Jump to content
TWF MAGAZINE N°19 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
Pedro Galindez

[270/271] Bandoleros!

Voto alla storia  

21 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

etHhbLTFexHBV--.jpg

 

 

Soggetto e sceneggiatura : G. L. Bonelli
Disegni: Vincenzo Monti
Periodicità mensile: Aprile 1983 è Maggio 1983
Inizia nel numero 270 a pag. 94 e finisce nel numero 271 a pag. 82



Dalle parti del Rio Bravo, tre infami spacciatori di whisky, braccati dai pards dopo il loro ennesimo misfatto, vendono una partita di cavalli rubati e si recano al ranch del bieco bandolero don Mariano per offrirgli una bella fanciulla appena rapita. La hacienda, attaccata dai rangers e dagli Apaches, sarà la loro tomba!



© Sergio Bonelli Editore

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Wasted Years

Questa storia vale oro anche solo per i disegni di Vincenzo Monti. Che erano bellissimi, all'inizio specialmente, ma anche dopo, era un grande!
La trama è interessante, con molta azione ed una strana battaglia finale, con tre serie di antagonisti in lotta fra loro.
LA vendita della fanciulla e il viscido don Mariano aumentano i nostri sentimenti di rivalsa, ed è con vivo piacere che assistiamo alla battaglia finale, con l'ingresso delle giacche azzurre in Messico (?).
Se ripenso alle volte che le giacche azzurre si attestavano Sul Rio Bravo per evitare incidenti, mi domando che ci facevano stavolta l'.
Forse a caccia di Tacos e Tortillasè
Incongruenza anche questa?

Aggiunta al post iniziale anche la copertina del 270.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non avevo aggiunto la copertina del numero 270, perchè mi pareva si riferisse più che altro alla storia precedente.... comunque grazie, Wasted :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa storia, con le sue 90 pagine di estensione, è la più breve del terzo centinaio di "Tex". Nondimeno GLB, sebbene abbia dovuto dedicare un certo numero di pagine al prologo della vicenda ( comunque perfettamente funzionale, dato che mostra la brutale ferocia dei tre bandoleros braccati dai pards ) e all'inseguimento da parte dei pards, ha cercato di riempirla il più possibile di azione ( come mostra la battaglia finale, di cui Wasted sottolinea giustamente il carattere sovrabbondante e anomalo

, dato che don Mariano e i suoi bandoleros vengono attaccati dai rangers e dagli Apache, a loro volta messi in fuga dalla cavalleria, che non si fa nessuno scrupolo a passare il confine messicano; è inoltre un po' strano che Tex e Carson sparino pure sugli indiani, visto che potrebbero semplicemente cercare di tenersi al coperto ( gli indiani, del resto, non riescono ad individuarli nemmeno quando si beccano le loro fucilate ) e che ( malgrado Carson prospetti pure questa possibilità ) pare difficile che essi possano essere amici di un cacciatore di scalpi
). Lo schieramento dei pards non è quello consueto, dato che manca Kit Willer, al quale, curiosamente, non viene fatto alcun riferimento; comunque, Tex, Carson e Tiger si fanno sempre trovare pronti all'azione e non incontrano nessuna seria difficolt?. I disegni di Monti, alla sua seconda prova in assoluto ( che è anche la prima totalmente autonoma, visto che la sua prima storia era stata terminata da Ticci ) sono di livello molto buono e mostrano già la sua peculiare personalit? grafica, pur rendendo diversi evidenti omaggi al modello ticciano: in particolare, il perfido don Mariano è identico al subdolo alcade di Santa Rita comparso in "Segnali di fumo". In sintesi, a mio parere:soggetto 7sceneggiatura 7 -disegni 8,5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sono accorto di aver commesso una imprecisione: la storia è la più breve scritta da GLB nel terzo centinaio, non la più breve in assoluto del centinaio stesso ( la nizziana "Gli avvoltoi", curiosamente disegnata anch'essa da Monti, conta dieci pagine in meno ).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rileggendo questa storia oggi, nella ristampa a colori di Repubblica ho notato che non solo non viene fatto alcun riferimento a Kit Willer, ma implicitamente la sua appartenenza al gruppo dei pards ( o perfino la sua esistenza ) viene negata. Verso la fine dell'avventura, infatti, uno dei due mercanti di whisky, Ted Patton, dice di aver riconosciuto coloro che li stanno fronteggiando e ne parla in questi termini: "Tex Willer e Kit Carson, due balordi che un tempo stavano coi rangers ma che ora se ne vanno abitualmente a spasso per mezza America con un loro amico indiano in cerca di guai da riparare"E Piccolo Falco che fine ha fatto?Curiosamente, Kit Willer non si era n° visto n° sentito anche nell'avventura dei nn. 188 - 189, che vedeva anch'essa Tex e i suoi pards alle prese con dei mercanti di whisky ( per giunta nella riserva navajo, un luogo al quale Kit Willer, come del resto Tiger, è particolarmente legato ).

Edited by Pedro Galindez

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riletta!!!Una storia alquanto breve ma che a mio parere raggiunge e supera lungamente la sufficienza. La trama risulta abbastanza lineare e semplice forse anche troppo scontata a dir la verità però ma a me e piaciuta lo stesso. Mi ha colpito sopratutto per due fattori:la sua genuinit?, componente sempre presente nelle storie d'epoca, e la sua scorrevolezza.(letta in nemmeno un ora)I disegni di Monti sono come sempre uno spettacolo penso che il suo tratto si addica molto al genere western. Voto 7.5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Storia breve ma carica di elementi tipici della serie e soprattutto della scrittura di Gianluigi. Insolitamente Tex è accompagnato solo da Tiger e da Carson, mentre del giovane Willer come diceva Pedro non c'è stranamente nessuna traccia, n° viene menzionato dai banditi che riconoscono il pericoloso terzetto. Inizio abbastanza violento, con i tre criminali (due bianchi e un indiano) uccidono a sangue freddo due uomini e rapiscono una giovane ragazza con l'intento di rivenderla al miglior offerente. Sulla pista dei tre (mercanti di whisky), ritroviamo i pards che si imbattono quindi nelle due vittime già preda degli avvoltoi. Dopo aver girovagato quà e là sulle loro tracce, vengono indirizzati da un mezzo bandito, verso la dimora di Don Mariano, classico riccone delinquente che vive in una villa circondato dalla peggior feccia. Normale il proseguo con i nostri che riescono ad intrufolarsi nel suo covo, e a liberare facilmente la ragazza. Segue una bella sparatoria e l'attacco imprevisto (e comunque con un buon effetto) da parte dei pericolosi indiani. Ha stupito molto anche a me l'intervento finale da parte della cavalleria americana in territorio messicano. Un'incongruenza comunque ammissibile, dato che il livello della storia si mantiene buono dall'inizio alla fine. Buonissimi i disegni di Monti che, ripeto, coincide con i miei gusti soprattutto in queste sue prime storie!! In particolare di buonissimo livello le scene dell'incendio del ranch e delle sparatorie! :inch: Voto: 7 :trapper:

Share this post


Link to post
Share on other sites

d' voto 7 a questa storia.. breve, rapida, semplice e lineare, ma comunque appassionante, perchè estremamente classica ed efficace nel delineare una caccia ai banditi che è puramente western, soprattutto nello scontro finale (a cui si aggiungono oltre ai nostri pards e ai bandoleros, anche gli indiani e le giacche azzurre), tra fiamme e piombo caldo! d' voto 8 alle stupende tavole di Monti, che calzano a pennello con il western, rappresentando ogni dettaglio al meglio, sia nelle ambientazioni, che nei volti dei personaggi, che nelle scene movimentate.. -ave_

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una storia tutta azione e con bei disegni di Monti, un p? di confusione nel parapiglia finale ma tutto sommato una bella lettura. Voto otto meno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un semplice riempitivo, con il solito Tex, che insieme a Carson e Tiger, arriva, brucia, spara e ripulisce tutto; insomma puro Tex giustiziere. Non dura neanche tanto e quindi non mi coinvolgo un granch?. Ciò che spicca di più sono, come avete già detto, i disegni di Monti, uno dei migliori disegnatori che siano approdati su Tex. VOTO: 6 e mezzo (mezzo voto in più grazie a Monti)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, io invece non sono per nulla soddisfatto da simili storie. I dialoghi si condensano in ripetuti Bang bang con la vittoria ultraovvia dei pards. Nessun dialogo avvincente, nessun antagonista degno di nota, solo tanta azione praticamente fine a sè stessa. il numero di pagine, pur esiguo, è fin troppo abbondante per una simile trama. Su Monti invece siamo tutti d'accordo: un Grande.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Storia senza nerbo dalla discutibile necessit?: per quale motivo proporre un'avventura nella quale i cattivi sono dei perfetti sprovveduti,

don Mariano è così stupido da non aver organizzato neanche dei turni di guardia nella sua tenuta nella quale si può entrare liberamente. L'arrivo al termine della storia del gruppo di Apache e poi dello squadrone di cavalleria contribuisce solo a mettere degli ingredienti senza senso in un minestrone insapore, e tra l'altro nasce la perplessit? sull'azione della cavalleria oltre confine.
Dispiace che per realizzarla sia stato impiegato per quasi un anno un disegnatore come Monti, tra l'altro noto per la sua proverbiale lentezza, mentre si sarebbe potuto dirottare su altre sceneggiature più interessanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Disegni da leccarsi i baffi e quant'altro,grazie ad un Monti MERAVIGLIOSO,alquanto sprecato per una simil storiaccia. Il suo tratto efficace,che magnifica i pards,gli indiani,la posada e il paesaggio,rappresenta il meglio di questo racconto sconclusionato. L'evolversi della vicenda troppo rapido,la assente caratterizzazione dei personaggi,sia i villains sia la ragazza,che pare muta,e le terribili balordaggini della sceneggiatura,già sottolineate da altri forumisti (la cavalleria addirittura ACCAMPATA in territorio messicano e l'assenza di un qualsivoglia accenno all'esistenza di Kit Willer persino dai discorsi) fanno di questo albo uno dei peggiori della storia texiana.    Disegni 10       Sceneggiatura 0       Media 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una storia DAVVERO mediocre di un Glb crepuscolare.disegni ottimi,ma trama latente.l arrivo della cavalleria in territorio messicano è un pugno in un occhio,ma anche se vogliamo l.innesto dei Mimbrenos che attaccano la fazenda dei bandoleros l ho trovata inutile,un escamotage per giustificare un finale del tutto improprio.

Edited by Barbanera

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chi ha avuto modo di leggere i miei precedenti interventi sui post, avrà già capito che la dote di sintesi non mi appartiene; stavolta comunque farò uno strappo alla regola, considerato che su “Bandoleros” non trovo davvero tanto da scrivere. Mi verrebbe di riassumere con queste poche parole: episodio da dimenticare.

Anche i più grandi campioni invecchiano e a questa insindacabile legge della natura, non è sfuggito nemmeno il titanico Bonelli, comunque se nei precedenti capitoli, sebbene lontanissimo dagli anni d’oro, era riuscito a raggiungere un livello quantomeno sufficiente, con questa storia il crollo è verticale.

Una trama senza né capo né coda con un soggetto troppo scarno per garantire un esito soddisfacente. Non riescono a salvarsi nemmeno i dialoghi e in quanto al finale, sembra la fiera della confusione, con interpreti che appaiono fuori contesto e senza un filo logico, vedi gli Apache e ancor peggio, la cavalleria americana in pieno Messico. Unica nota positiva in questa stonata sinfonia, gli eccellenti disegni di Monti, alla sua seconda prova sulla saga; un disegnatore dallo stile molto personale e forse un po’ troppo sottovalutato in Via Buonarroti in quegli anni. Il mio voto finale è 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non un capolavoro, ma nemmeno il completo disastro che qualcuno qui vorrebbe far credere. Storia scritta d'impeto e con tante incongruenze, ma perlomeno una storia di Tex, la successiva, dopo un buon inizio, è da ricordare (ahinoi) per uno dei finali più antitexiani della saga. Comunque il Nizzi post 500 ha fatto molto, molto di peggio. Monti davvero eccellente.

 

TESTI: 4,5

DISEGNI: 8,5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Discreta e ben disegnata questa breve storia del tardo Bonelli che, sicuramente, surclassa le due precedenti, pur presentando
diverse ambizioni. Quello che GLB poteva evitare é la comparsa, alla fine della storia, sia degli Apache che dei soldati. Tra l'altro, i nostri avevano già quasi concluso la missione.

A proposito, ma che ci facevano i soldati in territorio messicano?

Disegni di Monti molto buoni.

La scena in cui Tex e Carson si avvicinano, a cavallo, ai bandoleros superstiti e quella in cui gli stessi pards attendono
immobili i predoni Apache sono stupende.

Voto alla storia: 6,5

Voto ai disegni: 7,5

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">18 ore fa</span>, Andrea67 dice:

surclassa le due precedenti, pur presentando
diverse ambizioni.

Beh è  proprio vero che de gustibus non est disputandum. Io la storia  con Yama la trovo ottima, mentre questa è  una delle peggiori  che abbia mai letto. Dialoghi spentissimi, banale e noiosa. Così  così  i disegni. Voto 1

<span style="color:red;">18 ore fa</span>, Andrea67 dice:

A proposito, ma che ci facevano i soldati in territorio messicano?

Hai detto niente! E poi ci si lamenta di Nizzi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.