Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
Sign in to follow this  
Anthony Steffen

I Vip Che Leggono Tex

Recommended Posts

Come e' gia ben noto,Tex e' il fumetto piu' longevo e venduto d'Italia. Un fumetto che fa parte della cultura italiana, un patrimonio della letteratura popolare e un fenomeno mediatico senza precedenti. Centinaia i libri, nel corso degli anni, usciti in libreria che parlano del nostro ranger, saggi, analisi, e' stato perfino oggetto di tesi di laurea nonche' al centro di dibattiti politici. Le sue avventure hanno accompagnato la vita di milioni di italiani. Molti gli intellettuali e scrittori che si sono cimentati nel dare una motivazione a questo successo editoriale senza precedenti, nonche' attori, cantanti e politici che nel corso della loro carriera hanno manifestato il loro amore per Tex, dichiarandosi dei veri e propri fan del cowboy in maglietta gialla.
Questo topic raccoglie una galleria di nomi famosi che, nel corso degli anni, hanno reso noto la loro passione per Tex Willer:


ON. FAUSTO BERTINOTTI
Immagine postata
Fan e lettore di Tex.
Frasi famose:"Sono il Tex Willer comunista"-
___________________________________________





PIERO PELU'
Cantautore
Immagine postata
Estimatore e lettore di Tex.
Nel 1988 scrive e canta per i Litfiba una canzone dal titolo "Tex", un omaggio indiretto al fumetto.
_________________________________________________








ROBERTO BENIGNI
Attore, comico, showman.
Immagine postata
Lettore e fan di Tex
Frasi famose:In occasione dell'assegnazione del premio per lo spettacolo della Niaf (l'associazione degli italoamericani)nel 2003 a Washington ha illuminato il gala della comunit? italiana negli Usa citando Tex Willer dicendo:"Ho una cattedra a Tucson, Arizona, insegno un corso su Tex Willer".
Nel 1993 in un commento inerente ai fatti politici dell'epoca afferma " I magistrati di Milano sono come il mio fumetto preferito: Tex Willer. "Di Pietro è Tex, Tiger Jack è Borrelli e Kit Carson è Ghitti... "
Sempre nel '93 citando i suoi poeti preferiti Petrarca e Leopardi dice:"Erano due che non facevano mai l' amore, li univa l' assenza dello sdraiarsi e, insomma, del fare quella cosa l'. Ma anche a Tex Willer gli mancava questa cosa... Però per lui è un altro discorso, c' era la morte di sua moglie Lilith"
Nel '92 in occasione del lancio del suo film "Il figlio della Pantera rosa" alla domanda dell'intervistatore di turno che gli chiede come mai era stato scelto per interpretare quel personaggio,Benigni risponde:"Mi hanno fissato l' appuntamento a Los Angeles. Dodici ore d' aereo per un incontro di tre secondi: un saluto e una stretta di mano. Il piu' breve provino della mia carriera". "Certo . continua . nella vita potevo aspettarmi d' essere l' amante di Tex Willer, ma mai avrei immaginato di diventare il figlio della Pantera Rosa".
___________________________________________________________




ALESSANDRO DEL PIERO
Calciatore
Immagine postata
Lettore di Tex.
Ha da poco comprato l'intera collezione di Tex per conoscerlo meglio.
_________________________________________________________




SERGIO COFFERATI
Sindaco di Bologna
Immagine postataImmagine postata
Texomane incallito nonche' collezionista
Ne è così appassionato che ne tiene una copia sulla sua scrivania di sindaco e ha un'intera stanza della sua casa dedicata al popolare fumetto western.
Nel 1998 esce un libro "Il mio amico Tex" che tratta una lunga intervista in cui Cofferati, da vero esperto, analizza le storie di Tex.
Immagine postata

Frasi famose:"Tex Willer e la sua storia sono precursori dei valori positivi sui temi dell' immigrazione. Pensateci: Tex sposa una donna indiana ha un figlio con lei e vive in perfetta sintonia con gli indiani Navajo tanto che diventa il loro rappresentante col nome di Aquila della notte. Dunque il fumetto propone, in anni lontanissimi, un' idea positiva del rapporto tra razze diverse con storie e culture differenti"
"Tex non puo' essere di destra e Mefisto ricorda Berlusconi Tex Willer, il Ranger per antonomasia che fa rispettare la legge a suon di cazzotti e non esita a schierarsi a fianco degli indiani."
"Il buonismo suo e dei suoi compagni di ventura, i cosiddetti "pards", e' il buonismo dei forti. La forza e il coraggio di Tex, e anche il ricorso alla violenza, sono buoni e santificati perche' affondano le loro radici nella giustizia."
_________________________________________________



FRANCESCO GUCCINI
Cantautore
Immagine postata
Collezionista e lettore di Tex
__________________________________________________



UMBERTO ECO
Scrittore, filosofo, saggista, semiologo, linguista e bibliografo.
Immagine postata
Lettore ed estimatore di Tex. E' intervenuto ed e' stato autori di diversi articoli sul ranger, apparsi sui quotidiani nazionali piu' importanti.
_____________________________________________________



TEO TEOCOLI
Showman, attore.
Immagine postata
Fan e lettore di Tex.
Frasi famose:Teocoli, che cosa legge? "Ho letto "Il Padrino", "Papillon" e tutto su Tex Willer!
_______________________________________________________




GIORGIO FALETTI
Scrittore, attore, comico
http://i41.tinypic.com/2uidkdj.jpg
Fan e lettore di Tex.
Nel 2006 scrive un libro dal titolo "Fuori da un evidente destino", un thriller costruito attorno alla personalit? affascinante di un Navajo e al ruvido Far West, proprio quello di Tex Willer.
__________________________________________________________




DAVID RIONDINO
Cantautore, attore, regista, scrittore
http://i39.tinypic.com/311wdfo.jpg
Fan e lettore di Tex.
Ha scritto nel 1989 una canzone dedicata al ranger dal titolo "Le stade di Tex"
______________________________________________________________






GIANRICO CAROFIGLIO
Magistrato, scrittore e senatore.
http://i44.tinypic.com/2m81ljt.jpg
Appassionato di Tex.
Ha partecipato ad un libro particolare dal titolo "Corpo a copro. Le interviste impossibili", dove si chiede ad alcuni grandi scrittori del nostro tempo di scegliere un personaggio storico o mitologico o letterario o immaginario a cui hanno delle domande da fare. Carofiglio ha scelto di fare delle domande a Tex Willer.
_________________________________________________________________





GIULIANO GEMMA
Attore
http://i42.tinypic.com/2jfs53.jpg
Estimatore e lettore di Tex.
_____________________________________________________________






FRED BONGUSTO
Cantante
http://i44.tinypic.com/2nc2vj4.jpg
Appassionato e collezionista di Tex
______________________________________________________________





RICCARDO FOGLI
Cantante
http://i41.tinypic.com/eswa9y.jpg
Appassionato e lettore di Tex
Negli anni '70 quando ancora era un membro dei Pooh, quando doveva uscire l'inedito di Tex la sera prima in coincidenza di un concerto rimaneva sveglio insieme agli altri componenti della band per comprare l'albo appena uscito fresco fresco in edicola.


E questi sono solamente quelli conosciuti, e sicuramente ci saranno altre persone famose che leggeranno Tex.

Share this post


Link to post
Share on other sites

?Ma una volta, quando eravamo piccoli, gli sceriffi non erano i buoni??. Cosè il primo cittadino di Bologna, Sergio Cofferati, ha risposto ieri a chi lo accusava di voler essere un sindaco-sceriffo. ?Quando mi paragonano a Tex Willer - ha aggiunto - ricordo che Tex è amico degli indiani?. Il personaggio di Bonelli è da sempre l' eroe preferito da Cofferati. Una passione nata da bambino, come lui stesso una volta ha raccontato: ?Io a seguire le avventure di Tex ho cominciato a tre anni, negli anni cinquanta. Non sapevo ancora leggere, guardavo le figure?. Una copia del fumetto è sempre stata, poi, sulla sua scrivania di sindacalista e pare che non manchi neanche su quella di sindaco di Bologna. ?Tex non l' ho mai tradito - ha confessato - ho una stanza apposta, a casa mia?. Perchè lo sceriffo disegnato da Bonelli è un modello ?positivo, sta dalla parte dei giusti (non dico dalla parte dei buoni, termine inflazionato, di questi tempi...) ha coraggio e dignit?, è un bianco, ma viene nominato anche capo degli indiani?. Nel 1998 è stato pubblicato un libro dal titolo eloquente: "Il mio amico Tex". Autore, Sergio Cofferati. ( da un'articolo di Repubblica )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tex Willer giustiziere? Nei ricordi dei lettori, soprattutto uomo di legge. ?E oggi, sicuramente, un pacifista, se pensiamo a quante guerre fra indiani ed esercito riesce a scongiurare - dice Patrizio Roversi, velista per caso e texiano per scelta - Nel difendere i navajos emenda i suoi modi politicamente scorretti, visto che va avanti a suon di sganassoni. E poi Tex è anarchico, è un disobbediente, è insofferente alla disciplina militare. Quanto alle sue storie, sembrano uscite dalle pagine di Propp: crisi, reazione dell' eroe, lieto fine. Una struttura rassicurante da fiaba per adulti. Adulti? Mia figlia Zoe, che ha 8 anni, legge tutti gli albi che porto in casa. E sono tanti, ricompro anche le ristampe. In onore di Tex ho provato anche a imparare a cavalcare ma le colline bolognesi non sono l' Arizona?.


Tex Willer superato? ?Tex è grunge e i ragazzi di cui parliamo a Zelig guardano piuttosto i Simpson - spiega Marco Silvestri, "Nucleo" dei Pali e Dispari - Tex è piuttosto distante da loro ma essendo un personaggio superiore alle sue storie è diventato un mito, una cartoonificazione di John Wayne impolverata che parla poco?.


Tex piace ancora? ?Direi proprio di sè - è l' opinione di Gino Vignali, autore comico della ditta Gino & Michele - Nel '90 avevamo arredato la casa di Teo Teocoli in una nostra sitcom con i suoi albi. Sergio Bonelli mi regal' la serie dall' 1 al 350. La scorsa estate me ne hanno rubati 50, scelti numero per numero, da qualcuno che evidentemente doveva completare la sua, di collezione?.


infine, Tex come modello? ?Certamente - è il ricordo dell' attore Paolo Rossi - in vacanza per me le Dolomiti erano le Montagne Rocciose?. Il bello è che era vero, erano le Dolomiti il modello di Galleppini. ?In Tex e nei fumetti in genere trovavo il respiro dell' avventura, con in più un benefico sforzo di immaginazione richiesto al lettore - continua Rossi - E poi, mi piaceva il West. Da bambino, tenni un dito premuto sul mento per un mese, per farmi venire la fossetta come Kirk Douglas. Giravo con il sorriso a tutti denti come Burt Lancaster e siccome lui in Vera Cruz si passa l' olio da cucina nei capelli a mo' di brillantina, lo feci anch' io a un pranzo con parenti. Si incazzarono tutti?.



Articolo di Stefano Rossi apparso su Reppublica il 27 febbraio 2003.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giovanni Trapatonni

Immagine postata

Immagine postata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perdonami per la mia ignoranza, ma come hai ottenuto queste informazioni?Sono molto curioso al riguardo....

Sono frutto di una raccolta di informazioni in internet e attraverso la lettura di riviste varie nel corso degli anni. Grazie a Zeca per l'aggiunta di Mister Trapattoni, di cui ignoravo la sua passione per Tex! haha

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mister Trapattoni

Trapattoni del mio BENFICA :indianovestito:

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è anche Loredana Bert?, il cui album, ?Bertex, ingresso libero?, nella copertina riproduce l'eccentrica cantante ritratta nei panni del ranger.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Radio Dee Jay. Il conduttore Linus durante il programma Dee Jay chiama Italia, ha dimostrato di conoscere bene i quattro pard e ha ammesso di averli invidiati mentre, sulla strada per "Laredo" discutono delle "succulente bistecche alte un dito e contorno di patatine fritte"...

Share this post


Link to post
Share on other sites

FRANCESCO GUCCINI
Cantautore
Immagine postata
Collezionista e lettore di Tex
__________________________________________________


Consiglio a tutti di guardare 'sto video (storica canzone), dove, sul finale, Guccini ringrazia i propri strumentisti, definendoli, parafrasando Tex (che ritiene "il massimo della letteratura mondiale" :generaleN: ), i suoi "pards". :generaleN:

Share this post


Link to post
Share on other sites

?Ha la mia età, ma lui non invecchia?


Intervista di Renato Pallavicini a Cofferati, L'Unit?, 28 settembre 2008


Cavalcarono insieme: parliamo di Tex e di Sergio Cofferati, tutti e due sessantenni. Cofferati, ex segretario della Cgil e oggi sindaco di Bologna, si sa, è un grande lettore e ammiratore del personaggio creato da Gianluigi Bonelli e Aurelio Galleppini.

Io e Tex siamo coetanei, come lui sono nato nel 1948, ma per lui il tempo non passa mai, ha il privilegio di restare quello che era. Kit Carson è invecchiato di più, il piccolo Kit è cresciuto, mentre anche Tiger Jack sembra sempre lo stesso.

Quando ha cominciato a leggere Tex e perchè le piace così tanto?

Sono stato un lettore bulimico fin da piccolo. Ovviamente leggevo molti fumetti, Il Corriere dei Piccoli e Tex , anzi prima guardavo solo le figure, non ero ancora in grado di leggere. Allora correva l'idea strampalata che se un bambino leggeva i fumetti non avrebbe più letto i libri, ma non è così e devo dire che la mia famiglia non mi ostacol'. Oggi viaggio moltissimo e libri e fumetti sono straordinari compagni di viaggio, non parto mai senza. Del fumetto ho sempre apprezzato più cose: come ovvio le storie e la grafica che è molto importante. In Tex le storie non sono mai sciatte, le ambientazioni accurate, i riferimenti storici, etno-antropologici molto rigorosi e questo d' la qualità.

L'editore Sergio Bonelli dice che oggi il West non possiede più il fascino di un tempo. Lei è d ?accordo?

S?, il West è stato molto ridimensionato, nel cinema e nelle arti visive, ma il fumetto di Tex resta un ambito nel quale si può ricostruire quel fascino: ha un valore di supplenza di alcuni miti.

Quali sono i valori di Tex. Sono cambiati in questi sessant ?anni?

Ci sono, nelle storie, riferimenti temporali e socioculturali legati agli anni, casi di atteggiamenti figlio del proprio tempo. Ma una delle cose di cui dar merito a Tex è che tutte le sue avventure portano acqua al mulino del rispetto reciproco, della convivenza, dei rapporti corretti tra le persone. E poi c'è il pudore dei sentimenti, l'amicizia, l'affetto paterno che vengono presentati come valori positivi, solidi, ma mai esibiti.

Non è un mistero che qualcuno l'ha definito sceriffo per le sue prese di posizione decise contro l'illegalit?: si sente più sceriffo o ranger?

Nel lessico quotidiano sceriffo aveva un riferimento positivo, era colui che combatteva banditi e criminali. Il fatto che oggi non venga più sentito così non è affatto bello e dovrebbe far riflettere molti. Io faccio il sindaco e chi svolge funzioni istituzionali deve cercare di rappresentare e difendere comunit? complesse, di etnie diverse, come lo sono le città.

Tex combatte il sopruso e la corruzione in ogni sua forma: razziatori di mandrie, rapinatori di banche, indiani che tradiscono la loro cultura e si comportano come i loro persecutori bianchi. Ma se Tex fosse un sindaco di oggi con chi se la dovrebbe vedere?

C?? una costante che vale nella realtà: la legge è fondamentale per i più deboli. Qualsiasi forma di criminalit?, in primo luogo, colpisce le persone più fragili. Si dice che caos e insicurezza riguardano tutti: è vero, ma non è sufficiente, perchè tutti non sono forti allo stesso modo. E questo non vale soltanto per la microcriminalit?, vale anche per i grandi crimini economico finanziari che colpiscono in misura maggiore sempre i più deboli.

Oltre a Tex, quali altri fumetti legge il sindaco Cofferati e quali preferisce?

Come ho già detto sono un lettore bulimico e guardo un po' tutto quello che c'è in giro. Ma da unpo' di tempo sono tornato a guardare autori di qualche decennio fa. Accade come per la letteratura che si ritorni a leggere i classici. Cosè mi sono riletto Hugo Pratt e Dino Battaglia, soprattutto le loro prime cose, quelle argentine di Pratt e le storie di guerra disegnate da Battaglia per gli editori inglesi. Qualche sera fa, spostando carte e vecchi libri, ho ritrovato gli albi del Principe Valiant di Harold Foster. Ho cominciato a rileggerlo e ho finito per andare a dormire molto tardi?.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel settembre del 2005, rispondendo agli ultimi insulti di Berlusconi, che gli aveva aizzato contro il suo "popolo", Follini ha risposto tramite tg: ?Non parlo con lingua biforcuta?. Battuta geniale, attraverso la quale noi del TWF abbiamo scoperto di avere qualcosa in comune con il leader dell'Udc: la lettura di Tex!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si racconta che Giulio Giorello, celebre professore di filosofia all'Universit? Statale di Milano, ponga un solo requisito per la lode: l'esatta risposta alla domanda su Tex !

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da un'immagine scovata sul suo sito, sembra inequivocabile: Drupi legge Tex!

Immagine postata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo di non sbagliare nel dire che anche Paolo Bonolis è un lettore di Tex... lo ha citato più volte, ad esempio quando conduceva "Striscia la notizia", e in una puntata di "Ciao Darwin" dell'anno scorso o di due anni fa, compariva un attore che interpretava Tex;e il Bonolis metteva la cosa in evidenza, ripetendo più volte il nome del nostro ranger... Per quanto riguarda Teocoli, rileggetevi la posta del tuttoTex n.113...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che gli piaccia non è certo, ma di sicuro Niccol' Ammaniti conosce Tex: nel suo ultimo romanzo, Che la festa cominci, un personaggio è descritto come "identico a Mefisto, il nemico storico di Tex".

Immagine postata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non e' Piero Pelu' il fan e lettore di Tex ma il suo socio Ghigo Renzulli, grande appassionato di fumetti Bonelli, che ha fornito gli spunti per i testi di Tex e Cangaceiro (da una storia di Mister No), due cavalli di battaglia del repertorio Litfiba. Drupi invece e' stato citato anche nel redazionale di qualche numero fa (non ricordo se inedito o ristampa). In uno dei suoi ultimi pezzi ha citato G. L. Bonelli. Confermo anche il recente scomparso Giorgio Faletti, che scrisse un bellissimo articolo su repubblica qualche anno fa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E invece avoglia che anche Pel' è fan di Tex, ricordo un suo articolo su Repubblica di qualche anno fa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tristissima la notizia della scomparsa di Giorgio Faletti :(

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi è capitato di leggere un articolo di Massimo Fini, giornalista piuttosto anticonvenzionale che scrive cose geniali ed a volte altre che mi fanno inorridire, che parla proprio del nostro ranger. Scrivendo sempre da cellulare non riesco a linkarlo (ahime) ma googlando "massimo fini tex" appare come primo risultato. In ogni caso ecco un altro personaggio noto che è cresciuto col nostro eroe.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">7 minuti fa</span>, Chinaski89 dice:

Mi è capitato di leggere un articolo di Massimo Fini, giornalista piuttosto anticonvenzionale che scrive cose geniali ed a volte altre che mi fanno inorridire, che parla proprio del nostro ranger. Scrivendo sempre da cellulare non riesco a linkarlo (ahime) ma googlando "massimo fini tex" appare come primo risultato. In ogni caso ecco un altro personaggio noto che è cresciuto col nostro eroe.

 

Grazie Chinaski della segnalazione! Ci penso io a riportare il link, direi che sia questo:

 

http://www.massimofini.it/1988/vecchi-e-nuovi-ipocriti-aquila-della-notte-vi-colpira

 

Un bell'articolo!

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a te era proprio questo :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bello l'articolo di Fini... lui è un personaggio controverso, certo, anche se sulla politica estera americana spesso ha detto cose giustissime soprattutto contro la vecchia amministrazione Bush. In quest'articolo però fa un quadro inappuntabile del Tex bonelliano... qualcosa che forse, a mio parere, il buon Manfredi dovrebbe leggere attentamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.