Pedro Galindez

[42] Incendio Allo Star - O

Voto alla storia  

6 voti

  1. 1. Voto alla storia

    • 10 - 6
      0
    • 9 - 5,5
      0
    • 8 - 5
      1
    • 7 - 4.5
      2
    • 6 - 4
      2
    • 5 - 3.5
      0
    • 4 - 3
      1
    • 3 - 2.5
      0
    • 2 - 2
      0
    • 1 - 1.5
      0


Messaggi consigliati/raccomandati

Immagine postata



Soggetto e sceneggiatura: G. L. Bonelli
Disegni: Aurelio Galleppini - Francesco Gamba
Periodicità mensile: Aprile 1964
Inizia nel numero 42 a pag. 35 e finisce nello stesso numero a pag. 98



I pards intervengono a Sandy Rock per ridurre a più miti consigli l'allevatore Rickett, che occupa i pascoli governativi scacciando il pastore Farris.



? Sergio Bonelli Editore

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

I quattro pards sono riuniti in questa breve avventura, che presenta comunque parecchie scenette simpatiche. L'inizio dei più classici, con i soliti prepotenti che cercano in tutti i modi di far sloggiare il pastore coi suoi uomini. Tex e pards non giungono in tempo per dare una lezione a questi, ma giungono comunque in tempo per dare una mano e anche qualche consiglio. Divertente la scena in cui Tex compra i terreni, ma soprattutto la mandria di pecore e Carson (in formissima), ribatte con una delle sue gag più riuscite (vedi pag 46). Indimenticabile l'uso della dinamite, con la quale Tex fa un disastro all'entrata del saloon. La storia si legge piacevolmente, non stona l'aria buonista e praticamente priva di morti. Pu? essere considerata come una storia riempitiva, oppure come una sorta di pausa divertente che GLB si prese, tra storie più serie (quella dell'Uomo del Teschio prima e Lo stregone dei Sabinas subito dopo!)Voto 8. :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Una storia leggera, breve, con pochi cambi di scenario e pochi snodi narrativi, però molto particolare e godibile. Si legge piacevolmente e non stona l'aria buonista e praticamente priva di sparatorie e uccisioni. Pu? essere considerata come una storia riempitiva, oppure come una sorta di pausa divertente che Gianluigi Bonelli si prese tra storie più serie (quella de ?L'uomo del Teschio? prima e ?Lo stregone dei Sabinasè subito dopo).

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Una storiella discreta e senza troppe pretese, ma che diverte e rilassa, mostrandoci anche un lato di Tex che non avevamo mai considerato prima: l'uomo d'affari. La trama in due parole: i quattro pards si imbattono nell'allevatore di pecore Farris, reduce da un raid che gli uomini del prepotente allevatore di vacche Rickett hanno fatto contro il suo gregge. Tex decide di dare una lezione a quest?ultimo e lo fa usando anche armi un po' insolite.1) Per la prima volta vediamo nella serie lo scontro tra allevatori e pecorai. I greggi di pecore erano malvisti dagli allevatori di bovini, i quali dicevano che le pecore esaurivano i pascoli migliori e li rendevano inadatti alle mandrie. C'era molta esagerazione ovviamente, ma ciò non toglie che ne nacquero furiose dispute conclusesi talvolta nel sangue, anche perchè i pecorai normalmente non andavano in giro armati ed erano facile preda dei soprusi dei Cowboys.2) Giusto per dare qualche nota storica, il tutto si rif? al concetto di ?Open range?, che in questo caso potremmo tradurre con: pascoli liberi. La stragrande maggioranza della terra da pascolo era di proprietà del Governo Federale, che ne consentiva l'uso libero a chiunque. Non solo le mandrie, quindi, ma anche le greggi vi avevano pieno diritto di pascolare e la pretesa degli allevatori di scacciarle era, quindi, illegittima. Non che contasse molto quando erano gli allevatori che costituivano in massima parte il corpo elettorale degli sceriffi.3) Tex agisce in maniera insolita: prima acquista il gregge di Farris e quindi ne prende il posto, poi acquista il terreno stesso in cui il gregge si trova. Questo non basta ovviamente a fermare Rickett, convinto com?? che il suo sia una sorta di diritto divino. 4) Il suo guaio, però, è che Tex non è un inerme pecoraio ed è abituato a rispondere al fuoco col fuoco. Nel senso letterale del termine, visto che il Ranch di Rickett, lo Star-O, andr? distrutto in un incendio appiccato indovinate da chi? laughing 5) Grazie ad un trucchetto che non avrebbe sfigurato nel curriculum di Macchia Nera, l'arcinemico di Topolino, Tex riesce a procurarsi un alibi di ferro per il momento dell'incendio: stava addirittura in compagnia dello sceriffo del luogo. :colt: 6) Rickett dovr? cedere, ma gli sarà data un'occasione per cavarsela: comprare greggi e terreni do ve si trova... al doppio del prezzo che Tex li ha pagati. Il cattivo è punito e Tex ha avuto perfino il suo profitto. Non c'è da lamentarsi.7) Come nell'avventura precedente, anche in questa non muore nessuno, ma in fondo non ce n°era bisogno: anche Rickett, dopotutto non aveva (ancora) ucciso nessuno. Ha un bel danno al portafogli e tanto basta a Tex.8) Curiosità: anche se al momento noi lettori ancora non sappiamo i dettagli del suo passato, sappiamo per che Tex viene da una terra di allevatori di bovini. A casa sua ?Pecoraio? è un insulto forte. Questo dimostra quanto sia forte il suo senso di giustizia: è stato uno sforzo non da poco per lui trasformarsi , sia pure per poco, in proprietario di pecore. :lol2: 9) Disegni alternati tra Galep e Francesco Gamba, immagino a causa di problemi di scadenza.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.