Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum
Sam Stone

[625/626] Le Catene Della Colpa

Voto alla storia?  

48 voti

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Si è pregati di collegarsi o iscriversi per poter votare in questo sondaggio.

Messaggi consigliati/raccomandati

Anche io mi sono divorato al volo, la prima aprte di questa bella storia, sbaglio o non mi pare di ricordare altri fuorilegge che sono passati dall'altra parte della barricat anella storia di Tex???carino il bimbo che piange... da' una grande idea di tenerezza... belli i disegni speriamo che continui su questi canoni brillanti il continuo della storia

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Letto ieri sera il nuovo numero... e arrivo con qualche commento dopo una notte di riflessioni :)Questa prima parte di storia l'ho gradita: le prime pagine scorrono più lente (nonostante il flashback tutto azione) e preparano il terreno per la seconda metà, dove la storia subisce una decisa accelerata. Personalmente ho sempre apprezzato i disegni di Ortiz, anche se devo ammettere che col tempo il calo è piuttosto evidente: in particolar2 mi "infastidisce" vedere come a volte i volti dei personaggi cambino brutalmente da una vignetta all'altra... e non dico sono come fisionomia, ma anche come tratto... al punto da sembrare frutto di un'altra mano. ad esempio la bella mogliettina messicana

quando nota il bandito creduto morto alzare la pistola verso Tex
: il primo piano stupito/spaventato, con quel tratto così improvvisamente "morbido" mi è proprio sembrato fuori posto. Devo però ammettere che la mia lettura è forse risultata condizionata da quanto letto e ho prestato decisamente maggior attenzione a queste cose di quanto probabilmente non avrei fatto normalmente :)Ruju ha fatto un buon lavoro e getta le basi per un bel finale, soprattutto riesce a stimolare la curiosità per una conclusione che non appare scontata... e questo è bene!Giusto 2 cose non mi hanno convinto:
- la ferita "mortale" di Guillermo... un solo colpo quasi alla spalla destra... e Tex lo d' per morto??? All'epoca forse il nostro non aveva ancora approfondito le sue conoscenze di anatomia... Nella realtà forse una simile ferita mette ko... ma nel mondo di Tex "? solo un graffio"... o nei casi peggiori "una brutta ferita ma te la caverai". Mi è sembrato molto irreale che con un simile colpo il bandito possa svenire e addirittura essere scambiato per cadavere. Per carit?... sono il primo sostenitore della "sospensione dell'incredulità", ma così mi è parso troppo ingenua come soluzione.- Il cambiamento di atteggiamento di Guillermo lungo la strada coi banditi... bello... scenografico (via la tonaca...via la barba...) ma forse troppo frettoloso. Aspetto però il finale (e le sue motivazioni) per confermare il giudizio :)
Cosa mi ha fatto sorridere maggiormente: il buon Carson lasciato a vedersela con 10 (anzi...9 dopo l'aiutino!) banditi da solo :DBuona giornata a tutti!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Preso stamattina.

Storia interessante perchè sorretta da un idea originale.

Simpatico e accattivante il personaggio principale, padre Clemente. La sua redenzione ci viene presentata in qualche riga, poi Ruju ci mostra Tex inizialmente dubbioso e poco propenso a concedergli fiducia, questo per lasciare un filo di suspence per il secondo albo, anche se è chiaro che il frate è sincero e non torner? alla vecchia vita, ma è spinto a dare una mano ai vecchi complici solo dalla minaccia che incombe sui bambini. Ecco dal momento che la sua sincerit? mi pare scontata, avrei preferito che Ruju avesse dato un po' più di psicologia al vecchio bandido, specialmente nella sequenza che lo vede ristabilirsi nel monastero che lo ha accolto.

Poco incisivi anche i ritratti di Gallardo e dei suoi uomini, caratterizzati solo dalla brutalit? che viene dipinta anche in modo forse eccessivo ( una costante dei "nemici" nati dalla penna di Ruju). Sono, in realtà, solo mezze calzette e mi è sembrato quasi surreale vedere Tex e Carson toglierli di mezzo in una manciata di pagine: sette uomini al ranch  più  altri otto al monastero (mi chiedo: troppa faciloneria in questo tiro a segno ?). Nel secondo albo ne rimangono solo sei da fronteggiare e sarà una passeggiata o forse una buona occasione per rimediare.

Cosè, la parte finale dell'albo, con tutti quei neri seppia ortizziani, non mi è sembrata particolamente fluida. Devo assolutamente rileggermela.

Disegni di Ortiz con le tavole pagate al Kg, unico motivo per cui ce lo ritroviamo ancora tra le mani. Ah, dimenticavo, essendo del 1932, ha compiuto da due mesi ( essendo nato a settembre ) le 80 primavere, fa parte, dunque, anche lui del club degli allegri ottantenni per cui ha tutte le scusanti!
Gli auguro, nonostante tutto, lunga vita!

Quoto Ymalpas.


Ruju ci presenta sempre soggetti non banali, e non è poco. La sceneggiatura è buona, ma anch'io lamento il fatto che i cattivi siano fondamentalmente delle mezze calzette, che si distinguono solo per una bestiale ferocia e nient'altro. Sanno taglieggiare i peones (e in questo loro basso delinquere mi paiono ancor più dei miserabili, quindi non degli avversari davvero all'altezza), ma non sanno neanche organizzare da soli un vero colpo in banca, tanto che "si accontentano" della proposta di Guillermo per una rapina architettata da lui. Oltre che miserabili e incapaci di veri colpi da bandidos, sono anche degli inetti, data l'eccessiva facilit? di Tex e Carson nell' averne ragione nonostante la schiacciante inferiorit? numerica (so che questa non è una novità per Tex, ma non mi piace lo stesso vederli stravincere in così poche vignette).


L'altra cosa che mi è poco chiara sono le fughe separate del capo dei banditi con Guillermo e quella di Cesar con i bambini: entrambi i gruppi devono convergere sul covo sulle montagne, perchè viaggiare separati? Mi è sembrata solo una scorciatoia che ha consentito a Tex di salvare i bambini consentendo comunque la fuga del gruppo di Guillermo, così che la storia possa continuare.

Per queste ragioni ritengo i cattivi di questa storia per nulla interessanti: non sono intelligenti n° complessi. Non sono desperados, ma solo disperati e miserabili.

Si vede che l'interesse di Ruju è tutto per Guillermo. Questo è un bel personaggio, ma anch'io, come Ym, non credo che ci riserver? (brutte) sorprese. Torna alla sua vecchia vita ma non con cattive intenzioni. Concordo peraltro con il Berna sul fatto che Tex non si accorga che Guillermo, in occasione del loro primo incontro/scontro, non è morto: mi pare una forzatura


Su Ortiz: il disegnatore iberico è uno dei miei preferiti. Ammetto il netto calo, innegabile, ma le sue atmosfere (forse solo per affezione al passato) continuano a piacermi.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Me lo sono riletto quest'albo e la storia mi è parsa ancor più gradevole.

Le prime cinquanta pagine sono quanto di meglio è stato scritto negli ultimi anni.

Emozionante la sequenza del confronto tra Tex e padre Clemente, tocco di classe il modo in cui Ruju risolve il dilemma di Tex sulla catarsi del vecchio bandito assassino che ora veste la tonaca.

Emozionante, ancora, l'arrivo del ragazzo in lacrime che mostra i due pards nella luce più congeniale, quella dei raddrizzatorti. Siamo appunto a pagina 50.

La seconda parte cala IMO vistosamente, un po' per i motivi che ho esposto nel mio precedente messaggio, un po' perchè la storia l'ho trovata troppo inframmezzata, con il ritmo costantemente interrotto, con l'autore che passa repentinamente (e troppo spesso) da una sequenza all'altra. I vari episodi, per carit?, sono bene intercalati, c'è cura da parte di Ruju e si vede, però, ecco, guardiamo anche ai due flashback, si, sono necessari nell'economia della storia, eppure sembrano troppi, rompono il ritmo.

Nelle pagine finali, vediamo padre Clemente prendere la sua decisione. Aiuter? Gallardo a impadronirsi dell'argento delle miniere, sarà il suo ultimo colpo, poi ritorner? al suo gregge. Sa di avere i due pards alle spalle, eppure il taglio della barba e la tonaca tolta, sembra proprio ritornato il vecchio bandito di un tempo, fianco a fianco con il complice delle passate scorrerie. Il titolo è tutto per lui, in bilico tra il cielo e l'inferno, between heaven and hell.

Sarà interessante vedere come Ruju riuscir? a tener desto l'interesse di noi lettori con una seconda parte che sembra già scritta in partenza. Il secondo albo ci dir? se siamo dalle parti del capolavoro o da quelle dell' onesto lavoro.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Emozionante la sequenza del confronto tra Tex e padre Clemente, tocco di classe il modo in cui Ruju risolve il dilemma di Tex sulla catarsi del vecchio bandito assassino che ora veste la tonaca. 

Assolutamente d'accordo.
Scena molto bella, soprattutto quando Tex, con gesto secco e deciso, blocca il braccio del frate che invece sta amichevolmente mescendogli del vino. Altrettanto bello è il siparietto tra Tex e Carson che "graziano" l'ex bandito

Nelle pagine finali, vediamo padre Clemente prendere la sua decisione. Aiuter? Gallardo a impadronirsi dell'argento delle miniere, sarà il suo ultimo colpo, poi ritorner? al suo gregge.

Argento delle miniere? :blink: a me sembra che si parli di un colpo in banca. C'è qualcosa che non so sul prosieguo della trama, o che magari non ho capito?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Argento delle miniere? :blink: a me sembra che si parli di un colpo in banca. C'è qualcosa che non so sul prosieguo della trama, o che magari non ho capito?

Vedi cosa vuol dire avere una talpa, come la chiama Monni, in via Buonarroti è In realtà ?, molto più modestamente, solo un pappagallo viaggiatore, per uno scherzo della natura molto più simile ai piccioni come quelli che un tempo usava Mefisto quando era ancora sfigato. L'animale, che ormai ho completamente schiavizzato, si fa la traversata del Tirreno due volte al mese tra andata e ritorno e il bello è che, Boselli e Burattini, all'oscuro di tutto, cioè del fatto che sia un pernicioso spione, gli danno pure da becchettare ogni mattina qualcosa sul davanzale e lui, ogni volta, eh eh, ricambia. Modificato da ymalpas

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Prime impressioni a caldo.
Le premesse sono buone, ma mi trovo d'accordo con Ymalpas nel ritenere che tutto dipender? dal secondo albo.

S
P
O
I
L
E
R:
Un paio di considerazioni.
Il racconto della redenzione viene risolto in un batter d'occhio: a fine pagina 36 Guillermo Blanco è ancora un bandito; dopo sole cinque vignette, a fine pagina successiva, lo ritroviamo convertito e pronto a prendere i voti. Come sia maturato il travaglio spirituale, la crisi mistica, non ci viene fatto vedere. Questo aspetto interessante non viene nemmeno toccato di striscio, ma lasciato alla nostra immaginazione. Avrei preferito qualcosa di più.
Tre sole vignette, a pagina 63, ci mostrano un padre Clemente in solitario raccoglimento, dalle quali sembra peraltro che il ravvedimento sia sincero. Nessuna sorpresa in tal senso dovremmo avere, quindi.
Di questo personaggio veniamo a conoscenza solo di alcuni momenti della sua vita da fuorilegge ( per nulla straordinari, comunque ).

Abbiamo insomma una figura interessante: austera, un po' misteriosa, un po' enigmatica. Affascinante più per quello che non vediamo che per quello che vediamo, più per ciò che ci fa intuire e immaginare di sè, che per quello che veniamo a sapere concretamente.
Emana un'aura di grandezza, vedremo se e come verr? concretizzata.

Quanto a Tex e Carson, nel corso dell'albo sono impegnati in un paio di normalissimi scontri a fuoco, più un veloce pestaggio ai danni di un osso tutt'altro che duro. Ordinaria amministrazione, niente di particolarmente avvincente.
Altri personaggi interessanti non ce ne sono. Gallardo e Cesar sono anch'essi personaggi ordinari, clich? che abbiamo visto decine di volte.
F
I
N
E

S
P
O
I
L
E
R

Tutto questo per dire che questo albo mi risulta interessante più per le premesse che pone in prospettiva della seconda parte che per quanto accade realmente.
Ecco, per ora non posso dire di essermi esaltato particolarmente, sono però in curiosa attesa. Il prosieguo mi dir? se sono davanti ad una gran bella storia o ad un onesto lavoro, come dice Ymalpas.

Ortiz è più pulito. Accettabile, ma non mi piace più come ai suoi esordi texiani.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Per il momento mi sembra una bella storia, sospendo il giudizio al prossimo albo per non dovermi clamorosamente smentire ma sono molto fiducioso viste le premesse. Ottima la gestione della complicità dei due pard e anche, cosa che a me piace molto, la presenza di un Carson veramente in gamba e non semplice spalla di Tex. Brillanti le battute già citate e che non ripeter?. Ben dosati i flashback e le scene d'azione. In sostanza vediamo come va a finire ma potrebbe diventare benissimo una storia da pieni voti.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ieri ho letto questo Albo e il Texone "Assassini". Parto dal comparto disegni dato che sia Ortiz che Font sono tra i più criticati. All'Ortiz che ho letto ieri do un bel 7. Mi è piaciuto. Probabilmente l'anteprima delle tavole sul sito bonelli aveva mostrato le tavole peggiori. Mi sono ricreduto leggendo l'albo. OT Font dopo "Assassini" diventa uno dei miei disegnatori preferiti.[/OT]Per quanto riguarda la storia che dire... le premesse ci sono tutte, aspettiamo il proseguo... Non mi ha convinto molto Tex che lascia Carson a gestirne 10 da solo senza batter ciglio (10-1 = 9). Altra cosa che mi ha fatto pensare è "Padre Clemente" che appena dopo aver tagliato la barba cambia viso e sembra dal suo sguardo esser tornato "un po' bandito". In tutte le storie di Tex adoro i flashback e anche qui sono state le parti della storia che più mi son piaciute. Attendiamo dicembre per vedere il proseguo/conclusione.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Argento delle miniere? :blink: a me sembra che si parli di un colpo in banca. C'è qualcosa che non so sul prosieguo della trama, o che magari non ho capito?

Dopo lo scherzo di ieri, del pappagallo impiccione, ti svelo il retroscena: la notizia è riportata a pag. 2, quella famigerata pagina con la copertina del numero successivo seguita da poche scarne anteprime, tra cui questa! Modificato da ymalpas

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Argento delle miniere? :blink: a me sembra che si parli di un colpo in banca. C'è qualcosa che non so sul prosieguo della trama, o che magari non ho capito?

Dopo lo scherzo di ieri, del pappagallo impiccione, ti svelo il retroscena: la notizia è riportata a pag. 2, quella famigerata pagina con la copertina del numero successivo seguita da poche scarne anteprime, tra cui questa!
Ah... ma allora ditelo... uno non si legge la pag. 2 per evitarsi qualsiasi anteprima e poi se la ritrova scritta qui sul forum :angry: Ym meriteresti la tortura dei fiammiferi :colt: Vabbeh si fa per dire :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Dunque, festeggio il mio primo anniversario da forumista criticando positivamente l'albo "Le catene della colpa", associandomi ai post di West10 e di Gualdo : il racconto l'ho trovato molto ben sceneggiato, con le prime 50 pagine eccezionali e le seguenti altrettanto, ed altrettanto ben disegnato da Ortiz, a mio modo di vedere in gran spolvero, nettamente superiore all'ultimo Font. Assegno un bell'otto sia a Ruiu che ad Ortiz, sempre magistrale nelle ambientazioni messicane, desertiche, polverose e sudate. Colgo l'occasione per esternare la mia personale scocciatura al sistematico e francamente ormai stucchevole killeraggio che viene da un po' di mesi perpetrato nei confronti di artisti di chiara fama che tanto hanno dato, e danno, al mondo del fumetto, per di più persone in alta età e, guarda caso, quasi tutte spagnole. Certe cadute di tono le abbiamo viste,? giusto segnalarle una, due volte, ma poi... basta, se no a me viene il sospetto che si voglia sempre e comunque parlare male solo di Ortiz,Segura,Font, quando anche assi di casa nostra qualche volta incappano in clamorose scivolate(vedi il per me bravissimo Faraci con "Braccato"). L'antifona l'abbiamo capita, penso che anche alla SBE siano fischiate le orecchie, continuare a sparare bordate su grandissimi ottantenni mi pare un esercizio noioso, petulante ed estenuante che alla lunga rischia di non fare più notizia, alla stregua dell'ennesimo(con tutto il rispetto)sciopero della fame di Marco Pannella. Attendo dall'artigliera a cavallo di Arlington cannonate di Howitzer ad alzo zero e caricate a mitraglia.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Assegno un bell'otto sia a Ruiu che ad Ortiz, sempre magistrale nelle ambientazioni messicane, desertiche, polverose e sudate.

Effettivamente le ambientazioni restano ancora godibili, ed è anche uno dei motivi, forse, per cui si può ancora guardare a queste tavole e giudicarle passabili.



Colgo l'occasione per esternare la mia personale scocciatura al sistematico e francamente ormai stucchevole killeraggio che viene da un po' di mesi perpetrato nei confronti di artisti di chiara fama che tanto hanno dato, e danno, al mondo del fumetto, per di più persone in alta età e, guarda caso, quasi tutte spagnole. Certe cadute di tono le abbiamo viste,? giusto segnalarle una, due volte, ma poi... basta, se no a me viene il sospetto che si voglia sempre e comunque parlare male solo di Ortiz,Segura,Font, quando anche assi di casa nostra qualche volta incappano in clamorose scivolate(vedi il per me bravissimo Faraci con "Braccato"). L'antifona l'abbiamo capita, penso che anche alla SBE siano fischiate le orecchie, continuare a sparare bordate su grandissimi ottantenni mi pare un esercizio noioso, petulante ed estenuante che alla lunga rischia di non fare più notizia, alla stregua dell'ennesimo(con tutto il rispetto)sciopero della fame di Marco Pannella.

Effettivamente si sta esagerando, il discorso alla lunga diventa noioso, anche irritante se non condiviso, ma che te devo d' è


Non si parla più di disegni è

Se ne parla solo quando c'è da parlarne in termini lusinghieri ?

Comunque, nessuno ha mai sparato "bordate" sugli ottantenni intesi come persone fisiche e lo "stucchevole killeraggio" è sempre stato rivolto ai frutti del loro intenso lavoro.

Degna di poco interesse è anche la tua stoccata sulla nazionalit? dei disegnatori, su questo forum, visto da qualche parte come ultra-conformista, quando c'è stato da criticare, non si è risparmiato nessuno.


Attendo dall'artigliera a cavallo di Arlington cannonate di Howitzer ad alzo zero e caricate a mitraglia.

Ti accontento, ma solo a livello di immagini (non so, forse ti aspettavi altro!).



Immagine postata

Immagine postata

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

I disegni non sono propriamente un granch?, ma, come diceva qualcuno, teniam anche conto dell'età del disegnatore! (che comunque, per inciso, potrebbe pure andare in pensione se la vista gli gioca brutti scherzi...). Detto questo però, la storia di Ruju mi piace davvero molto. La trovo, a suo modo, originale e diversa da tante altre, considerando anche che, in 65 anni di storia di Tex, riuscire a scrivere una storia fuori dal coro, non è certa impresa facile ormai!! Pertanto quoto complessivamente con un 8,5 questa prima parte della saga. ;)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

@ Ymalpas, che il racconto sia molto buono corrisponde al vero (mio voto : 8), però che sia "quanto di meglio(le prime 50 pagine)scritto negli ultimi anni" a me sembra esagerato, in quanto, sempre a mio modo di vedere, "Sei divise nella polvere","I giustizieri di Vegas","La mano del morto" e "Decimo cavalleria" se lo mangiano vivo. Per quanto riguarda le opinioni sui disegni,? ovvio che un forum viva anche per la critica negativa, ma quando questa è ossessiva, mirata e ripetuta all'infinito la definisco "killeraggio continuo", in special modo se fatta ai danni di artisti che su codesto forum non hanno voce, al contrario di molti altri, e che quindi non hanno la possibilità del contraddittorio. Perciò, visti i mezzi e le conoscenze di cui disponi, mi permetto di consigliarti di incontrare Ortiz e Font, i tuoi bersagli favoriti, oppure di scrivere loro, così da esternare ai diretti interessati le tue rimostranze . Spero che questo post sia stato degno del tuo interesse.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Dico la mia riguardo al disegno e al "Killeraggio Continuo". Premettendo che i gusti vanno rispettati come anche il diritto di critica, mi da un po' fastidio da "nuovo del forum" la battutina tipo "soliti disegni tot al kilo" oppure il "che vada in pensione se la vista comincia a dare brutti scherzi" e altro. Soprattutto perchè il vostro giudizio non è universale. Adoro Font e l'ultimo Ortiz mi è piaciuto molto (e non sono il solo in questo giudizio) e voglio sottolineare che per me l'età non conta nulla e non giustifica un bel niente. Non vi chiedo di farvi piacere quello che non vi piace, ci mancherebbe, ma un giudizio si accetta, tutto quello che c'è intorno fatto di battute, richieste di pensionamento e altro alla lunga stanca, se letto in quasi ogni thread.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

@ Ymalpas, che il racconto sia molto buono corrisponde al vero (mio voto : 8), però che sia "quanto di meglio(le prime 50 pagine)scritto negli ultimi anni" a me sembra esagerato, in quanto, sempre a mio modo di vedere, "Sei divise nella polvere","I giustizieri di Vegas","La mano del morto" e "Decimo cavalleria" se lo mangiano vivo.

Qui siamo sul piano dei gusti personali, non mi permetto di discutere i tuoi, se fai altrettanto non ci sarà mai motivo di scontro.

Per quanto riguarda le opinioni sui disegni,? ovvio che un forum viva anche per la critica negativa, ma quando questa è ossessiva, mirata e ripetuta all'infinito la definisco "killeraggio continuo", in special modo se fatta ai danni di artisti che su codesto forum non hanno voce, al contrario di molti altri, e che quindi non hanno la possibilità del contraddittorio.

Riconosco che certi topic alla lunga possono essere degenerati tanto da diventare persino antipatici. Qui ti do ragione, stop. Me la sono presa, a suo tempo, anche con Mastantuono, Piccinelli, Ginosatis ecc, che su questo forum sono iscritti. Nessuno vieta di farlo a Ortiz e Font. In ogni caso certi messaggi non sono destinati ai disegnatori ma alla redazione della SBE che ci legge e che in ultimo è responsabile degli albi che manda in edicola. Che dovrei dire a Font è Ritirati, occupati d'altro perchè i tuoi disegni non sono adatti a Tex è Finch? gli pubblicano le tavole e gliele pagano, i conti, lui, deve renderli all'editore, che a sua volta deve rendere conto a me per i 2,70 euro spesi mensilmente. Poi che contradditorio deve esserci se uno scrive che le anatomie dei suoi personaggi non sono realistiche è Deve rispondermi che se a Carson manca una mano, è in ragione di una corrente artistica che lui rappresenta e che è celebrata a livello internazionale ?

Perciò, visti i mezzi e le conoscenze di cui disponi, mi permetto di consigliarti di incontrare Ortiz e Font, i tuoi bersagli favoriti, oppure di scrivere loro, così da esternare ai diretti interessati le tue rimostranze .

Quali mezzi e quali conoscenze è Non crederai anche tu alla favola della "talpa" di Monni per cui io sarei in qualche posizione privilegiata. Non ti nascondo che non mi dispiacerebbe se così fosse, ma non è così.

Spero che questo post sia stato degno del tuo interesse.

Perchè è Ti seguo molto volentieri e con interesse.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Facciamo attenzione agli OT, il confine da oltrepassare è sottilissimo ;)

Comunque, sono d'accordo sull'esigenza di evitare il sarcasmo, cosa che tra l'altro dovrebbe valere nella vita reale come in quella virtuale, con persone di fama o comunque note e con gente comune. Lasciamo pure perdere, dunque, le valutazioni di "un tanto al kg" (non l'ho letto, ma probabilmente sarà stato scritto qualcosa del genere). Tuttavia a me, ad esempio, Ortiz non piace e la cosa più lusinghiera che posso dirne, come in questo caso, è che mi ha dato meno fastidio del solito. Quindi è molto probabile che alla prossima occasione torni a dargli una valutazione negativa, e a dirlo. N° mi perito di dire, anche se non ho motivo di farne la colonna sonora della mia vita, che se non disegnasse più Tex non mi strapperei i capelli. Con tanti auguri, sia chiaro, di un luminoso e felice proseguimento di carriera in qualsiasi altra realtà, e con tutto il rispetto per la sua arte. Diciamo che, se anche fosse altamente valutato in una galleria, io non gli darei nemmeno quel famoso tanto al kg.
Faccio killeraggio nell'esprimermi così? Non credo.
E se ci fosse ancora Guglielmo Letteri, disegnatore che ho sempre apprezzato e ben raramente ho valutato appena sotto l'eccellenza, e se ad ogni suo lavoro esprimessi una lode, non dico sperticata ma sicuramente sentita, farei leccapiedismo?
Esistono per tutti artisti che, tra alti e bassi, incontreranno sempre i nostri gusti, altri per cui succeder? il contrario. Se poi, come ha fatto notare Ymalpas, alcuni non si sono mai iscritti al forum mentre altri, iscritti, in pratica non partecipano, che ci possiamo fare? :lol:

:trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

A me invece sembra proprio Ortiz. Forse per quello non mi lamento dei disegni in questione. A parte il volto dei rangers (so che non è poco), il resto non mi pare male per niente. Ottimo anche il lavoro di Ruju per questa prima parte, che fa imho un passo avanti rispetto ai suoi ultimi due lavori.

Davvero padre Clemente si è riconvertito?O sta bluffando?Cosa accadr? dopo il colpo'Ci sarà il lieto fine o un sarà una conclusione più drammatica?(Come faranno i lettori che usano il metodo del leggo-il-tutto-solo-a-storia-completa a restare a digiuno di tali "emozioni"... per me continua a rimanere un mistero. :indianovestito: )
Quando la prima parte di una storia fa porre al lettore cosi tante domande, l'autore crea indiscutibilmente un arma a doppio taglio:può rovinare tutte le attese con un proseguo piatto e prevedibile o sfornare un ottima a storia che si lascia ricordare volentieri. Non resta che attendere. La soddisfazione di una buona lettura in una notte di novembre l'ho comunque ottenuta. Se proprio va male il finale, mi consoler? con qualche fetta in più di panettone :D

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Dunque, festeggio il mio primo anniversario da forumista criticando positivamente l'albo "Le catene della colpa".....

Diamine, non mi sono accorto che è già passato un anno dalla mia iscrizione al Forum, quindi festeggio anch'io con l'amico Havasu recensendo questa storia.
Trovo la trama di Ruju interessante ed originale, mi piacciono molto le avventure che iniziano focalizzandosi su altri personaggi e non subito su Tex o i pards, il frate/bandito promette di essere una figura intrigante ed io non giurerei sul fatto che sia definitivamente redento, potrebbe anche riservarci una sorpresa finale (e non mi dispiacerebbe neanche un colpo di scena imprevisto!). I bandidos di Gallardo sono effettivamente poca cosa, in particolare il luogotenente Cesar che viene fulminato subito, ma spero che il capo ci riservi un po più di "tostaggine". Come altri hanno notato, anche io ho trovato due sbavature narrative sulla ferita pseudo-mortale di Blanco alla spalla (poteva essere colpito almeno sul petto) e sulla spolverata/liquidata di Carson al resto della banda che non ci viene neanche fatta intravedere (Carson duro che fa fuori gli avversari senza prendere prigionieri è sempre uno spettacolo!).
Il resto della storia si mantiene bene senza cadute particolari, vedremo come sapr? concludere con il secondo albo. Il capitolo disegni mi sembra si mantenga ancora ad un livello sufficiente, l'ambientazione messicana, sporca e "povera", si addice particolarmente ad un Ortiz che mi è sempre piaciuto soprattutto su tali scenografie, anche se purtroppo non è più quello degli esordi. In sostanza trattasi di una buona storia con giudizio sospeso in attesa della parte finale, ma non arrivo ad essere generoso come il mio amigo Havasu e mi attesto su un punteggio di 6,50/7 globale.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Anche a me l' per l' la ferita inferta a Blanco da Tex non mi aveva convinto più di tanto, però esistono ferite da arma da fuoco alla spalla molto gravi che, se non curate in tempo, possono avere esiti fatali. Se ricordate anche Kit Willer("Nel campo nemico", nr.510)colpito alla spalla, rischia grosso("Ti hanno aperto un bel buco...")a causa della pallottola non fuoriuscita e dalla esuberanza del paziente, assai poco "paziente"...(che però salva la vita al padre). Per quanto riguarda Carson forse si è persa un'occasione per vederlo spazzare via sette avvesari... resta l'unico, grande gunman in grado di battere Tex(in un ipotetico duello).

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

lui, deve renderli all'editore, che a sua volta deve rendere conto a me per i 2,70 euro spesi mensilmente

caro Ymalpas, per il discutibilissimo Ortiz si spendono 2.90 euro :indianovestito: concordo con quanto dici a proposito dei disegni ii generale! aggiungici anche che la mancanza di rispetto sarebbe quella non criticare Ortiz solo perchè ha ottanta anni: forse mi sbaglio ma qui io non ho sentito nessuno dire che Ortiz va pensionato perchè ha una certa età.... Il "buonismo" non ha mai salvato nessuno.. e credo che a Ortiz faccia paradossalmente più bene la critica .. diciamo negativa, che il rispetto per l'età. Poter dire la mia, nel rispetto delle 2.90, verso chi di anni ne ha ottanta o ventinove o centocinquanta è imprenscindibile da ogni altro discorsodato che ci sono.... Buon primo albo per Ruju questo, carico di tensione... discreta la prova di Ortiz, con sfondoni sui volti di Tex che rimangono per me un enigma dopo tanti anni di copiamenti a ticci

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Argento delle miniere? :blink: a me sembra che si parli di un colpo in banca. C'è qualcosa che non so sul prosieguo della trama, o che magari non ho capito?

Dopo lo scherzo di ieri, del pappagallo impiccione, ti svelo il retroscena: la notizia è riportata a pag. 2, quella famigerata pagina con la copertina del numero successivo seguita da poche scarne anteprime, tra cui questa!
Me l'ero persa, questa risposta... ho pensato che davvero avessi una talpa in redazione. In effetti alla Bonelli sono migliorati, eliminando finalmente le vignette spoileranti, ma ancora non sono perfetti...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.