Pard
    Tex
  • Favorite character
    tiger

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. paco ordonez

    [703/704] La seconda vita di Bowen

    Direi che la conferma di Boselli chiude la questione. Ripeto comunque che per me il fatto che Ruju sia stato "costretto" a tornare su Bowen è stata una gran cosa, alla luce della bella storia che ha confezionato. Al di là del finale "sbagliato", si deve pure dare atto a Faraci di aver creato un gran bel personaggio, per me senza dubbio il migliore tra i vari "pard occasionali" inseriti largamente nelle sue storie.
  2. paco ordonez

    [703/704] La seconda vita di Bowen

    Solo un appunto: a me sembra chiaro che Faraci, con un po' di superficialità, non si è proprio posto il problema del "se lui dovesse scoprire la verità cosa succede"? Ha semplicemente sorvolato su quel punto (essenziale!), imponendo questa storia riparatoria di Ruju, fortunatamente molto bella.
  3. paco ordonez

    [703/704] La seconda vita di Bowen

    La prima considerazione è che un personaggio come Bowen, tormentato e contraddittorio, non poteva che avere in Ruju il suo miglior narratore. La seconda è che la condanna a morte di Bowen l'ha decretata (involontariamente?) Faraci: nel senso che questa storia pare nata per correggere una stortura faraciana, l'omicidio a sangue freddo del padre di Tim. Una cosa del genere, imperdonabile, ha reso difficilmente accettabile la conversione a "buono" e ad "amico di Tex" di questo personaggio, a maggior ragione (e questa, a ben pensarci, è una incongruenza narrativa grossa) se lo si è voluto far diventare una sorta di "padre adottivo" di Tim. E Tim è stato testimone dell'omicidio! Insomma, bisognava correggere un po' di errori di Faraci: e la correzione più grossa non poteva che essere la morte (eroica o non eroica, conta poco sotto questo punto di vista) di Bowen. Quindi storia scontata? Forse in parte, ma fortunatamente a scriverla è stato un autore in piena ispirazione come Ruju, che costruisce un dramma avvincente e nel finale quasi commovente; un dramma in cui - molto più che nella precedente storia di Faraci - Tex e Carson sono ben presenti e attivi. Si conferma insomma il fatto che Ruju sa scrivere grandi storie con personaggi complessi, senza mai far venir meno il ruolo di Tex. Il seguito, quindi, è stato molto più bello e avvincente della prima storia. Peccato per i disegni. A mio avviso nella storia di Faraci Acciarino aveva raggiunto una sintesi stilistica bellissima, e una caratterizzazione di Tex e Carson ottima (specie nel secondo albo). Qui invece mi è sembrato di vedere un autore svogliato, sempre più stanco ad ogni pagina, con uno stile involuto lontanissimo da quanto visto in precedenza: certe vignette parevano solo poco più che sbozzate e concluse, per spicciarsi, con una inchiostratura grossa e senza nessuna ricerca del dettaglio. Con Acciarino, insomma, mi è sembrata ripetersi l'involuzione vista con Leomacs, nella storia di Manfredi lontano parente del grande disegnatore visto nell'esordio con Boselli. Un vero peccato, perché Acciarino mi sembrava uno dei più promettenti tra i nuovi disegnatori. Ma francamente, del disegnatore di questa doppia di Ruju faccio volentieri a meno.
  4. paco ordonez

    [Color Tex N. 15] Un capestro per Kit Willer

    Personalmente non ho nessun pregiudizio verso nessuno, men che meno verso Nizzi, di cui ho sempre riconosciuto i grandi meriti passati. E, conoscendolo bene, non mi aspetto né voglio che scimmiotti Boselli, cosa che non avrebbe nessun senso! Non mi importa nemmeno delle sperimentazioni: quel che voglio, semplicemente, sono storie solide e che non siano "taglia e cuci" di cose già viste e riviste. Non credo di star chiedendo la luna.
  5. paco ordonez

    [Color Tex N. 15] Un capestro per Kit Willer

    Detta in maniera franca: provo una grande invidia per chi, leggendo questa storia, non è stato assalito dalla noia. Tutto già visto e rivisto, tutto scontato, non un guizzo o un sussulto. Il Kit imprigionato ingiustamente dopo una rissa è preso sputato dal Texone di Milazzo, la quasi impiccagione dalla storia di Boselli e Font di qualche anno fa, il monotono ripetersi di noiosi BANG BANG ZIP ZIP è nello stile del Faraci più inadeguato. Se poi andiamo nello specifico, ci sono punti della storia che non stanno in piedi: perché Tex è così smanioso di far affrontare il processo a Kit? Da cosa gli deriva la sicurezza di vincerlo, in una città dominata dal padre dell'ucciso? E perché il padre dell'ucciso non ha fatto niente - lui, il padrone della città! - per pilotare il processo? Non poteva pagare i testimoni, o minacciarli? Insomma, un tripudio di idiozie e scelte incomprensibili. Se il Nizzi che torna su Tex in pianta stabile è questo, è meglio lasciar perdere, e conservare il ricordo del Nizzi glorioso di tanti anni fa. Sui disegni stendo un velo pietoso: una inaccettabile caricatura di Ticci (copiato e ricopiato in decine e decine di vignette) e uno dei punti più bassi raggiunto nella storia grafica di Tex.
  6. paco ordonez

    [705/707] La maschera di Cera

    Dopo un numero 700 a mio avviso un po’ sottotono, Boselli torna con una grande storia, un intrico appassionante di misteri, omicidi, trappole micidiali e un gran nemico a reggere i fili. Questa “Figlia di Satania” si inserisce quindi, e in grande stile, in quel filone delle sette segrete che in passato ha dato tanta gloria a questo fumetto: anche senza la ciliegina sulla torta dell’identità del cattivo, questa sarebbe comunque rimasta una storia memorabile. A proposito dell’identità del capo della banda, Boselli è stato davvero bravo nel tenerlo nascosto fino alla fine, scrivendo da vero giallista; e si noti la finezza che l’unico ad avere sospetti e ad aver intuito la verità – fin dal secondo albo – è Tex: a rimarcare la “marcia in più” che, rispetto agli altri comprimari, Tex deve avere. A tal proposito, ho creduto fino alla fine al doppio gioco dello sceriffo, perché mi sembrava fin troppo sempliciotto per esserlo davvero: e invece sempliciotto lo era sul serio, un normale sceriffo abituato ad acchiappare comuni fuorilegge e inadeguato di fronte a una setta del genere (per cui, nella caratterizzazione di questo personaggio, Boselli è stato davvero bravo). Benevento, dopo la storia del color, fa un ottimo esordio, riuscendo magistralmente a muoversi tra le atmosfere e le ambientazioni diverse proposte nella storia; il suo Tex mi sembra discendere da quello di Villa, con qualche aggiunta (nel fisico imponente) di Fusco, mentre a livello puramente stilistico in qualche punto mi ha ricordato Brindisi. Comunque un grande acquisto, sperando che non si annoi e si mantenga a questi livelli (dico questo dopo aver constatato l’involuzione di Acciarino nel seguito della storia di Bowen). Complimenti a entrambi gli autori. ps. è stato già detto o Benevento per la figlia del dottore si è ispirato a Scarlett Johansonn?
  7. paco ordonez

    [701/702] La regina dei vampiri

    Dopo mesi sono riuscito a leggere una storia completa degli ultimi inediti, e - forse anche per la lunga astinenza - sono rimasto soddisfatto di questa "Regina dei vampiri". Certo, non siamo di fronte a un capolavoro, e probabilmente nel secondo albo la strega resta troppo in secondo piano. Tuttavia non ho sentito affatto il bisogno di spiegazioni sulla figura di Etzli: è una strega che comanda pipistrelli-vampiri, mi basta sapere questo; e d'altronde l'aver mantenuto il mistero su questa figura, appartenente al mondo del soprannaturale, non solo le da un fascino maggiore, ma evita anche spiegazioni troppo spinte verso il magico che magari sarebbero parse improbabili. Il “non detto” mi è parso cosa buona, insomma. L’elemento in cui la storia di Manfredi è davvero bella, a mio avviso, è l’utilizzo dei quattro pards. Dopo aver letto questi due albi trovo ancor più bislacchi i motivi per cui questo sceneggiatore preferiva scrivere solo storie con Tex e Carson, o la sua idiosincrasia nei confronti di Kit Willer, dato che è riuscito a mettere in risalto ogni membro del quartetto, esaltandone le personalità e le doti individuali. Tiger, ad esempio, l’elemento più freddo e in un certo senso letale del quartetto, è stato tratteggiato da Manfredi alla perfezione. Certo, non so se Manfredi si sia ripreso dalle sue due ultime storie sulla regolare, per me tra le cose più mediocri del Tex degli ultimi anni (non ho letto il Maxi con la sua storia), ma questa storia mi ha un po’ riconciliato con lo sceneggiatore: e onestamente, anche la sventagliata di piombo ignorantissima con cui i pards mettono fine all’esistenza della potentissima strega, mi ha divertito molto. Il capitolo disegni, insieme alla gestione manfrediana dei pards, rappresenta il punto certamente più alto di questi albi: Bocci è davvero un grande disegnatore, un cesellatore di forme che allo stesso tempo sa rendere benissimo il dinamismo di cui una storia di Tex si compone – basta rivedere le scene spettacolari con gli attacchi dei pipistrelli. Ammetto che nei confronti di Bocci, dopo aver letto la sua prova sul color, era un tantino freddo, ma questa prova mi ha del tutto convinto (magari col tempo migliorerà nella resa dei cappelli, che non sempre mi convincono): in particolare la sua rappresentazione di Tiger mi sembra davvero azzeccata.
  8. paco ordonez

    [703/704] La seconda vita di Bowen

    La copertina è bellissima! Inoltre Bowen è forse l'unico dei personaggi creati da Faraci a essere interessante, quindi sono molto curioso di questo suo ritorno - a maggior ragione perché un personaggio tanto tormentato nelle mani di Ruju ci sta a pennello. Mi spiace molto, invece, che questa sia l'ultima storia texiana di Acciarino.
  9. paco ordonez

    [Romanzi A Fumetti 09] L'uomo dalle pistole d'oro

    La cosiddetta "aberrazione cromatica" (che io comunque non considero tale) è dovuta, probabilmente, al fatto che la scena si svolge nel passato, come si evince facilmente dalla didascalia.
  10. paco ordonez

    [Romanzi A Fumetti 09] L'uomo dalle pistole d'oro

    Tavole superbe, e interpretazione di Tex e Carson giustamente personale, dato che parliamo dei cartonati (e comunque Tex non mi sembra affatto così strano). Promosso in pieno. (anche se non lo comprerò, avendo chiuso con quasi tutti gli speciali ).
  11. paco ordonez

    ④ La storia più bella della fascia 600 - 699

    Jethro Cuore Apache L'ombra del Maestro
  12. paco ordonez

    [Magazine 2019] Raccolto insanguinato - Yukon Race

    Ciao Alessandro, notavo la somiglianza stilistica per deformazione professionale, non per un giudizio in qualche modo svalutativo Aspetto di vederti sulla regolare per leggere le tue tavole (non compro i magazine, di solito).
  13. paco ordonez

    [Magazine 2019] Raccolto insanguinato - Yukon Race

    Domanda: Poli è allievo di Andrea Venturi? Lo stile è evidentemente è evidentemente modellato su quello di Venturi.
  14. paco ordonez

    Il Mercato Di Tex

    A scanso di equivoci, ripeto che anche per me la critica è una pippa mentale senza senso. Se, leggendo un fumetto (ma anche un saggio, o un romanzo), perdi il tuo tempo ad attaccarti a idiozie del genere, vuol dire che hai dei problemi. Peraltro, mi pare che negli ultimi anni critiche del tutto pretestuoso alle storie, o all'impostazione del personaggio, siano abbondate: niente di sorprendente, insomma.
  15. paco ordonez

    Il Mercato Di Tex

    Premesso che le pippe mentali di quel tizio valgono quel che valgono, ma, se non sbaglio, le vignette sono tratte da "La miniera del terrore", di Nizzi
×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.