Jump to content
TWF MAGAZINE N°19 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
Sign in to follow this  
ciro

Tipo Di Storie Tra Il Numero 695 Del Settantennale E Il Numero 700

Recommended Posts

Boselli, come curatore, sta dando una buona sterzata con sceneggiature veramente ottime. Mi piace anche la scelta fatta delle nuove matite per Tex. Ho notato che il 70? compleanno di Tex coincide con il n. 695: mi piacerebbe una bella storia epica che partisse con il n. 695 (a colori) e si concludesse con il n. 700 (a colori). Poich? sono ben sei albi si potrebbe anche assegnare a più autori ma legate inscindibilmente tra loro, che ne pensate è laughing

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boselli, come curatore, sta dando una buona sterzata con sceneggiature veramente ottime. Mi piace anche la scelta fatta delle nuove matite per Tex. Ho notato che il 70? compleanno di Tex coincide con il n. 695: mi piacerebbe una bella storia epica che partisse con il n. 695 (a colori) e si concludesse con il n. 700 (a colori). Poich? sono ben sei albi si potrebbe anche assegnare a più autori ma legate inscindibilmente tra loro, che ne pensate ?  laughing

Che è la mia stessa idea da anni e spero che Boselli ci pensi seriamente. ::evvai::

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perchè non facciamo una petizione è essendo uno sbarbatello sul TWF non mi è concesso di interloquire direttamente con Boselli, spero che o Monni o qualcun altro si faccia latore della richiesta se condivisa . :bisonte:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una storia di sei albi? Certo è un lavoro non da poco, a partire dalla scelta della trama e dei testi, in passato ci son già state vicende disegnate da disegnatori differenti (Per esempio la storia che si conclude con "Chihuahua" oppure la prima con Barbanera)Però è un'idea :) potrebbe venir fuori qualcosa di memorabile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa idea fa viaggiare con la fantasia: sarebbe bellissimo 3 albi di Civitelli e 3 albi di Villa !!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Siamo un po' OT ma questa idea fa viaggiare con la fantasia: sarebbe bellissimo 3 albi di Civitelli e 3 albi di Villa !!!

S?... così la storia la vedremmo per il novantennale. :lol2:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una storia di sei albi? Certo è un lavoro non da poco, a partire dalla scelta della trama e dei testi, in passato ci son già state vicende disegnate da disegnatori differenti (Per esempio la storia che si conclude con "Chihuahua" oppure la prima con Barbanera)
Però è un'idea :) potrebbe venir fuori qualcosa di memorabile.

Mi associo, è una grande idea. :inch:

Non vorrei sembrare pignolo ma la prima con Barbanera è disegnata tutta da Galep, quella di Nicol', Il tiranno dell'isola è un'altra storia anche se c'è una evidente continuity.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una storia di sei albi? Certo è un lavoro non da poco, a partire dalla scelta della trama e dei testi,

E non è per questo che esistono i curatori? :trapper:


in passato ci son già state vicende disegnate da disegnatori differenti (Per esempio la storia che si conclude con "Chihuahua" oppure la prima con Barbanera)

Due esempi diversi anche tra loro: nel caso di "L'uomo con la frusta" e "Agguato nella miniera" abbiamo due storie di cui l'una è il diretto seguito dell'altra. Nel caso di "San Francisco" e "Il tiranno dell'isola" abbiamo due storie scollegate tra loro il cuoi solo legame consiste nel fatto che la seconda comincia dove era finita la prima, cosa che nei primi 38 albi era la regola (e che è tuttora la regola, ad esempio, su Zagor)


Però è un'idea :) potrebbe venir fuori qualcosa di memorabile.

A dire, il vero, io più che una vera e propria storia in sei albi pensavo ad un formato del genere:


storia del settantennale (diciamo di Boselli & Civitelli) che sia al tempo stesso una storia autoconclusiva ed un prologo delle successive

due storie di due albi ciascuna collegate tra loro e disegnate da differenti disegnatori e magari differenti scrittori.

n. 700 (Boselli & Ticci) epilogo.

Le recensioni di Ubc son qualcosa di veramente particolare, molto critiche tanto che criticano ciò che in realtà va bene...

Il mondo è bello perchè è vario. :indianovestito:

Share this post


Link to post
Share on other sites

A dire, il vero, io più che una vera e propria storia in sei albi pensavo ad un formato del genere:storia del settantennale (diciamo di Boselli & Civitelli) che sia al tempo stesso una storia autoconclusiva ed un prologo delle successivedue storie di due albi ciascuna collegate tra loro e disegnate da differenti disegnatori e magari differenti scrittori. n. 700 (Boselli & Ticci) epilogo.

Bella idea! ::evvai:: Io invece, dopo il settantennale, vedrei bene una lunga storia di 4 albi dove l'azione si sposta in centroamerica o nei caraibi, infine il num. 700 in una grande città, Los Angeles, New Orleans oppure, perchè no, a Città del Messico!La storia di 4 albi la affiderei a Frisenda, Venturi o Dotti. Ci vuole tempo, lo so, ma prima si inizia e prima si finisce! :old::indianovestito:

Share this post


Link to post
Share on other sites

n. 700 (Boselli & Ticci) epilogo.

A me piacerebbe vedere qualcun altro per il settimo centenario. magari colorato in stile "storie brevi".

Share this post


Link to post
Share on other sites

n. 700 (Boselli & Ticci) epilogo.

A me piacerebbe vedere qualcun altro per il settimo centenario. magari colorato in stile "storie brevi".
Chiaramente per "qualcun altro" mi riferisco solo al disegnatore e non allo sceneggiatore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutti questi possibili spunti sono davvero interessanti e spero che Borden li prenda seriamente in considerazione... :inch:

Questo spazio di 4 albi compreso tra il N° 695 e il N° 700 lo si potrebbe ragionevolmente colmare in diverse maniere:
1) Con una storia di 440 pagine dai caratteri "esotici" ambientata nei suggestivi territori dell'America Centrale o in altre insolite locations, magari sul genere del capolavoro nolittiano "Giungla crudele", come accennava Pablo Contreras;
2) Con due storie di 220 pagine ciascuna di cui una è il seguito dell'altra (e quindi contrassegnate da una continuity), e visualizzate da due differenti disegnatori, come suggerito da Carlo Monni;
3) Con una storia di 440 pagine derivata dal prolungamento di una delle avventure in programma, magari quella del ritorno del Maestro e di Nick Castle, che guardacaso, verr? ambientata a New York. L'idea è abbastanza fattibile, se si considera che la velocit? di Dotti dovrebbe garantire una pubblicazione in tempo utile per il la fine del 2018.
4) Ultima possibilità, con due classiche storie di 220 pagine ciancuna totalmente differenti per contesto e per autori (il che mi auguro non avvenga!).

Chi ha altre idee interessanti da suggerire, si faccia avanti! -ave_

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io per i 70 anni vedrei bene un Tex che per una ragione o per un'altra si ritrova nel bel mezzo della Prima Guerra Mondiale. Purtroppo il vecchio Carson non ci sarà più ma CHE DIAVOLO IL FUMETTO SI CHIAMA TEX NON CARSON haha haha

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'idea di programmare qualcosa di eccezionale, per i sei albi tra il 695 e il 700, è davvero ottima e spero che Boselli la tenga in considerazione! Anche a me piacerebbe vedere una lunga avventura, o più avventure collegate tra loro, naturalmente da affidare a due o più disegnatori (e forse la proposta di Monni è la più realizzabile). Ma a differenza di chi vorrebbe una location insolita ed esotica, io sono più per rimanere "a casa"... cioè nei deserti e nelle polverose strade dell'Arizona, magari entro i confini della riserva in mezzo ai Navajos!E l'idea vincente potrebbe essere quella di due (o più) storie separate, una ambientata nel lontano passato di Tex, con un finale aperto (e speriamo che quelli di UBC non stiano leggendo... laughing ), e una seconda storia, collegata, ma stavolta nel presente!Per ora è un sogno, ma chissà che Borden, leggendoci, non si lasci stuzzicare... clap

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una bella storia che parte scavando nel passato di tex , per poi chiudersi nel presente. Una sfida epica con un vecchissimo nemico. Una storia in due tre parti che con continuita si sviluppi nei sei albi. Una summa del mondo texiano. Che ne pensate? :bisonte:

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'ipotesi più papabile mi sembra quella delle due storie concatenate. Certo sarebbe una novità non da poco il collegarle poi ai due albi 695 e 700. Più che storie come le già citate San Francisco o Chihuahua, bisognerebbe guardare a un'altra storia, il numero 100. La presenza contestuale di tutti gli amici storici distribuita sui sei albi ( magari li si vede tutti assieme solo nei due numeri a colori ) permetterebbe un'avventura che copra tutte le classiche ambientazioni texiane: il Messico, Frisco, l'Arizona, il Canada. Solo così un'operazione di questa portata avrebbe senso. Disegni? storie magari di un'albo e qualcosa o lunghezza del color, affidate a tre o quattro disegnatori storici della testata, come Ticci, Civitelli, Villa, Venturi ecc. Certo che il meglio sarebbe il ritorno di Mefisto con una storia lunga sei albi, ma in questo caso sarebbe servita una programmazione fatta tre o quattro anni fa, or a è praticamente impossibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sembra un idea eccezionale questa che avete lanciato per i numeri compresi tra il 695 e il 700. L'ideale per me sarebbe:n 695 inizio/prologo della storia a colori disegnata magari da Civitelli per i 70 anni di tex, n 696->699 una storia collegata al prologo divisa in due parti per realizzarla più velocemente o da un unico disegnatore veloce tipo Dotti, n 700 chiusura dell'avventura in un numero a colori disegnato da Ticci. Certo serve una grande idea per realizzare una storia così lunga e necessit? che sia messa in programma fin da adesso. L'ideale sarebbero delle storie collegate fra loro ma che possano essere lette indipendentemente una dall'altra senza lasciare un senso di incompletezza (come L'uomo con la frusta e Agguato nella miniera)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non sono daccordo di fare una unica storia in 6 albi e con 2 disegnatori diversi... troppo lunga per la miseria 6 mesi per una storia? per me è assurdo. Meglio l'idea delle 2 storie a parer mio, magari con un'impronta "speciale" con ambientazioni inusuali.@Johnny Colt: Penso che Tex con la prima guerra mondiale non centri proprio un niente, è un conflitto pressoch? europeo e dove vive e ha raggio d'azione Tex non è successo un bel niente, cosa diavolo dovrebbe interessare ad un ranger in pensione e vecchio sakem navajo di circa 75 anni di andare oltre oceano in guerra? è uno scherzo? :):blink::)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche secondo me l'idea di far apparire tutti gli amici storici di Tex, in una storia che parte dal 695 e finisce al 700 sarebbe spettacolare. Però non ho idea di quale possa essere la trama che unisce l'amico messicano al meticcio franco/canadese, passando per il curandero di Pilares alla giubba rossa, tralasciando i poliziotti e sceriffi vari. Anche come disegnatori, è una bella lotta!

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'idea di una lunga avventura di 6 albi non mi convince e non la considero realizzabile in un lasso di tempo di soli 4 anni, tanto per la lentezza e per la laboriosit? della produzione (sia dei testi che dei disegni), quanto per il fatto che un'iniziativa simile andrebbe inevitabilmente a scontrarsi con la collaudatissima tradizione texiana. Bisogna anche riconoscere, col senno di poi, che l'idea di realizzare il primo e l'ultimo albo della storia a colori a ridosso dei quattro numeri centrali in bianco e nero, non avrebbe davvero senso. -_nono Anche secondo me, come hanno accennato poc'anzi Ymalpas e John Deere, la soluzione migliore (o, se preferite, la più fattibile in tempi brevi) sarebbe quella delle due storie intermedie concatenate tra loro, basate sull'esempio di continuity delle nolittiane "Giungla crudele" e Artigli nelle tenebre". Anche la proposta di una saga di 440 pagine potrebbe essere presa in esame, a patto, però, che ci si pensi seriamente da oggi! Nell'eventualit?, un disegnatore come Dotti, che ha una media di circa 20 pagine al mese, riuscirebbe a portare a termine il lavoro giusto in tempo per una programmazione nell'ottobre 2018. Sulle ambientazioni e sui comprimari, nell'uno o nell'altro caso, ci si potrebbe sbizzarrire e potrebbe essere l'occasione giusta per ripescare Pat Mc Ryan e altre celebri personalit? texiane che non vediamo da ormai tanti anni. Data l'inesausta fantasia di cui dispone ultimamente Boselli, possiamo star certi che andremo a colpo sicuro! ::evvai:: Staremo a vedere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

su zagor per il numero 600 (che uscir? fra un annetto circa) è previsto il ritorno di hellingen che avrà poi ripercussioni (ovvero si svilupperò ulteriormente, non bastando certo un solo albo -seppur a colori- per esaurirlo) negli albi successivi _ahsisi
anche su dampyr (serie di boselli) il numero 100 era parte di una saga iniziata nel 97 e finita poi nel 102 :indianovestito:
insomma, tanto per dire che è una cosa che si può fare benissimo, e secondo me su tex potrebbe funzionare :generaleS: (sempre che, dopo aver letto il mio intervento, la cosa non vi faccia rabbrividire al punto da volere un tex... differente da quelle testate :lol2: )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Monni dice che la storia "intermedia" tra i due num. celebrativi non può essere di 440 pag perchè gli unici liberi capaci di realizzarla in tempo sarebbero Font e Diso. Io non stravedo per nessuno dei due, soprattutto Diso, però se Ticci e Civitelli disegnano il 695 e il 700, allora potrei tranquillamente accettare un intermezzo che mi garba di meno. :)In ogni caso, anche dividendo tutto in quattro parti, 110 + 220 + 220 + 110 pag, ciò che conta è la storia. Io avrei in mente una lunga avventura che inizia in Arizona e prosegue con un viaggio in america centrale o nei caraibi, ad es. la Giamaica, e si conclude in una grande metropoli: Città del Messico, Caracas o magari... Manaus! ;)Tex e i pards potrebbero scontrarsi con una potente organizzazione criminale che opera su scala internazionale e che ha provocato la morte di Mac Parland o del generale Davis. :shock: Ho pensato a questi due perchè Boselli non ha un grande trasporto per loro, lo ha detto proprio lui! :P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io avrei in mente una lunga avventura che inizia in Arizona e prosegue con un viaggio in america centrale o nei caraibi, ad es. la Giamaica, e si conclude in una grande metropoli: Città del Messico, Caracas o magari... Manaus! wink.gifTex e i pards potrebbero scontrarsi con una potente organizzazione criminale che opera su scala internazionale e che ha provocato la morte di Mac Parland o del generale Davis. 0000000444.gif Ho pensato a questi due perchè Boselli non ha un grande trasporto per loro, lo ha detto proprio lui! tongue.gif

Per me sarebbero da fare 2 storie così come proponi e non una, tanto una storia di questo tipo in 3 albi ci sta e ci avanza tranquillamente. Una storia in 6 albi, non so voi, ma io faccio fatica a leggere per intero quelle da 3 senza saltare parti, una storia da 6 albi non riuscirei a leggerla nemmeno se fossi sotto tortura... idea fuori da ogni logica a parer mio quella della storia unica, e ancor più assurda l'idea di fare fare un pezzo a un disegnatore un pezzo a un'altro e un pezzo all'altro. Io con una bella storia da 2-3 albi del tipo citato Pablo, disegni magnifici di Civitelli, colore fatto come si deve e possibilmente sceneggiata con l'uso della coppia classica Tex/Carson (la mia preferita), ebbene farei i salti di gioia! senza tanto andare in cerca di minestroni prima colore, poi b/n, poi disegna uno, poi disegna l'altro; ma per carit?.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io avrei in mente una lunga avventura che inizia in Arizona e prosegue con un viaggio in america centrale o nei caraibi, ad es. la Giamaica, e si conclude in una grande metropoli: Città del Messico, Caracas o magari... Manaus! wink.gifTex e i pards potrebbero scontrarsi con una potente organizzazione criminale che opera su scala internazionale e che ha provocato la morte di Mac Parland o del generale Davis. 0000000444.gif Ho pensato a questi due perchè Boselli non ha un grande trasporto per loro, lo ha detto proprio lui! tongue.gif

Per me sarebbero da fare 2 storie così come proponi e non una, tanto una storia di questo tipo in 3 albi ci sta e ci avanza tranquillamente. Una storia in 6 albi, non so voi, ma io faccio fatica a leggere per intero quelle da 3 senza saltare parti, una storia da 6 albi non riuscirei a leggerla nemmeno se fossi sotto tortura... idea fuori da ogni logica a parer mio quella della storia unica, e ancor più assurda l'idea di fare fare un pezzo a un disegnatore un pezzo a un'altro e un pezzo all'altro. Io con una bella storia da 2-3 albi del tipo citato Pablo, disegni magnifici di Civitelli, colore fatto come si deve e possibilmente sceneggiata con l'uso della coppia classica Tex/Carson (la mia preferita), ebbene farei i salti di gioia! senza tanto andare in cerca di minestroni prima colore, poi b/n, poi disegna uno, poi disegna l'altro; ma per carit?.
In quattro anni Civitelli dovrebbe disegnare i tre albi della storia di Yama e i tre albii della storia del settantennale. Non con la matita, ma con la bacchetta magica. Ma pensate a quello che scrivete ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io avrei in mente una lunga avventura che inizia in Arizona e prosegue con un viaggio in america centrale o nei caraibi, ad es. la Giamaica, e si conclude in una grande metropoli: Città del Messico, Caracas o magari... Manaus! wink.gifTex e i pards potrebbero scontrarsi con una potente organizzazione criminale che opera su scala internazionale e che ha provocato la morte di Mac Parland o del generale Davis. 0000000444.gif Ho pensato a questi due perchè Boselli non ha un grande trasporto per loro, lo ha detto proprio lui! tongue.gif

Per me sarebbero da fare 2 storie così come proponi e non una, tanto una storia di questo tipo in 3 albi ci sta e ci avanza tranquillamente. Una storia in 6 albi, non so voi, ma io faccio fatica a leggere per intero quelle da 3 senza saltare parti, una storia da 6 albi non riuscirei a leggerla nemmeno se fossi sotto tortura... idea fuori da ogni logica a parer mio quella della storia unica, e ancor più assurda l'idea di fare fare un pezzo a un disegnatore un pezzo a un'altro e un pezzo all'altro. Io con una bella storia da 2-3 albi del tipo citato Pablo, disegni magnifici di Civitelli, colore fatto come si deve e possibilmente sceneggiata con l'uso della coppia classica Tex/Carson (la mia preferita), ebbene farei i salti di gioia! senza tanto andare in cerca di minestroni prima colore, poi b/n, poi disegna uno, poi disegna l'altro; ma per carit?.
In quattro anni Civitelli dovrebbe disegnare i tre albi della storia di Yama e i tre albii della storia del settantennale. Non con la matita, ma con la bacchetta magica. Ma pensate a quello che scrivete è
La voce del buon senso... bravo. clap

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.