Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum
Guest ym

Gli Attori E Le Attrici Che Hanno Ispirato I Disegnatori Di Tex

Messaggi consigliati/raccomandati

Guest ym

In questa discussione è possibile parlare dello speciale rapporto intrattenuto dal fumetto Tex con il cinema western, americano e nostrano.

In un altro topic si è già avuto modo di discutere della stretta corrispondenza tra la fisionomia del Tex degli anni sessanta e settanta e il volto dell'attore Giuliano Gemma, che ha interpretato il personaggio nel tanto discusso film intitolato ?Il Signore dell'Abisso?.

Come già il pap? di Tex, altri disegnatori, nella caratterizzazione fisica dei loro ?cattivi?, si sono rifatti a volti molto noti del cinema e della televisione.

Vorrei iniziare dal Juan Velarde disegnato da Claudio Villa per la storia Gli spiriti del deserto [ 328 / 30 ]. La somiglianza con l'attore Vincent Price è evidente.


Immagine postata
Juan Velarde


Immagine postata
Vincent Price

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Guest ym

Nell'albo Furia rossa [ # 385 ], disegni di Ticci, un personaggio presenta una certa somiglianza con l'attore Robert Mitchum, che era già servito da modello per il galeppiniano Pierra Lassalle, nel numero 11 Il segno indiano.


Immagine postata


Immagine postata

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Guest ym

Dall'albo Assedio al posto n° 6, il capitano Harris è un giovane Henry Fonda.

Immagine postata

Immagine postata


Ne La mano rossa, il mitico numero uno, i personaggi sulla diligenza ricalcano invece la fisionomia degli attori presenti nel film di John Ford "Ombre Rosse" ( Stagecoach, 1939 ).

Immagine postata

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Nella storia "Springfield Calibro 58" nel duello finale il cattivo si rivolge a Tex come fece Juan a Clint Eastwood ne "Per un pugno di dollari" : "C'è un detto delle mie parti che dice che se un uomo con il fucile incontra un uomo con la pistola , l'uomo con la pistola è già morto."

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Caratteristica peculiare del disegnatore romano Giolitti era quella di disegnare i cattivi di turno con le sembianze di celebri attori. nella storia "La pistola nascosta" il fuorilegge Jubal Lancey ha il volto dell'americano HENRY SILVA, Un'altro fuorilegge, come ricordato sopra, ha le fattezze del tedeswco Klaus Kinski.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Evitando di aprire un'altra discussione, scrivo qui le mie impressioni su alcune scene di film che sembrano essere collegate a Tex. Per esempio, iniziamo con "Incontri ravvicinati di terzo tipo": ad un certo punto si vede che c'è una nave nel deserto, che in seguito si scopre essere portata dagli alieni. Ecco, la nave nel deserto non vi ricorda una certa storia? Secondo me è sicuro al 100% che Nizzi si sia ispirato a quella scena! Voi che ne dite?Comunque dite altre scene di film che potrebbero essere collegate a Tex in qualche modo.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Voi che ne dite?

Assolutamente errato. Sulle origini di questa storia infatti abbiamo più di un aneddoto che ho già raccontato tempo fa, che riguarda una via navigabile che si supponeva un tempo fosse esistita, in California. Sorry, non ci hai azzeccato e a meno che non sia un tipo fortunato, se non posti qualcosa che è DOCUMENTABILE, le tue impressioni valgono quel che valgono. Lascio a te dire quanto e ti risparmio le mie conclusioni.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Caratteristica peculiare del disegnatore romano Giolitti era quella di disegnare i cattivi di turno con le sembianze di celebri attori. nella storia "La pistola nascosta" il fuorilegge Jubal Lancey ha il volto dell'americano HENRY SILVA, Un'altro fuorilegge, come ricordato sopra, ha le fattezze del tedeswco Klaus Kinski.

In effetti c'è una certa somiglianza anche con Henry Silva ( e con Steven Seagal ), ma direi che il modello sia chiaramente Jack Palance....



Immagine postata

Immagine postata

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Mah, invece, secondo me, è possibile che l'idea di Mendoza abbia un fondamento... Carlo Monni non sa dirci qualcosa in proposito?

No ASSOLUTAMENTE no. Vedo che lo stesso Anthony Steffen mi ha anticipato nella shoutbox. La nascita di questa storia è storicamente documentata, a meno che qualcuno in questo forum non voglia mettere in dubbio la parola degli stessi autori. Non insistete.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Mah, invece, secondo me, è possibile che l'idea di Mendoza abbia un fondamento... Carlo Monni non sa dirci qualcosa in proposito?

No ASSOLUTAMENTE no. Vedo che lo stesso Anthony Steffen mi ha anticipato nella shoutbox. La nascita di questa storia è storicamente documentata, a meno che qualcuno in questo forum non voglia mettere in dubbio la parola degli stessi autori. Non insistete.
A prescindere dal fatto che non sempre gli autori debbono considerarsi assolutamente attendibili quando parlano del proprio lavoro (si veda ad esempio l'aneddoto, riferito a suo tempo da Villa, secondo cui, l'idea per il ritorno di Mefisto era stata concepita originariamente da G. L. Bonelli e lasciata in appunti che Boselli avrebbe poi girato a Nizzi, circostanza che invece Nizzi ha sempre smentito. Chi dice la verità), sta di fatto che la leggenda della Nave perduta nel deserto è un'autentica leggenda del west che ha ispirato più di un autore. Carl Barks ci tir? fuori un'avventura dei suoi paperi e, stando a quanto riferisce Boselli (nella prefazione al penultimo volume di "Cavalcando con Tex", se non ricordo male), lo stesso Bonelli voleva trarne un'avventura sin dagli anni 70, ma poi vi rinunciò, preso da altre idee. Nizzi si è ben documentato sulla leggenda della nave perduta, come dimostra l'incipit della storia. Che l'ispirazione gli sia poi venuta leggendo direttamente qualcosa sulla leggenda o rileggendo la storia di Barks (e perfino se fosse stato stimolato dall'aver rivisto in quel periodo "Incontri ravvicinati del terzo tipo", ipotesi che trovo comunque la più improbabile) avrebbe, a mio parere, meno importanza del fatto che comunque ne ha tratto una gran bella storia. :indianovestito::inch::indianovestito: :soldaton:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Con la storia dell'orda selvaggia c'è invece qualcosa in comune col Film divenuto un cult di Butch cassidy e Sundance kid interpretato da Robert Redford e Paul Newman° Personalmente trovo migliore il finale del film in cui i due decidono rischiare la pelle e corrono incontro ai soldati rispetto a quello della storia di Tex in cui vengono mostrati i cadaveri dei due fuorilegge, infatti non tutti credono che siano morti in bolivia, e poi Tex che c'entra con loro due?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.