Jump to content
TWF MAGAZINE N°18 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
Sign in to follow this  
MarrFarr

Lotta tra titani: Fusco o Ticci?

Recommended Posts

Riordinando un po' la mia collezione di Tex (da qualche tempo a questa parte il marito di mia madre, dopo anni e anni passati ad arrabbiarsi per ogni nuovo fumetto che mi vedeva comprare, si e' messo a leggere le vecchie storie del Ranger e adesso si arrabbia se non gli passo i numeri nuovi appena li leggo :lol: ) ho avuto modo di sfogliare alcune storie che non prendevo in mano da tempo e si e' rinnovata (come se ce ne fosse bisogno...) la mia immensa ammirazione per i due disegnatori "classici" che amo di piu': Fernando Fusco e Giovanni Ticci. 

 

Quale dei due preferite? Io non ce la faccio proprio a scegliere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo, due grandi. Scelgo il primo Ticci senza esitazione. Quello attuale mi piace meno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono due colonne, impossibile scegliere. Il cuore mi dice Fusco e la testa mi dice Ticci. E viceversa.

Sono certo che non sceglierò Font o De La Fuente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ticci. Anche se Fusco è stato anch'egli un grande disegnatore di Tex

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ticci !

che è stato  dopo Galep , l'autore che maggiormente ha caratterizzato il ns. ranger  ed al quale si sono ispirati gran parte dei disegnatori odierni, ( Villa, Civitelli, Venturi, Monti,... e  lo stesso Fusco. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ticci.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fusco è bravo ma Ticci è un gigante, personalmente reputo il suo Tex il migliore in assoluto. Ticci è quello che ha saputo caratterizzare meglio Tex, secondo me ovviamente, quindi scelgo lui naturalmente non solo in confronto a Fusco ma a tutti i disegnatori che hanno disegnato Tex, Galep compreso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando finii di leggere per la prima volta l'albo "Vendetta indiana"

rimasi piacevolmente scioccato. Il mio unico pensiero fu:

"speriamo che nello scatolone ce ne siano ancora di disegnati così".

Poi il fatto che l'albo era autoconclusivo lo rendeva ancora più

bello, visto che la collezione di mio padre presentava diversi "buchi".

Il primo albo con Fusco ai pennelli invece fu il Tre Stelle "Caccia all'uomo"

(comprato in villeggiatura in Trentino ma questo è irrilevante)

Eh… lì cominciò un periodo difficile, perché intuivo che non fosse un episodio

isolato e che dovevo mettermi di impegno per farmi piacere quel Tex.

Ammetto che ancor oggi mi piace di più nella prima versione, rispetto al massiccio

sosia di John Wayne, ma con le orecchie enormi...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ticci.

Quando ho iniziato a leggere Tex i disegnatori erano cinque.

La mia graduatoria di preferenza era Galep, Letteri, Ticci, Nicolò e Muzzi.

Poi arrivò Fusco e, come dice Dix Leroy, mi chiedevo cosa avesse a che fare con Tex...

Però la potenza grafica del suo tratto, accompagnata alla sua evoluzione stilistica e alle bellissime storie che venne chiamato a realizzare, lo resero ai miei occhi uno dei principali caratterizzatori di Tex andando a inserirsi, nella mia graduatoria, tra Ticci e Nicolò.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non amavo molto il primo Fusco, ma più è andato avanti, più mi piaceva, nonostante ai suoi disegni fossero affidate alcune delle storie di Nolitta che meno mi piacciono. Dal quarto centinaio fino alla pensione, per me è stato più che ottimo, con quel Tex così convincente e fisicato che sotto certi aspetti è anticipatore dell'interpretazione di Villa. Come diceva in maniera molto convincente il nostro Paco Ordonez, se non sbaglio, basta guardare il Tex di Fusco per trovare istantaneamente credibile il fatto che con un solo pugno faccia volare a cinque metri di distanza qualsiasi avversario.

 

Perciò, se proprio devo dire a chi va la mia preferenza, direi Fusco, fermo restando che anche Ticci è un gigante che non avverte i segni dell'età.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fusco e Ticci hanno illustrato alcune delle storie più importanti e mitiche della serie. I ribelli del canada oppure il clan dei cubani, come Vendetta indiana o sulle piste del Nord. Tanto per fare un paio di esempi. Fusco ha disegnato diverse storie atipiche di Nolitta, ma questo è avvenuto anche a Galep, che ha dovuto illustrare la chichen race e un Tex che prendeva a cazzotti in faccia Carson. Fortunatamente censurato, per consenso generale. Credo che Fusco avrebbe fatto bene a conservare le sue impostazioni iniziali, invece di imitare Ticci,  ma suppongo sia stato costretto dal  fatto che gli ritoccassero le facce, all'inizio. Però la serie non sarebbe la stessa senza le illustrazioni del marchio di satana o dell'uomo con la frusta, IMHO.

Non si può scegliere tra coloro che hanno fatto LA STORIA. Semplicemente ognuno ha dato un contributo al lavoro di tutti.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che la prima storia disegnata da Fusco sia quella in "La carica dei Navajos", però ricordo di essere rimasto perlomeno perplesso con "Caccia all'uomo", una storia particolare di Nolitta non in linea con i canoni dell'epoca, accompagnata da disegni molto diversi dalla tradizione.

Poi lentamente mi sono abituato al nuovo stile di Fusco, che in breve tempo è diventato una delle colonne portanti per i disegni del nostro Ranger. Un GRANDE,

Però il Ticci di "Sulle piste del nord" secondo me è insuperabile

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">23 ore fa</span>, Tim Birra dice:

Credo che la prima storia disegnata da Fusco sia quella in "La carica dei Navajos",

 

Esatto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Tex di Fusco, molto robusto, possente, diverso dal personaggio più magro disegnato da Galep, ha concorso ad influenzare la caratterizzazione del personaggio fatta da disegnatori della generazione successiva, a partire da Villa. Il Tex attuale è stato certamente definito da Ticci che, come Fusco, ha modificato la caratterizzazione di Tex nel corso degli anni e rispetto ai suoi esordi, rendendolo più massiccio e robusto. Ticci è quindi, a mio parere, il disegnatore più importante della serie dopo Galep, colui che ha definito l'immagine del Tex moderno ed il più imitato. Ma credo occorra riconoscere l'influenza che Fusco ha avuto sull'attuale caratterizzazione del personaggio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ticci senza ombra di dubbio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Due grandi illustratori, ma per me non c'è gara, il migliore su Tex è senza ombra di dubbio il grandissimo Ticci.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adoro entrambi. Il cuore dice Ticci ma li adoro entrambi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non posso che votare Ticci, grandissimo Maestro il cui tratto è sempre stato eccezionale in ogni sua evoluzione!

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.