• Avvisi

    • TexFanatico

      BUON NATALE   24/12/2017

      BUON NATALE e felici Festività a voi!
TexFanatico

Tex & Co. Ed Il Cibo

Messaggi consigliati/raccomandati

Me lo stavo chiedendo anch'io. Mi viene in mente una storia - di cui non ricordo il titolo, ma dovrebbe essere ambientata a San Francisco - in cui, per la prima volta, vedo Tex e Carson mangiarsi due arance.

La storia è "La costa dei barbari", disegni di Raschitelli. Ma le arance le mangiano solo per evitare di tradire l'informatore della polizia di "Frisco" che opera in incognito, nei panni di un venditore di arance. Mai verdure fresche, mai frutta, mai pesce. Un tipo di dieta molto lontano dal nostro modo di concepire l'alimentazione, per cui i pard possono sopravvivere essendo eroi di carta. In Messico forse qualche taco e tortillas, ma anche l' preferibilmente carne e non pesce. Forse El Morisco riesce a far mangiare più equilibrato i pard, e offre loro del buon vino, che ho sempre voluto assaggiare, il sangre de toro. Stomaci da struzzi, direi... :)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ne "Il tesoro di Victorio" ( per la precisione nel n. 193 ), Tex e Carson tentano una escursione nella cucina esotica, mangiando pollo con le mandorle al ristorante cinese: purtroppo, mentre stanno iniziando a mangiare insieme al locale sceriffo, viene annunciata loro la morte di Haring, il gaglioffo a cui davano la caccia e solo alla fine dell'albo possono ritornare al ristorante per terminare il pranzo. Non si sa come sia andata, però non pare che i pards abbiano più ripetuto l'esperimento....

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Bella questa discussione! L'"universo" (purtroppo ristretto) gastronomico di Tex & Co. è un elemento che ho sempre desiderato approfondire, anche cercando di immaginare quali possibili alternative avessero durante i "tempi morti" o la vita alla riserva. Innanzitutto mi permetto di smentire Tiz circa l'assenza delle patate fritte nel West: in realtà erano presentissime! Sia perchè erano uno degli alimenti più diffusi sia perchè erano semplici da preparare. Venivano fritte nel grasso di animale, nell'olio o nel burro. Poi vorrei anche dire che c'è differenza tra pemmican e carne secca, anche se molti tendono a considerare entrambi i cibi colla prima definizione. Per quanto riguarda il pesce, non è escluso che Tex e compagni ne mangino, soprattutto durante i bivacchi nei pressi di qualche fiume o torrente, magari quando le loro bisacce sono vuote. Tipi di pesce diffusi nel West erano lo sgombro, il merluzzo e le vongole. Capitolo caff?: nessuna Moka, naturalmente, ma semplicemente un bricco in cui far bollire l'acqua versando poi la polvere e lasciando sedimentare 5 minuti, aggiungendo una spruzzata d'acqua fredda per aiutare la sedimentazione. Una variante consisteva nel tenere dentro l'acqua bollente un sacchetto con dentro la polvere e un uovo crudo. Al momento di metterlo a bagno si rompeva l'uovo con un colpo secco e si lasciava in infusione per cinque minuti. Alla prossima!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Nelle primissime pagine dell'albo "Artigli nell Tenebre" n. 253 (di Nolitta - Letteri), Tex e il figlio Kit si trovano a bordo della Mariposa, la nave che sta riportando i due verso le coste del Texas dopo l'avventura nell'istmo di Panama. Tex ansioso attende le coste del Texas, mentre due marinai gli ricordano che sono ancora assai lontane. Ecco la risposta del nostro: "Ho capito dovremo sorbirci un'altra settimana a vase di pesce"!Ecco un'altra storia in cui Tex è costretto ad alimentarsi con l'odiato pesce! :P:trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

A proposito di bevande, sciroppi e liquori.... ricorderete tutti Skinny, il telegrafista della storia Nolittiana "Il Colonnello Watson". A pagina 25 del numero 291 Tex e Skinny si trovano insieme al banco di un saloon. Nel bicchiere del telegrafista si trova uno sciroppo alla menta, il lettore viene inizialmente ingannato. Infatti sembra che Tex stia assaggiando la stessa bevanda dissetante. In realtà poche pagine dopo, rivolgendosi al barman:"Continua pure con quel veleno amigo... e portami via questo bicchiere vuoto: il solo profumo dello sciroppo di menta mi fa star male"!!Per un attimo potevamo sospettare che Tex avesse abbandonato birra e whisky per dedicarsi ad altre bevande! :lol::trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ricordo ora che i Navajos erano orgogliosi coltivatori di pesche (vedi Seppellite il mio cuore a Wounded Knee, appena potr? aggiunger? i riferimenti), tanto che il Carson storico li distrusse per obbligarli alla resa. Cosè mi chiedo: ma non ne hanno più coltivato nella riserva? Non si è mai visto Tex assaggiarne una!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Beh...! una cosa è certa, GLB e soci in fatto di cibo hanno poca fantasia. La dieta dei 4 pard è quanto di più misera e ripetitiva possa esserci. Nella realtà non so fino a quanto delle persone reali alimentandosi in questo modo sarebbero andati avanti senza avere problemi, ma si sa agli eroi di carta tutto è concesso. In quanto agli alcolici ricordano un p? il famoso agente 007 al servizio di sua maest? britannica. Per l'eroe cinematografico anni fa ci f? persino uno studio effettuato da alcuni medici ricercatori inglesi che si guardarono tutti i film e arrivarono alla conclusione che con tutto l'alcool che ingurgitava la possibilità di essere ucciso dall'alcool era di gran lunga superiore a quella di essere ucciso da una pallottola :P Certo se qualche storia di Tex sarebbe stata sceneggiata da qualche scrittore di mia conoscenza, Andrea Camilleri per fare un esempio, avremmo scene in cui Carson farebbe onore a una montagna di triglie leccandosi i baffi e Tex avrebbe puntato la pistola a chiunque lo avrebbe disturbato durante un suo pranzo :D

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Continuando nella rilettura della serie e più precisamente nell'albo n. 405 ("Il Messaggio Cifrato" di Canzio - Nizzi e Letteri) a pag. 70 Tex e Felipe attendono l'arrivo di Carson che si era gettato sulle tracce del bandito superstite. Al suo ritorno troviamo un Carson deluso per la sua missione fallita e Tex per consolarlo: "Consolati, vecchio cammello.. io e Felipe ti stiamo preparando una cena con i fiocchi"!!Felipe: "Si... una zuppa di fiocchi d'avena, signor Carson"Carson: "Puah, ci mancava anche la zuppa"! :lol2::trapper:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Nella storia dell'alchimista mi sembra che Kit e Tex mangino ancora Gumbo assieme a Henry Carfax alias Ten°bres e lo sceriffo Mac Kennett. Ne "La belva umana" Tex e Samuel mangiano assieme alla tribù indigena, Samuel apprezza la zuppa ma il resto ha preferito non mangiarlo poich? probabilmente a base di serpente. Di Tex non si sa cosa abbia mangiato. Ne "Il ritorno del Morisco" il vecchio ranger Jesse Hawks ha con sè della pancetta da friggere. Condivido con molti che il regime alimentare dei nostri pards sia poco variegato e praticamente a base di carne e quasi assente di fibre, in questo contesto c'è poco realismo secondo me sisi

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Bella questa discussione! L'"universo" (purtroppo ristretto) gastronomico di Tex & Co. è un elemento che ho sempre desiderato approfondire, anche cercando di immaginare quali possibili alternative avessero durante i "tempi morti" o la vita alla riserva. Innanzitutto mi permetto di smentire Tiz circa l'assenza delle patate fritte nel West: in realtà erano presentissime! Sia perchè erano uno degli alimenti più diffusi sia perchè erano semplici da preparare. Venivano fritte nel grasso di animale, nell'olio o nel burro.

Già... Ma non erano le French Fries o patatine che conosciamo noi - era lo Hash Brown, che è ben diverso (e anche più buono) La patatine fritte nel West non esistevano e furono diffuse in America dopo la Prima Guerra Mondiale.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

La discussione andrebbe aggiornata: Nell'ultimo scontro con Yama i nostri eroi vanno al ristorante indiano "Ramaraja", e si vedono belli soddisfatti per questa nuova (per loro) cucina esotica :)

 

Ci starebbe in futuro che i nostri mangiassero cibo italiano, d'altro canto con alcuni italiani si erano scontrati (ai tempi della Banda degli Irlandesi), potrebbero mangiare un buon risotto o una buona pasta al pesto o alla bolognese.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">28 minuti fa</span>, ElyParker dice:

 

Ci starebbe in futuro che i nostri mangiassero cibo italiano, d'altro canto con alcuni italiani si erano scontrati (ai tempi della Banda degli Irlandesi), potrebbero mangiare un buon risotto o una buona pasta al pesto o alla bolognese.

 

In teoria potrebbero approfittarne in quel di New York tra qualche mese :D...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
22 ore fa, Wasted Years dice:

image.thumb.png.5c1af2ccee041483a218af84654bda26.png

 

Ho sempre scordato di postare questa immagine. Avevo sempre dimenticato di levarmi questa soddisfazione, ma durante una gitarella in Spagna ho deciso di provare. Sangre de Toro, vino anche passabile, ma vuoi mettere sentirsi ospite del MORISCO?

 

Io l'ho trovato assai poco apprezzabile, pesante, troppo estratto ed alcolico, dalla Spagna arrivano fior di vini senza dover incappare in queste operazioni puramente commerciali. L'azienda Torres è equivalente alla nostra Zonin o alla Santa Margherita, ha più di 50 vini in listino...la qualità secondo me sta altrove. Comunque si può trovare anche qui da noi, in grande distribuzione.

Peraltro la famiglia Torres commercia vini fin dalla metà dell'800, quindi potrebbe essere plausibile trovarli nella cantina del Morisco.

Non so da dove venga la foto, ma chi ha riempito i bicchieri è un evidente ubriacone, non certo un fine degustatore!!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

I bicchieri  li ha riempiti il mio compare e la foto viene da Barcellona, nel piso che avevo affittato per qualche giorno. Quindi l'ha scattata il mio cellulare. Il compare ringrazia del complimento e ricambia assolutamente. Dice che chi ha fatto l'apprezzamento si dimostra simpatico, ma non quanto Jerry Lewis piuttosto quanto una strizzata di maroni. E non esito a dargli ragione, una delle volte che lo ha . Di quel vino non mi frega assolutamente un cavolo, è uno sfizio per vedere che diceva, amo i vini anche costosi come il bianco capichera di cui parlavo giorni fa, ma anche un semplice nebiolo o cannonau da 10 euro, come il Thurcalesu di Berritta.

Baci abbracci e saludos.

Edit

Mister Satanasso, hai modificato il messaggio e non poco, ora suona meglio.

Come hai fatto senza dichiararlo? Usando le prerogative di sceriffo?

 

Che si trovi anche qua non ho dubbi. Ne ho ricevuto una bottiglia in dono in un'altra occasione. Che non ho mai aperto.

 

image.thumb.png.f91958fd55e0e55704dd9404aa286f70.png

Modificato da Wasted Years

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Anche a me di quel vino non frega assolutamente un ciufolo, penso di averlo già chiarito, semplicemente dicevo la mia su un vino, per noi texiani rappresentativo, che ho avuto la sfortuna di assaggiare. Non ho fatto cenno neanche lontanamente al prezzo del vino, nota bene, ho parlato generalmente di chi fa grande produzione, che comunque non sempre identifica la scarsa qualità. Resta il fatto che il tuo amico ha riempito un po troppo i bicchieri, se accetta un consiglio da sommelier è buona norma riempirli a non più di metà, ti permette di apprezzare meglio il profumo e non rischi di bagnarti il mento quando bevi, non è spocchia, un semplice accorgimento.

Riguardo alle modifiche sul messaggio, mi si apre una casella di modifica immediata, ma sinceramente non so se sia una prerogativa da sceriffo...

P.S. non so se ti è sfuggito digitando, ma nebbiolo si scrive con due B, anche questa non vuole essere spocchia da professorino ma semplice utilità...;)

Auguri di buon anno, magari con vini migliori!

<span style="color:red;">16 ore fa</span>, ElyParker dice:

Mi piacerebbe assaggiare il Sangre de Toro. Quando compare in Tex per la prima volta?

Lo trovi in grande distribuzione, nella mia zona in Esselunga. Se non ricordo male, in "Tex contro Yama" n°267.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Mi è scappata una doppia, mister professorino e sommelier. Noi in Sardegna beviamo solo con i bicchieri all'orlo. In generale. Il mio compare è sardo, pure se vive fuori, e come un sardo ragiona. In ogni modo il vermentino della cantina sociale di Monti, che ti consiglio, è stupendo e costa poco. Poprio buono, il territorio è vocato e quel gusto esiste solo là.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">3 ore fa</span>, Wasted Years dice:

Noi in Sardegna beviamo solo con i bicchieri all'orlo.

 

Confermo. Se venite in Sardegna e trovate una pentolone pieno di vino nero nel bel mezzo della tavola non meravigliatevi, non è una cosa rara, è una nostra usanza. Hic.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.