Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum
natural killer

I Nuovi Libri Sbe

Messaggi consigliati/raccomandati

Lista aggiornata delle prossime uscite
Tex. Oklahoma!
Prezzo: € 28.00
Nick Raider. 5 casi per la squadra omicidi. 
Prezzo: € 15.00
Tex. I giustizieri di Vegas. 
Prezzo: € 25.00
Dragonero, Nelle terre di Ghoul. 
Prezzo: € 28.00
Greystorm. L' alba del domani. 
Prezzo: € 26.00
Cassidy Omnibus vol.2
Prezzo: € 25.00
Dampyr. Il figlio del diavolo
Prezzo: € 21.00
Dylan Dog. Dopo un lungo silenzio. 
Prezzo: € 19.00
Tex. Trapper.
Prezzo: € 15.00 
Julia. l'ombra di Myrna.
Prezzo: € 25.00
Napoleone. Oltre i confini delle sfere stellate.
Prezzo: € 26.00
Nathan Never. L' abisso delle memorie. 
Prezzo: € 24.00
Dylan Dog. Diary.
Prezzo: € 26.00

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ancora fresco in edicola sta per arrivare in libreria

 

tex_c.jpg

 

TEX. IL SEGNO DI YAMA

uscita 22/02/2017

Tipologia: Cartonato

Formato: 19 x 26 cm, b/n

Pagine: 352

ISBN 978-88-6961-170-4

http://shop.sergiobonelli.it/tex/2017/01/10/libro/tex-il-segno-di-yama-1000438/

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Pensa alle tavole di Civitelli in formato maggiorato...

In ogni caso la SBE ora affronta il mercato puntando non solo alle edicole, ma anche a librerie e fumetterie, proponendo versioni alternative delle stesse storie rivolte non necessariamente agli stessi acquirenti.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Prossime uscite


Febbraio 2017

Tex. Il segno di Yama
di Boselli e Civitelli
Prezzo: € 24.00

Dampyr. I maestri della notte 
di Boselli, Colombo, Rossi, Dotti
Prezzo: € 15.00

Marzo 2017

Dylan Dog. Xabaras
di Sclavi e Stano
Prezzo: € 15.00

Brad Barron. Omnibus 1
di Faraci, Brindisi et al.
Prezzo: € 25.00

Aprile 2017

Tex. Montales
di Bonelli e Galleppini
Prezzo: € 15.00

Nathan Never. Fanteria dello spazio
di Serra e De Angelis
Prezzo: € 15.00

 

E a seguire

 

Monolith. Secondo tempo
di Roberto Recchioni, Lrnz 
Prezzo: € 16.00

Dylan Dog. La trilogia del crepuscolo
di Tiziano Sclavi, Michele Masiero
Prezzo: € 23.00

Zagor. Il buono e il cattivo
di Guido Nolitta, Gallieno Ferri
Prezzo: € 15.00

Nuovi casi per la squadra omicidi. Nick Raider
di Claudio Nizzi
Prezzo: € 15.00

Storia del west tra realtà e leggenda
di Frediani, Barbieri
Prezzo: € 25.00

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Essere perplesso significa non essere convinto dell'acquisto di una storia già appena vista, ma io sono solo un lettore e chi ha più esperienza e competenza di me avrà valutato rischi e opportunità dell'iniziativa. Di sicuro c'è che si vuol fare breccia su lettori meno assidui o addirittura quasi novizi la partenza è di quelle con il botto, visto che il Civitelli 2016 è arte fumettistica da considerare capolavoro. Buona sorte, in edicola: la fortuna non aiuta solo gli audaci ma anche i bravi.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Si dice anche battere il ferro finché è caldo e in questo caso conviene sfruttare l'onda lunga di un successo indubbiamente meritato, per la qualità della storia e per la componente grafica, che trarrà sicuramente maggior respiro dal nuovo formato che esalta lo splendido B/N di Civitelli

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

In ogni caso, Tex nuovi, vecchi, grandi, piccoli a parte io aspetto la serie Bonelli dedicata al Commissario Ricciardi, dalla serie di gialli di Maurizio De Giovanni. Romanzi bellissimi. Se non ho capito male, dovrebbe partire fra l'estate e l'autunno di quest'anno.

  • +1 1

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Anch'io aspetto con curiosità la miniserie di Ricciardi che vede tra i suoi autori anche il mio collega ematologo Claudio Falco che abbiamo apprezzato su Dampyr.

Se non ho capito male dovrebbero uscire sia in edicola che in versione da fumetteria.

Probabilmente ne sapremo di più a Napoli Comicon in programma alla Mostra d'Oltremare dal 28 aprile al 1 maggio 2017

  • +1 1

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">14 ore fa</span>, San Antonio Spurs dice:

In ogni caso, Tex nuovi, vecchi, grandi, piccoli a parte io aspetto la serie Bonelli dedicata al Commissario Ricciardi, dalla serie di gialli di Maurizio De Giovanni. Romanzi bellissimi. Se non ho capito male, dovrebbe partire fra l'estate e l'autunno di quest'anno.

Ho seguito la versione televisiva de "i Bastardi di Pizzofalcone" sempre di De Giovanni , spero che la versione a fumetti del Commissario Ricciardi sia alla stessa altezza. Ma anche  i testi del fumetto sono sempre di De Giovanni ?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">2 ore fa</span>, West10 dice:

Mamma mia, quelle specie di telenovelas scritta male e recitata anche peggio... Se la serie a fumetti del Commissario Ricciardi è di quel genere me ne terrò bene alla larga! 

Punto primo: hai mai letto qualcosa della serie di Ricciardi? Non ha niente a che vedere con quella di Pizzofalcone e non credo che la SBE sarà mai interessata a qualcosa di relativo a quest'ultima.  
Punto secondo: che cosa c'entra un adattamento televisivo con un fumetto? Che razza di confronto è? Come paragonare tutta la storia di Tex alll'unico film,  finalista playoff per la pellicola più grottesca dello scorso millennio in competizione con "Alex l'ariete", protagonista Alberto Tomba. 
Punto terzo,  per Marco NK: è già uscita una versione a fumetti di un romanzo con Ricciardi, "I vivi e i morti" con testo adeguato di Alessandro Di Virgilio e disegni di Emanuele Gizzi. A me non è dispiaciuta, anche se troppo compressa.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Carissimo, io ho espresso un mio commento legato ad una considerazione fatta da Ciro, penso che non sia il caso che ti inalberi così (Punto primo, secondo e terzo sembrano proprio degli ultimatum :) ) se il mio punto di vista non ti piace.

Premesso questo ammetto tranquillamente di non aver letto niente di De Giovanni, ma quando lui ha presentato la serie televisiva in un'intervista al telegiornale, pur non conoscendo l'autore mi sono lasciato convincere dalle sue parole a seguire la serie tv che iniziava pensando di trovare un prodotto ben fatto se non al livello di Montalbano almeno su quello di Rocco Schiavone.

Ebbene sin dalle prime scene mi sono trovato davanti a un polpettone fatto male e recitato peggio. D'accordo la recitazione sarà colpa del regista e degli attori (anche se di solito Gassmann si esprime su livelli molto più alti), le scene girate come una soap opera saranno pure colpa del regista, ma la storia l'avrà pur scritta De Giovanni o pensi che l'hanno completamente stravolta? Si un pò nell'adattamento televisivo si cambia ma lo scrittore se partecipa alla realizzazione del film e lo promuove, come ha fatto De Giovanni, bada che il contenuto non sia stravolto specie nelle cose importanti. Lo stesso è avvenuto per Montalbano con Camilleri, ma mentre quest'ultimo è credibile, quello di De Giovanni non lo è. Inoltre dimostra di non conoscere, o di voler volutamente stravolgere in modo stupido, la realtà di un commissariato e delle indagini di polizia giudiziaria.

Ti faccio due esempi, ma di scene così ne è infarcita tutta la serie:

prima puntata, di fronte ad una scena del crimine la giudice appena arrivata si trova di fronte ad un alterco fra un ispettore ed un vice questore, la giudice chiede comunque all'ispettore di illustrare le sue idee in proposito e quest'ultimo per tutta risposta la liquida con una battuta e se ne va piantandola in asso. Una cosa del genere è semplicemente ridicola! 

Altra scena, ultima puntata, siamo alla resa dei conti, un commissario anziano sull'orlo della pensione ha un sospetto su dove possa essere la vittima rapita ed invece di informare giudice e colleghi che stanno li con lui pensa di partire da solo, a bordo di una panda sgangherata vecchio modello, per andare a controllare con il risultato di essere beccato subito e non combinare un cacchio... alla faccia del colpo di scena! E' di situazioni assurde e stupide così ne è piena tutta la storia. Guarda penso che Topolino sia molto ma molto più credibile come serie poliziesca. 

Poi per carità, ripeto io le altre opere di De Giovanni non le ho mai lette, potranno essere anche migliori, ma basandomi sulla serie citata da Ciro come paragone per comprare il prossimo suo fumetto in uscita il mio commento è più che appropriato e non mi sento incoraggiato a comprarlo. Poi ognuno può pensarla diversamente 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Il punto terzo riguardava un'altra persona e i primi due non erano ultimatum, del resto non ne ho mai dati. Se sono stato impetuoso, chiedo scusa, ovviamente nulla di personale, ma ripeto che non è corretto immaginarsi confronti fra testo scritto, trasposizione televisiva e fumetto. Non credo che la SBE si sarebbe mai interessata alla serie dei Bastardi, perché estranea alle sue corde; spero che la serie di Ricciardi valga la qualità dell'originale.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">21 ore fa</span>, San Antonio Spurs dice:

Punto terzo,  per Marco NK: è già uscita una versione a fumetti di un romanzo con Ricciardi, "I vivi e i morti" con testo adeguato di Alessandro Di Virgilio e disegni di Emanuele Gizzi. A me non è dispiaciuta, anche se troppo compressa.

 

Risultati immagini per "I vivi e i morti" fumetto 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
On 26/2/2017 at 09:52, West10 dice:

Carissimo, io ho espresso un mio commento legato ad una considerazione fatta da Ciro, penso che non sia il caso che ti inalberi così (Punto primo, secondo e terzo sembrano proprio degli ultimatum :) ) se il mio punto di vista non ti piace.

Premesso questo ammetto tranquillamente di non aver letto niente di De Giovanni, ma quando lui ha presentato la serie televisiva in un'intervista al telegiornale, pur non conoscendo l'autore mi sono lasciato convincere dalle sue parole a seguire la serie tv che iniziava pensando di trovare un prodotto ben fatto se non al livello di Montalbano almeno su quello di Rocco Schiavone.

Ebbene sin dalle prime scene mi sono trovato davanti a un polpettone fatto male e recitato peggio. D'accordo la recitazione sarà colpa del regista e degli attori (anche se di solito Gassmann si esprime su livelli molto più alti), le scene girate come una soap opera saranno pure colpa del regista, ma la storia l'avrà pur scritta De Giovanni o pensi che l'hanno completamente stravolta? Si un pò nell'adattamento televisivo si cambia ma lo scrittore se partecipa alla realizzazione del film e lo promuove, come ha fatto De Giovanni, bada che il contenuto non sia stravolto specie nelle cose importanti. Lo stesso è avvenuto per Montalbano con Camilleri, ma mentre quest'ultimo è credibile, quello di De Giovanni non lo è. Inoltre dimostra di non conoscere, o di voler volutamente stravolgere in modo stupido, la realtà di un commissariato e delle indagini di polizia giudiziaria.

Ti faccio due esempi, ma di scene così ne è infarcita tutta la serie:

prima puntata, di fronte ad una scena del crimine la giudice appena arrivata si trova di fronte ad un alterco fra un ispettore ed un vice questore, la giudice chiede comunque all'ispettore di illustrare le sue idee in proposito e quest'ultimo per tutta risposta la liquida con una battuta e se ne va piantandola in asso. Una cosa del genere è semplicemente ridicola! 

Altra scena, ultima puntata, siamo alla resa dei conti, un commissario anziano sull'orlo della pensione ha un sospetto su dove possa essere la vittima rapita ed invece di informare giudice e colleghi che stanno li con lui pensa di partire da solo, a bordo di una panda sgangherata vecchio modello, per andare a controllare con il risultato di essere beccato subito e non combinare un cacchio... alla faccia del colpo di scena! E' di situazioni assurde e stupide così ne è piena tutta la storia. Guarda penso che Topolino sia molto ma molto più credibile come serie poliziesca. 

Poi per carità, ripeto io le altre opere di De Giovanni non le ho mai lette, potranno essere anche migliori, ma basandomi sulla serie citata da Ciro come paragone per comprare il prossimo suo fumetto in uscita il mio commento è più che appropriato e non mi sento incoraggiato a comprarlo. Poi ognuno può pensarla diversamente 

 

Caro Filippo non posso darti torto. Da sei mesi ogni lunedì sulla mia pagina Facebook ho l'ardire di recensire un libro che ho letto e qualche settimana fa parlavo proprio dei primi due libri della serie di Pizzofalcone,"Il metodo del coccodrillo" (che,anche se pubblicato dopo,rappresenta l'incipit della saga) e "I bastardi di Pizzofalcone",per me nettamente superiori rispetto alla trasposizione televisiva (riuscitissima,invece,per quanto riguarda Manzini/Schiavone). De Giovanni certamente non ci propone la Napoli di "Gomorra" e di Saviano,ma neanche quella di "Un posto al sole" e la caratterizzazione dei personaggi è nettamente superiore allo sceneggiato,dove,come hai sottolineato giustamente tu,affiorano situazioni grottesche,alcune veramente improponibili (oltre a quelle che hai citato,mi sono rimaste impresse le mise,a base di gonne strette e tacchi vertiginosi,con cui la Pm Piras e la Dirigente della Scientifica,peraltro attrici veramente affascinanti,vanno sui luoghi dei delitti....).

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Beh si è evidente che nella trasposizione televisiva si è puntato ad un certo tipo di fare tv (in effetti avevo notato anche io l'abbigliamento non proprio consono a certi luoghi, però certe inquadrature fanno audience ;)). Per il resto son contento che De Giovanni scriva meglio di quanto la serie tv ha fatto apparire anche se non comprendo perché abbia fatto "macellare" così la sua opera e perché si sia prestato alle interviste incensantrici. Camilleri non lo avrebbe fatto, ma probabilmente De Giovanni non è riuscito a resistere alle sirene della televisione.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Per l'estate in arrivo il nuovo cartonato a colori (immagine provvisoria).

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 

Gli eroi di Devil Pass, un classico di Bonelli e Ticci, riproposto in formato 19x26, lo stesso di Okahoma! e Il segno di Yama.

352 pagine, 28 euro.

Screenshot_70.jpg

 

http://www.sergiobonelli.it/notizie-flash/2017/05/02/news/preview-19-1001052/

 

 

Modificato da natural killer

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Copertina definitiva

TEX. GLI EROI DI DEVIL PASS

uscita 13/07/2017

Tipologia: Cartonato

Formato: 19 x 26 cm, colore

Pagine: 352

ISBN 978-88-6961-196-4

Risultati immagini per gli eroi di devil pass

 

Splendido acquerello di Ticci.

Nel sito SBE però continuano ad accreditare la copertina a Galep..

 

http://shop.sergiobonelli.it/tex/2017/06/08/libro/tex-gli-eroi-di-devil-pass-1001275/

 

Risultati immagini per gli eroi di devil passRisultati immagini per gli eroi di devil passRisultati immagini per gli eroi di devil passRisultati immagini per gli eroi di devil pass

 

Soggetto: Gianluigi Bonelli

Sceneggiatura: Gianluigi Bonelli

Disegni: Giovanni Ticci

Copertina: Aurelio Galleppini

 

Una grande epica della frontiera in un'edizione a colori per celebrare i cinquant'anni di carriera "texiana" di Giovanni Ticci.

Un paio di trafficanti d'armi e di whisky si accordano con Big Cisco per spacciare le loro merci ai rabbiosi Utes di Cane Giallo... e Big Cisco convince il sakem ad attaccare i Navajos e il loro capo Aquila della Notte! In seguito ai massacri compiuti dagli Utes e dai loro feroci alleati Hualpai, i Navajos guidati da Kit Willer e Tiger Jack fuggono per poi opporre una eroica resistenza sul Devil Pass, facendo strage di nemici.

Intanto, Tex e Carson si mettono in cerca della banda di velenosi trafficanti che forniscono armi e whisky agli indiani ribelli, arrivando ad abbordare il barcone che sta portando fucili e liquori a Cane Giallo. Persi i rifornimenti di armi e rimasti senza cavalli, gli indiani ribelli sono ormai in trappola...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.