Jump to content
TWF MAGAZINE N°18 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
Sign in to follow this  
bressimar

[maxi 1997] Il Cacciatore Di Fossili

Voto alla storia  

34 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

 

 

 

. Non sei tu ad avere gusti opposti a quelli di Havasu, è lui ad averli opposti rispetto a tutto il resto del forum  :P  :P  :P

 

Come evinci dal post di Ymalpas siamo già in due o forse più,dato il peso specifico di Ym.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le vostre considerazioni sono ovviamente ragionevoli e sensate, ma il punto è che io e Leo siamo stati colpiti dalla storia a nostro gusto bellissima e non ci poniamo altri problemi.

 

Come evinci dal post di Ymalpas siamo già in due o forse più,dato il peso specifico di Ym

 

Hahaha, terremo il conto se vi fà piacere, ma siete due, non sarebbe bello se qualcuno credesse di essere superiore agli altri, no?

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho criticato la sceneggiatura di questo Maxi esponendo varie e numerose argomentazioni su "cosa non mi sia piaciuto" ; ora tu e Leo affermate il contrario,cioè che questo Maxi è stato epocale . Due vedute opposte,va bene. Però,se permetti,non ci si può trincerare dietro un "per me è stato bellissimo",bisogna rispondere e confutare i punti che il detrattore (io) ha sottolineato come negativi.  Un abbraccio e buona disamina ! Marco/Havasu

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il caso Segura è diverso: non conosceva a sufficienza il personaggio, motivo per cui le sue storie erano troppo lontane dalla tradizione e molto lacunose soprattutto nei dialoghi, che infatti vengono riscritti prima della pubblicazione. (da intervista tratta da ubc)

 

Con Nizzi siamo almeno in tre.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Però,se permetti,non ci si può trincerare dietro un "per me è stato bellissimo",bisogna rispondere e confutare i punti che il detrattore (io) ha sottolineato come negativi.  Un abbraccio e buona disamina ! Marco/Havasu

 

Bah, non credo, che tu abbia commentato o no non vedo cosa dovrebbe cambiarmi, mica sono obbligato a confutare e a risponderti, io ho fatto il mio commento e detto la mia, in questa non ho trovato proprio niente da analizzare, da quanto bella mi è sembrata, ho messo in luce questo: quando ho terminato di leggerla e ho chiuso il maxi ho pensato: Peste, questa storia è eccezionale, sarei andato a ricercare in maniera dettagliata come hai fatto tu se a fine lettura fossi stato motivato dal fatto che la storia non mi piacesse, ma contrariamente l'ho trovata come l'ho trovata, al di là dei personaggi, di Carson e di tutto il discorso, cioè, tu dici quello che vuoi: e a me non interessa nulla, sono impressioni personali, l'ho trovata bella così e la scenggiatura mi piace così com'è, che altro? Ecco forse mi sono dimenticato solo una cosina: Trovo queste storie di Segura molto molto cinematografiche.

:)

 

Con Nizzi siete 3, beh anche lui poteva avere le sue opinioni, no? hehehe

Io invece affermo che le storie di Segura mi piacciono e non le trovo cosi lontane dalla tradizione e inaccettabili, per nulla, i dialoghi se erano scorretti sono comunque stati riscritti, e io dunque giudico questi che sono "corretti" e non quelli originali di Segura, per quelli non posso giudicare...

:)

Edited by John Deere

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con Nizzi siete 3, beh anche lui poteva avere le sue opinioni, no? hehehe

Io invece affermo che le storie di Segura mi piacciono e non le trovo cosi lontane dalla tradizione e inaccettabili, per nulla, i dialoghi se erano scorretti sono comunque stati riscritti, e io dunque giudico questi che sono "corretti" e non quelli originali di Segura, per quelli non posso giudicare...

:)

 

 

Ma si parlava di peso specifico degli utenti, carissimo, da qui la citazione di Nizzi ( anche se non è un utente di questo forum è pur sempre un autore ). Se poi parliamo di me, figurati, io sfioro il quintale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho riletto questa storia dopo un bel po' di tempo, e posso dire che mi ha irretito come la prima volta: siamo davanti ad un indiscutibile CAPOLAVORO. Ciò che colpisce è la gestione di una messe così abbondante di comprimari: il rischio di un'accozzaglia, con così tanti personaggi, è sempre in agguato e invece Segura costruisce un impianto solido e senza sbavature, con le varie situazioni che si intrecciano in maniera fluida e si innestano con perfetto sincronismo. Allo stesso modo, in questa storia riescono a convivere in maniera perfetta la tragedia e la commedia. La commedia sta nelle tante situazioni umoristiche presenti, dal vecchio Salomon alla storia d'amore tra Lynn e la signorina Cope, per non parlare della splendida scena del Vecchio Cammello rubacuori con la balena :D (anche se a volte Segura obiettivamente eccede con Carson riducendolo a macchietta anche più di quanto non facesse Nizzi). La tragedia, cupa, sta nel capo abbassato del vecchio sceriffo, quando avanza accanto al futuro genero che porta tra le braccia il corpo della figlia; la tragedia è nel cuore di Yana, sconcertante madre disposta a tradire il proprio figlio pur di liberarlo dal tormento dell'odio; la tragedia è nell'intenso primo piano muto di Little Wolf quando si rende conto che quel nipote che avrebbe accolto con gioia è invece uno spirito maligno; ma la tragedia è soprattutto nella figura di Four Bears, ragazzo sfortunato, rinnegato per i bianchi e per gli indiani, un emarginato nel cui cuore ferito non può che albergare atroce odio. Oltre a Four Bears, vero protagonista della storia è indiscutibilmente Red Barnum. Le scene che lo coinvolgono non presentano mai dialoghi banali. Il suo stile smozzicato, i suoi occhi velenosi, la consapevolezza del suo fato lo rendono un personaggio di per sè affascinante. Ad assicurargli gloria imperitura è poi la sua fine, quando salva i due rangers e, finalmente, "la pallottola non fa più male". Se la storia diverte, sconcerta e commuove, il merito non va alla sola superba sceneggiatura. Il tanto bistrattato Ortiz qui propone un altro capolavoro, nella resa grafica (semplicemente perfetta) dei tanti personaggi e nell'incredibile e suggestiva bellezza dei paesaggi naturali. Storia che a buon diritto fa parte del gotha texiano.

 

Havasu, mi autoquoto perché il commento è contiguo alla lettura, e non la rileggo da allora... Ma mi pare che il commento sia abbastanza dettagliato e totalmente contrario a quello che è parso a te, dall'approfondimento psicologico dei personaggi alla tragedia del vecchio sceriffo. Ripeto, non rispondo alla tua analisi perché la storia non ce l' ho fresca e perché probabilmente mi ripeterei... quanto al peso specifico di Nizzi, lui è riuscito a criticare pure Gli Invincibili...

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Con Nizzi siete 3, beh anche lui poteva avere le sue opinioni, no? hehehe

Io invece affermo che le storie di Segura mi piacciono e non le trovo cosi lontane dalla tradizione e inaccettabili, per nulla, i dialoghi se erano scorretti sono comunque stati riscritti, e io dunque giudico questi che sono "corretti" e non quelli originali di Segura, per quelli non posso giudicare...

:)

 

 

Ma si parlava di peso specifico degli utenti, carissimo, da qui la citazione di Nizzi ( anche se non è un utente di questo forum è pur sempre un autore ). Se poi parliamo di me, figurati, io sfioro il quintale.

 

 

Scusa la domanda, caro Ymalpas, ma cosa intenti per peso specifico? Intendi superiorità per alcuni e discriminazione per altri?

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.