• Avvisi

    • TexFanatico

      BUON NATALE   24/12/2017

      BUON NATALE e felici Festività a voi!
ymalpas

3 - Tex Willer Magazine

Messaggi consigliati/raccomandati

In effetti hai ragione :trapper: Era solo per farvi capire che ci teniamo alle vostre opinioni.... :trapper: D'altronde, la rivista è scritta e pubblicata per gli utenti... quindi, se ci fate mancare le vostre opinioni, che la scriviamo a fare?? :indianovestito: ps. ripeto che ogni tipo di critica è bene accetta!-se vi va di stroncare qualcosa, fatelo pure senza pietà o timori reverenziali! :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Io l'ho letto, e dunque:- l'intervista a Todaro: interessante, articolo arguto e contenutisticamente perfetto; - il servizio sulle donne su Tex: davvero molto, ma molto ben scritto Virgin, forse però manca una solida "tesi di fondo" che ne faccia da filo conduttore (il Tex = fumetto maschilista o meno è tematica che non può essere affrontata - IMHO - sulla sola base del numero e della "qualità" delle donne apparse nella saga); resta comunque una (piacevolissima) carrellata, di grande impatto per il lettore storico;- Tex nel mondo: contributo breve ma documentatissimo, una vera chicca;- il caso Miller e le avventure di Tom Hat: francamente se ne poteva fare a meno, non perchè posto in maniera brutta o noiosa (anzi!), ma perchè era proprio l'argomento che non meritava la spendita di tante energie;- servizio su Ticci: ricchissimo e molto ben scritto, davvero complimenti, trasuda davvero una grande ammirazione di Paco per il grande disegnatore; tuttavia, sembra una tesi di laurea: in alcuni punti l'analisi tende ad essere prolissa o eccessivamente ambiziosa, molto meglio quando ci si sofferma sull'evoluzione dell'autore partendo dal prodotto finale che interessa il lettore texiano: ossia, l'immagine, il fumetto. In sintesi: lavoro mastodontico ed ammirevole, che con qualche "sforbiciatina" sarebbe stato perfetto!- Guido Buzzelli: un affresco piacevole di una "meteora" su Tex, sempre bravo Ymalpas;- belle anche le recensioni su "La prova del Fuoco" e "I ribelli di Cuba", anche se forse Virgin ha un tantino "caricato" determinati commenti ed abusato della tecnica di recensione basata sul "what if";- mi è piaciuto davvero tanto, infine, il breve contributo su Uggeri: una sorta di piccola fiaba, dipanata con sapienza ma anche con "leggerezza"; davvero piacevole, bravo Corvo59. In definitiva, come mi aspettavo, un lavoro davvero encomiabile, da brividi se si pensa che è stato composto per puro piacere ed amore del personaggio, e non a fini di lucro. Davvero bravi tutti.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

tuttavia, sembra una tesi di laurea: in alcuni punti l'analisi tende ad essere prolissa o eccessivamente ambiziosa, molto meglio quando ci si sofferma sull'evoluzione dell'autore partendo dal prodotto finale che interessa il lettore texiano: ossia, l'immagine, il fumetto. In sintesi: lavoro mastodontico ed ammirevole, che con qualche "sforbiciatina" sarebbe stato perfetto!

Grazie per i complimenti,Tazhai... e soprattutto grazie per le critiche(perchè credo davvero che le critiche servano)!!Provo a spiegarti da cosa deriva l'eccesso di prolissit?, o di sconfinamento in questioni di storia dell'arte (cosa sulla cui utilit? mi sono fatto anche io qualche domanda) . Volevo vedere quanto etichette come "espressionista" e "impressionista" fossero davvero applicabili a Ticci:e in questo "esame" era indispensabile basarsi sulla realtà concerata della storia dell'arte. Voglio dire:i concetti "impressionismo" e "espressionismo" hanno una loro storia precisa e un loro significato, che dovevano essere brevemente spiegati-se non lo avessi fatto, tutto il discorso sarebbe caduto nella vuotezza e nell'arbitrio (e comunque la spiegazione storico artistica l'ho di molto semplificata e ridotta all'osso-ma più di tanto non si poteva fare). Uno degli intenti del mio articolo (forse il più contestabile dai più) era quello di esaltare il Ticci attuale. Il legame con l'impressionismo (anzi, con gli stili impressionistici) mi è servito anche a questo scopo. Poi l'articolo è diventato mastodontico strada facendo:inizialmente, io stesso pensavo a un qualcosa di più semplice e breve.... però, in un certo senso, a Ticci una cosa "mastodontica" gliela dovevo, dato che da quando avevo sette anni è uno dei miei arististi preferiti ("Kento non perdona" non lo dimenticher? mai!). Grazie ancora per i complimenti e per le critiche,Tazhai! :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei ringraziare anch'io Tahzay per la puntuale recensione della nostra rivista! E vorrei anche commentare ciò che lui ha commentato a proposito dei nostri commenti su... insomma, quelle robe l'.

-il servizio sulle donne su Tex: davvero molto, ma molto ben scritto Virgin, forse però manca una solida "tesi di fondo" che ne faccia da filo conduttore

Gracias per il complimento :inch: ! Per quanto riguarda l'assenza della solida tesi di fondo... ehm... so che è imbarazzante, ma ammetto di non averci per niente pensato. ups Il tema di "Tex non è un fumetto maschilista" mi è servito come puro pretesto per cominciare, poi ho sviluppato l'articolo in modo del tutto emozionale, soffermandomi sovente a rinarrare in prosa scene della saga di Tex soltanto per il gusto di farlo. Hai usato la parola "carrellata", ed in effetti è proprio ciò che intendevo fare: come le apparizioni femminili in Tex non hanno un filo conduttore (a parte l'evoluzione-mutamento dovuto all'avvicendamento degli autori), così anche il mio servizio voleva essere una "galleria di busti" dal contenuto esclusivamente emozionale, un tributo alle "donne di Tex" che secondo me sono fra le creazioni più felici della serie.

"I ribelli di Cuba", anche se forse Virgin ha un tantino "caricato" determinati commenti ed abusato della tecnica di recensione basata sul "what if".

Il gusto della provocazione sovente gratuita, ammetto, è una mia caratteristica costante. Qui, forse, ho aggiunto un po' di commenti paradossali per stemperare l'aria critica e seriosa propria delle recensioni. Non ho capito, però, cosa sia "la tecnica di recensione basata sul -what if-". Conosco l'espressione inglese e so cosa significa, ma mi sfugge ciò che vuoi indicare con l'intera frase. Insomma, per farla breve, confesso di non capirla, dunque se vuoi spiegarmela e diradare la mia ignoranza... :indianovestito:

In definitiva, come mi aspettavo, un lavoro davvero encomiabile, da brividi se si pensa che è stato composto per puro piacere ed amore del personaggio, e non a fini di lucro. Davvero bravi tutti.

Grazie a te per aver avuto la pazienza di leggerci!Io volevo aggiungere i miei complimenti personali a tutti gli altri redattori, ed in particolare a Paco e Ymalpas per lo splendido lavoro fatto (da applausi la "tesi di laurea" su Ticci, Mario! ;) ) e per l'abnegazione nel portare avanti il progetto. Senza Sandro, ripeto, avremmo potuto fare ben poco. Grazie anche ad Anthony Steffen per il continuo supporto morale e l'essenziale apporto promozionale! Modificato da virgin

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a Tahzay per le belle parole spese per la rivista e... visto che ci siamo, grazie anche ai 288 utenti che finora hanno fatto il download del TWM. E' una cifra che sinceramente ci auguravamo ma non ci aspettavamo!

Per il prossimo numero cercheremo di eliminare i difetti ma sono sicuro che precipiteremo in altri errori data la nostra labile esperienza nel campo del publishing.

In particolare rammento che chi volesse proporsi per una collaborazione al quarto numero, può comunicarlo tramite messaggio privato a uno di noi dello staff e sarà inserito nel gruppo dei collaboratori con accesso alla sezione privata del Magazine. So già che c'è un nuovo utente esterno di spessore che presto ci raggiunger?.

Quanto agli articoli è lasciata libera scelta a tutti di dedicarsi all'argomento che preferiscono, rimane comunque difficile trovare soggetti di pubblico interesse, ma ci consola il fatto che il primo che aprir? il prossimo numero ( l'intervista inedita a Boselli ) soddisfer? tutti i palati o almeno lo speriamo!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Non ho capito, però, cosa sia "la tecnica di recensione basata sul -what if-". Conosco l'espressione inglese e so cosa significa, ma mi sfugge ciò che vuoi indicare con l'intera frase. Insomma, per farla breve, confesso di non capirla, dunque se vuoi spiegarmela e diradare la mia ignoranza... :indianovestito:

In effetti, non so se esista una definizione "universale" quale quella che ho adottato io; intendevo dire che allorquando si critica un'opera dicendo "sarebbe stato meglio se..." o "si poteva rendere meglio in questo modo..." , si finisce alla fine con il distaccarsi troppo dall' "oggetto" della recensione e si devia verso i propri personali "desiderata". La qual cosa non è neppure un male, intendiamoci, in fondo ogni recensione muove da un gusto personale e tende ad essere parziale, nel senso che si dirige l' dove il gusto personale del recensore (più o meno consciamente) la porta. E comunque alla fine voi avete fatto un lavorone e io mi becco lunghi post di ringraziamento per aver.... letto e commentato "a sbafo", il mondo mi pare straordinariamente ingiusto, a volte! :P

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Io l'ho letto, e dunque:- l'intervista a Todaro: interessante, articolo arguto e contenutisticamente perfetto; - il servizio sulle donne su Tex: davvero molto, ma molto ben scritto Virgin, forse però manca una solida "tesi di fondo" che ne faccia da filo conduttore (il Tex = fumetto maschilista o meno è tematica che non può essere affrontata - IMHO - sulla sola base del numero e della "qualità" delle donne apparse nella saga); resta comunque una (piacevolissima) carrellata, di grande impatto per il lettore storico;- Tex nel mondo: contributo breve ma documentatissimo, una vera chicca;- il caso Miller e le avventure di Tom Hat: francamente se ne poteva fare a meno, non perchè posto in maniera brutta o noiosa (anzi!), ma perchè era proprio l'argomento che non meritava la spendita di tante energie;- servizio su Ticci: ricchissimo e molto ben scritto, davvero complimenti, trasuda davvero una grande ammirazione di Paco per il grande disegnatore; tuttavia, sembra una tesi di laurea: in alcuni punti l'analisi tende ad essere prolissa o eccessivamente ambiziosa, molto meglio quando ci si sofferma sull'evoluzione dell'autore partendo dal prodotto finale che interessa il lettore texiano: ossia, l'immagine, il fumetto. In sintesi: lavoro mastodontico ed ammirevole, che con qualche "sforbiciatina" sarebbe stato perfetto!- Guido Buzzelli: un affresco piacevole di una "meteora" su Tex, sempre bravo Ymalpas;- belle anche le recensioni su "La prova del Fuoco" e "I ribelli di Cuba", anche se forse Virgin ha un tantino "caricato" determinati commenti ed abusato della tecnica di recensione basata sul "what if";- mi è piaciuto davvero tanto, infine, il breve contributo su Uggeri: una sorta di piccola fiaba, dipanata con sapienza ma anche con "leggerezza"; davvero piacevole, bravo Corvo59. In definitiva, come mi aspettavo, un lavoro davvero encomiabile, da brividi se si pensa che è stato composto per puro piacere ed amore del personaggio, e non a fini di lucro. Davvero bravi tutti.

Finalmente l'ho finito! Sostanzialmente sono d'accordo con quello che ha scritto Tahzay, con l'unica differenza che ho apprezzato anche il pezzo su Tom Hat e il caso Miller!L'unica cosa che ho riscontrato è stata (non sempre, ma in alcuni passaggi) una certa pesantezza negli articoli di Virgin, che a tratti mi ricordavano il libro di letteratura che usavo alle superiori: a volte la trattazione diventa un p? noiosa da leggere, non è scritta in modo scorrevole e immediato, mi pare che usi un linguaggio un p? datato!Tra l'altro non ho capito come mai, Virgin, hai usato il plurale quando dovevi esprimere una considerazione personale: forse in letteratura si fa così, non saprei, in questo campo ne so davvero poco, però è una cosa che proprio non capisco! Comunque sono sempre articoli ben fatti e dettagliati, ci mancherebbe!Non volermene, però questa è la mia opinione!In generale il livello è molto alto, ho trovato tutti gli articoli interessanti e molto curati, complimentissimi a tutti coloro che hanno contribuito a regalarci questo terzo numero!! :indianovestito:Edit: dimenticavo la parte grafica! Ho apprezzato l'impostazione degli articoli, il tutto è stato realizzato con molta cura, mi è piaciuto!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, AtTheRocks!Ti ringrazio per la lettura... e ne approfitto per rispondere alle tue osservazioni, che sono come sempre ben accette!

L'unica cosa che ho riscontrato è stata (non sempre, ma in alcuni passaggi) una certa pesantezza negli articoli di Virgin, che a tratti mi ricordavano il libro di letteratura che usavo alle superiori: a volte la trattazione diventa un p? noiosa da leggere, non è scritta in modo scorrevole e immediato, mi pare che usi un linguaggio un p? datato!

Questo è un problema che sto avendo negli ultimi mesi, non solo nella scrittura "a tema", ma anche nei racconti. O meglio: è un problema che dai "temi" è passato anche ai racconti. Fino a quando ero più piccolo e utilizzavo uno stile di scrittura prevalentemente paratattico, il tentativo di scrivere meglio movimentava un po' lo scritto e basta. Purtroppo, man mano che cresco e divento più sicuro dei mezzi, la stilizzazione diventa alambiccamento, e l'andamento dei discorsi sempre più elaborato. Dipende, secondo me, anche dall'abitudine: è ovvio che una persona abituata a leggere scritti complessi, legga ciò che scrivo senza alcun problema, ma poich? non tutti hanno il tempo di leggere G?ngora, mi succede sempre più spesso che qualcuno faccia fatica a seguire. Perciò non ti preoccupare, non sei il solo a cui è capitato! Soltanto, è la prima volta che qualcuno mi fa questa osservazione su un "tema". Mi spiace di essere stato anche noioso... purtroppo non mi è mai capitato. Cerco sempre di essere stringato ed essenziale nell'articolazione concettuale (non nella forma), evitando il più possibile ripetizioni o rallentamenti, ma evidentemente non ci sono pienamente riuscito. Mi spiace!

Tra l'altro non ho capito come mai, Virgin, hai usato il plurale quando dovevi esprimere una considerazione personale: forse in letteratura si fa così, non saprei, in questo campo ne so davvero poco, però è una cosa che proprio non capisco!

Premetto di non usare il plurale maiestatico quando parlo per me: nel primo articolo non lo uso. Nella recensione del texone lo uso perchè la recensione dovrebbe essere il più possibile "impersonale", e dunque quel "noi" indica, in modo astratto, la rivista...

Non volermene, però questa è la mia opinione!

E perchè dovrei volertene, pard' :indianovestito: Il lettore sei tu... e il lettore ha sempre ragione!L'unica osservazione che non capisco è quella sul linguaggio datato. Credo che il mio italiano sia una lingua con stile medio-basso e una scelta lessicale decisamente sciatta. Non sono in grado di utilizzare un buon italiano: se nei miei scritti inserissi parole come "ristare" o "tralignato", lo scarto col resto sarebbe molto forte. Credo che la mia lingua sia molto quotidiana (e magari Sandro, incommensurabilmente più esperto di me in materia, potr? darci il suo parere)... certo, dipende dall'idea che ciascuno ha di lingua quotidiana. Modificato da virgin

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

A proposito, visto che da un po' di giorni il contatore è fermo, sono esattamente 384 i downloads della rivista, insomma quasi un 400 persone che l'hanno scaricata! Non mi aspettavo questo risultato e a nome di tutto lo staff ringrazio tutti quanti, sono numeri che ci spingono sicuramente ad andare avanti nella nostra iniziativa!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

L'unica osservazione che non capisco è quella sul linguaggio datato. Credo che il mio italiano sia una lingua con stile medio-basso e una scelta lessicale decisamente sciatta. Non sono in grado di utilizzare un buon italiano: se nei miei scritti inserissi parole come "ristare" o "tralignato", lo scarto col resto sarebbe molto forte. Credo che la mia lingua sia molto quotidiana (e magari Sandro, incommensurabilmente più esperto di me in materia, potr? darci il suo parere)... certo, dipende dall'idea che ciascuno ha di lingua quotidiana.

Beh, il MIO italiano ha un livello medio-basso, ma di certo non il tuo! Forse scrivendo "linguaggio datato" non ho usato la parola migliore per definire il concetto che avevo in mente: era tutto riconducibile a quella "pesantezza" che a volte si avverte leggendo qualche passaggio, ho scritto male io!Di certo hai ragione sul fatto che se si è abituati a leggere libri di letteratura o simili non si ha nessun problema: anche a me capita con altri argomenti, e su questo sono d'accordo con te!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Come del resto mi aspettavo, questo numero mi è sembrato superbo sia per la quantit? che per la qualità dei contributi e ho più di una incertezza nel citare un contributo più di un altro. Se però dovessi citare obbligatoriamente tre articoli, i primi che mi verrebbero in mente sono l'intervista a Todaro di Ymalpas ( che contiene tantissimi particolari illuminanti sul lavoro di artisti come Giolitti e, in misura minore, Ticci ) e i due approfonditissimi saggi di Virgin e Paco sulle donne in Tex e sull'arte di Ticci. Ancora complimenti, pards!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ho finalmente completato la lettura anch'io ... Che dire? Complimenti a tutti! Interventi molto interessanti e anche molto contigui ( Ymalpas e Paco , ad esempio ) , in modo che la lettura è piacevolissima , oltre che interessante !Ottimo lavoro anche delle new entries Paco & Virgin ;)A dopo ( o al massimo a domani ) per un commento approfondito !

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

I downloads del terzo numero della rivista risultano attualmente ben 565, un dato sempre più confortante che ci spinger? sicuramente verso la pubblicazuione del quarto numero, prevista ad aprile. Grazie a tutti!

non bisogna nemmeno ringraziare quando si e' fatto un lavoro a dir poco eccezionale ..


complimenti vivissimi e mi sfrego gia' le mani per il prossimo numero ....


p. s. chi ha stampato la rivista come l'ha rilegata ??

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

I downloads del terzo numero della rivista risultano attualmente ben 565, un dato sempre più confortante che ci spinger? sicuramente verso la pubblicazuione del quarto numero, prevista ad aprile. Grazie a tutti!

Ottimo risultato!

E' fin troppo ovvio dire che è completamente meritato, anzi, meritereste sicuramente di più!
Spero che per il terzo numero si possa intensificare ancora di più la promozione della rivista, magari con un link pubblicato sul sito SBE... Chissà! :indianovestito:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.