Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
ymalpas

[573/574] Terre Maledette

Voto alla storia  

56 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

FKcvKooAN0+3bzQLobsIbFgKhx9vqpO9gOSb37fN  t3LMS0xZQa7TqG52rf--.jpg

 

 

Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli
Disegni: Alfonso Font
Periodicità mensile: Luglio / Agosto 2008
Inizia nel numero 573 e finisce nel numero 574



L'avvocato Steve Lyman si è messo contro un potente uomo d'affari per difendere la giustizia. Ora sulla sua testa c'è una taglia, una somma di denaro che fa gola a molti individui senza scrupoli. Nelle selvagge ?Indian Plainsè dell'Oklahoma si scatena la caccia all'uomo. Dalla parte di Steve ci sono Tex Willer e una famiglia di contadini in fuga dalla siccit?. Contro di loro, oltre ai pistoleri, si scatena la furia incontenibile del tornado!...



©  Sergio Bonelli Editore

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa storia promette bene: contro tex si scatenano nientemeno che le forze della natura... !!!Sono proprio curioso di vedere come Boselli svilupperò questa storia con uno sfondo così atipico... si vedrà!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

La copertina di "Terre maledette" mi ricorda un po' quella di "Colorado Belle". Anche l' l'accoppiata Boselli / Font. Lo spagnolo si trova molto a suo agio nelle descrizioni di ambienti soggetti a sfuriate di tipo climatico, ricordo piacevolmente in questo senso anche il loro almanacco del 2000.

Share this post


Link to post
Share on other sites

avevo già "aggiunto la pioggia" a I banditi della città fantasma,
ci riprovo con questa ...

Immagine postata


forse in questa l' "effetto pioggia" si nota poco...

Share this post


Link to post
Share on other sites

mmmh... :huh: in effetti non si nota molto.... ma comunque come hai fatto a creare quell'effetto??

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Colonnello_Jim_Brandon

Io onestamente mi aspetto moltissimo da questa storia, nessuno come Boselli sa caricare le storie di tragice emotivit?!! Sono inoltre ansioso di vedere come se la caver? il nostro indomabile ranger contro un altrettanto indomabile tornado!!!!Per quanto riguarda la copertina dell'albo... Cavolo ma il buon Claudio si sta surclassando da solo!!!! :w00t: :w00t: :w00t: :w00t: Sta facendo un copertina più bella dell'altra!!!!!! Grande Claudio!!! :inch::inch::inch::inch::inch:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bellissima anche la copertina di "Tornado"!!!


Immagine postata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Th?... seconda storia di fila con un avvocato che si erge contro un Boss. Per la novità dettata dalla minaccia naturale sarà estremamente interessante vedere come Boselli strutturer? il tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alfonso Font è una garanzia per disegnare calamit? naturali!!Le sue tavole saranno uno spettacolo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Immagine postata


Immagine postata


Immagine postata


Immagine postata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il fitto tratteggio che Font ha utilizzato per i nuvoloni che si stanno profilando all'orizzonte crea molta atmosfera.... belle tavole, ym!! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Colonnello_Jim_Brandon

Letto ieri... La prima della parte della storia promette davvero bene!!! Boselli ha, come sempre del resto, creato degli ottimi personaggi!! Molto interessante il personaggio del giovane avvocato Lyman

un giovane coraggioso che ha avuto il coraggio di mettersi contro uno degli uomini più potenti del texas!!!
. Malinconici e quasi al limite della disperazione sono i membri della famiglia Simms
costretti ad abbandonare la loro baracca nelle indians plain a causa del gelido vento che le spazza dal mattino a sera e rende la terra arida ed incoltivabile
. Molto curioso è il personaggio di Hank Prescott, il giovane giramondo
dal passato oscuro e nebuloso
sono sicuro che questo apparentemente "innocuo" giovanotto ardimentoso ci regaler? nel prossimo numero non poche sorprese. In questa storia Tex non è il protagonista, bensì UNO dei protagonisti. La sua durezza, il suo coraggio, la sua esperienza e soprattutto la sua infallibile mira
sia con le colt che col Lazo
si rivelano più volte utili
soprattutto all'avvocato Lyman
; tuttavia anche lui ha "bisogno" dei suoi compagni di viaggio per affrontare le insidie temporalesce delle indian plains
infatti si rivolge a Simms per avere un parere sulla repentina modificazione del tempo!!!
Bellissima poi la connotazione che Boselli da al tornado!!! Lo fa arrivare lentamente, mestamente, lo fa comparire poco per volta, ogni volta con un "indizio" e i nostri eroi osservano impotenti davanti alle immense forze della natura il minaccioso avanzare di quell'inferno di vento e distruzione
che verso la fine dell'albo si scatener? con tutta la sua IRA!!!
Bellissimi i disegni del bravissimo Font!! Alfonso riesce a dare la giusta connotazione emotiva ad ogni regalandoci espressioni facciali potenti e al contempo molto significative!!!Una storia che promette davvero bene... aspetto con ansia il numero di agosto!!!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Wasted Years

Ora capisco cosa intendeva Jim per "storia boselliana". L'albo è malinconico in una maniera davvero accorata, il sottoscritto si domanda che fine abbia fatto quel ranger "positivo" e "pratico" di cui era appassionato. Piace molto al nostro sceneggiatore il Tex chioccia, e infatti eccolo puntualmente tornare tra noi. A me piace molto meno ma vabb?. I personaggi sono parecchi, e, quoto Jim, Tex è solo uno di essi, che alla fine

diventa guardia del corpo del nostro avvocato che appare dannatamente a disagio all'ovest, come tutti gli altri personaggi della piccola carovana, del resto
Tanti personaggi in quest'albo "hanno la sensazione", va bene l'intuito, ma c'è un limite. La storia fila e riesce anche ad interessare, è la sensazione (sic!)di fondo che non mi appaga. Uffa, c'è un'atmosfera millenaristica degna più di Zagor che di Tex, ecco, l'ho detto. Non si scherza e non si fa umorismo in una sola vignetta. Ma dove diavolo è finito il vecchio cammello?Molto dubbioso. Aspetto il prossimo albo per un giudizio completo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Colonnello_Jim_Brandon

Si intendevo proprio quello con il termine "molto Boselliana". Questa storia esprime l'emotivit? e la malinconia che solo il bravissimo Borden riesce a dare a Tex!!! E' vero, forse quando il suo Tex entra in scena non ci sono più le fanfare come ai tempi di GLB, bensì parte una musichetta di Ennio Morricone!!! Il Tex di boselli è profondo ed emotivo, è duro come il ferro, ma non spaccone come quello di GLB... E' un grande Tex il suo!!! E poi non è poi così malinconico...

quando disarma il killer per salvare Lyman Tex si mostra in tutta la sua forza, è solo contro il tornado che si fa "piccolo piccolo"....
. Vedrai che il secondo albo sarà una vera e propria rivelazione!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Wasted Years

Spero che tu abbia ragione. La storia ha un retrogusto amaro, secondo me, che potrebbe anche rivelarsi raffinato, alla fine. C'è una sensazione di catastrofe imminente, e i disegni di Font l'accentuano particolarmente. Da ora in poi so cosa aspettarmi dall'accoppiata. Il nostro ranger è

molto paterno con gli imbranati piedidolci, lo stesso uomo che avrebbe detto "ci sarebbero solo d'impaccio", ora tenta di formare le difese con due catenacci da caccia.
Esprimo un opinione in spoiler, per non influenzare minimamente la lettura di nessuno con questa considerazione.
Duro sarà duro, ma leader non sembra più. Non prende più naturalmente il comando e spesso suggerisce ed esprime i suoi pareri con faccia ombrosa, più che altro fa sè e sè!A volte non lo riconosco. BOH?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Appena finito di leggere. Come Wasted Years, aspetto il prossimo albo per esprimere un'opinione. Come storia non mi spiace, ma Tex è più che mai "uno del coro", anche se a volte non fa mancare i suoi acuti di grande solista. Comunque ho la sensazione che uno dei personaggi ci farà una notevole sorpresa. Ovviamente non dico quale, il mese prossimo se le cose saranno andate come penso io ve lo farà sapere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anch'io ho comprato e letto l'albo e, come Wasted e Cheyenne sospendo il giudizio: per ora abbiamo una storia con diversi fili narrativi che stanno cominciando ad intrecciarsi, ma che non si sa come verranno sciolti; l'impianto narrativo e la caratterizzazione di alcuni personaggi ( ad esempio

lo spietato killer - ragazzino
sono comunque quelli tipici di Boselli; il prossimo albo ci dir? se ciò sarà un fatto positivo o negativo. I disegni di Font sono come al solito: un po' troppo "aciduli" per i miei gusti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Finito di leggere pochi minuti fa!Bhè, bello, non c' che dire, anche se mi pare un p? troppo ''angosciante''... si ha la sensazione che qualcosa di brutto sta per accadere (e non mi riferisco solo al tornado), i personaggi sono molto emotivi (l' uomo di casa che soffre per l' abbandono della propria casa, la moglie sofferente per il vento,...) e qualcuno

come il giovane Hawk o il ragazzo killer
penso sarà fonte di sorprese. Una nota sui disegni: ottimi, incarnano alla perfezione la storia e il ''clima'' (non il tempo atmosferico), però ogni tanto i volti dei personaggi mi sembrano troppo tirati.. ad esempio il volto in primo piano di Tex nelle prime tavole.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccomi a mia volta a commentare un albo che contiene al suo interno molti spunti interessanti e che spero verranno usati/svelati. Tex personalmente lo trovo molto ben inserito. Ha molte gatte da pelare se così vogliamo definire i guai/dubbi che esso ha:

(click to show/hide)

Finito di leggere oggi pomeriggio. Storia cupa ed angosciosa che sembra proprio presagire l'arrivo imminente del tornado. Verso la fine, quando il tornado sta per raggiungere i nostri protagonisti, siamo anche noi lettori coinvolti nell'angosciosa ricerca di un riparo che è l' a portata di mano , ma non può essere sfruttato perchè già... occupato e bisogner? lottare , cedendo forse qualche pedina, per poterlo usufruire. La parte che più mi è piaciuta è quella relativa all'abbandono della casa da parte dei coloni a causa del tempo inclemente che da due stagioni non permette di effettuare un raccolto. Mi ha ricordato in maniera lampante l'inizio di quel capolavoro della letteratura mondiale che è Furore di John Steinbeck. Il vento, la siccit?, la polvere costringono i coltivatori delle terre dell'Oklahoma ad abbandonare le loro terre per andare alla ricerca dell'Eldorado decantato della California. Ci sono alcune vignette che mi hanno proprio "illustrato" il momento della partenza della famiglia di Tom Joad alla quale si aggrega il pastore Casy che in Tex mi viene la voglia di paragonare ad Hank per la sua predisposizione alla musica ed al vagabondaggio. Ma potrebbe anche richiamarmi nello stesso tempo lo stesso Tom Joad. Questa reminescenza letteraria, mi ha fatto appassionare a questo numero di Tex ed aspetto con ansia il prossimo per capire se anche la storia della famiglia in fuga dalle terre inospitali sarà cruda e cupa come quella che aspetter? la famiglia di Tom Joad in Furore. Di Tex ci si può innamorare anche per questi aspetti...

Share this post


Link to post
Share on other sites


La parte che più mi è piaciuta è quella relativa all'abbandono della casa da parte dei coloni a causa del tempo inclemente che da due stagioni non permette di effettuare un raccolto.

Anche a me è piaciuta molto questa fase del racconto, trovo sia molto emotiva, piena di sentimenti.

Anche quando il capofamiglia, a pag. 76, dice ''I contadini come me non dovrebbero mai viaggiare, perchè, stando sempre con la testa china a terra, non vedono più in l' del loro naso... o del loro orticello!... '', io ci trovo una certa emotivit?... perchè la frase in sè non vuol dire tanto, ma in quel contesto è l' affermazione della rassegnazione di un uomo che lascia tutto ciò che aveva costruito...

Lascio un' immagine provocante trovata sul sito della casa editrice del Tex; la lascio sotto uno spoiler, per non rovinare la sorpresa.
Chissà a chi è rivolto!

Immagine postata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riletto da pochissimo e mi ha dato una grande soddisfazione... la storia è coinvolgente, e sembra davvero di sentire il vento freddo, e l'aria afosa che precede il tornado...
la sensazione opprimente e angosciosa che permea tutta la vicenda è ben caratterizzata da Boselli, abilissimo nel tessere trame malinconiche e a saper ben caratterizzare la cerchia di personaggi di contorno..
ma nonostante l'intreccio di personaggi, tex riesce comunque a distinguersi, dando prova di notevoli capacità e di grande coraggio... purtroppo è sempre più indeciso nelle sue scelte, è sempre più dubbiosom e credo che qualche sua insicurezza la si possa trovare in una frase

Avvocato: e non vi siete mai sbagliato?
Tex: quasi mai


anch'io, come precedentemente detto da texfanatico, ho un dubbio su una frase:

Ho solo un dubbio relativo ad una frase che Tex dice:


"... adesso sono due di meno!"



Come f? a saper d'averlo ucciso se prima ha visto solo il lampo dello sparo? Pu? aver udito il gemito, ma da qui a saper che l'ha ucciso...

e anche su un'altra

quando tex dice di sapere già chi sta dando la caccia all'avvocato Lyman per avere interrogato l'uomo che aveva preso la notte scorsa... ma se si va indietro di un po' di pagine ci si accorge che tex non avrebbe avuto il tempo materiale di fare altre domande

Share this post


Link to post
Share on other sites

c'è una cosa che assolutamente non mi è piaciuta:

il ragazzino sbruffone chiamato Durango, che dice di aver seguito Tex senza che lui se ne accorgesse
? comprensibile che Borden abbia voluto dimostrare la grande abilità del ragazzo, e che voleva "umanizzare" la figura di tex, per non renderlo sempre invulnerabile... però personalmente ci sono rimasto un po' male a queste parole... tex è troppo astuto per farsi fregare da un ragazzotto che fa il gradasso... :(... senza nulla togliere alla storia, che mi ha appassionato fino in fondo, e non vedo l'ora di poter leggere la continuazione! :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

c'è una cosa che assolutamente non mi è piaciuta:

il ragazzino sbruffone chiamato Durango, che dice di aver seguito Tex senza che lui se ne accorgesse
? comprensibile che Borden abbia voluto dimostrare la grande abilità del ragazzo, e che voleva "umanizzare" la figura di tex, per non renderlo sempre invulnerabile... però personalmente ci sono rimasto un po' male a queste parole... tex è troppo astuto per farsi fregare da un ragazzotto che fa il gradasso... :(... senza nulla togliere alla storia, che mi ha appassionato fino in fondo, e non vedo l'ora di poter leggere la continuazione! :D
Secondo me non è vero, forse Tex se n'? accorto ma ha lasciato così le cose... insomma, è una storia piena di cose ''misteriose'', ma sono sicuro che dopo aver letto il prossimo albo diremo ''Ma che scemo, era logico che avesse fatto così'' !

Share this post


Link to post
Share on other sites

in effetti :huh:... sai che hai ragione???attendiamo trepidanti il prossimo numero!! :D :D :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.