Jump to content
TWF MAGAZINE N°18 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
bressimar

[403/404] Bande Rivali

Voto alla storia  

35 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

Questa storia è piaciuta anche a me, e se è vero che Tex- specie contro m? Chase- è un po' troppo "piccione", non credo che il personaggio n° soprattutto l' ambientazione texiana e western ne siano usciti stravolti.. In questa storia c' è spazio per i comprimari, e io apprezzo quella canaglia di Hawk, bandito davvero pericoloso che in più occasioni salva la situazione per i suoi compari (sgozzando la sentinella, poi al bordello avvisando Blake, accorgendosi della presenza di Addison nonchè in tutte le scene d' azione..)... purtroppo è destinato a una fine tragica e ingloriosa. Altro personaggio che mi è molto piaciuto è O' Bannon, e credo che i Pinkerton che agiscono con modi brutali e spietati siano un' interessante novità in Tex, nonchè la rivalit? con il "nostro". A tal proposito trovo assolutamente normale che Tex si infuri vedendo O' Bannon colpire con il calcio di un winchester proprio sulla ferita il bandito... è questo che Tex non farebbe mai, non l' appenderlo per in piedi in sè.. Detto questo, mi unisco a chi ha apprezzato l' esordio di Medda e vedrebbe di buon occhio un suo rientro tra gli autori della serie

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'impostazione di Medda mi è piaciuta molto, per quanto molto lontana dalla usuali. Questi salti di scena, l'intrecciarsi di vari filoni ha dato un ritmo molto avvincente e definito un Tex riflessivo, in nettissimo contrasto con il Ranger scanzonato e quasi caciarone di Nolitta. Peccato che la sua collaborazione sia stata di brevissima durata

Visto che ti è piaciuta molto ti segnalo che puoi trovare un articolo su questa storia corredato da interviste allo stesso Medda, a Boselli ed a Villa sul Tex Willer Magazine nr. 8 :trapper:
Grazie mille per l'informazione :trapper:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Attualmente in edicola nella recente ristampa, ho riletto questa storia e devo dire che l'ottimo  soggetto ben sviluppato da Medda è in parte "rovinato" dal confuso tratto grafico di Blasco (forse per i problemi di salute citati in un post precedente). Rimane la certezza che Medda potrebbe scrivere, in futuro, ottime storie per Tex, anche se attualmente è emarginato dal parco sceneggiatori del Nostro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

la storia mi è molto piaciuta, ancha se "nasconde" al suo interno un errore grave: viene ambientata in arizona, anzichè in Missouri o in Georgia!

Mi spiego: Il conflitto tra Addison e i Chase, tra Jankees e "sudisti" sarebbe stato meglio ambientarlo in uno stato del Sud (al più in Texas) non certo nel territorio dell'Arizona che non aveva conosciuto una netta distinzione tra Nord e Sud durante la Guerra Civile. In Arizona non c'era alcun problema di carpetbaggers e speculatori.

Clayton Chase e Ma Chase sono dei gran bei personaggi, così come  il giornalista Addison.

Tex è tratteggiato abbastanza bene, e ha anche affiatamento con Carson

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Queste osservazioni dovresti girarle a Kershaw... :Pù

 

Hai ragione, naturalmente. Io ci sto più attento. Anche Nizzi lo è stato. Ciò non toglie che Medda avesse fatto un lavoro piuttosto promettente,

Share this post


Link to post
Share on other sites

Medda aveva scritto due storie di ottimo livello, peccato che non abbia continuato anche, se non soprattutto, a causa di certe critiche ottuse e retrograde.

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, borden dice:

Queste osservazioni dovresti girarle a Kershaw... :Pù

 

Hai ragione, naturalmente. Io ci sto più attento. Anche Nizzi lo è stato. Ciò non toglie che Medda avesse fatto un lavoro piuttosto promettente,

Come avrai capito sono un amante della Guerra Civile.prima o poi ti proporrò un soggetto in cui Tex riesci a destreggiarsi dentro questo complicato perimetro :P

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Carlo Monni dice:

Medda aveva scritto due storie di ottimo livello, peccato che non abbia continuato anche, se non soprattutto, a causa di certe critiche ottuse e retrograde.

 

 

Le critiche non c'entrano. Sergio Bonelli aveva posto il  veto dopo il bordello della seconda storia. E altro. Ma sarebbe bastato all'epoca un vero curatore.

Just now, Barbanera dice:

Come avrai capito sono un amante della Guerra Civile.prima o poi ti proporrò un soggetto in cui Tex riesci a destreggiarsi dentro questo complicato perimetro :P

 

 

Mandamelo  pure. Come sai è difficile, dati i paletti imposti da GL. Uno a me è comunque venuto in mente. Ce l'ho da parte.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">10 minuti fa</span>, borden dice:

 

 

Le critiche non c'entrano. Sergio Bonelli aveva posto il  veto dopo il bordello della seconda storia. E altro. Ma sarebbe bastato all'epoca un vero curatore.

 

 

Mandamelo  pure. Come sai è difficile, dati i paletti imposti da GL. Uno a me è comunque venuto in mente. Ce l'ho da parte.

Io comunque ho sempre pensato che Tex,fermo restando la sua vicinanza alla causa unionista causa schiavitù,sia il prototipo del confederato.Ribelle,allergico alla gerarchia e alla politica,texano,"Democratico"nel senso ottocentesco del termine,si badi bene...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, ma non schiavista, eh! Non lo faremo mai arrabbiato contro i sudisti, però le sue idee sono  quelle di Lincoln. Forse era Repubblicano, ma preferisco pensarlo apolitico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mentre leggevo la prima metà della storia, mi chiedevo perché Medda si fosse fermato al numero 2 nelle sceneggiature di Tex.
Poi ho visto l'incontro di boxe contro l'uomo della Pinkerton - nel quale, addirittura, si fa dire a Tex, mentre le prendeva di santa ragione, la testuale frase "non ce la farei a fare un altro round", dopo neanche un minuto di lotta - e, successivamente Tex messo in difficoltà da una vecchietta (in questo caso, superato il peggior Toninelli), che lo avrebbe ucciso se non fosse stato per la volta bassa, ed ho capito il perché.
Non si può trattare Tex così!
Eppure la storia era interessante con il rapimento del ragazzo, che nel frattempo iniziava la sua storia d'amore con la bella indianina, ed il rapporto contrastante tra i nostri pards e gli uomini della Pinkerton, che ricordava quello più recente Polizia locale-F.B.I., le belle caratterizzazioni dei personaggi principali ed una trama, tutto sommato, avvincente, seppur troppo verbosa.
Voto alla storia: 6,8
Voto ai disegni: 8

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">9 minuti fa</span>, Andrea67 dice:

Poi ho visto l'incontro di boxe contro l'uomo della Pinkerton - nel quale, addirittura, si fa dire a Tex, mentre le prendeva di santa ragione, la testuale frase "non ce la farei a fare un altro round", dopo neanche un minuto di lotta

 

E invece io una volta tanto, durante la lettura di una scazzottata, mi sono drizzato sulla sedia, da spoltronato che stavo. L'ennesima scazzottata, bella, ci mancherebbe, è sempre un piacere, un po' come Trinità e Bambino. Aspettiamo che finisca la gustosa scenetta e andiamo avanti con la storia. E invece, ma guarda un po'! Stai a vedere che Tex è in difficoltà? No, non ci posso credere... ed ecco che sale l'adrenalina durante una sequenza altrimenti divertente ma ripetitiva. Tex deve vincere, siamo d'accordo, ma mettiamolo in difficoltà ogni tanto. D'altronde anche Nizzi, con i giganti malesi della Tigre Nera, aveva fatto qualcosa di simile (anzi, lì Tex aveva proprio perso). Medda è stato un coraggioso, ha proposto un Tex cinematografico, maturo. Personaggi tosti. Un esordio coi fiocchi, secondo solo a un certo "Il Passato di Carson". Peccato. Un altro grande rimpianto oltre a quello per Berardi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono il primo a cui piace un Tex in difficoltà ogni tanto. E' una differenza che noto con Zagor, il quale invece ci si trova molto spesso. Però questa scena, secondo me, è forzata. Non si tratta solo di difficoltà, ma addirittura è lui che dichiara che potrebbe non farcela. Ma come? L'altro ce la fa a continuare, e tu no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Storia che all'epoca, pischello pronto per l'esame di terza media, apprezzai molto e poi ero contento di vedere un compatriota scrivendo le storie del mio amato Ranger.

Ero abbastanza grandicello da non scandalizzarmi per la scena nel bordello e all'epoca non mi misi molti problemi per la mossa "proibita" usata da Tex nello scontro contro O'Bannion. Forse giusto un pelo di disagio causa età nella comprensione dei dialoghi tra il padre del rapito e il senatore. Blasco mi piacque molto, già allora non sarei riuscito ad immaginare una storia del genere disegnata da altri dello staff (all'epoca decisamente più ristretto che oggi, considerando anche che Galep ci aveva lasciati da poco).

Non la riprendo da oltre dieci anni, appena posso me la rileggerò.

 

TESTI: 9

DISEGNI: 9

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con Nizzi fermo ai box, l'inizio del centenario 400-500 offrì l'occasione di sperimentare nuove firme sulla serie ammiraglia. Subito dopo il debutto di Canzio, toccò a Michele Medda cimentarsi con la saga del celebre ranger. Per un personaggio in cui la tradizione è la spina dorsale, due new-entry consecutive, rappresentarono quasi un record. L'autore sardo sfornò all'esordio una storia notevole, mostrando una buona dose di coraggio. Forse proprio l'aver osato troppo in alcune scene, lo penalizzò oltremodo nei giudizi dei lettori e ciò non gli giovò per la riconferma. Personalmente ho sempre apprezzato l'episodio, sia per lo spunto originale, ma soprattutto per l'ottima sceneggiatura quasi cinematografica e per la buona resa dei tanti personaggi che agiscono tra le scoppiettanti pagine. Una lettura interessante, molto scorrevole; un buon intrigo, ben condito da intrallazzi politici e colpi di scena. Anche i due pards (tralasciando alcune situazioni alquanto forzate), risultano ben attivi e riconoscibili. Sotto questo aspetto, reputo molto più attinente la caratterizzazione di Medda rispetto a quella consueta di Nolitta, purtroppo l'autore pagò lo scotto per l'aver perso di vista le linee guida della serie e alcune scelte troppo "all'avanguardia" fecero storcere il muso allo zoccolo duro dei lettori, molto restio a metabolizzare in così poco tempo tutte queste novità. Fosse accaduto oggi, forse un debutto simile avrebbe suscitato meno scalpore, ma allora i tempi erano ancora troppo immaturi per poter proporre situazioni un po' al limite come la vista di un bordello, o un west alquanto crepuscolare e disincantato, che poco si confaceva alla consuetudine. Tuttavia molto ben congegnata risulta la rivalità fra i Pinkerton e Tex, così come appaiono ben caratterizzati i componenti della banda Chase e molti vari comprimari, passando dal vecchio Addison, allo sceriffo, da Sam Pickett a Orso che Corre, da Layla al giovane scribacchino Herbert. Un campionario di personaggi molto ricco e variegato. Unico grosso scivolone di Medda, il colpo basso di Tex nel duello con O' Bannon: passi che il nostro possa incontrare un avversario alla sua altezza, ma ricorrere a un simile stratagemma per ribaltare la situazione, non è da lui. Pure alquanto forzata la collocazione geografica, che stride un po' con il tema del livore fra sudisti e nordisti. Questi due aspetti, uniti alla scena poco felice che vede Tex quasi soccombere sotto il piccone della incartapecorita ma' Chase, influiscono ad abbassare la valutazione di un episodio tutto sommato ben strutturato. Col senno di poi Medda avrebbe potuto far parte della squadra di autori di Aquila della Notte ma rappresentò l'uomo "tutto sommato" giusto al momento sbagliato. Capitolo disegni: Blasco si esibì nella sua ultima prova sulla serie. Sebbene siano ben visibili molte correzioni redazionali, bisogna ammettere che il suo congedo fu di pregevole fattura: forse favorito dalla tematica e l'ambientazione che si sposò perfettamente col suo tratto o per merito di una sintonia con Medda migliore rispetto a quella fin allora mostrata con Nizzi, fatto sta che sfornò una prova notevole, a mio avviso una delle sue migliori su Tex. Il mio voto finale è 7

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 4/4/2019 at 23:13, Condor senza meta dice:

 Capitolo disegni: Blasco si esibì nella sua ultima prova sulla serie. Sebbene siano ben visibili molte correzioni redazionali, bisogna ammettere che il suo congedo fu di pregevole fattura: forse favorito dalla tematica e l'ambientazione che si sposò perfettamente col suo tratto o per merito di una sintonia con Medda migliore rispetto a quella fin allora mostrata con Nizzi, fatto sta che sfornò una prova notevole, a mio avviso una delle sue migliori su Tex. Il mio voto finale è 7

Purtroppo a mio avviso, Blasco era arrivato alla fine della pista, e si vedeva bene,  come hai scritto anche tu.

Ma le altre 5 storie disegnate da lui erano veramente notevoli.

On 4/4/2019 at 23:13, Condor senza meta dice:

 L'autore sardo sfornò all'esordio una storia notevole, mostrando una buona dose di coraggio. Col senno di poi Medda avrebbe potuto far parte della squadra di autori di Aquila della Notte ma rappresentò l'uomo "tutto sommato" giusto al momento sbagliato. 

Giusto, quindi ora potrebbe tranquillamente tornare, ma non vuole. Peccato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 ore fa</span>, Loriano Lorenzutti dice:

Purtroppo a mio avviso, Blasco era arrivato alla fine della pista, e si vedeva bene,  come hai scritto anche tu.

 

Lo era talmente che la storia quasi certamente non l'ha nemmeno completata lui ma principalmente suo fratello Adriano.

 

Cita

Ma le altre 5 storie disegnate da lui erano veramente notevoli.

 

I tre fratelli Jesus (1919-1995), Alejandro 1928-1988) e Adriano Blasco (1929-2000) lavoravano insieme anche se era solo Jesus a firmare. .

 

Cita

 

Giusto, quindi ora potrebbe tranquillamente tornare, ma non vuole. Peccato.

 

Ti sfugge allora quello clo stesso Boselli ha rivelato nel forum di Comicus tempo fa e riportato qui, ovvero che Medda aveva presentato n soggetto circa tre anni. Sai di cosa trattava qiel soggetto? Di una banda di irredentisti irlandesi realmente esistiti chiamata gli Invincibili. Ti suona familiare? Alla giusta obiezione di  Boselli che una storia sugli Invincibili era già scritta proprio da lui.Medda ha confessato candidamente di non aver più letto Tex dal 1995. Boselli lo ha invitato a rimettersi in pari e poi ritentare. Da allora più nessuna notizia da lui.In futuro chi può dirlo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.