Jump to content
TWF MAGAZINE N°18 è online! Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum

virgin

Sceriffi
  • Content Count

    1,401
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    6

virgin last won the day on March 29

virgin had the most liked content!

Community Reputation

46 Good

About virgin

  • Rank
    Rex sacrorum
  • Birthday 11/22/1991

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    124
  • Favorite Pard
    Tex
  • Favorite character
    Montales

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. virgin

    [696/699] L'ombra del Maestro

    Scusate, ragazzi, state parlando solo delle storie di Tex, non della letteratura in generale, vero? No, perché i racconti di Borges, tanto per fare un esempio, non hanno né avventura, né epica, né amicizia, né grandi sentimenti, né tradimento...
  2. virgin

    [Maxi Tex N. 24] Il cavallo di ferro

    Mi piace Cossu, mi piace Mignacco... chissà, potrei essere tentato di acquistarlo, anche perché i temi molto western delle storie mi affascinano abbastanza.
  3. Va bene, ragazzi, termine brutto o meno, ma io i messaggi in cui Letizia ancora oggi, ogni tanto, interviene nelle discussioni ad mentulam solo per parlare delle proprie fanfiction li trovo patetici; nulla da dire sugli altri messaggi. Lo scherzo era talmente innocuo che il primo utente qui intervenuto ha commentato dicendo: "che brutti colori", mostrando di aver creduto che fosse un'anteprima del volume a colori, come del resto intenzionalmente dichiarato da Letizia. Io ad esempio non ci sono cascato perché la colorazione era evidentemente non ufficiale e ormai quando vedo un messaggio di Letizia so già dove potenzialmente andrà a parare (proprio a causa dello shitposting sfrenato col quale esordì sul forum; non è certo un mio pregiudizio), ma non si può pretendere lo stesso da tutto. Poi che in questo caso il danno sia nullo, sono d'accordo. Ma si tratta comunque di qualcosa facilmente fraintendibile ed è nostro dovere vigilare sui contenuti pubblicati sul forum. Che sia uno scherzo mal riuscito... voglio sperarlo. Ma poiché Letizia non è nuova a questo genere di cose, giustamente si parte sempre con la guardia alzata.
  4. Su, Letizia, non fare la gnorri, ché qui nessuno è nato ieri.
  5. Va be', dai, tipico di Letizia: è sostanzialmente da quando è iscritta al forum che fa così, riferendosi alle sue fan-fiction come se fossero storie ufficiali e, ora, spacciando una sua colorazione per una "anteprima". Di solito è patetica, ma innocua; qui ha fatto qualcosa di scorretto che, come ha detto borden, potrebbe danneggiare la SBE.
  6. virgin

    Miglior Storia Di Guido Nolitta - Finale

    Io sono d'accordo.
  7. virgin

    [613/615] I Sabotatori

    Storia riletta con gusto giustappunto in questi giorni. Un esempio impeccabile su come essere innovativi senza smuovere di un solo passo la tradizione: Mondego è una figura ambigua, tipicamente boselliana; molto innovativa per i canoni texiani anche la caratterizzazione di Norton; ma protagonisti della vicenda sono un Tex e un Carson raramente così glbonelliani nelle storie di Boselli. Ci sono bellissimi scambi di battute, le bistecche, le patatine fritte, un Carson allo stesso tempo buffo e in gran spolvero. Forse un Tex eccessivamente legnoso, impressione accentuata dai disegni di Leomacs che lo mostra sempre ingrugnito. Ad ogni modo, caratterizzazioni ottime e storia ottima: ci sono ambientazioni belle, varie e realistiche, il mondo del West con tutto il suo profumo, la ferrovia e i drammi correlati, una trama appassionante e ben costruita. Questa storia è anche un manuale su come mostrare situazioni estreme in Tex: c'è un massacro di una famiglia innocente, una scena di seduzione; cose piuttosto forti per la serie, seppure in modo diversissimo tra loro, ma efficacemente svolte tramite delle elegantissime ellissi. Boselli ci ricorda che per raccontare scene efferate non c'è bisogno di mostrare una singola goccia di sangue e per infondere sensualità non c'è bisogno di mostrare un solo centimetro di pelle, nemmeno in controluce: un esempio eccellente e da seguire sempre. Disegni di Leomacs davvero molto, molto belli: ha un grande talento per il West. L'unica pecca che ritrovo è che sono poco omogenei, alternando pagine pulite ad altre dallo stile più sporco e graffiato, pur essendo entrambi gli stili di eccellente fattura. Anche il modello di Tex cambia molto: si passa da Villa a Ticci a interpretazioni un po' più personali, ma mai stabili. Non ricordo che voto abbia dato all'epoca e onestamente non mi interessa: è una bella storia di Tex? Sì; mi sono divertito a rileggerla? Parecchio; è una delle migliori storie del centinaio? Senza dubbio. L'importante è che la storia sia bellissima, al diavolo il resto.
  8. virgin

    La vostra sequenza preferita

    Qualsiasi sequenza in cui ci siano interrogatori a base di sganassoni e locali rasi al suolo in risse memorabili.
  9. Uhm, niente male, direi... https://www.youtube.com/watch?v=GDAuaStv2Kk
  10. Molto bene, allora quando li rileggerò ci farò caso. Grazie, borden. Oggi mi sono arrivati i referee del mio articolo e apporto gli ultimi ritocchi mentre ascolto il Best of di Amedeo Minghi, perciò mi sa che sarà per un alto giorno.
  11. Sicuro, borden? Nelle storie di GLB io mi ricordo i pards descritti come satanassi dai loro nemici e tratteggiati con ammirazione dagli amici, ma soprattutto in absentia. I complimenti rivolti di persona da e ai pards io li ho sempre visti come uno stilema tipicamente tuo (e non ci vedo niente di male, in ciò). Le prossime volte che rileggerò GLB ci farò attenzione, forse la memoria mi tradisce. Ad ogni modo, lo scopo dei due procedimento è, come dici tu, lo stesso: ribadire la loro aurea da eroi.
  12. Sicuro? Come scrivo in altri topic, a me di Tex piacciono soprattutto i cazzotti che si beccano i malcapitati. E dalle persone che conosco che leggono Tex, dai pensionati ai miei studenti, è così anche per loro. Non commettiamo l'errore di pensare che i lettori siano tutti sofisticati critici da forum: ci sono anche moltissime persone che vogliono soltanto un po' di evasione, la punizione del cattivo, sganassoni. Pensare che esistano solo i primi, o anche solo i secondi, è riduttivo. Sul fatto che Tex sia diventato una leggenda solo col tempo non sono d'accordo: molti dei lettori che conosco lo leggevano negli anni Sessanta-Settanta e già da ragazzi lo percepivano come un mito; che poi le sue origini da uomo comune anziché da predestinato lo rendessero più simile all'uomo medio è indubbio, ma ciò è da considerare non in contrasto con la sua fama, bensì in uno con essa.
  13. Ne "Il totem misterioso" è un fuorilegge, ma già famoso. Se poi secondo te ciò che fa Tex nelle altre due storie è "da cowboy e basta"... accidenti, che macchine da guerra erano questi cowboy!
  14. Ma infatti, giustissimo. Solo che Tex nemmeno all'inizio era un cowboy qualsiasi, ma nel numero 1 è già presentato come un fuorilegge giustiziere. E anche ne "Il passato di Tex" si manifesta subito come un giustiziere implacabile.
  15. Non rileggi da tempo Gianluigi Bonelli e si vede, Texan, se dici che con lui Tex era un cowboy qualsiasi... Poi sul fatto che il Tex di GLB sia anacronistico non sono affatto d'accordo: "Tex Willer" è una delle cose più glbonelliane uscite negli ultimi vent'anni, per non parlare del successo che accoglie puntualmente le varie ristampe (la Collezione storica a colori, per non parlare del Tex Classic. Il Tex di GLB e Bonelli sono diversi nel background (un uomo venuto dal nulla il primo, un predestinato il secondo) e in alcuni atteggiamenti, vero, ma tali differenze, se pure è meritorio analizzarle come hai ottimamente fatto nel primo messaggio, non vanno nemmeno esagerate. Altrimenti sembra che il Tex infallibile giustiziere sia un'invenzione di Boselli che tradisce l'anonimo cowboy bonelliano, ciò che non è affatto vero.
×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.