Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
natural killer

[678/679] Jethro!

La storia, i disegni e i personaggi  

45 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

<span style="color:red;">2 minuti fa</span>, Texan dice:

 

i neri non si limitano a subire, ma passano all'azione diretta, come in un film di Spike Lee. Mi sarebbe piaciuto vedere Tex aiutare Jethro in difficoltà e non aizzarlo alla rivolta;

E allora? Quale sarebbe il problema? Non sarebbe certo la prima volta che l'esempio di Tex spinge gli oppressi alla ribellione. Spiegami che non capisco il tuo disappunto.

Capisco invece che Spike Lee con questa storia c'entra poco e niente, specie se lo si usa come riferimento specifico (stesso discorso per il Django di Tarantino).

Share this post


Link to post
Share on other sites
39 minuti fa, Texan dice:

 

A dimostrazione che non ho un atteggiamento negativo a prescindere. Ma io sono della vecchia scuola e personaggi che sembrano buoni, ma sono cattivi e poi si dimostrano anche un po' buoni e vengono puniti, ma non troppo... ecco, tutte queste trame sofisticate, che fino alla fine non capisci mai dove vuol andare a finire e quando è finita ti chiedi: embè? ne valeva la pena?? Ecco, non è il mio Tex... Lo dico con tutta l'onestà possibile, Tex non è più il fumetto semplice e d'avventura che era una volta. Salt River me la sono fatta piacere, ho pure esasperato l'enfasi perché volevo coinvolgermi, ma quel personaggio femminile non è nelle mie corde, assolutamente... nessun personaggio femminile di Boselli è nelle mie corde... mi dispiace, sono un "retrogrado oscurantista"...

 

Permettimi di dirti che a me sembra, leggendo i tuoi post, che questo Tex che non ti piace più è una proiezione che ti sei costruito. Ho l'impressione che hai fissato alcuni presupposti - Tex è cambiato, Tex è diventato di sinistra, il West di Tex non è più quello di Ford ma quello di Tarantino, ecc. -, tu parti con quest'idea che questo non sia più il tuo Tex e non ti schiodi da questa impressione, che però precede la lettura: è una convinzione che ti sei fatto, una categoria di pensiero a cui vuoi a tutti i costi adattare la realtà del fumetto che leggiamo tutti i mesi.

 

Ci sono senza dubbio degli aspetti veritieri in quello che scrivi: ad esempio è legittimo che non ti sia piaciuto, e che anzi ti abbia infastidito, un personaggio come Glenn Corbett. Ma altre cose ce le vedi solo tu: pensiamo ad esempio alla questione della politica, che infili nel 50% dei tuoi interventi. E sulla base di che cosa ci sarebbe una svolta a sinistra in Tex? Quali argomenti porti a sostegno della tua tesi, fatta solo di vaghe affermazioni generali? Un articoletto di di Cofferati che si permette di scrivere due righe, nemmeno tanto interessanti, su Tex! E di conseguenza - al lupo! al lupo! - Tex è svoltato a sinistra! Ma dai! E cosa faresti se ti dicessi che persino Guccini leggeva le strisce di GLB??? :P Nell'ultima storia Tex si schiera dalla parte della minoranza nera e combatte il KKK, e tu ci vedi della politica? Ma la difesa dei diritti di tutti è un principio universale, non appartiene certo alla sinistra, in questa storia io ci vedo solo il buon vecchio Tex che non esita a sfoderare le Colt di fronte all'ingiustizia!

 

Dici che Tex "non è un personaggio in conflitto, ma uno che risolve i conflitti", "un eroe solare, un personaggio positivo, schiettamente votato al Bene." Niente di più vero! Anzi è una definizione bellissima, come bellissimo il tuo messaggio di poco fa sul Tex "giustiziere"! Ci hai preso in pieno! Ma ora ti chiedo, dove e quando Tex non è più così??? Dove trovi in "Jethro!" una contraddizione con questo? È un'immagine che ti sei creata, ma è lontana dalla realtà dei fatti.

Dalla tua recensione di Salt River non sembra proprio che tu la storia "te la sia fatta piacere", ma che ti sia piaciuta davvero! La stessa cosa per "L'onore di un guerriero" di Ruju. Qualche giorno fa ti consigliavo di andare a leggere "La lunga pista" (n. 473/474), che secondo me è decisamente nelle tue corde. Rinnovo il consiglio :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 minuti fa</span>, paco ordonez dice:

E allora? Quale sarebbe il problema? Non sarebbe certo la prima volta che l'esempio di Tex spinge gli oppressi alla ribellione. Spiegami che non capisco il tuo disappunto.

Capisco invece che Spike Lee con questa storia c'entra poco e niente, specie se lo si usa come riferimento specifico (stesso discorso per il Django di Tarantino).

 

Il problema è che in Tex non c'è più l'avventura, il sogno... solo sparatorie o, come in questo caso, rivendicazioni sociali. Io vorrei leggere un fumetto d'avventura western, un sano, piacevole, e per nulla sofisticato fumetto di Tex!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">3 minuti fa</span>, Texan dice:

 

Il problema è che in Tex non c'è più l'avventura, il sogno... solo sparatorie o, come in questo caso, rivendicazioni sociali. Io vorrei leggere un fumetto d'avventura western, un sano, piacevole, e per nulla sofisticato fumetto di Tex!!

Impressione tutta tua.

Per me "Jethro" è un normale fumetto d'avventura che, come tanti film/romanzi/fumetti d'avventura, tratta il razzismo poiché tema necessario alla storia: cosa che su Tex si è già vista, anche per opera di GL Bonelli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, Texan dice:

Riguardo a Jethro:

 

i neri non si limitano a subire, ma passano all'azione diretta, come in un film di Spike Lee. Mi sarebbe piaciuto vedere Tex aiutare Jethro in difficoltà e non aizzarlo alla rivolta; ma tant'è, qui si vuole giustizia, si vogliono i diritti, e si fa parlare un texano del 1870 come se fosse Bob Kennedy...

Finale malinconico? Dove sta? Per la fogliolina al vento?? Mi spiace, ma non mi è piaciuta per niente...

 

Il finale è malinconico per le foglioline ma non solo per le foglioline. Quelle ci sono anche nel Texone di Breccia e quello non è certo un albo malinconico. Ma quando si hanno dei preconcetti e tu ne hai parecchi, segui il mio consiglio e risparmiati i 3,50 euro mensili così come hai fatto negli ultimi anni e rileggiti le vecchie storie. Senza offesa, ma stai scrivendo un sacco di sciocchezze che dovresti leggerti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">4 minuti fa</span>, pecos dice:

Ma la difesa dei diritti di tutti è un principio universale, non appartiene certo alla sinistra, in questa storia io ci vedo solo il buon vecchio Tex che non esita a sfoderare le Colt di fronte all'ingiustizia!

 

D'accordissimo con te, ma una cosa è la "difesa" dei diritti, altra la "rivendicazione" di diritti... Qui Tex e Jethro non sono meramente sulla difensiva, si desiderava lo scontro frontale sin dall'inizio. Io non credo proprio che Bonelli padre avrebbe scritto una storia così. Basti dire che nel 1969 uscì uno spaghetti-western "Il prezzo del potere", con Giuliano Gemma e diretto da Tonino Valerii. Era un film chiaramente a sfondo politico con l'uccisione di Kennedy e il tema razziale in bella evidenza con uno sfortunato personaggio nero che veniva immolato. Quelli erano gli anni "caldi" dell'antirazzismo e dov'era Tex? Dov'era Tex nel '69?? Che cosa scriveva GL Bonelli mentre si parlava di diritti ai neri? Stava con El Morisco e a vendicare Lilyth!! Tra due bandiere verrà l'anno successivo, ma non ci sono neri... perché? Neri che invece tornano quali membri della setta voodoo nel 1971... e questo perché Tex era un fumetto d'avventura che si lasciava condizionare pochissimo dal sociale, al contrario di quanto avviene oggi.

<span style="color:red;">4 minuti fa</span>, ymalpas dice:

 

Il finale è malinconico per le foglioline ma non solo per le foglioline. Quelle ci sono anche nel Texone di Breccia e quello non è certo un albo malinconico. Ma quando si hanno dei preconcetti e tu ne hai parecchi, segui il mio consiglio e risparmiati i 3,50 euro mensili così come hai fatto negli ultimi anni e rileggiti le vecchie storie. Senza offesa, ma stai scrivendo un sacco di sciocchezze che dovresti leggerti.

 

Io scriverò sciocchezze ma tu a Boselli gli mandi poesie...

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 minuti fa</span>, Texan dice:

 

D'accordissimo con te, ma una cosa è la "difesa" dei diritti, altra la "rivendicazione" di diritti... 

Spiega spiega, che anche questa non l'ho capita :D

 

ps. visto che straparli di GL Bonelli, hai mai letto "Linciaggio"?

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 ore fa, Texan dice:

 

Quelli erano gli anni "caldi" dell'antirazzismo e dov'era Tex? Dov'era Tex nel '69?? Che cosa scriveva GL Bonelli mentre si parlava di diritti ai neri?

 

Nel maggio '68 Tex si limitava semplicemente a uscire con questa cosetta qui:

tex0091.jpg

Hai presente l'inizio con i soldati che attaccano all'alba il campo indiano prottetto dalla bandiera americana (roba che anticipa celebri western antirazzisti come Piccolo Grande Uomo e Soldato blu)?

Ecco, adesso fai un giochino mentale: sostituisci gli Utes con gli ex-schiavi. Tex è DA SEMPRE schierato in difesa della minoranze oppresse. 

Edited by Magic Wind
  • +1 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sulla questione indiana GL BONELLI ha anticipato Hollywood. Ma inutile insistere, Texan non ascolta.

 

E non risponde mai quando gli consigliate di leggere altre storie. E' prevenuto e dice lui stesso di vivere nel passato. Anche a me piace il passato, vedo di continuo Sentieri Selvaggi e Don Camillo, ascolto Trenet e Bix Beiderbecke. Ma non mi deprimo a morte né mi ammalo per questo. Apprezzo anche le cose vive, ogni tanto...;)

 

 

 

Giovane lettore:

 

 
Edited by borden

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che tristezza, comunque, vedere il topic di una storia tanto bella sprecato per commentare idiozie varie (texiane e non) che con la storia c'entrano poco.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Magic Wind dice:

 

Nel maggio '68 Tex si limitava semplicemente a uscire con questa cosetta qui:

tex0091.jpg

Hai presente l'inizio con i soldati che attaccano all'alba il campo indiano prottetto dalla bandiera americana (roba che anticipa celebri western antirazzisti come Piccolo Grande Uomo e Soldato blu)?

Ecco, adesso fai un giochino mentale: sostituisci gli Utes con gli ex-schiavi. Tex è DA SEMPRE schierato in difesa della minoranze oppresse. 

 

Che c'entrano gli indiani con i neri? Io ti dico mele e tu mi rispondi pere. A Mark Twain stavano simpatici i neri, ma odiava gli indiani, lo sai? Come tutte le "giacche blu", che in nome del progresso andarono a sterminarli, mica i sudisti reazionari... no, i sudisti reazionari schiavisti davano alle stampe L'ultimo dei Mohicani... Ah ma è comodo vedere il bene tutto da una parte e il male tutto da un'altra. Questa si chiama IDEOLOGIA....

<span style="color:red;">56 minuti fa</span>, borden dice:

Sulla questione indiana GL BONELLI ha anticipato Hollywood. Ma inutile insistere, Texan non ascolta.

 

 

E Fenimore Cooper ha anticipato Bonelli... Ciò non toglie che lo stesso Bonelli dei suoi "amati" pellerossa poteva ben dire: "Non sono mica d'accordo con la tendenza attuale che vuol far diventare buoni tutti i lupi"! Capito, Nuova Hollywood?

<span style="color:red;">1 ora fa</span>, borden dice:

Apprezzo anche le cose vive, ogni tanto...;)

 

 

Sono felice per te.

<span style="color:red;">28 minuti fa</span>, paco ordonez dice:

Che tristezza, comunque, vedere il topic di una storia tanto bella

 

Sì, certo... 'nu babà...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarà il mio ultimo messaggio per Texan.:old:

 

Mi hai profondamente deluso. Invece di avere pazienza e leggere altre storie del nuovo periodo, come avevi promesso di fare nei tuoi momenti di lucidità e raziocinio ;)sei ricaduto nel tuo cieco pregiudizio e, con peggiore di tutte, e NON DA TEX, sei andato di là su TWO a cercare comprensione da alcuni haters, che non sono, non POSSONO essere d'accordo su ogni cosa che dici (perchè contraddirebbe i loro pensieri) tuttavia fingono di darti ragione per puro antagonismo nei miei confronti.

 

Per es, affermare che io stia cercando di stravolgere Tex è pura follia, perché dovrei farlo?  Non sono egocentrico né come te né come loro.

 

Adiòs, amigo!:sud:

PS La cosa più ridicola è che attacchi già il nuovo Texone solo per il TITOLO. Ma che ne sai? Leggilo, piuttosto! Non ci troveresti certo Tarantino!

Edited by borden

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">43 minuti fa</span>, Texan dice:

 

Che c'entrano gli indiani con i neri? Io ti dico mele e tu mi rispondi pere.

Cerco di spiegartelo nella maniera più semplice possibile. Seguimi.

Quello che ti si sta dicendo è che Tex è DA SEMPRE dalla parte delle minoranze oppresse: che siano neri o indiani è lo stesso. 

Questo lo puoi evincere leggendo anche le storie di quel GL Bonelli di cui ti ergi a esegeta ma di cui non ricordi molte cose.

Sono stato abbastanza semplice?

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">14 minuti fa</span>, borden dice:

Sarà il mio ultimo messaggio per Texan.:old:

 

Mi hai profondamente deluso. Invece di avere pazienza e leggere altre storie del nuovo periodo, come avevi promesso di fare nei tuoi momenti di lucidità e raziocinio ;)sei ricaduto nel tuo cieco pregiudizio e, con peggiore di tutte, e NON DA TEX, sei andato di là su TWO a cercare comprensione da alcuni haters, che non sono, non POSSONO essere d'accordo su ogni cosa che dici (perchè contraddirebbe i loro pensieri) tuttavia fingono di darti ragione per puro antagonismo nei miei confronti.

 

Per es, affermare che io stia cercando di stravolgere Tex è pura follia, perché dovrei farlo?  Non sono egocentrico né come te né come loro.

 

Adiòs, amigo!:sud:

PS La cosa più ridicola è che attacchi già il nuovo Texone solo per il TITOLO. Ma che ne sai? Leggilo, piuttosto! Non ci troveresti certo Tarantino!

 

Veramente in quattro mesi ho racimolato più di un centinaio di albi. Dovresti ringraziarmi, visto che i miei pochi soldini ultimamente sono andati tutti alla SBE. Poi, io non sono andato di là, come non me ne sono andato di qua. Credo di essere uno dei pochi che passa da un forum all'altro senza pregiudizi. Purtroppo per me, dovunque vada resto solo o quali con le mie opinioni. Non ho attaccato il nuovo Texone, ma ho solo ripetuto ciò che avevo detto sin dall'inizio, ovvero che sottolineare il Tex FUORILEGGE era sbagliato, sarebbe come voler cancellare Willer in luogo di Killer... Tex ha avuto una veloce evoluzione ed il personaggio maturo che ben conosciamo è quello de Il figlio di Tex.

 

PS: Ci sono già tantissimi qua, e anche di là, che apprezzano il tuo lavoro. Se qualcuno muove delle critiche puoi pure ascoltarlo, anche se si tratta di "chiacchiere da bar"...

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 minuto fa</span>, Texan dice:

Non ho attaccato il nuovo Texone, ma ho solo ripetuto ciò che avevo detto sin dall'inizio, ovvero che sottolineare il Tex FUORILEGGE era sbagliato, sarebbe come voler cancellare Willer in luogo di Killer... Tex ha avuto una veloce evoluzione ed il personaggio maturo che ben conosciamo è quello de Il figlio di Tex.

 

PS: Ci sono già tantissimi qua, e anche di là, che apprezzano il tuo lavoro. Se qualcuno muove delle critiche puoi pure ascoltarlo, anche se si tratta di "chiacchiere da bar"...

Il problema - poi magari Boselli ti risponderà in modo diverso, non so - è che tante cose che dici non hanno senso. Tipo questa cosa sul titolo del Texone: l'hai capito che la storia si svolge quando Tex era un fuorilegge?

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">23 minuti fa</span>, paco ordonez dice:

Il problema - poi magari Boselli ti risponderà in modo diverso, non so - è che tante cose che dici non hanno senso. Tipo questa cosa sul titolo del Texone: l'hai capito che la storia si svolge quando Tex era un fuorilegge?

 

Le cose che dico hanno senso, peccato che non vengano raccolte.. tipo l'obiezione sulle mele e le pere. Ma ovviamente riscrivere Bonelli in chiave progressista fa comodo a tutti, oggi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">13 minuti fa</span>, Texan dice:

 

Le cose che dico hanno senso, peccato che non vengano raccolte.. tipo l'obiezione sulle mele e le pere.

Ma ovviamente riscrivere Bonelli in chiave progressista fa comodo a tutti, oggi.

1) Sulle "mere e pere" ti ho risposto, credo in maniera semplice. Te lo riporto: "

Cerco di spiegartelo nella maniera più semplice possibile. Seguimi.

Quello che ti si sta dicendo è che Tex è DA SEMPRE dalla parte delle minoranze oppresse: che siano neri o indiani è lo stesso. 

Questo lo puoi evincere leggendo anche le storie di quel GL Bonelli di cui ti ergi a esegeta ma di cui non ricordi molte cose.

Sono stato abbastanza semplice?".

 

2) "Riscrivere Bonelli in chiave progressista": ecco un'altra assurdità tutta costruita da te. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, borden dice:

sei andato di là su TWO a cercare comprensione da alcuni haters

 

Non ci sono haters su TWO, ci sono persone che dissentono su alcune storie e muovono critiche molto ma molto meno radicali delle mie. Gli haters, purtroppo per lui, sono toccati a Nizzi, che è stato letteralmente massacrato e persino sbeffeggiato senza che avesse nemmeno la possibilità di difendersi. Ma quali haters hai tu? Se ancor oggi vieni ricordato per Il passato di Carson, la Grande Invasione, Gli Invincibili... se la storia di Yama è piaciuta a tutti... perché fare la vittima? Certo, su TWO non avresti mai il consenso che ottieni qui, ma ti assicuro che non te la cavi male neanche di là.

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 ore fa</span>, Texan dice:

 

Che c'entrano gli indiani con i neri? Io ti dico mele e tu mi rispondi pere. A Mark Twain stavano simpatici i neri, ma odiava gli indiani, lo sai?

 

Mark Twain può darsi, GL Bonelli no di certo. Per lui non ci sono mai state mele e pere. Uno dei suoi grandi meriti, anzi, è stato proprio quello di insegnare tramite un fumetto western che bianchi, rossi, gialli o neri gli uomini sono tutti uguali; ma che per difendere i deboli e raddrizzare i torti Tex non guardi al colore della pelle (anzi GL aveva pure capito benissimo, e come detto in largo anticipo su Hollywood, che nel Far West i deboli erano soprattutto gli indiani) è una cosa che qualsiasi lettore di Tex dà per assodata e anche tu se sei un lettore di vecchia data lo dovresti sapere benissimo (leggendo i tuoi interventi infatti il dubbio è che tu abbia letto Tex molto a spot e ci abbia recepito solo quello che ti ha fatto comodo e che collima con le tue idee)

Andiamo a ripetizione, su…

tex%2Btra%2Bdue%2Bbandiere.jpg

  • +1 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Texan dice:

Non ci sono haters su TWO

 

10cp2de.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 ore fa</span>, Texan dice:

Purtroppo per me, dovunque vada resto solo o quali con le mie opinioni.

 

 

Ma questo non ti fa venire qualche dubbio? Se tutti - TUTTI - i lettori di Tex sui forum ti danno contro, magari c'è qualcosa da rivedere nella tua impostazione...

Mi piace anche leggere i tuoi interventi, che sono sempre scritti benissimo, a volte dici cose giustissime, ma molto spesso li trovo davvero privi di fondamento... :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">15 minuti fa</span>, Magic Wind dice:

 

Mark Twain può darsi, GL Bonelli no di certo. Per lui non ci sono mai state mele e pere. Uno dei suoi grandi meriti, anzi, è stato proprio quello di insegnare tramite un fumetto western che bianchi, rossi, gialli o neri gli uomini sono tutti uguali; ma che per difendere i deboli e raddrizzare i torti Tex non guardi al colore della pelle (anzi GL aveva pure capito benissimo, e come detto in largo anticipo su Hollywood, che nel Far West i deboli erano soprattutto gli indiani) è una cosa che qualsiasi lettore di Tex dà per assodata e anche tu se sei un lettore di vecchia data lo dovresti sapere benissimo (leggendo i tuoi interventi infatti il dubbio è che tu abbia letto Tex molto a spot e ci abbia recepito solo quello che ti ha fatto comodo e che collima con le tue idee)

Andiamo a ripetizione, su…

 

 

 

Riporto qui ciò che ho appena scritto su TWO, così una ripassatina te la dai pure tu.

 

PS: Vuoi insegnare "Tra due bandiere a me? A me?? Che comprai il Tre Stelle nel luglio del 1973? Eri nato, tu, nel 1973???

 

 

 

 

....adesso è diverso perché Tex è diverso. E' diverso il personaggio, sono mutale le storie e anche la percezione stessa che si ha di Tex. Frutto questo di una stampa spesso tendenziosa.

Ti faccio un esempio. Ho sottomano il volume decimo della collana "Le Grandi Storie di Tex: Guerra". A pag. 5 inizia il "pippone" di Luca Raffaelli intitolato: "La straordinaria idea di Tex: stare dalla parte degli indiani". E giù tutto uno sproloquio su Tex amico dei pellerossa etc. etc. Poi si dà la parola ad Antonio Faeti, fumettologo già comunista (come tutti o quasi), che fa nientemeno un paragone tra Tex e Garibaldi, dicendo che Tex in quanto italiano non poteva che stare con gli indiani perché gli italiani stanno da sempre coi più deboli. Capita l'antifona? Ovviamente non possiamo sapere da Bonelli padre se concordasse e qual misura col pippone di Raffaelli e Faeti, ma per grazia di Dio alla fine ci è dato sapere cosa ne pensasse, lui, l'Autore di Tex, di questi benedetti indiani. E che dice Bonelli? Ascoltate:

"Io sono cresciuto vedendo i film di William Hart. Uno stangone brutto, ma con grinta fenomenale. Poi è venuto Tom Mix, un mito. poi, Ken Maynard. Insomma, mi sono trovato la strada segnata: l'idea dell'avventura, che avevo appunto dalla nascita, si è per così dire "incarnata" nel western". E nel western primitivo, scrive a questo punto Bonelli, l'indiano era il cattivo necessario come il lupo delle fiabe, concludendo che "non sono mica tanto d'accordo con la tendenza attuale che vuol fare diventare buoni tutti i lupi. Comunque, lasciamo perdere". E questo "lasciamo perdere" sta ad intendere come il buon Gianluigi ne avesse piene le scatole di una prosopopea filoindiana e revisionista che non aveva certo toccato i livelli attuali!

Tex è nato sulla scia di Tom Mix e Ken Maynard... ma quali indiani!! Lilyth, Freccia Rossa, i Navajos sono stati tutti escamotages per piazzare Tex al centro del West, tra bianchi e indiani.... senza che ciò mettesse minimamente in discussione, come si farà più tardi in maniera sempre più spinta, l'identità di Tex quale cowboy, westerner, ranger... D'altronde uno spiraglio indicativo sull'immagine di Tex negli anni settanta è data dal gioco Clementoni a lui dedicato la cui pubblicità recitava così:

"Tex Willer, il famoso eroe dei fumetti e i suoi Rangers, saranno i tuoi compagni d'avventura in un'emozionante serie di inseguimenti e di scontri per la conquista dell'accampamento indiano".

... la conquista dell'accampamento indiano! Oggi quale redazionale di Tex parlerebbe così?? E si era nella metà degli anni settanta, non negli anni quaranta... Quando tutti noi bambini giocavamo con le pistole e non con il tomahawk, e chi dice che si stava, noi, dalla parte dei pellerossa, è un ipocrita e un bugiardo! Eravamo, come Tex, dei fieri cowboys!!!

 

 

Tex%20ALMANACCO-227.jpg

<span style="color:red;">5 minuti fa</span>, pecos dice:

 

 

Ma questo non ti fa venire qualche dubbio? Se tutti - TUTTI - i lettori di Tex sui forum ti danno contro, magari c'è qualcosa da rivedere nella tua impostazione...

Mi piace anche leggere i tuoi interventi, che sono sempre scritti benissimo, a volte dici cose giustissime, ma molto spesso li trovo davvero privi di fondamento... :rolleyes:

 

Voi giovani siete cresciuti con un "altro" Tex e con i pipponi di Luca Raffaelli & Co... :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 minuti fa, Texan dice:

Voi giovani siete cresciuti con un "altro" Tex e con i pipponi di Luca Raffaelli & Co... :lol:

 

Ma che c'entra??? Ma chi lo ha mai letto Luca Raffaelli! Ma guarda che l'avere qualche anno in più non rende più autorevoli le tue opinioni! :capoguerra:

E sì, forse Magic Wind te lo può insegnare a buon diritto "Tra due bandiere", visto che continui a fare orecchie da mercante anche di fronte alla tavola che ti ha postato... 

 

Ah, e quindi adesso la svolta revisionistica di Tex sarebbe tutta da parte degli indiani. Quindi storie recentissime come "Luna insanguinata", "Carovana di audaci", "Furia Comanche" non sono mai state scritte...

 

ps: questo topic sta diventando ridicolo. Forse è il caso di fare un po' di pulizia.

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">10 minuti fa</span>, Texan dice:

 

 


.... senza che ciò mettesse minimamente in discussione, come si farà più tardi in maniera sempre più spinta, l'identità di Tex quale cowboy, westerner, ranger... D'altronde uno spiraglio indicativo sull'immagine di Tex negli anni settanta è data dal gioco Clementoni a lui dedicato la cui pubblicità recitava così:

"Tex Willer, il famoso eroe dei fumetti e i suoi Rangers, saranno i tuoi compagni d'avventura in un'emozionante serie di inseguimenti e di scontri per la conquista dell'accampamento indiano".

... la conquista dell'accampamento indiano! Oggi quale redazionale di Tex parlerebbe così?? E si era nella metà degli anni settanta, non negli anni quaranta... Quando tutti noi bambini giocavamo con le pistole e non con il tomahawk, e chi dice che si stava, noi, dalla parte dei pellerossa, è un ipocrita e un bugiardo! Eravamo, come Tex, dei fieri cowboys!!!

 

 

Forse ti sfugge che Tex è il capo di una tribù indiana, il suo grande amore era un'indiana, suo figlio è un mezzosangue e tecnicamente un cowboy lo è stato solo in gioventu.

E non sono stati dei cattivi sceneggiatori con la mania dell'innovazione a renderlo così, ma proprio il suo creatore, quel GLB di cui continui a riempirti, a sproposito, la bocca.

 

Che poi mi sembra di capire che a questo punto l'ormai famoso "Vero Tex" non è manco più quello di GLB ma quello del gioco Clementoni.:huh:

Le meraviglie di questo mondo non finiscono mai.:rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.