Jump to content
TWF MAGAZINE N°19 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum

virgin

Sceriffi
  • Content Count

    1,425
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    6

virgin last won the day on March 29

virgin had the most liked content!

Community Reputation

49 Good

About virgin

  • Rank
    Rex sacrorum
  • Birthday 11/22/1991

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    124
  • Favorite Pard
    Tex
  • Favorite character
    Montales

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. virgin

    [Texone N. 35] Tex l'inesorabile

    Grazie, Diablero. Hai spiegato benissimo perché, negli anni, tutte le volte che ho incrociato i fumetti USA li ho chiusi assai poco convinto e con nessuna voglia di continuare a leggerli. E poi, diamine, sarà che ai tempi di TWO ero un pischello appena uscito dalla scuola media, ma non avevo mai avuto modo di saggiare il fatto che avessi una cultura fumettistica così ampia.
  2. virgin

    [710/711] L'assedio di Mezcali

    Questa mi sa che me la piglio. Così, de botto, senza senso.
  3. virgin

    [Texone N. 35] Tex l'inesorabile

    È un western classico, oppure ti ha ricordato Sergio Leone, scusa?
  4. virgin

    [Tex Willer N. 10 / 11 / 12 / 13] Pinkerton Lady

    Be', non male come scelte: permettono di istituire dei traducenti fissi per gli originali, trasponendone per quanto possibile le valenze in italiano. Mi dispiace solo per "negro" usato come traducente di "nigger", ma fra i vari sinonimi italiani è senza dubbio quello più vicino nell'uso e quindi è la scelta più sensata. Avrei un'ulteriore domanda per borden se non è abusare della sua pazienza dato che è un forte lettore inglese: più o meno, quando si è cominciato a usare il termine "nigger" con valenza offensiva? Io sono sempre stato convinto che originariamente non lo fosse: forse mi sbaglio?
  5. virgin

    [Tex Willer N. 10 / 11 / 12 / 13] Pinkerton Lady

    Conoscendo l'acribia filologica di Boselli, la spiegazione di pecos mi sembra forte probabile. Certo, c'è anche da dire che NEGRO oggidì non si può più pronunciare, con buona pace di tutti noi che ogniqualvolta diciamo o udiamo la parola NEGRO ridiamo da soli (io ad esempio uso abitualmente questo termine con i miei studenti, anche negri, e dopo che ho spiegato che chi usa la parola negro come insulto non insulta i negri, bensì sé stesso, tutti capiscono e non si fanno problemi. Ovviamente la SBE è un'azienda e, di questi tempi suscettibili, saggiamente si tutela). Che poi, accidenti, non suona benissimo? NEGRO. Una parola fragrante di Africa, di storia, mentre "nero" a me fa tornare in mente il batrace stivaluto. P.S.: mi rendo conto di averlo detto poche volte, perciò lo ripeto: NEGRO.
  6. virgin

    [493] La Morte Nera

    Ciò che dicevo; ma non in quella maniera, appunto. Il dialogo a me dà una certa impressione di ridicolo e la frase di Tex è di una goffaggine immane.
  7. virgin

    [493] La Morte Nera

    Certo, Tex è uomo di buon senso e sa guardare nel cuore degli uomini; ciò non toglie che la sua reazione nel caso a me paia troppo zuccherosa. L'avrei preferito un po' più duro, tutto qui.
  8. virgin

    [493] La Morte Nera

    Dopo averla nominata in topic, qualche settimana fa, sono andato a rileggermela: da bambino mi piacque e ne serbavo un buon ricordo. Purtroppo, a una rilettura in età matura poco si salva: bello il personaggio di Rosita, che tra l'altro riceve da Civitelli una caratterizzazione grafica abbastanza particolare, ma è un po' poco per salvare il tutto. Storia moscia e senza mordente, non mi ha lasciato nulla nonostante non ricordassi nemmeno l'identità dell'assassino; identità che si impiega anche poco a intuire, ma ciò non sarebbe neanche male, se la storia offrisse qualcosa all'infuori degli splendidi e sempre d'effetto disegni di Civitelli che rendono diverse scene impressionanti (la morte di Ala di corvo da bimbo mi impressionò parecchio). Un po' stonato anche Tex che all'inizio tira un cazzotto allo sceriffo e poi molto goffamente si scusa. Ma scherziamo? Non una grossa macchia, per carità; ma nel piattume generale si nota. Facendo una media fra sceneggiatura e disegni, direi che una sufficienza stiracchiata ci sta, ma la porta a casa tutta Civitelli.
  9. virgin

    [705/707] La maschera di Cera

    Però ha anche dei difetti, dai.
  10. virgin

    [540/541] Puerta Del Diablo

    Anche a me non era dispiaciuto affatto, come personaggio. Non molto approfondito, ma quello che c'è è affascinante, proprio per i motivi mirabilmente sintetizzati da Ely Parker.
  11. I pulsanti sono evidentemente i Polistil, gli Scalextric venivano azionati a indice, non a pollice. Io correvo con macchinine Scalextric e Ninco su una pista Polistil, con pulsanti Scalextric e Polistil... un bel pateracchio.
  12. Ah, le piste Polistil... ci sono cresciuto!
  13. virgin

    [Tex Willer N. 5 / 6 / 7 / 8 / 9] I due disertori

    No, erano trentadue strisce settimanali, id est dieci pagine e due terzi.
  14. virgin

    [Magazine 70 anni] Il segreto di Lilith - Dinamite

    E giustappunto Civitelli è l'autore del soggetto originale de "Il presagio". ;)
  15. virgin

    Miguel Angel Repetto

    Anche a me piaceva molto. Il suo tratto unico e classico rimarrà sempre nei più bei ricordi. Un grande caballero col quale è stato un piacere cavalcare nel West dell'immaginazione, al punto che sarebbe stato bello poterlo fare ancora. Sit tibi terra levis, Miguel Ángel.
×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.