• Avvisi

    • TexFanatico

      BUON NATALE   24/12/2017

      BUON NATALE e felici Festività a voi!
Sam Stone

[625/626] Le Catene Della Colpa

Voto alla storia?  

46 voti

  1. 1. Voto alla storia?

    • 10- 6
      2
    • 9 - 5,5
      11
    • 8 - 5
      16
    • 7 - 4,5
      10
    • 6 - 4
      2
    • 5 - 3,5
      0
    • 4 - 3
      0
    • 3 - 2,5
      0
    • 2 - 2
      0
    • 1 - 1,5
      0


Messaggi consigliati/raccomandati

Impressione a caldo: per la miseria, che disegni inguardabili!Davvero Ortiz è giunto a un livello di "scarabocchiamento" impressionante!Tavola 2, vignetta 2: che sono quelle figure allampanate, smagrite, allungate, oblique? Come diavolo camminano Tex e Carson, inclinati?Ultima tavola, vignetta 3: davvero quel tizio arrabbiato che tira il pugno è Tex Willer? Non ci credo nemmeno se mi compare davanti lo spirito di Tex a dirmelo!Insomma, quella che sembra una bella storia, affascinante, drammatica, violenta, credo che avrà nei disegni un grosso handicap: di certo non aiuteranno a esaltarla. Per Ruju un lavoro supplementare, insomma. Curiosità: ma Kit e Toger ci sono o non ci sono?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Presentazione del numero 626 dal sito della SBE:

La violenza sembra non voler abbandonare la vita di Guillermo Blanco, il fuorilegge che ha preso i voti e oggi si fa chiamare padre Clemente. Alcuni vecchi complici hanno deciso di ricattarlo, sequestrando i ragazzi della sua scuola, per costringerlo a compiere una grande rapina. E una parte di lui sembra aver ripreso gusto alla vita da fuorilegge. Forse il vecchio desperado non è mai cambiato per davvero. Toccher? a Tex, che insegue la banda oltre i confini del Messico, scoprire se Blanco è ancora un uomo giusto o un feroce bandito!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ruju riconferma di essere una garanzia assoluta! Perchè, tanto per cambiare, anche questa storia è bellissima, semplicemente bellissima. Appassionante, coinvolgente, drammatica, con grandi personaggi

tormentati e complessi, come è ormai abitudine delle sue sceneggiature,
, accompagnati da due Tex e Carson semplicemente spettacolari!Davvero Ruju è insieme a Boselli il miglior sceneggiatore attuale di Tex!Non vedo l'ora di leggere la seconda parte!Su Ortiz non mi pronuncio: alcune tavole sono impubblicabili su Tex- e la storia funziona ugualmente: questo per dire di quanto è stato bravo Ruju, che non ha potuto contare sull'aiuto di disegni validi. Aggiungo solo una cosa. Vero e proprio motivo ricorrente delle storie di questo sceneggiatore:
un nemico che Tex crede morto e che invece è vivo, e ritorna inaspettatamente
.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Un primo albo decisamente buono, direi, ottima prova di Ruju e, devo dire, disegni di Ortiz che mi hanno infastidito un po' meno del solito.

Chi è veramente padre Clemente, al secolo Guillermo Blanco? Ha ancora qualcosa a che fare con il sanguinario bandido che Tex aveva ferito gravemente, pensando addirittura di averlo ucciso? O l'unica traccia che ne rimane è il tatuaggio, che ha permesso al Ranger di riconoscerlo? Tex sembra infine avergli dato credito, e noi sappiamo che non sbaglia facilmente i suoi giudizi. O forse solo una povera tonaca da frate divide il penitente dal suo turbolento passato? E' stata la volont? di salvare i suoi bambini e la missione che lo ha indotto a seguire Gallardo, o ci riserver? veramente qualche sorpresa?

Vero e proprio motivo ricorrente delle storie di questo sceneggiatore:

un nemico che Tex crede morto e che invece è vivo, e ritorna inaspettatamente
.
Ho un attacco di amnesia, quando è successo (a parte in quest'albo)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

A una prima sfogliata,? un buon Ortiz, comunque.

Finalmente è uscito anche da me!!! Posso confermare le impressioni sui disegni di Gabriele. Ortiz ha fatto un discreto lavoro. Ci sono delle imprecisioni solo sulle vignette con inquadrature lontane. Sono felice di avere un Ortiz di discreto livello.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

La prima parte di questa storia mi è sembrata più che positiva, e lascia ben sperare in attesa della seconda. Molto ben costruita la figura di Padre Clemente/Guillermo Blanco: il suo

mi è parso un pentimento sincero, ma ho il sentore che nel prosieguo potremmo avere sorprese da parte sua...


Ricordiamoci di aggiungere gli spoiler.
Paco :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Per il momento una buona storia, interessante anche per il tema inconsueto.

E? raro infatti trovare un personaggio come padre Clemente alias Guillermo Blanco, che ha cambiato completamente vita trovando la propria redenzione. Casomai è un po' forzato il suo repentino ritorno alla malavita, se è sincero e non ci riveler? delle sorprese. Tex e Carson fanno la loro parte con efficienza, bene il perdono per l'ex bandito. I desperados sono come ne abbiamo visti tanti, peccato per la morte di Cesar, poteva essere un personaggio interessante da vedere ancora nel prosieguo della storia, simpatiche anche le due donnine messicane e la fiesta in onore dei pards. Tutto sommato mi è piaciuto anche Ortiz, alcune cose le ho trovate molto più curate del solito, a parte i due volti quasi negroidi di Tex a pag 105. Spero che la seconda parte riservi delle sorprese.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Si può notare un ritorno ai bei tempi texiani nell'espressone con cui Tex e Carson si accomiatano dal frate

"Io non vedo nessun tatuaggio!". Ecco che Tex - e in seconda battuta il Vecchio Cammello - tornano ad essere i giudici che come sanno fare giustizia sanno anche assolvere e amnistiare, senza necessariamente scomodare la Legge.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

comprato stamattina prima di andare a scuola... che tentazione averlo nello zaino senza poterlo nemmeno sfogliare, visto che la splendida copertina di Villa è il solito capolavoro!sono tentato di leggerlo anche se preferirei avere anche il prossimo albo per leggere la storia tutta in una volta. vale pena aspettare il seguito? Sapete se la storia occupa tre o soltanto due albi?ciaooo:)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Beh! io credo di dovere delle scuse a Ortiz!Nelle tavole in anteprima non ci avevo visto niente di buono, ma vedendo i disegni dal vivo mi sono dovuto ricredere! Almeno in questo primo albo i disegni mi sembrano davvero ben fatti; i volti in particolar modo. Io darei un 7,5Ho fiducia nel seguito. E anche nella redenzione di padre clemente, credo stia agendo solo per salvare quei due ragazzi!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Preso stamattina.

Storia interessante perchè sorretta da un idea originale.

Simpatico e accattivante il personaggio principale, padre Clemente. La sua redenzione ci viene presentata in qualche riga, poi Ruju ci mostra Tex inizialmente dubbioso e poco propenso a concedergli fiducia, questo per lasciare un filo di suspence per il secondo albo, anche se è chiaro che il frate è sincero e non torner? alla vecchia vita, ma è spinto a dare una mano ai vecchi complici solo dalla minaccia che incombe sui bambini. Ecco dal momento che la sua sincerit? mi pare scontata, avrei preferito che Ruju avesse dato un po' più di psicologia al vecchio bandido, specialmente nella sequenza che lo vede ristabilirsi nel monastero che lo ha accolto.

Poco incisivi anche i ritratti di Gallardo e dei suoi uomini, caratterizzati solo dalla brutalit? che viene dipinta anche in modo forse eccessivo ( una costante dei "nemici" nati dalla penna di Ruju). Sono, in realtà, solo mezze calzette e mi è sembrato quasi surreale vedere Tex e Carson toglierli di mezzo in una manciata di pagine: sette uomini al ranch più altri otto al monastero (mi chiedo: troppa faciloneria in questo tiro a segno ?). Nel secondo albo ne rimangono solo sei da fronteggiare e sarà una passeggiata o forse una buona occasione per rimediare.

Cosè, la parte finale dell'albo, con tutti quei neri seppia ortizziani, non mi è sembrata particolamente fluida. Devo assolutamente rileggermela.

Disegni di Ortiz con le tavole pagate al Kg, unico motivo per cui ce lo ritroviamo ancora tra le mani. Ah, dimenticavo, essendo del 1932, ha compiuto da due mesi ( essendo nato a settembre ) le 80 primavere, fa parte, dunque, anche lui del club degli allegri ottantenni per cui ha tutte le scusanti!
Gli auguro, nonostante tutto, lunga vita!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Preso e letto anch'io "Le Catene della Colpa"!

Attenzione allo

S
P
O
I
L
E
R

Primo albo davvero molto bello e intrigante.
Ruju ormai sta entrando tra i miei preferiti, è in grado di "sfornare" avventure con sfondi classici ma infilandoci tocchi originali o comunque nuovi per Tex.
Per ora non ha fatto una storia che sia uguale all'altra, ha sempre cercato di variare per non stancare i suoi lettori.
E questo secondo me non può che fare del bene alla serie. -ave_ ::evvai::

Titolo azzeccatissimo (come quello de "La Prova del Fuoco"): Le catene della colpa rappresentano il pesante passato di Padre Clemente che seguendo le vie del Signore ha creduto di potersene liberare completamente.
Ma non è bastata una tunica, la barba lunghissima, la missione ricostruita, la nuova scuola per portare la cultura e combattere l'analfabetismo dei poveri peones... tutto questo appunto non è bastato ad alleggerirsi dalle pesanti catene del suo oscuro passato.

Molto ben pensato in questo senso il tatuaggio del serpente che porta al braccio... un serpente pronto a mordere e a iniettare il mortale veleno.
Un tatuaggio ancora ben impresso sulla pelle, ben difficile da togliere e che sta ancora l', forse a posta per ricordare un passato pericoloso e violento e per pentirsene ogni giorno trascorso nella sua nuova missione religiosa.
Forse è proprio il serpente a rappresentare queste catene di cui è difficile sbarazzarsi.
E Padre Clemente alias Guillermo Blanco lo sa bene.
Lo si può leggere dal suo sguardo, a volte triste a volte cupo e oscuro.
Uno sguardo comunque mai indeciso e incerto sulla strada che ha scelto di seguire dopo il duello con Tex.
Morte e resurezzione a vita nuova: neppure Tex sembra non credere a questo straordinario cambiamento di vita ... ma è solo questione di un paio di vignette e poi: " quale tatuaggio? tu vedi un tatuaggio vecchio cammello?". _ahsisi
Segno che a Tex basta uno sguardo negli occhi per capire se davanti ha una mela marcia o meno.
Ma non sempre è stato così: Nolitta si è divertito anche a creare personaggi che a prima vista erano positivi - buoni - bianchi, vedere ad esempio Phil Turner.
In quel caso il cattivo Nolittiano guardato negli occhi non ha dato l'impressione del traditore impelagato in intrighi politici forse più grandi di lui.
E Tex in quell'avventura rimase "fregato" e incredulo quando il suo amico getta la maschera e mostra di essere dall'altra parte della barricata.
Nessuna somiglianza imho con questo personaggio "Rujano": Padre Clemente nonostante nel finale si tolga la tunica, si tagli la barba e prometta soldi facili da prelevare in una banca, non ha comunque l'aria di chi voglia tutto ad un tratto tornare alla vita del desperado.
Secondo me lo fa solo per salvare i due ragazzi, utilizzando come arma, o come specchietto per alloddole, qualcosa di cui Gallardo non può fare a meno: il denaro.
Il denaro visto come strumento del Demonio... una tentazione a cui un crudele bandito di frontiera non può resistere.

Sarà interessante vedere se alla fine Padre Clemente salvera corpo e soprattutto anima.
Sulla seconda sono convinto di sè, sulla vita non saprei perchè Ruju potrebbe aver costruito una storia dal finale amaro e tragico.
E anche se così fosse non ci troverei nulla di sbagliato, anzi ogni tanto è bello leggere storie che non finiscano a tarallucci e vissero felici e contenti! ::evvai::


Ortizi mi sembra abbia lavorato un p? meglio in questa storia rispetto ai precedenti.
Anche se in alcune vignette dei primi piani sui volti di Tex mi sembrano rifatti... pag 45 Tex non sembra uscito dalla sua matita, ma potrei sbagliarmi uhm

Per ora ottimo tutto, compreso quel vecchio cammello costretto ad abbandonare una festa ricca di cibi, vini, tequila e senoritas e ad affrontare tutto solo dieci inferociti bandidos.
Ma cosa vuoi che sia Tex? Saranno una decina..... "ho avuto una discussione con questi, ma ora è tutto risolto"!


Bravo Pasquale -ave_ clap

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

solo sfogliato dopo pranzo perchè era già nelle grinfie di mio fratello. ma forse è un bene in quanto spero di resistere alla tentazione e di leggere la storia per intero con anche il prossimo albo.visti i disegni mi sento in dovere di fare i miei complimenti a ortiz, e di scusarmi se avevo qualche dubbio sul fatto che non fosse il disegnatore giusto per una storia che si annunciava molto bella. grande ortiz e grande storia. BUONA LETTURA!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

E' un bell'albo di Tex. SPOILERLa storia dico subito che mi è piaciuta, non è banale, non è già vista, buoni dialoghi e senza sosta. Voglio soffermarmi un attimo però sui disegni di Josè Ortiz, che come paco faceva notare qualche giorno fa,? attualmente il principale disegnatore di Tex ( confesso di essere rimasto stupito, perchè non ci avevo mai fatto caso, ma pensadoci è chiaro che sia così). A me sono sembrati più che buoni. Sarà anche un fan sfegatato di Ortiz ma mi sembrano oggettivamente migliori delle ultime volte. Ma andiamo con ordine:Pasquale Ruju scrive una sceneggiatura con molti primi piani (PP, nel linguaggio tecnico _ahsisi ) nelle prime pagine se ne trovano spesso, soprattutto di Padre Clemente/Guillermo Blanco. Il tratto però, nelle prime pagine presenta solo flebili miglioramenti, e si notano molte incertezze e vignette poco riuscite (l'intera pag.44 è esemplificativa) che si alternano a cose un p? più felicemente riuscite (il ghigno di Cesar a pag.28, realizzato da un tratto un p? grosso ma pieno di tratteggi a me piace moltissimo). Tex è palesemente copiato da Ticci (sesta vignetta pag.9, terza di pag.24 penultima di pag.38 e quarta di pag.39). Arriviamo a pag.44, con delle figure umane un p? sbilenche (come diavolo ha fatto il cadavere del vecchio a cambiare posizione nella seconda vignetta?) e sfondi grossolani. A pag.45 avviene secondo me un cambiamento nella parte grafica dell'albo. Nelle vignette il volto di Tex è piuttosto incerto e "strano" ma non Ticciano. E dalla pagina seguente il volto di Aquila della Notte torna a essere il Tex di Ortiz. Non quello copiato da Ticci. Il Tex di Ortiz. Il profilo della seconda vignetta di pag.47 già si discosta molto da quelli visti qualche pagina prima. L'ultima vignetta della stessa pagina è invece stranissima, non sembra neanche di Ortiz. Fantastico il Tex della terza vignetta di pag.56, in pure stile dell'iberico. Chiaroscuro e tratteggio a volont? da quella pagina in poi non mancano ( o quasi) e la qualità grafica migliora. Ci sono certamente passi falsi, verso la parte finale (pag.100 molto grossolana) ma guardate i Tex e Carson nella penultima vignetta di pag.105! Vi sembrano anche lontanamente ticciani? Direi puro Ortiz. Spero che il trend migliori ancora di più nel secondo albo. A me questo Ortiz piace, e tanto. P. S. Della storia disquisir? il mese prossimo, a vicenda finita.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

letto e piaciuto molto questo primo albo,Ruju ormai è una garanzia , sapevo già della sua bravura avendolo apprezzato su Demian,Cassidy e Dylan Dog, restava da vedere come se la sarebbe cavata con Tex. direi che le sue storie sono sempre riuscite , originali e con un buon ritmo , nonchè intriganti, ma la cosa che più apprezzo è l'interpretazione di Tex e pards che ha il sapore che io preferisco, anche i dialoghi sono perfettamente texiani... insomma nulla da dire se non solo cose bellecapitolo disegni : anch'io ho trovato l'Ortiz dei bei tempi , una piacevolissima sorpresa, visto le sue ultime prove sui maxi. si nota decisamente una maggiore accuratezza nel tratto e nell'inchiostratura... questo è l'Ortiz che mi piace!!!tutto molto riuscito fino a qui , adesso vedremo la seconda parte.. ::evvai::

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.