Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
Sign in to follow this  
ymalpas

Sergio Bonelli

Recommended Posts

1366957760175.jpg



Sergio Bonelli nasce a Milano il 2 dicembre 1932, figlio di Gianluigi e Tea Bonelli. Cresciuto fra le tante suggestioni provenienti da tale ambiente familiare, inizia giovanissimo a fare piccoli lavori nell'azienda di famiglia, dai semplici aiuti redazionali fino alle più banali mansioni di fattorino.

Nel 1955 fra i suoi primissimi lavori per la casa editrice la realizzazione, sotto l'insolito pseudonimo femminile di Annalisa Macchi, delle didascalie di Ciuffetto Rosso, riduzione illustrata da Roy D'Amy, apparsa nel sesto numero della seconda serie della Collana Capolavori.

Completati gli studi classici al Liceo San Carlo, nel 1957 subentra alla madre nella direzione della casa editrice, che cambia la sua denominazione in Edizioni Araldo ed esordisce come autore di testi traducendo in italiano la serie spagnola Verduco Ranch, della quale scrive l'episodio conclusivo, intitolato Paura, disegnato da Franco Bignotti.

Nel 1958 adotta ?per pudore? e per differenziarsi dall'attività di editore lo pseudonimo di G. Nolitta ( che in seguito diventer? Guido ), un nome che egli assicura di aver preso a caso dall'elenco telefonico.

Sotto questo nom de plume crea la serie Un ragazzo nel Far West disegnata ancora da Bignotti. Ne scriver? i testi dei primi 35 episodi ( la seconda e terza serie della serie a striscia ) per poi passare il testimone al padre Gianluigi che porter? la serie alla sua conclusione. Nolitta farà soltanto un rapido ritorno alla serie nel 1962 scrivendone tre episodi consecutivi ( i numeri 12, 13 e 14 della quinta serie )

Nel 1960 scrive la miniserie Il Giudice Bean e una breve avventura composta da due episodi di 96 pagine, Il ribelle, affidate entrambe ai disegni di Sergio Tarquinio. Scrive quindi alcune storie del Piccolo Ranger, personaggio di Andrea Lavezzolo, per i disegni di Francesco Gamba.

Nello stesso anno incontra Gallieno Ferri, insieme al quale d' vita nel 1961 a Zagor, di cui Nolitta firma, fino al 1980, quasi tutte le storie. Personaggio nato a tavolino in contrapposizione a Tex, sfrutta la formula di gran parte del cinema avventuroso degli anni trenta e quaranta, con l'eroe coinvolto in situazioni che lasciano spazio alla fantasia più sfrenata.

Parallela alla sua attività di editore e autore è l'incondizionata passione che egli nutre per i viaggi. Nel 1975 crea così Mister No, una serie in qualche modo autobiografica, in quanto ambientata in Amazzonia, che Bonelli ama molto facendovi frequenti escursioni. Ispirato ad un vero pilota di aerei da turismo che Bonelli ha incontrato anni prima in Messico, soprannominato Comandante Vega, Jerry Drake è un reduce di guerra in fuga dalla società occidentale, nella Manaus degli Anni Cinquanta, dove si guadagna da vivere pilotando un Piper per i pochi turisti che in quegli anni si avventuravano in una realtà ancora realmente incontaminata. Mister No è il primo duraturo personaggio bonelliano che si distacca dalla tradizionale ambientazione western: alla lunga, la serie sarà destinata a rivoluzionare le connotazioni avventurose della Casa editrice e a influenzare tutto il fumetto popolare in Italia.

Inoltre nello stesso periodo Sergio collabora in maniera occulta con il padre Gianluigi alla stesura di testi per Tex, a cominciare dall'episodio Caccia all'uomo [ # 183 ] del gennaio 1976. Sempre anonimamente ne scrive poi in prima persona alcune storie, la prima delle quali è Quattro sporche canaglie, iniziata nel numero 202 dell'agosto 1977.

Sempre nel 1976 sceneggia per Aurelio Galeppini la storia L'uomo del Texas, nono volume della collana Un uomo un avventura.

Nel decennio a cavallo fra gli anni '80 e '90 è soprattutto l'attività editoriale ad tenere occupato Sergio Bonelli. Come reazione alla crisi dei primi anni '80, infatti, la Casa editrice si getta a capofitto in una nuova serie di proposte che vanno ad affiancare le classiche serie western aprendo le porte all'avventura a 360 gradi.

Tra i molti impegni, trova il tempo di scrivere anche gli ultimi due episodi del Piccolo Ranger ( L'ultima avventura e Rangers addio! ) per i disegni di Francesco Gamba, pubblicati a conclusione della serie, nei mesi di gennaio e febbraio del 1985.

Nel 1990 vara la miniserie River Bill, che appare sulla collana TuttoWest, disegnata da Francesco Gamba, mentre pur oberato dai sempre più pressanti impegni editoriali, continua la collaborazione alle storie di Mister No e di Tex di cui scrive un paio di storie, La strage di Red Hill ( apparsa nel 1996 ) e parte del soggetto e della sceneggiatura di Golden Pass, terminata da Mauro Boselli ( del 1999 ).

Negli ultimi anni ha abbandonato del tutto la sua attività di autore per concentrarsi a tempo pieno su quella di editore.

Nel 2005 Sergio Bonelli riceve una laurea honoris causa in Scienza delle Comunicazioni dall'Universit? La Sapienza di Roma, e contemporaneamente riveste i panni dello sceneggiatore per concludere la saga del suo Mister No.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

'Quando in Messico incontrai Mister No'.
Le avventure a fumetti di Sergio Bonelli.



Articolo di Caterina Pasolini su Repubblica è 03 ottobre 2001



Fin da piccolo aveva le idee chiarissime: avrebbe fatto l' esploratore, viaggiato in Africa o nelle Americhe, risalendo i fiumi in canoa, attraversando foreste affollate da animali feroci per incontrare tribù selvagge o sulle tracce dei Navajos. Niente spadaccini, generali o faraoni nel suo immaginario infantile, ma un mister Livingstone riveduto e corretto dalla sua sensibilit? di bambino timoroso e sognatore. Sergio Bonelli, editore storico di fumetti d' autore come Dylan Dog e Martin Myst?re, ?fratello? di quel Tex creato da suo padre Gianluigi, e ?babbo? di Zagor e Mister No, tra una pubblicazione e l' altra, ha realizzato i suoi desideri, passando dagli Stati Uniti all' isola di Pasqua, diventando un habitu? del Sahara e della Panamericana. Dalla prima trasferta sulle orme di Hemingway verso Pamplona, alla guida della 1100 di sua madre, non ha più smesso di viaggiare. Tra realtà e immaginazione, regalando ai suoi personaggi di carta pezzi della sua infanzia e alle sue spedizioni scenari da fumetto. In un intreccio di emozioni e rimandi che costellano anche il suo studioforesta affollato di statue di alligatori, caimani, condor, cammelli, ranger di un metro, ascari e zul', tra libri di storia, di battaglie coloniali, volumi d' arte e romanzi. ?In effetti, Mister No assomiglia a un pilota che ho conosciuto in Messico, mi aveva portato a vedere un tempio Maya raggiungendo la vetta della montagna sul suo trabiccolo volante. Aveva una di quelle facce che non si dimenticano, ironica e gaglioffa, sempre con il cinturone legato alla vita e le pistole a portata di mano. Se non raccattava turisti, per guadagnarsi la giornata non si faceva problemi: i suoi passeggeri sarebbero stati maiali o sacchi di grano?. Ma il Messico era già conosciuto, troppo poco misterioso per ambientarci un fumetto di avventura che facesse sognare i ragazzi, e anche lui. Cosè Bonelli, quando nel ' 75 crea l' ex pilota militare Jerry Drake, soprannominato Mister No per la sua insofferenza all' autorit?, lo colloca nell' Amazzonia degli anni '50. ?Quando ci sono andato io, era l' ultima frontiera vera e possibile, Manaus un luogo isolato, dove arrivavi quasi per miracolo e restavi bloccato settimane se cominciava a piovere, e dal cielo, dicevano gli indios, cadevano cordas de agua?. Racconta con nostalgia i lunghi viaggi sul fiume su vecchie imbarcazioni, dove con gli amici dormiva appollaiato sulle amache cercando di difendersi dagli attacchi di insetti voraci. Per poi scendere su canoe e piroghe e, lentamente, entrare nella foresta millenaria attraverso i corsi d' acqua più piccoli. è l', tra liane e sequoie, che ha incontrato tribù ancora selvagge, come gli Yanomami: ?Un popolo dall' aspetto fiero anche se, lo ammetto, io ero terrorizzato da quegli indios che si aggiravano armati di machete, coltelli, frecce in quantit??. è l' che trova la signora Elena: ?Era stata rapita da una tribù di indios a 13 anni, mentre era in viaggio sul fiume con tutta la sua famiglia. Era vissuta a lungo con loro, sposando diversi capi tribù prima di essere riportata dai missionari a Manaus, tra i bianchi. Ma lei tornava indietro, non sapendo più a quale mondo appartenere?. In tutti i viaggi, accanto a Bonelli c' è sempre la stessa formazione da trent' anni: amici diventati stimati professori universitari ?con i quali perdo il senso del tempo, mi assale la pigrizia, mi lascio andare all' imprevisto gustandomi il senso della precarietà e dell' avventura?. ?Come quella volta in Ciad, quando stavamo per raggiungere la capitale N' djamena e ci siamo ritrovati in mezzo alla guerra civile~Per evitare i colpi di fucile fummo costretti a una deviazione di 15 giorni. Senza sapere se ci sarebbe bastata la benzina?. Sempre sulla stessa, a ogni viaggio più scassata jeep, inaugurata nel '72 da New Orleans al Però: diecimila chilometri con quella macchina come casa, ristorante, albergo e biblioteca. Attraversando confini, con doganieri corrotti in cerca di mazzette, percorrendo strade bloccate da mucche sonnolente, su rotte dove il turismo non era ancora arrivato, come quei templi del Guatemala immersi nelle erbacce. Mangiando attorno al fuoco lussuose scatolette ?che ovviamente non aprivo io, come non accendevo i fal': con le mani sono assolutamente inutile, io contribuisco alla causa comune animando la conversazione?, si schermisce Bonelli. Tentando di non passare per un Indiana Jones meneghino, malgrado le sue trasferte in terre lontane nulla abbiano da invidiare agli scenari di Zagor o Mister No e l' amicizia con i suoi compagni di viaggio sembri a volte più salda di quella tra Tex e il ?vecchio cammello? Kit Carson. ?Io in realtà sono pigrissimo, a muovermi è la voglia di andare a vedere e controllare i posti e le storie di cui ho letto. Scoprire dove è stato sconfitto Nuvola rossa o verificare com' è andata davvero una battaglia. Per questo sono arrivato fino nello Zululand, in cerca della pianura dove i capi tribù piegarono i colonialisti inglesi?. Ma una volta nei luoghi dei suoi sogni, la tensione sale e spesso arriva la paura. ?Io non sono coraggioso, se finisco in un vecchio forte abbandonato, come una volta in Niger, passo notti insonni perchè mi immagino tutto: attacchi, sparatorie, aggressioni. Mi faccio delle vere e proprie sceneggiature, con la sensazione che tutto stia accadendo davvero. Ho troppa fantasia?. Fantasia che Bonelli mette a piene mani nelle avventure di Zagor, lo Spirito con la scure che, nella Frontiera americana di primo Ottocento, protegge gli indiani e d' la caccia ai criminali, in storie impossibili tra mostri marini e gigantesche piante carnivore dove si fondono fantascienza e horror. Eppure, i boschi di Darkwood dove Zagor vive sono assolutamente reali, nonostante il nome immaginario. ?Mi ricordano la foresta della Fontana Buona, la valle in Liguria dove sfollammo nel '41: un microcosmo poverissimo e selvaggio, dove tra boschi e prati il torrente sotto casa per me era più grande del Mississipiù. E sulle rive dei fiumi americani, nella Valle della Morte o lungo il Grand Canyon, tra le riserve indiane e i panorami che fanno da sfondo alle imprese di Tex, Bonelli è andato più di una volta. ?Mio padre aveva raccontato nei dettagli posti che non aveva mai visto. L' ho portato io negli States, con mio fratello, in un viaggio organizzato sugli itinerari di Aquila della Notte. Fingeva di non emozionarsi, lui che era un vero duro. Ma la sua vera gioia era di essere l' noi tre, da soli?. Come Tex, Kit e Tiger Jack.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io, mio padre e Tex: un' avventura senza frontiere!


di Michele Serra

Repubblica è 26 settembre 2004



?Secondo me uno, da solo, non può ammazzare venti persone. Non è possibile. Sarà anche l' eroe perfetto, avrà anche ragione e i suoi nemici torto. Ma uno contro venti, insomma, non è verosimile~?. Sergio Bonelli è seduto nel cuore del suo piccolo impero del fumetto, un grande appartamento milanese vicino alla Fiera, zeppo di libri, albi illustrati, giornali, quadri, carte, juke-box. Dice che è stufo di raccontare sempre la stessa storia, che è quella di Tex, ma è soprattutto la storia di un padre e di un figlio. Però la racconta (e la racconta benissimo, acuto, spiritoso e malinconico), anche perchè di storie così non ce ne sono molte, nella vita come nella fiction. Nella mente e nelle pagine scritte da suo padre, Gianluigi Bonelli (1908-2001), Tex di persone poteva ammazzarne quante ne voleva - altro che venti. Il suo valore, il suo spirito di giustizia, la sua prestanza fisica bastavano da soli a giustificare ogni impresa. Era il giustiziere intemerato, il pistolero invincibile, il suo mondo di riferimento era romantico e primitivo, era quello (idealizzato) di Tom Mix, degli eroi giusti e virili di Jack London, dell' epopea della Frontiera. Il mondo di John Wayne e dei primi western, quelli che andavano diritti alla vittoria dei giusti e alla disfatta dei cattivi. ?Mio padre - racconta Sergio - era una persona con una marcia in più. Molto bello, atletico, sanguigno, già prima della guerra nuotava il crawl come Johnny Weissmuller, traduceva Jack London, adorava Dumas, era in continuo movimento, fisico ed esistenziale. Per lui l' avventura, nei libri, al cinema, nei fumetti, era l' espressione della forza e della bellezza. Avrebbe potuto fare l' attore, piaceva alle donne, ma era un milanese pulito e ingenuo, non riusc? mai a legare con il mondo romano. Aveva dentro, fortissimo, invincibile, il suo universo narrativo e morale. Quando lo portai in Arizona, lui già vecchio, a vedere i luoghi nei quali aveva ambientato tante avventure di Tex, diede un' occhiata distratta e mi disse di sapere già a memoria com' erano fatti quei posti. Mi fece rabbia. Ma era fatto così?. Crescere confrontandosi con un padre così, per giunta separato e risposato, non deve essere stato semplice. Ma una madre coraggiosa e pratica ("bravissima a fare i conti") che, infischiandosene del rancore, diventa editore dell' ex marito, e il clima febbrile e ottimista del dopoguerra, non lasciano al giovane Sergio lo spazio per le diffidenze o i rimpianti. ?La mia è stata probabilmente il primo esempio riuscito di famiglia allargata. Io lavoravo con mia madre in casa editrice, mio padre era spessissimo con noi, sono cresciuto frequentando la sua seconda moglie e loro figlio. Il confronto era continuo, il rapporto molto stretto, ma a me faceva soggezione quell' uomo così determinato e fertile, che sfornava le storie di Tex (e quelle di tanti altri personaggi) senza correggere una riga, e costringeva Galep a disegnare come un treno, anche di notte, per stargli dietro. Andavo in Lambretta a Chiavari a ritirare i disegni di Galep, e mai e poi mai avrei pensato, un giorno, di prendere il posto di mio padre e scrivere io le avventure di Tex~ ?La prima volta che ci provai era il '58, Tex era già un successo notevole, scrissi "Il ragazzo del West" ma mi mancava il finale. Lo portai da Bonelli, quasi piangevo per l' emozione e la fifa, sono un insicuro, vivo di dubbi~ Chiesi a mia padre di finirlo lui, non mi sentivo alla sua altezza. Lo fece. Diceva che io sarei stato perfetto per sceneggiare Paperino, che non capivo l' avventura, la determinazione assoluta dell' eroe, che esitavo, mi perdevo per strada~. Avevo una tale soggezione di lui, e del suo talento, che la prima storia di Tex scritta interamente da me, e firmata con uno pseudonimo, usc? quasi vent' anni dopo, nel '76. Mio padre mi cambiava i dialoghi, non approvava il carattere più riflessivo, quasi crepuscolare del mio Tex. Nelle mie storie c' era quasi sempre un partner comico. Lui lo eliminava, quasi ci soffriva, spiegava che il comico, con l' avventura, non c' entra nulla. ?Nel frattempo avevo acquistato fiducia in me stesso soprattutto grazie a Zagor, personaggio che avevo inventato e che vendeva moltissimo. Non come Tex, perchè Tex è ineguagliabile, ma comunque abbastanza da farmi sentire un autore anche io. Il passaggio di consegne è avvenuto lentamente, negli anni, parallelamente al declino fisico di mio padre?. Il Tex del figlio e il Tex del padre riflettevano, e molto, non solo il transito di generazione, ma anche il passaggio d' epoca. Il western aveva perso la sua sicurezza (e forse sicumera) morale, la psicologia dei caratteri si faceva più complicata, ragioni e torti meno lampanti. Bonelli padre era un salgariano, aitante e manesco (artisticamente parlando), Bonelli figlio è un italiano moderno, colto e spiritoso, gentile e preoccupato per la crisi del settore. ?Non per me, sa, io dalla vita ho avuto cose che neanche mi sognavo, ancora oggi non mi pare vero di avere soldi e facolt? di spenderli come mi pare. è per la gente che lavora qui, quaranta dipendenti, più di duecento tra disegnatori e sceneggiatori, che mi preoccupo. Sa, il problema è che il fumetto sembra una robetta popolare, ma invece è una cosa complicata, importante, non facile da leggere se non lo si fa con applicazione e passione. I ragazzini di oggi hanno la playstation, tanti altri svaghi diretti, facili, digeribili. Una pagina di fumetto ha una struttura piuttosto raffinata, bisogna avere voglia di capirla, mettere in relazione parole e disegni, trama e azione?. E Tex? ?E Tex sta benone, nonostante i numeri non siano più quelli, strabilianti, di qualche anno fa. Da anni le storie le scrive Nizzi, molto bravo, molto serio, uno che ha studiato a fondo fisico e spirito del Tex di Bonelli (Sergio chiama il padre Bonelli, ndr). Mi d' ancora grandi soddisfazioni, Tex, ma dico a tutti, in casa editrice, di dimenticarlo, perchè non può essere di esempio un fumetto così perfetto e così fortunato. Le rese sono ancora minime, e per me è importante, sa. Io quando vedo le cataste dei resi, montagne di carta, penso allo spreco, a tutti quegli alberi fatti fuori. Sono fatto così, certe cose mi immalinconiscono~?. Chissà Bonelli padre, le cataste dei resi, come le avrebbe affrontate. Forse fatte fuori a cazzotti, abbattute a pistolettate, fatte sparire dalla faccia della terra, come faceva (e fa) Tex con i cattivi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Gilbertfan

Mitico, grande, immenso, imbattibile, insuperabile, incredibile Sergione!!! :inch::inch::inch::inch:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ennesima figura di m... di certo giornalismo italiano, che tira in ballo Sergio Bonelli nello scandalo di "affittopoli", senza accorgersi che è un semplice caso di omonimia. Ne parlano Faraci,Cajelli e Recchioni nei loro blog, e c'è anche una nota sul sito della Sbe.http://titofaraci. nova100. ilsole24ore.com/... io-bonelli. htmlhttp://diegozilla. blogspot.com/2011/02/nel... el-cognome. htmlhttp://prontoallaresa. blogspot.com/2011/02... la-cronaca. html

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, io non ci avevo creduto nemmeno per un secondo! Sono d'accordo con quello che ha scritto Tito Faraci nel suo blog, basta spendere cinque minuti per controllare, anche se probabilmente la figura del nostro Sergio Bonelli è stata coinvolta deliberatamente...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io c'ero rimasto male... poi pensandoci su due secondi in più, mi sono detto: "impossibile"!!Certo che anche i giornalisti fare certe figure.... fossi in Sergio non so cosa farei!! :):trapper:

Share this post


Link to post
Share on other sites

(Alcuni)giornalisti,(alcuni)medici,(alcuni)magistrati,(molti)politici;possibile che questa gente non paghi mai per i loro errori?O a volte pagano?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal sito della SBE:


In riferimento alla notizia apparsa nei giorni scorsi sulle pagine dei giornali e nel corso dei notiziari televisivi riguardo all'inclusione dell'editore Sergio Bonelli nella lista degli affittuari degli immobili di proprietà del Pio Albergo Trivulzio, la Casa Editrice ci tiene a sottolineare l'estraneit? ai fatti da parte di Sergio Bonelli e l'inesattezza della notizia stessa, generata da un evidente e ormai accertato caso di omonimia, in quanto Sergio Bonelli, editore di fumetti, non ha mai abitato n° in Via Alfieri 17 a Milano n° in nessun altro appartamento di proprietà del Pio Albergo Trivulzio.


:trapper:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal sito della SBE:


In riferimento alla notizia apparsa nei giorni scorsi sulle pagine dei giornali e nel corso dei notiziari televisivi riguardo all'inclusione dell'editore Sergio Bonelli nella lista degli affittuari degli immobili di proprietà del Pio Albergo Trivulzio, la Casa Editrice ci tiene a sottolineare l'estraneit? ai fatti da parte di Sergio Bonelli e l'inesattezza della notizia stessa, generata da un evidente e ormai accertato caso di omonimia, in quanto Sergio Bonelli, editore di fumetti, non ha mai abitato n° in Via Alfieri 17 a Milano n° in nessun altro appartamento di proprietà del Pio Albergo Trivulzio.


:trapper:

Meglio così. ::evvai::

Mi era spiaciuto apprendere tale notizia, poi rivelatasi ( per fortuna ) una "bufala". _thia- :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche a me è spiaciuto apprendere tale notizia, non perchè dubitassi dell'onest? dell'integerrimo Sergio, quanto per la brutta figura che alcuni giornalisti ben degni di tale nome gli hanno fatto fare... :angry:

Edited by virgin

Share this post


Link to post
Share on other sites

io non ho mai dubitato dell'estraneita' di sergio bonelli per questi fatti ! appena sentii la notizia al tg mi dissi : " possibile è " e difatti era una panzana di certi giornalisti scribacchini (comunque non tutti i giornalisti sono in cattiva fede , lo voglio sottolineare ) che pensano subito di fare lo scoop della loro vita : illusi !

Share this post


Link to post
Share on other sites

in Italia capita che il giornalismo dei fatti informi invece sui non fatti (fatti male, malissimo, vedendo come siamo ridotti con certi pseudo-professionisti) e che i fatti che non erano veri ma che vengono fatti passare per tali non siano poi smentiti con la stessa efficacia con cui vengono sbandierati ai quattro venti. Io non ho mai conosciuto Sergio Bonelli... mi sembr? un sogno vederlo su you tube in qualche intervista alle fiere dei fumetti o in qualche rarissimo intervento televisivo. Devo scrivergli assolutamente con la speranza che mi risponda perchè sono un suo ammiratore convinto. La sua carriera, e il fatto che si preoccupi della sorte di centinaia di dipendenti (disegnatori, sceneggiatori, letteristi, magazzinieri, segretari eccetera) che lavorano per lui, ci dice tutto sul conto di un galantuomo! Un signore!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Amici,Vi scrivo per informarvi che il Blog Portoghese di Tex dedicher? dal 26 settembre al 2 ottobre una settimana di omaggio a Sergio Bonelli, per omaggiarlo in occasione del primo anniversario della sua scomparsa. Questo evento sarà portato a conoscenza e vista del figlio Davide Bonelli e conter? con la partecipazione di diversi autori della casa editrice Bonelli che faranno un omaggio inedito ed esclusivo. Anche i nostri lettori possono partecipare a questo evento con testi, disegni, poesie, foto, ecc.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La iniziativa del blog portoghese di Tex (Settimana di omaggio a Sergio Bonelli) vedrà la partecipazione di più di 25 autori bonelliani.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molto curioso di vedere cosa farete, Zeca... non vedo l'ora!! ::evvai::

Share this post


Link to post
Share on other sites

Amici, vi scrivo per informarvi che la nostra (del blog portoghese di Tex) iniziativa di omaggio a Sergio Bonelli sta avendo un grande successo in questi ultimi giorni (solo autori della Casa Bonelli già sono 36, oltre altri autori portoghesi e brasiliani e alcuni dei nostri lettori).

Pertanto la settimana in onore di Sergio Bonelli va proseguire per alcuni giorni in più, per non offuscare nessuno tributo (pubblicher? solo quattro tributi a Sergio Bonelli per ogni giorno dopo 26 Settembre, con intervalli di 6 ore tra ogni e l'ordine di pubblicazione verr? stabilito per sorteggio).

Share this post


Link to post
Share on other sites

in queste ultime settimane sto rileggendo le storie nolittiane di Zagor. Oggi sono arrivata alla celeberrima storia sul vampiro. L'ho letta per l'ennesima volta e l'ho trovata sempre avvincente, oltre che superbo connubio di comicit? e avventura. I disegni di Ferri strepitosi. La carriera di Sergio Bonelli come sceneggiatore va rivalutata e analizzata molto attentamente... merita una rilettura attenta. L'innovazione portata da Sergio va oltre apparentemente le sole storie di Tex di cui si è spesso discusso sulla personalissima interpretazione di un personaggio così canonico come il nostro amato ranger. Lo stesso Zagor fu, all'inizio, così diverso dai "soliti" western di quegli anni creati da suo padre Gianluigi, con quella contaminazione avventurosa di vari generi, con quel ripescaggio nello scatolone della fantasia fatta di cinema, libri e gli stessi fumetti. Se pensiamo alla famigerata storia del passato di Zagor, Nolitta a un certo punto della storia ci fa vedere un personaggio debole, affranto, travolto dall'odio e dal rimorso, un eroe che sbaglia, un eroe, Zagor, non invincibile e senza macchia ma anzi... e per non parlare poi della successiva innovazione del fumetto avventuroso classico popolare avvenuta con la creazione del personaggio di Mister No.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Amici, vi scrivo per informarvi che la nostra (del blog portoghese di Tex) iniziativa di omaggio a Sergio Bonelli sta avendo un grande successo in questi ultimi giorni (solo autori della Casa Bonelli già sono 36, oltre altri autori portoghesi e brasiliani e alcuni dei nostri lettori).

Una bella e grande iniziativa che vi fa onore. :old: ::evvai::

Grande Zeca ( su questo non c'erano dubbi )!! :trapper: clap

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prendendo spunto dall'altra discussione (Caccia all'uomo) e da un messaggio di Diablero, analizzando le ultime storie scritte da Sergio Bonelli per Tex, vorrei riassumere il quadro in questo che è il topic dedicato all'autore.

 

Sergio Bonelli abbandona Tex nei primi anni ottanta subito dopo aver trovato un autore, Claudio Nizzi, che sostituisce lui  e il padre nello scrivere le nuove avventure di Aquila della Notte.

 

Nei primi anni novanta Nizzi dà palese segno di stanchezza che sfocerà nel 1992 in un completo rifiuto di sceneggiare anche una sola pagina (la celebre crisi creativa).

 

Il primo a venire incontro allo sceneggiatore modenese è proprio Sergio Bonelli, già nel 1991.

 

C'è l'opportunità di scrivere una storia per Alberto Giolitti, dopo il Texone e un paio di brevi storie sceneggiate proprio da Nizzi. Nasce così la storia dei Wolfers. Ambientata in Canada con le giubbe rosse, è un desiderio neanche tanto inconfessato del Sergione di scrivere per il grande Giolitti.

 

La seconda opportunità è offerta da Letteri, un autore poco gradito a Nizzi. Negli ultimi anni è stato tenuto occupato, non a caso, con due brevi vecchie sceneggiature di Bonelli padre e con una lunga storia di Berardi che è ritenuta poco canonica per la serie regolare. Sergio coglie la palla al balzo e sceneggia la storia sugli uomini giaguaro, finora la più lunga del Ranger.

 

La terza storia Sergio la scrive per il vecchio Galleppini, non appena quest'ultimo ha finito di disegnare la storia del n. 400.

 

Nel frattempo ha reclutato, in prova, diversi altri sceneggiatori: Canzio, Medda e Boselli, per non lasciare senza lavoro certi disegnatori che intanto avevavo finito le loro storie.

 

Questo è il quadro che si prospetta nell'estate 1992.

 

Quante possibilità ci sono allora che Sergio ritorni a Tex sceneggiando regolarmente le sue storie ?

 

Canzio e Medda non convincono, il primo è un "jolly", il secondo non è in sintonia con i dettami della serie. Per Boselli, come sappiamo, è proprio la buona parola di Nizzi a promuoverlo.

 

A far pendere l'ago della bilancia tuttavia è il ritorno dello stesso Nizzi che si riprende abbastanza bene, sebbene per esempio due delle nuove storie, di Civitelli e Villa, abbiano dei soggetti scritti da altri autori (lo scrittore Stefano Di Marino e lo stesso CVilla).

 

Un altro fatto capitale è dovuto alla morte di Giolitti nella primavera del 1993 e dallo stato di salute di Galep che pochi mesi dopo smette di disegnare Tex.  Letteri passerà quindi a Boselli.

 

Boselli che raccoglie i primi consensi già con le prime storie, altro fatto decisivo.

 

Praticamente Sergio Bonelli ha trovato l'autore, giovane, da affiancare a Nizzi per alleggerirgli il lavoro.

 

A questo punto non ha più bisogno di scrivere lui stesso per Tex, si ripete insomma la situazione che si era venuta a creare nei primi anni ottanta quando si era trattato di trovare un sostituto al padre GLB.

 

Cosa sarebbe successo se invece Nizzi non avesse avuto quella pronta ripresa ? E se Boselli avesse toppato l'esordio ? E se Giolitti e Galep non fossero morti proprio nel momento in cui riprendeva a scrivere per loro delle storie di  Tex, cosa che deve sen'zaltro avergli tolto molto del poco entusiasmo che aveva ?

 

Negli anni successivi si materializzano diverse possibilità di ritornare a Tex. Ci sono diversi spunti ceduti a Boselli, per esempio. C'è Gino D'Antonio. Sergio voleva un Texone disegnato da lui, alla fine riesce a spuntarla solo per una sceneggiatura disegnata perà da un altro disegnatore (Filippucci). Se si fosse verificata la possibilità di un Gino d'Antonio impegnato invece sui disegni, Sergio gli avrebbe scritto la storia sui Seminoles (D'Antonio la scrive dopotutto a partire da un'idea del Sergione): probabilmente SI.

 

Negli anni duemila in cento interviste diverse l'editore è sempre stato categorico sulla possibilità di un suo ritorno a Tex. Sminuiva le sue storie, era anche consapevole di non essere riuscito a darne un'interpretazione troppo convincente, ma la verità nuda e cruda è che ne aveva sceneggiato le storie quando proprio non aveva potuto proprio farne a meno.

 

Peccato, un Texone firmato dalla sua penna manca a questa prestigiosa collana.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">12 ore fa</span>, ymalpas dice:

Peccato, un Texone firmato dalla sua penna manca a questa prestigiosa collana.

Io la vedrei così. La storia di Caccia all'uomo (si ritorna sempre là) potrebbe essere considerato un Texone ante litteram. Uno sceneggiatore diverso per un Tex fuori dai canoni usuali, un disegnatore nuovo con un tratto grafico diverso e innovativo. In definitiva quella che era la filosofia degli albi fuori serie. Così potrei anche accettarlo, nella serie regolare no.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.