Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
ymalpas

Claudio Nizzi

Recommended Posts

Vorrei fare qualche considerazione sul cosiddetto "superlavoro" di Nizzi che lo portò alla crisi...

 

La crisi vera e propria avviene nel 1993, anche se già i primi segni di un "disamoramento" dell'autore per il personaggio per me erano già visibili da mesi. In quel periodo, non ci sono ancora Maxi, Color, romanzi, etc, c'è solo Tex e il Texone, quindi servono 1544 pagine ogni anno. (in media, 128 pagine al mese, 4 pagine circa al giorno non contando feste, ferie e malattia)

Questa quantità di tavole è stata realizzata (ai testi) dal solo Nizzi nel 1988, 1990, e nel 1992

(Fino al 1987 almeno un terzo delle pagine sono di altri autori, Nizzi diventa in pratica l'unico autore solo nel 1988, ma nel 1989 e nel 1991 vengono pubblicate le ultime due storie di G.L.Bonelli, e nel 1993 va in crisi e Nolitta scrive metà delle tavole)

 

Veniamo ad oggi (dati presi da DimeWeb).

Nel 2019 sono state pubblicate 3730 pagine di Tex (molto più del doppio di quelle del 1993) in 33 albi (contro i 13 albi del 1993)

Nel 2019 Mauro Boselli ha visto pubblicate 2590 pagine scritte da lui (1840 pagine di Tex, 564 pagine di Dampyr,  le altre divise fra Deadwood Dick e le Storie). Va bene, Mauro è una vera "macchina da storie", allora guardiamo il secondo, Moreno Burattini, che ha pubblicato sempre nel 2019 un totale di 1791 pagine (quasi tutte su Zagor, più qualcuno su Tex)

 

Va bene anche il fatto che per mille ragioni magari in un anno possono uscire anche storie sceneggiate in anni precedenti (come per esempio nel caso del Texone di Villa) e questo potrebbe essere un caso eccezionale. Allora andiamo a vedere i dati degli ultimi dieci anni, dal 2010 al 2019 compresi.  Boselli negli ultimi dieci hanno ha sceneggiato 18715 pagine, cioè una media di 1872 pagine all'anno

(questo, oltre a lavorare in redazione come curatore di Tex e Dampyr... viene il dubbio che si sia fatto spiegare da Martin Mystere l'ubicazione di Tempo Zero...)

 

Torniamo un attimo indietro: quante pagine di Tex ha sceneggiato Nizzi nei dieci anni che lo hanno portato alla crisi? Ecco qua anni per anno:

1984  500 pagine

1985  744 pagine

1986  1012 pagine

1987  1052 pagine

1988  1544 pagine

1989  1389 pagine

1990  1544 pagine

1991  1434 pagine

1992  1544 pagine

1993  958 pagine

totale in 10 anni:   11721 pagine

Sono tante, certo, oltre mille pagine all'anno con punte di millecinquecento...  ma cosa dovrebbe dire Boselli che in dieci anni ne ha sceneggiate 18715, cioè quasi il doppio?

E se andiamo a vedere altri sceneggiatori Bonelli, vediamo che negli ultimi 10 anni Moreno Burattini ha sceneggiato per Bonelli 9947 tavole (e nel frattempo ha scritto pure non so quante centinaia di post nei suoi due blog, due raccolti di racconti, un libro di aforismi, storie varie per altri editore, etc.), Stefano Vietti ne ha scritte 9544 e non mi risulta che nessuno dei due abbia dato segnali di disagio o di crolli. Addirittura Ruju ha scritto 9494 tavole! (mi raccomando borden, tienilo d'occhio, che non vada in crisi...)

 

Ma volete vedere il dato davvero significativo?

Ecco le pagine sceneggiate da Nizzi in anni più recenti, post-crisi...

2000  1104 pagine

2001  1214 pagine

2002  1565 pagine

2003  1768 pagine (il suo record!)

2004  994 pagine

2005  1434 pagine

2006  1540 pagine

Sì, (a causa dell'aumento di produzione di albi di Tex avvenuto negli anni), nel periodo in cui era "affiancato" da Boselli e quindi "non era più sotto pressione"...  Nizzi sceneggiava più tavole di quelle che sceneggiava prima della crisi!

 

Quindi, in conclusione, cosa vediamo?

Vediamo che Nizzi produceva sì tante pagine di Tex, ma non un numero tanto fuori dal mondo...  Boselli lo supera abbondantemente, e tanti altri sceneggiatori Bonelli ci vanno molto vicini (Burattini per me se calcoliamo anche tutte le cose che fa extra bonelli scrive di più, e fa pure il curatore di Zagor, mentre Nizzi non è mai stato curatore di Tex e lavorava da casa) e se non ci arrivano spesso non è perchè non ce la facciano fisicamente, ma semplicemente perchè le testate su cui lavorano hanno quel numero di pagine ogni anni e stop.

 

Oltretutto, dopo la crisi per diversi anni Nizzi ha SUPERATO quella produzione (con gli effetti che tutti abbiamo potuto vedere sulla qualità, certo, ma...  poteva pure farne di meno, ormai non era più l'unico sceneggiatore)

 

Quindi, per me parlare di "superlavoro al di là di ogni limite" è perlomeno esagerato. La produzione di pagine per Tex era alta, ma non impossibile (per fare un altro nome, G.L. Bonelli a quasi 70 anni anni ha prodotto da solo, dal 1969 al 1975 quando la salute l'ha mollato, 1320 pagine all'anno fisse, e con che qualità! (praticamente, rispetto a Nizzi gli mancava solo il Texone, ma Nizzi non ha dovuto tenere quella quantità per sette anni, nei sette anni pre-crisi anche togliendo il 1993 ha una media di 1215 pagine all'anno, cento pagine all'anno di meno di GLBonelli.

 

Queste sono le cifre, inoppugnabili. Di qui in poi ci sono le mie considerazioni personali, opinabili come sempre.

 

Per me non sono state le pagine a far "sbroccare" Nizzi.  Sono state quelle pagine associate alla fatica di farle,e non parlo solo della fatica di sceneggiare (che quella ce l'hanno tutti gli sceneggiatori), parlo della fatica di adattarsi ad un personaggio che non gli piaceva e a uno stile non suo.

Si fa presto a parlare di "professionisti" e a dire che un bravo autore può scrivere tutto... ma non è vero.

Boselli era un lettore di Tex, Tex gli piace ed è riuscito negli anni a renderlo ancor più "suo", per questo ne sceneggia 1840 pagine in un anno (oltre a quelle di Dampyr) senza sbroccare. Non parliamo poi di G.L.Bonelli che aveva creato il personaggio e si identificava con lui, e quindi sceneggiava "in scioltezza" 1320 pagine all'anno senza problemi.

Vediamo invece come un autore in altri ambiti e con altri personaggi bravissimo, tanto da aver segnato la storia del fumetto italiano, come Nolitta...  e su Tex non ce la fa, alterna storie belle ma che con Tex non hanno niente a che fare (come il Giudice Maddox) ad altre dove pare scrivere una parodia di Tex (il segno di cruzado per esempio, o la storia del Cheyenne Club)

Nizzi temo che rispetto a Tex fosse come Nolitta, Tex non gli piaceva, non lo leggeva da "semplice lettore" preferendogli altri personaggi. Non gli piacevano le storie di G.L. Bonelli, da lettore le evitava e ne aveva lette pochissime!

 

Quando lo mettono a scrivere su Tex, che fa? Da vero professionista, si legge un sacco di numeri arretrati (borden potrà confermare come questa cosa sia davvero il segno di serietà professionale, molti sceneggiatori o anche curatori non lo fanno quando scrivono per un personaggio), si SEGNA un tot di frasi fatte (certi "tormentoni" Texiani tipo le patatine fritte in realtà sono "tormentoni Nizziani"...  GLBonelli era un vulcano di idee e di trovate, il linguaggio che i pard usano è estremamente vario, è che da lì Nizzi si è scelto le 3-4 espressioni più comuni o che gli piacevano tipo "tizzone d'inferno" e poi HA USATO SOLO QUELLE per decine e decine di storie, andando "a pappagallo"

Ma è uno sforzo infame, una gran fatica, "scrivere come un altro autore" (e infatti dopo poco le sue peculiarità spuntano fuori, nonostante tutti i suoi sforzi), aggiungici la frustrazione prima del non poter firmare le storie, poi del fatto che Bonelli (secondo lui) gli cassava tutte le buone idee e lo "costringeva" a scrivere storie che non lo appassionavano...

 

È per questo che Nizzi è sbroccato. Perchè per scrivere Tex come lo scriveva all'inizio, doveva fare una gran fatica, per un personaggio che non gli piaceva e per cui non aveva alcun attaccamento. Non `e stato il numero di pagine. Forse anche se Nolitta avesse scritto qualche storia o avessero fatto entrare prima borden, sarebbe sbroccato lo stesso.

 

Perchè dopo la crisi invece riesce a scrivere anche più pagine, senza altri problemi e senza andare in crisi, per altri vent'anni? Ovvio. Perchè quella fatica, quello sforzo, non li fa più. Non fa più nulla per mascherare quello che pensa di Tex e non ci prova nemmeno a fare storie alla GLBonelli, tanto sa che gli basta riempire pagine con bistecche e patatine, far dire ai pards "tizzone d'inferno" e "vecchio cammello" ogni pagina, e ci sono dei lettori che sono già contentissimi così, e non occorre nemmeno sforzarsi per creare misteri, ci piazzi un origlione subito che svela tutto una volta, la fai raccontare da Tex a quello scemo di Carson una seconda volta e alla fine la fai rispiegare di nuovo dai pards allo sceriffo per la terza volta, fra questo e le patatine sono cinquanta pagine riempire ad albo, facile così arrivare alle 1768 pagine all'anno post-crisi...

  • Thanks (+1) 2
  • +1 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">15 ore fa</span>, borden dice:

Per quanto riguarda Tex, è vero che sono un po' indietro rispetto a lui avendo pubblicato sinora "appena" 21.000 tavole contro le 32.000 circa di Claudio che, grazie a me che l'ho riportato nello staff, quest'anno supererà probabilmente l'output texiano del grande GL.

Con il prossimo albo nr. 715 Nizzi dovrebbe superare GLB e diventare lo sceneggiatore con maggior numero di tavole su TEX di sempre.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh, ma ci sono tavole e tavole...  se vogliamo essere rigorosi, la "pagina" alla prima pubblicazione dei tex a striscia era...  la striscia.

 

POI le strisce sono state ristampate in "raccolte in volume" (l'attuale Tex gigante, che si chiama "gigante" per quello...) radunando 973 albi a striscia in quasi cento volumi.

 

Secondo me, contare quelle pagine NELLA RISTAMPA ha poco senso, è come contare il numero di pagine dello sconosciuto di Magnus nella versione rimontata e non in quella originale. (e infatti il calcolo con le ristampe dà un numero farlocco 12.848,33 pagine... come se fosse possibile pubblicare albi da 0,33 pagine...)

 

Se si contano, più correttamente, le pagine NELLA PRIMA EDIZIONE, quelle pagine sono 38.545, e G.L.Bonelli ha sceneggiato 56.529 pagine di Tex in circa quarant'anni di attività sul personaggio, contro le 32.000 di Nizzi e le 21.000 di Boselli...

 

(se il conto non convince, basta vedere che, se teniamo buona l'idea che le tavole si contano sulle ristampe, un eventuale pubblicazione futura dei Tex di Nizzi in digitale in un unica lunga striscia da scorrere su un tablet porterebbe le pagine sceneggiate da Nizzi da 32.000 a meno di trecento...  per evitare assurdità come queste, le pagine vanno contate nella PRIMA PUBBLICAZIONE. A meno che non conti anche le ristampe e allora le conti tutte...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fonte DIMEWEB  Sezione TEX 700  dati al  7.2.2019 

 

GLB                                                                              30.832

 

NIZZI                                                                           30.337

Serie regolare 710-711                                                  220

Serie regolare 714-715                                                  220

Color Agosto 2019                                                         160

                                                                             --------------------

TOTALE                                                                      30.937

 

Di certo non sono andato io a contare le tavole. Buona giornata 😀😀

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di solito si dice "non hai capito quello che ho scritto", ma qui non ci hai nemmeno provato...  :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho capito benissimo. Sono uno a cui piacciono i numeri e non le parole. Qualche post fa hai citato un mucchio di numeri da DIMEWEB, bene per me fanno fede quelli. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">17 ore fa</span>, borden dice:

E io ti ho  detto che la tengo alta da tre decenni.

Inutile cercare di  convincerti con i numeri e ribadire che scrivere su tre o quattro serie non è più facile che scrivere su una, anzi!  Che Nizzi fosse solo è un fatto, infatti ci fu la famosa crisi.  Però poi passò a me gli autori più veloci, come Letteri e Marcello. Ma chiudiamola qui.

Borden ribadisco

Tu hai il tuo modo di scrivere che può piacere o meno

Nizzi fino a che era in forma ha scritto storie molto belle

Ma la pecca maggiore l'ha  fatta Sergio Bonelli stesso non affiancodogli sceneggiatori prima della crisi e non aspettare che crollasse

A me come lettore leggere certe sue storie mi è dispiacciuto molto ma poi non diamogli addosso dicendo che fosse bollito o ci fosse la sua scarsa voglia di scrivere Tex

Bisogna dirla tutta,Nizzi per Tex ha trascurato molto di scrivere Nick  Raider

Ci sarebbe voluto un tandem di sceneggiatori come c'è adesso

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una domanda a Diablero, ma anche agli altri che hanno scritto stanotte. 

Ma come fate? Io alle di 2 di notte dormo e della grossa. Capisco che ora abbiamo tanto tempo, ma....

Davvero complimenti sinceri. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">7 ore fa</span>, Diablero dice:

Vorrei fare qualche considerazione sul cosiddetto "superlavoro" di Nizzi che lo portò alla crisi...

 

La crisi vera e propria avviene nel 1993, anche se già i primi segni di un "disamoramento" dell'autore per il personaggio per me erano già visibili da mesi. In quel periodo, non ci sono ancora Maxi, Color, romanzi, etc, c'è solo Tex e il Texone, quindi servono 1544 pagine ogni anno. (in media, 128 pagine al mese, 4 pagine circa al giorno non contando feste, ferie e malattia)

Questa quantità di tavole è stata realizzata (ai testi) dal solo Nizzi nel 1988, 1990, e nel 1992

(Fino al 1987 almeno un terzo delle pagine sono di altri autori, Nizzi diventa in pratica l'unico autore solo nel 1988, ma nel 1989 e nel 1991 vengono pubblicate le ultime due storie di G.L.Bonelli, e nel 1993 va in crisi e Nolitta scrive metà delle tavole)

 

Veniamo ad oggi (dati presi da DimeWeb).

Nel 2019 sono state pubblicate 3730 pagine di Tex (molto più del doppio di quelle del 1993) in 33 albi (contro i 13 albi del 1993)

Nel 2019 Mauro Boselli ha visto pubblicate 2590 pagine scritte da lui (1840 pagine di Tex, 564 pagine di Dampyr,  le altre divise fra Deadwood Dick e le Storie). Va bene, Mauro è una vera "macchina da storie", allora guardiamo il secondo, Moreno Burattini, che ha pubblicato sempre nel 2019 un totale di 1791 pagine (quasi tutte su Zagor, più qualcuno su Tex)

 

Va bene anche il fatto che per mille ragioni magari in un anno possono uscire anche storie sceneggiate in anni precedenti (come per esempio nel caso del Texone di Villa) e questo potrebbe essere un caso eccezionale. Allora andiamo a vedere i dati degli ultimi dieci anni, dal 2010 al 2019 compresi.  Boselli negli ultimi dieci hanno ha sceneggiato 18715 pagine, cioè una media di 1872 pagine all'anno

(questo, oltre a lavorare in redazione come curatore di Tex e Dampyr... viene il dubbio che si sia fatto spiegare da Martin Mystere l'ubicazione di Tempo Zero...)

 

Torniamo un attimo indietro: quante pagine di Tex ha sceneggiato Nizzi nei dieci anni che lo hanno portato alla crisi? Ecco qua anni per anno:

1984  500 pagine

1985  744 pagine

1986  1012 pagine

1987  1052 pagine

1988  1544 pagine

1989  1389 pagine

1990  1544 pagine

1991  1434 pagine

1992  1544 pagine

1993  958 pagine

totale in 10 anni:   11721 pagine

Sono tante, certo, oltre mille pagine all'anno con punte di millecinquecento...  ma cosa dovrebbe dire Boselli che in dieci anni ne ha sceneggiate 18715, cioè quasi il doppio?

E se andiamo a vedere altri sceneggiatori Bonelli, vediamo che negli ultimi 10 anni Moreno Burattini ha sceneggiato per Bonelli 9947 tavole (e nel frattempo ha scritto pure non so quante centinaia di post nei suoi due blog, due raccolti di racconti, un libro di aforismi, storie varie per altri editore, etc.), Stefano Vietti ne ha scritte 9544 e non mi risulta che nessuno dei due abbia dato segnali di disagio o di crolli. Addirittura Ruju ha scritto 9494 tavole! (mi raccomando borden, tienilo d'occhio, che non vada in crisi...)

 

Ma volete vedere il dato davvero significativo?

Ecco le pagine sceneggiate da Nizzi in anni più recenti, post-crisi...

2000  1104 pagine

2001  1214 pagine

2002  1565 pagine

2003  1768 pagine (il suo record!)

2004  994 pagine

2005  1434 pagine

2006  1540 pagine

Sì, (a causa dell'aumento di produzione di albi di Tex avvenuto negli anni), nel periodo in cui era "affiancato" da Boselli e quindi "non era più sotto pressione"...  Nizzi sceneggiava più tavole di quelle che sceneggiava prima della crisi!

 

Quindi, in conclusione, cosa vediamo?

Vediamo che Nizzi produceva sì tante pagine di Tex, ma non un numero tanto fuori dal mondo...  Boselli lo supera abbondantemente, e tanti altri sceneggiatori Bonelli ci vanno molto vicini (Burattini per me se calcoliamo anche tutte le cose che fa extra bonelli scrive di più, e fa pure il curatore di Zagor, mentre Nizzi non è mai stato curatore di Tex e lavorava da casa) e se non ci arrivano spesso non è perchè non ce la facciano fisicamente, ma semplicemente perchè le testate su cui lavorano hanno quel numero di pagine ogni anni e stop.

 

Oltretutto, dopo la crisi per diversi anni Nizzi ha SUPERATO quella produzione (con gli effetti che tutti abbiamo potuto vedere sulla qualità, certo, ma...  poteva pure farne di meno, ormai non era più l'unico sceneggiatore)

 

Quindi, per me parlare di "superlavoro al di là di ogni limite" è perlomeno esagerato. La produzione di pagine per Tex era alta, ma non impossibile (per fare un altro nome, G.L. Bonelli a quasi 70 anni anni ha prodotto da solo, dal 1969 al 1975 quando la salute l'ha mollato, 1320 pagine all'anno fisse, e con che qualità! (praticamente, rispetto a Nizzi gli mancava solo il Texone, ma Nizzi non ha dovuto tenere quella quantità per sette anni, nei sette anni pre-crisi anche togliendo il 1993 ha una media di 1215 pagine all'anno, cento pagine all'anno di meno di GLBonelli.

 

Queste sono le cifre, inoppugnabili. Di qui in poi ci sono le mie considerazioni personali, opinabili come sempre.

 

Per me non sono state le pagine a far "sbroccare" Nizzi.  Sono state quelle pagine associate alla fatica di farle,e non parlo solo della fatica di sceneggiare (che quella ce l'hanno tutti gli sceneggiatori), parlo della fatica di adattarsi ad un personaggio che non gli piaceva e a uno stile non suo.

Si fa presto a parlare di "professionisti" e a dire che un bravo autore può scrivere tutto... ma non è vero.

Boselli era un lettore di Tex, Tex gli piace ed è riuscito negli anni a renderlo ancor più "suo", per questo ne sceneggia 1840 pagine in un anno (oltre a quelle di Dampyr) senza sbroccare. Non parliamo poi di G.L.Bonelli che aveva creato il personaggio e si identificava con lui, e quindi sceneggiava "in scioltezza" 1320 pagine all'anno senza problemi.

Vediamo invece come un autore in altri ambiti e con altri personaggi bravissimo, tanto da aver segnato la storia del fumetto italiano, come Nolitta...  e su Tex non ce la fa, alterna storie belle ma che con Tex non hanno niente a che fare (come il Giudice Maddox) ad altre dove pare scrivere una parodia di Tex (il segno di cruzado per esempio, o la storia del Cheyenne Club)

Nizzi temo che rispetto a Tex fosse come Nolitta, Tex non gli piaceva, non lo leggeva da "semplice lettore" preferendogli altri personaggi. Non gli piacevano le storie di G.L. Bonelli, da lettore le evitava e ne aveva lette pochissime!

 

Quando lo mettono a scrivere su Tex, che fa? Da vero professionista, si legge un sacco di numeri arretrati (borden potrà confermare come questa cosa sia davvero il segno di serietà professionale, molti sceneggiatori o anche curatori non lo fanno quando scrivono per un personaggio), si SEGNA un tot di frasi fatte (certi "tormentoni" Texiani tipo le patatine fritte in realtà sono "tormentoni Nizziani"...  GLBonelli era un vulcano di idee e di trovate, il linguaggio che i pard usano è estremamente vario, è che da lì Nizzi si è scelto le 3-4 espressioni più comuni o che gli piacevano tipo "tizzone d'inferno" e poi HA USATO SOLO QUELLE per decine e decine di storie, andando "a pappagallo"

Ma è uno sforzo infame, una gran fatica, "scrivere come un altro autore" (e infatti dopo poco le sue peculiarità spuntano fuori, nonostante tutti i suoi sforzi), aggiungici la frustrazione prima del non poter firmare le storie, poi del fatto che Bonelli (secondo lui) gli cassava tutte le buone idee e lo "costringeva" a scrivere storie che non lo appassionavano...

 

È per questo che Nizzi è sbroccato. Perchè per scrivere Tex come lo scriveva all'inizio, doveva fare una gran fatica, per un personaggio che non gli piaceva e per cui non aveva alcun attaccamento. Non `e stato il numero di pagine. Forse anche se Nolitta avesse scritto qualche storia o avessero fatto entrare prima borden, sarebbe sbroccato lo stesso.

 

Perchè dopo la crisi invece riesce a scrivere anche più pagine, senza altri problemi e senza andare in crisi, per altri vent'anni? Ovvio. Perchè quella fatica, quello sforzo, non li fa più. Non fa più nulla per mascherare quello che pensa di Tex e non ci prova nemmeno a fare storie alla GLBonelli, tanto sa che gli basta riempire pagine con bistecche e patatine, far dire ai pards "tizzone d'inferno" e "vecchio cammello" ogni pagina, e ci sono dei lettori che sono già contentissimi così, e non occorre nemmeno sforzarsi per creare misteri, ci piazzi un origlione subito che svela tutto una volta, la fai raccontare da Tex a quello scemo di Carson una seconda volta e alla fine la fai rispiegare di nuovo dai pards allo sceriffo per la terza volta, fra questo e le patatine sono cinquanta pagine riempire ad albo, facile così arrivare alle 1768 pagine all'anno post-crisi...

Discorso che ha un senso. Comunque gli è stato espressamente chiesto di scrivere come GLB, al punto che all'inizio non gli facevano firmare le storie, scrivendo il nome di GLB sul frontespizio. E' chiaro che Nizzi è stato spremuto, all'inizio quasi costretto a fingersi un altro, non deve essere semplice, anche psicologicamente. Immaginati di essere messo li e che ti dicessero, tu fai finta di non essere Diablero ma di essere Valerio e scrivi come lui, poi sul frontespizio scriviamo "Valerio". Poi dopo ti lasciano scrivere il tuo nome ma ti dicono che devi continuare a scrivere con lo stile di Valerio. E' chiaro che sbrocchi. In ogni caso, il discorso che fai sulle frasi fatte può essere vero nel periodo di crisi, dove davvero pare recitare un copione sui dialoghi. Nel terzo centinaio, invece, i dialoghi sono freschi e sovente anche superiori a quelli del predecessore. Il Nizzi di Furia Rossa, Tigre nera, Leggenda della vecchia missione, Sioux etc..nei dialoghi, non ha nulla da invidiare nè a GBL nè a nessuno.

<span style="color:red;">14 minuti fa</span>, Loriano Lorenzutti dice:

Una domanda a Diablero, ma anche agli altri che hanno scritto stanotte. 

Ma come fate? Io alle di 2 di notte dormo e della grossa. Capisco che ora abbiamo tanto tempo, ma....

Davvero complimenti sinceri. ;)

Ah, io massimo alle 11.30 sono a nanna.

Diablero dorme con un occhio solo 😀

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
1 ora fa, andreadelussu74@gmail.com dice:

Borden ribadisco

Tu hai il tuo modo di scrivere che può piacere o meno

Nizzi fino a che era in forma ha scritto storie molto belle

Ma la pecca maggiore l'ha  fatta Sergio Bonelli stesso non affiancodogli sceneggiatori prima della crisi e non aspettare che crollasse

A me come lettore leggere certe sue storie mi è dispiacciuto molto ma poi non diamogli addosso dicendo che fosse bollito o ci fosse la sua scarsa voglia di scrivere Tex

Bisogna dirla tutta,Nizzi per Tex ha trascurato molto di scrivere Nick  Raider

Ci sarebbe voluto un tandem di sceneggiatori come c'è adesso

 

 

 

Ti avevo detto di chiuderla lì. Non mi hai ascoltato.

 

Li leggi i post  di Diablero? Sono troppo lunghi e complicati per te? Provaci.

 

Vedrai che non solo Nizzi ha scritto annualmente meno di quanto scriva io e di quanto scrivesse Bonelli, ma che ha addirittura aumentato la sua produzione quando io sono subentrato. Ci sono state occasioni in cui io NON AVEVO un disegnatore libero per Tex, avevo solo quelli che non piacevano a Claudio, ossia Letteri, Marcello, Capitanio e poi Font. Ho fatto Dampyr anche per  quello, perché NON AVEVO STORIE DA SCRIVERE.

 

La crisi per mancanza di aiuti è una comoda leggenda urbana, come i soggetti cassati da Sergio. Chi era il mio curatore?? LO STESSO SERGIO! Anche a me ha bocciato dei soggetti. E io ne scrivevo altri!

 

Il bravo Claudio è andato in crisi come si va in crisi a volte, per motivi suoi, come Jack Nicholson in Shining. Forse non sa perché neppure lui.

Se non gli piacesse scrivere Tex avrebbe detto picche al mio invito a tornare, no? 

E io l'ho invitato a tornare, perché ho capito che era un suo grande desiderio. Che non gli  andava di tirare i remi in barca e starsene in pensione.

Non ci sono molti autori in giro che conoscano Tex, perciò, con buona pace di Diablero, Nizzi è una risorsa. Ha anche il suo fedele pubblico, felice del suo ritorno. 

Scriverà storie buone e altre così così? Capita a tutti. E' normale.

 

Saranno sempre meglio di quelle di (quasi)chiunque altro.

 

 

 

 

Edited by borden

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">4 minuti fa</span>, borden dice:

Non ci sono molti autori in giro che conoscano Tex, perciò, con buona pace di Diablero, Nizzi è una risorsa. Ha anche il suo fedele pubblico, felice del suo ritorno. 

Scriverà storie buone e altre così così? Capita a tutti. E' normale.

 

Saranno sempre meglio di quelle di (quasi)chiunque altro.

 

Ipse Dixit.

Null'altro da aggiungere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mettiamoci il punto.

Boselli e Nizzi,il meglio ad Ovest del Pecos...😄😃😄😃

Share this post


Link to post
Share on other sites

per quanto riguarda l'inyerviata fi Nizzi lui non ha detto che non vuole Tex agressivo

ha detto solo che il suo e' meno aggressivo di quello di Glb

se guardiamo bene, il Tex di Boselli di oggi non fa mica quei lunghi pestaggi che faceva quello di Nizzi

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 minuti fa</span>, Grande Tex dice:

per quanto riguarda l'inyerviata fi Nizzi lui non ha detto che non vuole Tex agressivo

ha detto solo che il suo e' meno aggressivo di quello di Glb

se guardiamo bene, il Tex di Boselli di oggi non fa mica quei lunghi pestaggi che faceva quello di Nizzi

 

Vero anche questo. Tex picchia sempre meno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
45 minuti fa, borden dice:

 

s

Ti avevo detto di chiuderla lì. Non mi hai ascoltato.

 

Li leggi i post  di Diablero? Sono troppo lunghi e complicati per te? Provaci.

 

Vedrai che non solo Nizzi ha scritto annualmente meno di quanto scriva io e di quanto scrivesse Bonelli, ma che ha addirittura aumentato la sua produzione quando io sono subentrato. Ci sono state occasioni in cui io NON AVEVO un disegnatore libero per Tex, avevo solo quelli che non piacevano a Claudio, ossia Letteri, Marcello, Capitanio e poi Font. Ho fatto Dampyr anche per  quello, perché NON AVEVO STORIE DA SCRIVERE.

s

La crisi per mancanza di aiuti è una comoda leggenda urbana, come i soggetti cassati da Sergio. Chi era il mio curatore?? LO STESSO SERGIO! Anche a me ha bocciato dei soggetti. E io ne scrivevo altri!

 

Il bravo Claudio è andato in crisi come si va in crisi a volte, per motivi suoi, come Jack Nicholson in Shining. Forse non sa perché neppure lui.

Se non gli piacesse scrivere Tex avrebbe detto picche al mio invito a tornare, no? s

E io l'ho invitato a tornare, perché ho capito che era un suo grande desiderio. Che non gli  andava di tirare i remi in barca e starsene in pensione.

Non ci sono molti autori in giro che conoscano Tex, perciò, scon buona pace di Diablero, Nizzi è una risorsa. Ha anche il suo fedele pubblico, felice del suo ritorno. 

Scriverà storie buone e altre così così? Capita a tutti. E' normale.

 

Saranno sempre meglio di quelle di (quasi)chiunque altro.

ss

 

ss

Tex è sempre  Tex

Mi piace che qualche volta sia Nizzi che Boselli riprendano vecchi personaggi o riprendono dele vecchie storie facendone una sorta di seguito

L'importante è non far fare a Tex la fine di Dylan Dog

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, borden dice:

 

 

Ti avevo detto di chiuderla lì. Non mi hai ascoltato.

 

Li leggi i post  di Diablero? Sono troppo lunghi e complicati per te? Provaci.

 

Vedrai che non solo Nizzi ha scritto annualmente meno di quanto scriva io e di quanto scrivesse Bonelli, ma che ha addirittura aumentato la sua produzione quando io sono subentrato. Ci sono state occasioni in cui io NON AVEVO un disegnatore libero per Tex, avevo solo quelli che non piacevano a Claudio, ossia Letteri, Marcello, Capitanio e poi Font. Ho fatto Dampyr anche per  quello, perché NON AVEVO STORIE DA SCRIVERE.

 

La crisi per mancanza di aiuti è una comoda leggenda urbana, come i soggetti cassati da Sergio. Chi era il mio curatore?? LO STESSO SERGIO! Anche a me ha bocciato dei soggetti. E io ne scrivevo altri!

 

Il bravo Claudio è andato in crisi come si va in crisi a volte, per motivi suoi, come Jack Nicholson in Shining. Forse non sa perché neppure lui.

Se non gli piacesse scrivere Tex avrebbe detto picche al mio invito a tornare, no? 

E io l'ho invitato a tornare, perché ho capito che era un suo grande desiderio. Che non gli  andava di tirare i remi in barca e starsene in pensione.

Non ci sono molti autori in giro che conoscano Tex, perciò, con buona pace di Diablero, Nizzi è una risorsa. Ha anche il suo fedele pubblico, felice del suo ritorno. 

Scriverà storie buone e altre così così? Capita a tutti. E' normale.

 

Saranno sempre meglio di quelle di (quasi)chiunque altro.

 

 

 

 

Una fortuna che a Nizzi non piacessero Marcello e Capitanio. Una sfortuna per noi che tu non potessi scrivere piu storie  nel periodo di crisi di Nizzi. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

A Nizzi piacevano Fusco Nizzi Civitelli ticci e Letteri

Le sue storie con Fusco erano belle sopratutto per merito del disegnatore

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non penso Letteri, negli ultimi anni lo ha sempre lasciato a Boselli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'ultima storia di Letteri l'ha scritta Nizzi

Storia con Cinesi che sia Letteri che Nizzi adoravano

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 minuto fa</span>, andreadelussu74@gmail.com dice:

L'ultima storia di Letteri l'ha scritta Nizzi

Storia con Cinesi che sia Letteri che Nizzi adoravano

 

Fidati. A Nizzi non piaceva lavorare con Letteri, lo ha detto lui stesso, e difatti da quando è arrivato Boselli lo ha sempre lasciato a lui.

L'ultima storia per Letteri lìha scritta lui perché in quel periodo Boselli era ammalato ed aveva quasi cessato di scrivere Tex e Zagor per questo motivo.

Tu puoi farti tututti i film che vuoi nella tua testa ma le cose stanno così.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Just now, andreadelussu74@gmail.com dice:

L'ultima storia di Letteri l'ha scritta Nizzi

Storia con Cinesi che sia Letteri che Nizzi adoravano

Forse questa coi Cinesi a Nizzi  poteva andar bene che la disegnasse Letteri, visto che le storie orientaleggianti gli venivani molto bene, pero tutte le altre le ha sbolognate a Boselli. O almeno io ho capito cosi leggendo qua e la nei forum. Boselli sicuramente ne sa qualcosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A Nizzi non piaceva Letteri, lo dice anche nel libro di Guarino.

Il fatto che le storie con Fusco fossero belle per merito di Fusco è una bella cattiveria.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">7 minuti fa</span>, andreadelussu74@gmail.com dice:

L'ultima storia di Letteri l'ha scritta Nizzi

Storia con Cinesi che sia Letteri che Nizzi adoravano

Volevo sapere un fatto, sempre che non sia OT (ma poi, OT chevvordì?):

E' chiaro che Nizzi poteva scegliersi i disegnatori per le sue storie, e mi sembra di conseguenza

che Nolitta e Boselli si spartivano gli "scartati".

 

Questo diritto di veto sui collaboratori è una cosa normale nel mondo del fumetto in generale,

o era una cosa che si era guadagnato sul campo per la storia che all'inizio copriva GLB?

E attualmente ha ancora questo privilegio?

 

Io pensavo che le sceneggiature venissero scritte a prescindere di chi le illustrava e venissero

affidate da parte dell'editore o della redazione all'artista disponibile in quel momento,

anche se nella fase classica era chiaro che a Ticci venivano spesso affidate storie con rivolte indiane,

a Letteri quelle con El Morisco o altri personaggi che aveva contribuito a creare graficamente.

Okay, a Galep spettavano i centenari e le storie con Mefisto e Yama, ma tutti se lo aspettavano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 minuti fa</span>, valerio dice:

A Nizzi non piaceva Letteri, lo dice anche nel libro di Guarino.

Il fatto che le storie con Fusco fossero belle per merito di Fusco è una bella cattiveria.

Mi correggo Nizzi con le storie disegnate da Fusco dava il meglio di se

Fusco era adatto sia a storie ambientate i Arizona che in Canada

Il suo disegno esplosivo comunque aggiungeva molto alla storia

Fusco disegno L'uomo con la frusta

 

<span style="color:red;">6 minuti fa</span>, Carlo Monni dice:

 

Fidati. A Nizzi non piaceva lavorare con Letteri, lo ha detto lui stesso, e difatti da quando è arrivato Boselli lo ha sempre lasciato a lui.

L'ultima storia per Letteri lìha scritta lui perché in quel periodo Boselli era ammalato ed aveva quasi cessato di scrivere Tex e Zagor per questo motivo.

Tu puoi farti tututti i film che vuoi nella tua testa ma le cose stanno così.

Forse non piaceva lavorare con Letteri ma per lui ha scritto belle storie,La locanda dei fantasmi attentato a Whashington e la miniera del terrore

Scusa se è poco

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">4 minuti fa</span>, Dix Leroy dice:

OT (ma poi, OT chevvordì?):

Ma è ovvio: fuori tema.

OT, O come Fuori e T come Tema.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.