Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum
Sam Stone

[17] [Almanacco 2010] La Banda Dei Messicani

Voto alla Storia  

19 voti

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Si è pregati di collegarsi o iscriversi per poter votare in questo sondaggio.

Messaggi consigliati/raccomandati

0AmTu7lEuW94xy32CqjuPbmlwQt8tusbkMztOMIg
 



Soggetto e Sceneggiatura: Claudio Nizzi
Disegni: Fernando Fusco
Periodicità annuale : Gennaio 2010



Tex viene incaricato dal comando dei Rangers di prelevare Ray Bonner, un giovane condannato al carcere a vita dopo una sanguinosa rapina, e di scortarlo fino al penitenziario di Yuma. Il ragazzo non ha rivelato chi fossero i suoi complici durante l'assalto alla banca e nessuno sa dove possano essersi nascosti e che fine abbiano fatto i trentamila dollari rubati. Il timore è che Bonner possa essere liberato dai suoi compagni nel corso del trasferimento o che questi gli vogliano cucire la bocca per sempre. Quando Tex giunge all'ufficio dello sceriffo di Flagstaff, qualcuno ha già tolto di mezzo il giovane Ray, avvelenandolo mentre era rinchiuso in cella. Ma il Ranger è comunque deciso a fare uscire allo scoperto i rapinatori e coinvolge suo figlio Kit in un piano ad alto rischio!... L'Almanacco è completato dai servizi a colori dedicati a Shane, "Il cavaliere della valle solitaria", al massacro di Sand Creek e agli eroi del cinema di Walter Hill, oltre a una panoramica su libri, film, telefilm e videogiochi dell'annata Western.

 

 

© Sergio Bonelli Editore

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Eccoci arrivati all'annuale appuntamento con l'almanacco!! :indianovestito: Quest'anno l'evento riguarda la storia, che sarà l'ultima disegnata dal grande Fusco, che a meno di eventuali ripensamenti, ha deciso di ritirarsi. Recentemente Civitelli ha visto alcune tavole provenienti da questa storia, definendole "stupende". La trama mi sembra interessante, c'è anche una curiosa sorpresa: Tex è accompagnato dal solo figlio Kit (come nell'inedito in edicola da Gennaio). L'appuntamento in edicola è fissato per il 23 Gennaio! :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Qualche idea sul "piano ad alto rischio" mi è già venuta

IMHO è probabile che Tex chieda al figlio di recitare il ruolo del defunto giovane rapinatore, in modo tale che i complici si convincano che il tentativo di avvelenamento non ha avuto successo e facciano altri tentativi per chiudere la sua bocca, venendo in tal modo allo scoperto. Di conseguenza, come ha anticipato Fusco ( e ci ha fatto sapere Ymalpas ) buona parte della vicenda si svolger? nello spazio ristretto e chiuso dell'ufficio dello sceriffo di Flagstaff
.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Che bello!... finalmente si sa qualcosa dell'almanacco!Per quanto mi riguarda lo comprer? sicuramente, non solo per la storia, ma anche per l'articolo sul massacro del Sand Creek, pagina triste della storia del west che vale la pena di approfondire. In più è l'ultima storia di Fusco :( e quindi non può che essere presa!!E mi fa molto felice il sapere che anche in questa storia c'è Kit, in una trama che sembra molto interessante... tutti ottimi motivi per non perdersi quest'albo!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

La trama si preannuncia interessante, anche per la presenza di Kit Willer, un p? trascurato nella serie regolare, speriamo che anche la sceneggiatura si riveli appassionante e coinvolgente! Sono d'accordo con Pedro per quanto riguarda il possibile utilizzo del giovane Kit, anche a me era venuta in mente una soluzione simile. Per quanto riguarda Fusco, ammetto che non è uno dei miei disegnatori preferiti: ci tengo a precisare che comunque mi va a genio, però semplicemente non mi piace quanto un Ticci, un Civitelli , un Letteri o un Galep; comunque è stato certamente un valore aggiunto per la serie, e mi dispiace che abbia deciso di ritirarsi!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Eccoci arrivati al fiasco annuale dell' almanacco!!Non vorrei dare giudizi affrettati prima di aver letto la storia ma, secondo me, l'unica nota positiva di questa storiella saranno i disegni del GRANDE Fusco... Non mi aspetto niente... troppe le delusioni annuali degli almanacchi

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Eccoci arrivati al fiasco annuale dell' almanacco!!Non vorrei dare giudizi affrettati  prima di aver letto la storia ma, secondo me, l'unica nota positiva di questa storiella saranno i disegni del GRANDE Fusco... Non mi aspetto niente... troppe le delusioni annuali degli almanacchi

Sei troppo prevenuto!!!Di storie belle negli almanacchi ne ho lette molte, trovo ingiusto dire che è un "fiasco annuale". :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

A mio avviso lo sono. Perchè di queste storie si può dire di tutto tranne che siano belle è indimenticabili. Io degli gli almanacchi apprezzo soltanto i dossier è le rubriche interne, mentre le storielle le trovo a dir poco inutili, sopratutto se, per inserirle si debba ricorrere ad omettere o riassumere in poche righe qualche dossier interno che meriterebbe più spazio.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Eccoci arrivati al fiasco annuale dell' almanacco!!

Non ho ben capito questa uscita che trovo prematura e anche abbastanza fuori luogo. A parte che sarebbe sempre una buona abitudine non fasciarsi la testa prima di essercela rotta, trovo che le storie degli almanacchi degli anni passati, non siano stati cosi' orribili da far gridare al fallimento, sempre ammesso che si siano lette tutte. Non sono male ne quelle di Boselli e ne quelle di Nizzi, ma anzi tutt'altro. Trovo molto prematuro fare certe considerazioni.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

In generale anche io penso che alcuni almanacchi siano stati deludenti;ma le belle storie non sono mancate, da "Bad river" a "L'uccisore di indiani", da "La ballata di Zake Colter" a "Glorieta Pass"-Inoltre questo almanacco promette bene... La regola deve essere sempre la stessa:mai giudicare in base ai pregiudizi(come purtroppo da molte parti si è fatto spesso)...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Perchè di queste storie si può dire di tutto tranne che siano belle è indimenticabili.

Ma scusa, con storie di 110 pagine pretenderesti un capolavoro?

Io degli almanacchi apprezzo soltanto il dossier è le rubriche interne, mentre le storielle le trovo a dir poco inutili, sopratutto se, per inserirle si debba ricorrere ad omettere o riassumere in poche righe qualche dossier interno che meriterebbe più spazio

Non capisco cosa vorresti dire quando scrivi "storie inutili". Allora secondo te tutti gli albi della serie regolare composte da 110 pagine sono tutte "inutili"?Io non credo che le "storielle" degli almanacchi siano "inutili", sia perche' molto spesso sono delle storie piacevoli e leggere come e' giusto che siano per la loro breve durata e sia perche' il piu' delle volte fungono da trampolino di lancio per diversi artisti che poi si son cimentati nella serie regolare come:Sejas,Venturi,Repetto,Rossi,Leomacs.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Quelle storielle di 100 pagine le trovo quasi sempre inutili, piatte è poco ampliate per essere giudicate belle.. Ognuno ha i suoi gusti e su questo siamo tutti d'accordo, ma se si giudicano belle storie "la palude nera","capitan Blanco","il fuggitivo" o "eroe per caso" credo di poter avere il diritto di dire che IO non la penso così..

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Non capisco cosa vorresti dire quando scrivi "storie inutili". Allora secondo te tutti gli albi della serie regolare composte da 110 pagine sono tutte "inutili"?Io non credo che le "storielle" degli almanacchi siano "inutili", sia perche' molto spesso sono delle storie piacevoli e leggere come e' giusto che siano per la loro breve durata e sia  perche' il piu' delle volte fungono da trampolino di lancio per diversi artisti che poi si son cimentati nella serie regolare come:Sejas,Venturi,Repetto,Rossi,Leomacs.

ognuno ha i suoi gusti....

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ognuno ha i suoi gusti su questo non ci piove, ma mi interesserebbe sapere in che modo giudichi una storia, quali sono i tuoi parametri?Lunghezza, disegni, storie pubblicate in passato sugli almanacchi, autore??A parte il fatto che manca ancora un mese all'uscita, quindi mi sembra prematuro fare queste uscite poco rispettose nei confronti di Tex, senza neanche aver visto una tavola. :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Che centra aver visto una tavola o no!!???... Io non ne faccio una questione di disegnatori, io ne faccio una questione di gusti... Per troppi anni ho sperato in qualche bella storia negli almanacchi è ogni volta è sempre stata una delusione. Di tutti gli almanacchi salvo solo "la ballata di zeke colter" è "l'uccisore di indiani" è basta. Quindi posso partire da questo principio che non mi aspetto niente da questa storia, o no???... ho per forza bisogna scrivere frasi del tipo:"mi aspetto tantissimo da questa storia..." oppure "sara una storia indimenenticabile"...!!!????e poi, sam non è questione di non aver rispetto di tex o meno. Se non avevo rispetto per questo fumetto non lo leggevo tutti i giorni fino alla nausea e non venivo a perdere il mio tempo a scrivere commenti tutti i giorni su un forum di tex... quindi ripeto... ognuno la vede come vuole.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Quindi in poche parole per dare un giudizio sulla nuova storia ti basi su quello che è stato precedentemente pubblicato sugli almanacchi. Era giusto per capire, ma lasciami dire che partendo prevenuti, viene di conseguenza meno il divertimento e il piacere di leggere le nuove storie. :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Lo sè Sam, parto prevenuto ma è così. Tutti gli anni aspettavo la storia dell'almanacco con ansia e trepidazione poi, come sempre, rimanevo deluso dopo la sua lettura. Invece a differenza delle storie ho sempre amato molto le rubriche è i dossier interni dell'almanacco, infatti, oltre che ben scritti è documentati, le ho sempre trovati molto interessanti da leggere. :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Quelle storielle di 100 pagine le trovo quasi sempre inutili, piatte è poco ampliate per essere giudicate belle..

Ognuno ha i suoi gusti per carita', ed e' meglio cosi', perche' altrimenti se avessimo tutti lo stesso "palato" non ci sarebbero i forum di discussione come il nostro. Pero' trovo la parola "inutile" ancora difficile da comprendere e da decifrare.. Non riesco a capire cosa s'intende per inutilita' di una storia...:huh:In quanto ad essere poco "ampliate", sfido io a sviluppare una storia con una trama complessa ed articolata quando si hanno a disposizione solo 110 pagine.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Anthony, con storie inutili intendevo dire ai fini dell'almanacco stesso.. Nel senso che se ad esempio un giorno la redazione decidesse di abolire la storia interna per approfondire, oppure aggiungere, qualche rubrica in più sull'annata western io ne sarei più che felice... la storia di tex nell'almanacco, a come la vedo io,? quasi sempre come un obbligo per il lettore... non sè la vedo come una storiella striminzita forzata a riempire unicamente quelle 100 e dispari pagine...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Che centra aver visto una tavola o no!!???...
Io non ne faccio una questione di disegnatori, io ne faccio una questione di gusti...
Per troppi anni ho sperato in qualche bella storia negli almanacchi è ogni volta è sempre stata una delusione.
Di tutti gli almanacchi salvo solo "la ballata di zeke colter" è "l'uccisore di indiani"  è basta.

Quindi posso partire da questo principio che non mi aspetto niente da questa storia, o no???...
ho per forza bisogna scrivere frasi del tipo:"mi aspetto tantissimo da questa storia..." oppure "sara una storia indimenenticabile"...!!!????

e poi, sam non è questione di non aver rispetto di tex o meno.
Se non avevo rispetto per questo fumetto non lo leggevo tutti i giorni fino alla nausea e non venivo a perdere il mio tempo a scrivere commenti tutti i giorni su un forum di tex...
quindi ripeto... ognuno la vede come vuole.

Questo è chiarissimo, come è chiaro che io, ad esempio, non la vedo affatto coem te.


A mio parere, ad esempio, "La ballata di Zeke Colter" è un mezzo capolavoro, "L'uccisore di indiani", "Bad River" e "Eroe per caso" sono delle buonissime storie. Alla fine, le sole che veramente ho trovato deludenti sono state: "Missione a Sierra Vista, "L'ultimo squadrone" e "la Palude nera" (che pure qualche momento buono lo aveva).

Per quanto mi riguarda, non è la lunghezza della storia che conta, ma la qualità della scrittura. Nelle storie che ho citato gli autori sono riusciti con pochi tratti a dare le giuste caratterizzazioni ai personaggi ed il giusto ritmo alla trama, Io non chiedo di più, in fondo. Il capolavoro non si può pretendere, le buone storie si.

Per il resto, che tu abbia dei pregiudizi al riguardo, è evidente Magari potresti dare una chance alle storie prima di stroncarle. :colt:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Siamo a Natale, l' anno nuovo si avvicina e chissà che anche Nizzi.......! :D:rolleyes:;) Comunque io gli Almanacchi ce li ho tutti e li ho sempre trovati interessanti nella parte redazionale. Quanto alle storie, concordo con Carlo. Ce ne sono state anche di buone, suvvia. ;) In questo, poi, ci sono i disegni del Maestro Fusco, gli ultimi suoi per Tex, forse.... Un motivo in piu' per acquistarlo. :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Guest Wasted Years

Inizio con una semplice considerazione: questa è una storia che farà discutere, anzi ha già iniziato, e a mio avviso rester? impressa, anche se dovesse essere un flop, cosa che non mi aspetto e che aspetterei a dare per scontata. L'ultima storia di Fusco vorrei leggerla anche se fosse composta solo da immagini sparse, ho ADORATO questo disegnatore e secondo me i numeri tardi 100 e primi 200 sono stupendi graficamente praticamente tutti, e l'alternanza dei "5 prevalenti disegnatori" ha prodotto miracoli. Resta solo Ticci, ormai: quando anche lui si stancher? un'epoca GLORIOSA sarà chiusa. Ma l'uscita di scena di Fusco dispiace al cuore, davvero. Dalla storia mi aspetto poco, in verità, non ho grande fiducia in Nizzi dopo le due ultime della serie regolare, ma VORREI DISPERATAMENTE che Fusco uscisse di scena con una storia buona: magari, chissà... Non mi piacciono gli almanacchi dell'West, ho letto tutti i servizi degli almanacchi usciti e mi sono piaciuti o interessati pochi articoli. Preferisco quelli del mistero. Ma mai dire mai. Aspetto di averlo tra le mani ed in ogni caso sarà una grande emozione.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Io compro gli Almanacchi proprio perche' vi e' una storia inedita di Tex, altrimenti non li comprerei. O meglio, fino ad una decina d'anni fa', oltre alla breve storia inedita, apprezzavo anche i vari articoli del West presenti, ma ormai con l'avvento di internet, dove si puo' trovare tutto cio' che si vuole, trovo tali articoli inutili. Ritornando all'Almanacco di quest'anno, sicuramente e' un numero particolare, perche' a differenza degli altri anni, colui che disegna la storia inedita' non e' un esordiente che vuole farsi conoscere dai lettori di Tex, ma un artista, come Fusco (amato tantissimo dal sottoscritto), che ha scelto questa collana per salutarci, dopo aver dato tantisimo a Tex. Un motivo abbastanza importante per acquistare questo Almanacco, al di la' della qualita' della storia.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ritornando all'Almanacco di quest'anno, sicuramente e' un numero particolare, perche' a differenza degli altri anni, colui che disegna la storia inedita' non e' un esordiente che vuole farsi conoscere dai lettori di Tex, ma un artista, come Fusco (amato tantissimo dal sottoscritto), che ha scelto questa collana per salutarci, dopo aver dato tantisimo a Tex. Un motivo abbastanza importante per acquistare questo Almanacco, al di la' della qualita' della storia.

E' qui mi trovo assolutamente d'accordo con te e wasted. Il sapere che questa sarà l'ultima storia disegnata dal GRANDE Fusco ha il potere di lasciarmi una tristezza addosso infinita...... Fusco è un disegnatore che ho sempre amato moltissimo tant'? che lo ho sempre situato nel mio olimpo dei big texiani, insieme a quei "mostri sacri" di:Letteri,Nicol',Fusco è Ticci. Perchè questi quattro sono stati i veri pilasti, le colonne portanti del tex degli anni d'oro,? stato grazie a questi maestri che abbiamo potuto ammirare innumerevoli ed innumerevoli capolavori che sono situati nel cuore di un qualsiasi buon texiano. Cosè, dopo l'addio di Nicol' e Letteri, ora tocca a Fusco....... CHE TRISTEZZA!!!! :(:( :( :(:(

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.