Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum
Staff Forum

Tex E La Comicità

Messaggi consigliati/raccomandati

ahahaha mi piacciono le vostre botta e risposta.

Chissà se il Käse e il cheese erano delle parole prese dal latino oppure come caseus provengono da una radice indoeuropea comune? (un po' come vinus/Wein/wine/(F)οίνος)

Tornando alle scene leggere mi viene il mente la storia con i figli di Horus in cui l'anziano ranger Jesse ha un battibecco con un bandito messicano mentre Tex e Carson si gustano la scena.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">9 minuti fa</span>, ElyParker dice:

ahahaha mi piacciono le vostre botta e risposta.

Chissà se il Käse e il cheese erano delle parole prese dal latino oppure come caseus provengono da una radice indoeuropea comune? (un po' come vinus/Wein/wine/(F)οίνος)

Tornando alle scene leggere mi viene il mente la storia con i figli di Horus in cui l'anziano ranger Jesse ha un battibecco con un bandito messicano mentre Tex e Carson si gustano la scena.

Che finezza quel digamma. Quando ero al liceo mi ero invaghito di una ragazzina di nome Valentina, volevo scrivere il suo nome in greco antico ma la V non fa parte di tale alfabeto. Per cui lo Scrissi con un digamma, Fαληντίνα. Ricordi d'amore...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Che sfinimento! Comunque cacio deriva dal latino caseus, formaggio MOLLE, e formaggio dall'altra parola latina formaticum, derivante da caseus formatus, e che significava formaggio DURO. In latino dunque non erano sinonimi affatto, ma indicavano due cose diverse. Poi alcune aree linguistiche esterne, come le Gallie, hanno derivato da formaticum,  che era la parola più moderna, come di solito fanno le aree periferiche (ma il britannico cheese e il tedesco Kase sono una notevole eccezione!).Le  aree romanizzate più antiche e dunque più conservatrici, come Spagna e Italia centromeridionale, hanno tenuto la parola più vecchia, caseus, oggi cacio e queso. 

 

Due significati all'origine, poi ridotti a UNO in ogni DIVERSA lingua. Come ben sa chi s'intende di linguistica, CACIO e FORMAGGIO non sono sinonimi perché hanno differenti ambiti regionali. A Roma non si dice carruggio per definire un vicolo, perciò carruggio e vicolo non sono sinonimi. A Milano non dirai MAI, e poi mai: dammi un pezzo di cacio (generico). Mai. A meno che tu  non chieda lo specifico FORMAGGIO che si chiama caciocavallo.

 

Perle ai porci. Pardon,al porcO. :lol::lol:

 

Su ironico e comicità che erano il motivo del contendere, WY ha poi evidentemente torto: infatti nei suoi sproloqui (che io manco leggo per intero, tanto sono deliranti e fuori di zucca:lol:)  neppure ne parla più.

 

Modificato da borden

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Il mio discorso è limpido e chiarissimo, a differenza dei tuoi, in cui la febbre si vede eccome! Vai a letto e rimettiti oppure ti si alza ancora di più e stasera mangiamo porcheddu caldo! :D:D

 

 

PS Leggi distrattamente anche tu... Ho detto più indietro che le so scrivere... Quando voglio.

Modificato da borden

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Just now, borden dice:

Il mio discorso è limpido e chiarissimo, a differenza dei tuoi, in cui la febbre si vede eccome! Vai a letto e rimettiti oppure ti si alza ancora di più e stasera mangiamo porcheddu caldo! :D:D

Strano, pensavo che gli equini non mangiassero carne. Chi sei, il somaro antropofago?

E poi, porca di quella trota, si dice porchetto o maialetto, se parli in sardo devi formulare tutta la frase in tale lingua.

Strano in un linguista del tuo calibro, un errore tanto madornale.

:P:P

Modificato da Wasted Years

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Non ti rispondo. Sto leggendo il saggio di Montaigne sulla tolleranza, Libro I, 31, "Dei cannibali". Bisogna tollerare anche i cosiddetti barbari antropofagi, pur se hanno usanze e modi di ragionare alquanto diversi dai nostri... 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Just now, borden dice:

Non ti rispondo. Sto leggendo il saggio di Montaigne sulla tolleranza, Libro I, 31, "Dei cannibali". Bisogna tollerare anche i cosiddetti barbari antropofagi, pur se hanno usanze e modi di ragionare alquanto diversi dai nostri... 

ho capito, stai leggendo l'abbecedario. Non c'è nulla di male ma non vorrei ti stancassi a un tale livello di approfondimento.

Non riesco a stare a letto, ora prendo la chitarra e suono un po', mi gira tutto.

Che rottura, è pesantissima l'influenza, signor de SAUSSURE.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Bella la storia, WY, relativa al tuo amore liceale.

E pensare che al giorno d'oggi in neogreco la β è letta in molti casi come la v italiana.

 

Alcune scene umoristiche le troviamo in quelle storie brevissime come quando Tex riceve un secchio d'acqua da Lilith oppure mentre conversa con un dodo.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">3 minuti fa</span>, ElyParker dice:

Bella la storia, WY, relativa al tuo amore liceale.

E pensare che al giorno d'oggi in neogreco la β è letta in molti casi come la v italiana.

 

Alcune scene umoristiche le troviamo in quelle storie brevissime come quando Tex riceve un secchio d'acqua da Lilith oppure mentre conversa con un dodo.

Non c'era internet, dovetti chiedere ad una professoressa del ginnasio, che non era la mia, che mi spiegò questa cosa. Non volevo che lo sapessero in classe mia, ero giovane ed insicuro. E romantico. Meno male che non era giada o giovanna, il suono GI era fuori dalle possibilità umane.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
On 9/4/2018 at 17:02, Otami dice:

Mi trovo a molti Km di distanza dai miei Tex, ed avrei bisogno dell'aiuto di un esperto per rispondere al seguente quesito: in che albo si trova la seguente scenetta, che e' uno dei pochi esempi di comicita' in Tex?

Tex e Carson stanno bivaccando, quando qualcuno arriva inaspettato, e Carson gli chiede se vuole un caffe'. Mentre Tex parla col tizio, si vede Carson armeggiare, e quando il tizio inizia a sorseggiare il caffe' gli si imperla la fronte di sudore. Quando il tizio se ne va, Carson spiega a Tex che aveva fatto il caffe' coi fondi del caffe' precedente, allungandolo poi con del whisky.  

Ok, qualche dettaglio puo' essere non corretto, ma la scena piu' o meno e' quella, ed io l'ho sempre trovata molto gustosa (Tex non ci vizia certo coi siparietti comici!)

La tua ricostruzione è correttissima. Ricordo la scenetta. Purtroppo non ricordo l'albo o la storia. Di certo, è precedente al 400...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Per me uno dei siparietti più divertenti si trova all'inizio di "Minaccia invisibile", quando Carson cerca di godersi i benefici di un centro benessere. E questa se non sbaglio è la prima storia di Boselli in collaborazione con G.L. Bonelli

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Se parliamo di umorismo a mie viene in mente il Texone "Piombo Rovente" pieno di piccoli e simpatici siparietti..Comicità forse come termine è sbagliato, perchè a mio parere ce ne è pochissimo in Tex, ma umorismo è diverso..belli quei piccoli momenti che riescono a strapparci un sorriso..e secondo me il migliore in questo è stato Nizzi..nel suo periodo ottimo.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Cacio e formaggio? Cacca e pupù? Pauroso e pavido? Formaticum e caseus? Sabatini e Coletti?

Diciamolo ad alta voce LOACHER CHE BON.... no volevo dire:

 

BORDEN: possiamo anche chiamarli spinaci di braccio di legno, ma tu dialoghi brillanti non ne sai scrivere, e manco storie immediate.

Scrivi roba pedante, pesante, pendente non lo so, sono indipendente.

E BOHHHHH.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Le punzecchiature di WY mi fanno venir voglia di leggere gli Zagor di Borden!

Non seguo con assiduità il "cugino" di Tex (penso di essere passato direttamente da Nolitta a Burattini…),

quindi ora sono curioso di come uno così pedante e pesante possa aver gestito Cico!

Comunque ho letto tanta roba che poteva o che doveva essere divertente e spesso ho solo sorriso,

mentre mi sono sganasciato con chi voleva solo stemperare la tensione o non sembrare troppo serioso.

Poi ci sarebbe anche la comicità involontaria e di quello mi vanto di avere anche io esperienza...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Forse non si  dovrebbe citare un altro forum, ma...

 

 

Commento di un lettore sulla  Locanda degli impiccati di Zagor. - Boselli- Ferri

 

 

Questa breve storia è un vero gioiellino.
Più che un'avventura di Zagor, Boselli ce ne racconta una di Cico, un po' horror, un po' mistery, un po' comica.
Per farlo riserva a Zagor il trattamento che tanti sceneggiatori hanno riservato a Cico: con un diversivo lo manda via e lo tiene lontano per tutta la durata dell'azione vera, cioè la nottata nella casa infestata. 
Per tutto il tempo Boselli si diverte a disorientare il lettore e ci riesce in pieno. 
Cico e Digging Bill sono protagonisti di una surreale ed onirica notte in cui nulla sembra quello che è: stanze che non esistono, impiccati, fantasmi e persino diavolesse e odalische appaiono e scompaiono. 
Zagor libera un gruppo di squaw kiowas, è vero, ma è solo un riempitivo. Anzi, a voler ben vedere, il suo intervento finale è una nota stonata: la situazione poteva risolversi ugualmente senza di lui. Inoltre non crede neppure pur un secondo che ci siano di mezzo dei fantasmi, mentre i banditi fuggono terrorizzati. 
Gustosi i siparietti di cui è infarcita la storia, soprattutto quelli di Cico con le tre ragazze. 

Voto alla storia: 8 
Voto ai disegni: 9

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Dix Leroy dice:

Le punzecchiature di WY mi fanno venir voglia di leggere gli Zagor di Borden!

Non seguo con assiduità il "cugino" di Tex (penso di essere passato direttamente da Nolitta a Burattini…),

quindi ora sono curioso di come uno così pedante e pesante possa aver gestito Cico!

Comunque ho letto tanta roba che poteva o che doveva essere divertente e spesso ho solo sorriso,

mentre mi sono sganasciato con chi voleva solo stemperare la tensione o non sembrare troppo serioso.

Poi ci sarebbe anche la comicità involontaria e di quello mi vanto di avere anche io esperienza...

MA leggiti lo ZAGOR di Nolitta, lascia perdere le spacconate di Borden De Saussure, è il classico caso clinico di finto gradimento.

Nietzche scrisse diverse opere, chiare, comprensibili e anche molto potabili. E nessuno se le prese mai in considerazione.

Poi scrisse "così parlò Zaratustra", un delirio, incomprensibile, pesante e pedante. Però, tutti iniziarono a dire che era stupendo perché tutti gli altri lo dicevano, per non passare da ignuranti. Quindi l'opera, che era una schifezza pesante come il tuono, diventò famosa, mentre le cose ben scritte rimasero misconosciute.

Zagor scritto da Borden e Tex scritto da Borden è fintamente amato. O meglio, lo era di più all'epoca in cui c'era Nizzi. Anche io facevo finta di apprezzarlo, perché non volevo passare per un saputello presuntuoso. Poi decisi di dire la mia vera opinione, che il re era NUDO, solo che solo una parte del resto del mondo, dopo che Nizzi si ritirò, decise di essere altrettanto sincera, rimasero tipi come Andrea67 che io sospetto che detesti le storie di Boselli, perché ritengo impossibile amarle vista la palla che sono, ma che oramai hanno convinto anche se stessi.

SIAMO SERI, prendiamo coscienza, respiriamo e liberiamoci.

Io sono il vostro profeta, presto avrete l'IBAN presso cui depositare tutte le vostre sostanze ecc. :P

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ma che cos'è questa tua, una campagna denigratoria, un delirio di HATING telematico? Dici stronzate a ripetizione contando sul fatto che alla fine sembrino vere,  come le fake news della Brexit?  Altro che offrirti la birra e regalarti albi a fumetti. L'orchite ti auguro, se non ce l'hai già! :angry::lol:

 

PS E chi pensa che sia un simpatico battibecco, si sbaglia. WY è peggio di Capelli d'argento sull'altro forum, perchè in quello io non ci metto piede. Ma mi sa che tra breve mollo anche questo... 

Modificato da borden

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
Just now, borden dice:

Ma che cos'è questa tua, una campagna denigratoria, un delirio di HATING telematico? Dici stronzate a ripetizione contando sul fatto che alla fine sembrino vere,  come le fake news della Brexit?  Altro che offrirti la birra e regalarti albi a fumetti. L'orchite ti auguro, se non ce l'hai già! :angry::lol:

Vorrei fare altrettanto, ma per avere l'orchite occorre avere i giusti attributi.

Quindi, e perché sono buono, ti aguro una buona serata. Ciao Mauro.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Per Wasted Years consiglio per il mal di gola gargarismi con la nota bevanda americana

dalla lattina rossa (alla fine la puoi anche sputare come un fosse collutorio).

Per Borden chiedo di non badare troppo a tutto quello che si dice o quelli che lo dicono,

non so per gli altri ma a me avere un filo diretto con chi realizza le storie di Tex

è molto bello. Pensando ai tempi d'oro come  si sarebbe potuto fare con il Bonelli,

il Galep e gli altri?

Modificato da Dix Leroy

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">6 minuti fa</span>, borden dice:

 

PS E chi pensa che sia un simpatico battibecco, si sbaglia. WY è peggio di Capelli d'argento sull'altro forum, perchè in quello io non ci metto piede. Ma mi sa che tra breve mollo anche questo... 

Psot, e io a chi rompo l'anima? EGOISTA.

E poi con questa scusa ho già fatto esilio una volta. Se vuoi andare vai, nessuno ti trattiene. Putroppo non posso bannarmi da solo per compiacerti.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.