Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum
paco ordonez

[20] [Almanacco 2013] La Pista Dei Fuorilegge

Voto alla storia?  

34 voti

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Si è pregati di collegarsi o iscriversi per poter votare in questo sondaggio.

Messaggi consigliati/raccomandati

Tenete presente una cosa: che il Texone di Gomez ebbe il problema delle pagine sgranate, della risoluzione sbagliata (ricordate?). Questo comport? che le tavole, per quanto splendide, non furono come dovevano essere. Ma questa volta è diverso: questa volta non dovremmo avere la sgranatura derivante dall'ingrandimento per il Texone; quindi mi lancio in una previsione: che Gomez superer? la sua prova precedente! :trapper: ps. Purtroppo Gomez ha momentaneamente lasciato il ranger...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Gomez è il massimo oggi in circolazione, secondo me

In che senso?per te e' il migliore disegnatore di Tex?le tavole sono senza dubbio discrete, anche se troppo piene di particolari.
Mio caro Anthony, se anche Zagrosky ritenesse che Gomez sia il migliore disegnatore di Tex o anche il miglior disegnatore vivente in assoluto, sarebbe nel suo pieno diritto pensarla così, proprio come per te lo è avere l'orticaria per i disegnatori ispanici e per me essere in disaccordo con entrambi. P. S. Meglio tavole piene di particolari che senza sfondi per quanto mi riguarda. :indianovestito:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Tenete presente una cosa: che il Texone di Gomez ebbe il problema delle pagine sgranate, della risoluzione sbagliata (ricordate?). Questo comport? che le tavole, per quanto splendide, non furono come dovevano essere.

Questo principalmente per colpa di Gomez, che invio digitalmente le tavole con la risoluzione errata. Ricordo a tutti che Gomez è solito aggiungere digitalmente gli sfondi e che le sue tavole originali ii genere contengono solo le figure per cui lui invia le scansioni,

Ma questa volta è diverso: questa volta non dovremmo avere la sgranatura derivante dall'ingrandimento per il Texone; quindi mi lancio in una previsione: che Gomez superer? la sua prova precedente! :trapper:

Quasi certo,

ps. Purtroppo Gomez ha momentaneamente lasciato il ranger...

E sarà bene ribadire che è stata una scelta esclusivamente sua, così come sarà solo sua la scelta se e quando ritornare.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

E sarà bene ribadire che è stata una scelta esclusivamente sua, così come sarà solo sua la scelta se e quando ritornare.

Ma non si era detto che il problema principale dell'abbandono era l'imposizione a Gomez di rispettare la gabbia bonelliana, motivo per cui questa storia è finita sull'almanacco?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

E sarà bene ribadire che è stata una scelta esclusivamente sua, così come sarà solo sua la scelta se e quando ritornare.

Ma non si era detto che il problema principale dell'abbandono era l'imposizione a Gomez di rispettare la gabbia bonelliana, motivo per cui questa storia è finita sull'almanacco?
Doveva essere una storia di 220 pagine, ma Gomez era troppo lento (venti pagine il primo anno, più o meno). . Ragion per cui la storia fu data ad Andreucci con un nuovo inizio (la state leggendo) e Gomes ha continuato l'inizio con un uovo soggetto. tutto chiaro? Non ha avuto danni dalla sostituzione in corso, perchè, appunto, solo l'inizio di una trentina di pagine aveva ricevuto fino a quel momento. Marcheselli gli ha dato la scelta tra un altro tex o un episodio de Le Storie, ma lui per ora ha detto che non ce la faceva. Vedremo in futuro.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

E sarà bene ribadire che è stata una scelta esclusivamente sua, così come sarà solo sua la scelta se e quando ritornare.

Ma non si era detto che il problema principale dell'abbandono era l'imposizione a Gomez di rispettare la gabbia bonelliana, motivo per cui questa storia è finita sull'almanacco?
No. Quello che si era detto, o meglio: quello che ho detto io (che di quello che dicono gli altri non posso rispondere) è che Gomez doveva disegnare una storia in due albi, che sostanzialmente avrebbe dovuto essere quella che poi è diventata "Salt River".

Quando, dopo un anno, sono arrivate in redazione le prime 20 (o già di l') tavole, Sergio Bonelli le giudic? troppo' autoriali? (qualunque cosa volesse dire) per la serie regolare e decise di trasferire la storia su un Almanacco. Si trattava, in pratica, della sua solita fisima per cui i lettori non avrebbero gradito o sarebbero stati sconcertati dall'impostazione grafica (o anche dal modo di sceneggiare) dell'autore di turno, in questo caso Gomez. Fisima, va detto, smentita più spesso che confermata dai casi precedenti.
Boselli, invece, di comprimere la vicenda che aveva ideato in sole 110 pagine, prefer? partire dalle pagine già disegnate da Gomez ed imbastire per il seguito una trama del tutto nuova.
Le idee della trama originaria (di cui non so quanto avesse scritto sino ad allora) furono utilizzate per "Salt River", con un nuovo inizio (in pratica tutta la sequenza del traghetto, immagino).
Terminata la storia, Gomez avrebbe dovuto ricevere un'altra sceneggiatura, stavolta non di Boselli, ma ha annunciato che si sarebbe preso un periodo indefinito di assenza per dedicarsi ad altro.
Non esistono preclusioni ad un suo ritorno, che dipenderebbe solo da lui, anche se Boselli si è fatto sfuggire una volta che è scettico su un suo ritorno, ma è solo una sua opinione personale.
Immagino e spero che presto ne sapremo qualcosa, visto che è già passato un anno.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Quando, dopo un anno, sono arrivate in redazione le prime 20 (o già di l') tavole, Sergio Bonelli le giudic? troppo' autoriali? (qualunque cosa volesse dire) per la serie regolare e decise di trasferire la storia su un Almanacco. Si trattava, in pratica, della sua solita fisima per cui i lettori non avrebbero gradito o sarebbero stati sconcertati dall'impostazione grafica (o anche dal modo di sceneggiare) dell'autore di turno, in questo caso Gomez. Fisima, va detto, smentita più spesso che confermata dai casi precedenti.

Oh, allora ricordavo bene, per tutti i diavoli! :D Ok, spero che nell'abbandono di Gomez questo fatto non abbia influito; che nell'almanacco questa "autorialit?" si veda; e che, soprattutto, se mai Gomez dovesse tornare, gli si dia il massimo di libertà! :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Gomez è il massimo oggi in circolazione, secondo me

In che senso?per te e' il migliore disegnatore di Tex?le tavole sono senza dubbio discrete, anche se troppo piene di particolari.
Mio caro Anthony, se anche Zagrosky ritenesse che Gomez sia il migliore disegnatore di Tex o anche il miglior disegnatore vivente in assoluto, sarebbe nel suo pieno diritto pensarla così, proprio come per te lo è avere l'orticaria per i disegnatori ispanici e per me essere in disaccordo con entrambi.
La mia naturalmente era solo una domanda, mio caro Monni :trapper: , dato che tutt'ora non capisco se "assoluto" e' riferito come miglior disegnatore di Tex o miglior disegnatore al mondo.

P. S. Meglio tavole piene di particolari che senza sfondi per quanto mi riguarda.

Dipende dal disegnatore. Ci sono alcune vignette di Villa senza sfondo che sono una meraviglia. Comunque non ho niente in contrario nel vedere tavole piene zeppe di particolari soprattutto quando i disegni sono di buona qualita'.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Beh, il disegnatore imposta la pagina come meglio crede (sempre badando alla sceneggiatura): ora, può anche essere vero che Gomez realizzi delle vignette troppo "piene" di particolari, ma al contrario di molti di voi, la cosa non mi dispiace affatto, poich? credo che i disegni DEBBANO essere dettagliati, per far si che il lettore si possa rendere conto della scena e del luogo in cui si trovano i protagonisti della storia (proprio come fa Civitelli, che riesce a donare ai disegni una straordinaria comunicativit? e precisione). Il linguaggio delle vignette deve essere immediato e molto preciso, il lettore non deve faticare per rendersi conto delle varie situazioni! :trapper: Purtroppo questo è uno dei demeriti dello stile di Ticci, che pure apprezzo tantissimo, perchè a volte, in alcune storie da lui disegnate non si riusciva a focalizzare bene alcune scene a causa della "povert?" della semplicit? delle vignette... Nonostante questo, sono comunque convinto che è una questione di gusti: ci sono disegnatori che piacciono di più, altri un po meno... Ma ogni disegno VA SAPUTO INTERPRETARE. Mi riferisco in particolar modo a Fernando Fusco, che non fu molto apprezzato da una buona parte di lettori proprio per lo stesso motivo... :( sisi

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Gomez è il massimo oggi in circolazione, secondo me

In che senso?per te e' il migliore disegnatore di Tex?le tavole sono senza dubbio discrete, anche se troppo piene di particolari.
Mio caro Anthony, se anche Zagrosky ritenesse che Gomez sia il migliore disegnatore di Tex o anche il miglior disegnatore vivente in assoluto, sarebbe nel suo pieno diritto pensarla così, proprio come per te lo è avere l'orticaria per i disegnatori ispanici e per me essere in disaccordo con entrambi. P. S. Meglio tavole piene di particolari che senza sfondi per quanto mi riguarda. :indianovestito:
Infatti io ho detto ''secondo me'' , proprio per esprimere una mia considerazione , e cioè che per il mio gusto oggi GOMEZ è il miglior disegnatore sulla piazza ''che io conosca'' : d'altra parte basta vedere il suo lavoro su DAGO per rendersi conto di quel che vale, se il suo texone non esprime il suo giusto valore per motivi tecnici. D'accordo invece sul fatto del piacere di vedere tavole piene di particolari, prerogativa di un altro grandissimo, Magnus :trapper:
  • +1 1

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Gomez è il massimo oggi in circolazione, secondo me

In che senso?per te e' il migliore disegnatore di Tex?le tavole sono senza dubbio discrete, anche se troppo piene di particolari.
Si parla di gusto , ovviamente, e nel mio caso io sono un grandissimo ammiratore di Gomez , che ritengo, forse a torto, il miglior disegnatore ''vivente'' , per riprendere un aggettivo usato da Monni. Il suo Texone, pur con le problematiche riscontrate, è un ottimo lavoro, ma per apprezzare il talento di Gomez bisogna ammirare il suo Dago, sia bn che a colori : per me uno spettacolo per gli occhi, :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

D'accordo invece sul fatto del piacere di vedere tavole piene di particolari, prerogativa di un altro grandissimo, Magnus :trapper:

Già... Devo ammettere, seppure a malincuore, che artisti come Magnus al giorno d'oggi non credo ce ne siano più. La sua estrema pignoleria e scrupolosit? per i dettagli furono i due principali fattori che determinarono il suo grande successo, secondo me, e i due elementi fondamentali che caratterizzavano i suoi disegni... Ricordo bene che la prima volta che ho letto il suo Texone, i disegni mi erano apparsi talmente curati che sembravano fatti al computer! Non c'è nessuno che possa batterlo, il grande Roberto! :trapper: L'unico fumettista che negli anni si è molto avvicinato a lui per precisione e cura dei dettagli credo sia solo Civitelli; non ricordo altri nomi...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

D'accordo invece sul fatto del piacere di vedere  tavole piene di particolari, prerogativa di un altro grandissimo, Magnus :trapper:

Già... Devo ammettere, seppure a malincuore, che artisti come Magnus al giorno d'oggi non credo ce ne siano più. La sua estrema pignoleria e scrupolosit? per i dettagli furono i due principali fattori che determinarono il suo grande successo, secondo me, e i due elementi fondamentali che caratterizzavano i suoi disegni... Ricordo bene che la prima volta che ho letto il suo Texone, i disegni mi erano apparsi talmente curati che sembravano fatti al computer! Non c'è nessuno che possa batterlo, il grande Roberto! :trapper: L'unico fumettista che negli anni si è molto avvicinato a lui per precisione e cura dei dettagli credo sia solo Civitelli; non ricordo altri nomi...
Occorre anche dire che Magnus impieg? sette anni a completare il Texone. Non so se un editore potrebbe mai permettersi il lusso di aspettare tanto se tutti i disegnatori farebbero lo stesso. In altre parole siamo sicuri che un altro disegnatore non potrebbbe fare anche meglio prendendosi lo stesso tempo, ovviamente non il primo arrivato ma un disegnatore con la stessa esperienza. Tengo a precisare, prima di scatenare inutili polemiche, che non sto mettendo in dubbio il valore di Magnus ne la passione che ha messo per giungere, con il Texone, ad un risultato per lui consono. Mi chiedo solamente quanto ne è valsa la pena e se fu una decisione giusta vista dal punto di vista dell'editore che deve poter programmare le uscite.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Già... Devo ammettere, seppure a malincuore, che artisti come Magnus al giorno d'oggi non credo ce ne siano più. La sua estrema pignoleria e scrupolosit? per i dettagli furono i due principali fattori che determinarono il suo grande successo, secondo me, e i due elementi fondamentali che caratterizzavano i suoi disegni... Ricordo bene che la prima volta che ho letto il suo Texone, i disegni mi erano apparsi talmente curati che sembravano fatti al computer! Non c'è nessuno che possa batterlo, il grande Roberto! :trapper: L'unico fumettista che negli anni si è molto avvicinato a lui per precisione e cura dei dettagli credo sia solo Civitelli; non ricordo altri nomi...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

COMMENTO CHE PUO CONTENERE SPOILEROggi ho messo le mani su questa storia, e finalmente posso darne un idea. Beh che dire, si tratta da una storia piuttosto classica nella miglior tradizione texiana. (L'inseguimento, gli indiani, i combattimenti, i fuorilegge) adeguati anche un po' alla maniera di Boselli. A parte quelle sorte di fuorilegge scarti dell'inizio (comunque grandissima parte nella ghost town, sommersa dalla pioggia...), abbiamo a che fare con una banda di quasi gentiluomini. Non sono di quelli che godono nel fare stragi (lo stesso capobanda fa ai suoi complici una frase sul loro rimorso) o almeno le hanno fatte e cercano di non farne più. Basta vedere l'attenzioen che ci mettono nel rapinare la città di giorno, quando non ci sono i lavoratori. Un punto in meno per le donne del villaggio, troppo passive per i miei gusti: si lamentano e altro, ma non fanno niente; mi sarei aspettato che una tirasse fuori una pistola (probabilmente avevo in mente la storia "Salt River" con la dottoressa Sarah) ma niente, peccato... :_sigh La banda di avversari mi piaceva come caratterizzazione: non eccessivamente feroci, ben organizzati e con una certa dose di onore. Basta vedere il capobanda Ozzie Johnson: galantuomo e incantatore di donne. La parte migliore è lo scontro con gli indiani nella città che brucia: scontro e azione pura; dinamiche gestite benissimo. I disegni di Gomez invece non mi sono piaciuti poi tanto. A volte avevvo l'impressione di vedere qualcun'altro al posto di Tex, Carson e Tiger, ma con fisionomie un po' diverse dai soliti pards. Riguardo ai servizi dell'almanacco, niente da dire, sono sempre una certezza. Insomma, il consiglio che vi do, è di leggerlo pure, se cercate del comune divertimento.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Preso e letto l'annuale almanacco.

Attenzione al possibile

S
P
O
I
L
E
R

Terminata la lettura poco fa; sarà perchè oggi sono particolarmente "esausto" come l'olio del mcdonald la domenica sera, ma ho letto la nuova storia particolarmente rilassato e l'ho trovata davvero molto bella.
Ci sono in effetti alcune sequenze che ricordano la storia attualmente in edicola (banditi feroci, inseguiti dai tre pards, in questo caso manca Kit Willer, capobanda col sorrisetto che piace alle donzelle, ecc.) ma poi la storia prende tutta un'altra direzione e diventa forse più classica ma decisamente mi è piaciuta di più della prima parte di Salt River.

In un solo albo Borden riesce ad infilare tutto il possibile: siparietti tra Tex e Carson (davvero azzeccati), l'assedio alla città mineraria, banditi che si pentono all'inizio ma vengono ammazzati da Tex, banditi che si pentono alla fine ma che vengono ammazzati dagli indiani, e altri che scompaiono magicamente dai rapporti ufficiali . ::evvai::

Forse la banda di Ozzie è la migliore creata da qualche anno a questa parte, oh non parlo di abilità particolari, ma la psicologia e qualche azione ben assestata la rendono sicuramente indimenticabile.

Mooolto belli i disegni di Gomez, anche se qualche vignetta mostra qualche dettaglio imho sproporzionato (vedi i nostri a cavallo con gambe troppo tozze e figure allungate).
Però è davvero un peccato che al momento abbia lasciato Tex :snif:


Per me 9 ... buona lettura :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

D'accordo invece sul fatto del piacere di vedere  tavole piene di particolari, prerogativa di un altro grandissimo, Magnus :trapper:

Ricordo bene che la prima volta che ho letto il suo Texone, i disegni mi erano apparsi talmente curati che sembravano fatti al computer! Non c'è nessuno che possa batterlo, il grande Roberto! :trapper: L'unico fumettista che negli anni si è molto avvicinato a lui per precisione e cura dei dettagli credo sia solo Civitelli; non ricordo altri nomi...
Civitelli è senz'altro collocabile nella scia di Magnus, ma io spezzerei una lancia anche per Dotti, un altro autentico fuoriclasse :trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Preso questa mattina. Non ho ancora potuto leggere la storia ma ho trovato un momento per leggere alcuni articoli per me di grande interesse. Ho scoperto che il mio idolo Phil Collins è un grandissimo appassionato della battaglia di Alamo e colleziona tutto ciò che la riguarda compresi pezzi e lettere d'epoca. Un altro articolo che ho trovato interessante è la recensione del film "Lincoln" di Spielberg che devo dire mi sembra molto interessante e che penso andr? a vedere.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Preso anch'io stamattina e ancora non ho avuto modo di leggerlo. Ho dato pero' un occhiata ai disegni e mi son sembrati buoni anche se ho visto qualche Tex riuscito male e molti errori di proporzione. In definitiva, questo Gomez osannato da molti di voi non e' che faccia impazzire molto. Gli articoli sembrano interessanti pero' lasciatemi dire che quello su Rin Tin Tin potevano anche risparmiarcelo.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ok iniziamo a commentare?SPOILERMi ha un po' spiazzato questa storia. Innanzitutto dovrei elogiare la sceneggiatura e non il soggetto. Di solito con Boselli è il contrario. I dialoghi sono buoni, a volte molto ?texiani?. è il soggetto o cmq la trama poi sviluppata che mi ha lasciato un po' perplesso. Diciamo che i banditi romantici o che si preoccupano per la sorte degli abitanti sono abbastanza atipici. Con un attacco degli apaches è chiaro che uno fa fronte comune, ma poi per salvare la pellaccia uno dovrebbe far fuori pure i suoi amici. Invece tutti ad aiutarsi. Quasi commovente. A me piacciono poco le storie dove Tex e i pards sono già in missione. Sono un nostalgico delle convocazioni al comando dei rangers, o quando Tex si trova per caso da quelle parti e sente movimento (spari in lontananza, è ). Infatti l'inizio con quelle mezze calzette non mi ha garbato più di tanto. Mi pare pure che degli Apaches in rivolta non si sappia gran che. Ok, saranno sfuggiti dalla riserva, non ricordo se si fa qualche nome dei predoni, ma almeno avere un capo carismatico che dirige le operazioni. Si passa da una caratterizzazione in altre storie di ogni personaggio ad un totale anonimato. Disegni: anche a me non sono particolarmente piaciuti. Soprattutto il viso di Tex e Carson sembra abbozzato. Meglio sul Texone!Ciao.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.