Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum
Staff Forum

[125/128] Il Figlio Di Mefisto

Voto alla storia  

30 voti

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Si è pregati di collegarsi o iscriversi per poter votare in questo sondaggio.

Messaggi consigliati/raccomandati

Immagine postata - Immagine postata

Immagine postata - Immagine postata


Soggetto e sceneggiatura : Gianluigi Bonelli
Disegni: Aurelio Galeppini
Periodicità mensile: Marzo 1971 è Giugno 1971
Inizia nel numero 125 e finisce nel numero 128 a pag. 35


Ricordate è

Mefisto, il Baron Samedi, la bella Loa, Otami, il gigantesco Dambo e i negri del temibile voodoo, asserragliati in un castello gotico immerso nelle paludi della Florida? la loro strenua ed inutile difesa contro il fuoco e i cannoni delle forze militari di Fort Myers, i seminoles di Yampas, Tex e i suoi pards.

Le prime sedici pagine del numero 125 riprendono e riassumono fedelmente l'epilogo della precedente storia di Mefisto, salvo trascurabili modifiche e gli interventi dello scheletro narrante ( si veda Terrore sulla savana # 93 e seguenti ).

Mentre Jean de Lafayette e Mefisto tentano una disperata fuga attraverso l'unica via di scampo, ovvero il passaggio che conduce alla palude, la gigantesca volta del sotterraneo, il covo magico e satanico del più diabolico e temibile avversario di Tex, si spezza e crolla sbriciolandosi in mille pezzi.

Qualche minuto dopo l'aria si schiarisce lasciando vedere uno spettacolo desolante? ma solo tempo dopo un lieve gemito rompe l'allucinante atmosfera da tomba che regna sovrana fra le rovine del tempio sotterraneo. è il lamento sordo di Mefisto, subito accompagnato da un grido di dolore mentre egli tenta di trarsi da sotto le macerie? vivo? sono vivo! Sono vivo e potr? avere la mia vendetta!...

Con fatica e a prezzo di dolorose fitte alla schiena il satanico personaggio si trascina verso il passaggio segreto, imprecando ad ogni passo fino all'ingresso, finalmente, ma allorch? preme sulla molla che aziona il congegno d'apertura, non ode alcuno scatto e l'idolo resta immobile, dannazione! non si muove!

Sono perduto? sepolto vivo in questo dannato buco? sepolto vivo con i miei sogni di potenza e la mia sete di vendetta! Ah, maledetto Willer! Maledetta ombra nera che hai sempre attraversato la mia strada! Io, il grande Mefisto, sono condannato a morire in questo sepolcro?

Ma ad un tratto egli si ricorda della sfera dei quattro poteri, che non potr? donare la salvezza al suo corpo ma potr? appagare la sete di vendetta del suo spirito. Colui-che-cammina-nella-notte potr? ancora una volta oltrepassare le barriere della materia e muoversi liberamente nello spazio? e se su questa maledetta terra il sangue del suo sangue è ancora vivo, potr? fargli giungere la sua voce!

Gemendo e imprecando, e a tratti, facendo echeggiare la caverna con le sue sinistre risate, Mefisto si avvicina al macabro specchio incastrato in una delle pareti dell'ormai semidistrutto tempio. Ghignando soddisfatto e quasi dimentico del dolore che lo tormenta, l'uomo accende un braciere, vi getta una manciata di neri granelli, quindi lancia la sua ultima invocazione?

Il sangue del suo sangue vive, così come vive colei che gli ha dato la vita. Lui sta camminando con passi incerti sulla stessa strada del padre, pur senza conoscere i grandi segreti e senza possedere le sette chiavi che aprono i libri neri, esibendosi in giuochi di prestigio oltre che nel lancio di coltelli è lei invece, gran cielo! che orribile megera! continua a seguire, come una volta, il piccolo sentiero della conoscenza, girando di villaggio in villaggio con il suo carrozzone.

In un piccolo paese del Texas, presso le rive del Pecos, mentre Blacky si esercita nel lancio dei coltelli contro una sagoma, una mano villosa, come per incanto, appare nello spazio e afferra al volo l'arma e quindi la scaraventa all'interno del grosso carro, trafiggendo una delle carte, un asso di picche, sotto lo sguardo atterrito ed esterrefatto della vecchia chiromante che poco prima, seduta al tavolino, si dilettava a leggerle.

Poco dopo, messe via le carte, Myriam avvicina a se la sfera di cristallo che nel carrozzone immerso nell'oscurit?, diventa subito fosforescente, lasciando quindi apparire strane figure che si muovono lentamente al suo interno, che cedono infine spazio al volto di Mefisto.

- Lascia stare mio figlio, maledetto tizzone d'inferno! Ricordo le orribili ore passate ad assisterti nei tuoi diabolici esperimenti e non voglio che anche Blacky?
- Taci! Taci e bada bene di non frapporre la tua miserabile ombra fra me e colui che dovr? raccogliere il mio potere e la rossa fiaccola della mia vendetta!

Liberatosi facilmente della sua vecchia fiamma che spaventata a morte lo importunava, Mefisto può quindi parlare senza impedimenti a suo figlio:

- Nel momento del mio più grande trionfo, quando già le mani stavano per stringersi intorno a uno scettro scintillante, un uomo malefico ha infranto il mio ultimo sogno? Invece di trionfi ho avuto disperazione e rovine? invece di gloria sto per avere la morte?
- Ha dunque un potere più grande del tuo, costui ?
- No! Ma è un uomo che ignora assolutamente cosa sia la paura e che non teme nulla e nessuno!
- Il suo nome ?
- Tex Willer!

Blacky dovr? affrontare esperienze che lo porteranno sulla soglia della pazzia, ma superate queste prove, avrà nel suo pugno il potere, quello di sfrecciare attraverso il tempo e lo spazio, quello di ottenere l'aiuto di tutti i figli dell'ombra, quello infine sui quattro elementi.

Tu dovrai [...] camminare su nuove fiammeggianti strade. Le tue mani dovranno impugnare la spada d'argento del potere... I tuoi occhi saranno in grado di vedere anche nei mondi oscuri dove vivono le ombre... e le tue orecchie dovranno poter sentire anche le voci che salgono dai profondi abissi o scendono dai neri cieli dell'infinito.

Accecato dalla prospettiva di un futuro prospero all'insegna del potere e della ricchezza, il giovane accetta la difficile eredit? paterna. A lungo il sinistro vecchio parla a colui che dovr? raccogliere la fiaccola della vendetta e così non si accorge che frattanto, attraverso gli squarci e le crepe prodotti nella caverna dalla tremenda esplosione, stanno arrivando centinaia e centinaia di grossi e famelici topiù i topi! Sono assalito dai topi! Ahhhhhh? maledette bestiacce! Via!... via!...

I figli dell'ombra non possono nulla per aiutarlo, così un inorridito Blacky contempla la lenta agonia del padre: figlio!... non dimenticare la mia vendetta! Sii degno del grande Mefisto!... e vendicami!...

La morte di Mefisto divorato dai topi nei sotterranei del castello costituisce uno dei momenti più drammatici della saga di Tex. Come giustamente fa notare F. Manetti nella sua recensione su Ubc, Mefisto, entrato nell'universo texiano come un semplice illusionista o come spia tutto sommato abbastanza mediocre, diventa al termine di un percorso durato 22 anni, dal 1949 al 1971, un personaggio indiscutibilmente tragico.

Immagine postata

Gli abissi ti aspettano, fratello! E il tuo nome è già sulla bocca di colui che regna sui mondi oscuri!

Blacky, inorridito dalla spettacolo della fine paterna, si copre il volto con le mani, quindi per non sentire più le sue urla di dolore, colpisce con violenza la sfera che va a frantumarsi sul pavimento. Basta con le stupide esibizioni, basta con il continuo vagabondaggio da uno scalcinato villaggio all'altro solo per scucire qualche dollaro dalle tasche di un branco di gonzi, il tempo di mettere la sua roba in una sacca e il figlio di Mefisto è pronto a cominciare una nuova vita: la Florida e la bella Loa, l'unica sopravvissuta della satanica setta del voodoo, lo attendono.

La bellissima Loa, mambo e figlia del serpente, ha un destino molto simile a quello del futuro Yama. Mentre cercava di fuggire dal castello con tutti i diamanti, seguita dal vecchio Otami, trafitto da una freccia in uno scontro con i seminoles quando ormai la salvezza sembrava ormai raggiunta, è stata fatta prigioniera da Yampas, ma ha giurato sul sacro Govi di vendicare la morte del padre.

Circa sei mesi dopo a Bonita Springs, in Florida, un piccolo villaggio a una ventina di miglia a sud di Fort Myers, Blacky organizza felicemente la fuga della bellissima meticcia, diventata ormai, da schiava qual'era, una delle mogli del grande capo seminole. La notte del giorno successivo, i due sinistri personaggi riescono ad allontanarsi dall'accampamento indiano quasi indisturbati. Loa guida per quasi due ore la canoa nel dedalo di canali della savana, finch? giunti nei pressi di un canneto, i due fuggitivi si addentrano nella fitta vegetazione e proseguono quindi lungo uno stretto fossato che costeggia la vegetazione. Giunti all'imboccatura di una caverna, l'ingresso del passaggio segreto che d' accesso ai sotterranei, rimuovono con fatica il pesante idolo che aveva impedito la fuga di Mefisto, condannandolo ad un'orrenda morte e avanzano nell'oscurit?, intralciati nel loro cammino da un'inquietante scheletro, fino alla grande sfera, che Blacky fissa perplesso, finch? non vede apparire, accompagnate dal sinistro e lontanissimo eco di una campanellina, le seguenti parole fiammeggianti: leggi subito i libri segreti!

Nel frattempo Yampas scoperta la fuga della donna e deciso più che mai a ucciderla, consulta il suo uomo della medicina, Ho-Yan, che lo mette in guardia: quando il capo seminole la rivedrà, i suoi piedi cominceranno a muoversi lungo il sentiero delle ombre? Yampas, noncurante della premonizione si addentra con le canoe nella palude, popolata da pericolosi e famelici alligatori, ma invano i suoi occhi frugano le sinistre rive, dove biancheggiano le ossa degli scheletri degli uomini di Dambo, in cerca dei due inseguiti, ma quasi per il volere di una satanica potenza, nel punto in cui Loa e il figlio di Mefisto hanno toccato terra, si sono radunati decine e decine di serpenti di ogni genere e ne Yampas ne gli altri che lo accompagnano, possono sospettare che i due fuggitivi siano sbarcati proprio l'?

I giorni passano? giorni durante i quali Blacky si dedica a studi ed esperimenti, iniziando la stessa Loa alle sinistre arti paterne. Il giovane figlio di Mefisto si trasforma a poco a poco nel sinistro e lugubre Yama, un profondo cambiamento di identit? che prescinde comunque dal nome con cui è ormai riconosciuto da tutti coloro che vivono nei cieli neri e negli abissi senza fine, il nome che è quello del dio ind' della morte, che simboleggia solo una sorta di battesimo demoniaco, iniziazione che coincide fatalmente anche con la notte della rivalsa della sua compagna, la sacerdotessa dei riti voodoo, che ha promesso di vendicare la morte del vecchio Otami.

Quando la luna è alta nel cielo, quando il momento è cioè più propizio ai sortilegi, Yama infatti la ipnotizza, quindi traccia un segno nell'aria e si avvicina al grande specchio incastrato nella roccia, dove dopo una breve invocazione al nero principe dalle mille facce e dalle mille forme, ottiene che si impossessi del corpo di Loa, lasciando libero lo spirito della donna di vagare nei cieli neri e quindi di apparire nella capanna di Yampas. Il fantasma cerca inutilmente di strangolare il capo seminole ma Ho-Yan, svegliato dall'urlo dell'uomo, si precipita e scaglia il suo bastone della magia contro la malefica apparizione che subito si dissolve nell'aria in una vampata di fuoco?

Circa tre settimane dopo, siamo a pagina 96 del numero 125, in un villaggio della riserva navajo una staffetta proveniente da Fort Wingate consegna a Tex un dispaccio urgente proveniente dalla Florida, che lo informa dell'evolversi della situazione nel campo seminole. Yama e Loa, attraverso la sfera magica dei quattro poteri, osservano divertiti la scena. Il figlio di Mefisto si svaga nel far apparire una mano che accende con un fiammifero il sigaro del soldato, quindi scatena una folata di vento infernale? qui c'è la mano di Mefisto! mormora Carson cercando di coprirsi dal polverone di sabbia, che l'inferno lo inghiotta! ribatte Tex. Un istante dopo con la stessa fulmineit? con cui si erano scatenate, le raffiche di vento cessano? e gli occhi del ranger e dei suoi pards possono vedere tracciato sulla cenere del fuoco spento il nome enigmatico del loro nuovo rivale: Yama!
Circa tre ore dopo, il gruppo giunge al villaggio centrale e mentre Kit e Tiger si occupano dei preparativi per il viaggio, Tex e Carson si recano dallo stregone per sentire il suo parere. Nuvola rossa consegna loro i quattro amuleti, ovvero quattro bracciali che dovranno portare al polso sinistro. L'argento viene dalle miniere sacre dell'Arcobaleno e i segni magici incisi nelle turchesi li proteggeranno dagli spiriti malvagi, rendendo meno pericolosa la loro pista.

Immagine postata

Contemporaneamente nel rifugio sotterraneo in Florida, Yama e Loa studiano il modo di liberarsi di Yampas. Al potere di mambo della donna, il bieco individuo aggiunger? quello datogli dal possesso delle sette chiavi nere e nel loro nome farà uscire dall'ombra lo spirito di Simbi, il dio delle sorgenti e delle acque. Due giorni dopo, a poche miglia dal villaggio seminole, due indiani hanno la visione della schiava negra che percorre le palude su una canoa. Ben lontani dall'immaginare che la loro scoperta è stata voluta dalla stessa Loa per attirare il loro capo nella piccola Isola degli Aironi, la seguono da lontano e al cader della sera fanno ritorno al villaggio, dove avvertono Yampas. Quella notte stessa, Loa coglie la sua vendetta: Yama proietta la sua immagine a distanza nella palude, mentre il capo seminole e i suoi guerrieri che la stavano aspettando impazientemente, fanno scivolare nell'acqua le loro canoe? Nello stesso istante lo spirito di Simbi accoglie la donna nel suo regno, Loa si trova immersa nell'acqua sotto la canoa di Yampas che invece continua a vedere l'immagine proiettata da Yama, ovvero una figura femminile, ora sull'isola, seduta presso il fuoco, che in quel momento voltandosi, rischiarata dal chiarore della luna, rivela di colpo una faccia orrenda? Prima che Yampas e gli altri possano riaversi dalla sorpresa, due orribili mani escono dall'acqua afferrando il bordo della canoa e rovesciandola? Loa trascina sul fondo il corpo del seminole che cerca inutilmente di liberarsi della mortale presa delle mani della donna, che gli stringono impietosamente il collo, mandandolo nel regno delle ombre. Gli alligatori intanto mettono in fuga gli indiani superstiti e lo stregone Ho-Yan.

La morte di Yampas non è stata che una goccia che ha lasciato le labbra aride come prima, senza spegnere l'ardente sete di vendetta di Yama e Loa, che si apprestano a lasciare l'antico tempio, destinato a diventare una terribile tomba per Tex e i suoi pards, che dovranno morire della stessa spaventosa morte toccata a Mefisto. Mezz?ora dopo con una barca i due raggiungono infatti la costa, dove a poca distanza li attende un battello.

Immagine postata

Qualche settimana dopo, su uno dei natanti che fanno servizio tra la Louisiana e la Florida, Tex e Carson scorgono affiorante dalle acque una gigantesca mano che regge una croce con in cima un teschio, intorno alla quale si stringe ben presto un serpente, il simbolo del Baron Samedi. Il teschio si trasforma repentinamente nella faccia di Mefisto e quindi con una sardonica risata scompare volando via nell'oscurit?? Un'illusione suscitata da uno dei tanti trucchi di Yama, che vuole mettere alla prova il ranger e i suoi pards: mio padre aveva ragione, quel Willer non conosce la paura! Il diabolico Blacky comunque non si rassegna e vuole mostrare tutta la forza del suo potere, in una notte che si preannuncia orrenda per i nostri eroi: poco più tardi infatti nell'obl' della loro cabina fa capolino la testa di un'orrenda scimmia, un animale che stranamente assume nella simbologia di Gianluigi Bonelli una forte connotazione negativa, di cui finisce per risentire anche il suo personaggio, che difatti scarica la sua colt contro la malefica apparizione che si trasforma quindi in un mostruoso braccio che finisce per introdursi nella cameretta. Fulmineamente le dita della mano diventano cinque orribili rettili le cui teste si agitano minacciose verso i quattro pardsè

- Ora ti afferrer? alla gola Willer, e? Dannazione non posso toccarlo!
- Che ti succede ?
- Non lo so! ... dovrei poterlo toccare e afferrare al collo? ma sento una forza misteriosa che respinge la mia mano!

Nello stesso istante, anche Tex si rende conto dello strano comportamento delle apparizioni e subito ne intuisce il motivo: è il suo braccio teso in avanti, quello con l'amuleto, che impedisce a Yama di poterlo colpire.

Immagine postata

Yama, deciso più che mai a scoprire se il suo avversario dispone o meno di protezioni contro la gente dei mondi oscuri, decide una difficile e pericolosa discesa agli inferi, fra il popolo di pietra. L' non vi è domanda che non possa trovare risposta. Il torvo individuo prende da un baule un drappo nero al cui centro sono ricamate quattro è y è in argento disposte a stella e quindi una coppa di cristallo che riempie di un liquido oleoso, sulla quale poggia un triangolo su cui sono fissati tre stoppini. Dopo che Yama li avrà accesi, Loa dovr? stare bene attenta alle tre fiammelle, non bruceranno tutte insieme, ma si consumeranno una dopo l'altra e tu dovrai spegnerle con le dita della sinistra prima che si spengano da sole! La sua vita è nelle mani della mambo. Senza dire altro, Yama accende i lumini, quindi si inginocchia nel pavimento.

- Ora coprimi con il drappo nero e dopo che lo avrai fatto, spegni le candele di centro dei candelieri, resteranno così accese sette fiamme! è tre per scendere fra gli spiriti di pietra e quattro per vedere la strada del ritorno.

Per quanto molto addentro nei sinistri riti della magia nera, Loa non riesce a vincere un sottile senso di angoscia mentre spegne la seconda candela e per poco non lancia un urlo allorch? vede il drappo nero afflosciarsi completamente? come se il corpo di Yama fosse scomparso attraverso il pavimento. Nell'attimo stesso, il figlio di Mefisto varca i confini dei regni di pietra, chiedendo il diritto di passare nel nome delle tre fiammelle, che la sua compagna, con un freddo sudore che gli inonda la fronte, osserva con frenesia. Yama dovr? affrettarsi. La prima fiamma sta morendo e solo quando si è spenta egli può prendere posto fra i sette saggi di pietra, sette colossi dalla forma colonnare il cui diametro si ingrandisce col tempo che passa, stringendosi minacciosamente intorno al nuovo venuto. Cercando di dominare l'agghiacciante senso di orrore da cui si sente pervaso, Yama espone il suo problema rivolgendosi alla misteriosa lastra nera che si trova posta al centro. Loa nel frattempo spegne la seconda fiammella che stava per andarsene, mentre sulla superficie della nera e lucente lastra, appaiono una dopo l'altra le parole della risposta:

I TUOI NEMICI PORTANO
AI POLSI DEI BRACCIALI
D'ARGENTO CON PIETRE
SU CUI SONO INCISE?

La terza fiamma intanto si spegne fra le dita di Loa e gli infernali esseri di pietra stanno ormai per schiacciare Yama, che senza più curarsi di guardare la misteriosa gigantesca lastra di pietra nera, pronuncia una formula segreta e avvolgendosi contemporaneamente il suo corpo nel drappo nero, riesce a svanire un attimo prima che i sette sinistri pilastri lo chiudano in una tragica morsa. Quello che Loa si ritrova di fronte è un uomo che ha carpito il segreto ai suoi avversari, ma la sua faccia è livida, una maschera terrificante! Versandosi un bicchiere Yama giura a se stesso che non ritenter? mai più la discesa in quell'agghiacciante abisso: per approfondire la sua conoscenza ha fatto molti viaggi, qualcuno dei quali era anche molto pericoloso, ma questo è stato per lui il peggiore di tutti.
Argento e turchesi, due elementi di efficace protezione contro ogni incantesimo. Occorre recuperare gli amuleti, a Tampa ci sono ancora dei fedeli del voodoo, non c'è negro in tutta la Florida che possa aver dimenticato la figlia del serpente, Yama e Loa decidono dunque di ricorrere al loro aiuto. Meno di un quarto d'ora dopo il battello spiega le vele al vento in direzione della baia della popolosa cittadina. Il fedele Thomas si incarica di trasmettere il messaggio ai vecchi adepti della mambo.

Tre giorni dopo. Nello storico covo del Black Baron si trama contro Tex e i suoi pards, che nel frattempo sono giunti a Tampa. Liberatisi agevolmente di un negro che li pedinava, i quattro tizzoni d'inferno si procurano quattro buoni cavalli e si lasciano alle spalle la periferia dell'abitato, sempre sorvegliati dai seguaci del voodoo, che nella radura poco distante, fanno rullare ritmicamente i loro sinistri tamburi, che di villaggio in villaggio trasmettono il messaggio che avverte altri due accoliti dell'agguerrita setta, due sguatteri che lavorano a Fort Meade, che dovranno preparare una degna accoglienza alla nostra allegra combriccola di tizzoni d'inferno?

Dum è dum è dumm? che i figli del serpente stiano in guardia? quattro nemici della grande mambo Loa sono entrati a Fort Meade? tre cani bianchi e un cane rosso.. sorvegliateli e aspettate altri ordini? dumm è dum è dum?

Ma al forte Joss è rimasto solo, il suo amico Aron ha le febbri ed è ormai moribondo, il ?Doc? ha pronunciato il suo verdetto e sarà tanto se arriva alla sera! Il negro deve ad ogni costo avvertire i suoi fratelli di Tampa della situazione. Esce dunque dal forte e si addentra nella foresta paludosa che lo circonda, quindi si arrampica svelto su un grosso e vecchio albero fra i cui rami si trova un tam-tam? Loa vuole mettere in pratica il rito dei ?boko?, che consiste nel ridare vita a un morto, che prende il nome di zombie. Tre quarti d'ora dopo Joss, orecchie tese, ascolta il messaggio che gli reca le istruzioni della mambo e alla fine, scosso da un brivido di paura, scopre di essere il prescelto per mettere al collo del trapassato il ?segno del signore dei cimiteri?, che lo riporter? in vita durante la cerimonia della magia nera, che avverr? quella notte stessa.

Intanto a Fort Meade, Tex apprende dal comandante della morte di Yampas e decide che l'indomani, all'alba, partir? alla volta di Fort Myers per avere maggiori notizie sulla tragica fine dell'amico.

Durante la notte, lo sguattero penetra nella sala dove riposa la salma dell'amico Aron. Chiusa la porta alle sue spalle, si avvicina al suo capezzale e dopo aver inciso uno strano segno a forma di croce su una candela, la accende e la pone davanti alla bocca del compagno, constatando con un sospiro di sollievo che la fiamma non si muove. Passa quindi alla fase successiva e preso il ?segno del principe dei morti?, incide con la punta di un pugnale dei forellini a forma di ?b? e ?sèsulle due foglie laterali della piccola croce, adagia dunque il potente amuleto sul petto del morto e lo lega al suo collo per mezzo di una funicella. Sul battello Loa e Yama seguono la scena attraverso la sfera dei quattro poteri. La mambo invoca il ?signore dei cimiteri?, quindi prepara il ?wanga??Dopo aver spiegato sul pavimento un tappeto nero, vi depone cioè un bambolotto fatto di cera e presi sette spilli da inizio al macabro rito.

O potente Baron Samedi, principe dei morti e signore dei cimiteri, ascolta la voce della signora dei serpenti ( si china sulla bambolina ) e tu che stai per varcare le porte nere, lascia che la mia mente prenda il posto della tua? ( mano a mano che la sua invocazione va avanti, pianta gli spilli nelle orecchie, negli occhi, nelle mani e nel petto del bambolotto ) chiudo le tue orecchie, perchè d'ora in poi udrai con le mie? chiudo i tuoi occhi perchè d'ora in poi vedrai con i miei? fermo le tue mani perchè d'ora in poi userai le mie? e prendo il tuo cuore perchè da questo momento esso vivr? solo con il battito del mio. In quanto alla fiamma che dovr? darti la vita e farti muovere ai miei comandi? ( soffia sulla candela deposta accanto al bambolotto estinguendola ) io te la mando nel nome del principe dei morti!

Nello stesso istante, nella penombra dell'infermeria del forte, gli occhi del morto si aprono lentamente, mentre il suo corpo viene scosso da un lungo brivido. Con movimenti lenti, allucinanti, lo ?zombie? si alza e ascolta attraverso lo spazio gli ordini di Loa. Impossessatosi di una rivoltella, esce dall'infermeria e si dirige verso gli alloggiamenti degli ufficiali, sotto lo sguardo impaurito di Joss che ne segue con una crescente curiosità tutti i movimenti.

Nella camera numero tre intanto Tex non riesce a dormire per il forte russare del vecchio cammello. Quando sta per mettere mano ad uno stivale, i suoi occhi si posano casualmente sulla porta illuminata dal chiarore della luna e notano l'abbassarsi della maniglia. Poco dopo il volto pallido, livido ed esangue dello zombie fa capolino attraverso la porta, ma la mano del ranger è più veloce e nella sparatoria che ne sussegue, un proiettile spezza casualmente il ?wanga? che il morto risuscitato portava al collo, spegnendone cioè la fiamma nera che lo animava? Nessuno era mai riuscito a distruggere uno zombie, commenta perplessa Loa, stizzita davanti all'ennesimo fallimento!

Il giorno dopo, nelle prime ore del mattino, Tex e i suoi pards lasciano il forte e si inoltrano sulla pista del Peace Creek, un nome che annuncia tempesta, raggiungendo dopo due giorni di marcia Fort Myers. Il comandante mette a loro disposizione un esploratore per condurli nel campo seminole, i rapporti che giungono periodicamente dalle tribù indiane non sono infatti per niente incoraggianti.

I seguaci del voodoo, dopo un breve conciliabolo nella taverna del Black Baron si mettono sulle loro tracce, Tex infatti ha già lasciato il forte. Gli ordini sono di catturare vivi i tre pards bianchi e di sopprimere Tiger e lo scout indiano. Accortisi di essere inseguiti, Kit e Tiger, che si trovavano in coda al gruppo, si scambiano una rapida occhiata? Kit si issa al primo ramo basso che incontra con un balzo acrobatico, subito imitato da Tiger una ventina di metri più in l', senza che i loro compagni si accorgano della loro scomparsa. Nel momento in cui i primi negri del voodoo si fanno vedere, la guida segnala a Tex e Carson la scomparsa dei due pards.. I due tizzoni d'inferno si mettono subito sulle loro tracce, rovinando così ai due la sorpresa. Ne nasce una breve sparatoria con i negri del voodoo, che battono in ritirata?

Tex decide di raggiungere il campo seminole attraverso la via più breve, ma bisogna attraversare la grande palude, una gran brutta pista, ricca di sabbie mobili. Circa un'ora dopo il gruppo raggiunge la palude ma proprio quando incomincia ad addentrarsi nelle acque stagnanti, il sibilo di una pallottola fa volare il cappello dello scout: quelli del voodoo li hanno preceduti tendendo loro un agguato, subito aiutati dai numerosi alligatori che popolano l'acquitrino. Fortunatamente gli affamati bestioni finiscono per contendersi ferocemente solo i corpi di tre cavalli uccisi e affioranti sull'acqua, permettendo ai nostri satanassi di sottrarsi al peggio? Intanto la sparatoria continua, anche se per poco, i negri si mettono al riparo in attesa di un'altra occasione più propizia, visto soprattutto l'alto numero di caduti, sotto un fuoco che si dimostra come al solito implacabile e inesorabile. L'esploratore indiano prosegue da solo verso l'accampamento dei seminoles, mentre Tex e i suoi pards, devono ancora una volta subire l'assalto del nemico irriducibile, prima del promesso arrivo dei soccorsi.

Frattanto mentre calano rapide le ombre della sera, a un miglio dalla costa di Bonita Springs, le ombre sinistre di Yama e Loa osservano taciturne la costa. Il messaggero che doveva avvertirli dell'ennesimo fallimento della setta è scomparso tra le sabbie mobili?la notte non è propizia per gli incantesimi dice pensieroso il figlio di Mefisto. C?? come una grossa mano che copre quasi interamente la luna e Yama ha avuto un altro segno premonitore di sventura: mentre leggeva uno dei libri lasciati dal padre ha sentito distintamente i sette rintocchi di una campana, un indice per lui altamente negativo.

Nello stesso momento, lo scout del forte, ferito in uno scontro a fuoco con i negri che non gli danno tregua, giunge alla sospirata meta, disperatamente aggrappato al cavallo in corsa, dove d' l'allarme. Subito dopo una quindicina di seminoles lasciano il villaggio e raggiunti Tex e i suoi pards, danno quindi la caccia agli ultimi settari del voodoo, costretti a una precipitosa ritirata? senza via di scampo!

Nella capanna di Ho-Yan, lo stregone racconta ai quattro pards quanto è avvenuto dal momento della fuga di Loa e degli strani sortilegi di cui sono state vittime le poche persone che abbiano osato avvicinarsi alle rovine del vecchio castello del Baron Samedi. Osservato con curiosità, Ho-Yan versa nel braciere posto ai suoi piedi un pizzico della polvere che aveva estratto dal sacchetto di cuoio appeso al collo, quindi resta immobile con gli occhi fissi sulle spirali di fumo nerastro che salgono dal centro del recipiente, poi scuotendo il capo come se stesse risvegliandosi da un brutto sogno, alza gli occhi su Tex:

- Gli spiriti della notte hanno potuto soltanto sussurrarmi confuse parole di morte e vaghi avvertimenti sui pericoli che vi aspettano, poi, mentre ogni voce stava svanendo, ne ho sentito una che mi bisbigliava un consiglio? che gli amici di Ho-yan si ricordino dell'acqua quando la morte si apprester? a ghermirli!

Nella sua cabina il lugubre e funereo Yama si agita nel sonno popolato da incubi e balbetta parole senza senso, fino a quando risvegliandosi con un urlo, richiama l' attenzione della bella meticcia. Le ombre della notte gli hanno mandato un sogno rivelatore annunciandogli l'ennesima sconfitta.

- Un brutto sogno, Loa! ?Udivo suonare molti tamburi? e mi sentivo trasportare attraverso la foresta dove qua e l' giacevano dei corpi di negri? poi vedevo un negro che correva nella palude e finiva per sparire urlando nelle sabbie mobili?

Immagine postata

Yama e Loa si scambiano una rapida occhiata, l'unica carta che resta da giocare è il loro adepto Thomas, che sarà sacrificato come esca per attirare Tex e i suoi pards all'interno del castello diroccato, nei sotterranei, dove scatter? infallibilmente la trappola destinata a seppellire vivi i nostri tizzoni d'inferno che dovranno patire la stessa agonia sofferta dal grande Mefisto.

Il giorno dopo i quattro tizzoni d'inferno lasciano il villaggio nelle prime ore del mattino e si addentrano nella foresta lungo la pista che porta alle rovine del castello. Thomas, che nel frattempo li ha preceduti lungo la via, spezza un ramoscello per attirare la loro attenzione. Il negro si d' quindi alla fuga, subito inseguito da Tex, Carson, Kit e Tiger, attirandoli nella trappola mortale. Tutte le porte che conducono ai sotterranei sono aperte, solo l'ultima è chiusa e Thomas dovr? spingerla con forza ed entrare nel tempio? da quel momento, gli ricorda Yama, non dovrai più preoccuparti di niente! Con un ultimo disperato sforzo, Thomas attraversa lo spiazzo al cui centro, semisepolte dalla vegetazione, si stagliano le rovine del sinistro castello e in breve, balzando agilmente oltre i massi sparsi davanti all'ingresso, si infila nei corridoio che d' accesso ai sotterranei. Armi in pugno e pronti a far fronte a tutto anche i quattro pards irrompono fra le sinistre rovine. Confortato dal pensiero che da quel momento è ormai fuori pericolo, Thomas si dirige verso il fondo del vecchio tempio, non immaginando neppure lontanamente che aprendo l'ultima porta, ha fatto scattare un congegno, collocato a suo tempo dal diabolico Yama, che farà esplodere la dinamite sistemata nel piano superiore! Nel frattempo Tex e i suoi pards hanno raggiunto il tempio quando un forte scoppio genera una caduta di massi che ne ostruisce l'ingresso?

Sono caduti in trappola. La stessa trappola in cui Mefisto ha chiuso la sua vita terrena dopo una lunga, terribile agonia?

Immagine postata

Tex e i suoi pards sono per la prima volta di fronte al loro lugubre avversario. Carson lo maledice.

Insultami pure, vecchio pazzo! Non saranno certo le tue parole che mi toglieranno il piacere di una raffinata vendetta. Sarà al contrario una vera delizia udire le vostre imprecazioni e maledizioni? imprecazioni e maledizioni che col passare dei giorni si muteranno in lamenti e disperate preghiere? e io sentir? tutto e rider? di voi e delle vostre angosce! Ogni vostro gemito sarà per me una dolcissima armonia? ogni rantolo mi riempir? di immensa gioia? e allorch? la vostra lunghissima agonia sarà finita, io mi farà le ultime risate guardando i vostri corpi senza vita!

Al lungo monologo segue una risata satanica ma Carson infrange con uno sparo il vetro dello specchio. Lo spettacolo è finito. I quattro pards e Thomas, che nel frattempo si è unito a loro, esplorano accuratamente l'intera grotta. Giunti in prossimit? dell'idolo, Tiger si ferma e abbassa contemporaneamente la torcia verso terra: una corrente d'aria filtra sotto l'imponente feticcio di legno. Senza aggiungere una parola, i quattro pards e Thomas cercano di smuoverlo ma ogni sforzo risulta vano?

Yama non conosce bene il suo avversario, che è pura dinamite? raccolta tutta la polvere da sparo delle loro cartucce, prepara un ordigno esplosivo che deposita ai piedi del totem? bwang? un varco si apre, un pertugio che li lascia liberi di abbandonare il tempio. Seguendo l'oscuro passaggio, in cinque minuti Tex e i suoi compagni sbucano in una cripta da cui si diparte una scala, ma allorch? essi cercano di sollevare la botola che la ostruisce, si avvedono che resiste a ogni tentativo? I nostri eroi non si perdono d'animo e lavorando a turni i due per volta, tutti e cinque affondano i loro coltelli lungo le assi del tombino e ben presto dalle spaccature praticate lungo le fessure cominciano a scaturire getti sempre più forti di acqua? è proprio la pressione di quest?ultima ad aiutare i nostri tizzoni ad abbattere l'ostacolo: sotto la spinta vigorosa delle braccia di Thomas la botola infine cede? In capo a pochi minuti, attraversata un'altra galleria, il gruppo esce finalmente all'aria aperta!

Thomas ansioso di vendicarsi del brutto tiro dei suoi padroni, si propone di guidare i quattro tizzoni d'inferno fino alla spiaggia di Bonita Springs dove la nave di Yama è sempre ancorata. Compiendo soventi deviazioni per aggirare tratti pericolosi, sia per le sabbie mobili sia per la presenza di alligatori, il negro guida i suoi compagni attraverso l'acquitrino per circa cinque miglia e qualche ora dopo tutti quanti raggiungono il rifugio del figlio di Mefisto. I sei uomini dell'equipaggio sono tutti legati a Thomas dalla ?fratellanza dei figli del serpente?, con il loro aiuto l'uomo spera di rendere impotenti Yama e la Signora dei serpenti.

Tex, per una volta, cede l'iniziativa a Thomas che un attimo dopo si allontana nella crescente oscurit? dirigendosi verso il punto dove il giorno prima aveva lasciato la scialuppa.

Contemporaneamente a bordo del battello, mentre Yama dorme un sonno popolato da incubi, Loa rimescola nervosamente le sue carte. Per la quarta volta consecutiva l'ultima carta che le è restata in mano era un asso di picche, un segno di sventura? un segno di morte!

Intanto salito a bordo, Thomas non ha perso tempo nel radunare intorno a se i suoi compagni e raccontar loro gli ultimi avvenimenti? Tex e i suoi pards osservano l'evolversi della situazione dalla non lontana costa.

Nel buio sempre più crescente della sera un pipistrello, un altro cattivo segno, compiuti alcuni giri intorno alla nave, penetra nella cabina di Loa. La donna volge l'ultima carta che le è rimasta in mano, che si rivela essere ancora una volta un asso di picche. Conscia della grave minaccia che li sovrasta, la mambo decide di svegliare il suo sinistro alleato, ma quando apre la porta, prima ancora di reagire e lanciare un grido, viene immobilizzata da Thomas e da un paio di uomini dell'equipaggio? Senza una parola i negri infilano la bella meticcia in un grosso sacco e lo legano stretto. Quindi munitosi di un altro telo, Thomas fa cenno agli altri di seguirlo nella cabina di Yama, che nel sonno è preda di un incubo.

No! No! Lasciatemi stare? Nooo! Non è vero! è sono sepolti nella grotta!

Dopo un attimo di esitazione, Thomas e i suoi compagni si gettano sul figlio di Mefisto e lo immobilizzano, senza lasciargli il tempo di ricorrere ai suoi misteriosi poteri. Thomas agguanta quindi la sfera dei quattro poteri e la fa volare in mare attraverso l'obl'? a bordo del battello non dovr? restare più niente che ricordi le orribili stregonerie di Yama!

La sinistra sfera piomba in acqua proprio mentre la luna fa la sua apparizione fra le nubi nerastre che si stanno formando all'orizzonte? un attimo dopo il vento si leva di colpo, con violenti raffiche che spazzano il mare? scatenando in poco tempo un'autentica bufera.

- Il battello!... ha strappato gli ormeggi!
- Potenze del cielo!...
- Affonda!
- No! ... Si è raddrizzato e corre verso il largo!

Come se al timone ci fosse qualcuno dotato di poteri soprannaturali, il battello, le vele lacerate al vento, sfreccia nella baia verso il lontano orizzonte, scomparendo velocissimamente tra le tenebre, così racconta la storia che i marinai della costa occidentale della Florida sussurrano nelle fumose taverne dei porti?



by YMALPAS

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

L'unico aggettivo adatto per questa storia è impressionante. L'epicit?, la mole dei disegni, l'atipicit?, l'inizio assolutamente 'furioso'. Coloro che l'hanno realizzata erano preda ad un furore creativo unico, compreso nei (pochi) momenti maggiormente di texiana 'routine' (sui generis), che si trovano in MAGIA NERA. E Galep è un gigante, tavole del genere ne trovi poche anche nel cosiddetto fumetto colto. Invotabile a priori, sarebbe uno sgarro.

originally edited by MISTER P (15/8/2006, 20:30)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Forse e' la piu' bella storia riguardante l'eterna lotta tra Tex e le forze del male rappresentate da Mefisto e suo figlio Yama.
Gia' l'inizio della storia con quelll'orrenda morte di Mefisto fa rabbrividire e non e' altro che l'antipasto di una sceneggiatura in stile horror e fantastico.
Zombie, apparizioni infernali, giochi di mente, viaggio nei mondi oscuri, agguati ai nostri eroi, il tutto con un ritmo incalzante.
Yama degno successore di Mefisto non fa rimpiangere quest'ultimo e il lettore alla fine della storia sa che una tempesta non riuscira' a sconfiggere il figlio di Mefisto e si sfrega le mani immaginando gia' un suo ritorno che verra' di li' a poco.
G. L. Bonelli qui si supera in questi tre albi che rimarranno nella storia.
Per quanto riguarda i disegni qui abbiamo un Galep nel suo massimo splendore artistico e in una forma smagliante, anche se il suo lavoro migliore secondo me rimane "Gli Sterminatori" nell'albo "Condor Pass".
10 e lode!!!!!!

originally edited by ANTHONY STEFFEN (16/8/2006, 14:32)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Concordo totalmente sul fatto che ci troviamo di fronte ad un capolavoro assoluto. Storia splendida e disegni assolutamente meravigliosi. Concordo sul fatto che probabilmente solo in occasione de "Gli sterminatori" Galep abbia fatto di meglio (ma su un numero di tavole enormemente inferiore). Insomma, una pietra miliare della saga texiana.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Guest Kerzhakov 91

Storia che parte fortissimo (ma veramente...) con un colpo di scena dietro l'altro, ma che perde man mano che va avanti, alcune situazioni potevano essere gestite meglio. Come - purtroppo succede - in molto valide storie di Tex, il finale è un p? troppo affrettato. Non la considero un capolavoro assoluto, anche se il primo albo è tra i migliori che abbia mai letto. Voto? Tra 8 e 9 (***, ma molto vicino al **** massimo nelle mie personali valutazioni). Dimenticavo... terrificante la morte di Mefisto, vista praticamente "in diretta". Provate a mettervi nei panni del "povero" Yama che vede morire in quell'orribile modo quello che è comunque suo padre... non provereste anche voi lo stesso odio per Tex & co.?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Storia assolutamente memorabile, m'? piaciuta tantissimo l'atmosfera davvero cupa, che nonostante l'età, regala senz altro ancora diversi brividi (per esempio la discesa negli inferi di yama). Concordo sul finale, ma è un po' un classico di tex (ma non solo, persino i western di una volta finivano in modo affrettato), però la vignetta finale, con la morte che conduce il veliero e la didascalia,? da oscar ! :D

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Guest Colonnello_Jim_Brandon

Una bellissima storia che parte con una forte impennata di suspance... il giovane Blacky che si scopre di essere il figlio di mefisto, la orribile morte di mefisto divorato in diretta dai topi, lo studio da parte di Blacky dei libri del padre, il tentato omicidio e poi l'assassinio di Yampas, il fallito attentato dello zombie al forte... e sullo sfondo i quattro pard che cercano, inizialmente invano, di scoprire chi sia questo loro nuovo mefistofelico personaggio... una grande storia scritta da un GLB in forma smagliante, una storia rica di colpi di scena, di momenti "critici" e di pura e "semplice" azione allo stato puro!!! Bellissima è amio parere la scena in cui tiger e Kit, con un cenno di intesa, decidono di inerpicarsi sugli alberi all'insaputa di Tex e Carson per poter mettere nel sacco i fanatici del voodoo che stavano dando loro la caccia!! Dinamite allo stato puro... Unica nota dolente IMHO è forse il finale che appare un po' troppo "affrettato" per una storia che sino a poche pagine prima era molto più articolata... ma forse questo finale è solo un escamotage di GLB per poter dare il LA alla successiva apparizione di Yama... Grandiosi i disegni di Galep!!!!Voto complessivo : 8

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Anche per me questa storia è un capolavoro e con ogni probabilità la migliore in assoluto del ciclo di Mefisto e Yama. Due, a mio parere, i suoi principali punti di forza: l'uso ( soprattutto nella prima parte ) dell'elemento horror in una maniera intensa ed impressionante come mai era accaduto prima e mai più accadr? dopo e la personalit? del nuovo nemico dei pards. Infatti Yama non solo per quasi tutta la storia può attaccare Tex & Co. senza che questi sappiano chi è il loro nemico ( e quando si ha a che fare col ranger questo non è certo un vantaggio trascurabile ), ma, a differenza di Mefisto, si mantiene calmo, freddo e controllato per buona parte della vicenda cosa che, ad onta di alcune sue goffaggini da "apprendista stregone", lo rende assai più temibile di suo padre ( di cui dopo le scene iniziali, mostra di non avere affatto bisogno, a differenza di quanto gli capiter? in seguito ); soltanto nella parte finale della storia, il contatto con il mondo demoniaco inizier? ad incidere sulla sua psiche, logorandolo e rendendolo quasi folle. I disegni di Galep, come quasi tutti hanno detto, rappresentano probabilmente la sua prova migliore in assoluto. Insomma, a mio giudizio:soggetto 10sceneggiatura 10disegni 10

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Beh che dire su questa storia?Concordo con tutti i giudizi positivi che mi hanno preceduto. GLB riesce a raccontare in maniera impressionante la fine del terribile Mefisto e grazie agli stupendi disegni di un Galep particolarmente ispirato, riesce a trasmetterci emozioni più grandi di quelle che possanop uscire da un fumetto. Il passaggio di mano dei poteri, da Mefisto al figlio Blacky.... Sicuramente quest'ultimo è minore rispetto al padre, ma riesce comunque a dare del filo da torcere ai nostri pards. Bellissima la lunga parte iniziale, dall'incontro con Loa a tutti i lunghi e molte volte faticosi studi di Yama, che piano piano assorbe i poteri del padre. Arriva quindi la parte in cui entrano in scena i nostri, con gli scontri con i membri della setta del vodoo, risorta e in cerca di vendetta. Come scordarsi poi dello zombie risorto, che rende ancora più spettacolare la vicenda. Voto 10 sia ai testi che ai disegni.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Assolutamente una grande storia! E' la storia che consiglierei a tutti per avvicinarsi alle storie di magia texiane. Gian Luigi Bonelli ha veramente una vena creativa impressionante in quel periodo e e ogni storia presenta davvero pochissimi difetti;in questa gli unici nei che ho trovato sono stati il finale affrettato e la fiacca dei nemici di Tex (compresi anche Yama e Loa, almeno in parte). La narrazione scorre veloce e ogni pard ha un ruolo fondamentale all'interno della storia; persino le figure dei negri son caratterizzate molto bene nonostante rappresentino un personaggio unico. I disegni di Galepsono in stile leggermente antiquato anche se comunque assai maturi rispetto ad alcuni precedenti. Storia che davvero non stufa mai e dalla dimensione epica. I voti si sprecano!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Buona storia, ottimi disegni. Per quanto mi riguarda non mi piace il fatto che si punti troppo sulla magia. In fondo Mefisto era partito come un semplice prestigiatore/illusionista e pian piano arriva ad avere poteri ultraterreni che poi quasi di punto in bianco trasferisce al figlio; nonostante questo Tex e i suoi pard riescono ad eludere tutte le trovate di Yama ed a sconfiggerlo con una certa facilit?. Qualcosa non torna. Forse sarebbe stato meglio spingere un p? meno sui poteri magici di Yama e Mefisto, la storia sarebbe stata più credibile. Concordo sul finale affrettato, dopo una storia abbastanza lunga e con molti colpi di scena ci voleva un finale migliore. Concludendo darei un sette ma un voto in più la storia lo merita per gli ottimi disegni di Galep quindi voto otto.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Senza dubbio questa è una storia intrigante sotto molti punti di vista:-La trama è molto ben congegnata al punto da non essere prevedibile-Il personaggio di Yama è reso misterioso e tenebroso-Le stesse ambientazioni viste ne "il terrore nella savana" sono state ampiamente riutilizzate senza cadere nei clich?. Un p? di critica secondo me va nell'uso eccessivo dell'atmosfera orrorifica in generale della storia. La magia va benone ma mi pare ci sia un p? troppo dark. Comunque rimane una bella storia godibile e rileggibile più volte.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Senza dubbio questa è una storia intrigante sotto molti punti di vista:-La trama è molto ben congegnata al punto da non essere prevedibile-Il personaggio di Yama è reso misterioso e tenebroso-Le stesse ambientazioni viste ne "il terrore nella savana" sono state ampiamente riutilizzate senza cadere nei clich?. Un p? di critica secondo me va nell'uso eccessivo dell'atmosfera orrorifica in generale della storia. La magia va benone ma mi pare ci sia un p? troppo dark. Comunque rimane una bella storia godibile e rileggibile più volte.

Invece al sottoscritto il lato più horror di questa storia è sempre piaciuto parecchio. Ricordo ancora la quarta di copertina del n° 124 con lo strillo: "Se siete impressionabili non comprate il prossimo numero", che ebbe l'effetto di spingermi a comprarlo senza riserve, senza contare l'inquietante copertina che faceva molto l'effetto romanzo gotico. Posso capire che non a tutti piaccia il filone magico e fantastico in genere, ma io non solo lo apprezzo, ma vorrei vedere questo genere di storie almeno con la stessa frequenza dei vecchi tempi. Pur rispettando (ci mancherebbe) il parere di chi vorrebbe un Tex più ancorato a temi realistici, io credo che elementi di magia e mistero facciano a pieno titoilo parte del mondo di Tex, di quella che possiamo chiamare addirittura mitologia texiana e lo accetto senza problemi.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Concordo con Carlo. Credo che questa storia si basi su due elementi narrativi:l'avventura pura-per esempio le scene di scontri a fuoco e inseguimenti nella palude- e l'horror. Tra questi due l'elemento dominante è l'horror. Sono le atmosfere gotiche e tenebrose ad occupare la maggior parte delle scene. Quindi, secondo me,? l'horror l'elemento base della storia, l'elemento che, complessivamente, la struttura e la caratterizza. E alcune scene più o meno horror di questo capolavoro sono davvero indimenticabili e impressionanti (specialmente se la prima volta che le hai lette eri piccolo):Mefisto mangiato dai topi, con quelle urla lancinanti che si espangono per il sotteraneo;Yama che si va a fare il suo giretto negli inferi e rischia di rimanerci, con Loa che suda freddo mentre spegne le candele;la scena con lo zombie che prima si risveglia e poi strangola il povero soldato... Indimenticabile!Senza contare che in questa storia Galep realizza un vero e proprio capolavoro grafico!Secondo me è la storia migliore con Mefisto e Yama, e uno dei capolavori assoluti della saga:urge rilettura!! :cowboy:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Personalmente, preferisco le storie di stampo prettamente western, ma qui si sta parlando di una vera e propria pietra miliare all'interno della saga del nosro ranger. G. L. Bonelli si trova perfettamente a proprio agio quando si tratta di ricreare atmosfere particolari legate al mondo dell'occulto e della magia. Mefisto è un signor personaggio, dotato di un carisma unico. Prima di fare l'orrenda fine che tutti conosciamo, riesce a trasmettere al figlio Blacky parte delle sue conoscenze e dei suoi poteri con l'uinco intento di vendicarsi di Tex e dei suoi pards. Nasce così Yama, personaggio che, negli anni a venire, diventer? sempre più potente e sempre più addentrato nel misteroso mondo del soprannaturale, ma che, a mio avviso, non riesce a raggiungere lo straordinario livello di carisma del padre. Mefisto resta per me una figura unica. Nizzi lo riporta in vita nella bellissima e lunga avventura disegnata da un Claudio Villa in assoluto stato di grazia e dalle cui stupende ed evocative immagini, il nostro bravo KitWiller79 ha ricavato il suo bel video che tutti noi abbiamo apprezzato. E Chissà... (visto il finale di quella storia) che in futuro non ce lo ritroveremo nuovamente davanti, più cattivo e potente che mai. Ho riletto proprio di recente i 4 albi che compongono questa storia e non posso fare a meno di osannare il grandissimo lavoro svolto dal maestro Galleppini sulle sue 361 tavole. Io sono un Villiano e un Ticciano fradicio fino al midollo, ma i disegni di Galep sono impossibili da dimenticare, così come non si possono cancellare tutte le incredibili emozioni che è riuscito a regalarmi col suo inconfondibile e inimitabile stile. I-NI-MI-TA-BI-LE, amici e anche se so benissimo che non ce ne sarebbe bisogno, ve lo dice uno abituato a tenere in mano pennino e pennello da oltre trent'anni.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Penso che questa sia la storia meglio riuscita di Tex. La serie si può dividere in due grandi filoni, ovvero: le storie western classiche (indiani, banditi, assalti alle diligenze eccetera) e quelle che hanno il fascino del mistero, del sovrannaturale. Questa stupenda storia appartiene alla seconda categoria e risulta secondo me la più riuscita in questo tipo di tematiche fatte di magie ed esoterismo. Gusti personali me la fanno anche incoronare come la migliore di tutte le storie e spiego le motivazioni. Primo: del tutto personali. Quando cominciai a collezionare Tex (ero lettore di Miki e Blek della Dardo) mio padre mi comprava albi sporadici (il primo fu "Il solitario del West" e chi s' 'o scorda!!!), di cui spesso mi mancavano i numeri per completare la storia, con mio grande rammarico. Ciò però contribuiva alla spensierata ricerca degli albi mancanti nei negozi di fumetti che per me, all'epoca, erano come luoghi di sogno. La storia del figlio di Mefisto, invece, fu il primo Tutto Tex che comprai in edicola e, in capo a due mesi circa di trepidante attesa presi tutti e quattro i volumetti. Erano gli anni novanta (il '92 per essere esatti, l'anno in cui Michael Jackson stupiva il mondo con il suo meraviglioso "Dangerous Tour", e chiedo scusa per l'off topic ma concedetemelo, sono ricordi d'infanzia!!) e avevo appena dieci anni. Quindi la prima motivazione per cui la incorono "migliore storia texana" è di carattere affettivo. La seconda è dovuta a molti ragionamenti che vorrei esporre in libertà. Prendiamo in esame la sceneggiatura. Si parte con un lungo flashback che non solo recupera sapientemente il montaggio del precente scontro con Mefisto (numeri 93-94-95 se non erro) ripronendo le vignette con cui si concludeva la storia, ma si riaggancia al seguito, mostrandoci cosa sia accaduto all'infernale Mefisto dopo il crollo del castello. E qui, signori del forum, si entra nel campo della grande sceneggiatura. Esemplare l'odio con cui Mefisto trasmette al figlio Yama tutta la sua rabbia contro Willer e pars e la disperazione di tante sconfitte cui è incappato per colpa di Tex. Da antologia la scena dell'assalto dei topi che risulta essere uno dei momenti più drammatici dell'albo ma anche di tutte le storie della saga del nostro ranger. La sceneggiatura prosegue in modo inedito per l'epoca ponendo i riflettori, per quasi cento pagine, sul solo Yama. Innovativo per una serie dove il protagonista è sempre stato ben presente quasi in ogni pagina. C'è quindi da parte di Bonelli padre l'esigenza di creare qualcosa di "diverso". Se, quindi, abbiamo una sapiente sceneggiatura che dire dei dialoghi d'annunziani che abbondano in ogni pagina, dei continui rimandi a gironi infernali, gran signori dell'inferno e creature della notte? Irripetibile. Inoltre la storia è ricca di tematiche di tipo horror come la discesa nel limbo infernale (la famigerate terra delle pietre) da parte di Yama, le creature monolitiche con cui egli parla, gli incantesimi cui vengono sottoposti Tex e compagni sul battelo nel secondo albo, e lo zombie... dio lo zombie e chi se lo scorda! Con tutto ciò Bonelli padre riesce anche a stupire gli stessi Tex e pards che credono di lottare contro un redivivo Mefisto ma, alla fine di "Magia Nera", è memorabile e d'antologia la scena dei pards rinchiusi nelle rovine del castello e di Yama che rivela la propria indentit?:YAMA "E' un'eternit? che aspetto questo momento... il momento della mia vendetta! La vendetta di Yama, figlio di Mefisto!"Immenso... Naturalmente noi lettori sappiamo tutto di Yama e di suo padre ma è sempre bello veder Tex e pards sorprendersi, rimanere sbigottiti una volta tanto di fronte a un nuovo nemico. Rileggendo a distanza di tempo la storia è affascinante e ottocentesca la didascalia finale che chiude la stessa (lasciando comunque campo aperto alle future storie, ai ritorni e ai nuovi scontri e per una sottospecie di "continuity" che oserei chiamare mefistiana) con il veliero lanciato a vele rotte in alto mare mentre la tempesta imperversa e al timone compare una misteriosa figura scheletricache sembra prendere apparentemente il controllo dell'imbarcazione, lasciando a bocca aperta i lettori. Ecco la didascalia:"Ma se questa storia fin° presto nell'oblio, non tard' a sorgerne un'altra... quella che i marinai della costa ovest della Florida raccontavano a bassa voce nelle fumose taverne dei porti... la storia di un veliero nero dagli alberi spezzati, che nelle notti di tempesta accostava le navi, sino a lasciar scorgere una alta e sinistra figura avvinghiata al timone, e poi si allontanava velocissino scomparendo presto nelle tenebre!"Sublime... Nella saga di Tex, a mio avviso, non si sono mai visti tanti colpi di scena, sequenze mozzafiato (certo la scena sulla tomba di Lilith è grandiosa ma il resto della storia ?, con tutto il rispetto, nulla di eccezionale) e dialoghi di tale efficacia, oltre che una sapiente regia e una sceneggiatura priva di pecche, lungaggini e ripetizioni. E per eleggere questa migliore storia di tutti i tempi vado ad aggiungere, cari e illustri membri westerofili del forum, che i disegni di Galleppini sono irripetibili, magici e evocativi. Guardate le sequenze nel castello della Florida con Mefisto lancinante e assalito dai topi, osservate le oniriche scene del viaggio di Yama nelle terre del popolo della pietra, lo zombie che assale Tex nel cuore della notte, il volto del gorilla che sghignazza nell'obl' della nave, le foreste tratteggiate con rapidi ed efficaci chiaro-oscuri dove la luna sembra fuoriuscire dalle vignette e annunciare morte e situazioni di paura e, se non vi bastasse ancora, ammirate la vignetta finale, col veliero dove è intrappolato Yama, abbandonato alla tempesta e la taverna che sembra uscita da un romanzo di Stevenson e allora, signori miei, se anche questa varietà di ambientazioni, di disegni straordinari ed epici, uniti alla sceneggiatura esemplare, se tutto ciò non fa di essa la migliore delle storie allora io vivo su di un altro pianeta!Questa storia non merita voti... il dieci è troppo poco!Adios!!! :)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Finalmente con un po di tempo a disposizione sono tornato a prendere in mano questa storia e a rileggere con attenzione questo capolavoro. Senza dubbio trovo che questa sia la migliore storia con Yama e sul podio comprendendo anche quelle con Mefisto. La narrazione della vicenda e semplicemente fantastica. Il prologo iniziale con le vignette di Black Baron, il teschio narratore, gli splendidi dialoghi di GLB, la scoperta della tragica fine di Mefisto, il passaggio di consegne al figlio Yama, la presenza di vecchi protagonisti di Black Baron come Loa e Yampas, quelle tinte horror presenti nella trama e più accentuate che in altre avventure sono tutti elementi che contribuiscono all'ottima riuscita di questa storia e alla sua classificazione tra gli assoluti capolavori della saga texiana. I dialoghi non annoiano mai nonostante siano lunghi in perfetto stile GLB. I disegni di un Galep ai suoi massini livelli artistici fanno la loro parte e danno alla storia quel tocco in più. Trama 10Disegni 10

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Son passati diversi anni da quando lessi la prima volta questa storia: Era l'estate del 2001. Una storia indimenticabile: forse la migliore con Mefisto/Yama, è una storia tragica per certi aspetti e in essa si respira una aria di horror allo stato puro. La fine di Mesfisto è memorabile, un punto di forza della storia e anche della saga intera di Tex, tuttavia è anche stato secondo me un punto di debolezza: quale altro nemico ha potuto vantare la stessa fama di Mefisto?Tex ha avuto diversi avversarà temibili: El Muerto, la Tigre Nera, Cobra Galindez, la Dama di picche per citarne alcuni, ma a mio avviso nessuno di questi nemici sebbene validissimi, hanno mai avuto lo stesso impatto di Mefisto.(Se ricordate con lo scontro di alcuni nemici storici come Proteus, la Tigre Nera, Mitla, Rakos è chiamato in causa Mefisto). Disegni in ogni caso molto splendidi, che ti calano in questa atmosfera dark.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

la storia di questo albo è per me una delle migliori poi mefisto è davvero uno dei più grandi nemici che tex affronta nella serie bonelli poi caratterialmente è eccezionale ha dei dialoghi molto ben strutturati e mi piace come viene disegnato dai vari disegnatori :-) scusate se mi sono dilungato troppo ma mi piace molto episodio :-)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.