Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
bressimar

[382/384] La Tigre Nera

Voto alla storia  

60 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

Anche io l'ho riletta nel corso delle notti passate, e continuerà a farlo... L'unico piccolo difetto secondo me è nei disegni: nel complesso Villa è stato fenomenale, ma a mio avviso non ha reso granchè bene i tratti somatici dei malesi (Tigre compresa). Si tratta di un'inezia, beninteso...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Senza parole.

Riletta poco fa dopo anni... non me la ricordavo... è una storia pazzesca.

Tex è Carson rasentano la perfezione in questa storia, è umanamente impossibile farli meglio di così, graficamente ma sopratutto scenograficamente.

Cioè non ho davvero parole, l'unica cosa che posso fare è sbavare davanti a questo capolavoro assoluto.

Darei 11.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' stata la volta della rilettura di questo capolavoro nizziano uscito nei primi anni novanta. Nei messaggi precedenti avevo parlato solo dell'errore della scena del montacarichi senza entrare nel merito del resto della storia che è, nell'ordine, la quarta più bella, IMO, scritta dal Nizzi prima maniera o pre - crisi.

 

Dare vita a un antagonista di questo spessore non era indubbiamente la cosa più facile del mondo.

 

Nizzi decise di affidarsi al mondo salgariano, cosa che aveva tentato, con assai meno successo, di fare qualche anno prima quando fece ricorso ai Thugs.

 

Se il crudele Raymangan ne "Gli strangolatori" ricalcava lo spietato Suyodhana de "Le due Tigri", il principe Sumankan ha il doloroso passato della Tigre della Malesia.

 

Nel prezioso libro "Tex secondo Nizzi" lo sceneggiatore modenese precisa che la decisione di scrivere di un catttivone di prim'ordine gli era arrivata dalle critiche dei fanzinari che lo accusavano di puntare troppo su un Tex invincibile.

 

Per metterlo in seria difficoltà serviva dunque un personaggio eccezionale, simile a Mefisto o a Yama, che erano personaggi all'epoca tabù. E Sergio precisò subito di non volere una storia del tipo "magico-fantastico".

 

Il nuovo personaggio doveva essere, invece, un fanatico mattoide, un orientale come da tradizione spietatissimo, che potesse appoggiarsi su una setta e celare il proprio viso dietro una maschera, in modo da potersi anche cammuffarsi in altri personaggi (tutte cose già viste nella serie e che in ogni storia avevavo lasciato il segno).

 

Nizzi ammette, nel libro, di non aver pensato all'epoca a Sandokan e possiamo credergli perché, se eccettuiamo il breve flashback in cui si narra come Sumankan fu spodestato dal suo regno nel Borneo e di come si diede da allora alla pirateria, niente nel seguito della storia ricorda il pirata nato dalla fantasia salgariana. E i due personaggi, pur avendo lo stesso background, hanno pochissimo in comune.

 

Per me, in definitiva, è il miglior personaggio creato da Nizzi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La storia è nettamente un capolavoro ed una pietra miliare della serie, con l'innesto di un cattivone che arriva quasi al livello di Mefisto per osticità e crudeltà.

A parte le figure da giuggiolone che il povero Mac Parland fa di continuo, e che ne appannano in questa storia decisamente il carisma, tutto il resto è perfetto.

la scena dell'Amleto iniziale con il buon Carson che assiste estereffatto alla scena dei becchini, suggerendo al proprietario del teatro di licenziarli, è da oscar: uno humor davvero di alto livello come solo Nizzi poteva rendere.

Un nido di serpenti viene scoperchiato dai pard: i nemici sono in guanti bianchi e difficilemente rintraccaibili (se non da un segugio come Tex che li fiuta tutti quasi subito), e la Tigre inoltre ha studiato perfettamente il mondo dei bianchi, riuscendo a farsi passare per più personaggi, con cui controlla gli infidi alleati della setta.

l'ultimo albo è adrenalinico.I disegni di Villa sono perfetti.

Senza dubbio,anche per me, il miglior personaggio creato dalla penna del Vecchio Leone...

Edited by Barbanera

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non potevo esimermi dal scrivere un commento su questa storia a me molto cara. "La Tigre Nera" rappresenta a mio avviso una delle migliori sceneggiature create da Nizzi per la saga di Aquila della Notte. Un giusto mix di azione, mistero, ironia, spionaggio, agguati, indagini vorticose, il tutto reso molto avvincente dalla presenza di un antagonista di spessore (che sembra uscito da un romanzo di Salgari) e dallo stato di perfetta forma dei due rangers, tirati a lucido per l'occasione. La sessione finale di "Percorso infernale" poi, è uno dei più avvincenti epiloghi della serie, dove trabocchetti, colpi di scena e svariati duelli nel labirinto, fa scorrere l'adrenalina a fiumi. Il merito dell'ottima riuscita dell'episodio va indubbiamente suddiviso con gli stratosferici disegni di Villa, che sfodera tavole stupende, arricchite da inquadrature da urlo e particolari dettagliatissimi, che provano l'inconfutabile grandezza di colui che ritengo sia uno dei migliori fumettisti mondiali. Col senno di poi, confesso che rimpiango la scelta fatta allora dalla casa editrice che lo promosse nel meritatissimo ruolo di copertinista; ovviamente non certo per la qualità delle cover, che in questo quarto di secolo è rimasta sempre eccelsa, ma per la conseguenza di non averlo più potuto apprezzare con regolarità fra le tavole della serie. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottima storia con il miglior villain creato da Nizzi ed i due pards in forma smagliante, il tutto con l'aiuto, e non é poco, degli splendidi disegni di Villa.
Certo, si potrebbe obiettare che Tex e Carson non riescono a sventare neanche un omicidio e che gliene fanno troppe sotto il naso, ma sta nella sceneggiatura che la Tigre si prenda gioco dei tutori dell'ordine prima di essere scoperto.
Dopo una prima parte puramente cittadina, si apre uno scenario nuovo e, a tratti, inquietante, all'interno di un castello popolato da malesi che tanto ricordano i cattivi delle opere di Salgari.
Ciliegina sulla torta i due giganti. E' bello, ogni tanto, vedere Tex in difficoltà nel corpo a corpo (non si può mica pensare che sia l'uomo più forte del mondo), anche se in questo caso abbiamo dovuto scomodare due bestioni di due metri e passa ciascuno. La scena in cui Tex accende il candelotto di dinamite, girato di spalle, con Carson che lo esorta a sbrigarsi, é da antologia.
Sui disegni non mi pronuncio (vedere voto).
Voto alla storia: 8,4
Voto ai disegni: 9,5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Storia SUPERLATIVA , disegnata stupendamente in tutto e per tutto dal maestro Villa:inch::wub::inch::wub: Esilerante scena in teatro, colpo  di scena all' inizio ( non immaginavo  che Morel c' entrase qualcosa )  , un nemico semplicemente  superlativo( io vado pazzo per la Tigre Nera, è  il mio personaggio preferito) , dialoghi da  oscar, sceneggiatura  perfetta, mitica la scena  del terrore di Morel con superlativo colpo di scena, memirabile lo scontro  in cui Tex deve  scegliere  se farsi spezzare  il collo o farsi invitare a cena, trabocchetti  finali  magnifici. Insomma, si merita un bel 10.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Storia di bellezza monumentale. Semplicemente perfetta. La Tigre assieme a Mefisto è il miglior antagonista mai creato su Tex. Sceneggiatura perfetta e dialoghi veramente eccezionali, ironici, pungenti, divertenti, decisi come dovrebbero sempre essere su Tex. Capolavoro epocale. Non mi piace far classifiche ,a tra quelle di Nizzi rientra nelle prime 5 certamente. E in assoluto è un caposaldo della serie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottima storia con il miglior villain creato da Nizzi ed i due pards in forma smagliante, il tutto con l'aiuto, e non é poco, degli
splendidi disegni di Villa.

Certo, si potrebbe obiettare che Tex e Carson non riescono a sventare neanche un omicidio e che gliene fanno troppe sotto il naso, ma sta nella sceneggiatura che la Tigre si prenda gioco dei tutori dell'ordine prima di essere scoperto.
Dopo una prima parte puramente cittadina, si apre uno scenario nuovo e, a tratti, inquietante, all'interno di un castello popolato da malesi che tanto ricordano i cattivi delle opere di Salgari.
Ciliegina sulla torta i due giganti. E' bello, ogni tanto, vedere Tex in difficoltà nel corpo a corpo (non si può mica pensare che sia l'uomo più forte del mondo), anche se in questo caso abbiamo dovuto scomodare due bestioni di due metri e passa ciascuno. La scena in cui Tex accende il candelotto di dinamite, girato di spalle, con Carson che lo esorta a sbrigarsi, é da antologia.
Sui disegni non mi pronuncio (vedere voto).

Voto alla storia: 8,4

Voto ai disegni: 9,5

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 6/9/2018 at 20:45, Condor senza meta dice:

Non potevo esimermi dal scrivere un commento su questa storia a me molto cara. "La Tigre Nera" rappresenta a mio avviso una delle migliori sceneggiature create da Nizzi per la saga di Aquila della Notte. Un giusto mix di azione, mistero, ironia, spionaggio, agguati, indagini vorticose, il tutto reso molto avvincente dalla presenza di un antagonista di spessore (che sembra uscito da un romanzo di Salgari) e dallo stato di perfetta forma dei due rangers, tirati a lucido per l'occasione. La sessione finale di "Percorso infernale" poi, è uno dei più avvincenti epiloghi della serie, dove trabocchetti, colpi di scena e svariati duelli nel labirinto, fa scorrere l'adrenalina a fiumi. Il merito dell'ottima riuscita dell'episodio va indubbiamente suddiviso con gli stratosferici disegni di Villa, che sfodera tavole stupende, arricchite da inquadrature da urlo e particolari dettagliatissimi, che provano l'inconfutabile grandezza di colui che ritengo sia uno dei migliori fumettisti mondiali. Col senno di poi, confesso che rimpiango la scelta fatta allora dalla casa editrice che lo promosse nel meritatissimo ruolo di copertinista; ovviamente non certo per la qualità delle cover, che in questo quarto di secolo è rimasta sempre eccelsa, ma per la conseguenza di non averlo più potuto apprezzare con regolarità fra le tavole della serie. 

Richiamo il mio vecchio commento in merito a questa strepitosa storia, per dare la valutazione che allora mi sfuggì. Il mio voto finale è 10

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Bene, ora il progetto è rileggermi la trologia Sumankan. Ho letto il primo, debbo ribadire le impressioni delle altre volte, si tratta di un fottuto capolavoro.

Il personaggio dell Tigre è a dir poco meraviglioso e si tratta senza dubbio del miglior personaggio inventato da Nizzi (gli altri due bellissimi sono il Cobra e Davis) e la storia imbastita è assolutamente appassionante e perfetta dall'inizio alla fine. Dalle spassosissime scene a teatro fino all'incredibile finale tutto procede alla perfezione. Siamo su livelli altissimi (ammazza che culo che hanno i nostri eroi però...hanno più culo che anima, al netto della loro straordinaria abilità).

Dialoghi superbi, marchio di fabbrica del Grande di Fiumalbo e, insomma si parla di uno dei vertici assoluti della serie. Nei prossimi giorni leggerò gli altri due, in attesa poi del nuovo episodio del Boss, che è attesissimo e che sono certo sarà un'opera indimenticabile.

Villa è ancora abbastanza acerbo qui. Il confronto con la sua ultima opera è impietoso, detto questo si tratta già di disegni molto molto belli, pur senza la perfezione odierna.

Nizzi 10 e lode.

Villa 8

Edited by valerio

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 8/9/2018 at 12:18, Andrea67 dice:

Ottima storia con il miglior villain creato da Nizzi ed i due pards in forma smagliante, il tutto con l'aiuto, e non é poco, degli splendidi disegni di Villa.
Certo, si potrebbe obiettare che Tex e Carson non riescono a sventare neanche un omicidio e che gliene fanno troppe sotto il naso, ma sta nella sceneggiatura che la Tigre si prenda gioco dei tutori dell'ordine prima di essere scoperto.
Dopo una prima parte puramente cittadina, si apre uno scenario nuovo e, a tratti, inquietante, all'interno di un castello popolato da malesi che tanto ricordano i cattivi delle opere di Salgari.
Ciliegina sulla torta i due giganti. E' bello, ogni tanto, vedere Tex in difficoltà nel corpo a corpo (non si può mica pensare che sia l'uomo più forte del mondo), anche se in questo caso abbiamo dovuto scomodare due bestioni di due metri e passa ciascuno. La scena in cui Tex accende il candelotto di dinamite, girato di spalle, con Carson che lo esorta a sbrigarsi, é da antologia.
Sui disegni non mi pronuncio (vedere voto).
Voto alla storia: 8,4
Voto ai disegni: 9,5

Allora...Letta solo oggi (nel 2020) e sono a bocca aperta. Villa(il mio disegnatore preferito), Villa, Villa come fai a non comprare un albo disegnato da lui? E di Nizzi? Crea un grande cattivo, imbastisce una storia ricca di mistero, azione, siparietti divertenti e colpi di scena. Mi è piaciuto vedere Tex in difficoltà contro i due bestioni asiatici (ma poi spuntarla con un colpo basso e con un candelotto provvidenziale). Ci stanno le difficoltà contro i due energumeni secondo me anzi mi ha un po' infastidito il candelotto provvidenziale. Comunque storia oggettivamente ottima. Poi tra 8/9 e 10 è questione di gusti ed inezie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'albo numero 382, La Tigre Nera, fu il primo della serie regolare da me acquistato.

 

Trovai una sceneggiatura e dei disegni molto diversi da quelli che sino a quel momento avevo potuto ammirare su Tuttotex, che leggevo a casa di mio zio. E mi piacque tantissimo. Scelsi, dunque, di investire i soldi della mia paghetta nell'acquisto di Tex.

 

Mi rimaneva la curiosità di leggere la prima parte della storia, ma il ritiro di un numero arretrato mi pareva all'epoca (ero praticamente un bambino) una cosa troppo complicata. E inoltre avrei letto il finale della storia antecedente e mi sarebbe rimasta la curiosità di conoscere gli sviluppi anteriori. E così via, in una catena che mi sembrava troppo lunga da gestire. Sono quindi rimasto con la curiosità per ben 28 anni.

 

La frequentazione di questo forum ha però risuscitato la mia voglia di leggere le prime tavole della storia e, approfittando di un'asta su eBay, ho finalmente acquistato il numero 391 di Tex, insieme a tutti i restanti albi della fascia 301-400. Ecco, dunque, che ho potuto finalmente godere le scene dei pard a teatro e capire chi fosse quell'ubriacone ucciso dalle tarantole.

 

Che dire della storia? Partirei dai disegni di Villa, che da piccolo ho cercato di copiare e ricopiare, evidentemente senza tanto successo.

Ecco, mi pare che si tratti di una prova superba. E, come ho scritto nel commento alla posteriore storia su Mefisto, non penso che il tratto di Villa sia migliorato nel corso degli ultimi 30 anni, per la semplice ragione che era già magnifico negli anni '90.

 

La vicenda, dal canto suo, rientra tra le più belle sceneggiate da Nizzi, a mio parere.

In effetti, devo dire di essere stato fortunato, perché al mio esordio da lettore di Tex ho potuto godere di due storie di grandissimo livello: quella che sto commentando e la struggente Furia Rossa. Nizzi era in crisi, ho scoperto dopo; e ci fu somministrato quel terribile polpettone sugli uomini giuaguaro. Ma io ero già divenuto un fedele lettore di Tex, e per questo non potrò che essere per sempre grato all'Autore pur tanto contestato.

 

La storia, dicevamo. Un misto tra un poliziesco cittadino e un romanzo di Salgari, perfettamente equilibrato tra questi due poli. Un avversario tra i più geniali e feroci mai apparsi su Tex, comprimari (Morel, Rickens) di spessore, scambi di battute travolgenti tra Tex e Carson.

 

Per farla bene, il mio voto è 10 pieno.

Edited by F80T

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.