• Avvisi

    • TexFanatico

      BUON NATALE   24/12/2017

      BUON NATALE e felici Festività a voi!
Pedro Galindez

[13/14] Dramma A Pecos City

Voto alla storia  

6 voti

  1. 1. Voto alla storia

    • 10 - 6
      1
    • 9 - 5.5
      1
    • 8 - 5
      3
    • 7 - 4.5
      1
    • 6 - 4
      0
    • 5 - 3.5
      0
    • 4 - 3
      0
    • 3 - 2.5
      0
    • 2 - 2
      0
    • 1 - 1.5
      0


Messaggi consigliati/raccomandati

Immagine postata - Immagine postata


Soggetto e sceneggiatura: G. L. Bonelli
Disegni: Aurelio Galleppini
Periodicità irregolare: Gennaio 1961 - Marzo 1961
Inizia nel numero 13 a pag. 131 e finisce nel numero 14 a pag. 88

Tex giunge insieme al figlio Kit a Pecos City dove i piccoli proprietari subiscono la prepotenza degli sgherri di Sam Truscott, un ricco allevatore. Con Tex sceriffo di Pecos City, la banda di predoni ha le ore contate! Il giudice Vermont, complice dei criminali, viene smascherato e trova la morte gettandosi nel fiume in preda alle fiamme; Sam Truscott, braccato, finisce schiacciato sotto il peso del suo cavallo.


? Sergio Bonelli Editore

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Una trama non particolarmente originale che va ad arricchire il filone delle storie cittadine, con tutti gli ingredienti propri di queste storie. Non mancano perfino passaggi comici (divertente l'idea di far travestire Kit da ragazza). Moltissime le scene di violenza pura, ma Gianluigi Bonelli non si preoccupava troppo di poter turbare gli animi dei suoi lettori. O erano abbastanza tosti da poter leggere Tex o peggio per loro.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Proseguo imperterrito coi commenti a queste prime leggendarie storie. 1) Questa storia è la prima di un gruppo di 4 n cui a Kit viene fatto fare una sorta di giro del Sud Ovest per, diciamo così, completare la sua educazione. 2) Nota cronologica: non sappiamo esattamente quanto tempo sia passato dalla storia precedente, ma stavolta lo stacco potrebbe anche essere solo di pochi giorni. In teoria Tex e Kit potrebbero essersi appena separati da Kit Carson che, per quanto ne sappiamo, è tornato a Fort Dennison. 3) La trama, non è particolarmente originale. Si inserisce perfettamente nel filone che nel gergo western è chiamato "town taming", termine che si potrebbe tradurre un p? impropriamente come "Città da domare". Ci sono tutti gli ingredienti che ritroveremo in innumerevoli storie successive. Tutti... a parte lo sceriffo impotente o corrotto... perchè questa volta lo sceriffo è Tex, che accetta l'incarico per poter vendicare la morte del precedente sceriffo barbaramente ucciso. Anzi è proprio l'aver assistito da lontano all'uccisione dello sceriffo la molla che . spinge Tex e Kit a fermarsi a Pecos City.4) Una menzione particolare va, invece, al giudice Vermont, che ha una caratterizzazione azzeccatissima ed una fine che si inserisce nel filone della giustizia poetica e che a suo tempo trovai davvero impressionante. L'immagine del giudice che, bruciando vivo, corre per il paese e si butta nel fiume, mentre l'ultima cosa che si ode di lui è la risata da pazzo, è davvero evocativa secondo me. 5)Divertente (anche se non per lui, probabilmente) l'idea di far travestire Kit da ragazza per tendere un agguato letale a Sam Truscott ed i suoi.,6) Trovandosi sotto la minaccia di una valanga d'acqua, Tex lascia coraggiosamente Dinamite a mettersi in salvo, rischiando di affogare. Questo si che è amore per gli animali.7) Una cosa si può dire con sicurezza di G. L. Bonelli non si preoccupava troppo di poter turbare gli animi dei suoi lettori. Scriveva quel che gli pareva e se c'erano scene forti, beh meglio che il lettore si adeguasse. Mi chiedo che ne avrebbe pensato del politicamente corretto oggi imperante.8) In questa storia Pietro Gamba è affiancato alle chine da Lino Ieva. Le matite sono, come sempre, di Galep. E con questo ho finito anche qui.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

 Nota cronologica: non sappiamo esattamente quanto tempo sia passato dalla storia precedente, ma stavolta lo stacco potrebbe anche essere solo di pochi giorni. In teoria Tex e Kit potrebbero essersi appena separati da Kit Carson che, per quanto ne sappiamo, è tornato a Fort Dennison.

 

In effetti ho sempre letto questi albi - da "Il figlio di Tex" fino a "La montagna misteriosa" come un unico lungo viaggio di istruzione. Viaggio che non sarebbe cominciato se l'allora scavezzacollo mini Willer non si fosse aperto la strada con quella famosa cassetta di dinamite :D

Il castigo del giudice Vermont inizia prima della tragica scena descritta da Carlo, davvero indimenticabile! Tex gioca come il gatto col topo, lo vediamo quando chiede al giudice di accendergli la sigaretta, apostrafandolo inaspettatamente proprio mentre parla dell'ancora ignoto colpevole: preso alla sprovvista il giudice trema come una foglia mentre esaudisce il desiderio del suo interlocutore.

I

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Tex e Kit continuano a collaborare insieme con ottimi risultati; la storia è gradevole, bella la scena di quando kit uccide Tom Bull e viene soccorso dalla gente del posto, alcuni dicono di chiamare suo padre mentre alcuni dicono di dargli qualcosa da bene per farlo rinvenire... ben fatta questa scena... i disegni sono come al solito ben realizzati, non c'erano dubbi su Galep...
Sceneggiatura: 7
Disegni: 7,5

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.