Pedro Galindez

[09] Il Dio Puma

Voto alla storia  

5 voti

  1. 1. Voto alla storia

    • 10 - 6
      0
    • 9 - 5.5
      0
    • 8 - 5
      2
    • 7 - 4.5
      2
    • 6 - 4
      0
    • 5 - 3.5
      1
    • 4 - 3
      0
    • 3 - 2.5
      0
    • 2 - 2
      0
    • 1 - 1.5
      0


Messaggi consigliati/raccomandati

Immagine postata


Soggetto e sceneggiatura: G. L. Bonelli
Disegni: Aurelio Galleppini
Periodicità irregolare: Maggio 1960
Inizia nel numero 9 a pag. 45 e finisce nello stesso numero a pag. 98

Gli Yaqui vivono nel terrore: il sanguinario Dio Puma pretende sacrifici umani! Ma Willer e Tiger Jack scoprono che, dietro l'arcano, si celano le brame di ricchezza dello stregone Toba, e i falsi idoli vengono abbattuti.



? Sergio Bonelli Editore

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Una storia breve di sole 45 pagine, non disprezzabile, molto intensa, vivace e appassionante e con un finale serrato. Merita di essere ricordata soprattutto perchè è la prima a trattare il tema degli intrighi di potere nelle tribù indiane ed a presentarci alcuni clich? che ritroveremo in futuro quando si parler? di stregoni

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Storia breve, ma non per questo meno carina.

Analizziamo quel poco che c'è da analizzare nel dettaglio:

1) prima volta in cui viene trattato il tema degli intrighi di potere nelle tribù indiane ed a presentarci alcuni clich? che ritroveremo in futuro quando si parler? di stregoni.

2) Certo: Toba e sua madre non hanno veri poteri magici e tutto il loro potere si basa su dei trucchi e sullo sfruttamento della superstizione dei poveri Yaqui, ma per ciò che riguarda gli intrighi politici non hanno nulla da farsi insegnare dal Machiavelli.

3) Ancora una volta Tex si dimostra, per dirla con gli anglosassoni "larger than life". Costretto a lottare con un puma armato solo di un coltello datogli di nascosto da un giovane yaqui, Tex se la cava in una lotta breve, ma con il respiro dell'epica. Il suo arrivo al salvataggio di Tiger, destinato a morire divorato vivo dagli avvoltoi nel finale, ne fa una specie di forza della natura contro cui nulla si può, se non cedere.

4) Non credo di sbagliare se dico che debbono essere situazioni come queste che Boselli ha tenuto sicuramente presenti nell'elaborare le apparizioni di Tex in storie come "Terra di confine".

Decisamente buono come sempre il lavoro ai disegni del duo Galep & Uggeri (quest'ultimo quasi sicuramente presente alle chine pur se non accreditato a tutt'oggi).

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.