Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Claudio Nizzi necessita di una rivalutazione?


Recommended Posts

On 4/1/2021 at 22:02, Condor senza meta dice:

Di rado acquisto il color storie brevi; questa volta, attratto dalla splendida copertina di Carnevale, ho deciso di fare un salto in edicola ma, col senno di poi, ammetto che il volume meritava di essere lasciato sullo scaffale. La prossima volta per ammirare le splendide cover di Carnevale, faccio prima a farmi prestare la serie di John Doe da un mio amico. :P 

 

On 4/1/2021 at 22:10, valerio dice:

Ragazzi, i color valgono per la copertina, ma comprare un albo per la copertine per me è troppo e passo la mano, a meno che non sia un color con una unica storia lunga, allora li ci posso anche pensare. Altrimenti no. prendere storie brevi, mediocri o pessime, anche no non essendo io un completista.

 

 

Quel che si suol dire non essere Texiani convinti. Non si può giudicare il libro da una copertina ed il rischio di rimanere delusi è alto. Mi dispiace molto, ed anche se a voi può non interessare, questo atteggiamento sembrerebbe virare contro le testate extra, che non saranno come quelle mensili, anche se a volte sono ancora migliori, però diamine non scherziamo. Tex è Tex e non ci si può basare su un disegno.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 313
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Guardate, con chi nega la pessima qualità delle storie di Nizzi post-400 non mi interessa discutere. Ho già dato. Per anni. Ogni singola volta, dimostrando, pagine e riferimenti alla mano, che avevo t

Non sei il primo che difende Nizzi con queste tesi contraddittorie, che mi sembrano una cosa tipo "non sono stato io a rubare la marmellata, e comunque era mia, ho fatto bene a mangiarla!"  

Proprio dopo aver risposto a Diablorojo, mi sono riletto, per l'ennesima volta, il Texone di Magnus, stavolta nel volume di grandi dimensioni appena pubblicato. La scelta della copertina è ancora inco

<span style="color:red;">20 minuti fa</span>, Doudou dice:

Quel che si suol dire non essere Texiani convinti. Non si può giudicare il libro da una copertina ed il rischio di rimanere delusi è alto. Mi dispiace molto, ed anche se a voi può non interessare, questo atteggiamento sembrerebbe virare contro le testate extra, che non saranno come quelle mensili, anche se a volte sono ancora migliori, però diamine non scherziamo. Tex è Tex e non ci si può basare su un disegno.

Leggo Tex da più di trent'anni, fai tu! Rimodulo il mio pensiero, magari spogliandolo dell'ironia non colta, mi spiego meglio: non reputando nelle mie corde le storie brevi, ho deciso da tempo di non acquistare l'albo apposito. Stavolta ho fatto uno strappo alla regola (anche per via della presenza di Carnevale, non vedo cosa ci sia di così tanto strano, io i fumetti li acquisto pure per la qualità dei disegni) e obiettivamente il livello delle storie mi ha ribadito che forse la scelta originaria era la più adatta. 

Link to post
Share on other sites

E' una domanda assolutamente soggettiva. Per me Boselli, perchè le sue trame sono molto belle ed originali, e i suoi personaggi sono ben caratterizzati. Ovviamente come tutti non è esente da difetti, per esempio una buona parte dei suoi personaggi, a fine storia diventano buoni, i suoi dialoghi a volte sono troppo serie a differenza dei dialoghi di Glb. Secondo Nizzi, le sue storie migliori, sono le mie preferite "Fuga da Anderville" e "Furia Rossa" su tutti, i suoi dialoghi richiamano molto quelli di Glb. Se dopo "Mefisto" non avesse più scritto nulla, molto probabilmente l'avrei messo primo, ma con i se e con i ma non si va da nessuna parte. Poi mi ritrovo ad un bivio, chi m'ha dato più emozioni il Sergione Nazionale, o Glb? Per me il primo, "El Muerto" e "I Ribelli del Canada" per citarne due che mi sono piaciute molto, anche se Tex non è Tex. Di Glb mi piacciono i dialoghi, che hanno superato la prova del tempo, belli, freschi Tex spavaldo guascone, spettacolo! Però la sua scrittura è fredda le sue storie sono semplici e non mi emozionano, ed i nemici di Tex sono scarsi. Però a favore di Glb, c'è la storia, lui è il creatore di tutto, se non ci fosse stato lui oggi non saremmo qui a discutere, quindi al terzo posto va lui Giovanni Luigi Bonelli. Menzione d'onore a Pasquale Ruju, anche se non ha ancora scritto il suo capolavoro, molte sue storie sono di altissimo livello, mi vengono in mente "Mezzosangue" e "Un Ranger per Nemico"! 

Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">2 ore fa</span>, Condor senza meta dice:

Leggo Tex da più di trent'anni, fai tu! Rimodulo il mio pensiero, magari spogliandolo dell'ironia non colta, mi spiego meglio: non reputando nelle mie corde le storie brevi, ho deciso da tempo di non acquistare l'albo apposito. Stavolta ho fatto uno strappo alla regola (anche per via della presenza di Carnevale, non vedo cosa ci sia di così tanto strano, io i fumetti li acquisto pure per la qualità dei disegni) e obiettivamente il livello delle storie mi ha ribadito che forse la scelta originaria era la più adatta. 

Beh sì, capisco il tuo ragionamento, e che tu sia rimasto deluso avendo provato a fare una cosa fuori dall'ordinario. Ma la prossima volta potrebbe anche andare meglio non credi? Se tu decidessi di prenderne un altro, di extra, non sarebbe la fine del mondo, e poi avresti una base dicendo che l'ultimo che hai letto, ovvero il color in questione, era peggio di quello che leggerai in futuro. Spero di essermi spiegato bene. Per la copertina, beh, de gustibus. Certo è che una copertina fatta bene e da un autore che piace vale doppio e si rischia di acquistarla, ma dentro la sorpresa che puoi trovare può essere negativa o positiva. Ripeto, per me basarsi solo sulla copertina per acquistare un fumetto che leggi da 30 anni, pur se solo i mensili dopo aver scelto di togliere gli extra, mi pare un pò troppo esagerato. Però, come già detto, de gustibus.

Link to post
Share on other sites

@Doudou la copertina era solo un pretesto per autoconvincermi ad acquistare questa tipologia di albo che onestamente non mi fa impazzire e che prendo raramente, purtroppo il caso ha voluto che incappassi in un volume "non memorabile", ma ci può stare, mica è un dramma; il tono del mio messaggio era alquanto ironico. D'altronde, son sicuro, che in futuro farò altri strappi alla regola col format per svariati altri "pretesti" :D. Ovvio che dopo tre decenni, per ragioni di spazio e altre, non mi è possibile acquistare ogni uscita e faccio selezione, ma non credo basti questa scelta per essere etichettato un texiano non convinto o contrario agli extra (a tal proposito il tuo presupposto che io li abbia mollati tutti, è errato e un tantino pretenzioso non conoscendomi, ma poco importa in fondo :)). Chiudiamo l'OT. Hasta la vista amigo. :) 

Link to post
Share on other sites

La fretta è cattiva consigliera e mi scuso. Hai affermato di avere smesso di comprare le storie brevi e mi sono fatto prendere dall'istinto, esagerando con le parole. Chiuso OT.

  • Thanks (+1) 1
Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

io credo che Nizzi non debba essere in alcun modo rivalutato

Forse mi ripeto nel dire che le sue storie mi piacciono tutte

Da suo fan come scrittore di Tex,no posso non notare che parecchie sue storie post 500 non gli riuscirono come mi aspettavo e come lui stesso si aspettava

Monctezuma,ad esempio,a parer mio non male,anzi.lì Tex è un giustiziere solitario ma nessun lettore la ama perchè manca il vecchio cammello.Come trama poteva essere sviluppata meglio ma da quello che ho capito ormai Fusco non poteva più accolarsi storie non più lunghe di 110 pagine

Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 minuto fa</span>, andreadelussu74@gmail.com dice:

giustiziere solitario ma nessun lettore la ama perchè manca il vecchio cammel

no , per altri motivi

Link to post
Share on other sites
Just now, Grande Tex dice:

no , per altri motivi

Punti di vista ripeto

A me Monctezuma non dispiace oerchè Nizzi ha voluto riportare un po Tex alle origini quando era un solitario

Storia non riuscitissima forse ma da quì a definirla scarsa

  • Sad (0) 1
Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">4 ore fa</span>, andreadelussu74@gmail.com dice:

Punti di vista ripeto

A me Monctezuma non dispiace oerchè Nizzi ha voluto riportare un po Tex alle origini quando era un solitario

Storia non riuscitissima forse ma da quì a definirla scarsa

Punti di vista, neanch'io concordo. Se l'intento di Nizzi era di riportare il Tex solitario del '48 "Annamo bene proprio bene!

"Moctezuma" è proprio una storia a me indigesta una gran ciofeca. Un po' di persone qui sanno, che quando leggo sul tamburino "Gianluigi Bonelli" vedo rosso, ma i ritmi di Glb (parlo delle prime storie) secondo me hanno retto abbastanza bene il tempo ed in certi casi le storie vecchie di Glb sono più scorrevoli rispetto a quelle di Boselli. Prendo proprio la storia in cui il curatore ha ripreso la prima storica storia di Tex. "Vivo o Morto" il titolo della storia che apre la nuova collana. Quando decolla la storia? Semplice... quando Tex dice: "E' mai possibile che mi siano ancora alle costole?" vi ricorda qualcosa questa battuta? Le prime storie erano rapidi fresche veloci, quella di Nizzi è un bel cazzotto sullo stomaco.

 

Link to post
Share on other sites

Comunque ieri mi sono riletto alcun classici della fascia dal 300 al 400

Ci sono storie che vanno dall'ottimo al capolavoro come narrativa  e come narrazione

Nizzi inzia a scrivere soggetti originali pur rispettando lo stile di Boneli padre

La caverna dei Thugs con un Galleppini ancora al top della forma anche se si nota un leggero calo

La caverna dei Thugs esplora il mondo dei strangolatori quì traseriti a New Orleans Nizzi,scrive una storia ben delineata e ricca di colpi di scena

Il numero 301 è un giallo ben ideato con venature alla Hicock dove ci sono molti colpi di scena fino al colpevole finale inaspettato

La storia Messaggero di Morte disegnata da Fusco è meravigliosadove Nizzi fa tornare L'uomo della Morte per fermare Il Colonnello Midelton ufficiale ottuso pieno di rancore verso i pellerossa

La storia Bersaglio Tex Willer,la reputo molto buona

Un falconiere Cinese addestra due Falchi Acquila(non so se esista o meno tale incrocio)vengono ammaestrati per fare assalire e uccidere passanti a Whashington

L'idea è molto buona e sviluppata,la trama che sembra semplice e scontata si evolve molto bene

La miniera del terrore,è un altra storia ideata da Nizzi e disegnata da Letteri in forma grandiosa

Quì Nizzi scrive una storia con dei antagonisti che paiono usciti dalla penna di Boselli

Boulder e Fortrest(Il Falso Remick)sono così ben delineati,che solo sul primo si poteva sospettare fosse i Cattivo

Forrest si finge remick e fino alla fine i due rangers non sospettano di lui

Il colpo di scena avviene quando i 2 Rangers,si calano nei meandri della Miniera e li scoprono il vero Remick buttato li sotto da Forrest e Bulder assieme a due macapitati

Fa orrore pensare che remick per sopravvivere si sia nutrito dei corpi dei due amici morti e questo fa horrore

Storia ricca di colpi di scena

Passiamo alla storia La Congiura

Ho un unico aggettivo per descriverla

Una storia ottima+ che ottima

Un capolavoro,che nei suoi tre numeri e mezzo non lascia nulla al caso

i battibecchi fra Tex e barbanera sono unici

Tex propone a Carson di partecipare alla caccia alla Balena e il vecchio cammello non ha tanta voglia

Barbanera stuzzica l'anzioano Ranger dicendo che la caccia alla Balena è per veri uomini

Tex stuzzica Carson dicendogli se si lascia dare della vecchia cartuccia dal lestofante Barbanera

La scena che segue è meraviglio con Barbanera che stuzzica i 2 Rangers i continuazione definendoli figli di uno Squalo e altri insulti per spronarli a vogare di più

Comunque le storie che ho appena citato non sono scritte con finali veloci ne affrettati bensì erano frutto di uno scrittore con tante ottime idee

 

Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">14 ore fa</span>, MacParland dice:

Punti di vista, neanch'io concordo. Se l'intento di Nizzi era di riportare il Tex solitario del '48 "Annamo bene proprio bene!

"Moctezuma" è proprio una storia a me indigesta una gran ciofeca. Un po' di persone qui sanno, che quando leggo sul tamburino "Gianluigi Bonelli" vedo rosso, ma i ritmi di Glb (parlo delle prime storie) secondo me hanno retto abbastanza bene il tempo ed in certi casi le storie vecchie di Glb sono più scorrevoli rispetto a quelle di Boselli. Prendo proprio la storia in cui il curatore ha ripreso la prima storica storia di Tex. "Vivo o Morto" il titolo della storia che apre la nuova collana. Quando decolla la storia? Semplice... quando Tex dice: "E' mai possibile che mi siano ancora alle costole?" vi ricorda qualcosa questa battuta? Le prime storie erano rapidi fresche veloci, quella di Nizzi è un bel cazzotto sullo stomaco.

 

Per me Monctezuma è una storia accettabile pur con un paio di errori gravi. Ma nel complesso raggiunge la sufficienza ed è stata troppo bastonata.

Mezcali, invece, è proprio una storia inutile. Una autoscopiazzatura di una storia già non esaltante.

Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">11 ore fa</span>, valerio dice:

Mezcali, invece, è proprio una storia inutile. Una autoscopiazzatura di una storia già non esaltante.

 

Nizzi sta tappando buchi in maniera vergognosa, IMHO. Spero che venga definitivamente relegato nelle serie COLOR e MAXI. Anche se dovrò sopportare almeno due (o tre) storie ancora sulla regolare. 

Link to post
Share on other sites

A me Mezcali è molto piaciuta, anche rispetto ad alcune ultime di Ruju.

Link to post
Share on other sites
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.