Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
Mister P

[309/310] La Minaccia Invisibile

Voto alla storia  

23 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

<span style="color:red;">9 minuti fa</span>, borden dice:

La chiudo io perché sono testone:lol:. Pat in pericolo era solo un elemento del soggetto, NON TUTTO il soggetto, che al settanta per cento è rispettato nella sceneggiatura finita. E quell'elemento l'ho ripreso nel finale della storia di New York. La storia iniziale del Maestro soffre del fatto (strano che nessuno lo noti) che Pat compare all'inizio e poi non c'è più.

Non spoileri. Ho appena iniziato L'ombra del Maestro! Primo albo fenomenale comunque, davvero bello. A proposito de La minaccia invisibile posso dire che è un elemento che neppure si nota. Grazie per l'appunto, abbasso il mio voto a 8.5 :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

storia troppo breve, con la presenza troppo saltuaria di pat pero'... una storia realizzata ottimamente. I disegni di letteri sono ottimi, la sceneggiatura e' fresca e vivace, la prima parte e' splendida ricca di suspense e di mistero. Dal momento dell' agguato in barca il ritmo rallenta un po' e purtroppo tutto si risolve troppo in fretta, per quanto mantenendosi su buoni livelli. Bellissimo finale, con l' ultima sorpresa del raffredamento dei bacilli e l' inseguimento nella centrale idrica. Una nota negativa e' invece la mancata spiegazione di come il Maestro abbia potuto lasciare quei messaggi nell' ufficio di Tom.

Quindi una bella storia ma che avrebbe potuto essere decisamente meglio.         All' inizio si speravano molte piu' difficolta' per i nostri.voto 8

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">3 ore fa</span>, Grande Tex dice:

Una nota negativa e' invece la mancata spiegazione di come il Maestro abbia potuto lasciare quei messaggi nell' ufficio di Tom.

Il Malese glieli ha portati,se non ricordo male...

Share this post


Link to post
Share on other sites

si ma come? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Attraverso i passaggi della rete fogniaria ovviamente. Da quelli accedeva alle cantine, lasciava non visto i messaggi e da lì poi ripartiva.

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh ma la rete fognaria che sbuca nell' ufficio di Tom? :D

Edited by Grande Tex

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">20 ore fa</span>, Grande Tex dice:

beh ma la rete fognaria che sbuca nell' ufficio di Tom? :D

 

Ti prego, cortesemente, di rileggere quello che ho scritto:

 

 

On 24/8/2019 at 08:49, Carlo Monni dice:

Attraverso i passaggi della rete fogniaria ovviamente. Da quelli accedeva alle cantine, lasciava non visto i messaggi e da lì poi ripartiva.

 

Mi rispiego meglio: la rete fogniaria consentiva in qualche modo  l'ingresso al palazzo senzs essere notatii. Da qui il Malese raggiungeva non visto l'ufficio di Devlin e poi tornava indietro.

Io ho dcritto che l'accesso al sistema fognario era dalle cantine perché è il posto più logico.

Non ti torna che il malese possa aver fatto tutte le volte quel percorso senza essere visto,, beh allora ti consiglio di evitare letture come Rocambole, Fantpmas, Fu Manchu (da cui il Maestro  ha preso evidente ispirazione) ed i loro epigoni moderni come Diabolik. Nelle loro storie avvengono cose ancora più improbabili.

C'è un motivo per cui si parla di sospensione dell'incredulità, sai?:P

Chi non è capace di esercitarla dovrebbe astenersi dal leggere storie d'avventura... e forse storie in generale.:old::lol:

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">4 ore fa</span>, Carlo Monni dice:

C'è un motivo per cui si parla di sospensione dell'incredulità, sai?:P

Chi non è capace di esercitarla dovrebbe astenersi dal leggere storie d'avventura... e forse storie in generale.:old::lol:

 

Devo convenire in toto con l'avvocato..! Se noi lettori di Tex, ed in generale di fumetti, non ci concedessimo un minimo di ricorso alla tanto "famigerata" sospensione dell'incredulità, dovremmo seriamente pensare di abbandonare il fumetto e dedicarci a ben altri generi letterari :D..! Oppure, estendendo un po' il discorso, dovremmo evitare di vedere qualsivoglia film di qualsiasi genere. Riguardo l'episodio dell'accesso di Kalang all'ufficio di Devlin, credo dopotutto che non si tratti di un episodio per cui valga la pena arrovellarsi più di tanto le meningi: in fondo, l'ipotesi avanzata da Carlo circa la vicinanza di un tombino alla finestra dell'ufficio (che il malese, prendendo per buona tale eventualità narrativa, potrebbe benissimo aver raggiunto a colpo sicuro dopo aver studiato il percorso) non vedo perché non possa essere plausibile, di certo in Tex abbiamo tutti assisitito a scene assai meno credibili (se giudicate con il freddo occhio della razionalità tout court) che bene o male abbiamo infine finito per accettare ;).

 

Parlando più espressamente della storia, che io avevo a suo tempo commentato in maniera non troppo dettagliata, parto ribadendo il mio apprezzamento per la trama, priva di falle e passi falsi, ed i disegni di Letteri, come sempre estremamente a suo agio nell'illustrare vicende in cui il mistero e la suspence hanno un peso specifico rilevante. Ottima la creazione e la successiva gestione del Maestro, primo e sostanzialmente sinora unico caso di "mad doctor" con cui Tex ed i pards abbiano avuto a che fare, il cui modus operandi così atipico per le abitudini del ranger, oltre ad uno spiccato genio criminale, hanno creato non pochi problemi ai nostri beniamini. Da sottolineare, soprattutto, l'alone di mistero che il Bos e Glb hanno saputo mantenere pressoché sino all'ultimo circa la vera identità del Maestro, senza disseminare indizi che potessero rivelare qualcosa ad un lettore particolarmente attento alle minuzie; parimenti condivisibile la scelta finale di punire il Maestro non con la morte ma, assai peggio, con il dantesco contrappasso dei suoi stessi germi che, fortuitamente, lo hanno infettato: questa decisione degli sceneggiatori, unita poi all'altra scelta di concedergli il tempo di iniettarsi l'antidoto, lo ha poi reso buono per i successivi rispolveri (chissà, a proposito, se la scelta di riproporlo il Bos la avesse in animo già al tempo o gli è tornata in mente solo successivamente...). Mi ha suscitato decisamente pena, invece, il suo bistrattatissimo sgherro Volker, individuo mediocre che - per sua stessa ammissione - chiedeva solo di poter vivere all'ombra del carismatico capo, motivo per cui ne assecondava pedissequamente le inclinazioni criminali, ma ricevendone in cambio solo un ostentato disprezzo e la successiva condanna a morte nel momento in cui il Maestro iniziò a ritenere potesse rappresentare un pericolo. Ho dunque assai apprezzato, in tale ottica, la sua redenzione finale atta a vendicarsi del suo ex capo, decisiva per permettere a Tex di sventare la minaccia del folle scienziato.

 

In più, da lettore di Tex magari un po' più "maturo" rispetto a quando lessi per la prima volta questa storia, circa 14 anni fa, ho imparato ad apprezzarne la concentrazione in un albo e mezzo (che all'epoca annoveravo come unico difetto), poiché tutto quel che la storia poteva trasmettere è stato impeccabilmente concentrato nell'apparentemente esiguo numero di pagine. Interessante, infine, l'aneddoto di @ymalpas secondo cui la sceneggiatura originale prevedeva che anche il buon Pat fosse infettatto dai bacilli del Maestro, e condivido anche io la successiva decisione degli autori di soprassedere e cambiare in corso d'opera, poiché l'eventualità, per quanto narrrativamente interessante, avrebbe potuto non essere di facile gestione. E poi, mi sarebbe dispiaciuto vedere il buon Pat rischiare la morte in una maniera così orribile...

Share this post


Link to post
Share on other sites

non e' un problema per me come il malese abbia potuto lasciare i messaggi ma perche' non ci sia stato spiegato piu' chiaramente altrimenti non dovremmo pensare a tutte queste ipotesi:D

Edited by Grande Tex

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal mio personale punto di vista, ponendo la vicenda in un contesto grondante mistero ed esotismo, sapere con asburgica precisione come Kalang sia riuscito ad introdursi nell'ufficio di Tom Devlin senza essere visto da nessuno è sostanzialmente irrilevante, anzi in un certo senso non saperlo rende più interessante ed intrigante la vicenda.

 

Per quanto mi riguarda, comunque, l'ipotesi della vicinanza della rete fognaria - cui Kalang nella storia ha fatto ampio ricorso per le sue sinistre missioni - rimane più che plausibile...

Edited by juanraza85

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 9/8/2007 at 5:27 PM, ymalpas said:

Sul sito del forum è disponibile un articolo che spiega meglio la genesi di questa storia. Consigliatissimo: http://texwillersite.altervista.org/artico... hostwriters. htm

 

L'articolo non è più accessibile (non a quel link almeno), è ancora recuperabile da qualche parte?

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">5 ore fa</span>, Diablero dice:

L'articolo non è più accessibile (non a quel link almeno), è ancora recuperabile da qualche parte?

 

Prova il nostro Tex Willer Magazine n. 12 (intendo il magazine del forum, disponibile sopra nella sezione downloads)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi ero scordato di ringraziare Ymalpas per la dritta sul TWM 12! :ops:

 

L'articolo però mi ha fatto venire altri dubbi.   A pagina 20 si dice che soggetto e (parte) della sceneggiatura furono scritte fra il 1981 e il 1983, e che "Gianluigi Bonelli, che ne era venuto a conoscenza tramite il figlio Giorgio, la chiese a Boselli solo intorno al 1985"

 

Cioè, a differenza di "Ore Disperate" e degli altri soggetti presentati a GL Bonelli dal figlio e da Boselli...  questa storia fu iniziata a sua insaputa? Oppure la frase è da interpretare come "GL Bonelli ne era a conoscenza tramite il figlio Giorgio, ma solo due anni dopo chiese di leggerla?"

 

Sempre Boselli: "L'idea di base fu pensata insieme da me e Giorgio Bonelli, il quale scrisse le prime cinque o sei pagine (la scena della nave abbandonata) e solo qualche altra pagina con la
caccia al cinese per le vie della città, scene che furono alquanto ridotte e sforbiciate nella revisione di Gianluigi Bonelli. Io iniziai a scrivere dalla seconda scena, nella palestra (pag. 49 del-
l’albo “Acqua alla gola”) e poi un centinaio di pagine sino circa alla scena delle baia (pag. 35 del secondo albo “La minaccia invisibile”). nella sua revisione Gianluigi Bonelli ricopiò tutto senza modifiche ma ridusse enormemente la scena della rissa per le strade all'inizio del secondo albo, qui ridotta a due pagine mentre la mia versione ne occupava sette o otto, per dare spazio ai personaggi della palestra. La storia mia originale era stata apprezzata da Canzio, ma poi fu respinta  La portai a Gianluigi Bonelli che dopo qualche tempo mi chiese di finire per lui il "trattamento", ossia un soggetto dettagliato"

 

Da qui, sembrerebbe che la storia comunque fosse stata lasciata a metà, se GL Bonelli chiede a Boselli di scrivere come sarebbe finita. Quindi Canzio respinse una storia non ancora terminata?

 

Ricapitolando, nel 1981-1983 Giorgio Bonelli e Boselli, che ancora non lavora per la Bonelli, iniziano questa storia, per presentarla direttamente a Canzio (o su sollecitazione di Canzio?). O la tengono nel cassetto, incompiuta, e la fanno vedere a Canzo solo anni dopo?

 

In ogni caso, nel 1985 GL Bonelli si fa dare il materiale già prodotto, taglia una parte della sceneggiatura di Boselli ma senza fare aggiunte nella parte già sceneggiata, si fa scrivere il trattamento Boselli del finale da Boselli, ma non lo segue, e completa la storia a modo suo. Presenta la sceneggiatura a Canzio, che non la approva (ancora!) e la dà a Sclavi per le modifiche, Sclavi a sua volta commissiona un nuovo finale a Boselli (che all'epoca mi pare già lavorasse in redazione), diverso dal suo finale originale, e finalmente la storia viene approvata e fatta disegnare a Letteri. Questa parte è abbastanza chiara. Quello che ancora non mi è molto chiara (sarò di coccio...) è la genesi e la storia del soggetto e della sceneggiatura PRIMA della prima revisione di GL Bonelli....

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">3 ore fa</span>, Diablero dice:

In ogni caso, nel 1985 GL Bonelli si fa dare il materiale già prodotto, taglia una parte della sceneggiatura di Boselli ma senza fare aggiunte nella parte già sceneggiata, si fa scrivere il trattamento Boselli del finale da Boselli, ma non lo segue, e completa la storia a modo suo. Presenta la sceneggiatura a Canzio, che non la approva (ancora!) e la dà a Sclavi per le modifiche, Sclavi a sua volta commissiona un nuovo finale a Boselli (che all'epoca mi pare già lavorasse in redazione), diverso dal suo finale originale, e finalmente la storia viene approvata e fatta disegnare a Letteri. Questa parte è abbastanza chiara. Quello che ancora non mi è molto chiara (sarò di coccio...) è la genesi e la storia del soggetto e della sceneggiatura PRIMA della prima revisione di GL Bonelli....

 

 

E' una curiosità che ho anch'io

Share this post


Link to post
Share on other sites

La storia fu iniziata da me e Giorgio nell'ufficio di GL. Lui ne era al corrente, ma non se ne interessò. La facemmo leggere a Canzio (le prime 130 pagine) quando io entrai alla Bonelli e andò come ho detto. Tempo dopo dopo GL ce la chiese o più probabilmente fu Giorgio a offrirla a suo padre in crisi d'ispirazione. GL pagò a me qualcosa per il soggetto (non era scontato: quando l'ho scritta lavoravo per lui) eccetera... Tiziano sapeva che la storia era in origine mia, per questo me l'affidò.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

<span style="color:red;">2 ore fa</span>, borden dice:

La storia fu iniziata da me e Giorgio...

 

A proposito dei soggetti scritti da Giorgio Bonelli, mi avevi accennato a un  "idea"  che lui aveva sottoposto al padre  per una storia della fascia 150/200 e quindi precedente alla storia "Linciaggio" e che, se non ricordo male (sono passati tanti anni) metteva in scena degli evasi. Ripensandoci ora, forse "Assalto al Treno" oppure "Il mistero della montagna". Mi ricordo che mi avevi parlato di qualche altro dettaglio ma nella mia mente è buio pesto, se ti ricordi ancora magari con l'aiuto di tutti possiamo farci un'idea di quale storia fosse.

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 hours ago, borden said:

La storia fu iniziata da me e Giorgio nell'ufficio di GL. Lui ne era al corrente, ma non se ne interessò. La facemmo leggere a Canzio (le prime 130 pagine) quando io entrai alla Bonelli e andò come ho detto. Tempo dopo dopo GL ce la chiese o più probabilmente fu Giorgio a offrirla a suo padre in crisi d'ispirazione. GL pagò a me qualcosa per il soggetto (non era scontato: quando l'ho scritta lavoravo per lui) eccetera... Tiziano sapeva che la storia era in origine mia, per questo me l'affidò.

 

Grazie! Adesso è più chiaro!  :ok:

 

Ti ricordi perchè Canzio bocciò la prima stesura?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

L'ho già detto chiaramente. A lui piaceva, ma Bonelli disse che dovevo fare gavetta. Sergio non la lesse neppure.

 

Ehi, non so se è chiaro, e se si può dire dopo tanti anni, visto che io sono grato a tutti e tre, ma il "partito GL" in cui ero stato inserito per ovvi motivi era visto con sospetto dal "partito Casa editrice" di Sergio Bonelli e Canzio. Ho dovuto faticare a dimostrare che ero aziendalista e non ero una quinta colonna dell' "anarchico e imprevedibile vulcanico Autore detentore dei Diritti...". Naturalmente a Giorgio e a Gl non importava un fico e non avrebbero mai fatto nessuna pressione, loro non erano così: ero parte della loro banda e questo a loro bastava. Erano "vindicated" a sufficienza dalla mia assunzione. Per anni mi spronarono a farmi valere e a scrivere, iniziando da Zagor per passare a Tex, ma io aspettai il momento giusto, la richiesta doveva provenire da Sergio e da Decio. E così fu. Più tardi, ma alla fine andò come gli  altri Bonelli avevano previsto. Dopo dieci anni e poi dopo altri quindici... Adesso posso dire di essere di entrambi i partiti, ma soprattutto, il carissimo Sergio mi perdoni, del partito di GL! Se cerco di fare del mio meglio e di mantenere il carisma del suo personaggio lo faccio prima per lui, poi per Tex, poi per i lettori e infine per la Casa editrice e per me!

 

Edited by borden

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 hours ago, borden said:

L'ho già detto chiaramente. A lui piaceva, ma Bonelli disse che dovevo fare gavetta. Sergio non la lesse neppure.

 

Ehi, non so se è chiaro, e se si può dire dopo tanti anni, visto che io sono grato a tutti e tre, ma il "partito GL" in cui ero stato inserito per ovvi motivi era visto con sospetto dal "partito Casa editrice" di Sergio Bonelli e Canzio. Ho dovuto faticare a dimostrare che ero aziendalista e non ero una quinta colonna dell' "anarchico e imprevedibile vulcanico Autore detentore dei Diritti...". Naturalmente a Giorgio e a Gl non importava un fico e non avrebbero mai fatto nessuna pressione, loro non erano così: ero parte della loro banda e questo a loro bastava. Erano "vindicated" a sufficienza dalla mia assunzione. Per anni mi spronarono a farmi valere e a scrivere, iniziando da Zagor per passare a Tex, ma io aspettai il momento giusto, la richiesta doveva provenire da Sergio e da Decio. E così fu. Più tardi, ma alla fine andò come gli  altri Bonelli avevano previsto. Dopo dieci anni e poi dopo altri quindici... Adesso posso dire di essere di entrambi i partiti, ma soprattutto, il carissimo Sergio mi perdoni, del partito di GL! Se cerco di fare del mio meglio e di mantenere il carisma del suo personaggio lo faccio prima per lui, poi per Tex, poi per i lettori e infine per la Casa editrice e per me!

 

 

:ok::ok::ok::ok::ok::ok::ok::ok::ok::ok::ok::ok:

:clapping::clapping::clapping::clapping::clapping::clapping::clapping::clapping:

:Ave::Ave::Ave::Ave::Ave::Ave::Ave::Ave::Ave:

 

(non si possono dare i like a borden, quindi ci si arrangia in maniera artigianale...)  :cowboy:

  • Like (+1) 1
  • +1 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Sono soprattutto delle belle testimonianze, pillole di certi meccanismi del funzionamento della casa editrice, ignoti ai più. Mai avrei immaginato, ad esempio, che ci fosse una piccola cesura tra la casa editrice e Glb, e questa cosa l'ho appresa in questi anni di frequentazione forumistica, in cui ho capito che Glb e Cepim o Daim press o, in ultimo, Sbe, non erano proprio la stessa cosa.

 

Poi Mauro ci "delizia" con tanti piccoli particolari di quotidianità, piccoli retroscena, che fanno la gioia di noi appassionati. Per Mauro non è ancora il tempo, ma non mi dispiacerebbe se, tra una quarantina d'anni, rilasciasse anche lui un libro-intervista sulle sue storie, un "Tex secondo Boselli" che diverrebbe ben presto un altro libro fondamentale della Bibbia di noi texiani :)

Edited by Leo

Share this post


Link to post
Share on other sites

@ymalpas, il soggetto di Giorgio Bonelli fu, fonte @borden, Il segreto della miniera (v. discussione apposita).

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">32 minuti fa</span>, Mister P dice:

@ymalpas, il soggetto di Giorgio Bonelli fu, fonte @borden, Il segreto della miniera (v. discussione apposita).

 

 

Peste! Mi ero completamente dimenticato che se ne era già parlato! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 12/7/2020 at 17:27, borden dice:

...poi per i lettori

Siccome tra questi ci sono anch'io, grazie. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.