Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum
Pedro Galindez

[253/254] Artigli Nelle Tenebre

Voto alla storia  

20 voti

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Si è pregati di collegarsi o iscriversi per poter votare in questo sondaggio.

Messaggi consigliati/raccomandati

+mEKLf+ZeG+QZHixZSI3nP--.jpg  QLLPJXw5EcuWXIuuqHZ696+bUWj2acyLBxBgknEd

 

 

Soggetto e sceneggiatura : Guido Nolitta
Disegni: Guglielmo Letteri
Periodicità mensile: Novembre 1981 - Dicembre 1981
Inizia nel numero 253 e finisce nel numero 254 a pag. 87



Sul Mariposa, la goletta che sta riportando Tex e Kit negli Stati Uniti dopo l'avventura a Panama, un gruppo di facinorosi inglesi capeggiati da Steven Brooke obbliga il capitano Ortega a puntare su Providencia, un'isola messicana. Nemmeno la tempesta che getta la nave sugli scogli scoraggia Brooke: il dirottamento del Mariposa, con tutto il suo carico d'armi, è il primo atto di un suo folle sogno rivoluzionario: conquistare l'isola e farne un piccolo stato indipendente! Ma a bordo del veliero viaggia anche uno strano scienziato... e un altro, mostruoso passeggero si risveglia con il naufragio! Ibernati chimicamente da uno scienziato, tre orrendi dinosauri dormivano nella stiva del Mariposa. Due dei mostri preistorici, risvegliatisi dopo il naufragio della nave, seminano terrore sull'isola!



© Sergio Bonelli Editore

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Guest Wasted Years

Storiella di Nolitta che presenta più di un punto debole. Fantascientifica la storia dell'ibernazione dei dinosauri e molto strano l'atteggiamento di Tex, che potrebbe tentare di sottrarsi alla prigionia e non lo fa con la debolissima motivazione delle cure al figlio,(non sembra così grave Kit), mi è sempre apparso una forzatura per condurre la storia a tutti i costi in quella direzione. Ciononostante il tutto è piuttosto leggibile, e ricco di spunti, anche se come al solito pare una storia di Zagor e non di Tex. Specie nei dialoghi si sente molto l'influsso. Bellissimi i disegni di Letteri, all'apice della forma.6 ai testi10 ai disegni.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ho dato un 7, abbondante e tendente all'8. Se fosse stato solo per i disegni di uno splendido Letteri e per l'interessante invenzione di un discendente del Rajah bianco Brooke, sarebbe arrivato al 9; ma IMHO l'inserimento di tre dinosauri non serve granch? e non crea più tensione di quanto avrebbe potuto fare una bella banda di indiani inferociti o una guarnigione del fortino presidenziale con un po' di attributi.

Veramente bello l'incontro di pugilato tra Brooke e un Kit Willer con il dente avvelenato. Incontro che resta inquadrato nei canoni della noble art fintanto che l'azzimato nipote di Rajah riesce a mantenere l'iniziativa, ma che presto vede il sopravvento di Kit che che ne fa un incontro alla Tex Willer

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Guest Colonnello_Jim_Brandon

Artigli nelle tenebre è una di quelle storie che il sottoscritto ha sempre definito "senza troppe pretese". Una trama alquanto fantascientifica, che sembra precorrere la "jurassicparkmania" degli anni novanta. La storia, che inizia laddove la precedente finisce ( ossia a bordo di un veliero diretto negli stati uniti ) ci regala un'altra ambientazione insolita, ossia un'isoletta caraibica situata nel mezz del golfo del messico, di cui un giovane visionario con manie dittatatoriali vuole rovesiare il "molliccio" governo. Ma il piano del govane vigulto è destinato fallire miseramente a causa di alcune "Misteriose e sanguinarie creature... Bastano solo due parole per cogliere appieno il significato di questa storia : TRAMA ATIPICA. Una storia in cui i classici sfondi western lasciano spazio alle azzurre distese dei mari caraibici, e gli intrighi dei "soliti politicanti" vengono scombussolati non dal nostro granitico ranger, ma da mostruose creature preistoriche!!!Lo stesso Tex, è diverso da quello dei classici canoni GLBonelliani, in qusta storia infatti, oltre che alle solite ( per dirla alla wasted ) piccionate Nolittiane, vediamo un Tex molto più "osservatore esterno" anzich? protagonista degli eventi cui si vede, suo malgrado, invischiato; inoltre vediamo un Tex, forse per la prima volta, INERME davanti al ricatto del perfido Brooke, un cattivo che, a mio dire, manca assolutamente di carisma... Non parliamo poi dello spento, seppur agguerrito, Kit Willer, in questo albo il giovane virgulto di casa willeriana, si vede costretto a recitare il ruolo della vittima semi indifesa.... Forse una delle poche storie nolittiane che non mi hanno sfagiolato... direi un 6 --, soprattutto grazie ai sempre fantastici disegni di Guglielmo Letteri!!!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto questa storia nella collezione di Repubblica.. ammetto che l'ho trovata molto gradevole, anche nei disegni (Letteri lo preferisco a colori).. Poteva anzi essere una grande storia come IL SOLITARIO DEL WEST, soprattutto per chi come me ama le saltuarie escursioni di Tex nell'Oceano e in luoghi esotici. E' interessante soprattutto l'idea di un gruppo di inglesi, terroristi "ante-litteram" che dirottano la nave sull'isola di Providencia per attuare una specie di colpo di stato. Purtroppo però è stata inserita, secondo me a sproposito, la vicenda dei dinosauri ibernati. Ora, io non ho niente contro il genere fantastico, purch? sia episodico, ma non ritengo opportuno mescolare una storia realistica e ben promettente come questa, con una storia alla "Jurassic Park"; per fare un esempio, io apprezzo molto la vicenda "preistorica" LE TERRE DELL'ABISSO, perchè, oltre a essere disegnata in modo splendido dal mitico Galep, è interamente fantastica, e quindi va goduta come tale. Se però inizio a leggere la storia di un dirottamento "terroristico", sinceramente i dinosauri li avrei lasciati per un'altra occasione. ;)Comunque, la storia si merita un 7 pieno, stesso voto anche per i disegni. Non mi sembra di rilevare errori o incongruenze n° nella sceneggiatura n° nello sviluppo della storia, e anche questo è un punto a suo favore.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

RILETTA!!!!! A me questa storia è piaciuta tantissimo. Grandiosa la sceneggiatura, bella la trama è sopratutto belli i disegni!!!La storia è pressoche unica nella saga texiana, infatti ha una bellezza molto particolare, basti pensare a.. l'isola misteriosa ("providencia")o i dinosauri ibernati. E poi bella sopratutto perchè arriva dopo un "mostro sacro" come giungla crudele. Voto 8.5

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Dopo la lunga e affascinante avventura nell'istmo di Panama, Nolitta decide di proseguire in continuity con questa storia, che sicuramente ha tutt'altro sapore rispetto alla precedente. Tex e figlio si trovano imbarcati sulla nave che li sta riportando verso l'amata patria, quando un gruppo di ragazzi inglesi si impadronisce della nave, obbligando il capitano a cambiare direzione. Nonostante Tex si batta come un leone e ne spedisce qualcuno all'inferno, viene catturato e rinchiuso insieme al figlio in una cabina. A peggiorare la situazione si scatena un furioso uragano che sbatte la nave con ciò che è rimasto dell'equipaggio e del carico su di una scogliera. Tex, Kit e il professore inglese si gettano nelle acque e finiscono miracolosamente a riva. Vengono quindi raccolti dagli inglesi capitanati da Brooke, un ragazzotto borioso e pieno di arie, che cerca di imitare le gesta del famoso zio: James Brooke. Un p? tirato per i capelli il ricatto messo in piedi da Brooke, soprattutto perchè Tex sarebbe certamente in grado di disfarsi di quella banda di "mezze calzette", inoltre Kit non sarebbe così grave come ci viene descritto. Al proposito forse sarebbe stato meglio peggiorare le condizioni del giovane Willer, magari facendogli perdere la memoria oppure obbligarlo a letto con un braccio o una gamba rotta!Interessante e pregievole comunque l'intento dell'autore di inserire i tre feroci Tarbosauri (ho apprezzato anche il ricordo di Tex della vecchia avventura nelle Terre dell'Abisso). Una storia quindi che si mantiene su buoni livelli, ma di livello decisamente inferiore rispetto alla precedente avventura. Voto: 7 :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Dopo "Giungla crudele" ritrovarsi con una storia del genere si fa fatica ad apprezzarla a pieno. La trama come inizio non è male ma quando spuntano i dinosauri vien voglia di chiudere il volume e passare alla storia successiva. Poi si apprende dell'ibernazione e dello scienziato etc. etc. e tutto sommato si può accettare ma che bisogno c'era di infilare i dinosuari in una storia di un giovanotto viziato di buona famiglia che insegue il folle sogno di conquistarsi un'isola?Voto 7+

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

.... ma che bisogno c'era di infilare i dinosuari in una storia di un giovanotto viziato di buona famiglia che insegue il folle sogno di conquistarsi un'isola?

Secondo me invece la trovata di Nolitta è stata buona e in linea con il modello "fantastico - irreale" tracciato da GLB!I tre dinosauri non fanno altro che aumentare la suspence e l'interesse del lettore. Diciamo che dovevano essere un p? il sale per condire il tutto. Il punto debole di questa storia (mi ripeto) secondo me è un altro: Tex dopo il ricatto di Brooke sembra chinare la testa, quasi avesse paura di non riuscire ad affrontare quei ragazzotti viziati. Mentre in altre storie è riuscito in pochissime vignette a risolvere faccende decisamente più rognose di questa, trovandosi ad affrontare avversari molto più temibili di questo gruppo di ragazzotti! :):trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me invece la trovata di Nolitta è stata buona e in linea con il modello "fantastico - irreale" tracciato da GLB!I tre dinosauri non fanno altro che aumentare la suspence e l'interesse del lettore. Diciamo che dovevano essere un p? il sale per condire il tutto. Il punto debole di questa storia (mi ripeto) secondo me è un altro: Tex dopo il ricatto di Brooke sembra chinare la testa, quasi avesse paura di non riuscire ad affrontare quei ragazzotti viziati. Mentre in altre storie è riuscito in pochissime vignette a risolvere faccende decisamente più rognose di questa, trovandosi ad affrontare avversari molto più temibili di questo gruppo di ragazzotti! :):trapper:

Non dico che l'idea dei dinosauri ibernati è da buttare, infatti nel mio post precedente ho precisato che l'apparizione dei dinosauri viene da me accettata solo quando ho scoperto l'idea di Nolitta che giustificava la presenza dei dinosauri, ma io l'avrei utilizzata in un'altra storia. Messa così invece sembra voler rimpolpare una storia che, partita bene, si stava avvitando su se stessa senza sbocchi. Come dici tu, perchè mai Tex doveva temporeggiare con siffatti avversari?Allora sarebbe bastato rendere sin dall'inizio gli avversari un p? più tosti per rendere più credibile il ricatto nei confronti di Tex e lasciare scorrere l'avventura su questi binari riservando i dinosauri, l'ibernazione e lo scienziato folle ad un altra storia. Un'altra ipotesi che mi sovviene è che SB abbia volutamente descritto come semplici ragazzotti gli avversari di Tex perchè l'impianto principale della storia doveva essere quello dei dinosauri, ma se è valido questa ipotesi secondo me non ha centrato il bersaglio.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Effettivamente le 2 storie deboli entrambi mal si intrecciano, il professore pazzoide che iberna i dinosauri non e' tanto credibile, ne' lo sono il gruppetto di giovinastri che vogliono fare il colpo di stato un occasione sprecata direi......... belli i disegni!!!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Nel complesso una trama molto avvincente e incredibile. Il punto forte di questa storia

sono senz'altro i disegni di Letteri, freschi e molto puliti. Bellissima ed intrigante la scena del naufragio, in cui la nave si sfracella sugli scogli di Providencia e Tex e Kit si buttano nel mare in tempesta col professore... :shock:
Per quanto riguarda i testi,
la trama è avvincente ed emozionante, sebbene sia un tantino surreale. La narrazione è molto scorrevole. L'ibernazione dei dinosauri e il professore mitomane sono stati gli elementi che hanno contribuito a rendere piccante e piacevole la storia. Unica pecca (come sempre, nelle storie di Nolitta) l'eccessiva arrendevolezza di Tex, vittima del ricatto di James Brooke.
Do un 9 ai disegni e un 7 alla sceneggiatura.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Inizio con tutte le caratteristiche di un'avventura esotica, con addirittura un nipote di James Brooke che riporta la mente ad atmosfere salgariane, ma a metà circa della storia Nolitta impone una brusca e piuttosto inaspettata svolta verso il fantastico (anche se la presenza di uno strano professore poteva lasciar presagire qualcosa già in precedenza). In questo caso vengono ripescati addirittura i dinosauri, già protagonisti di un antico incontro con Tex che Nolitta non dimentica di richiamare. Ne esce una storiella piuttosto breve, che si fa leggere senza arrivare mai a catturare fino in fondo l'attenzione del lettore, se non nel momento cruciale dell'incontro con il primo bestione. Letteri, invece, è al massimo della forma. Voto complessivo, 7.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

una storia letta una volta, che ho fatto fatica a terminare.

Per me più una storia di Mister No che di Tex...del tutto insifficiente

salvo solo i disegni di Letteri, ma per il resto è da archiviare come una delle peggiori dell'intera saga.

Probabilmente ciò è dovuto al fatto che Tex fuori dal proprio contesto naturale (il west) non mi appassiona e non riesco a farmelo piacere. Passi ancora una puntata nel New England o a Washington, di tanto in tanto.. Ma fuori dagli USA perde molto del suo carisma

Modificato da Barbanera

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Dopo 9 capolavori consecutivi, Nolitta sforna una storia "normale", dove per normalità si intende "storia carina al livello di quelle del periodo, escluse quelle di Nolitta".
La prima parte, fino alla scoperta del primo dinosauro, é molto bella, poi la storia scema un pò, non avendo più tanto da dire. Bel personaggio Brooke, anche se il buon Autore quell'ultimo omicidio se lo poteva anche risparmiare (sarebbe bastata una botta in testa).
Disegni di Letteri abbastanza buoni.
Voto alla storia: 6,8
Voto ai disegni: 7,5

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.