Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum
Sam Stone

[604/605] Attacco Alla Diligenza

Voto alla Storia?  

56 voti

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Si è pregati di collegarsi o iscriversi per poter votare in questo sondaggio.

Messaggi consigliati/raccomandati

QLLPJXw5EcvOnZpUsY+k2Zi3qCRqBk8LH1ivDbmo  pcp4e6hzZljzHrcTbXE0ibYudSMKT226OJYMDCW7





Soggetto e sceneggiatura: Claudio Nizzi
Disegni: Rossano Rossi
Periodicità mensile: Febbraio - Marzo 2011
Inizia nel numero 604 e finisce nel numero 605






Un enigmatico messaggio da parte del generale Davis porta Tex e Carson ad Albuquerque. Ma il loro amico ufficiale dell'esercito non si presenta all'appuntamento: la diligenza che lo stava portando in città, sulla quale, segretamente, viaggiavano anche le paghe dei soldati di fort Wingate, è stata presa d'assalto dalla banda Corbett. Per sfuggire ai rapinatori, la carrozza e i suoi passeggeri sono finiti tra le acque del rio Grande e di Davis si è persa ogni traccia! Che fine ha fatto? è stato trascinato via dalla corrente del fiume, oppure i banditi l'hanno portato con sè? I pards non perdono tempo e cercano di ricostruire un'intricata vicenda sulla quale, più che dello zampino del fato, si trovano le impronte delle avide mani di qualche losco intrallazzatore!





© Sergio Bonelli Editore

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Grande copertina, in cui la desolazione regna sovrana, una desolazione resa sapientemente con il rovescio del veicolo e lo spargimento delle carte sul pietrisco in riva al fiume. Tex si avvicina guadingo, colt in pugno, mentre con la mano sinistra pare quasi voler tenere a distanza la sua cavalcatura. Osservando le tavole postate in anteprima, mi verrebbe da pensare come Rossi abbia definitivamente trovato il suo stile. Staremo a vedere... Jason Ducaux

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

copertina di Villa straordinariaaaaa!!! :inch: -ave_ e altrettanto le tavole di Rossi.. -ave_ sembra che questa storia di Nizzi (l'ultima??) debba riservarci più di qualche sorpresa.. spero sia migliore delle sue ultime.. per ora mi ha fatto una gran bella impressione!vedremo.. :)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a Monni e al mini raduno bolognese di Novembre, ho avuto la fortuna, insieme a pochi altri (Santana, Frank il Baro) di aver visto tutta la storia quasi per intero. Posso dire che le tavole di Rossi sono veramente stupende. Quello che mi ha impressionato maggiormente è l'estrema cura dei paesaggi e delle ambientazioni. Vedrete come è riuscito a rappresentare l'acqua!! :inch: Sulla storia non mi pronuncio, anche perchè ho visto le tavole senza fumetti e nonostante in molte parti si capiva quasi tutto quello che accadeva, non voglio toglermi e togliervi il piacere della lettura. Per parlare di eventuali difetti avremo tempo di parlarne a Marzo!! ;):trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Devo dire che il soggetto della copertina non mi entusiasma tanto. Sicuramente, come al solito, sara' una scena ripresa dalla storia. Per quanto riguarda le tavole di Rossi, da quel poco che si vede, sembra che l'artista si stia discostando dal tratto di Civitelli per intraprendere un segno piu' personale.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sulla storia non mi pronuncio, anche perchè ho visto le tavole senza fumetti e nonostante in molte parti si capiva quasi tutto quello che accadeva, non voglio toglermi e togliervi il piacere della lettura.

Complimenti Sam... e come se avessi visto un film muto :P:D

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

adesso leggendo bene il primo messaggio di questo topic di sam stone mi e' stato confermato che il titolo e' davvero superficiale e scelto con un solo occhio perche' non mettere come titolo : la scomparasa del generale davis , o via cosi' è nel topic delle anteprime avevo scritto che la copertina era un capolavoro ebbene devo smentirmi e dire che anche qui il colore scelto per la diligenza e' piu' da cartone animato che per un fumetto come tex ( che ha quasi sempre dei fondamenti storici ) il colore doveva essere tra il marrone e il nero !!!!!!!!!!!!non si puo' vedere una diligenza rossa !!!!!!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

adesso leggendo bene il primo messaggio di questo topic di sam stone mi e' stato confermato che il titolo e' davvero superficiale e scelto con un solo occhio perche' non mettere come titolo : la scomparasa del generale davis , o via cosi' è nel topic delle anteprime avevo scritto che la copertina era un capolavoro ebbene devo smentirmi e dire che anche qui il colore scelto per la diligenza e' piu' da cartone animato che per un fumetto come tex ( che ha quasi sempre dei fondamenti storici ) il colore doveva essere tra il marrone e il nero !!!!!!!!!!!!non si puo' vedere una diligenza rossa !!!!!!

lupo che corre prima di sparare a zero dovresti documentarti. Senza voler prendere le difese di Claudio, che non ne ha sicuramente bisogno, la copertina ha sicuramente un fondamento storico. Al contrario di quel che pensi il rosso non è un colore da cartone animato per le diligenze che nel far west erano colorate con colori vivaci tra cui anche il rosso. Ovviamente prendi questa mia replica solo come un amichevole correzione e non come la "predica" del maestro :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ad esempio in questi due siti puoi trovare articoli che confermano quanto ti ho appena dettohttp://win. farwest.it/storia/storia_del_we... e_diligenze. htme che ti fanno vedere una bella replica della stagecoach Concord colorate di un accesissimo rosso arancionehttp://www.farwest.it/?p=5032nell'articolo dice testualmente che "Il rosso Wells Fargo divenne parte del mito della frontiera"

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Devo dire che il soggetto della copertina non mi entusiasma tanto. Sicuramente, come al solito, sara' una scena ripresa dalla storia.

Lo dici come se fosse una cosa negativa. Personalmente ho sempre preferito che le copertine fossero in tema con la stoia. Non sono entusiasta che siano mere rirpoduzioni di scene interne e men che meno quando la scena di copertina non c'azzecca col titolo (come in quella de "Il killer misterioso", dove il personaggio raffigurato in copertina non è il killer n° tantomeno è misterioso :colt:)In questo caso la scena è reinterpretata da Villa ed è coerente con il titolo e quindi mi va benissimo. Quel che mi va meno bene è il titolo stesso, che si riferisce ad un episodio importante sè, ma in fondo abbastanza marginalel rispetto all'evoluzione successiva della vicenda per come l'ho capita sfogliando le tavole non letterate, coem potranno confermare anche coloro che ebbero la fortuna di vederle con me a Bologna. Mi d' più l'impressione di uno di quei titoli che si davano agli albi a striscia. blablabla

Per quanto riguarda le tavole di Rossi, da quel poco che si vede, sembra che l'artista si stia discostando dal tratto di Civitelli per intraprendere un segno piu' personale.

L'impostazione di Rossi rimane, come la definisce lui stesso, "civiticciana", ma è indubbio che si vada sempre più personalizzando, il che è sempre un bene. ::evvai:: Modificato da Carlo Monni

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a Monni e al mini raduno bolognese di Novembre, ho avuto la fortuna, insieme a pochi altri (Santana, Frank il Baro) di aver visto tutta la storia quasi per intero. Posso dire che le tavole di Rossi sono veramente stupende. Quello che mi ha impressionato maggiormente è l'estrema cura dei paesaggi e delle ambientazioni. Vedrete come è riuscito a rappresentare l'acqua!! :inch: Sulla storia non mi pronuncio, anche perchè ho visto le tavole senza fumetti e nonostante in molte parti si capiva quasi tutto quello che accadeva, non voglio toglermi e togliervi il piacere della lettura. Per parlare di eventuali difetti avremo tempo di parlarne a Marzo!! ;):trapper:

Dalla Bellezza delle Tavole credo sia proprio una bella ed interessante storiella, vero? :generaleN:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

? d'obbligo dirlo:Rossi ha finalmente trovato il suo stile!

UHM!... Prima di essere così categorico aspetterei di avere l'albo tra le mani. Anche perchè, personalmente, dalle tavole in anteprima non è che veda molte differenza dallo stile di "Dieci anni dopo". Vedremo! :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

adesso leggendo bene il' primo messaggio di questo topic di sam stone? mi e' stato confermato che il titolo e' davvero superficiale? e scelto con un solo occhio perche' non mettere come titolo? : la scomparasa del generale davis , o via cosi' è nel topic delle anteprime avevo scritto che la copertina era un capolavoro ebbene devo smentirmi e dire che anche qui il colore scelto per la diligenza e' piu' da cartone animato che per un' fumetto come tex ( che ha quasi sempre dei fondamenti storici ) il colore doveva essere tra il marrone e il nero !!!!!!!!!!!!non si puo' vedere una diligenza rossa !!!!!!

lupo che corre prima di sparare a zero dovresti documentarti. Senza voler prendere le difese di Claudio, che non ne ha sicuramente bisogno, la copertina ha sicuramente un fondamento storico. Al contrario di quel che pensi il rosso non è un colore da cartone animato per le diligenze che nel far west erano colorate con colori vivaci tra cui anche il rosso. Ovviamente prendi questa mia replica solo come un amichevole correzione e non come la "predica" del maestro :trapper:
assolutamente west :indianovestito: forse e' perche' non rientra nelle mie cose preferite una diligenza rosso scuro anche se il rosso ( e il bianco ) e' il mio colore preferito !!comunque niente da dire sulla copertina che e' splendida ( come al solito ) , l'unica cosa il colore della carrozza che ripeto non mi garba affatto !

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ad esempio in questi due siti puoi trovare articoli che confermano quanto ti ho appena dettohttp://win. farwest.it/storia/storia_del_we... e_diligenze. htme che ti fanno vedere una bella replica della stagecoach Concord colorate di un accesissimo rosso arancionehttp://www.farwest.it/?p=5032nell'articolo dice testualmente che "Il rosso Wells Fargo divenne parte del mito della frontiera"

ah che ricordi !! il forum farwest. it era guidato benissimo , documentato , serio e interessante per i contenuti e le curiosita' che vi erano , peccato davvero che sia stato chiuso dall'amministratore stesso , davvero peccato . scusate per l'off topic ma era per me doveroso fare un accenno ai buoni tre anni (divisi fra me e mio padre ) trascorsi su quel forum

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sulla storia non mi pronuncio, anche perchè ho visto le tavole senza fumetti e nonostante in molte parti si capiva quasi tutto quello che accadeva, non voglio toglermi e togliervi il piacere della lettura.

Il piacere o il...(dis)piacere, caro Sam ?! :_sigh :rolleyes: :asf:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sulla storia non mi pronuncio, anche perchè ho visto le tavole senza fumetti e nonostante in molte parti si capiva quasi tutto quello che accadeva, non voglio toglermi e togliervi il piacere della lettura.

Il piacere o il...(dis)piacere, caro Sam ?! :_sigh :rolleyes: :asf:
Se un fumetto si capisce anche senza baloons,? un buon fumetto... Jason Ducaux

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sulla storia non mi pronuncio, anche perchè ho visto le tavole senza fumetti e nonostante in molte parti si capiva quasi tutto quello che accadeva, non voglio toglermi e togliervi il piacere della lettura.

Il piacere o il...(dis)piacere, caro Sam ?! :_sigh :rolleyes: :asf:
Se un fumetto si capisce anche senza baloons,? un buon fumetto... Jason Ducaux
Un buon fumetto a livello di disegni, ma fin quando non leggi la storia non potrai mai sapere se sarà o meno un buon fumetto in assoluto!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.